Vai ai COMMENTI...

Ultimi commenti

Grazie a te, grazie a Sandro Veronesi e grazie...
.:Roberto Alajmo | @:.
.:21/11/2018 | 11:39:01:.

Contenta che Milano ti abbia accolto con...
.:Manuela | @:.
.:18/11/2018 | 23:16:42:.

Grazie, Fernando. Ne approfitto per segnalare...
.:Roberto Alajmo | @:.
.:28/10/2018 | 18:35:46:.

Ciao Roberto,
primo di tutto dirti che...

.:Fernando | @:.
.:27/10/2018 | 14:29:59:.

..ci conto. Manuela...
.:Manuela | @:.
.:14/09/2018 | 23:08:28:.

Vai ai COMMENTI...



Menu riservato:

il forum di Roberto Alajmo, scrittore




il forum

INSERISCI COMMENTO
INDICE ARCHIVIO MESSAGGI

un collegamento al volo, per un saluto ed un buon anno a tutti. Che anche se non cambia nulla è bello, almeno per un attimo, fare finta di credere che non sia così.

Un bacio a tutti.

teresa de masi | 31/12/2009 ore 20:10:28

 

Antonia, grazie per questa ventata germanica...
anche perché da ieri qui è piena estate (appunto).

Ale Cu | 31/12/2009 ore 14:14:20

 

Ormai ho formulato per Palermo una sorta di teoria dei vasi comunicanti, ancora devo capire se estenderla al resto d'Italia, e anche un capovolgimento della fisica: non più che ado ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria, ma ad ogni azione corrisponde esattamente la stessa azione. Esempio: il sindaco fa schifo? i palermitani lo avevano costatato già nei primi anni mi pare, azione uguale uguale: lo hanno rivotato, addirittura col 75% dei consensi. I rifiuti? Consentitemi la crudezza: tanti rifiuti per strada altrettanti rifiuti nelle teste. Ma una per volta, attenzione, mai tutti insieme, che il palermitano accanto non vuole mai nessuno, hai visto mai si dovesse "spartiri" con quello accanto una cosa qualunque, fosse anche l'indignazione, per carità, il mio è mio ed è sicuramente meglio del tuo, possibilmente anzi, sarebbe meglio che fosse tutto mio, una riserva aurea di mio, una derrata alimentare da tenere da parte per i tempi di guerra e per mantenersi le sicule commodità. Come quelle casone di 800 mq a figlio, che non si sa mai ad averne bisogno.... Eppure quest'ultima voce, l'indignazionem, funziona per reazione chimica moltiplicante solo se si somma alle altre indicazioni. E quindi cosa rimane? Uguale uguale rimane quello che c'era un attimo fa. Una commodità a vuoto. Vuoto Spinto. Auguri Tanti per un 2010 che si prospetta uguale uguale con buona pace della nostra singola indignazione.

mila | 31/12/2009 ore 14:13:58 | @

 

per ale e anche per tutti.
Il problema dell'inquinamento e dell'avvelenamento della terra non è sentito da molti perchè è un qualche cosa che non minaccia (ancora) direttamente tenendoci il fiato sul collo. Sarebbe meglio chiedersi come mai ci siano tutte queste tempeste, incendi, inondazioni: ma troppi nel mondo hanno ancora il problema di mettere qualcosa nello stomaco o di arrivare a fine mese. Eppure è importantissimo che, accanto alle grandi decisioni, ognuno faccia qualcosa nel suo piccolo: riciclare, innanzitutto. E poi anche andare di più a piedi (non in motorino, inquina più dell'auto), sprecare meno acqua, usare meno saponi e detersivi, non usare bicchieri e piatti di carta, portarsi dietro il sacco per la spesa, usare più il treno dell'aereo.
Qui, per esempio, usano moltissimo riempire i flaconi di detersivi ma anche di latte usando i distributori: non esistono piatti e bicchieri di plastica, solo (e pochi) di cartone riciclabile. La Pubblica Amministrazione, le banche utilizzano carta riciclata. Nessuno compra acqua minerale, tranne quella gassata, ma poi si riporta al negozio la bottiglia. Anche le bottiglie vuote delle bibite vengono sterilizzate e riusate.
Domani dicono tornerà la neve.
Tanti auguri a tutti ed un grande abbraccio

antonia | 31/12/2009 ore 13:48:01

 

se avete un amico non italiano che conosce l'inglese e volete fargli un bel regalo, consigli per gli acquisti:

Palermo, by Roberto Alajmo, Armchair Traveller (Haus Publishing).

Vai su amazon.

[LINK]

Alessandra Spalletta | 31/12/2009 ore 13:42:00

 

Non è poi così molto noto, o così scontato, Ale! La "divinità" si (auto)pone sempre al di sopra di tutto e si convince che "la brutta fine" è solo e sempre per gli "altri"

fara | 31/12/2009 ore 12:11:06

 

E come è noto, Fara, le divinità in Terra hanno sempre fatto una brutta fine...

Ale Cu | 31/12/2009 ore 11:47:06

 

@ Ale
L'errore, o meglio la presunzione, è pensare che la terra sia a nostro servizio. "Complesso di divinità", si chiama

fara | 31/12/2009 ore 11:33:57

 

Già... senza fretta! Che forse vale molto di più per gli accordi internazionali sull'ambiente.
Non smetto di stupirmi.
Si parla e si scrive di tutto: munnizza, terremoti, lanci di statuette, scopate tra etero e non, la grande crisi...
Per carità, tutti temi importanti.
Peccato che ce ne sia uno a monte, solo uno, che consente a tutti gli altri di esistere. Mi correggo, non a monte ma esattamente sotto i nostri piedi.
A me sembra che stiamo facendo, tutti, i conti senza l'oste, e ho la sensazione che quando arriverà il Signor Oste saranno cazzi amari... altro che lavare piatti in cucina per una settimana.
Buon anno a tutti.




L'errore che stiamo commettendo, gravissimo, è dare per scontato che la terra su cui camminiamo rimarrà lì a sostenerci comunque vadano le cose...

Ale Cu | 31/12/2009 ore 11:07:01

 

Coraggio, come ha detto qualche giorno fa il mitico Beppe Grillo, tra 10 anni ( ma solo per motivi anagrafici ) ci saremo tolti dalle scatole Cossiga, Bossi, Berlusconi, Bersani, Napolitano e tutti gli altri parrucconi della politica.
Intanto un altro anno è passato, bisogna avere soltanto fede e aspettare che il tempo faccia il suo dovere.
Buon 2010 a tutti.

Lello | 31/12/2009 ore 11:00:55

 

L'opposizione (sic!) siciliana finisce irretita dallo squalo Lombardo e getta alle ortiche le ultime sparute energie. Se Bersani non è niente di che, figuriamoci Lupo. Tornare all'onanismo rifondarolo? Cavalcare il narcisismo dipietrista' No, grazie. Meglio soli...
Auguri fortissimi!

maramaus | 31/12/2009 ore 10:27:17

 

Nulla da dire, Mr.A. Sublime!

Antonio Carollo | 31/12/2009 ore 10:25:30

 

Penultim'ora di lusso. Un regalo di fine anno che non potevi farci mancare.

Auguri a tutti, ma proprio a tutti.
Ne abbiamo bisogno.

fara | 31/12/2009 ore 09:26:13

 

Daniela, mi sembra arduo classiificare Baddaro' (tradurre questo antico nome in italiano mi suona come un atto di irriverenza) tra gli strati teneri della cipolla. Ma sai, con la Sicilia non si sa mai; mi ci vorrebbe una mente come quella di Pirandello per capire fino in fondo le contraddizioni di una citta' dalla cultura cosi' complessa e singolare.

Antonio Carollo | 30/12/2009 ore 19:11:39

 

Perché puliscono spesso davanti casa del presidente del Senato? Schifani sporca tanto? Nomen omen?

yorick | 30/12/2009 ore 19:10:35

 

Ci lamentiamo usendo termini troppo forti.
Forse sarebbe meglio utilizzare il linguaggio del governo: Palermo non è sporca, ma diversamente pulita.
La gente civile non è amareggiata, è diversamente soddisfatta.
Andiamo a vivere a Castelbuono: raccolta differenziata porta a porta con gli asini ( da non confondere con il programma di Bruno Vespa ), pulizia, civiltà, cultura, monumenti curati,ecc. ecc.

Lello | 30/12/2009 ore 18:02:36

 

Palermo è senz'altro una cipolla e, come tale, più la sbucci, e più ti viene da piangere.

Lello | 30/12/2009 ore 17:50:51

 

@Antonio: io abito a Ballarò, pensa tu quale strato della cipolla può rappresentare...

Daniela | 30/12/2009 ore 17:01:27

 

Da natale a S.Stefano...

Tanus | 30/12/2009 ore 15:48:33

 

Fara, non lo so! Il dubbio e' sorto pure a me...
Comunque il 2010 e' vicino, staremo a vedere se questa benedetta raccolta differenziata porta a porta iniziera', ma soprattutto staremo a vedere se e quanto durera'.

Eliana | 30/12/2009 ore 13:08:45

 

Ho capito viviamo tutti in quartieri bene, di che ci lamentiamo? Palermo è fatta a strati, non per nulla è una cipolla, o no?

Antonio Carollo | 30/12/2009 ore 11:41:45

 

Eliana sei sicura di abitare a Palermo?

fara | 30/12/2009 ore 11:39:51

 

Ma ditemi, solo a casa mia (trav. di via Alcide De Gasperi) hanno consegnato i bidoncini muniti di sacchetti per la racconta differenziata??? Carta, plastica, alluminio, organico, e indifferenziata. LO GIURO!!! Non era un sogno! Il tizio che mi ha spiegato tutto e' stato molto preciso, mi ha rilasciato un opuscolo illustrativo sulla nuova procedura, e un calendario con i giorni della raccolta porta a porta. Per un attimo mi sono sentita in una citta' civile. Chissa' quanto durera' questa bella sensazione...

Eliana | 30/12/2009 ore 10:00:32 | @

 

@ale:
devo dire che preferisco la mia di munnizza di fronte.
Per chi volesse a questo indirizzo ho inserito 3 foto, scattate il giorno di natale nella mia zona (bonagia). Estrema periferia dimenticata.

[LINK]

Tanus | 30/12/2009 ore 09:34:11

 

Ah Fara, se per questo, dove abito per ora... non c'è stato un solo giorno in cui non abbiano raccolto la munnizza...
Secondo voi c'entra niente che Schifani vive al civico di fronte?

Ale Cu | 30/12/2009 ore 01:42:17

 

Zitta, Fara: non ti fare scoprire.

roberto alajmo | 30/12/2009 ore 01:03:15

 

C'è qualcosa che non torna in questa storia della munnizza. Io abito in via leonardo da Vinci , al di sopra della famigerata rotonda. Bene, non c'è un sacchetto fuori posto e le strade sono pulite. Ogni notte poi passano quelli che raccolgono il riciclabile. Che non se ne siano accorti che anche questa è Palermo?

fara | 29/12/2009 ore 23:58:41

 

Uma, Termini non è stata una scelta sbagliata ma una scelta ben pagata. Noi , popolo tassato e dileggiato da Brunetta, abbiamo sempre pagato e aiutato la FIAT (azienda privata). La Fiat se ne va da Termini perché nessuno la paga più per restare (la Regione non dà il suo contributo). NOI paghiamo sempre il "pizzo" a qualcuno

fara | 29/12/2009 ore 21:28:28

 

per essere "aliena" si, basta e avanza

fara | 29/12/2009 ore 21:19:12

 

Io ho la borsa piena di chewing gum fossili...e ogni volta che piego un pezzo di carta, lavo la scatoletta del gatto o schiaccio una bottiglia di plastica mi sento deficiente. Può bastare?

Daniela | 29/12/2009 ore 20:17:32

 

Termini Imerese é la storia annunciata di una scelta sbagliata per la Sicilia.
Non é mai stato conveniente, dal punto di vista industriale, mettere un impianto di produzione Fiat in SudItalia, come non lo é stato metterlo a Melfi, in Basilicata.
perché lo si é fatto?
Per scelte sbagliate. L'allora politica per il mezzogiorno era di 'industrializzarle' non potenziando le risorse locali, ma offrendo sgravi notevoli, ai grossi gruppi nazionali, per impiantare stabilimenti al sud il cui costo era difatto pagato dal Governo.
L'interesse industriale era inesistente, esisteva il vantaggio dei contributi governativi. Questa é difatto la storia, reale.
Che ci si meravigli, adesso, che il sistema di industrializzazione inutile fallisca, perché da sempre irrazionale, e che cessati i benefici, la fiat voglia lasciare termini imerese.
La responsabilità prima é avere pensato per il meridione un'industrializzazione forzata, non derivante dalle esigenze e dalle risorse del territorio, ma importata per legge.
Adesso che i contributi sono finiti, i nodi vengono al pettine.

Uma | 29/12/2009 ore 19:10:25 | @

 

Marco ed Antonio, sono contenta che la mia esperienza coincida (poi con Antonio Carollo, i posti son proprio uguali!!).
E' vero ho scelto accuratamente dove andare, se avessi dovuto scegliere di andare (ho escluso il sud da Roma in giù, che ha gli stessi problemi di sovraffollamento nostri); ho escluso l'estremo nord, un po' per fattori climatici, un po' perché esiste una certa intolleranza.
Risultato? mi son rimaste Marche e Toscana, volendo escludere la Sardegna, in cui ho insegnato all'Università, ma in cui i posti erano davvero troppo pochi.
Sono felice di portarmi dietro questa bella esperienza, di rigore e liberalità, che sto facendo. Mi sembra una buona cosa, ma continuo a chiedermi come mai, questo tipo di esperienza qui sia inesportabile.

Uma | 29/12/2009 ore 18:18:49 | @

 

Farabutto, coglione, assenteista, disfattista, comunista...alieno suona più... gentile, non ti pare?

fara | 29/12/2009 ore 18:06:14

 

Grazie, che onore!

Stefano | 29/12/2009 ore 17:08:53

 

Non bastava farabutto... pure alieno sono adesso...
;-)

Tanus | 29/12/2009 ore 17:07:54

 

@ Marmaus
noi pochi siamo alieni Maramaus. Non rientriamo nelle statistiche.
I quattro quinti dei partecipanti a questo forum sono alieni

fara | 29/12/2009 ore 13:55:07

 

benvenuto, stefano. ho il tuo libro sul comodino

roberto alajmo | 29/12/2009 ore 13:24:22

 

Un momento: se io faccio quello che fanno gli altri (quasi tutti) sono complice? Sono anch'io come gli altri? Io dico di sì.

maramaus | 29/12/2009 ore 13:08:45

 

A me è successa una cosa analoga a Siracusa. Visto che il cassonetto della plastica era pieno fino all'orlo (pieno di tutto, tranne che di plastica, verrebbe da dire) ieri ho buttato una decina di bottiglie dell'acqua nel cassonetto comune..

Stefano Amato | 29/12/2009 ore 13:04:18 | @

 

Roberto volevo farti ( in ritardo ) i complimenti per il penultim'ora di ieri su " Little Angel ": quante verità hai scritto in quelle poche righe!

Lello | 29/12/2009 ore 12:20:34

 

Yorick, la spazzatura è talmente democratica che occupa posti di prestigio in maniera trasversale ovunque e comunque. Se ben "degradata" potrebbe produrre energia, come ben sanno, da millenni, i contadini cinesi, norvegesi o finlandesi

fara | 29/12/2009 ore 11:31:57

 

Lello, quella dei rifiuti è una raccolta democratica: non ci sono favoritismi!

yorick | 29/12/2009 ore 10:03:51

 

Ne approfitto per segnalare una cosa misteriosa accaduta a Catania.
A metà dicembre in una mia visita del fine settimana ci avevo trovato i cassonetti della raccolta differenziata. A Natale sono scomparsi. Non so se la cosa più misteriosa sia stata l'apparizione o la scomparsa. Saluti a tutti e auguri.

Gianluca | 29/12/2009 ore 09:53:33

 

Un servizio del tg3 regionale si è occupato della nascita di un nuovo fiume palermitano: il fiume Amia.
Sabato e domenica, infatti, l' abbondante pioggia ha creato un torrente che ha "raccolto " l' immondizia per strada.
Che spettacolo ( ! ) vedere quel nuovo corso d' acqua che portava con se sacchetti di spazzatura stagionata lungo le vie del capoluogo siciliano.
Altro spettacolo l' altro giorno sotto casa mia: le ruspe dell' Amia che raccoglievano indistintamente differenziata e non.
Rabadisco, Cammarata è un sindaco fortunato.

Lello | 29/12/2009 ore 09:15:25

 

.....l'unica soddisfazione è constatare che a lamentarsi di più sono quei palermitani (i più!) che per due volte (dico due volte!!!!) hanno esercitato il diritto di voto determinando questo stato di cose. Sarebbe una salutare constatazione se gli stessi alla prossima occasione.....ma credo invece......

armando | 29/12/2009 ore 07:47:01 | @

 

disfattisti e sporcaccioni la zozzura, a Palermo, non esiste, è un'invenzione dei giornalisti, anzi no!

marco | 29/12/2009 ore 02:13:08

 

Per favore, non inventiamoci le cose! Di quale spazzatura parlate? Io non ho visto niente in televisione. Palermo e' la citta' piu' pulita del mondo. Non parliamo male della Sicilia!

Antonio Carollo | 29/12/2009 ore 00:56:06

 

Esperimento: avete mai provato, a Palermo, tra file parallele di automobili in sosta, chessò a un semaforo, a sporgervi dall'abitacolo e dire al "civile" vicino: scusi, le è caduto un fazzolettino dal finestrino???
ecco, se non siete alla guida di un mezzo da sbarco corazzato o un veicolo da combattimento terrestre o un misero carrarmato non fatelo !

marina | 28/12/2009 ore 23:32:17

 

Proprio così, amici miei: ogni disastro è contagioso. E nessuno può considerarsi immune.

roberto alajmo | 28/12/2009 ore 23:07:58

 

ho fatto tanta strada per trovare cestini in cui buttare le cartacce....dove stavo prima ce n'erano pochi...

max | 28/12/2009 ore 22:16:07

 

Mi è capitato di cercare cestini o di conservare i rifiuti per portarmeli via. Anche se ero circondato dall'immondizia, pensavo: almeno non ci sarà roba mia. Non è che il pensiero mi sollevasse molto, però. Qualche volta, al mare, ho levato di mezzo bicchieri di plastica, buste e lattine sparse qua e là. Semplicemente mi andava, come a uno può andare di raccogliere conchiglie. Non ho mai alzato gli occhi, per capire cosa pensava di me la gente. Mi vergognavo troppo: di sembrare troppo umile, o troppo altezzoso.

yorick | 28/12/2009 ore 21:37:01

 

E' questo il problema Roberto: fino a quando resisteranno le nostre difese immunitarie?

fara | 28/12/2009 ore 18:05:15

 

Se gettassi per terra una cartaccia smetterei di chiamarmi Gianni e mi sentirei uno stronzo qualunque.

maramaus | 28/12/2009 ore 17:38:00

 

Mi e' successa la stessa cosa, quest'estate, di notte a palermo. In un posto da merende notturne, non saprei dire dove. Ricordo solo un cumulo di cartacce e lattine dappertutto. Ed io che mi faccio strada in mezzo a queste per arrivare al bidone. Ed il mio sentirmi tanto cretina, nell'attimo in cui ho aperto la mano per fare cadere la mia cartaccia nel chiuso riparato del bidone.
E' stato un attimo, ma non mi è piaciuto per niente.

teresa de masi | 28/12/2009 ore 17:18:27

 

Croce del Pratomagno, Vallombrosa , Passo del Muraglione, Castagno d'Andrea, Londa, Vicchio...un susseguirsi di posti che portano diritti a BARBIANA, non credo ci sia da stupirsi se lì la Scuola ha l'iniziale maiuscola.
Bella scelta Uma per andare a lavorare, da quelle parti ho passato due bellissimi anni.

marco | 28/12/2009 ore 03:48:14

 

Stia. Romena, Vallucciole, Poppi, Pratovecchio, Strada, Soci, Bibbiena, l'Eremo di Camaldoli, il sacro Monte della Verna, la Consuma, la favolosa Valle del Casentino. Vi ho passato alcuni dei miei anni migliori. Ero giovane...

Antonio Carollo | 27/12/2009 ore 23:36:40

 

Ho un contratto a scuola da quest'anno per tutto l'anno in provincia di Arezzo, località Bibbiena.
Pro e contro.
Contro?
- mi son dovuta spostare ed affrontare spese, che rimanendo qui non avrei avuto.
- i dirigenti scolastici sono più rigidi e fanno bene.

Pro?
E' ancora una scuola in cui si lavora ancora fra adulti per i ragazzi. Ossia tutti i ragazi hanno i loro momenti critici. La famiglia esiste e lavora insieme agli insegnanti, non contro gli insegnanti.
In questo mi son ritrovata nella scuola che ho frequentato io. Si lavora insieme fra adulti, nell'interesse dei ragazzi.
- Anche con la neve i ragazzi sono venuti a scuola, non dico fino all'ultimo giorno tutti, ma esiste un'etica solida, che deriva dalla famiglia.
- E' io dico scherzando con i colleghi, una scuola multietnica, perché a fronte di un grosso nucleo di insegnanti locali, ce n'é una grande parte di variegata provenienza (Campani, Laziali, Calabresi, Siciliani), e questo, forse perché succede da molto tempo, non é avvertita come una invasione, ma sempre sentita come una curiosità ed aggiunta.
Posso dire? Mi trovo molto bene.
Vero é che le valli toscane (anche lì, come in trentino la situazione dei comuni é di molte piccole frazioni disseminate su un vasto territorio ed accomunate da comunanze geografiche), e che quindi sono di massima diversi i punti di partenza.
Ma comemai anche in Sicilia, non esiste questa forma di federazionismo fra territori comuni, fatti di piccoli comuni accomunati da comuni problemi, che qui diventano risorsa?



Uma | 27/12/2009 ore 20:31:07 | @

 

A proposito del lasciare sbattere. Qui é sempre stato così. Mi meraviglio che la persona si meravigli. Palermo é una città in questo assolutamente provinciale. Non contano i curriculum, per lavorare, conta che ti presenti qualcuno che conosca tizio e caio. Ma non da adesso, da sempre. Non vedo meraviglia di questo assoluto provincialismo e senso di diffidenza, che é sempre esistito qui.
Sul problema del rapporto con la PA, ci si deve informare su quale formuletta di legge devi mettere per farti rispondere, tipo legge regionale sulla trasparenza. Citi legge ed articolo, mandi raccomandata, documentabile, se non ti rispondono, loro sono in difetto per legge. Devi inserire la formuletta, se no, non vale.

Uma | 27/12/2009 ore 20:18:16 | @

 

La Penultim'ora si e' messa nei guai: adesso le tocca spendere, giorno dopo giorno, una mesata per non far torto ai tanti altri ragazzi obbedienti che siedono su quel ferro di cavallo chiamato governo, con cui l'amato padre dell'amore suole giocare con i diletti figli sul verde parco che l'alpe divide.

Antonio Carollo | 27/12/2009 ore 15:06:10

 

In effetti dev'essere così, Teresa.
C'è chi crede nell'esistenza di Dio. Io mi convinco sempre di più che da qualche parte esiste un Grande Cretino che presiede all'ordine del mondo.

roberto alajmo | 27/12/2009 ore 12:07:33

 

Forse perché non sei su nessuna blacklist, roberto. Puoi viaggiare e allora vieni controllato, come me. Che ancora sbraito al ricordo dell'ultimo flacone di crema profumata smollato all'aereoporto di trapani.

/E se su quell'aereo non ci doveva stare, vista l'efficienza dei controlli americani, questo vuole dire una cosa sola. Che non c'era. E se non c'era, come fare a controllarlo?

teresa de masi | 27/12/2009 ore 12:02:25

 

Incidentalmente: com'è che a me al controllo sicurezza dell'aeroporto mi contestano pure il dentifricio e quello invece c'aveva una bomba?

roberto alajmo | 27/12/2009 ore 11:35:03

 

Ugo, sarebbe stato obbediente sì ma frustrato. E sarebbe rimasto attaccato alle gonnelle di mammà. Si sarebbe accontentato della sua di famiglia, insomma, senza cercarne delle altre.

teresa de masi | 27/12/2009 ore 10:54:30

 

Teresa, è già obbediente come Angelino, figuriamoci come Ugo!

fara | 27/12/2009 ore 10:41:04

 

Lo avessero chiamato Ugo, avremmo avuto forse qualche speranza in più.

[LINK]

teresa de masi | 27/12/2009 ore 10:37:05

 

È obbediente, merita lodi.

yorick | 27/12/2009 ore 09:04:51 | @

 

Grazie, Daniela!

maramaus | 26/12/2009 ore 23:07:29

 

Maramausetto, complimenti per il commento e per la vignetta...bellissima!!!

Daniela | 26/12/2009 ore 21:54:29

 

Dopo il commento di Maramaus è chiaro pure qual è il ciclo che si sente arrivare: quello a motore.

yorick | 26/12/2009 ore 11:08:48 | @

 

Hai voluto il ciclo? Adesso pedala!

maramaus | 26/12/2009 ore 09:50:55

 

Niente generalizzazioni, per carità. Quella tua certa amica sarà stata, sicuramente, una "autorità competente". E' impensabile che lo siano tutte le tue amiche.

fara | 26/12/2009 ore 01:43:29

 

Nessuna generalizzazione, perlomeno da parte mia. Semplicemente, il racconto di come arriva a me una cosa del genere. Che infallibile proprio non credo di essere, anzi.
Ma la sensazione che provo di fronte a questo pensiero maschile è questa. Che sia ora di controllare il calendario? :-)

teresa de masi | 26/12/2009 ore 00:15:05

 

Ho precisato che non pensavo di essere simpatico, e anzi odioso ero di sicuro. Ma vi giuro che io sapevo con certezza quando il suo ciclo stava per arrivare. Non lo capisco per tutte le donne, ma per lei sì: lo sapevo subito.
Non generalizzo. Non generalizzate nemmeno voi, per piacere.

roberto alajmo | 25/12/2009 ore 23:42:24

 

@fara, stavo per scriverlo di quanto quest'idea fosse uno stereotipo maschile, pieno di pregiudizi, legato all'idea "uterina" che gli uomini hanno spesso di noi donne. Ma ho pensato che e' natale ed esser buona tocca persino a me...

/roberto, sai quando sento ripetere questa frase? Quando gli uomini si trovano davanti ad atteggiamenti che non riescono a spiegarsi. E, pur di non affrontare la fatica di comprendere (o, almeno, di provarci) si aggrappano a questa frase: terribile, confesso. A me, donna, arriva come un'offesa il fatto di dipingermi in preda ad istinti che non riesco a dominare, legati al ciclo. Del resto, l'etimologia della parola "isterica" parla chiaro.

teresa de masi | 25/12/2009 ore 21:31:15

 

Fara, gli uomini aspettano sempre il ciclo e questo è vero. Ho scritto anche un pezzo sull'uomo mestruato - perennemente mestruato. Ma pure noi non ci babbiamo...

Daniela | 25/12/2009 ore 20:41:18

 

Vorrei sapere chi ha messo in giro la voce che quando una donna "aspetta il ciclo" diventa intrattabile.

Per caso non è che i maschi sono "sempre" intrattabili perché aspettano un ciclo che non arriva mai?

fara | 25/12/2009 ore 20:29:01

 

Non sono io l'amica di roberto della penultimora. Ma ai miex fidanzati (e mariti) non potete chiederlo. Non sono in grado di raccontarlo.

teresa de masi | 25/12/2009 ore 19:40:44

 

Quello che non sopporto del Natale sono i tremendi spot televisivi ( tipo quello del bambino deficiente che mette il panettone nel camino pensando di salvare il culo a babbo natale; oppure l' odioso coro che canta " A natale a puoi... " ).
Insomma, per fortuna sta finendo...

Lello | 25/12/2009 ore 19:05:14

 

Non sono io l'amica di Roberto della Penultim'ora (ma potrei esserlo...chiedere ai miei ex fidanzati per conferma :)

Daniela | 25/12/2009 ore 19:05:06

 

"Non ho voglia
di tuffarmi
in un gomitolo
di strade

Ho tanta
stanchezza
sulle spalle

Lasciatemi così
come una
cosa
posata
in un
angolo
e dimenticata

Qui
non si sente
altro
che il caldo buono

Sto
con le quattro
capriole
di fumo
del focolare"

/Ungaretti

teresa de masi | 25/12/2009 ore 15:09:15

 

Di chi siano questi boschi credo di saperlo.
Ma la sua casa è in paese, così
Egli non può vedere che mi fermo qui
A guardare il suo bosco coprirsi di neve.

Troverà strano il mio cavallino
Che mi fermi qui, senza case intorno,
Tra il bosco e il lago gelato
La sera più buia dell’anno.

Dà una scrollata al suo sonaglio.
Per domandarmi se ho sbagliato:
Il solo altro suono è il lieve fruscio
Del vento, dei soffici fiocchi.

Bello è il bosco, scuro e avvolgente,
Ma io ho promesse da mantenere,
Miglia da fare prima di dormire,
Miglia da fare prima di dormire.
(Robert Frost)

Romp | 25/12/2009 ore 13:17:15 | @

 

tanti auguri di buon natale a tutti

vitalba | 25/12/2009 ore 00:04:03

 

Io quest'anno porto carbone a tutti, già ve lo dico. Auguri, intanto.

Daniela | 24/12/2009 ore 21:03:30

 

Col passare del tempo credo sempre più in un taumaturgico Babbo Natale alias Deus ex Machina che ci tolga dai guai e sempre meno in me stesso.

Auguri...BLOG!

Mingo | 24/12/2009 ore 19:08:28

 

Caro RA, la spiegazione di Babbo Natale non convince: come mai proprio nel tuo camino e non in quello del bimbo che gli ha propinato il Parmalat d'annata? Secondo me il Vecchio Incontinente (non l'Europa, il Babbo) si è sbarazzato la panza con cognizione di causa. Magari è in combutta col maschio elfo, che gli ha chiesto vendetta. A pensarci bene, in qualche occasione hai osato dubitare delle sue doti di taumaturgo: monelleria da punire con qualche etto di cacca.

yorick | 24/12/2009 ore 18:52:56 | @

 

Prenditela con il bambino del tuo vicino....quel bastardo mi ha rifilato una tazza di latte andato a male e non ce l'ho fatta a trattenerla...scusa ma che vuoi alla mia età...

Babbo Natale | 24/12/2009 ore 18:29:12

 

Caro Natale, sì, vabbè. Ma intanto chi ha fatto la cacca nel mio camino?

roberto alajmo | 24/12/2009 ore 18:01:55

 

caro Roberto Alajmo, ultimamente ho dei momenti di scoramento ma oi mi ripiglio e continuo a darmi credito. Ma il punto non è se io credo in me ma voi (esclusi i presenti), italiani, siciliani, palermitani, credete in voi? Con me avete a che fare solo qualche giorno all'anno ma con la vostra realtà ci combattete quotidianamente, ma davvero vi piace lo schifo dove siete finiti e le persone che vi ci hanno fatto finire?
Ora scappo che c'è da chiudere il sacco e gli elfi da soli hanno qualche difficoltà.
P.S.: quegli spiritosono che hanno chiesto statuette in regali NON verranno accontentati, che si è visto la fine che fanno!
Auguri.

Babbo Natale | 24/12/2009 ore 17:58:22

 

Beh, se cercate aforismi e passi sul Natale che non siano la solita melassa, vi consiglio PENSIERI DI NATALE a cura di Luigi La Rosa, una pillola Bur di appena 5 euro che li vale tutti...
Io vi auguro gioia e serenità. Natale è la festa della speranza. Non delle illusioni, badiamo bene. Della speranza, la più cristiana e la più umana delle virtù.

Maria Lucia Riccioli | 24/12/2009 ore 16:16:04 | @

 

Sì fara, tutto bene, anzi benissimo! Oggi sono felicissima!
Solo che tutta la dolcezza degli auguri natalizi mi ha fatto pensare a questo passo del Il Testamento di Tito, e l'ho trascritto tentando di smorzare tutta la melassa di questi giorni... diocomesono cinica! :D
Vi abbraccio tutti!

Eliana | 24/12/2009 ore 14:21:34

 

@ Antonio Carollo
I lavoratori di Termini e di tanti altri luoghi hanno il dovere di porgere l'altra guancia per assicurare il benessere degli Elkann e dei Marchionne.

@ Yorick
il sapere di non essere sola nelle incazzature mi dà forza e sprone.

Auguri!

fara | 24/12/2009 ore 14:11:31

 

Auguro a tutti un sincero:
MAYBE WE COULD!

Paola | 24/12/2009 ore 13:56:45

 

Un pensiero natalizio (un tantino agrodolce).
La lotta dei lavoratori di Termini Imerese mi suggerisce un parallelo non inconciliabile col momento che attraversiamo: il capitalismo selvaggio è disumano (a mio avviso lo dimostra anche la vicenda della chiusura dello stabilimento Fiat di Termini Imerese: le ragioni economiche prevalgono brutalmente su quelle di 2.500 famiglie e sulle sorti di un vasto comprensorio); a sua volta il bipolarismo selvaggio, come quello praticato in Italia in questi anni, è altrettanto disumano ( le conseguenze le abbiamo viste).
Jonathan Franzen ha scritto un gran libro “Correzioni”, ecco, ci vorrebbero correzioni, cioè un recupero di umanità.

Buon Natale a tutti

Antonio Carollo | 24/12/2009 ore 13:53:49

 

Non vorrei dimenticare neanche gli auguri al leghista che raccoglieva le firme per il crocifisso in classe.
[LINK]
E neanche tutti quelli che usano la croce come un'arma da dare sulle teste altrui. Sinceri auguri. Lo dico senza sarcasmo.

yorick | 24/12/2009 ore 12:54:05 | @

 

Ah dimenticavo: anche al Governo, ispirato da valori cristiani.

yorick | 24/12/2009 ore 12:27:26

 

No, a nessuno di voi, voi siete vicinissimi. Auguro un Natale Santo al professiore creazionista di cui parlava Fara. E per il 2010 vi auguro (e auguro a me stesso) di incazzarmi e pensare, anche in ordine inverso.

Oh Bianco Yorick ... | 24/12/2009 ore 12:24:01 | @

 

Moltissimi auguri amici miei.

PS La vignetta dovrei farla vedere a mio figlio... pargolo monellissimo di 7 anni, ed anche alla bimba (1 anno fra 3 giorni), che si incammina sicura sulla stessa strada.

;-)

Tanus | 24/12/2009 ore 12:17:02

 

@ Eliana
Stai bene?

fara | 24/12/2009 ore 11:36:22

 

RICORDA DI SANTIFICARE LE FESTE, FACILE PER NOI LADRONI ENTRARE NEI TEMPLI CHE RIGURGITAN SALMI DI SCHIAVI E DEI LORO PADRONI! SENZA FINIRE LEGATI AGLI ALTARI, SGOZZATI COME ANIMALI, SENZA FINIRE LEGATI AGLI ALTARI SGOZZATI COME ANIMALI... Auguri amici! :)

Eliana | 24/12/2009 ore 11:11:51

 

Posso suggerire una soluzione "natalizia"?
Chi è cristiano lo commemori andando in chiesa e pregando, chi non è cristiano lo consideri una sorta di festa del papà, della mamma o del nonno

fara | 24/12/2009 ore 10:46:05

 

"La neve, le luci, l'albero ... Tutto qui quello che mi ricordo dell'incidente." (Flavio Oreglio)

/Tanto vale arrendersi: "Il Natale ci arriverà presto alla gola" (P.G. Wodehouse)

Auguri a tutti.

teresa de masi | 24/12/2009 ore 10:26:00

 

Ho smesso di credere a Babbo Natale quando avevo sei anni. Mamma mi portò a vederlo ai grandi magazzini e lui mi chiese l'autografo. (Shirley Temple)

buon natale a tutti voi, già, quest'anno và cosi...

marina | 24/12/2009 ore 09:12:40

 

purtroppo no, roberto. Sigh.
Trovata in una ricerca di aforismi tesi a sdrammatizzare l'atmosfera natalizia imperante sulla quasi totalità delle bachece in fb. Firmata: Pierre Desproges.

teresa de masi | 24/12/2009 ore 00:24:27

 

Geniale, Teresa.
E' tua?

roberto alajmo | 24/12/2009 ore 00:20:33

 

Penultimora: "L'adulto non crede a Babbo Natale. Ma lo vota."

teresa de masi | 24/12/2009 ore 00:02:29

 

daniela di che ti preoccupi almeno loro un posto di lavoro l' avranno anche se all' estero pensa invece agli operai della fiat di termini imeresi che il lavoro non l' avranno neanche all' estero

vitalba | 23/12/2009 ore 23:04:34

 

Invece avete sentito la storia dell'ISPRA? A molti dei ricercatori, a cui non verrà riconfermato il contratto, è stato offerto già un posto all'estero.
Sigh.

Daniela | 23/12/2009 ore 22:59:39

 

E' proprio così TERESA, qui il futuro è come se non esistesse e il passato è stato cancellato ( un carico di tritolo per eliminare "il vecchio" e ricostruire per il "presente" senza pensare al futuro). Quella palermitana poi è una "cittadinanza" che è stata capace di cancellare anche il mare da cui prende il nome. Non è un'impresa da poco!

fara | 23/12/2009 ore 18:09:28

 

"Ma qui il futuro è come se non esistesse…"

C'era un tempo in cui l'Italia era sull'orlo di un precipizio. Decisamente, da allora, abbiamo fatto un passo avanti.

teresa de masi | 23/12/2009 ore 14:43:25

 

“…i fondi andrebbero triplicati adesso”…quello che non vuole entrare nella testa dei nostri cari ministri. Invece di sfidare la crisi e investire nella ricerca noi blocchiamo tutto e stiamo con le mani in mano… …è anche vero che negli ultimi anni gli effetti della ricerca sul mercato non sono stati quelli sperati, ma questo non giustifica i tagli: se non investiamo ora questa situazione di stallo perdurerà per i prossimi anni. Ma qui il futuro è come se non esistesse…

cinzia | 23/12/2009 ore 13:25:44 | @

 

Che si tratti di un buco nero?

Eliana, in fondo in un paese dove Roberto Di Matteo, un professore acceso creazionista, che insegna Storia del Cristianesimo e della Chiesa alla Università Europea di Roma è stato nominato vicedirettore del CNR e in questa sede instruisce congressi antidarwiniani, non è difficile scambiare un buco nero per un barile e pensare di poter risalire mentre si è inesorabilmente risucchiati

fara | 23/12/2009 ore 11:50:49

 

Tanus, a me pare si stia raschiando già da troppo tempo... Anzi, mi pare che a furia di raschiare si sia creato un buco talmente largo da sembrare una voragine pronta a risucchiarci tutti.
Se non siamo già caduti, stiamo quasi per farlo, siamo lì, in bilico sull'orlo.

Eliana | 23/12/2009 ore 10:17:10 | @

 

ma quanto è profondo 'sto barile?

Paola | 23/12/2009 ore 09:50:40

 

a proposito di penultimora.

Lo fanno per noi, spertusando il fondo del barile - raschiandolo - poi è più facile risalire.
Ma ancora il fondo non è stato toccato.

Tanus | 23/12/2009 ore 09:32:34

 

Mi è scappato un imperdonabile apostrofo tra un e altro (volevo scrivere "altra partita", l'impulso dal cervello al dito era già partito mentre cambiavo sostantivo)

Don Diego | 23/12/2009 ore 08:51:56

 

Dopo il giardiniere di Villa Malfitano, anche il gestore del prestigiosissimo lido del Charleston è un organico a Cosa Nostra.
Un'altro set del match Palermobene-Palermomale.
Ma i giocatori continuano a scambiarsi le casacche, per confondere arbitro e spettatori

Don Diego de La Vega | 23/12/2009 ore 08:50:30

 

Se è vero che tra gli elettori del centro-sinistra cresce la speranza di una "redenzione" del premier, allora forse aveva proprio ragione lui quando diceva che erano c....oni.

Paola | 22/12/2009 ore 23:52:04

 

@cinzia:
è vero, i post di Roberto sono una traccia, più che un regolamento da seguire ( tipo parlè di jack sparrow nei Pirati dei Caraibi)
infatti di solito noi commentiamo quello che ci passa per la testa, poi se gli va lo lasciamo libero di risponderci con un post.
:-)))))

In realtà questo blog è sanguigno, come il suo padrone di casa. E a me fa tanto sangue.

Tanus | 22/12/2009 ore 22:29:11

 

da Wikipedia: Il termine ipocrisia indica l'incoerenza voluta tra azioni svolte e valori enunciati tacitamente o esplicitamente. Per ipocrita si definisce la persona che afferma una determinata idea e poi si comporta in una maniera contraddittoria ad essa.
.....e chistu è nienti!!!!!!!

armando | 22/12/2009 ore 17:35:09 | @

 

da Wikipedia: Il termine ipocrisia indica l'incoerenza voluta tra azioni svolte e valori enunciati tacitamente o esplicitamente. Per ipocrita si definisce la persona che afferma una determinata idea e poi si comporta in una maniera contraddittoria ad essa.
.....e chistu è nienti!!!!!!!

armando | 22/12/2009 ore 17:34:33 | @

 

non solo... di solito i commentatori se ne fregano del tema del giorno...

roberto alajmo | 22/12/2009 ore 16:21:59

 

Grazie…
ma si può andare fuori tema? Voglio dire..oggi hai postato ben altro…

cinzia | 22/12/2009 ore 14:12:33 | @

 

Benvenuta, Cinzia.
Sono contento se porti qui la tua intelligenza cosmopolita.

roberto alajmo | 22/12/2009 ore 13:43:34

 

…ci abitua anche al peggio, purtroppo …succede pure che chi è arrivato in città, trovandola sporca, dopo un pò si senta autorizzato a sporcare. E’come se una voce ci dicesse: “è questione di tempo, prima o poi questa città tirerà fuori il peggio di te…”

@ tanus: è vero…è più facile che la montagna vada dai palermitani…
Lanciare i sacchetti di immondizia sarebbe perfetto, così non si rischia di trasformare in martire PURE il signor sindaco; esiste pure un gruppo, “adotta un sacchetto di immondizia palermitano e donalo a Cammarata”.
Io ne volevo creare un altro: “adotta Cammarata e abbandonalo dentro un cassonetto di immondizia”.

cinzia | 22/12/2009 ore 13:30:28 | @

 

@ Tanus
Magari fossero gratis!

fara | 22/12/2009 ore 13:28:47

 

In questi ultimi anni ho notato che in giro c'è un'indifferenza sempre più in aumento.
Ci siamo abituati a vivere nello schifo al punto che non ci fa più impressione.
Tanus concordo con te, a Palermo è come se un sindaco non ci fosse, il problema è che in realtà c'è e che ha anche un nome, un cognome e uno skipper pagato da noi cittadini.
Roberto in un suo libro parlava di " adeguamento al peggio ", ci siamo proprio arrivati...

Lello | 22/12/2009 ore 12:43:19

 

@cinzia:
concordo, è più facile muovere Palermo che un palermitano, come vorrebbe Lello.
Però se li facciamo muovere in macchina forse...

Tanus | 22/12/2009 ore 12:07:44

 

ri@:lello
Scusa chi è sto' Cammarata...?!?!
Sindaco?!?! Abbiamo un sindaco?
Come si chiama?

Tanus | 22/12/2009 ore 12:06:00

 

@lello:
ti ricordo che al momento il "souvenir" più fotografato a Palermo sono i sacchetti di immondizia.
Prova con quelli... sono abbondanti e gratis pure.. o forse no?!?!

Tanus | 22/12/2009 ore 12:02:46

 

@Cinzia
Grazie per l' informazione, anche se io l' avrei chiamata " muoviti palermitano "...

Lello | 22/12/2009 ore 11:24:58

 

Lello, i palermitani si lamentano eccome, il problema è che spesso non vanno oltre. Se ti può interessare, esiste da pochi mesi un'iniziativa, "Muovi Palermo"...da qualche parte bisognerà pur cominciare...
Per saperne di più, vai su FB e cerca Marcello Capetta.

cinzia | 22/12/2009 ore 11:16:18 | @

 

P.S.
Sapete dirmi dove vendono il souvenir che riproduce il teatro Massimo?

Lello | 22/12/2009 ore 10:50:08

 

Certo che Cammarata è un sindaco davvero fortunato.
La città è invasa dalla spazzatura, le cooperative sociali che assistono anziani e disabili aspettano i soldi dal Comune da circa 2 anni, la tarsu aumenta di anno in anno, eppure nessun palermitano si lamenta di tutto ciò.
Di dimettersi neppure a parlarne, mi chiedo: siamo diventati tutti rincoglioniti?

Lello | 22/12/2009 ore 10:41:34

 

Oddio, Roberto, Rutilio Namaziano non era proprio dello stesso parere. I discepoli qualche listarella l'hanno fatta.
Povero Cristo, è rimasto veramente solo!

fara | 22/12/2009 ore 00:27:40

 

Veramente Luigi è chiarissimo: i burocrati devono essere scelti da "loro" proprio per garantire la c.d. "linea di indirizzo". Con i concorsi pubblici c'era sempre il rischio che lo vincessero, raccomandati permettendo, persone capaci e soprattutto corrette o addirittura dissenzienti dalla "linea d'indirizzo"

Quanto a fregarcene qualcosa a molti frega ma non si tratta della maggioranza del "popolo sovrano"

Il cerchio si chiude, è vero, ma noi rimaniamo fuori e fregati

fara | 21/12/2009 ore 23:14:43

 

Una risposta negata è sempre un segnale di mancanza di rispetto.
Ciò che aveva distinto fino a non molto tempo fa le due entità pubblico-privato era proprio l'approccio verso l'utenza. Adesso sembra che ci sia stato, in Italia almeno, (per come dice Roberto e per come conferma Antonia da Monaco), un livellamento verso il basso.
Posso dirvi che da noi a volte non si risponde perché dare o meno una risposta - per chi ne è deputato - non determina nessun cambiamento. Mi spiego meglio: non gliene frega niente a nessuno. E se non gliene frega nulla a chi comanda non gliene frega meno di niente a chi sta sotto.
Quando è iniziato tutto questo?
Ha avuto inizio con lo spoil system ovvero nello stesso momento in cui la classe dirigente ha smesso di essere selezionata per concorso (un bel dì la classe politica si è inventata che i burocrati dovevano essere scelti da "loro" perché in assenza di un rapporto diretto di fiducia, "loro", non avrebbero potuto garantire la realizzazione delle c.d. "linee di indirizzo".
Ci avete capito niente? No.
Ve ne frega niente? No.
Visto che il cerchio si chiude?

Luigi | 21/12/2009 ore 22:52:19

 

Lo dice anche L.: all'estero è abitudine rispondere.

roberto alajmo | 21/12/2009 ore 19:58:56

 

Ora che mi ricordo, una volta mi hanno risposto. Cortesissimi, mi hanno detto di no chiamandomi per nome nell'intestazione della lettera e senza farmi sentire un questuante. Era un'azienda svizzera, però.

yorick | 21/12/2009 ore 18:55:25 | @

 

In effetti, Giovanna, ora che mi ci fai pensare: l'educazione non è obbligatoria.

roberto alajmo | 21/12/2009 ore 15:13:34

 

C'è un vecchio detto:
"Domandare è lecito,rispondere è cortesia",
forse chi esamina i curricula non è tenuto ad essere cortese?

giovanna | 21/12/2009 ore 13:08:10

 

Gentile sig. Roberto Alajmo, con riferimento alla Sua richiesta ci pregiamo di farLe sapere che e' allo studio da parte dell'Ufficio Grandi Eventi il modo più simpatico per ricordarsi dello storico traguardo nell'apposita sezione, comunque le faremo sapere.
Grazie per averci contattato.
D'istinti saluti.

Per la rubrica parla come mangi: ci pensa Daniela in Chi legge, chi Scrive.

marco | 21/12/2009 ore 12:25:33

 

E' impressionante quanto mi possa sentire legato a persone di cui conosco solo i neuroni.


A proposito di curriculum, non vengono buttati, vengono tenuti come deterrente.
- Scusi ho un contratto di 40 ore settimanali, ma ne faccio 14 al giorno. Mi paghi almeno gli straordinari! -
- Non c'è problema... vedi li in quello scaffale? Ci sono 200 curriculum in attesa. Fammi sapere quando te ne vai che ne prendo un'altro. -

Io scommetterei che l'eventuale sostituto ha presentato solo una lettera di raccomandazione, e non un curriculum...

Tanus | 21/12/2009 ore 12:02:13

 

A proposito del senso di responsabilità: sono veramente sbalordita da come i medici si comportano qui.
Ho avuto un picclo intervento, ieri (come sempre le cose succedono la domenica) non mi sentivo molto bene: non volevo disturbare la mia dottoressa e le ho inviato una mail. Dopo mezz'ora mi ha risposto, mi ha dato delle indicazioni e stamattina presto mi ha chiamato per vedere come stavo.
Lo stesso è successo con un dentista. Mio marito arriva dall'Italia, alle 8 di sera, con un mal di denti pazzesco; chiamo il dentista più vicino e lascio alla segreteria telefonica un messaggio di richesta di appuntamento urgente. Mi richiama il dentista l'indomani mattina alle 7.30, parla bene inglese, riceve subito mio marito (dicendo che il paziente non deve soffrire)e alle 8 è tutto risolto.
Infine: la mia dottoressa non mi ha ancora inviato la fattura per la visita di tre settimane fa, quindi fnora non ho pagato nulla. Costo dell'intervento urgente del dentista: 10 €
Responsabilità, umanità, onestà.
Tutto perso, da noi

antonia | 21/12/2009 ore 11:52:11

 

@roberto, non esagerare mo'.

Io ho detto che hai regalato l'immortalità ad annalusa, perlomeno in questo piccolo - ma affettuoso - consesso. Per la tua, c'e' ancora tempo. E soprattutto lavoro. TUO. Per cui, mo' non ti viziare e fila a lavorare. Che la strada, soprattutto quella creativa, è lunga e dura. Ma una cosa la so. Non scriveranno "alajmo chi?", perché a farli morire sarai tu. E noi, qui sulla terra (o sotto, chi può saperlo?) o perduti chissà dove ne gioiremo. Alla faccia loro. :-D

/marco, mi associo alla domanda: proprio non rimane traccia? Io mi son persa tutto: sapevo dei moti carbonari in preparazione grazie a Daniela ma ero immersa a scattare foto nella bolgia di san gregorio armeno. Anzi, to', vi regalo una cartolina da Napoli... posso, roberto?

[LINK]

teresa de masi | 21/12/2009 ore 11:36:27

 

beh tutti i tuoi amici potrebbere insorgere con un "ALAJMO CHI?" (tipo "CHI E' TATIANA?"). Dipende da come lo si legge. Per questo è importante la voce ed anche l'intonazione.

penultim'ora: abbiamo più paura. viviamo nell'ipocrisia e sono pochi quelli che hanno il coraggio di guardare l'altro in faccia per dire effettivamente ciò che va detto. E' dura essere rifiutati ed è dura rifiutare, a volte. Non siamo abituati a gestire i NO, perché abbiamo ricevuto pochi NO, GRAZIE.
E all'ora passiamo all'indifferenza come difesa, facciamo finta di non avere visto, di non aver ricevuto. Arriviamo ad ignorare che dall'altra parte c'è qualcuno come noi.
Non posso protestare, ma voglio rispetto.
E allora quest'anno non faccio regali agli stronzi, a quelli che feriscono con il silenzio, a quelli che non credono ma mandano i figli a scuola dalle suore, a quelli che ignorano per far male, a quelli che dicono non ho soldi e ne hanno molti più di me, a quelli che dicono ci sentiamo, e poi non li senti mai, a quelli che ti fanno il regalo e li senti solo a Natale, a quelli che non mi vedono per ciò che sono. Sfogo di Natale.
(Natale nei paesi tuoi, con chi vuoi. Pasqua con i buoi)

AUGURI

Nina | 21/12/2009 ore 11:23:56

 

@Roberto: se moriremo dopo di te, cioè se saremo ancora vivi alla tua morte, inonderemo i giornali di "Alajmo, CHI!!!". Ma poi, se questo chi con il punto interrogativo verrà pubblicato sul Giornale di sicilia o su Libero....chettefrega???

antonia | 21/12/2009 ore 10:44:08

 

Marco: ma di tutto il gioco di fuoco di ieri non rimane traccia, sul forum?

roberto alajmo | 21/12/2009 ore 10:32:51

 

Antonia, Tanus, Teresa: io vi ringrazio. In effetti l'aspirazione di ogni uomo, non solo artista, è l'immortalità.
D'altro canto mi pare di vedere i titoli dei giornali, all'indomani della mia morte:
"ALAJMO CHI?"

roberto alajmo | 21/12/2009 ore 10:31:09

 

Penultim'ora: quando mi sono laureata, 1981, ho mandato anch'io una marea di curriculum ma non ho mai avuto alcuna risposta. Anche quando le Poste mi hanno fatto perdere il Concorso alla C.E. non ho avuto alcuna risposta ai reclami. Ora, con i call centers, se la tua domanda non riguarda cose che puoi benissimo risolvere da solo via internet, non riesci nemmeno ad accedere ad una persona umana parlante. Quindi, il quadro è peggiorato, ma esiste da un bel po'

antonia | 21/12/2009 ore 10:23:32

 

E, ho dimenticato, anche veicolo di "puro piacere".
La pagina della morte della bambina in "E' stato il figlio" è splendida, è qualcosa che mi ha toccato profondamente. E non sono la sola

antonia | 21/12/2009 ore 09:38:45

 

Esattamente, Teresa. Il bello degli artisti (scrittori, musicisti, pittori, ecc)è che hanno la possibilità di lasciare una traccia "imperitura" della loro sensibilità, del loro talento, della loro intelligenza. E questa traccia può anche essere veicolo di trasmissione di idee, di sentimenti, punto focale di incontro di gusti, opinioni e curiosità simili, come è avvenuto per noi in questo forum.
E questo penso sia il premio più bello per una vita un pò più complicata del normale, perchè, purtroppo, di arte è difficile vivere.
Vi mando un pò di neve: siamo già a 20 cm e più, ma continua a venire giù copiosa.
Fortunatamente al mercatino di Natale ho fatto incetta di tisane all'hibiscus-arancia rossa e ciliegia: buone e anche belle da vedere

antonia | 21/12/2009 ore 09:36:28

 

@grazie, alberto.
Ma non tanto per le parole che hai per me, quanto - piuttosto - per quelle che hai usato per Annalisa. Un bel percorso, quello che mi hai spalancato davanti: dal libro di roberto, a te e - infine - a noi. Passando per il sorriso di Annalisa.

Ecco, Roberto. Non siamo noi a farti sentire "importante". Lo sei. Senza di te, non avremmo con noi ora il sorriso di Annalisa. E ti pare piccola cosa, questa? :)

teresa de masi | 21/12/2009 ore 01:00:54 | @

 

Un bacio, di passaggio al volo da Napoli.

/e un saluto agli hacher. :)

teresa de masi | 21/12/2009 ore 00:41:40

 

mingo, iniziamo subito...BUUUUUM.... BUUUUM....BUUUUUMMMM

marco | 21/12/2009 ore 00:13:41

 

E non è finita...nei cassonetti vicino casa tua ci sono i botti per l'alborata delle cinque. Marco e Daniela sono pronti con le micce. Più che un genetliaco un Santo Patrono, di questo blog ovviamente...

Mingo | 20/12/2009 ore 23:53:37

 

;-)
confermo

Tanus | 20/12/2009 ore 23:36:38

 

Perchè lo sei, Roberto

antonia | 20/12/2009 ore 23:00:17

 

Grazie ancora, amici miei. Mi avete fatto sentire importante, oggi.

roberto alajmo | 20/12/2009 ore 22:42:06

 

Auguri e auguri e auguri!

Paola e Melo | 20/12/2009 ore 19:56:25

 

Grazie delle tue parole, Alberto. Una foto di Annalisa Bufacchi è stata sulla mia scrivania per tutto il tempo in cui ho scritto quel libro. Poi l'ho mandato all'editore perché volevo che ne facessero la copertina. Non solo la copertina non l'hanno fatta, ma mi hanno pure perso la foto...

roberto alajmo | 20/12/2009 ore 17:59:04

 

Dopo cotanto "complotto", nulla in più posso ripetere...se non ancora "Buon compleanno, vecchia ciabatta"

giovanna | 20/12/2009 ore 17:56:41

 

uè, credo proprio di essere arrivata veramente ultima. Ma non potevo esimermi dal farti i miei migliori auguri, e... per favore non stare a sentire chi ti istiga a crescere: la tua sindrome di peter pan è salutare non solo per te ma soprattutto per chi ti legge.
Un grosso abbraccio.
Splash!

lasirematta | 20/12/2009 ore 17:16:31

 

Caro Roberto, auguri per le tue nozze d'oro con la vita, e buon Natale, visto che mancano soltanto cinque giorni. E mancano anche soltanto tre giorni al trentunesimo anniversario del disastro del DC9 di Punta Raisi, di cui ho appena letto il tuo meraviglioso libro ("Notizia del disastro", per chi legge).
E' un libro struggente, grondante ricordi e tenerezze, che ci ricorda come si può andare sorridendo incontro a quello che per comodità o per abitudine chiamiamo destino (non è mia, questa definizione), è un libro che racconta di vite vissute e cancellate, è un libro che ci fa pensare ad una verità accaduta "che non ha alcuna decenza" (bellissima quella frase di Camus scritta nell'introduzione), è un libro come ce ne dovrebbero essere tanti, e tanti di più.
Tra i racconti delle vite dei passeggeri, uno di quelli che mi ha più commosso è quello di Annalisa, la hostess, che tu descrivi essere come una di quelle persone "che contagiano l'allegria al loro semplice apparire", una ragazza di 24 anni che dava l'impressione di essere felice, che rispondeva quasi sempre "si", ma dopo il "si" ci aggiungeva un "ma". Forse lo saprai, o forse no, ma entrando nel sito ancestry.it (l'ho scoperto per caso), digitando il cognome "Bufacchi", cliccando "Cerca" ed entrando nella sezione "25 foto pubbliche", alla fine della prima pagina di foto ed all'inizio della seconda si possono vedere 4 fotografie di Annalisa, e di com'era bella, sorridente, con il suo viso allegro ed anche assorto, con la sua fronte spaziosa, con la sua espressione simpatica e dolcissima. Annalisa è andata sorridendo verso il suo destino, desiderava rientrare a Roma per comprare i regali di Natale... da allora invece vive un altro Natale. Il nostro Natale potrà essere illuminato dal suo sguardo e dal suo sorriso, quest'anno.
Buon Natale, Roberto, e grazie per averci parlato di Annalisa e degli altri angeli del DC 9 "Isola di Stromboli", che da allora anch'essi vivono un altro Natale. E buon Natale anche a tutti coloro che avranno la pazienza di leggere queste mie parole, ed anche a Teresa De Masi, mia concittadina (sono di Modena anch'io, anche se la bambina che c'è dentro di lei è nata e cresciuta a Salerno): mi piaci, Teresa, anch'io come te salvo i ragni e i moscerini accompagnandoli sul balcone, sai?

Alberto | 20/12/2009 ore 17:03:19 | @

 

Volevo ringraziare di cuore tutti i "complottisti" che mi hanno aiutato in questa divertente impresa e scusarmi con coloro che non sono riuscita a contattare. Per ovvie ragioni non potevo fare nessun riferimento qui sul forum.
Un grazie speciale e grandissimo a Marco che è il vero e unico hacker della situazione e che ha avuto la pazienza di sopportarmi in questi ultimi tre giorni.
Siamo una bella squadra, ragazzi. Anzi, una famiglia, come mi diceva oggi Fara al telefono.

Daniela | 20/12/2009 ore 16:33:44

 

Solo adesso mi sono seduto al computer: mi scuso se arrivo tra gli ultimi. D'altronde mi chiamo Carollo (quello che arrivava sempre l'ultimo al Giro d'Italia), quindi non c'e' da meravigliarsi.
La musica, le parole, le immagini che gli amici ti dedicano per il tuo speciale compleanno hanno sorpreso anche me. Deve essere bello per uno scrittore sentirsi al centro di tanto affetto.
A cinquant'anni la maturita' fisiologica si sposa a quella intellettuale. Penso che quest'eta' puo' essere un punto ideale di ripartenza lungo il percorso della tua fatica letteraria. La percezione della realta' e dell'animo umano e' divenuta piu' lucida; l'esperienza umana ti si mostra chiaramente anche nei piu' minuti e nascosti suoi meandri; la piena padronanza dei mezzi espressivi diviene un'arma formidabile nell'esplorazione del mistero della vita e della morte.
So che molti artisti hanno dato il meglio di se' entro i cinquant'anni, ma molti altri, dopo questo picco anagrafico, hanno proseguito speditamente il loro viaggio ed hanno attinto quote ben piu' alte di creativita'.
Non ho la fortuna di conoscerti di persona, ma ho lo stesso la netta sensazione che non sei disposto a sederti sui bellissimi libri che la tua leggera e vivida scrittura ha creato. La tua strada e' aperta per altri e importanti balzi.
L'artista non si placa sino a quando non ha completato l'opera della sua vita.
Questo ti auguro, Roberto, per i tuoi splendidi cinquant'anni.

Antonio Carollo | 20/12/2009 ore 15:05:50

 

tanti ma proprio tanti tanti auguri al VULCANO ..PALERMITANO !
buon compleanno e buon flusso creativo attivo !
Lò dei vulcani

Lò dei vulcani | 20/12/2009 ore 13:54:32 | @

 

auguri maestro!

[unaltro]roberto | 20/12/2009 ore 13:25:03

 

Siete dei maledetti hacker.
Fottutissimi, maledettissimi, affettuosissimi hacker.
Grazie col cuore.

roberto alajmo | 20/12/2009 ore 11:33:54

 

E sti cacchi di compleanni! Siamo brutti, sporchi e cattivi e moriremo tra atroci tormenti, peraltro calvi, grassi e insoddisfatti! Ecco! (Scusate ma oggi mi girano).
Auguri Roberto

Romp | 20/12/2009 ore 10:50:18 | @

 

Le rinnovo i miei più sinceri Auguri.

Adesso smettila con la sindrome di Peter Pan e vedi di crescere.

;-)

Tanus | 20/12/2009 ore 00:21:03

 

tanti tanti auguri!

Alessandra S. | 20/12/2009 ore 00:06:32

 

Buon compleanno, Roberto!

yorick | 20/12/2009 ore 00:02:34

 

che bella parola scaramanticamente. bella da vedere e da dire.

Nina | 19/12/2009 ore 23:32:59

 

Auguri giovanottone Roberto.
;-)

Tanus | 19/12/2009 ore 15:45:02

 

Cazzo, Luigi. Così mi responsabilizzi. Grazie

roberto alajmo | 19/12/2009 ore 13:18:08

 

In un pomeriggio d’inizio primavera di 35 anni fa, il più serio tra di noi ebbe l’ardore di chiedere a ciascuno il parere su come saremmo stati a 50 anni.
Venne il mio turno e ricordo che parlai di giustizia, di coerenza, di lavoro, di figli da crescere. “E non parli di donne?” qualcuno mi chiese.
“Già” risposi. E mi tremò un po’ la voce.
La ragazza che era al mio fianco mi prese la mano e mi sussurrò in un orecchio che secondo lei sarei diventato “un bellissimo vecchio”.
Ne è passata tanta di gente intorno al nostro pianeta, tanta quanti sono quei volti che vengono a trovarci la sera, nella penombra di una casa vuota dove - a volte - movendosi, si ascoltano solo i propri rumori, dove - a volte - nessuna mano stringe la nostra.
Restano i ricordi a 50 anni. Ombre sorridenti. Ci lasciamo cullare dalla nostalgia per ciò che siamo stati, mentre il nostro genio si mette a spolverare il presente, per renderlo più luccicante, per riuscire ad ammaliare chiunque passi dalle nostre parti o coloro che, se pur lontani, abbiano l’intendimento di soffermarsi al riflesso di una bella frase.
Buon compleanno allora Roberto.
Sii saggio. Adesso è il tempo che te lo chiede, ora che hai passato la barricata, ora che sei “un bellissimo vecchio di 50 anni”, anche se sono sicuro che preferisci essere “un giovanotto di mezzo secolo”.
Continua a raccontare ciò che eravamo in questa terra, quello che siamo diventati e come probabilmente saremo; prosegui a spiegare, a chi siciliano non è, le radici del nostro immutato dolore, che è perenne sofferenza, sempre, anche di fronte ad inaspettate fortune.
Non barare mai e vedrai, felice, fuggire il tempo e sorriderti i prossimi 50.

P.S.: sono in anticipo, lo so. Ma la domenica è domenica.

Luigi | 19/12/2009 ore 10:32:45

 

Gianluca è vero! Ricorda Hannibal. Ma, se ci fai caso, anche la locandina de "La Mummia". Comunque non so se mi fa più paura nature,sanguinante o bendato.Boh?
Comunque, speriamo almeno che "il suo dolore serva a migliorare il clima" visto che a Copenaghen, come logico, non hanno concluso una mazza o quasi. L'odio dell'uomo verso la Terra e verso sè stesso non ha fine, altro che odio per Silvio!

Mingo | 19/12/2009 ore 10:13:27

 

Neve a modena. La bambina nata e cresciuta a salerno, dentro di me si incazza. Pensando alla rampa del garage da spalare. :(

/però roberto, a me belpietro non "mi" fa paura. Mi fa incazzare: sono una non violenta eppure lui scatena i miei istinti peggiori. Ecco, quando si dice "faccia da schiaffi", quelle facce che ti strappano ceffoni dalle mani anche se sei la persona meno violenta del mondo(avete presente chi salva la vita ai ragni accompagnandoli in balcone? Ecco... avete capito).

Chi mi fa paura, è Ghedini. La faccia di un nosferatu cattivo. Tanto cattivo che piuttosto che a Dracula è a Van Helsing che mi fa pensare. Ecco, passatemi un paletto d'argento che dopo vi spiego perchè. >:-)

/è la neve. Dopo che ho spalato mi passa...:-)

/e nessuno mi tocchi andreotti, che finchè campa lui i miei amici non si scordano del mio compleanno. Stesso quadro astrologico, qualcuno mi ha detto. Inquietante, vero tanus?

teresa de masi | 18/12/2009 ore 20:59:27

 

Neve neve a Firenze. Il bambino nato e cresciuto a Siracusa dentro di me gioisce.

Gianluca | 18/12/2009 ore 20:15:19

 

Berlusconi bendato mi ricorda, chissà perché, Hannibal the Cannibal.

Gianluca | 18/12/2009 ore 18:52:08

 

ps
correggo
"Pubblicani, vil razza dannata!"

il termine è obsoleto ma suona meglio

fara | 18/12/2009 ore 16:52:47

 

@Tanus
Brunetta non ti basta? E' perfetto per la parte, pare Rigoletto : "pubblicoamministrativi, vil razza dannata!"

fara | 18/12/2009 ore 16:50:11

 

@Fara


ah ah ah ah i violini vero. Bellissimi... ;-)

Gianluca | 18/12/2009 ore 15:52:42

 

tanus purtroppo quello non è mai in pensione

vitalba | 18/12/2009 ore 15:33:27

 

forse bossi potrebbe andar bene.
;-)

Tanus | 18/12/2009 ore 15:06:03

 

@vitalba:
quello oramai "sembrerebbe" in pensione.
Ne dobbiamo trovare un'altro.

Tanus | 18/12/2009 ore 15:03:59

 

tanus perchè cerchi il gobbo? non ti basta andreotti?

vitalba | 18/12/2009 ore 14:57:02

 

e anche i violini

fara | 18/12/2009 ore 14:28:28

 

A Radio Capital Luca Bottura presenta ogni mattina la sua rassegna stampa e ogni volta che cita Belpietro si sente il nitrito dei cavalli di Frau Blucher di Frankenstein Jr.

Gianluca | 18/12/2009 ore 14:26:12

 

Antonia, un cast simile farebbe venire gli incubi anche a Dario Argento!

Un film con costoro sarebbe vietato ai minori di 73 anni!

fara | 18/12/2009 ore 14:25:38

 

Ghedini lo vedo come attore-regista, vista la somiglianza...

Si cerca qualcuno per il gobbo invece..

Tanus | 18/12/2009 ore 14:11:37

 

Secodo voi, se mettessero assieme Sallusti, Belpietro, Facci, la Brambilla, Alfano e Ghedini, non sarebbe un ottimo cast per un film di fantascienza?

Anch'io Ballarò l'ho visto solo per un pò. oltre non sono riuscita ad andare. Comunque la Di Gregorio migliora

antonia | 18/12/2009 ore 13:56:34

 

Avrebbe voluto tirargli un Bel Pietro, ma aveva a disposizione solo un souvenir.

Lu | 18/12/2009 ore 12:56:34

 

A me i film d'orrore piacciono molto, quelli che hanno suspence, azione e logica, però.
Nelle trasmissioni in cui c'è Belpietro manca tutto, e le scene si riducono a quelle di uno splatter serieB: grande dispersione di sangue, azioni noiosissime ed incomprensibili, nessuna logica a muovere il personaggio, ma soprattutto: tutti sappiamo già come andrà a finire.

Eliana | 18/12/2009 ore 11:58:45

 

Si fanno esplodere, ma con amore.

yorick | 18/12/2009 ore 11:24:08 | @

 

Stamattina, vedendo Omnibus a La 7, ho realizzato che mister "peace and love" ha già vinto le elezioni!

Ho realizzato anche che, come in Turchia, si vuole estromettere un partito dall'arco parlamentare ma i turchi hanno la speranza di un colpo di stato, noi NO

fara | 18/12/2009 ore 10:04:25

 

Nel frattempo ho scoperto un altro pronto a farsi saltare in aria all'interno delle trasmissioni nemiche: Sallusti, vicedirettore del Giornale.

roberto alajmo | 18/12/2009 ore 09:06:01

 

Siamo allo scudo fiscale permanente, eh?

Dopo Ode to the west wind, io scriverei Ode to the tax evasion....

Questa dovrebbe piacere a Daniela.

Gianluca | 17/12/2009 ore 22:25:46

 

... non è che si scappa una cena???

/bentornata Daniela ;-)

Tanus | 17/12/2009 ore 15:44:38

 

No, maramaus. Cucino genuino, con una spiccata predilizione per ricette ed ingredienti tradizionali. E preferisco le cotture lunghe, e magari complicate. E diffido delle preparazioni apparentemente facili o troppo a buon mercato... :-)

/faccina che sorride ma non troppo, visto che ho dei problemi a ridere in questi giorni (sono in fase post-intervento).Onde per cui non articolo, non ne ho la forza: ma di pietro in questo frangente mi e' piaciuto meno del solito.

Il che, ovvio, non giustifica (come scritto da roberto).

teresa de masi | 17/12/2009 ore 14:49:08

 

quel 9 non è un voto a Bersani: per adesso 4 meno meno e per di d pietro 4 e mezzo

maramaus | 17/12/2009 ore 14:37:28

 

A parte gli scherzi e a scanso di equivoci: chi si contenta gode? Il poeta compulsivo diceva: così così. Allora se sofferenza deve essere che solipsistica sia, per non bagnare le spalle altrui con le proprie lacrime. In questo momento: no pd (soprattutto per le imbarazzanti giaravolte del pd siciliano e del diktat di bersani sulle faccende irrisolvibili sempre siciliane9, no di pietro, no.

maramaus | 17/12/2009 ore 14:35:48

 

Teresa, ma cucini avariato anche tu? Faccina che ride e si distrae

maramaus | 17/12/2009 ore 14:32:37

 

Dopo avariati, faccina che sorride

maramaus | 17/12/2009 ore 14:31:08

 

@maramaus, hai un posticino anche per me, nella tua beata solitudine? Non faccio casino, non sporco e se mi ci metto cucino anche benino (giusto per la sopravvivenza :-))

teresa de masi | 17/12/2009 ore 14:30:39

 

A me piacciono avariati...

maramaus | 17/12/2009 ore 14:29:31

 

@Tanus: sto meglio, grazie e nessuno mi sostituisce per fortuna (anche se ho avvertito Robeto del mio stato di salute, non volevo che approfittasse della mia latitanza per dare il mio incarico a qualcun altro...)
@Maramaus: l'unico trionfo che si è visto, nei giorni della mia malattia, è stato quello della mia gatta, che mi ha finalmente avuta tutta per sé. Quando ieri mattina sono uscita per andare a lavorare, mi ha guardato male come per dire: "E cos'è questa storia adesso?"

Daniela | 17/12/2009 ore 13:57:41

 

@maramaus
Ognuno ha i suoi gusti.
A me piacciono i cibi "genuini" ;-)

tamara | 17/12/2009 ore 13:41:41

 

"quewlal": un modo come un altro per depistarvi.

maramaus | 17/12/2009 ore 13:29:03

 

Il mio problema è che non sono di bocca buona. E' l'unica opposizione quewlal di Di Pietro? Allora, preferisco la mia: quella che faccio io in beata solitudine.

maramaus | 17/12/2009 ore 13:28:18

 

@Marina
Hai scritto molto bene, Marina: “Criminalizzare l’opposizione, dove sta la novità???”
“Di Pietro è l’unico veramente capace di fare opposizione in parlamento” ha ammesso anche Roberto.
E questo spiega il linciaggio mediatico contro Di Pietro. Ogni stupido pretesto è buono per criminalizzare l’unico partito che in Italia al momento sta facendo opposizione vera. Senza ipocrisia.

tamara | 17/12/2009 ore 12:35:35

 

Criminalizzare l'opposizione.
Dov'è la novità ???

marina | 17/12/2009 ore 08:44:10

 

A fare fuori Di Pietro non è lo stesso battage mediatico che ha convinto tutti gli italiani che MrB. è un imprenditore di successo che si è fatto tutto da solo e che può governare il Paese? Anche questi concetti sono stati ripetuti un bel po' di volte, fin da quando è cominciata la prima campagna tv contro i giudici di Milano (Di Pietro compreso) nel '92. Mi dispiace sapere che ci siano menti così labili da vendere il voto a un urlatore tv e da tirare duomi in faccia alla gente.

yorick | 17/12/2009 ore 07:36:35 | @

 

A proposito del martire, io, come ho scritto anche in FB, tremo all'idea che a breve potrebbe essere "ostesa" una sindone col sangue del premier e che si facciano reliquie dei suoi vestiti insanguinati.

Ho apprezzato anche le dichiarazioni di Don Verzé, il patròn del San Raffaele che si mangia tutte o quasi le raccolte umanitarie, che se ne è uscito con due frasi storiche "Lui ha già perdonato" e "adesso bisogna cambiare la Costituzione"

fara | 16/12/2009 ore 19:26:53

 

Bentornata Daniela.

fara | 16/12/2009 ore 19:23:57

 

Dani, il premier da quando è "alletticato" parla di trionfo dell'amore... Tu, cosa fai trionfare?

maramaus | 16/12/2009 ore 16:45:11

 

Daniela riprenditi presto...
già abbiamo anche il premier in ospedale.
Non posso sopportare contemporaneamente le due assenze.
;-)
Anche perchè, nel caso del premier, chi lo sostituisce è peggio.

Tanus | 16/12/2009 ore 16:33:09

 

Appena subito anch'io quel sorriso... da un professore della facoltà di architettura. Chissà, forse anche lui è stato di recente a Cefalù, che del resto è il paese natale di (buon'anima) Pasquale Culotta, ex preside della facoltà, nonché autore ed artefice di molti edifici in quel di Cefalù...

Ale Cu | 16/12/2009 ore 15:51:12

 

Buona guarigione, Daniela.
Si, anch'io mi sono stufata di ascoltare tutte le ovvietà ed i proclami di questi giorni. Ieri sera, non sono riuscita a guardare Ballarò.
L'affermazione di de Mauro è inquietante, benchè ne avessi il sentore.
Se passano davvero leggi speciali su internet e manifestazioni propongo una raccolta di firme da inviare alla Merkel, Sarkozy e Brown per buttarci fuori dalla Comunità Europea.
Poi vedremo gli agricoltori e piccoli industriali del nord senza i contributi comunitari, poi vedremo il tanto sbandierato ritorno alla lira (10.000 lire per un litro di latte?).
Stamattina in tv battibecco feroce fra un leghista (autodichiaratosi prima milanese e poi italiano) e la Mussolini: anche fra di loro non si sopportano più

antonia | 16/12/2009 ore 14:43:12

 

Cari amici, riemergo dal mio letto in cui ho passato l'ultima settimana, con febbre a 39. Nel frattempo mi si è rotto anche l'alimentatore del portatile e, quindi, sono stata fuori dal mondo per vari motivi.
Ho visto solo la tv, visto che non ero in grado di fare altro, nel delirio febbrile. E la televisione sembrava ancor più fuori dal mondo di me, perché mi restituiva un'immagine falsata e incompleta di tutto quello che accade.
A proposito dei lanci di Duomo, ad esempio: un'analisi lucida come quella di Roberto (che, peraltro, è la stessa che facevamo ieri sera con un amico) in televisione non l'ho certo sentita: sarà stata la febbre, ma mi è parso di sentire solo scimmie bercianti, dall'una e dall'altra parte, che gridavano senza dire nulla.
Insomma, mi siete mancati e devo riuscire al più presto a comprare l'alimentatore. Senza di voi mi sento perduta e non posso certo aspettare di poter usare il pc di mio fratello di tanto in tanto...

Daniela | 16/12/2009 ore 14:16:49

 

Palermomale Vs Palermobene: un bel derby.

maramaus | 16/12/2009 ore 13:27:18

 

Cronache dalla palermomale:

“Alcuni quartieri di Palermo sono diventati come le Favelas brasiliane”. Quello lanciato dal procuratore aggiunto Teresa Principato è un grido di allarme sociale... “Il fenomeno del consumo di droga è molto più diffuso di quanto si possa pensare, alcuni consumatori segnalati in questa operazione hanno appena 13 anni”. Al grido di allarme si aggiunge anche la voce del comandante provinciale dei carabinieri di Palermo colonnello Teo Luzi: “si tratta di consumatori giovani con basso o inesistente grado di scolarizzazione, provenienti da famiglie difficili. Il consumo di droga rappresenta per loro una fuga da realtà difficili. Il suo commercio un trampolino per ottenere in poco tempo facile ricchezza”.

Giuseppe | 16/12/2009 ore 12:43:12

 

Non osavo chiedere...

roberto alajmo | 16/12/2009 ore 12:23:54

 

... eppure, una gitarella a castelbuono, sabato, se il meteo lo consente... io me la farei!

lasirematta | 16/12/2009 ore 11:59:25

 

@Sirenetta: io immagino che i castelbuonesi fra i miei lettori sappiano che sabato si presenta il libro "Castelbuono, Città Gentile". Agli altri non mi pare sia interessante farlo sapere...

roberto alajmo | 16/12/2009 ore 10:50:43

 

RA, ma di Castelbuono non ci dici nulla? (meno male che ho le mie spie!)
splash!

lasirematta | 16/12/2009 ore 09:27:23

 

Da "se ne sono andati" su Repubblica di oggi, ometto il nome del defunto:

"Avvocato, era conosciuto nella Palermo bene ed era un frequentatore del Circolo canottieri Roggero di Lauria"

Alla palermobene preferisco sempre più la palermomale

Don Diego del La Vega | 16/12/2009 ore 09:16:12

 

@Yorick: Se viene da destra è una battuta piena d'amore. La mia, di e da sinistra, anche se lo negassi con tutto me stesso, è inficiata dall'odio. Lo ha stabilito per decreto quel sant'uomo di Cicchitto.

maramaus | 16/12/2009 ore 08:59:43

 

Questa battuta viene da destra, dunque ha la precedenza: Ecce D'uomo.

Ricorda la vignetta di Maramaus?

yorick | 16/12/2009 ore 06:55:07

 

Alle 18:30 verrà presentato al caffè Al Viale (via Archimede, 189) il libro "I paralleli. Narratori contemporanei e classici italiani a confronto di Matteo Di Gesù". Interverrà con l’autore Nicola Lagioia.
Io spero di farci un salto.

roberto alajmo | 16/12/2009 ore 05:32:02

 

Copio e incollo da Tullio De Mauro: ”Cinque italiani su cento tra i 14 e i 65 anni non sanno distinguere una lettera da un'altra, una cifra dall'altra. Trentotto lo sanno fare, ma riescono solo a leggere con difficoltà una scritta e a decifrare qualche cifra. Trentatré superano questa condizione ma qui si fermano: un testo scritto che riguardi fatti collettivi, di rilievo anche nella vita quotidiana, è oltre la portata delle loro capacità di lettura e scrittura, un grafico con qualche percentuale è un'icona incomprensibile.Secondo specialisti internazionali, soltanto il 24 per cento della popolazione adulta italiana possiede gli strumenti minimi indispensabili di lettura, scrittura e calcolo necessari per orientarsi in una società contemporanea”.

E qundi...che ci aspettiamo?

Mingo | 15/12/2009 ore 23:07:35

 

@Mingo

Si, l'avevo notata quella foto. Devo dire che l'italiano che mi tocca leggere su forum e vari blog è veramente scadente. Ma anche i titolisti della tv fanno spesso strafalcioni inauditi.

Gianluca | 15/12/2009 ore 22:19:02

 

Uno dei cartelli più diffusi all'ingresso dell'ospedale S.Raffaele recita
"Silvio, siamo tutti con tè".

mingo | 15/12/2009 ore 21:12:51

 

Non ci può essere opposizione, perché come ti muovi ti accusano di lesa maestà, di fomentare l'odio ("fomentare" non lo sentivo dalla scuola media), di armare la mano di. Va bene, allora lasciamo che quest'uomo faccia della costituzione, della politica e di tutti noi quel cavolo che gli pare. Se avesse settant'anni di meno direi che è un bambino viziato.

yorick | 15/12/2009 ore 21:02:56 | @

 

Basta, smettetela, è vivo per miracolo: e' stata la mano di Bettino a deviare quel pericoloso souvenir.

Lello | 15/12/2009 ore 19:38:38

 

Delirio di onnipotenza?

antonia | 15/12/2009 ore 18:28:38

 

le ipotesi non mi sembrano incompatibili, Antonio.
Benvenuta, Annalisa.

roberto alajmo | 15/12/2009 ore 17:51:13

 


Non si può non essere d'accordo con la illuminante Penultim'ora odierna. Però, attenzione, il suo (di Mr.B) non è (o non è solamente) un mondo ideale (si fa per dire) lontano da quello reale. Ricordiamoci che in questo suo mondo c'è un impero economico tutto piantato nella realtà. Un uomo che ha una percezione distorta della realtà è perlomeno un menomato, un malato, un esaltato, ma nel caso di Mr.B si può dire che siamo di fronte ad uno che conosce bene e sa manovrare, evidentemente per fini egoistici, la realtà che lo circonda. La stortura non sta, a mio parere, in una sorta di incantamento seduttivo ma nell'indirizzare verso i suoi interessi la percezione che ha di cose e persone.

Antonio Carollo | 15/12/2009 ore 17:39:08

 

grazie e benvenuti e tutti

annalisa | 15/12/2009 ore 14:33:55 | @

 

@annalisa, ti posso dire come ho fatto io, che sono una delle ultime arrivate. Semplicemente, ti accomodi e dici la tua. Non credo esistano altre regole, o almeno se ci sono io le ho infrante tutte, non seguendole.

Benvenuta.

teresa de masi | 15/12/2009 ore 14:30:30

 

ciaoo vorrei unirmi al gruppo di amici come fare

annalisa | 15/12/2009 ore 14:15:42 | @

 

E' successo nella sua Milano,
a Palermo non sarebbe mai successo...
A Dieguccio non è mai capitato per esempio.. e hai voglia di pomodori che si merita

Tanus | 15/12/2009 ore 13:38:13

 

La madonnina del duomo di Milano sarà presto sostituita con una statua del "Santo martire Silvio":

"O mio bel Premier Italiano, che te brillet de lontan
tutto doro e piscinino,
ti te dòminet e Stival"

tamara | 15/12/2009 ore 13:07:23

 

@Fara, lo hai detto tu ora: ha tirato due scarpe. Non gli ha fracassato la faccia con il duomo di milano. Se, come hai scritto tu ieri, Tartaglia avesse scelto un pomodoro marcio (ma anche un bell'ovetto fetuso avrebbe avuto il suo perché, secondo me) avremmo avuto tutti una reazione diversa. Compreso LUI, che martire sarebbe stato sì. Ma seppellito da una risata.

teresa de masi | 15/12/2009 ore 13:02:24

 

"Mio Silvio, mi pento e mi dolgo con tutto il cuore dei miei peccati, perché lanciando il duomo ho meritato i tuoi castighi, e molto più perché ho offeso te, infinitamente buono e degno di essere amato sopra ogni cosa.
Propongo con il tuo santo aiuto di non tirarti nulla mai più e di fuggire le occasioni prossime di peccato. Silvio, misericordia, perdonami"

(Atto di dolore, nell'interpretazione dello squilibrato redento)

Don Diego de La Vega | 15/12/2009 ore 12:43:55

 

Qualche anno fa un giornalista iraqeno lanciò ben due scarpe in faccia a Bush ( che però, lestamente le scanzò). Nessuno ha gridato al regicidio, abbiamo riso di Bush e abbiamo difeso il giornalista. Eppure Bush era il presidente degli Stati Uniti d'America

fara | 15/12/2009 ore 12:32:17

 

Sceglierli

antonia | 15/12/2009 ore 12:24:36

 

@tamara, certo, anche a me fa pena l'Italia che ha scelto quella gente lì....e tutti quelli che non sono andati a "non sceglierlo"

antonia | 15/12/2009 ore 12:23:58

 

@antonia
A me fa pena l'Italia, tenuta in scacco dal governo Berlusconi.

tamara | 15/12/2009 ore 12:08:28

 

@tamara. proprio per questo fa più pena. Hai presente i supereroi di Spongebob, uno con le ciabatte e l'altro così male in arnese che non vede neanche dove va?

antonia | 15/12/2009 ore 11:54:05

 

Roberto, sono assolutamente d'accordo con te.
E pensavo anche di come sia basso il livello di quelli che fanno politica in modo professionale, così basso da scatenare una battaglia di polemiche degna della maturità e dell'acume politico di un bambino di due anni. Ancora una volta le trombe hanno suonato a squarciaorecchie la canzone più puerile, più infantile che si potesse. Sorgono, da una parte, accanto alle solite prefiche, nuovi visi tesi, addolorati ed arroganti. Dall'altra si sottolineano i "senza se ne ma" duemila volte, come se si stesse davanti al giudizio universale e non al Ministro della Difesa ancora più spiritato del solito.
Fra gli idioti su FB che inneggiano al "pazzo", quelli che vorrebbero santificare la vittima e i mesti-arroganti-puntualizzatori, chi ne esce meglio è appunto il signore anziano che soffre (ha preso una bella botta)e si domanda incredulo perchè sia successo proprio a lui. Anche a me, un pò, fa pena

antonia | 15/12/2009 ore 11:52:25

 

Lello, ma lui è superman ;-)

„Non sono malato, sono Superman!" (Silvio Belusconi)

[LINK]

tamara | 15/12/2009 ore 11:28:28

 

E meno male che l' aggressione non è avvenuta ad Agrigento
( immagino che un souvenir dei templi avrebbe procurato più ferite ).
In ogni caso lui è un l' ultimo highlander, non sarebbe mai morto. Ha una spada nascosta ( so già dove..)pronta per l' uso, altro che C. Lambert...

Lello | 15/12/2009 ore 11:15:30

 

Il "folle" che ha aggredito il Presidente del Consiglio si trova in carcere. L'aggressore ha confessato SUBITO il gesto e chiesto scusa a Berlusconi.
Son decenni che siamo costretti a subire le aggressioni del (PU)PAZZO Berlusconi, in tutte le sue disgustose sfaccettature.
Ma nel cervello malato del Presidente del Consiglio non sfiora neanche di un millimetro l’idea di chiedere scusa agli italiani. E meno che mai di confessare davanti ai tribunali ;-)

tamara | 15/12/2009 ore 10:37:38

 

Certo che mrB è sincero.
Ha perso già molto tempo fa la percezione della realtà. C'è gente che lo idolatra come fosse un dio, e d'altronde non potrebbe essere altrimenti dato che mrB coltiva ed alimenta il culto della (propria) personalità. Forte del suo carisma, delle folle che lo acclamano, di chi si beve tutte le sue menzogne, procede per la sua strada schivando gli ostacoli (leggi processi).
E a nulla sono valse le varie manifestazioni di piazza... Solo una (altra) persona mentalmente instabile è riuscita ad insinuare il dubbio del dissenso nelle sue granitiche certezze fatte di sondaggi di gradimento e di informazione manipolata. E questo mi pare pare grave. Mi pare grave il gesto di violenza commesso e mi pare grave che non abbia trovato le onnipresenti guardie del corpo a fermarlo.
Mi chiedo a cosa porterà, questo dialoghi tra pazzi

Eliana | 15/12/2009 ore 10:18:58

 

e siamo già in tre...

Tanus | 15/12/2009 ore 10:01:10

 

"fsccio": non male, eh?

maramaus | 15/12/2009 ore 09:58:46

 

Gianluca, fsccio outing: siamo almeno in due a pagare le tasse, allora...
Fara, grazie!!!

maramaus | 15/12/2009 ore 09:58:05

 

E intanto siccome la politica va avanti e non tutto è show, perché dietro lo show ci sono gli atti concreti, lo scudo fiscale è prorogato ad aprile: praticamente un condono perpetuo. Ma allora perché sono costretto a pagare le tasse solo io?

Gianluca | 15/12/2009 ore 08:07:06

 

Roberto, non voglio far la figura di quella che ti da ragione MA hai ragione! Berlusconi E' sincero. Lui non riesce neanche ad immaginare un mondo che la pensa diversamente da lui. Ma, mi chiedo, è normale averlo come presidente del consiglio? E' normale pensare che l'anomalia siamo noi e non lui?

Un ps ma devo farlo. La vignetta di Maramaus è S P E T T A C O L A R E

fara | 15/12/2009 ore 01:07:52

 

Yorick a te sembra assurdo. A me, simbolicamente perfetto. Un duomo di milano, simbolo millenario di cultura ed arte, tirato in faccia al sovrano assoluto della repubblica delle banane. Che, detto per inciso, aveva appena fatto ridere, tanto per cambiare, mezza europa con i suoi disegnini di mutande da donna.

La tragedia di un paese ridicolo, insommma. Cosa altro aspettarsi, del resto?

teresa de masi | 14/12/2009 ore 21:42:08

 

LEGGO E PUBBLICO LA SOLLECITAZIONE DI UN AMICO E COLLEGA CHE PUBBLICA IL SEGUENTE INTERVENTO SUL FORUM DEL MIO LICEO:

11/12/2009, h 07:00:
per la prima volta in Occidente appare su un giornale a diffusione nazionale un articolo di denuncia della Truffa Monetaria. Il giornale è Il Giornale, appartenente a Paolo Berlusconi (leggasi Silvio Berlusconi). Che sceglie con questo gesto di mettersi sulla scia di Lincoln e Kennedy e numerosi altri statisti uccisi dai Padroni della Moneta.

13/12/2009, h 18:00:
uno psicolabile lancia in faccia a Berlusconi, dalla distanza di due metri, una statuetta del Duomo, provocandogli una lesione del setto nasale, una ferita esterna ed interna e un'abbondante perdita di sangue.

Meditare.

Ecco il testo dell'articolo:

Abbiamo ricominciato a tremare per le banche. Abbiamo ricominciato a tremare addirittura per gli Stati, a rischio di fallimento attraverso i debiti delle banche. Si è alzata anche, in questi frangenti, la voce di Mario Draghi con il suo memento ai governanti: attenzione al debito pubblico e a quello privato; dovete a tutti i costi farli diminuire. Giusto. Ma l’unico modo efficace per farli diminuire è finalmente riappropriarsene. Non è forse giunta l’ora, dopo tutto quanto abbiamo dovuto soffrire a causa delle incredibili malversazioni dei banchieri, di sottrarci al loro macroscopico potere? Per prima cosa informando con correttezza i cittadini di ciò che in grande maggioranza non sanno, ossia che non sono gli Stati i padroni del denaro che viene messo in circolazione in quanto hanno delegato pochi privati, azionisti delle banche centrali, a crearlo.

Sì, sembra perfino grottesca una cosa simile; uno scherzo surreale del quale ridere; ma è realtà. C’è stato un momento in cui alcuni ricchissimi banchieri hanno convinto gli Stati a cedere loro il diritto di fabbricare la moneta per poi prestargliela con tanto di interesse. È così che si è formato il debito pubblico: sono i soldi che ogni cittadino deve alla banca centrale del suo paese per ogni moneta che adopera. La Banca d’Italia non è per nulla la «Banca d’Italia», ossia la nostra, degli italiani, ma una banca privata, così come le altre Banche centrali inclusa quella Europea, che sono proprietà di grandi istituti di credito, pur traendo volutamente i popoli in inganno fregiandosi del nome dello Stato per il quale fabbricano il denaro.

Ha cominciato la Federal Reserve (che si chiama così ma che non ha nulla di «federale»), banca centrale americana, i cui azionisti sono alcune delle più famose banche del mondo quali la Rothschild Bank di Londra, la Warburg Bank di Berlino, la Goldman Sachs di New York e poche altre. Queste a loro volta sono anche azioniste di molte delle Banche centrali degli Stati europei e queste infine, con il sistema delle scatole cinesi, sono proprietarie della Banca centrale europea. Insomma il patrimonio finanziario del mondo è nelle mani di pochissimi privati ai quali è stato conferito per legge un potere sovranazionale, cosa di per sé illegittima negli Stati democratici ove la Costituzione afferma, come in quella italiana, che la sovranità appartiene al popolo.

Niente è segreto di quanto detto finora, anzi: è sufficiente cercare le voci adatte in internet per ottenere senza difficoltà le informazioni fondamentali sulla fabbricazione bancaria delle monete, sul cosiddetto «signoraggio», ossia sull’interesse che gli Stati pagano per avere «in prestito» dalle banche il denaro che adoperiamo e sulla sua assurda conseguenza: l’accumulo sempre crescente del debito pubblico dei singoli Stati. Anche la bibliografia è abbastanza nutrita e sono facilmente reperibili sia le traduzioni in italiano che i volumi specialistici di nostri autori. Tuttavia queste informazioni non circolano e sembra quasi che si sia formata, senza uno specifico divieto, una specie di congiura del silenzio.

È vero che le decisioni dei banchieri hanno per statuto diritto alla segretezza; ma sappiamo bene quale forza pubblicitaria di diffusione la segretezza aggiunga alle notizie. Probabilmente si tratta del timore per le terribili rappresaglie cui sono andati incontro in America quegli eroici politici che hanno tentato di far saltare l’accordo con le banche e di cui si parla come dei «caduti» per la moneta. Abraham Lincoln, John F. Kennedy, Robert Kennedy sono stati uccisi, infatti (questo collegamento causale naturalmente è senza prove) subito dopo aver firmato la legge che autorizzava lo Stato a produrre il dollaro in proprio.

Oggi, però, è indispensabile che i popoli guardino con determinazione e consapevolezza alla realtà del debito pubblico nelle sue vere cause in modo da indurre i governanti a riappropriarsi della sovranità monetaria prima che esso diventi inestinguibile. È questo il momento. Proprio perché i banchieri ci avvertono che il debito pubblico è troppo alto e deve rientrare, ma non è possibile farlo senza aumentare ancora le tasse oppure eliminare alcune delle più preziose garanzie sociali; proprio perché le banche hanno ricominciato a fallire (anche se in realtà non avevano affatto smesso) e ci portano al disastro; proprio perché è evidente che il sistema, così dichiaratamente patologico, è giunto alle sue estreme conseguenze, dobbiamo mettervi fine. In Italia non sarà difficile convincerne i governanti, visto che più volte è apparso chiaramente che la loro insofferenza per la situazione è quasi pari alla nostra.

Fonte > Il Giornale | 11 dicembre

Marta Aiello | 14/12/2009 ore 21:38:47

 

Al consigliere Anedda:
Ma non era stato proprio Fini a dire che la storia ci insegna che a fare l'imperatore si rischia a volte di fare una brutta fine...

[LINK]

Ale Cu | 14/12/2009 ore 20:59:44

 

A me sembra tutto folle. Il gesto del "folle".I commenti della maggioranza e quelli dell'opposizione.Il commento del Presidente della Repubblica.Quello del Vaticano.
Un Paese grottesco in perenne felliniana prova d'orchestra.

Mingo | 14/12/2009 ore 20:45:21

 

@Gianluca e Yorick
La tragedia c'è tutta.
Ma esclusivamente nei termini di impossibilità a garantire la sicurezza di un premier già blindato. Al posto del souvenir poteva esserci una pistola.
Per il resto non era difficile prevederlo.
Le battute si fanno perché - comunque la si pensi - che Berlusconi sia amato è una bufala.
Berlusconi è apprezzato da chi lo utilizza e dice di pensarla come lui.
E quando andrà via (speriamo per altri motivi) ci sarà la gara a dirne delle peggiori e non si troverà più nessuno di quelli che adesso per strada corrono a stringergli la mano.
Scommettiamo?
P.S.: la migliore che ho sentito finora è: "in questo periodo di natale i souvenir te li dirano proprio dietro".

Lu | 14/12/2009 ore 20:24:18

 

Sono senza parole, davvero. Tuttora ho a malapena la capacità di annuire. Bella la penultim'ora, i commenti di Maramaus, Antonio, Teresa, tanti altri. Condivido la pena e la rabbia, perché in una democrazia le cose non devono andare così.
Eppure c'è qualcosa di amaramente ridicolo in questa storia. Un pazzo che tira un duomo al premier. Tra qualche giorno (mi ci gioco quello che volete) le battute sull'argomento le farà pure il diretto interessato. In Italia non sappiamo produrre neanche tragedie serie.

yorick | 14/12/2009 ore 19:44:02 | @

 

Di questa dichiarazione cosa ne pensiamo?

Al Csm il consigliere Pdl Anedda: "Pm non estranei a clima di odio"

Da repubblica.it

Gianluca | 14/12/2009 ore 19:38:53

 

Alcune riflessioni.

"Perché tanto odio? Io voglio bene a tutti" è uno dei punti più alti di una recita che dura da troppi anni.

Le dichiarazioni a caldo dei rappresentanti di centro-destra sono state perfette e adeguate. Senza pensare troppo male, mi verrebbe da dire che si erano preparati all'eventualità: "Quando qualche cretino gli darà una botta ravvicinata (e qualcuno gliela darà per certo prima o poi), noi li incastriamo quelli dell'opposizione...".

Poi penso: ma quanti film abbiamo visto (tipo quello con Harrison Ford di cui non ricordo il titolo) in cui lo spietato business-man colpito da una malattia ripensa alla sua vita e cambia direzione? Ora esce dall'ospedale e si fa francescano.

Scusate il cinismo, ma in tutta onestà la prima cosa che ho pensato non è stata: "poveretto si è fatto male" e neanche se per questo "se l'é meritata". Ho pensato: Chissà cosa ci toccherà sentire adesso.

Certo il colpo gli ha fatto male dal punto di vista fisico. E psicologico? Vediamo cosa farà uscito dall'ospedale: se pestare il pedale dell'acceleratore o trovare un altro approccio.

Gianluca | 14/12/2009 ore 19:35:14

 

E' scandaloso e moralmente inaccettabile ciò che stiamo leggendo in queste ore su questo forum. Per questo chiederò al ministro dell'Interno di procedere all'oscuramento del sito di Roberto Alajmo, in cui si istiga al tiro di ortaggi al presidente Silvio Berlusconi.

tamara | 14/12/2009 ore 16:49:23

 

Mettete dei pomodori (marci) nei vostri cannoni!

maramaus | 14/12/2009 ore 16:27:55

 

O mia bella madunina che te brilli de luntan....
Forse ha ragione Fara, un bell'ortaggio fradicio sarebbe stato meglio

Max | 14/12/2009 ore 16:10:18

 

Personalmente sono preoccupata dell'ondata di buonismo di ritorno.
Mi sembra di essere a un funerale, quando improvvisamente "il morto", un emerito mascalzone in vita, diventa un santo, compianto da tutti. Non vorrei che si perdesse di vista che il presidente del Consiglio e la sua maggioranza da mesi attaccano pesantemente il presidente della Repubblica, la Corte Costituzionale, la magistratura il Parlamento e la Chiesa che ha osato difendere Rom e musulmani. Per non parlare dei delicati epiteti rivolti a coloro che non lo hanno votato. Parole gentili come "coglioni", "farabutti", parassiti, ecc.

Cerchiamo di non perdere di vista che non si è trattato di "un attentato" ma dell'aggressione di un singolo individuo con un' "arma" che definirla impropria è quanto meno generoso. Quel tale, se non fosse un idiota, avrebbe potuto usare un pomodoro, l'effetto scenico sarebbe stato lo stesso e l'offesa maggiore. E il martire a quest'ora sarebbe stato lui.

fara | 14/12/2009 ore 15:35:15

 

"Conseguenze più serie del previsto: no a dimissioni prima di 24-36 ore".

- Cazzo allora si dimette. Hip hip...

- Dall'ospedale. SCEMO. Dimissioni DALL'OSPEDALE.

Lu | 14/12/2009 ore 14:46:25

 

E comunque, il suo sangue (alla stregua di quello di San Gennaro) poté il miracolo di riunire i suoi sostenitori (accampati sotto l'ospedale) ed i suoi avversari politici in un unico sogno: le sue dimissioni.

teresa de masi | 14/12/2009 ore 14:39:47

 

@maramaus
Eh, no! "Rolling Stone" non è il solo ad aver visto giusto...

Vignetta dal "Neues Deutschland" intitolata, appunto, "ROCKSTAR BERLUSCONI":
[LINK]

tamara | 14/12/2009 ore 14:08:08

 

L'illeggibile "Rolling stone" (italiano) è stato il solo a vedere giusto: il premier è la rockstar dell'anno: quasi come Lennon...

maramaus | 14/12/2009 ore 13:38:57

 

Ovvio, condanno senza esitazioni e come ho già detto, mi fa rabbia Di Pietro. Ma leggere ora di quel "perché mi odiano?" mi mette una tristezza profonda. Non solo perché non avrei mai voluto vedere quella faccia ma perchè solo chi non è in grado di attribuire il giusto valore alle parole può, ora chiedersi questo. "Coglioni", "farabutti", "lei è più bella che intelligente", "io ho le palle". Le parole, si sa, sono pietre. Pronte ad assumere strane forme: persino quella del Duomo di Milano.

teresa de masi | 14/12/2009 ore 13:35:55

 

Il premier ricoverato nell’ospedale San Raffaele di Milano è in buone condizioni. Colto da improvvisa ispirazione, sta disegnando la nuova collezione primavera-estate di mutande da donna.

tamara | 14/12/2009 ore 12:19:37

 

A conti fatti, l'unico a guadagnarci sarà lui e i rivenditori di souvenir

fara | 14/12/2009 ore 12:14:12

 

Berlusconi ha ricevuto una statuetta in faccia da uno squilibrato. Più che cercare santificazioni o falsi adescatori, si cerchi di capire concretamente come un Presidente del consiglio possa essere così vulnerabile nonostante quel pò pò di scorta.
E poi, c'è troppa violenza ovunque. In Francia, il chirurgo che ha operato Johnny Halliday (che ora è in coma farmacologico per complicazioni negli USA) è stato aggredito e picchiato da due che "ufficialmente" squilibrati non erano.
Intorno ai personaggi pubblici, specie quelli che si alimentano della loro visibilità e divismo, gira sempre una possibilità di violenza a volte estrema. Non dimentichiamoci che John Lennon è stato ucciso

antonia | 14/12/2009 ore 12:10:14

 

A me fa ancora piu'pena quest'Italia, in cui la lotta politica rischia di trasformarsi in guerriglia di tipo sudamericano. Io non ho gioito per l'aggressione a Berlusconi. La violenza e' un segno di barbarie, dalla quale l'uomo forse non si affranchera' mai(tremila anni di civilta' non sono serviti), ma che indigna e fa orrore. Umanamente mi e' dispiaciuto. Non condivido quasi nulla dei pensieri e dei comportamnti di Berlusconi, ma e' un essere umano come me e desidero che venga rispettata la sua incolumita' fisica esattamente come quella mia. Questo sentimento mi e' stato inculcato dalla educazione cristiana ricevuta in famiglia ma non e' certo monopolio di una religione: e' piuttosto un imperativo della ragione morale.
Il gesto inconsulto dello squilibrato deve fare riflettere tutte le parti in gioco, e soprattutto lui, Berlusconi, che spero si ricordera' finalmente di essere il capo del governo di tutti gli italiani.

Antonio Carollo | 14/12/2009 ore 11:58:50

 

Condivido l'analisi di Roberto e di tutti voi.

Prima di infilare l'ago il primario del reparto di chirurgia gli ha sussurrato nel gigantesco orecchio: "Le farò un po' male. Hai mai avuto punti al viso?".
L'invalido l'ha guardato.
Ed medico ha infilato l'ago in silenzio.

Lu | 14/12/2009 ore 11:54:18

 

Concordo con maramaus. E tutte le lamentazioni delle varie prefiche sono l'incubo più assurdo in questo momento

antonia | 14/12/2009 ore 11:38:49

 

Guarnire infine con una spruzzatina di sano tecoppismo.

[LINK]

yorick | 14/12/2009 ore 11:38:39 | @

 

"Oh tua bela Madunina
che te lancian da luntan..."

tamara | 14/12/2009 ore 10:18:02

 

certo, meglio sarebbe stata la terza arancina.
due al Milan, una a lui!

marina | 14/12/2009 ore 08:41:07

 

E se fosse accaduto ad Agrigento, dove si vendono riproduzioni in scala del tempio della concordia realizzate in tufo poroso, del peso di un paio di chili?

Comunque: ha ragione Maramaus

Giuseppe | 14/12/2009 ore 08:07:14

 

concita copia...
ho sbagliato a scrivere

Tanus | 14/12/2009 ore 00:32:25

 

@Teresa:
secondo me è teresa che ti copia...

Tanus | 14/12/2009 ore 00:31:41

 

@tanus, mi sembrava fosse già assodato questo, no? ;-)

/scherzi a parte, ci sono state almeno due edizioni straordinarie su questa vicenda. E parlo solo delle 22: tg1 e tg5 ma non ho controllato gli altri canali.
Le parole usate nei confronti dell'oppposizione, da Bondi per esempio, è inutile che le citi. Le immaginate da soli, credo. Ora la sinistra, ha due possibilità. O difendersi (e quindi rafforzare l'impressione di essere succube sempre e comunque di quello che altri decidono) oppure passare al contrattacco. E se un uomo politco viene colpito, il modo migliore per difendersi è chiedere, pretendere, che venga fatta chiarezza. Prendendo le distanze dalla violenza ma pretendendo chiarezza ed assunzione delle responsabilità. Questo vuol dire che Bersani doveva chiedere che il ministro dell'interno fosse chiamato a riferire in parlamento, già stasera secondo me. Perche' seminare odio e colpe, non fa per noi. E' gioco di altri. Di Bondi e Fede, per esempio.

E cosa cambia, in un quadro di difesa della democrazia che ad essere vittima di violenza sia un membro dell'opposizione o il capo del governo? Nulla.

ps. Al solito, le prime cose sensate le leggo scritte da Concita.

"Le accuse reciproche, l'enfasi sul clima d'odio, le solidarietà dovute, i pensieri che è già troppo aver pensato. Noi non vogliamo far parte di quel coro, non ci troverete lì. Noi vogliamo, pretendiamo che il dibattito e persino lo scontro politico, in Italia, si fermino alle soglie della civiltà."

[LINK]


/come fa a sapere questo forum che ho appena fatto lo SHAMPOO e che sto scrivendo coi capelli bagnati? Inquietante... ;-)

teresa de masi | 13/12/2009 ore 23:55:00

 

Però, poverino!, sfortunato, la volta scorsa s'è beccato un treppiedi, oggi un duomo da tavolo...Che scrivaranno nei libri di storia?

fara | 13/12/2009 ore 23:50:26

 

Teresa, lo ammetto... sei moooolto più inquetante di me!!

Tanus | 13/12/2009 ore 23:36:55

 

E se avesse avuto una pistola?

In un paese normale non dovrebbe essere il Ministro dell'interno a spiegare come sia potuto succedere una cosa del genere? Scorta, forze dell'ordine, e una marea di gente. La solita vecchia parola, insomma: "responsabilità". E perchè non dovrebbe essere l'opposizione, oggi, a chiedere le dimissioni di chi non ha potuto garantire la sicurezza del Premier?

/faccinasatanicosardonica.

teresa de masi | 13/12/2009 ore 22:45:35

 

A me viene in mente qualcosa, a voi no?

"Alla già abbastanza tossica insalata politica italiana manca tuttavia un ingrediente..."

[LINK]

teresa de masi | 13/12/2009 ore 21:40:47

 

Potere troppe volte delegato ad altre mani, sganciato e restituitoci dai tuoi aeroplani, io vengo a restituirti un po' del tuo terrore del tuo disordine del tuo rumore

vitalba | 13/12/2009 ore 21:28:28

 

@maramaus, facciamo anche un 1-2-3
Vuoi che perda perda l'occasione di un perdono in diretta TV?

teresa de masi | 13/12/2009 ore 20:52:11

 

Lo so. E non è una giustificazione al gesto, per carità. Dico solo che il clima d'odio non lo abbiamo creato noi. E che, già da mesi, mi capita di leggere, ma anche di sentire alla radio, discorsi estremi che esprimono un malcontento popolare non indifferente.

Eliana | 13/12/2009 ore 20:13:33

 

L'opposizione riceve un terribile uno-due: il cazzotto a Berlusconi ci piega e la logorrea di Di Pietro ci stende. Che Italietta stupida.

maramaus | 13/12/2009 ore 20:12:43

 

@eliana, sarà anche vero ma i cocci,in questo caso, sono nostri.

teresa de masi | 13/12/2009 ore 20:07:41

 

Chi semina vento raccoglie tempesta

Eliana | 13/12/2009 ore 19:59:27

 

Assolutamente, romp. Assolutamente.

Ma questo non toglie che minimo minimo gli procura un 5 per cento in piu' nei sondaggi. E questo mi rode.

E la storia, purtroppo, ha già visto momenti simili.

teresa de masi | 13/12/2009 ore 19:58:16

 

Io credo che l'aggressione a Berlusconi sia da condannare senza se e senza ma. E penso che tutti i distinguo pelosi alla Di Pietro - in questo momento - siano indice di odio personale e di violenza. Non è politica. E nemmeno democrazia.

romp | 13/12/2009 ore 19:53:08 | @

 

Tutto grasso che cola per il "Beato Silvio Martire".
A quando le leggi speciali?

fara | 13/12/2009 ore 19:50:33

 

Bingo!!!!! c'é solo da piangere...

Gianluca | 13/12/2009 ore 19:47:12

 



"In seguito al fallito attentato, già un mese dopo furono approvate le "Leggi per la difesa dello Stato". Circa 120 deputati dell'opposizione furono dichiarati decaduti, fu istituito il Tribunale Speciale per la sicurezza dello Stato (che riaprirà il caso Zamboni), fu approvata l'istituzione della pena di morte e tutte le pubblicazioni ostili furono sospese."

/Wikipedia, voce "Anteo Zamboni"

teresa de masi | 13/12/2009 ore 19:45:34

 

@ Roberto: meno male che il post sulla faccia del premier te la sei giocata ieri!

p.s. legittima difesa?

Paola | 13/12/2009 ore 19:20:20

 

Dopo ORA ci va un CHE.

Eliana | 13/12/2009 ore 19:08:03

 

Perfetto. Ora abbiamo il povero martire sanguinolento che esce dall'auto per farsi vedere ferito, aspettiamo che il processo di beatificazione abbia inizio.

Eliana | 13/12/2009 ore 19:07:24

 

A livello mediatico il discorso di Roberto non fa una grinza. Per i patiti di TV, cioe' per il 95 per cento degli italiani, Dell'Utri e' da assolvere perche' i pm hanno perso la partita dei pentiti. Ma la giustizia e' un'altra cosa; non ha niente a che fare con lo show massmediatico. Va bene che viviamo in mezzo ad una continua gazzarra, alimentata spesso da politicanti in malafede, ma, vivaddio, ci sara' qualcosa di serio in questo Paese!

Antonio Carollo | 13/12/2009 ore 15:31:51

 

Tanus... Il punto è che quando mi capita di discutare con persone così (che mi citano mussolini! mygod!) mi chiedo se sono solo un'illusa che si circonda di persone che la pensano come lei perdendo così il contatto con il lato reale del paese...

Eliana | 13/12/2009 ore 15:20:53

 

Facebook è troppo globale.
Ti consiglio di non leggerle neanche certe "minchiate" come diceva uno, sono solo "stronzi" come diceva un'altro. E noi siamo "comunisti farabutti" e ste cose non le sopportiamo...
Del Resto come mi vergogno che Corona e Mr B. sono italiani. E che Dell'Utri, Schifani, Mangano, Alfano.... sono palermitani.

PS Era solo una serie di collegamenti neuronali neurologici da neuro, ma lo so... sto addivintannu foddi ormai.

Tanus | 13/12/2009 ore 15:16:10

 

Non credo che tutto il chiasso mediatico possa influire sul lavoro dei giudici. Se in primo grado Dell'Utri e' stato condannato, qualcosa di solido ci sara'. Certo, la tempesta mediatica impressiona parecchio (il pubblico), ma non si devono sottovalutare i giudici. Le sentenze non le emette l'opinione pubblica (per fortuna).

Antonio Carollo | 13/12/2009 ore 15:12:47

 

Mi viene la nausea anche solo rileggendolo. Ma volevo farvelo leggere.
In questo momento il mio storico ottimismo su un paese migliore è al minimo storico.
(mi ha citato mussolini, come se fosse un vate!!! Non ci posso pensare)!!!!

Eliana | 13/12/2009 ore 14:50:08 | @

 

"Parto dal pressuposto ke non sono razzista, pero' ci sn molte cose da dire...L'immigrazione è collegata all'aumento di criminalità ke sta peggiorando in una maniera assurda...Dovrebbero tornare a casa loro, xkè se nn hanno lavoro o niente è ovvio ke sono qua solo per rovinare il nostro paese..
fatti un giro vicino ai nostri monumenti e vedrai il degrado che hanno portato!!!!! Sai qual è la differenza? che la cultura di alcuni paesi, è diversa dalla nostra. In oriente ad esempio!!!E non possono arrivare qui in Italia ed imporre le loro tradizioni. Come stanno facendo! Se proprio devono stare qui devono RISPETTARE NOI E LA NOSTRA CULTURA. no ke vengono e vogliono stravolgere tutto. (tolgiere il crocifisso, aprire moschee... sposarsi le donne italiane, COMANDARE!!!NOOO!! se devono stare qui..devono stare zitti, come fanno gli itraliani in altri paesi.
Perchè non mi risulta che gli italiani emigrati fuori vogliano inporre la nostra cultura al popolo dove vivono, anzi.. la rispettano!!xk il rispetto è una della caratteristica principale della nostra cultura!!NO come le altre!! La maggior parte degli stranieri non viene qui x lavorare onestramente!! Non diciamo cretinate. Non si parla altro nei tg di qst "persone" che violentano , che uccidono ecc. mai una nota gratificante per loro mai!!! QUESTA E' LA REALTA'. Sicuramente di italiani farabutti c'e ne stanno tantissimi, ma non nascondiamo il fatto ke i crimini principalmente sono fatti da stranieri!!"
Io l'ho invitata a prendere maggiore contatto con la realtà e lei mi ha risposto: "Ma dove vivi?? esci dalla tua realta',vai fuori e vedi quello che succede grazie alla presenza di questi!!! L italia sta andando a Puttane!! SE NE DEVONO ANDARE TUTTI A VOLO!! punto!!Spero tanto che un giorno chi governa se ne rende conto!!
Quanto evoco Mussolini alla resurrezione ,di questi tempi!!!!!!! Io vivo in un posto dove esiste mafia, violenza e crimini vari. Io mi baso su tutto quello che vedo ogni giorno nella mia citta' e ti garantisco ke lo skifo che c'e' è causato pincipalmente da stranieri. Fino l altro giorno hanno violentato una ragazzina vicino casa mia, e indovina chi era lo stipratore??? UN RUMENO!!!Quindi sta zitta!!
Nessuno ha potuto fermarci... nessuno ci fermerà!!
"B. Mussolini"... Mostra tutto
Ringrazio il cielo ke ci sono ancora persone ke portano avanti le idee di quest uomo!! E NON MI VERGOGNO AFFATO!! anzi!!!!"
...ecco. Queste le parole di una ragazza di venti anni.

Eliana | 13/12/2009 ore 14:43:20

 

Lo so che sono fuori tema, ma posso postarvi il commento di una ragazza di fb? A proposito di una discussione di qualche tempo fa... IO NON SONO RAZZISTA MA... credo di stare tremando dalla rabbia!

Eliana | 13/12/2009 ore 14:30:45

 

"Mediaticamente scomparso".
Io spero tanto che nelle aule di giustizia tale avverbio non entri.

Paola | 13/12/2009 ore 13:51:03

 

Una domanda: perché un signore condannato a 9 (nove) anni di carcere è libero di girare per il paese, rilasciare interviste e partecipare a trasmissioni televisive senza contraddittorio?

Vi ricordo che a RAInews24 che ha trasmesso la diretta del No-B-Day è stata rimproverata l'assenza di contraddittorio!

fara | 13/12/2009 ore 13:43:07

 

@maramaus... come sarebbe a dire,senza versare un centesimo? E allora, che t'ho appena linkato a fare? :-P

/in verità ho approfittato dell'omino appeso ad un filo, bellissimo, per linkare in un colpo solo due piccioni con una fava. Spero mi perdoniate. :)

teresa de masi | 12/12/2009 ore 21:34:15

 

ci siamo persi?
Peccato...

fara | 12/12/2009 ore 18:54:24

 

Mai detto in vita mia.
:-)

Tanus | 12/12/2009 ore 17:48:04

 

@Tanus: Ma non avevi detto, l'altra volta, che le avevi quadrate?

maramaus | 12/12/2009 ore 17:41:28

 

@Tamara:
io ormai più che camminare... rotolo!!!

Tanus | 12/12/2009 ore 17:22:23

 

/Osservate la foto qui sotto. Ritrae l’attuale Presidente del Consiglio italiano…

Lo sguardo è duro, da macho, di un uomo fiero che ostenta un “C’ho le palle!”
E anche noi. Ma belle piene.

tamara | 12/12/2009 ore 17:03:59

 

Da quando ci sono io gli autobus viaggiano in perfetto orario... Mah, questa l'ho già sentita...

maramaus | 12/12/2009 ore 16:38:13

 

gli autobus andrebbero da sogno, non da realtà

fara | 12/12/2009 ore 16:21:41

 

certo che me lo immagino. Maramaus è una goduria

fara | 12/12/2009 ore 16:17:38

 

Maramaus è un artista come pochi.
Un poeta della matita e del pennello.
Immaginate un talento come lui a guidare gli autobus?!?!?!
Spunti e idee per 3-4 secoli...

Bigliettttiiiiiii!!!!!

Tanus | 12/12/2009 ore 15:51:48

 

Lo diciamo che RA e Maramaus detengono i blog più belli della rete? Mettono in crisi e aiutano a ricostruire "a brave new world". Più di così...

yorick | 12/12/2009 ore 15:50:45 | @

 

No??
e va be!
allora continuiamo

fara | 12/12/2009 ore 15:20:50

 

No.

maramaus | 12/12/2009 ore 15:00:42

 

la smettete di farvi complimenti?

fara | 12/12/2009 ore 14:50:23

 

@maramaus:
lo meriti ampliamente

Tanus | 12/12/2009 ore 14:45:51

 

Grazie, ragazzi, sto facendo scorta abbondante di stima e affetto!

maramaus | 12/12/2009 ore 14:13:30

 

La crisi è forte, non è in dubbio.
Nonostante la mitizzazione fatta di Mr B. è indubbio che sia un essere umano - non un uomo, lo sminuirei ;-) - e come tale il suo aspetto, in qualche espressione, rispecchi le sue preoccupazioni.
Ha capito che ci sono probabilità elevate che non venga rieletto, e adesso deve fare di tutto per convincere i soliti quattro labili mentali - spettatori di rai4 più che altro - che è il miglior premier degli ultimi 2100 anni. Neanche Cristo si salva... premier di diseredati e comunista - lo dico con orgoglio - pure lui. Al momento mi preoccupa molto di più il suo enturage.

PS Rai4 naturalmente NON E' un lapsus.

Tanus | 12/12/2009 ore 14:10:02

 

@Maramaus.

Aumenta il numero di visite che faccio nella rete col tuo blog. La rete... che serve se si è appesi a un filo.

Gianluca | 12/12/2009 ore 14:04:31 | @

 

Ora sì...

RA | 12/12/2009 ore 13:54:36

 

Che hai linkato, Maramaus? Io non ci arrivo da lì...
Ne approfitto per dichiarare che se qui ci fosse la colonna dei blog che mi piacciono quello del sedicente Maramaus sarebbe molto in alto.

roberto alajmo | 12/12/2009 ore 13:52:42

 

[LINK] nel post di prima forse non ho riportato bene il link: spero sia la volta buona...

maramaus | 12/12/2009 ore 13:08:40

 

Scusate la spudoratezza, ma il finale del post di Gianluca (siamo sul filo) richiama con prepotenza (involontaria) il tema del post odierno (a firma di Roberto) nel mio blog [LINK] (Pubblicità senza versare manco un centesimo!)

maramaus | 12/12/2009 ore 13:07:06

 

è una caduta inevitabile.....e sul piano fisico-plastico e su quello psico-professional-politico......ma bisogna essere palermitani per leggere fra le righe dei comportamenti che Spatuzza, Graviano jr e Graviano sr stanno adottano.....ma scherziamo?

armando | 12/12/2009 ore 10:20:40 | @

 

@Ra

Però prima smottiamo noi.

Ieri alla manfestazione dello sciopero della Cgil settori pubblici e conoscenza Epifani ha già illustrato la prossima sfida della cara vecchia Cgil, arnese del Novecento secondo Serio Sacconi. La sfida è ricostituire il comitato Salviamo la Costituzione ed erigersi a difesa della Carta Costituzionale e (dico io) a difesa del Presidente della Repubblica, spesso oggetto di polemica in questo forum. A difesa non di Giorgio Napolitano in quanto Giorgio Napolitano, ma in difesa dell'assetto costituzionale che ci siamo dati nel 1948. Durante il fascismo hanno sciolto la Cgil e hanno bruciato le Camere del Lavoro, ora qualcuno vorrebbe metterci in un angolo a non contare nulla e a morire per inedia e e inerzia. Ci opporremo.

Siamo sul filo di un RASOIO.

Gianluca | 12/12/2009 ore 09:52:23

 

Temo che non siamo ancora arrivati alla catatonia definitiva: la deriva dei continenti anatomici continuerà ancora. Appena il titolare della faccia si leverà la bandana, tornerà in sé e chiamerà a raccolta i servi televisivi. Riprenderà la campagna pubblicitaria per vendere i formaggi scaduti da anni. Anche se non guardi tv, ti accorgi che è successo perché pure gli amici tuoi dicono: "Però i giudici sono comunisti e fanno politica", "Però come si spiega che proprio adesso...". C'è una cosa che non ha previsto: la tv si è diluita col digitale. Forse lo share dei soliti canali si è abbassato. Vedi, forse l'ingordigia lo ammazza. Praticamente si suicida con una grande bouffe della quale non aveva previsto gli esiti letali.

yorick | 12/12/2009 ore 09:14:38 | @

 

Roberto, tu dici che la faccia sta franando...? Io dico di no... Anche se dovrebbe. L'agire di mrB è talmente sconsiderato che un uomo con un po' di dignità la faccia l'avrebbe già persa... Ma lui, notoriamente, non è dotato di coscienza.
E non perderà la faccia neppure a causa di tutti quegli interventi che gli regalano la pia illusione di essere giovane, bello ed immortale. Ha dei tiranti molto forti che la tengono su... Tiranti color verde intenso, per la maggior parte.
Potrebbe però succedere che la faccia si stanchi di rappresentare un uomo del genere, e autonomamente decida di staccarsi e scivolare giù, alla ricerca di un luogo in cui non subire le brucianti conseguenze delle azioni/funzioni corporali di mrB.

Eliana | 12/12/2009 ore 01:16:24

 

può capitare di pensare che sarebbe una bella comodità poter disporre di un comando CRTL+Z anche nella vita di tutti i giorni ma a pensarci bene sarebbe l'ultima barriera che separa la vita di tutti i giorni, quella vissuta appunto, dalla dimensione televisivo-mediatico-virtuale in cui siamo telespettatori, consumatori, fruitori di contenuti...insomma terminali passivi di comunicazione e decisioni. Non è una cosa destabilizzante pensare che c'è chi agisce senza convinzione e senza pensare - sennò a cosa servirebbe il CTRL+Z ? - è il primo passo verso una società irresponsabile e l'irresponsabilità è l'anticamera del populismo, il peggiore, quello che ha prodotto nella storia i massimi guai.

marco | 12/12/2009 ore 00:45:47

 

Ale , ti risponderò in privato. Per quello che posso...
un abbraccione

fara | 11/12/2009 ore 19:12:57

 

A proposito di "control zeta"...
qualche giorno fa chiacchieravo con un amico ventenne, un ragazzo intelligente, sensibile, carino, pieno di qualità... che mi confessava una delle sue difficoltà nella vita di tutti giorni: pensare istintivamente di fare "control zeta" tutte le volte che resosi conto di aver fatto un errore, uno sbaglio... vuole tornare indietro... realizzando solo una frazione di secondo dopo, con dispiacere e smarrimento, di non poterlo fare nella vita reale, vissuta.
Ha amaramente concluso che "tutto questo" era piuttosto destabilizzante...

(sui giovani ventenni di oggi... e non solo)

Ale Cu | 11/12/2009 ore 18:43:46

 

ahhhh
ho scritto "centra"...
ma non c'è un comando "control zeta" in questo forum?????

Ale Cu | 11/12/2009 ore 18:30:04

 

ahhhh
ho scritto "centra"...
ma non c'è un comando "control zeta" in questo forum?????

Ale Cu | 11/12/2009 ore 18:30:04

 

Ancora per Fara... che tu sappia... Piazzetta Tarzanà centra niente con Tazanà o Arzenal?
(uso improprio di forum altrui :-)

Ale Cu | 11/12/2009 ore 18:18:16

 

Fara, tu dare me immagini arsenale borbonico (ricostruzione del progetto originale di smeriglio sarebbe l'ideale), io dare te copia dvd carmen?
(che dici? pensi di avere materiale per me?)
e poi vi passate dvd nel forum...
:-)

Ale Cu | 11/12/2009 ore 18:10:42

 

Intanto ho visto e sentito la Habanera. Un po' fuori sincro. Lei mi è sembrata un quarto di pollo, tuttalto che seduttiva.
Per la regia, mo' vediamo...

roberto alajmo | 11/12/2009 ore 15:38:06

 

Proseguo l'OT di fara, segnalando a chi se la fosse persa in TV che, seppur smontata in diversi pezzi, su youtube c'è già.

[LINK]

teresa de masi | 11/12/2009 ore 14:58:05

 

un OT ad usum Roberto
Su la Carmen e su la regia di Emma Dante ne abbiamo parlato, e tanto, nei cerchi concentrici di FB, cerchi non sempre coniuganti.
Abbiamo, parzialmente ( non siamo stati tutti) concluso che la Dante è stata fischiata perché di sinistra, femmina e intelligente.
Nonostante ciò lo spettacolo "è stato" superbo, a detta di molti.

io, come RA aspetto di poter vedere lo spettacolo prima di esprimere la mia opinione

fara | 11/12/2009 ore 14:43:00

 

Avevo capito Roberto.

Sono d'accordo con te... speculazione.
Invece rilanciavo, secondo me ci sono molte più cose che non ci dicono...
cose che comporterebbero catastrofi economiche e non guadagni, allora meglio tacere.

Tanus | 11/12/2009 ore 14:37:06

 

Dopo mangano abbiamo altri due "eroi" che non parlano: i graviano. Oggi ho capito un nuovo significato della frase:"maledetta la terra che ha bisogno di eroi".

Paola | 11/12/2009 ore 14:13:26

 

Vedi Eliana, a me da fastidio una cosa: il continuo paragone di certi comportamenti "umani" al comportamento delle "bestie", come molti ben pensanti amano chiamare "gli altri esseri viventi, umani e non (dipende dal colore della pelle e dalla "Etnia) Non esiste "bestia" animale per dirla con un certo vocabolario, che si comporta come un uomo.
E' solo l'uomo che cerca di "imbestialire" ( o "umanizzare") gli altri esseri viventi che popolano questo pianeta.

fara | 11/12/2009 ore 14:07:51

 

@roberto, potevi per una volta lasciarmi nella pia illusione di non essere d'accordo con te?

Me lo lascerai provare questo brivido, prima o poi? Uffa... ;-)

teresa de masi | 11/12/2009 ore 14:04:05

 

Un paio di interventi (Tanus, Teresa) mi fa credere di non essermi spiegato bene.
Io sono convinto che ci sia una speculazione in atto. Una speculazione a fini di lucro.
Dubito invece che ci sia una volontà attiva di sfoltire il genere umano avvelenandolo col vaccino.

roberto alajmo | 11/12/2009 ore 14:02:50

 

«La vita attuale è inquinata alle radici [...]. Qualunque sforzo di darci la salute è vano. Questa non può appartenere che alla bestia che conosce un solo progresso, quello del proprio organismo [...]. Sotto la legge del possessore del maggior numero di ordigni prospereranno malattie ed ammalati. Forse traverso una catastrofe inaudita prodotta dagli ordigni ritorneremo alla salute. Quando i gas velenosi non basteranno più, un uomo fatto come tutti gli altri, nel segreto di una stanza di questo mondo, inventerà un esplosivo incomparabile, in confronto al quale gli esplosivi attualmente esistenti saranno considerati innocui giocattoli. Ed un altro uomo fatto anche lui come tutti gli altri, ma degli altri un po’ più ammalato, ruberà tale esplosivo e s’arrampicherà al centro della terra per porlo nel punto ove il suo effetto potrà essere il massimo. Ci sarà un’esplosione enorme che nessuno udrà e la terra ritornata alla forma di nebulosa errerà nei cieli priva di parassiti e di malattie».
Ecco, io la penso come Svevo.
Non mi pongo affatto il problema del bassissimo livello di credulita' a cui sono giunta, in quanto sono convinta che la specie non si estinguera' per un'epidemia, bensi' per l'esplosione di un ordigno. Dunque, problema risolto. La fine arrivera' ed io le sorridero'. Dal momento che non avrei altra scelta, preferisco venire bene nell'ultima istantanea della mia vita! :)

Eliana | 11/12/2009 ore 12:18:05

 

Anch'io!

tamara | 11/12/2009 ore 12:09:05

 

Ma volenteri vengo in Polonia. Ho pure degli amici da quelle parti!

fara | 11/12/2009 ore 12:02:13

 

Io sono una dissidente storica, Tamara.

fara | 11/12/2009 ore 12:01:24

 

@fara
Che fai, ti aggiungi al gruppo di "dissidenti" e vieni a vivere con noi in Polonia, fara?
;-)

tamara | 11/12/2009 ore 11:49:50

 

Cacchio, Tamara! Ri-tirare in ballo un vecchio virus! In giro da decenni e sfruculiare sulla "paura". Ma è Immorale!
Bene hanno fatto i polacchi!

fara | 11/12/2009 ore 11:32:47

 

Si vede che la gente sana si diverte a recitare la parte della cavia umana per la Big Pharma ;-)

/Di sicuro la prossima volta ci crederanno in tanti di meno. La credulità popolare, quella sì, sarà sfoltita.

Provocazione: La prossima volta che ci sarà un’altra pandemia creata su misura, un qualsiasi miscuglio lo renderanno obbligatorio: l'iniezione potenzialmente pericolosa per la nostra salute ce la dovremo fare tutti quanti PER FORZA. E a quel punto io me ne andrò a vivere in Polonia ;-)

Per la cronaca: La Polonia si è rifiutata di acquistare il vaccino contro la N1H1.

tamara | 11/12/2009 ore 11:09:52

 

A me non preoccupa molto che la prossima volta ci saranno sempre meno persone a credere agli allarmi. Sono abbastanza cinica da pensare che qualche milione di morti (me compresa, visto che non sono e non posso essere immortale) forse farebbe bene al pianeta. Quello che mi da fastidio è che si usa la "paura collettiva" per governare il profitto dei soliti pochi e dei soliti Stati a spese di tutti

fara | 11/12/2009 ore 10:55:07

 

@Teresa:
mai cara amica,
ce ne fossero turpiloquianti come te.

Approvo il tuo commento, anch'io penso che, stavolta, non era giustificato il circo mediale.

@RA:
spunto di riflessione... secondo te è più pericoloso credere a quello che ci dicono, oppure non sapere quello che non ci dicono?
Immaginando quello che non sappiamo stavolta mi viene da piangere!

Tanus | 11/12/2009 ore 09:34:37

 

Capita, per fortuna, di non essere d'accordo con te ogni tanto, roberto: e questa è una di quelle.

Da quello che scrivi, infatti, la vicenda dell'attesa - e mancata - pandemia sembra dovuta ad un problema di interpretazione dell'effettiva pericolosità del virus. Esageratamente preoccupata, da una parte, e "complottista" dall'altra.

Ora, anche io sono tra quelli che se proprio devono morire preferiscono farlo ridendo. Però in questa vicenda resta aperta una grande, pesante, incognita. Il ruolo dello Stato, che ha di fatto avviato una campagna di massa sulla necessità di vaccinarsi nonostante da più parti (mediche) venissero espressi dubbi sia sull'efficacia del vaccino, troppo poco testato, sia sulla sua composizione (per esempio, sottolineando la presenza di squalene, uno dei responsabili della sindrome del golfo.
Accanto a questa, il ruolo della stampa: che ha sottolineato descritto questa influenza come un'ecatombe quotidiana, dimenticando di fare confronti con i dati relatvi alle altre influenze stagionali.
Su tutto questo, l'ombra dell'interesse delle case farmaceutiche e la coincidenza della moglie di sacconi - mo' tanus mi accusa di nuovo di turpiloquio ;-) - dirigente di Farmindustria.

Insomma se c'è da ridere, figurati se mi tiro indietro. Solo, in questo caso una risata mi sembra una reazione un po' riduttiva, ecco.

/a proposito, di vaccini e bugie ministeriali, una risata sul nome del fogliettino che accompagna le medicine descrivendone gli effetti collaterali, ce la vogliamo fare? Sì, proprio lui: il BUGIARDINO. ;-D

teresa de masi | 11/12/2009 ore 08:50:01

 

Avrei voluto scrivere qualcosa sulla Carmen e sulla regia di Emma Dante, sui fischi che l'hanno accolta. Finora ho dovuto mordere la penna perchè non ho avuto la possibilità di vedere lo spettacolo.
Qual che mi viene da pensare di quei fischi lo trovate qui [LINK]
Ma vorrei vedere un dvd per farmi un'idea mia. Qualcuno può aiutarmi?

roberto alajmo | 11/12/2009 ore 07:35:13

 

ps
per chi non lo ricorda "La funzione del Basso continuo", penultim'ora del 23/11/2009

fara | 10/12/2009 ore 18:50:44

 


Una variazione di Napolitano sul tema "Basso continuo" : Non più "Severo monito" ma "profondo rammarico" in relazione alle "palle" che Berlusconi ha dichiarato di avere all'Europa intera, che presumo sia rimasta "percossa e attonita" a tale annuncio

fara | 10/12/2009 ore 18:45:10

 

Corona applica a se stesso e all'Italia il paradosso di Marx (Groucho non Carlo): "Non voglio far parte di un club che persiste a volermi accettare come suo membro"

Egidio | 10/12/2009 ore 16:17:15

 

Perfino Corona si vergogna di essere italiano!

yorick | 10/12/2009 ore 15:44:04 | @

 

'azz... Antonia, la storia del thai-chi è agghiacciante... (anche quella della partita di tennis veramente...)

Ale Cu | 10/12/2009 ore 15:05:49

 

Però, voglio anche aggiungere una cosa positiva.
Quando ero a Lione avevo fondato un gruppo di accoglienza per le famiglie straniere che arrivavano alla scuola di mio figlio. C'erano inglesi, americani, giapponesi, coreani, brasiliani, canadesi, turchi,argentini, tunisini..... Quando ho saputo che sarei tornata in Italia ho chiesto se qualcuno voleva sostituirmi. Ma nel discorso che hanno fatto durante la festa di addio mi hanno detto: "solo un'altra italiana potrebbe sostituirti. Solo voi avete la pazienza, la saggezza di andare al di là di tante barriere". Giuro che mi luccicano ancora gli occhi quando ci penso. E' un pò come lo avesse detto l'ONU, no? (sorriso)
P.S. Mi hanno sostituito con un "triumvirato": una turca, un'australiana ed una francese

antonia | 10/12/2009 ore 15:03:51

 

@Antonia LOLLLL

Lu | 10/12/2009 ore 14:48:00

 

Altri due episodi: sud della Francia, l'anno scorso.
Stiamo giocando a tennis, da un campo vicino qualcuno fa un colpo-una parolaccia, un colpo-una bestemmia: accento milanese. Disturba. Protestano dei francesi: nulla. Protestano dei tedeschi: nulla. Poi, da un altro campo arriva una voce: "Oh, mica sei solo. Piantala lì o vengo e ti rompo il c..lo". Silenzio.

Secondo episodio: c'è una lezione di thai-chi sul prato. Persone di nazioni diverse ed età diverse si concentrano e seguono il maestro ed i suoi movimenti. Arrivano due sui 60 anni, accento bresciano-bergamasco. Cominciano a ridere e a sfottere: prima piano e poi, visto che nessuno dice loro niente, a voce alta. Dopo un pò le persone cominciano a spazientirsi ed il maestro invita i due "signori", in inglese, a fare silenzio. Niente da fare: lo sfottò continua. E' dovuto intervenire un vigilante.

Forse Berlusconi ripecchia anche questa illusione degli italiani di credersi spiritosi

antonia | 10/12/2009 ore 14:35:47

 

Caro Roberto, in tutti questi anni all'estero ne ho viste di cose!!
L'altro giorno, vi ho detto che Monaco era invasa dagli italiani, in un negozio, davanti a me, tre signore italiane, accento toscano. Camminano una accanto all'altra, lentissimamente, sono come una specie di barriera semovente che procede a passo di bradipo, come al rallentatore, vista la velocità di chi sta attorno. Non c'è verso di superarle, occupano tutto lo spazio. Si crea una fila di persone spazientite che non riescono ad andare avanti. Finalmente arriviamo all'uscita e, appena varcata la porta, non sapendo bene dove andare, si fermano, imperterrite. La gente ancora più spazientita (i nordici quando si spazientiscono cominciano a fare movimenti slegati, a scatti)cerca di sgattaiolare a destra o a sinistra della barriera. E si ode, da dietro, una voce posente levarsi : "Ahò, ve volete spiccià?". Manco fosse stata una formula magica: la barriera si è dissolta e, a botte di "Wahnsinn" (follia) e "Scheisse" (m....da), un fiume umano con pacchetti e pacchettini si è riversato sul marciapiede

antonia | 10/12/2009 ore 14:27:47

 

@Fara però tu potevi stupirli...

Luigi | 10/12/2009 ore 14:15:06

 

Questi "simpatici (?) mascalzoni (!)" di italiani, che si fanno riconoscere dappertutto sono la cattiva copia del piccolo principe pedofilo coi tacchi.

Si diventa razzisti, anche da grandi. Come Roberto (e me).

Luigi | 10/12/2009 ore 14:14:03

 

Riguardo gli stereotipi, una sera di qualche anno fa, eravamo ospiti a cena in casa di amici a Perugia. Sul tardi arriva una coppia di umbri e cominciamo a chiaccherare allegramente del più e del meno. Dopo un po', uno dei due rivolto alla padrona di casa dice "ma non dovevano esserci due siciliani?"
Non so, forse si apettavano me con lo scialle in testa e il mio condomino con la coppola di velluto...e una parlata alla Mimì metallurgico

fara | 10/12/2009 ore 14:05:24

 

@fara
Ottima battuta :-D

tamara | 10/12/2009 ore 13:48:52

 

@ Tamara
Mi aspettavo una risposta del tipo "su una testa longilinea" ;-)

fara | 10/12/2009 ore 13:39:13

 

@Giuseppe
O.K, O.K: "CAPELLI lunghi biondi e fini"...
E poi dicono che gli svizzeri sono quelli precisi ;-)

P.S.: Ma dov'eri finito, Giuseppe? Era da un po' che non ti si leggeva, o sbaglio?

tamara | 10/12/2009 ore 13:33:25

 

Tamara, mi preoccupano "i cappelli lunghi fini e biondi".
Come si indossano, codesti cappelli?

Giuseppe | 10/12/2009 ore 13:20:58

 

@Tanus
Ah, bei tempi quelli!

La storia della Sicilia in 100 secondi: [LINK]

tamara | 10/12/2009 ore 13:04:13

 

@Tamara:
grazie a Dio, durante i nostri periodi storici felici non si respingevano gli immigrati in Sicilia. Molti normanni, svedesi, inglesi emigrarono qui è ci si stabilirono, oltre ad arabi fenici e greci.

Tanus | 10/12/2009 ore 12:18:21

 

Sono a Zurigo dal medico. Uno nuovo. Durante la visita di controllo lui mi chiede: “Il suo nome cognome è italiano, ma Lei non lo è, vero?” Lo guardo e gli domando con tono ironico. “Io non sarei italiana perché non sono bassa, con la carnagione olivastra, e i capelli neri, ricci, grossi?” Mi sorride e continua: “Deve ammettere che un’italiana alta, con la pelle chiara, i cappelli lunghi fini e biondi non è la normalità. E pure…” esita colto da un lieve imbarazzo. “...pure snella?” completo io la frase. “Esatto” dice lui e insiste: “È nata qui, vero? Cioè, la mamma è svizzera.”

In Svizzera capita raramente, ma all’estero assai spesso: molte persone faticano ad accostare il mio aspetto fisico all’Italia, perché convinti che gli italiani siano tutti uguali. Un’unica razza.
Ma il colmo dei colmi mi è successo in Sicilia, a Taormina, la scorsa estate. Prima di entrare in un ristorante ho chiesto al cameriere: “Non ho contanti. Accettate la carta di credito?” “Yes, of course!” mi ha risposto lui sorridente. “Scusa, perché mi parli in inglese?” gli ho chiesto io. E lui sorpreso: “Ma perché TU sei italiana???”
No comment ;-)

tamara | 10/12/2009 ore 11:38:55

 

Mi confortate! Quindi il senso di fastidio che provo all'estero non è cosa solo mia...?! Fiuuu... Meno male. Mi è capitato di dileguarmi da locali in cui i miei connazionali parlavano a voce troppo alta, tra di loro o al cellulare; sono fuggita da orde di italiani che invadevano scompostamente le strade più rappresentative di una città schiamazzando ad ogni pietra di marciapiede come se fosse la prima pietra vista nella loro vita (ma lo stupore, in genere, non lascia attoniti ed in silenzio...?); ho provato fastidio quando, ad un bar, alcuni ragazzi, capendo che ero italiana, si sono sentiti in dovere di raccontare, con dovizia di particolari, l'avventura della sera prima vissuta con un'indigena... Il mito del maschio italiano, virile e focoso, non muore mai.
Certo, alcune maleducazioni sono comuni a più popoli, non solo al nostro. Però quando vedo che i maleducati di turno sono italiani, mi vergogno sempre un po' di più.
Tanus, ho tappezzato le pareti della stanza in cui lavoro, con cartoline riportanti alcune frasi di Bobbio... Una che mi piace particolarmente recita: "COMBATTO L'ILLUSIONE SECONDO LA QUALE UNA VOLTA CANCELLATA LA VECCHIA COSTITUZIONE E AVERE DATO VITA AD UNA COSTITUZIONE NUOVA DI ZECCA, GLI ITALIANI VIVRANNO FINALMENTE FELICI E CONTENTI".
Su fibì ho promosso un'iniziativa: ogni sera scrivo sulla bacheca un articolo della Costituzione... Mi pare un buono spunto di riflessione e discussione. Qualcuno la leggerà per la prima volta, qualcun altro la rileggerà con piacere, e forse qualcun altro ancora si renderà conto di quanto sia violata e violentata nella sua natura.

Eliana | 10/12/2009 ore 10:43:25

 

Nel frattempo le mutande di latta sono pure diventate strette.

yorick | 10/12/2009 ore 10:30:42 | @

 

Qualche tempo fa in questo forum ci si preparava all'arrivo della catastrofe. Abbiamo ancora gli scolapasta a portata di mano. Ma la catastrofe è già arrivata e noi non ce ne siamo accorti, stiamo ancora aspettando il peggio ma il peggio è già passato e siamo entrati nel pessimo. Ormai gli scolapasta non servono più

fara | 10/12/2009 ore 10:24:31

 

@RA:
hai perfettamente ragione, in questo periodo non è necessario inventare.
Come sempre - frase ovvia - la realtà supera ogni immaginazione.
Se non altro perchè il primo fissa che pensa un'incostutuzionalità la trasforma in proposta di legge.
Meno male che ancora c'è una costituzione... ma qualcuno già ci sta lavorando.

Tanus | 10/12/2009 ore 10:03:16

 

A rileggere la penultim'ora mi viene voglia di lasciarmi ricrescere i capelli superstiti. Una volta a settimana me li ripasso con la macchinetta elettrica, un po' per far finta che posso comandare io sull'alopecia, un po' per paura dello specchio. Già, quasi quasi mi faccio il riporto. Il trapianto no: non ho ambizioni su Palazzo Chigi.

yorick | 10/12/2009 ore 09:52:10 | @

 

@ra: ecco, lo sapevo, ora arrossirò ogni volta che apro il tuo forum ;-)

P.S.: ma che posti frequenti???

marco | 10/12/2009 ore 09:20:41

 

Siccome poi certi amici si lamentano che da fuori non si capisce di cosa si parli nel forum: era una piccola disfunzione del sito che adesso Marco ha risolto.
@Vitalba: certo che sì. Tendo a inventare il meno possibile, negli ultimi tempi: atterrito dalle cose che già succedono nella realtà.

roberto alajmo | 10/12/2009 ore 04:59:39

 

mai marco...

;-)

'notte

Tanus | 10/12/2009 ore 01:17:24

 

teresa: doppiamente inquietante!
Arrossisco...o non dovrei?

marco | 10/12/2009 ore 00:48:05

 

Errore, tanus. Capisco anche io, che sono webmaster di altro forum. Inquietante vero?

/E che da donna, mi sono vergognata ancora più di roberto all'estero. E sempre più di lui, mi sono ritrovata ad essere coscientemente, *deliziosamente*, razzista.

E, soprattutto, non ho mai avuto alcuna intenzione di pentirmene.

teresa de masi | 10/12/2009 ore 00:43:15

 

ti ringrazio per questa benevola reticenza. Ma poi, vista l'ora, sono anche autorizzati a pensare che siamo solo due sonnambuli che non hanno di meglio da fare e da scrivere:-)
'notte

marco | 10/12/2009 ore 00:42:35

 

Perfettamente d'accordo.
Mi fa ancora più piacere poterti aiutare se ti serve

Gli altri non capiranno mai, e noi non glielo diciamo.

;-)

Tanus | 10/12/2009 ore 00:38:55

 

@marco:
è sempre un piacere, conta su di me, nel mio little, se hai bisogno.

Tanus | 10/12/2009 ore 00:36:43

 

P.S.: mi piace wordpress e tutti gli altri CMS, li trovo ben fatti, versatili e con il grande pregio di essere intuitivi...ma io continuo a preferire, visto che almeno questo me lo posso permettere, un abitino "su misura", che necessita di ritocchi ed aggiustamenti ma ha il pregio di essere fatto solo per me, come lo voglio io e, quindi, senza pieghe nascoste.

marco | 10/12/2009 ore 00:36:40

 

@tanus: grazie per le segnalazioni mi sono di aiuto per migliorarmi.
Poi, e lo dico anche per giustificarmi, la "deformazione" professionale è indice di curiosità e passione quindi ben venga.
A presto.

marco | 10/12/2009 ore 00:32:35

 

@Marco:
Va bene Marco aspetterò...

;-)

Sono un informatico deformato (professionalmente) e "lungimirante"
Wordpress no?!?!

Tanus | 10/12/2009 ore 00:26:01

 

una curiosità roby ma anche tu eri con quei due tizi a fare i massagg?

vitalba | 10/12/2009 ore 00:14:41

 

@RA: secondo me ci sono dei frequentatori del forum che aspettano spasmodicamente la mezzanotte per leggere la nuova "penultimora"...questo per dirti solamente che anche tanus dovrà, da ora, aspettare il suo turno ;-)

marco | 10/12/2009 ore 00:06:47

 

Al goal di Gilardino all'ultimo minuto del recupero il mio vicino di casa urla come una bestia, un ossesso, un dannato. Siccome abita di sopra, si sente martellare, ma in realtà è solo lui che salta per la contentezza. A questo punto la mia preoccupazione per le sue condizioni di salute diventa grande e quindi: 118?

Gianluca | 09/12/2009 ore 22:38:09

 

@Yorick: Grazie!!!

maramaus | 09/12/2009 ore 21:16:25

 

E' "God rest ye merry, gentlemen", l'hanno cantata anche Simon & Garfunkel e Loreena McKennitt.

yorick | 09/12/2009 ore 21:06:38 | @

 

Qualcuno mi dica (Gianluca, Antonia, chi altri?) come si intitola quella canzone che sa di Natale, struggente che viene suonata dall'esercito della salvezza. Mi pare che in questi giorni sia un uscito un cd di Sting che riprende il tema. Lo chiedo a propsito de I tre giorni del condor: è la scena finale, splendida, con questa colonna sonora impagabile.

maramaus | 09/12/2009 ore 20:20:15

 

Memole..... LOL (si scrive così?)

Comunque appoggio la citazione di Maramaus. I tre giorni del condor è uno dei miei film preferiti per quasi tutto: regia, sceneggiatura, fotografia: "C'é una Cia dentro la Cia?". E per Faye Dunaway che in quel film è incantevole. Incantevole.

Gianluca | 09/12/2009 ore 19:47:01

 

Grazie Alessandra... E' davvero bella. La pubblico immediatamente su fibì!

Eliana | 09/12/2009 ore 19:36:44

 

Una bellissima intervista a Emma Dante pubblicata su lastampa.it

[LINK]

Alessandra Spalletta | 09/12/2009 ore 19:18:47

 

Daniela... Sappi che c'è una frequentatrice del blog più diversamente alta di te... Io sono più o meno così:
[LINK]
... Più o meno è tutto uguale... Pure il buffo cappello!
(ecco... Totale regressione all'infanzia...)

Eliana | 09/12/2009 ore 19:09:47

 

Maramaus, chi ti ha detto che gli uomini - esclusi voi bloggers che siete speciali, ovviamente - vogliano donne alte, belle ed intelligenti: io ho due caratteristiche su tre e non è che abbia molta fortuna, in questo campo :D:D:D
Per la cronaca, sono bassa 1,62...

Daniela | 09/12/2009 ore 18:59:13

 

Invece poco fa, mentre sistemavo delle cose, guardavo distrattamente "Parlami d'Amore" di Silvio Muccino. Mamma mia, che nevrosi. Sempre queste tragedie, gente in bilico sulla crisi di nervi, lacrime, sudore, strade bagnate, urla, dialoghi concitati. UFFA

antonia | 09/12/2009 ore 15:48:17

 

[LINK]

no, no, no "Come Eravamo" è il top (quante volte l'avrò pubblicata su fb?), e tutto si racchiude in quella scena finale, nel gesto di lei che gli sistema i capelli, l'intimità, l'emozione del ritrovarsi e perdersi in un unico momento.

kleenex???

marina | 09/12/2009 ore 15:27:57

 

... but that doesn't mean my eyes will soon be turnin' red
Cryin's not for me
'cause I'm never gonna stop the rain by complainin'
Because I'm freeeeeee!!!

tamara | 09/12/2009 ore 13:41:56

 

Raindrops keep falling on my head...

[LINK]

tamara | 09/12/2009 ore 13:40:18

 

@maramaus:
Se di western con Robert Redford si parla, allora scelgo “Butch Cassidy and the Sundance Kid”, pure con Paul Newman.

tamara | 09/12/2009 ore 13:32:20

 

Anche "Tootsie" non scherza, sempre a proposito del grande Pollack. Con Tootsie rientriamo nel tema trattato da un po' tutti su imput di Roberto.

maramaus | 09/12/2009 ore 13:29:12

 

Per me "i Tre Giorni del Condor" è ineguagliabile... "Come eravamo" è un bel film, ma con qualche momento di stanca. Forse più bello "Corvo rosso non avrai il mio scalpo"?

maramaus | 09/12/2009 ore 13:20:48

 

Lei, forse è anche troppo emancipata.. PER LUI.

tamara | 09/12/2009 ore 13:19:31

 

@maramaus
Il film che preferisco con Robert Redford è "The way we were" con Barbra Streisand. Alla tormenatta storia d'amore fanno sfondo grandi avvenimenti storici. E la colonna sonora cantata dalla Streisand è meravigliosa.

Lui è bellissimo, ma snob. Lei è terribilmente affascinante, ma è comunista e troppo combattiva per lui. Forse anche troppo emancipata.

[LINK]

tamara | 09/12/2009 ore 13:17:54

 

@maramaus
E pensa che io l'ho trovata ;-)

@marina
Mi sembra più che giusto: la parità dei sessi è anche questo :-)

tamara | 09/12/2009 ore 12:48:47

 

Bella la citazione estetica di Robert Redford alle prese con "I tre giorni del Condor", un trhiller bello come pochi. In cima alla classifica dei film (per me) di Pollack. Lui alto, bello e intelligente. Lei, la Duneway, alta bella e intelligente...

maramaus | 09/12/2009 ore 12:40:43

 

Emerge poco per volta, fuori dai denti, ciò che si in realtà si desidera: una persona all'altezza delle proprie aspettative: alta, bella, sensuale, intelligente...

maramaus | 09/12/2009 ore 12:38:11

 

@Tamara: ma non si parlava di donne?? stiamo aprendo anche il capitolo sugli uomini che "piacciono" ??? ditelo !!

marina | 09/12/2009 ore 12:37:16

 

Un uomo alto o basso, biondo o bruno, occhi chiari o scuri, magro o con la pancetta, non fa poi differenza se la sua personalità mi attizza.
Ma, sincerità per sincerità... se ha un bel viso e un fisico perfetto va ancora meglio ;-)

[LINK]

tamara | 09/12/2009 ore 12:09:22

 

Roberto, dovresti frequentare di più il tuo blog.
Sta diventanto sempre di più un covo di Comunisti Edonisti Cattoreganiani.
;-)

Certa gente che frequenta è davvero "inquietante".
:-)

Tanus | 09/12/2009 ore 11:49:22

 

@Luigi

/Poi da dire che trovo sexy una rafigurazione obesa a pensare che mi ci "rotolerei" passa un po' di differenza...

Bacetto ricambiato per la tua SINCERITÀ, Luigi ;-)

tamara | 09/12/2009 ore 11:03:51

 

Torno, e sembra il blog di "più sani più belli"...

RA | 09/12/2009 ore 10:56:13

 

C'è stato un tempo in cui ero una taglia 38: e non ero molto felice. poi c'è stato un tempo che ero una 42, facevo molto sport ma ero un pò nervosetta. Ora è il tempo della 46, ancora senza un capello bianco, nessuno che mi dia i miei 53 anni, tanta serenità, curiosità, tanta voglia di essere battagliera. Colesterolo e glicemia a posto, nonostante io sforni di cotinuo torte, biscotti e panne cotte

antonia | 09/12/2009 ore 10:10:34

 

Roberto è in "terra" straniera forse, non con Alfio Scuderi penso.
Lui è un'altro dei pochi samurai della cultura terroniana.

Tanus | 08/12/2009 ore 23:46:56

 

continuando a giocare con le parole: il livello stasera è "terra terra" ma... Roberto?

marina | 08/12/2009 ore 23:41:18

 

Anch'io,
figurati che l'acqua la bevo solo atturrunata

Tanus | 08/12/2009 ore 23:38:52

 

Io invece sono molto terra terra: terrone. Mi piace la dieta mediterrona.

maramaus | 08/12/2009 ore 23:33:11

 

Neuroni, marina?
42?

Magari...

teresa de masi | 08/12/2009 ore 22:51:04

 

Io più che mediterroneo come Teresa sono terroneo

Tanus | 08/12/2009 ore 22:33:44

 

@Tanus: hahahaha, grande !!!!

marina | 08/12/2009 ore 22:33:33

 

si Marina, l'opulenza made in USA del David ha dato alla testa un po' a tutti e hanno cominciato a dare i numeri

fara | 08/12/2009 ore 22:33:18

 

Anch'io 42.
Se capita che trovo 41 e 1/2 è il massimo. Ma ormai le scarpe non hanno più le mezze misure...

Tanus | 08/12/2009 ore 22:32:30

 

42, 44, 46 ??? ma di che parlate? neuroni?

marina | 08/12/2009 ore 22:25:20

 

@daniela, io nella 42 (come avrai avuto modo di "apprezzare" dal vivo, non ci entro.. E ALLORA?
Sono mediterronea, sono cosi' da sempre (vabbuo' ora sono piu' su della mia media, pazienza) e manco mi dispiace di come sono, ti dirò. Onestamente, confesso', di quelli che mi guardano cm o bilacia alla mano, non so che farmene. E visto che per ora almeno sono io che continuo a scegliere, dico che il sovrappeso è importante nella scelta.

Nella scelta di mandare a quel paese, cioè.

teresa de masi | 08/12/2009 ore 20:36:09

 

@Daniela e Eliana

Abbiate pazienza, ma sexy, sexitudine, sensualità è roba d'altro mondo per me, non c'ho mai capito nulla.... ;)

Gianluca | 08/12/2009 ore 20:29:28

 

Vi posto il link di una scena di pulp fiction, quella in cui si distigue tra il pancino e la pancetta... Bellissimo!
"Me ne frego di quello che gli uomini trovano attraente! ...Peccato che quello che troviamo piacevole al tatto, piacevole alla vista, coincidano raramente..."

[LINK]

Eliana | 08/12/2009 ore 20:13:22

 

Ehi, paisà...ho preso qualche chilo, ma entro sempre nella 42...non vorrei che pensaste male! Non mi posso permettere di ingrassare più di tanto, data la mia "altitudine".
Altitudine come sexytudine, Gianluca. La sexytudine è cosa diversa dalla sensualità, perché non si prende sul serio. E' la sensualità da cartone animato ed è l'unica che mi appartiene.
Quanto alla provocazione di Luigi e alle varie risposte (vd per esempio Giovanna): negli uomini un po' di pinguedine, quella diciamo dell'età matura, fa sicurezza. A me piace. Nelle donne la pancettina appena accennata alla Venere di cui parlate ha i suoi estimatori. Poi ci sono altre rotondità distribuite qua e là e queste sono sempre apprezzate dai maschi: ne conosco ben pochi che non le gradiscono. Oppure - Giovanna - è perché ognuno di noi sente solo quello che vuole sentire e a me, che di quelle "rotondità" sono detentrice, piace sentire così.

Daniela | 08/12/2009 ore 19:47:51

 

Il David pubblicato da Roberto è esagerato... Gonfio di quella grassezza malsana di cui si scrive nella penultim'ora.
Le curve, quelle "buone", fatte del piacere di star a tavola davanti a cose sane e genuine (per quanto sia ancora possibile mangiare cose sane e genuine), a me piacciono moltissimo... Alcune esprimono la sexitudine di cui prima (neologismo che copio da Daniela, anche se non sono certa di utilizzarlo nella sua estessa accezione), che non è sensualità... E' qualcosa di più elementare, che mette il pensiero sul binario diretto dell' allegra e gioiosa carnalità! ;)

Eliana | 08/12/2009 ore 19:28:48

 

@ Gianluca LOLLLLL

Lu | 08/12/2009 ore 18:34:39

 

Magre, non piatte, se proprio devo espormi.

Gianluca | 08/12/2009 ore 18:25:10

 

A me tendenzialmente magre.
Ma la carne è passione.
Ma non bisogna per questo esagerare, isomma un pò di carne sulle ossa...

Tanus | 08/12/2009 ore 18:06:40

 

Ci fosse mai uno, dico uno che sia uno, che dicesse che gli piacciono le donne magre...
Certo, anche a chiedere in giro chi avesse votato Berlusconi si aveva, si ha tuttora, qualche difficoltà.

giovanna | 08/12/2009 ore 18:00:34

 

A me fa paura il colesterolo fuori controllo. Poi, per il resto...

maramaus | 08/12/2009 ore 17:58:47

 

Però è simpatico... si dice.
In particolare il David di Roberto mi ricorda un mio simpaticissimo amico.

Una delle donne più belle che abbia mai visto era il doppio di me.
La bellezza è relativa...

Tanus | 08/12/2009 ore 17:56:53

 

@Tamar:
Accettato con simpatia.

:-)

Tanus | 08/12/2009 ore 17:53:51

 

Ammetto di avere qualche difficoltà a manifestare apprezzamenti sinceri alle donne.
Negli anni mi sono sempre più fatto la convinzione che le mie interlocutrici non volevano sentire ciò che io pensavo di loro, ma semplicemente ascoltare la conferma di ciò che pensavano di se stesse.
Ti senti grassa? Ed allora grasso è brutto. Ti senti magra? Ed allora magro è brutto.
Il mio parere quindi - nella maggior parte dei casi - non ha mai avuto alcuna importanza.
La sincerità può convivere con l'innamoramento?
Per le ostinate (curiosità, Tamara in testa, bacino) devo dire che non amo e non ho mai amato le donne magre (da sempre, anche quando la donna soprappeso era out).
Quella del David era una semi-provocazione. Quello utilizzato da Roberto è sexy in quanto particolare, diverso, fuori dalla norma, originale, interessante, sinonimo di bello, come i soggetti di Botero. Poi da dire che trovo sexy una rafigurazione obesa a pensare che mi ci "rotolerei" passa un po' di differenza...

Luigi | 08/12/2009 ore 17:27:37

 

La tua risposta mi ha fatto ridere di gusto.
Un bacetto per la simpatia, Tanus...
:-)

tamara | 08/12/2009 ore 16:49:01

 

Non provocare...
;-)

A me non pare cmq

Tanus | 08/12/2009 ore 16:43:14

 

Sicuro sicuro che il David di Michelangelo è un picciriddo, Tanus?
Mah.. a me dà l'impressione di essere ben sviluppato
;-)
[LINK]

tamara | 08/12/2009 ore 16:39:02

 

Ma quello ancora deve crescere... è un picciriddo.

;-)

Tanus | 08/12/2009 ore 16:29:00

 

Giusto per rifarsi gli occhi...
;-)
[LINK]

tamara | 08/12/2009 ore 16:21:32

 

@Antonia.
Lo penso anch'io che ha la pancetta. La Venere 'classica' ha anche un po' di cellulite nelle coscie, mi sembra. Non ha il fisico da modella, comunque non è sicuramente OBESA.

Il David scelto da Roberto per il suo post non ha qualche chiletto di troppo... è obeso, e anche se mi sforzo, io quel David TERRIBILMENTE SEXY non lo trovo affatto.
Mentre il David ORIGINALE, non è niente male...

tamara | 08/12/2009 ore 16:08:32

 

@Eliana

Sexytudine? ma non si diceva una volta sensualità? Questo neologismo me lo segno perché farà strada.

Gianluca | 08/12/2009 ore 16:08:20

 

Luigi, se torni al vecchio sito (marco, come vedi l'operazione nostalgia a qualcuno serve ancora ;) ), il David si vede ancora più grande... Sprigiona sexitudine da ogni curva...! :)

Eliana | 08/12/2009 ore 16:03:34

 

Comunque, io non ho mai conosciuto una persona a dieta che non fosse un pochino isterica, o meglio, non ho mai visto una persona a dieta che fosse di buon umore.

antonia | 08/12/2009 ore 15:53:42

 

Però già la venere botticelliana la sua pancetta ce l'ha.

antonia | 08/12/2009 ore 15:52:14

 

@Luigi
Il “David” lo trovi TERRIBILMENTE sexy.
Domandina maliziosa: E una “Venere” obesa, la trovi terribilmente sexy pure lei?

Perdonami, Luigi, se nutro qualche dubbio ;-)
[LINK]

tamara | 08/12/2009 ore 15:27:19

 

Chi ha detto che non serva, la tv, antonia? Ho detto solo che non mi piace e che non riesco a guardarla. Del resto, si sa, nessuno è' perfetto. :-)

/come faccio a scoprire le cose che mi interessano? Per me, che con internet ci lavoro, e sono on line praticamente ogni minuto della mia giornata, queste informazioni mi è più semplice reperirle in rete.

teresa de masi | 08/12/2009 ore 13:25:35

 

Scusate, ma ribadisco che la TV, se usata bene, serve. Con lo streaming puoi cercare cose che già conosci, bene o male. Su Current, Arte o Cult puoi conoscere cose che non sai. Se non conosci l'esistenza di un tale regista, come fai a cercare i suoi film? Con Cult ne vedi uno, quindi vieni a conoscenza dell'esistenza di quel regista, ti piace e in streaming cerchi altre opere come e quando vuoi. E' un'interazione

antonia | 08/12/2009 ore 13:21:41

 

Caro Antonio, io ho pure lo stesso problema ora che non sono più in Francia ma ho molti amici francesi. La tastiera, peraltro comprata in Italia, non ha le dieresi nè l'accento circonflesso, per cui faccio sempre la figura di quella "nulle en ortographe".
Berlusconi? Non lo so perche, mi è venuto in testa, spontaneo. Forse perchè qualche giorno fa in tv vedevo delle signore tipo quella incontrata ieri che spettavano l'arrivo di Berlusconi in elicottero. e quando il veivolo si è avvicinato hanno eslamato estasiate "eccolo, eccolo" e poi, al giornalista "Vede, lui arriva e fa la luce". Questa cosa mi è rimasta impressa moltissimo. Gli americani hanno i predicatori evangelici che incantano le folle, noi abbiamo Berlusconi che abbacina le signore anziane.

antonia | 08/12/2009 ore 13:18:15

 

Cambiando completamente discorso - e abbandonando la ciccia che sarà anche sexy luigi ma non quando,come me, ci combatti da una vita -, un video interessante sulle ultime vittorie del governo in materia di mafia.

Giacchino Genchi, che racconta la verità sulle immagini viste in tv su questi arresti. In sintesi: c'e' Spatuzza che dichiara, c'e' il NoBday che riempie Roma, con cosa ti apro i TG visto che la sentenza del processo di Perugia l'abbiamo già usata ieri?

Ecco, mi piacerebbe sapere l'impressione di voi palermitani.

[LINK]

teresa de masi | 08/12/2009 ore 13:11:22

 

Antonia, curioso ed esilarante episodio al supermercato, descritto con mano felice. Puo' simboleggiare la diversita' rappresntata da quest'Italia rispetto al resto d'Europa. Ma che c'entra Berlusconi? Berlusconi, Berlusconi, Berlusconi.... solo a scrivere questo cognome m'e venuta l'orticaria... e un po' di nausea...
Saro' costretto a chiudere con internet,televisione e stampa....
Non per colpa tua, Antonia. Al contrario ti leggo volentieri, specie quando riferisci spizzichi di vita in Germania.

PS.
Scusate le vocali accentate col segnino dell'apostrofo. Con questo cavolo di PC, comprato da mio figlio a Londra, non sono riuscito a capire come si adoperano queste vocali con l'accento. Dovro' andare dal tecnico.

Antonio Carollo | 08/12/2009 ore 13:01:35

 

@fara, infatti con lo streaming scelgo io. Questo e' uno dei motivi, illusori probabilmente, che mi porta a preferirlo.

/ieri confesso un po' mi e' dispiaciuto il monopolio di irene sulla tv, per la carmen mancata. Ma trovero' sul web, e il fatto di vederla in differita non cambiera' la sostanza delle cose.

teresa de masi | 08/12/2009 ore 12:17:35

 

Post di Antonia sull'improvvida solidarietà patriottica e di Luigi sul barbone in carne salvati per Chi legge, chi scrive. La pubblicazione comincia da quello di Luigi, quello di Antonia me lo riservo per Natale.
E ancora devo leggere tutto quello che avete scritto in questi giorni in cui sono stata a Roma (SPLENDIDA).
PS @Luigi: non puoi capire come io apprezzi il tuo commento sul David: non che io sia ingrassata a tal punto, ma siccome ho messo su qualche chiletto, il tuo commento è più che gradito.
Però io mi sto mettendo a dieta: nonostante sia sexy :), ritengo che questa mia sexytudine sia dovuta proprio ad una certa sregolatezza, al cibo irlandese della scorsa estate (low cost and fattening) e, prima ancora che un fatto estetico, ne faccio una questione di salute,fisica e mentale. Perché quando mi sento appesantita, mi si appesantiscono anche le idee.
Non sono precaria e - strano a dirsi per me, neanche particolarmente stressata - ma qualcosa nell'aria deve aver contagiato anche me.

Daniela | 08/12/2009 ore 12:16:32

 

@antonia
Io sky ce l'ho, non posso non averla per Irene (che farle guardare le altre tv significa farle del male peggiore). Ma sai che non riesco a guardarla lo stesso? E' proprio lo strumento in sè a non andarmi giù. Capisco Fara, insomma. Se ho voglia di guardare un film, preferisco lo streaming, per esempio. E' proprio l'idea di dover stare immobile davanti alla tv che non riesco piu' a reggere. Non e' detto che questo sia un bene: magari, e' solo un sintomo di nevrosi grave... :)

teresa de masi | 08/12/2009 ore 12:14:52

 

Sempre @Antonia
sono stufa di vedere e sentire ciò che qualcuno ha già deciso che io possa vedere.
Qualcuno ha già scelto per me e mi da una scelta tra ciò che già è stato selezionato.
La rete, il web, mi dà l'illusione di scegliere. Magari non è così ma l'illusione ancora mi resta

fara | 08/12/2009 ore 11:39:25

 

@Antonia
Non è contro SKY che "mi vanto"
E' che non mi piace più dipendere da una teletrasmittente. Voglio cercarmi da sola quello che voglio vedere, se posso e fino a quanto e quando posso.

fara | 08/12/2009 ore 11:23:03

 

fara, perchè ti vanti di non avere sky? Ci sono cose interessantissime, dal cinema a Current.tv, a Cult, Arte, canali musicali.....

antonia | 08/12/2009 ore 11:16:24

 

Ieri, grande magazzino del centro, invaso da turisti italiani. Sto guardando le decorazioni di Natale e ad un certo punto sento una donna urlare con accento del sud- campano: "Quanto costa?". Mi volto e vedo una signora tracagnotta, 1.55 massimo di altezza, con un cappotto foderato di pelo lungo fino ai piedi e stivali anch'essi mezzi di pelo stile moonboot/yeti (ieri a Monaco c'erano 13 gradi e almeno 25 nel grande magazzino) che agitava davanti ad un commesso una statuina di Babbo Natale. Il giovane commesso intimidito dichiarava "Ich verstehe nicht", "non capisco". Vabbè che "costa" in italiano ed il tedesco "kostet" sono così simili che il commesso avrebbe potuto anche fare uno sforzo per capire, ma d'altra parte sulla pila di statuine di Babbo Natale c'era un bel cartello grande con su scritto 8 € e quindi il povero giovane aveva tutti i ragionevoli dubbi che la domanda fosse un'altra. Comunque, più il commesso non rispondeva più la signora alzava il volume della voce, come se stesse parlando con un sordo, non con uno straniero. Il commesso cercava aiuto dai colleghi chiedendo "chi parla inglese?" ma la signora imperterrita "no inglese, quanto costa?". E così sono intervenuta e la signora è diventata un torrente di domande: "ce l'ha la scatola?" "mi fanno un pacco regalo?" "ma il san Nicola costa uguale?" ecc ecc. Alla fine l'ho mollata finalmente alla cassa e sono fuggita. E intanto chissà perchè nella mia testa si affacciava il pensiero che fosse un'elettrice di Berlusconi, una di quelle che dice che quando lui arriva c'è la luce e non capivo cosa mi avesse spinto ad intervenire: innata gentilezza? Solidarietà patriottica? Mah

antonia | 08/12/2009 ore 11:15:07

 

Ale , io non ho visto la Carmen. Non ho sky e me ne vanto.
Ho letto qualcosa qua e là. Mi sembra veramente strana una cosa: applausi a non finire per la mezzosoprano. per il tenore , per il direttore d'orchestra ( magnifica persona) per tutto e poi fischi a Emma Dante. Perché? Se lo spettacolo era così bello da strappare applausi per tutti ma non per la regia, non so, era una cosa a parte? Non era stata "quella regia" a metter su lo spettacolo?
Ci sono cose che non capisco e non le voglio spiegate

fara | 08/12/2009 ore 11:01:47

 

Alcuni italiani, giunti in Svizzera come profughi politici a causa del regime fascista, erano disoccupati e per risolvere il problema urgente di sopravvivenza fisica si nutrivano di gatti. Quelli svizzeri – sostenevano -erano tra i migliori del mondo, perché non solo grassottelli, ma anche ben nutriti nel senso della qualità del cibo. All’imbrunire, quando le strade dei quartieri delle città si facevano meno frequentate, partiva la ‘caccia al felino’… “Gola affamata, vita disperata”.

tamara | 08/12/2009 ore 10:30:58

 

Qualcuno di voi ha visto la Carmen alla Scala ieri sera, con la regia di Emma Dante? Intendo su SKY... A proposito, non vi sembra sia stata un'occasione mancata - per la città, la nostra - per organizzare una visione collettiva... che sò... in uno dei nostri teatri...?

Ale Cu | 08/12/2009 ore 08:40:37

 

@Antonia:
Lo so.. esageravo.
Comunque ho notato la tranquillità diffusa, alle 17.00 chi c'è c'è tutti a casa. Un atmosfera da sogno, per come vivo il lavoro a Palermo.
La prox volta che vengo a Monaco ci mangiamo un piatto bavarese alla Franziskaner accompagnato da una waiss.

Tanus | 07/12/2009 ore 23:07:31

 

@Luigi
Io,invece,preferisco l'Oscar
;-)
[LINK]

tamara | 07/12/2009 ore 19:59:40

 

@Antonia: ho visto tutto il filmato. Non mi sembra nulla di nuovo (noi comunisti lo sapevamo da sempre).
Nessuno crederà a Perkins. Lui sarà preso per mitomane e la tv fallirà...

Luigi | 07/12/2009 ore 19:09:14

 

Taunus, quella marea di italiani che ho visto oggi erano turisti. Accenti diversi ma un comune denominatore: pacchi!
Davvero qui si vive senza stress..nè strass. Osservavo stamattina le conduttrici della tv locale: semplici, simpatiche, poco trucco e vestite.

antonia | 07/12/2009 ore 18:33:36

 

Per coloro che non sono su FB e non guardano Current.tv, guardate cosa ho trovato. Molto interessante
[LINK]

antonia | 07/12/2009 ore 18:29:44

 

Continuo a vedere nel cuore di Palermo decine e decine di persone che frugano nella spazzatura. Dall'aspetto non sembrano magre, eppure...
Ieri sotto casa mia si è addormentato un barbone i cui unici averi - paradossalmente - erano accumulati in un carrello della spesa. L'ho disturbato perché dovevo prendere l'auto ed il suo talamo era proprio fra la mia vettura e la parete. Era scheletrico? Certo che no. Mi ha guardato e si è messo una sigaretta in bocca. Gli avevo rovinato il sonno.
Per due giorni ho mangiato sempre fuori (prime colazioni escluse. Seconde e terze colazioni no).
Schifezze? Forse.
Ora sto facendo la salsa fresca. Sbollento i pomodori. Levo la buccia e mi ustiono. Penso al sugo pronto ed al minestrone in busta di cui parla Teresa quando sbircia negli altrui carrelli.
La comodità non sempre si sposa con la qualità.
E neppure - a volte - la ricchezza.
Ci vuole testa. E stomaco.
Buon appetito comunque.
P.S.: trovo che il David obeso sia terribilmente sexy. Chi l'ha detto che magrezza è sinonimo di bellezza?

Luigi | 07/12/2009 ore 18:25:35

 

Quelli di Monaco, un paio li conosco. Sono tutti dipendenti di un'azienda italiana. L'azienda è andata per colonizzare, ma mi sa che sarà colonizzata. Vivono troppo bene e senza stress i locali per permettere di farsi italianizzare
Uni per tutti e tutti per Uni.

Tanus | 07/12/2009 ore 17:56:35

 

mah... io dimagrisco a vista, e dire che di vuoti da colmare col cibo ne avrei eccome.
Mi servirebbe l'etologo, lo piscologo, il dietologo o... l'esorcista???

marina | 07/12/2009 ore 16:24:13

 

Sono appena tornata dal centro. Monaco è invasa dagli italiani, forse per i vari "ponti". Italiani stracarichi di pacchi e non di cose tipicamente bavaresi: nei grandi magazzini comprano magliette sportive, scarpe (!), profumi, porcellane.....
Boh.
Per quanto riguarda la penultim'ora, a me piace cucinare, specie i dolci. Ieri ho fatto una panna cotta con salsa di lamponi. Tutto bio. A me le diete mettono tristezza, mi fanno innervosire. Mangio, ma senza strafare, perchè mi piace il gusto del cibo.
Quando compro cibi precotti vuol dire che sono un pò depressa. Forse anche le persone che si abbuffano di cibo in scatola lo sono.

antonia | 07/12/2009 ore 16:18:28

 

Semicupio dissolvi, per rinunciare alla propria forza vitale. E' una società che si autoevira chimicamente (è meno faticoso) perché reagire costa fatica. Vorrei dire molto di più, ma ho mangiato - e bevuto - troppo.
L'antispam adombra una soluzione: "libraio".

yorick | 07/12/2009 ore 14:30:02

 

Non si può neanche dire che sia un "cupio dissolvi"....

giovanna | 07/12/2009 ore 13:58:42

 

Non solo le circostanze, roberto.

Coincidenza, pensavo qualcosa di simile ieri pomeriggio, al super con la mia ex suocera che ho accompagnato a far la spesa. Pensionata, affitto da pagare, e difficoltà ad arrivare a fine mese. Quadro classico, insomma. La sua spesa (e non e' la prima volta). Minestrone precotto in vaschetta di plastica (costo uguale a quello della cassetta di verdura fresca in offerta speciale da 4 kg). Pan di spagna pronto: doveva fare una torta e le sapeva fatica farlo da sè. Caso a parte? No, purtroppo. Io son pettegola e, lo confesso, pure un po' snob. E quando sono in fila, mi diverto a guardare i contenuti dei carrelli della spesa associandoli alle facce delle persone. Ed un certo tipo di spesa, ormai, è come il telefonino. Non si rinuncia al minestrone precotto: altrimenti, dove si trova il tempo per guardare "uomini e donne"?
Questo per dire che in questo ingrassare da crisi, leggo quello che leggi tu, roberto. Ma ci vedo anche altro: passività, rinuncia alla manualità, il cucinare considerato non atto creativo ma tempo perso.

E l'assurdo, in tutto questo, e' che alla fine si ingrassa spendendo di piu' che se scegliessimo di mangiare sano. E le metafore, diventano due. A quella descritta da te, se ne aggiunge un'altra. Si ingrassa perche' ci si ama meno, e si rinuncia alla cura di sè. Ma non solo dal punto di vista fisico. E' un po' come smettere di leggere per accontentarsi della tv: la rinuncia ad un atto creativo.

teresa de masi | 07/12/2009 ore 13:22:31

 

Ci si ingozza per compensare le mancanze, anche se un etologo la spiegherebbe diversamente: accumuliamo grassi perché abbiamo paura della carestia futura. Così, se arriveranno tempi stretti davvero, la vita durerà di più. E invece sarebbe proprio questo il tempo giusto per digiunare: la fame appuntisce e sveglia.

yorick | 07/12/2009 ore 11:49:33

 

Hai ragione Gianluca, è molto bello il nuovo album della Consoli. Sud est, Col nome giusto, A finestra e Non molto lontano da qui mi sembrano perlen di particolare bellezza. Ecco, altra cantante contemporanea che seguo e apprezzo: Carmen Consoli. :)

Eliana | 06/12/2009 ore 21:56:51

 

Per una volta un post un tantino più leggero. Ho acquistato l'album di Carmen Consoli, un'altra che o si apprezza o niente. Bé, a me è sempre piaciuta e questo Elettra mi sembra proprio una buona raccolta di canzoni ben scritte, ben suonate e ben registrate. C'é una gigioneria di Franco Battiato, ma l'album è serio e anche un po' serioso a tratti. Godibile.

Gianluca | 06/12/2009 ore 19:04:49

 

Ma! io non ho più voglia di commentare né di criticare. Ormai siamo a un punto di non ritorno come quando ci si impantana nelle sabbie mobili e non c'è alcun appiglio a portata di braccio

fara | 06/12/2009 ore 16:18:36

 

Direi più che altro "concorso esterno".

Tanus | 06/12/2009 ore 13:47:39

 

@Mingo
Sì, me ne ero subito accorta del refuso. Mi sono accorta anche che ho scritto „FI“ anziché „DI“. Ma non mi interessa più correggere gli errori di battitura, quando non impediscono la comprensione. Grazie comunque per la segnalazione, Mingo.
Buona domenica :-)

tamara | 06/12/2009 ore 12:48:21

 

Si Gianluca, è un pò come dire "Premesso che non siamo d'accordo su nulla o quasi...

Mingo | 06/12/2009 ore 10:59:20

 

@Mingo


Anche in Cgil in questi giorni all'inizio di un nuovo congresso emergono i preamboli: segno di debolezza?

Gianluca | 06/12/2009 ore 10:53:59

 

A proposito di politica vintage come dimenticare il "Preambolo" di De Mita o Donat Cattin?
Il Pre-ambolo...sembra una malattia

Mingo | 06/12/2009 ore 08:51:29

 

@ Tamara.
Nel tuo post di ieri alle 16.52 scrivi FIDEISMO ACRILICO.
Non so se ti sei resa conto che è uno dei refusi più belli che questo blog ricordi!
Praticamente un fideismo sintetico, una fede finta.Forse il fideismo acrilico è peggiore di quello acritico!

Mingo | 06/12/2009 ore 08:48:30

 

Posso dire che non credo, che non voglio credere che Lupo sia così stupido da farsi fregare in maniera tanto evidente...? Non lo sa che coloro che hanno votato per lui lo hanno fatto per darsi un'alternativa a Lombardo, a Cuffaro e al pdl, e non per fornire loro "un appoggio esterno"...? Stavolta mi limiterò a credere a quanto leggo: il pd siciliano mi pare sia molto corteggiato sia da Lombardo che da Miccichè, ma a quanto ha detto Lupo, non esiste alcuna possibilità di accordo.
Speriamo.

Eliana | 06/12/2009 ore 03:51:16

 

Credo conosciate già le mie posizioni si Grillo, Travaglio e Di Pietro. Il primo mi piaceva molto quando faceva satira. Ora, da paladino dell'antipolitica, mi pare solo un burattino nelle mani di chissà chi. Critica chi censura, e poi lui stesso mette il bavaglio a coloro che esprimono opinioni controcorrente sul suo blog. Mi pare l'emblema dell'incoerenza.
Travaglio è bravo e preparato, ma non mi piace il suo giustizialismo onnipresente e a volte ostentato. Non mi piace che ricordi al suo pubblico il nome di tizio e di caio, INDAGATI in questa o in quell'inchiesta, ma poi dimentichi di dire che entrambi sono stati prosciolti da ogni accusa.
Di Pietro si impegna contro mrB, ma cosa fa nei fatti?Lancia proclami, procede con iniziative spettacolari... E poi? Inoltre, qualcuno ha notizia di altre iniziative di Di Pietro? Non so... Manifestazioni per chiedere chiarezza sul caso Cucchi, cortei per richiedere attenzione ai diritti degli operai privati di ogni sicurezza sul luogo di lavoro, istanze volte ad accertartare la legittimità delle riforme scolastiche, iniziative contro i razzismi di ogni genere... Insomma, Di Pietro fa qualcosa oltre sfilare contro mrB???
E poi, lo scrissi già una volta, mi preoccupa molto la veemenza con cui la maggior parte dei suoi sostenitori lo difende sempre e ad ogni costo. Non c'è mai un cenno di autocritica, e a volte ho come l'impressione che si cada nelle stesse maglie insidiose che portano i seguaci di mrB a difenderlo e sostenerlo senza se e senza ma. Mi preoccupa un poco, questa cosa. Un'altra analogia che mi dà pensiero è il medesimo populismo con cui mrB e di Pietro si rivolgono alle masse: avere il consenso della piazza non credo basti per essere un buon governante.
Sia chiaro che con questo commento non intendo affatto sollevare il pd dalle sue colpe. E poi è decisamente troppo schifiltoso: ci vogliono proposte serie e concrete per fare unabona opposizione, senza però snobbare la piazza che rimane un luogo di convergenza tra governanti e governati.

Eliana | 05/12/2009 ore 18:54:59 | @

 

"Tutti uguali davanti alla legge. In piazza c'è il popolo questo è il posto del Pd". Ignazio Marino.

Speriamo riesca a spiegarlo anche a chi, come bersani, ha scelto di rimanere a casa. Dando l'impressione che il popolo di FBook va bene a gonfiare il numero delle primarie, meno bene quando ha voglia di dire NO in prima persona.

Credo sia una grande giornata questa. Ma questo movimento, da solo, non arriva da nessuna parte. Cosi' come il pd, senza questi movimenti, e' destinato a poco piu' che il nulla. Come l'IDV senza il pd. Banalizzo, certo: ma questo è il quadro dipintosi nella mia testa, in mezzo a tanto viola.

teresa de masi | 05/12/2009 ore 17:33:27

 

...ma io penso che in questo tempo sciagurato tutti i personaggi che "appaiono" o "vogliono apparire" (politici, giornalisti etc....) sono sopra le righe, quelle righe di un quaderno d'altri tempi: quello che aveva la copertina nera e il bordo rosso e tenuto da fili di cotone bianco e dall'apparenza seria, garbata, importante a cui non si dovevano fare le orecchie per rispetto dei contenuti che dovevano custodire .Certi personaggi non avrebbero avuto spazio in tempi dove il rispetto, la ragione, la pacatezza, la riflessione avevano il privilegio di cadenzare la vita sociale. In questo tempo "berlusconiano" invece, iniziato però un po prima della discesa in campo del cavaliere quando però se ne sentiva già l'olezzo, ci si contrappone con le forze della Fisica (ad un'azione corrisponde una reazione uguale e contraria, quando va bene!). In altri tempi non ci sarebbero i Bondi, i Bonaiuti, i Feltri, i Fede, i Capezzone etc.....ma neanche i Di Pietro, i Travaglio... i talk-show che ci tormentano a tutte le ore del giorno e della notte.....ma ora taccio...scusatemi!!.....viva i Saviano!!!!!!

armando | 05/12/2009 ore 17:11:40 | @

 

@Marina:
Un abbraccione :-)

tamara | 05/12/2009 ore 17:11:23

 

@Tamara, sorella, dove sei stata finora???

marina | 05/12/2009 ore 17:08:11

 

@Roberto
“AUREA DI INTANGIBILITÀ”; “SEGUACI BEN INTENZIONATI”; “SI RISCONTRANO TRACCE ABBONDANTI FI FIDEISMO ACRILICO”… eh, mamma mia!!!

Tutti i personaggi che hai citato tu, nel tuo post, non sono immuni da critiche. Vengono attaccati molto duramente. In continuazione. Da sinistra, da centro e da destra.

Il punto fondamentale è un altro: la qualità della critica. Una critica è interessante quando svela dei retroscena di una certa gravità ed è supportata da argomentazioni di una certa ‘sostanza’. Le critiche debolucce, quelle che vanno a cercare solo il pelo nell’uovo, è normale poi che lascino del tutto indifferenti. “Travaglio è un ottimo giornalista. Così come Grillo è un ottimo controinformatore. E Santoro un perfetto conduttore televisivo. E la Guzzanti una folgorante macchina d’indignazione. E Di Pietro l’unico veramente capace di fare opposizione in parlamento…” Diciamolo in parole semplici: loro sono persone che tutto sommato stanno facendo molto bene il loro mestiere. C’è chi sa fare di meglio? Dove sono nascosti questi tipi migliori, che me li sono persi ;-)

Caro Roberto, lo dico sommessamente e prudenzialmente: CRITICARE SOLO PER IL GUSTO DI SFOGGIARE UNA CRITICA è anche una forma grave di intolleranza ;-)

tamara | 05/12/2009 ore 16:52:29

 

Però vado verso una globalizzazione dell'intolleranza.

Mingo | 05/12/2009 ore 13:28:05

 

L'altra sera, mentre ascoltavo il contraddittorio tra Travaglio e Ghedini consideravo come ormai da diversi anni in ogni dibattito televisivo di questo tipo e già prima di ascoltare le diverse opinioni mi pongo, come tutti, (direi ovviamente) e appunto fideisticamente, da una parte, indipendentemente dai contenuti. E' esattamente come seguire un incontro di calcio o pugilato. Già so prima di andare allo stadio o di accendere la tv per chi tiferò.E so pure il risultato nonchè il senso di fiacchezza postadrenalinica da tifoso che sopraggiunge dopo lo "spargimento di sangue".Desolante.
Mi chiedo quanto sia sano tutto questo e specialmente quanto sia utile.Poi però mi rispondo che senza Travaglio e C., che studiano i processi al posto nostro, non sapremmo nemmeno quel poco che ci fanno sapere.

Mingo | 05/12/2009 ore 13:21:26

 

beh, se abbiamo qualche critica da fare sulle persone, facciamole pure e parliamo di quelle, piuttosto che ipotizzare di "aure" che non credo proprio che esistano...

federico | 05/12/2009 ore 13:19:03 | @

 

Di Pietro ha trovato il suo filone di consenso e lotta con i denti per mantenerlo. In questo non è tanto dissimile da Mr.B. Tutt'e due vendono la loro merce: populismo puro, che, per Mr.B, sfonda, con la violenza delle corazzate televisive e di un impero economico; per Di Pietro arriva a stento ad assicurargli un rispettabile giardinetto del 7-8 per cento. Ci vuole ben altro per scalzare il dominio di Mr.B. Le battute feroci contro l'avversario fanno bene all'ex Pm, ma servono solo a farlo sopravvivere. La frangia degli arrabbiati è quella che è, più in là non si va.
Come si combatte Mr.B?
A mio parere in tre modi: 1) facendo opposizione ragionata e motivata ai suoi provvedimenti (e qui c'é uno spazio enorme); 2) costruendo una piattaforma programmatica alternativa basata principalmente sui diritti, sulla legalità e lo sviluppo; 3) con la conquista del territorio, nel senso di radicamento tra la popolazione, contatto diretto, ascolto, partecipazione, condivisione di progetti.
Non si può battere Mr.B sul suo stesso terreno, sul terreno mediatico. I media devono essere usati, ma il grosso del consenso non può provenire da lì; tutt'al più con l'uso dei media si produrrebbe solo qualche scalfitura alla portaerei di Arcore che porta con sé il settanta per cento del consenso, dovuto in buona parte a ipnosi mediatica e ignoranza (nel senso letterale).

Antonio Carollo | 05/12/2009 ore 11:05:39

 

marina, io con te litighero' volentieri, e mi prendero' pure per i capelli. Promesso. Ma solo sul tiramisu. Che, sul resto, abbiamo gia' appurato che non litigheremo mai... ;-))))

teresa de masi | 05/12/2009 ore 10:43:06

 

lo dico sempre, ed è una delle poche certezze che ho, quando possibile è sempre meglio dialogare "de visu", questo vuol dire che appena torni in città ci incontriamo e finalmente ci afferriamo per i capelli :-)

marina | 05/12/2009 ore 10:39:54

 

Sì, ma capiterà mai che qualcuno farà una bella proposta alternativa a Berlusconi e la esporrà con la sobrietà e l'intelligenza che molti italiani meritano? Ricordo la tua penultimora, Roberto, in cui ti chiedevi come mai il Pd palermitano parlava con Cuffaro e Lombardo, ma non si sognava di considerare come interlocutori i propri potenziali elettori. Se ci fosse un Godot qualsiasi capace di farsi sentire, tutte le zuffe da cortile si attutirebbero fino a sparire del tutto.

yorick | 05/12/2009 ore 10:36:44 | @

 

@marina
una puntualizzazione, perche' anche io la polemica non la amo e mi riesce meglio aspettare.

Il fideismo acritico non era certo riferito a te, io e te ieri abbiamo discusso "bene" anche prima dell'esca di roberto. Era piuttosto un'impressione di un atteggiamento generale, che vedo scattare non appena si ha sentore di una sia pur velata critica.

teresa de masi | 05/12/2009 ore 10:32:23

 

@teresa: solitamente quando non vengo ben compresa e mi pare sterile e inutile continuare sul piano della polemica (sono una non belligerante) mi metto tranquilla e attendo. In questo caso cosa? I fatti, che sono molto più eloquenti delle parole parole parole che vengono vomitate qui e altrove ogni giorno.
Leggo i giornali, guardo i tg e le trasmissioni di approfondimento politico (quando i decibel eccessivi dei soliti urlatori consentono di seguire i dialoghi), ho le mie idee che attendono, ormai da qualche anno, di venire smentite dai fatti, che non vedo, non da questa maggioranza d'opposizione.
Quanto alla parola "invidia" forse non hai letto bene l'accostamento alle stesse parole usate dal nostro gentile ospite: "esca".
Esca per generare un nostro contraddittorio sui personaggi menzionati e gli effetti delle loro azioni. Mi pare che sia riuscito nel suo intento, no?


marina | 05/12/2009 ore 10:20:31

 

@marina, io il fideismo acritico invece lo avverto. Ma quello che mi chiedo e': la diversità di opinione, da cui nascono po le critiche, in politica (ed io in genere, lo ripeto, critico i fatti piu' che le persone)aiuta a crescere. Perche' con queste persone scatta invece il classico "chi non e' con me è contro di me"? Oppure, il doversi chiedere, come ha fatto luigi ieri (a proposito, scusatemi, luigi? :-P Ormai, se non lo spernacchio ci rimane male... :-))) da dove queste critiche nascano.

Ed anche tu ora, chiudi con una parola "invidia". Ma invidia di che? E degli elettori che stiamo parlando, mica dei votati. Di me e di te, insomma, e non di di pietro o bersani.

La differenza di pensiero, secondo me, andrebbe considerato un valore sempre. E soprattutto in politica. Perche' e' da queste differenze che si cresce. Ridurla ad invidia, o ad qualunque altro sentimento negativo, significa negarla. E, soprattutto, impoverire il confronto e smettere di guardare avanti.

teresa de masi | 05/12/2009 ore 09:59:09

 

@RA, ... ma no, abbiamo ribadito più volte che questo blog è funzionale alla espressione delle proprie idee, il confronto, il contraddittorio e più frequentemente, alla condivisione della parola scritta dai partecipanti, palesemente appartenenti alla stessa corrente di pensiero. In quanto alla buona o alla cattiva fede, scriveva un tuo collega qualche anno fa: non c'è nulla di buono o cattivo al mondo se il pensiero non lo fa tale.

Buondì.

marina | 05/12/2009 ore 09:18:29

 

In un vortice di polvere
gli altri vedevan siccità
a me ricordava
la gonna di Jenny
in un ballo di tanti anni fa.

Il suonatore Jones

Ale Cu | 05/12/2009 ore 09:04:53

 

Allora domando: una obıezıone ın buonafede deve autocensurarsı per non aggıungersı alle obıezıonı ın malafede?

RA | 05/12/2009 ore 08:21:04

 

@Roberto, da "seguace benintenzionata" (finora non me l'aveva detto nessuno) mi sento chiamata in causa dai dubbi esposti da questa penultim'ora e rispondo coi miei: viviamo in un contesto sociale nel quale per una serie di eventi non solo storici, i comportamenti singoli e collettivi scoraggiano chi si adopera “per fare” e questa considerazione è valida a tutti i livelli, più che mai quelli politici. Ogni iniziativa: Roberto hai appena definito Di Pietro "l’unico veramente capace di fare opposizione in parlamento" innesca una serie di
reazioni permeate da forme diverse di denigrazione più o meno palesi con forte carica demolitrice, che deprimono e non permettono di "costruire" bensì di ottenere sterili polemiche amate tanto da chi fa della demagogia l'unico strumento di opposizione allo stato delle cose. E la definizione "fideismo acritico" mal si adatta a chi, hai appena lodato far bene il proprio lavoro. Intolleranza ancor meno. Ne scrivo allora io una molto più esca e molto più provocatoria: "invidia"? da parte di una sinistra frastagliata e inconsistente che sa soltanto svicolare e fare "resistenza alla rovescia" ?

marina | 05/12/2009 ore 02:18:08

 

sono solo quei tipi di persona che uno o ama all'impazzata o li odia.

vitalba | 05/12/2009 ore 00:48:41

 

Meno male, non sono la sola allora a temere di cadere nel peccato di lesa maestà. Reato gravissimo, di questi tempi.

"Adda passà a'nuttata."

teresa de masi | 05/12/2009 ore 00:11:51

 

Di Pietro è uno che consola bene.
(Lo so, gli altri manco questo sanno fare).

maramaus | 04/12/2009 ore 22:02:11

 

Scritto troppo, eh scusate soprattutto il refuso

Gianluca | 04/12/2009 ore 20:02:07

 

Ho scritto e me ne scuso.

Gianluca | 04/12/2009 ore 20:01:40

 

Sì.

tamara | 04/12/2009 ore 19:49:09

 

Si.

Lu | 04/12/2009 ore 19:47:26

 

@Luigi.

Scusa, ma è chiaro che è un'analisi di parte, nel senso che è legittimamente il tuo punto di vista. Sono in molti che la pensano come te e molti che non la pensano come te. Ma va bene, no?

Io non sarò il 5 dicembre a Roma, l'ho già detto e lo ripeto. Faccio abbastanza opposizione in maniera pubblica che non ho bisogno di farmi certificare da nessuno il giorno 5 dicembre. E l'ho già detto in questa sede. Lo ripeto per spiegarmi, in polemica con chi nel mio lavoro quotidiano in questi giorni mi ha voluto afferrare per la giacchetta perché gli sembra che non andando il 5 io farei il finto oppositore a questo governo.

Ho letto una dichiarazione di uno dei ragazzi che ha organizzato via Fb la manifestazione e teneramente dice che non si faranno strumentalizzare da nessun politico.
Avanti ragazzi, come dice giustamente RA, ci sono molte cacche quando vai nelle piazze e se decidi di andarci e nello stesso modo se decidi di non andarci ne pesterai sempre qualcuna. Sempre. Questo vale per il Pd e vale anche per i ragazzi di Fb.

Qualcuno si stupisce che il Pd abbia su molte cose molti giudizi. Stiamo parlando di un partito accreditato nei sondaggi del 30% ca. in una società come quella attuale, in cui mettere insieme tre persone che hanno esattamente esattamente la stessa visione del mondo è praticamente impossibile. Mettiamo che il Pd vada avanti nei sondaggi e che raggiunga il 35% (dovremmo dispiacerci?), crediamo forse che questo traguardo lo farà più complesso o meno complesso?
O ci bastano partiti che hanno meno del 10% così siamo sicuri che la pensiamo circa nella stessa maniera? Me lo chiedo perché dopo aver militato per tre anni in un partito della sinistra che aveva meno del 3-4% me ne sono andato per una posizione politica ormai inconciliabile e anche perché pur con le sue contraddizioni e pur non potendo magari approvare ogni singola cosa che dice ho deciso che era meglio contribuire a un nascente partito che deve essere il perno del centro-sinistra e che quindi deve essere almeno del 30-35% per significare qualcosa. Non chiedo a nessuno di innamorarsi di qualcosa di cui non sono neanche io pienamente innamorato, ma lo dico solo per far capire anche il punto di vista di una persona come me che non è né berlusconiano, né moderato, né populista né settario o elitario. La mia scuola sindacale e la mia formazione intellettuale mi fa dire che cose complesse non possono avere risposte facili e univoche. Dico di più, troppa certezza fa male al cuore e alla testa, quindi appena vedo uno un po' troppo certo del suo mi insospettisco e istintivamente mi faccio indietro. Faccio un esempio che oggi è d'uopo: Berlusconi è un associato esterno alla mafia. E se non fosse esattamente così? tenendo fermo il principio che quell'uomo ha contribuito a demolire con i suoi amici una visione della società più aperta e più solidale e che quindi è e rimane il mio avversario politico, e se quello che dice Spatuzza non fosse nella realtà esattamente come lo racconta?

Fare opposizione vuol dire avere sempre e solo il pugno chiuso o il grugno aperto? Chiediamoci queste cose perché sono cose importanti e neanche io credo di avere la verità in tasca, eh? Vorrei poterne discutere con voi come stiamo facendo in maniera serrata in queste settimane, perché le prossime saranno anche peggio e in qualche maniera dovremo risolverci.

Gianluca | 04/12/2009 ore 19:35:42

 

Skipper skiapper sklipper è lo stesso, tanto li conosciamo uno a uno :)

Lu | 04/12/2009 ore 19:33:03

 

@luigi, servito fresco fresco in bacheca. Con un finale diverso da quello di ieri, piu' pertinente. :-D

E pur di picchiarti, son capace di venire apposta. E lo sai. ;-)))

teresa de masi | 04/12/2009 ore 19:22:45

 

Se mi vuoi picchiare mettiti in fila...
Però ieri il video non sono riuscito a vederlo. Grrr

Lu | 04/12/2009 ore 19:20:48

 

Luigi sulla base del tuo pertinente esempio, gli elettori di berlusca sono tutti puttanieri, quelli di Bossi sono razzisti, ecc ecc.
Ma quelli di Cammarata non saranno tutti sklipper??

Lello | 04/12/2009 ore 19:18:52

 

@luigi, non credo sia di parte, ma non spiega lo stesso la mia diffidenza. Che nasce da fatti, da atteggiamenti ripetuti, come l'episodio della alfano che ho citato (che non e' una mia interpretazione, posso anche cercare il video se interessa a qualcuno).

E, in ogni caso, io ho parlato di fatti. Tu, di persone. Dando a me - e a quelli che su di pietro la pensano come me - della prevenuta. Dimmi, ti sembra tanto corretto*? :-)

/puoi anche non rispondere, tanto quando vengo a palermo ti picchio lo stesso.

/e mo' vengo a ripostarti in bacheca il video della Neuro cosi' impari. :-P

*dico "corretto" perche' mi serve per spernacchiarti, ma in realta' non di correttezza si tratta. Ma del fatto che, semplicemnte, cosi' si finisce per spostare l'attenzione dai fatti, dalla polica cioè, alle persone. Cui prodest?

teresa de masi | 04/12/2009 ore 19:13:01

 

Luigi for president!

marina | 04/12/2009 ore 17:55:40

 

: )

Lu | 04/12/2009 ore 17:54:51

 

La tua analisi è giusta, Luigi.
Finalmente sei tornato ;-)

tamara | 04/12/2009 ore 17:46:45

 

Spesso noi elettori, (simpatizzanti-tifosi-ammiccatori) della formazione di Di Pietro rimaniamo vittime delle definizioni pregiudiziali che una gran parte della sinistra usa con gli elettori di Berlusconi. Giustizialisti noi corrotti loro.
Come se i difetti attribuiti al leader (o presunto tale) della formazione politica di appartenenza venissero contagiati ipso-facto.
Allo stesso modo gli elettrori di Vendola sarebbero tutti omosessuali, quelli di Brunetta tutti nani e quelli di Bondi... quelli di Bondi... beh lasciamo perdere.
Nel caso di Di Pietro ritengo che una gran parte dei consensi derivino dal fatto che sia l'unico ad essere rimasto a fare opposizione. L'unico verso il quale i servizi segreti ed i giornali corrotti non sono riusciti a trovare nulla (è garanzia di onestà questa? Ad alcuni basta).
E poi, in tempi di manipalazione dei fatti e delle notizie, chiunque abbia la volontà (la dote? Il coraggio?) di parlare con spontaneità (anche con i limiti di Di Pietro) raggiunge le masse e quindi aumenta il consenso.
La mia analisi è di parte?

Luigi | 04/12/2009 ore 17:36:29

 

@teresa, condivido, il blog di Roberto è nato per questo.
E lo immagino leggerci soddisfatto...

parolina antispam: giostra, un giro???

marina | 04/12/2009 ore 12:56:43

 

@marina, questioni di punti di vista. Il mio, sull'IDV e su di pietro e' diverso dal tuo. Non sminuisco il loro ruolo, per carità, ma non ne condivido spesso nè gli obiettivi nè i modi.
E lo racconto, semplicemente.

teresa de masi | 04/12/2009 ore 12:46:34

 

a parte il fatto che IDV raccoglie l'adesione di molti blogger della rete, essendo uno dei pochi partiti che "usano" la rete per dare spazio anche ai commenti, approvazioni e critiche, ricordo anche che l'unico strumento reale di cui una democrazia dispone per "cambiare" è il voto e non mi risulta che andremo a votare dei blogger sconosciuti, motivo in più per non biasimare la partecipazione di un partito di "piazza" e non di poltrone come il PD, ad una manifestazione così importante.

marina | 04/12/2009 ore 12:36:29

 

@antonio, te ne racconto una per dire come queste persone,usano la piazza?

Scenario, roma 26 settembre. Manifestazione agende rosse. Ho partecipato (ero anche a palermo il 19 di luglio) alla manifestazione, anche perche' ero tra i fotografi.
Al comizio in piazza navona sonia alfano attacca in maniera durissima e ripetuta napolitano. L'accusa? Due giorni prima lo aveva invitato alla manifestazione e napolitano aveva rifiutato. Giustamente, secondo me: il presidente della repubblica DEVE essere super partes,non puo' scendere in piazza.
Troppo facile, troppo strumentale, fare inviti di questo tipo, destinati cioè ad essere rifiutati. Che servono solo come punto di partenza per un attacco. Ecco, marina, quando dico "strumentale" penso ad episodi come questi. Non rari, purtroppo, nell'IDV.

teresa de masi | 04/12/2009 ore 12:29:28

 

L'adesione chiassosa, strumentale e opportunistica di Di Pietro (ma anche quelle meno clamorose, se ci sono) al No B Day toglie credibilità ed efficacia ad una iniziativa spontanea di protesta di liberi cittadini. Questi politicanti dovrebbero darsi un po' di deontologia, imparare un po' di educazione, rispettare gli elettori, che non sono una massa amorfa da manovrare a piacimento.

Antonio Carollo | 04/12/2009 ore 12:19:21

 

Pardon, ho dimenticato il link a marino

[LINK]

teresa de masi | 04/12/2009 ore 12:14:20

 

@marina, la manifestazione e' nata nella rete, da una proposta avanzata su fbook e che poi ha finito per avere l'effetto dirompente che abbiamo tutti sotto gli occhi. Al di fuori dei partiti, quindi. E tale doveva rimanere, secondo me. Le bandiere appiccicate sopra solo "dopo", non mi piacciono. A chiunque qeuste appartengano.

/Perfetta, sotto questo aspetto, la dichiarazione di Marino.

"Parteciperò a titolo personale ad un’iniziativa che non nasce né da un partito, né da un giornale ma da una mobilitazione spontanea che trova la sua base ed i suoi sostenitori su internet."

teresa de masi | 04/12/2009 ore 12:12:46

 

@Teresa: senza polemica poi mi spieghi perchè l'adesione dell'IDV la ritieni "un gesto in buona parte strumentale" e qual'è invece la matrice della manifestazione...

marina | 04/12/2009 ore 11:56:11

 

INFORMAZIONE. Scusate, colpa della tastiera

antonia | 04/12/2009 ore 11:14:47

 

I SAW THE LIGHT!!!!

Non sono impazzita, mi sono solo resa conto, sulla mia pelle, di quanto l'informazzione giochi sulla nostra percezione della realtà.
Mi spiego: io sono qui in Germania praticamente da Agosto in pianta stabile e so un pò di tedesco; mio marito e mio figlio no. Al nostro arrivo ci è stato detto che Monaco è una città sicurissima, dove non succede mai nulla di grave, dove si può andare in giro tranquillamente di notte ed in effetti si respira un'aria serena, non ci sono tutte quelle sbarre alle finestre come a Roma. Quando però ho cominciato a leggere il giornale locale e ho saputo di un paio di aggressioni finite con qualche contusione nella metro a notte fonda, beh, ho notato che il tono allarmistico dell'informazione aveva lasciato qualche traccia nella mia osservazione della realtà, che è diversa da quella degli ignari uomini di casa. E quando prendiamo la metro io sto un pò più di loro sul "chi va là" .

antonia | 04/12/2009 ore 11:14:11

 

E' il modo, che lascia costernati, di questa mancata adesione del PD al noBday. Se avessero detto "non aderiamo come partito perche' intendiamo rispettare l'autonomia di una manifestazione nata dal web ma i nostri dirigenti saranno presenti perche' condividono lo spirito di protesta che anima quella piazza" avrebbero ottenuto risultati migliori secondo me. Poi, se avessero indetto una conferenza stampa per annunciare le linee generali del fare opposizione non solo "contro", sarebbe stato il massimo.

Magari sarebbero riusciti a far apparire l'adesione dell'IDV per quello che appare a me: un gesto in buona parte strumentale, un issare le proprie bandiere su una manifestazione nata altrove. In questo modo invece, con le motivazioni addotte (o, meglio, non addotte) è semplicemente un consegnare la piazza a di pietro e compagnia. Tanto per citare moretti ancora, insomma, a me suona come un "va bene, continuiamo a farci del male".

/Ps. un po' di spam: nel forum del mio sito di cucina, domani si cucina in viola. Abbiamo deciso di prendere posizione, insomma: ci rimetteremo qualche centinaio di utenti? Ecchissenefrega. Ma di cacche, almeno in "casa mia", ho deciso di non volerne...

teresa de masi | 04/12/2009 ore 11:09:56

 

minchia...Roberto certo che siamo messi male: fuori non ci puoi andare perchè le cacche sono dappertutto, nel condominio rischi che ti tirano la monnezza dai balconi, in casa ti devi guardare a destra, a centro e a sinistra perchè su quelli di famiglia oggi ci puoi contare ma domani......ma noi chi siamo veramente?.... meno male che il cielo è sempre più blu!!!!!

armando | 04/12/2009 ore 10:04:05 | @

 

a proposito del no B day, se fossi uno degli organizzatori, non ce li vorrei proprio i partiti della cosiddetta sinistra. cioè esattamente i responsabili dello stato in cui siamo. berlusconi è al governo perchè è stato leggittimamente eletto e ha la maggioranza dei consensi e dei voti degli italiani. ma ci è arrivato perchè dall'altro lato della senna non hanno fatto nulla per impedirgli di raggiungere questo risultato col minimo sforzo e in violazione di qualche decina di regole o leggi. a volte lo hanno anche favorito, altre lo hanno più o meno apertamente lasciato fare astenendosi vergognosamente. quindi non capisco per quale motivo ADESSO il PD o RC o tutti gli altri inutili partiti della sinistra dovrebbero "allattariarsi" ad una manifestazione che esprime lo sdegno anche verso di loro.

[un altro]roberto | 04/12/2009 ore 09:14:33

 

Mingo, potrebbe pure essere. Ma penso che per agli artisti dia fastidio più il pensiero di trovarsi anche fisicamente e non solo mentalmente per aria piuttosto che il pensiero di un eventuale incidente. Per me, almeno, è così

antonia | 03/12/2009 ore 19:42:13

 

Eppure, un tempo, c'erano cantanti che cantavano "volare o-o".
@Antonia: smarrita (troppi smanettamenti blogsferici) tua mail: me la giri?

maramaus | 03/12/2009 ore 19:34:57

 

O forse più banalmente perchè le compagnie aeree pur di abbassare i costi grazie alla deregulation possono risparmiare sulla sicurezza ?

mingo | 03/12/2009 ore 19:01:37

 

Di palo in frasca, scusate:

Scopro che anche Alex Britti, se può, evita di prendere l'aereo. So what? direte voi. E invece è strano che tantissimi artisti (cantanti, musicisti, attori, registi) hanno se non terrore dell'aereo almeno una certa spiccata riluttanza ad utilizzarlo (come nel mio caso).
Sarà perchè si sta sempre talmente tanto nelle nuvole quando si è coi piedi per terra che poi si vogliono tenere i piedi per terra quando ci si deve staccare fisicamente dalla terra e quindi sembra di perdere quell'ultimo filo che ci lega ad una realtà solida?
Oppure, semplicemente, si ha più coraggio ad ammetterlo?

antonia | 03/12/2009 ore 17:08:13

 

@ Tanus
Ormai il vaso è rotto. Anche se incolli i pezzi non tornerà mai come prima ed è facile che faccia acqua da tutte le parti

fara | 03/12/2009 ore 16:29:50

 

Io più che discutere di come si ricostruirà la destra, vorrei contribuire a ricostruire la sinistra.
Ma sono solo il signor nessuno.

Tanus | 03/12/2009 ore 14:10:14

 

La difficile costruzione di una destra liberal-conservatrice è un lavoro a lungo termine. L'onda anomala della destra populista sollevata da mr.B e da Bossi non finirà tanto presto. Solo un evento traumatico (caduta di mr.B) potrebbe accelerarne il dissolvimento. Fini lo sa. In questo momento non gli interessa affatto far cadere il governo, con conseguenti elezioni anticipate, o provocare una scissione nel Popolo della Libertà. Per lui sarebbe il totale isolamento. Il suo è un lavoro di tessitura dell'identità di una destra illuminata, aperta alle istanze liberali. Il fuorionda è un incidente che gli ha fatto rischiare l'annullamento del lavoro svolto fin qui. Passato questo momento di appannamento, il suo lavorio riprenderà. L'uomo è intelligente, determinato, tenace, sorretto da una forte personalità; ha le idee chiare e una visione compiuta dell'avvenire politico della destra, una destra democratica ed allineata alle altre forze liberal-conservatrici europee. La sua convergenza nel Popolo della Libertà, a mio avviso, ha avuto proprio questa motivazione. La carica di presidente della Camera, fortemente da lui voluta, gli dà quell'autonomia e quella visibilità che gli sono necessari per avvicinarsi ai suoi obbiettivi. Ma c'é un'insidia: l'eventuale fine della legislatura. Mr.B è furbo (ma ha tanti guai, vedremo).

Antonio Carollo | 03/12/2009 ore 12:09:23

 

Grandioso! Da applausi a scena aperta!!

yorick | 03/12/2009 ore 10:52:25

 

@ Yorick
A proposito di intelligenti che non vanno a votare: Ieri sera Micciché, ad Exit, rispondendo a Gomez sulla necessità di selezionare candidati capaci e non indagati, ha detto (forse senza rendersene conto) che è difficile selezionare i candidati perché le persone "brave" fanno gli architetti, gli ingegneri, i professori...e non pensano di fare politica.
Ipse dixit (Micciché)

fara | 03/12/2009 ore 10:45:47

 

L'affermazione fulminante di Ruggero Orlando, secondo cui le telecamere mandano in vacca le intelligenze, vale anche per chi si espone al tubo catodico. Ho la terribile sensazione che non saranno le prese di posizione né le idee, per quanto interessanti, a dirigere il voto. Sarà determinante invece l'esposizione alle telecamere e ai tubi catodici (o agli schermi lcd di ultima generazione). Vincerà chi apparirà di più e chi sembrerà più aggressivo e fico come Corona. Certo, le idee influenzeranno una parte dell'elettorato: quella delle persone intelligenti, capaci di ascoltare e valutare. Ma come sapeva bene Mr. Barnum, gli intelligenti sono un paio su cento. E magari non vanno a votare.

yorick | 03/12/2009 ore 10:26:09 | @

 

@tanus, intendevo esclusivamente speranze di spazio politico, vista la sua attaccabilità su più fronti Ammesso e non concesso che poi a sinistra salti fuori qualcuno capace di usarlo, questo spazio.

teresa de masi | 03/12/2009 ore 10:26:02

 

Anch'io credo che Fini non abbia un elettorato. Chi vota a sinistra continuerà a votare a sinistra (uno scarso 30%), e chi vota a destra non voterà certamente per lui che vuole o cerca di rappresentare una destra borghese europea "illuminata" e non il popolo degli operai-microimprenditori di Bossi e di Berlusconi che non si reputano più proletari ma non sono diventati borghesi.

fara | 03/12/2009 ore 10:12:48

 

@teresa:
Tranne le speranze con silvio sono daccordo con te.
Ma il detto "al peggio non c'è mai fine è pure vero"
Fini da certi punti di vista è meno attaccabile e più forte

Tanus | 03/12/2009 ore 10:00:46

 

Dalla Prima Lettera agli Alajmesi

"All'improvviso il poliziotto buono divenne tamente buono da essere proposto per la beatificazione prima e la canonizzazione poi.Beppe Fiorello iniziò immediatamente a studiare la sceneggiatura per una prossima fiction.Bersani decise di svoltare a destra per catturare il almeno il voto degli industriali e dei leghisti preoccupati.Fu addirittura visto a Pozzallo a braccetto con Scajola e Marchionne respingere personalmente alcune imbarcazioni di migranti. Credo che su Youtube già circoli il video.Alla fine, come in ogni fiction che si rispetti il Fini-Fiorello, avendo mangiato il frutto del peccato (l'ultimo morso la celebrazione di Nilde Jotti) ed accortosi di essere nudo nel giardino dell'Eden si trovò circondato e impallinato da fuoco amico e nemico. Addirittura Feltri e Belpietro si munirono di proiettili calibro 500 alla nitro express (quelli per la caccia all'elefante)....."

Oppure, ipotesi n.2:
Fini è in buona fede, è uno statista, si è convertito ma, come dice RA, non troverà un elettorato che lo segue.

Mingo | 03/12/2009 ore 08:30:01

 

sono d'accordo con te....Fini non può più aspettare....se vuole contare chi lo segue, deve farlo ora....se perde tempo non conterà più nessuno....perchè regalerà tempo prezioso a chi è professionista del gioco delle tre carte, a chi è custode di dossier veri e falsi.....a chi sa come imbonire una parte di italiani.......etc.....

armando | 03/12/2009 ore 08:08:07 | @

 

@tanus, non mi inquietare che sto per andare a letto e andarci inquieta non va bene. Dimmi che son sante parole quelle di roberto e non le mie, che non son mica felice del quadro che sto vedendo delinearsi. Neanche un po'.

teresa de masi | 03/12/2009 ore 00:23:44

 

Sante parole

Tanus | 03/12/2009 ore 00:21:25

 

@roberto, incredibile ma vero, stavolta non sono d'accordo con te. Temo che la tua sia un'analisi vecchia, superata dai fatti. Sicuramente vera fino a qualche mese fa, fino a quando il rincoglionimento a base di viagra e di orge del potere di Silvio non era venuto fuori in maniera tanto evidente. Allora si', mirava al Quirinale. Ora no, secondo me: ora punta più in alto. Far fuori silvio, e diventare lui leader del pdl e presidente del consiglio. E l'aria da super partes tipo quella esibita ieri sera al telefono lo aiuta, in questo cammino. E pure parecchio. Soprattutto visto che dice quello che dovremmo dire noi. Persino Concita, grande come al solito, ieri mi pare sia rimasta ammutolita dal tono della telefonata. E Bondi, costretto a rimangiarsi quello che aveva detto solo un attimo prima sul problema costituito dalla magistratura? No, con silvio avevamo qualche speranza. Con lui, temo, nessuna.

teresa de masi | 03/12/2009 ore 00:20:01

 

A proposito di croci celtiche, mi aveva colpito una notiziola, qualche giorno fa: la dice lunga sulla reale convinzione di chi vuole imporre la fede a colpi di concordati.
[LINK]

yorick | 02/12/2009 ore 17:56:22 | @

 

Un'ultima cosa e poi taccio. Non per sempre, non ci sperate.
Non è improbabile che lo stabilimento Fiat di Termini imerese venga riconvertito per la produzione delle nuove bandiere auspicate dalla Lega: con croce latina e corna celtiche sulla fascia bianca centrale

fara | 02/12/2009 ore 17:38:13

 

Io ho perso la voglia di commentare qualsiasi notizia.

Mi basta solo pensare, per rabbrividire, che siamo in un paese dove il vicepresidente del CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche) organizza un congresso e pubblica un opuscolo sul creazionismo.
Posizione degnissima ma da discutere da un pulpito di teologia o teosofia ma improponibile in un Istituto che per prima cosa deve valutare il rigore scientifico di quanto viene pubblicato.

Lo "spessore" di un Paese si misura, soprattutto, da queste cose

fara | 02/12/2009 ore 17:33:37

 

Avete notato il sorriso soddisfatto di Marchionne all'uscita dall'incontro con il ministro Scajola? Aveva appena incassato il consenso del ministro, e, quindi, del governo, a smantellare la produzione di auto dello stabilimento di Termini. Interessa a qualcuno la sorte di circa 2.400 famiglie (comprendendo l'indotto)?
La comparsata dell'ineffabile ministro al municipio di Termini in mezzo agli operai cos'é stata? Lascio ai lettori la risposta.
Nei piani futuri della Fiat Termini Imerese non c’è. Una volta esaurita la produzione della Lancia Ypsilon, all’inizio del 2012, dalla fabbrica non usciranno più automobili, ma «qualcosa di diverso» che neanche si sa.
Il giornale "La Stampa" dice che è un segreto di Pulcinella che nel 2011 tutti o quasi tutti gli operai di Termini avranno maturato i requisiti per il pensionamento. La fabbrica si svuoterà.
Vista la campana da cui viene l'allusione, io non ci credo. Ma se fosse vero, cosa significa? che tutte le promesse di riconversione industriale dello stabilimento sono solo polvere negli occhi? Tanto il problema si esaurirà da solo?
Intanto una cosa è certa: il tracollo dell'economia di un grande comprensorio è già iniziato.
In tutta questa faccenda io ci vedo una forte dose di cinismo e di ipocrisia.
Micciché, sottosegretario e vice sindaco di Termini, non ha nulla da dire?
Il presidente della Regione, Lombardo, sembra già contentarsi di un possibile ripiegamento della Fiat sull'auto elettrica. Pia illusione. Anche se così fosse si tratterebbe di lunghi e complessi studi e sperimentazioni che nulla avrebbero a che fare con gli operai di Termini.
Una parte dei sindacati (le altre mi sembrano imbambolate) chiede una mobilitazione generale, col coinvolgimento di sindacati, industriali, commercianti, amministrazioni locali, studenti e la Chiesa.

Antonio Carollo | 02/12/2009 ore 17:00:56

 

@Penultim'ora: "Non ho paura delle parole dei violenti,
mi preoccupa molto il silenzio degli onesti". M. L. King
che siano solo questi ultimi ad essere stati inghiottiti dal buco nero... non si ode nulla!!


marina | 02/12/2009 ore 16:55:39

 

Fiat, Agrodolce, Averna... Dal corpo del lebbroso si staccano pezzi di carne ancora viva.

roberto alajmo | 02/12/2009 ore 16:50:20

 

Sono sempre i migliori che se ne vanno.

(ANSA) "Il gruppo nisseno Averna, produttore dell’omonimo e noto amaro, ha deciso di chiudere lo stabilimento che si trova in contrada Xiboli, a Caltanissetta, per spostare la produzione a Finale Emilia, in provincia di Modena. La scelta è stata maturata per via della crisi che sta invadendo la penisola e che rende ancora più dispendiosa la produzione entro i confini siculi. Il prossimo stabilimento, il cui sito è stato scelto strategicamente per abbattere i costi di distribuzione, produzione e del personale, dovrebbe essere il “Casone fabbricazione liquori”.

Don Diego de La Vega | 02/12/2009 ore 16:38:36

 

Fini potrebbe almeno garantirci un centrodestra normale come in ogni democrazia compiuta che si rispetti. Paola non temere non sarà un fuorionda a fare cadere questo Governo.Forse ci vuole un onda di tipo tsunami (la bomba atomica Spatuzza?) per questo. Io personalmente non me lo auguro. Il cambiamento di assetti politici attraverso la via giudiziaria non ha prodotto nulla di buono e di continuativo.Ho sempre il timore che dopo una rivoluzione apparente vi sia una restaurazione ancora peggiore. Chi ci doveva dire che dopo tangentopoli ci saremmo ritrovati un ventennio Berlusconiano? Prima non volevamo morire democristiani,poi craxiani,poi berlusconiani. A questo punto delle due l'una. O era meglio morire da piccoli (per dirla con Paolo Rossi) o se proprio si deve è meglio morire finiani (bersaniani mi pare improbabile)!

Mingo | 02/12/2009 ore 16:15:12

 

Non mi affascina l'isea che a Berlusconi succeda Fini. Soprattutto se ciò dovesse accadere per delle esternazioni (fatte di nascosto) il cui contenuto è (o meglio dovrebbe essere in un paese normale) scontato e condiviso dalla totalità dei cittadini.
(Forse volo troppo alto....)

Paola | 02/12/2009 ore 14:49:42

 

Per volare basso, anzi per volare sotto.

maramaus | 02/12/2009 ore 13:36:15

 

A me del fuorionda di Fini mi ha colpito il fatto che mentre il Dott. Di Matteo parlava, lui si faceva bellamente i fatti suoi. E non è solo (ma anche) una questione di educazione.

Paola | 02/12/2009 ore 13:36:03

 

Per lo spot propongo Corona...

Tanus | 02/12/2009 ore 13:31:07

 

Si Roberto l'ho pensato anchi'io un attimo dopo l'invio! Ho immaginato un fallout di munnizza,ma anche di calunnie, invidie, discredito etc.etc..Basta ricordare il dopo Orlando che ancora oggi, a distanza di quasi due decenni continua(come ogli fallout che si rispetti) al solo nominarlo.
Eppure la boccia dalla quale piove munnizza sarebbe un eccellente souvenir per i turisti da mafiatour. Ma anche un discreto spot elettorale.


mingo | 02/12/2009 ore 13:06:19

 

"Accussì Fini".
E' il lapidario parere di Renato Schifani a conclusione del programma Ballarò di ieri sera.

P.S.: ogni tanto ritorno!

Luigi | 02/12/2009 ore 12:52:55

 

Sì, Mingo. Il problema però è che rovesciando la boccia di Palermo quella che nevica è munnizza.

roberto alajmo | 02/12/2009 ore 12:40:54

 

Don Diego accura! Mi sa che dove stai tu è pieno di Governatori spagnoli e yes men alla sergente Garcia.

Per i non palermitani:
Accura = fai attenzione, nel senso di quartiarsi.
Per i non palermitani:
Quartiarsi=statte accuorto (come dice Fini a B)
Per i non napoletanti:
Accuorto....etc.etc. potremmo continuare per ore con questa contaminazione italo-dialettale

Mingo | 02/12/2009 ore 12:32:39

 

Il fuorionda di Fini, per quanto minimo, ha gia creato un piccolo cortocircuito tra i i circensi.Fini ha fatto outing (magari sapendolo) regalandoci un pò di realtà. Basta fare zapping tra i canali di news internazionali - per chi ha sky - per capire in quale buco siamo disperatamente finiti. Ambiente,guerra,fame,infrastrutture,economia.Questi sono i temi che interessano il mondo.Da noi giustizia breve,lunga, semi breve,lodi vari, trans,Rotondi e Capezzoni vari. A questo punto o lotti o ti sigilli.Oppure se questo è quello che vogliono le maggioranze di italiani,siciliani,palermitani,condomini che se lo tengano e basta.
Io spero solo di mandare i miei figli fuori da qui, in un posto meno peggio, consapevole però che siamo in un nuovo Medio Evo mondiale e su questo poco ci possiamo fare, ricordandomi che non sono il loro propietario ma momentaneo possessore e detentore e sperando che stiano qui il tempo giusto per corazzarsi, come dice RA, ma non troppo altrimenti forse si sentirebbero emigranti. Cerchiamo di farli crescere con un pò di radici ma non profonde, a fittone, superficiali e diramate in modo da estirparle più facilmente senza creare troppi danni.Sperando di sbagliare il meno possibile, sognando una nuova primavera palermitana che magari mi faccia cambiare idea, ma l'esperienza storica ormai mi ha insegnato che la nostra primavera è come un Truman Show.Qualcuno ci guarda dall'esterno per vedere come ci comportiamo, poi quel qualcuno (o forse noi stessi?) decidiamo che è il momento di tornare all'antica. Capovolgiamo la boccia e ricominciamo a far nevicare.




Mingo | 02/12/2009 ore 12:23:55

 

@Daniela
Ho visto la nota che hai lasciato nel “Chi legge, che scrive” sotto "Né carne, né pesce": mi ha fatto piacere leggerti, venire a sapere alcune cose che il mio intervento ti ha ricordato.
Il tema dell'emigrazione mi interessa molto da vicino anche per ragioni professionali, dato che sempre più mi capita di insegnare in classi multiculturali, cioè con discenti non solo svizzeri, ma provenienti pure da altri paesi. E non soltanto europei.

Il link di "Pane e cioccolata" con uno strepitoso Nino Manfredi è una chicca... ottima scelta, Daniela! È il film-manifesto dell'emigrazione italiana di quel periodo.

“Non siamo venuti qua per bisogno, perché grazie a dio a casa di bisogno ce ne abbiamo tanto”.
(Nino Manfredi, dal film “Pane e cioccolata”)

[LINK]

tamara | 02/12/2009 ore 11:36:48

 

Non so, ma ho la sensazione che Zorro abbia già frequentato questo forum...

maramaus | 02/12/2009 ore 11:32:40

 

Grazie del benvenuto, anche a nome del mio servo muto e del mio cavallo nero...
Si, ho notato, l'indocile latita

Don Diego de La Vega | 02/12/2009 ore 10:58:03

 

E' da quando Bersani che è stato eletto segretario, che il PD è andato in vacanza. Forse stanno preparando gli addobbi natalizi a Botteghe Oscure e ognuno a casa propria.
La cosa buffa è che il governo si fa opposizione da solo. Proprio buffo. Diciamo che da noi si fa politica all'italiana...

max | 02/12/2009 ore 10:44:33

 

Un benvenuto a Don Diego.
Mi piace questo genere di storie. Vorrei leggerne tante. Il mio pusher abituale è Giuseppe, ma si fa leggere poco...

RA | 02/12/2009 ore 09:36:24

 

Ecco fatto!
Sulla penultim'ora: il sistema e' gia' andato dove doveva andare, il danno e' sotto gli occhi di tutti, solo che, non so perche', nessuno o quasi nessuno prende in considerazione il problema... Come se non ci appartenesse, come se non stessimo parlando del nostro paese. Ma puo' essere che dobbiamo sperare in Fini per la caduta del governo...? Ma il pd che sta facendo? Le vacanze di natale anticipate? Che ne pensa del fuorionda del presidente della camera? Bu. [LINK]

Eliana | 02/12/2009 ore 09:05:22

 

Ma no!!!! :DDD
La mia bacheca potra' solo essere piu' bella con le tue immagini! Vado, posto e torno.
Grazie!

Eliana | 02/12/2009 ore 08:49:43

 

@Eliana: Sì, certo. Grazie! Ma poi, il pc esplode? No, vero? Rassicurami!

maramaus | 02/12/2009 ore 08:40:40

 

Suona il telefono nell'ufficio X dell'Ente Dannoso Regione: "Buongiorno, sono la signora X della segreteria dell'on.le X, mi può passare l'ufficio Y?"
"No, oggi c'è la ricezione delle istanze per l'argomento X, ci sono decine e decine di persone che consegnano documenti, c'è molta confusione e hanno chiesto di non essere interrotti".
"Si lo so, appunto, tra quelli che devono consegnare c'è uno che conosco, mi ha chiamato dal cellulare per vedere se c'è modo di passare un po' avanti..."

A proposito della penultimora, del voto e dei circensi

Don Diego de La Vega | 02/12/2009 ore 07:41:47

 

Veloce veloce, sulla seconda questione: la musica.
Io credo che anche qui sia una questione di memoria. Uno comincia ad ascoltare le cose del passato per costruire un legame con quello che c'è stato prima.
Però non sono affatto d'accordo sul fatto che, negli ultimi anni, non ci sia niente di particolarmente originale.
Due nomi, per me, sopra tutti: Samuele Bersani e Niccolò Fabi.
Bravi bravi bravi. Originali, capaci di scrivere testi veri e musica orecchiabile ma intensa. E, nel caso di Bersani, senza voler fare paragoni fuori luogo, credo che ci sia una vena ironica in certi testi che raccoglie l'eredità di Gaber.
Manca una voce profetica, che si alzi al di sopra delle altre: ma questo è un vizio del nostro tempo, e non si può chiedere alla musica di fare quello che non fa più nessuno. Neanche gli intellettuali, per fare un esempio.

Daniela PS | 02/12/2009 ore 00:03:42

 

Mi spiace inserirmi nei discorsi odierni solo adesso, ma spero che leggiate tutti il mio intervento domattina (io i vostri li ho recuperati tutti).
In primis, la lettera di Celli e ciò che ne deriva. Come già sapete, io sono un raro caso di emigrata yo-yo, visto che sono andata e tornata dalla Sicilia più volte. L'ultima, nel '97, per mia scelta.
Mi capita spesso di pensare, ultimamente, se rifarei quella scelta e la risposta è sempre sì. Antonia, capisco chi ti dice che il tuo nomadismo è "triste", anche se trovo improprio definire "tristi" la vita e le scelte degli altri. Io non potrei mai cambiare città spesso, proprio perché so cos'è lo sradicamento. Se avessi un figlio di 14-15 anni, lo incoraggerei a viaggiare, a conoscere il mondo e poi a scegliere autonomamente se restare o partire: mi basterebbe che fosse conscio dei vantaggi e degli svantaggi di entrambe le situazioni. Perché - diciamocelo chiaramente - quello che nell'articolo di Celli si sottintende ad ogni parola è la tristezza di una scelta quasi obbligata, quella di tagliare i ponti con le proprie radici, con il baretto dove si mangiava il gelato da piccoli, con il migliore amico, l'amore, il mare, e mi fermo qui. Mi commuovo sempre quando leggo i ricordi di Roberto, quella Mondello mitica che gli apparteneva e ancora gli appartiene. Io non ce l'ho un luogo così. La scelta di andare via dovrebbe essere sempre libera, dettata dalla curiosità di conoscere il mondo e mai dal desiderio di fuggire.
Restare, per me che non ho più vent'anni e che un mio spazio me lo sono tutto sommato costruito, è resistenza sovrumana, voglia di gridare che non mi avranno, che non avranno di nuovo la mia vita e quel senso di appartenenza che, a Palermo, ho provato e che ho stentato persino a riconoscere.
Quando lo schifo mi assale e vorrei scappare, mi aggrappo a quella sensazione, alle mie radici ricostruite, alla mia casa, ai miei meravigliosi amici e se un giorno dovessi andarmente sarà per seguire un'avventura nuova e non per scappare dall'immondizia e dal malgoverno.

Daniela | 01/12/2009 ore 23:56:39

 

Sono stato in giro per tutto il giorno per lavoro e solo ora trovo una giornata di post molto invitante.

Vediamo chi mi ha dato qualcosa negli ultimi quindici anni tra i meno anziani: Pearl Jam, Subsonica, Carmen Consoli, Radiohead, Afterhours.

Certo se faccio l'elenco delle cose che ascolto da quando ho cominciato a interessarmi di musica negli ultimi venticinque anni devo dare ragione a chi ha parlato di eredità sessantottine che valgono ancora: Neil Young, Springsteen, Tom Waits, Steely Dan, Stevie Wonder.

Però in questi ultimi anni siamo diventati noi italiani rispettatissimi nel jazz: Roberto Gatto, Danilo Rea, Paolo Fresu.

Ma l'altra parte di me si ricorda di Miles Davis, John Coltrane, Weather Report, Dizzy Gillespie, John McLaughlin....

Non ne usciamo.

Fuori onda di Fini: troppo bello per essere "vero". Voglio essere un po' malizioso, diciamo che non si è curato troppo della cosa e quindi si è dato una mano... a fare il fuorionda.

Fini ha l'obiettivo di far cascare Berlusconi anzitempo, me ne sono convinto.

Gianluca | 01/12/2009 ore 23:43:34

 

tranquilla... ne vedremo ancora tante, tutti insieme. Siamo tanti.

Tanus | 01/12/2009 ore 23:07:56

 

Grazie tanus... mi sta venendo l'ulcera... almeno so di non essere sola a vedere questo strazio...

Eliana | 01/12/2009 ore 22:32:22

 

Scusa...
quello è dell'utri

Tanus | 01/12/2009 ore 22:30:23

 

Hai dimenticato Mangano eroe

Tanus | 01/12/2009 ore 22:29:41

 

Tornando al tema del giorno... Io non voglio vivere in un paese in cui i politici modificano la realtà a loro piacimento... prendi un bondi qualunque che in 10 minuti ha sparato tre ca@@@... Andreotti non c'entra niente con la mafia (ma non era stata dimostrata la sua collusione fino all'ottantadue??), mrB è l'uomo più perseguitato del mondo e della storia(...), i magistrati che accusano mrB ci fanno fare brutta figura nel mondo... AH, "LORO" CI FANNO FARE BRUTTA FIGURA?????? Il principio è lo stesso di quello enunciato da mrB con la frase STROZZEREI TUTTI QUELLI CHE SCRIVONO O GIRANO FILM SULLA MAFIA... certo, loro vanno condannati, mica i mafiosi e gli amici dei mafiosi!!!!

Eliana | 01/12/2009 ore 22:04:59

 

I nomadi!!!! vero!
AVION TRAVEL e CSI...
basta, giuro! :)
maramaus posso mettere i link al tuo blog sulla mia bacheca di fibì...?

Eliana | 01/12/2009 ore 21:52:56

 

nomadi

...

basta, sennò Roberto ci banna

Tanus | 01/12/2009 ore 21:29:01

 

Collage
New Trolls

Tanus | 01/12/2009 ore 21:27:40

 

quartetto cetra

Tanus | 01/12/2009 ore 21:25:51

 

I teppisti dei sogni

maramaus | 01/12/2009 ore 21:16:18

 

Franco e Ciccio

Tanus | 01/12/2009 ore 21:01:38

 

Le orme
Gli alunni del sole
;-)

Banco del Mutuo Soccorso
Matia Bazar

Tanus | 01/12/2009 ore 21:01:02

 

Secondo me la ragazza di quindici anni lo sa chi erano e sono i beatles! Io stavo cercando un gruppo italiano di chiara fama... E gli unici nomi che sono usciti sono "pooh" (!!!), "stadio", "pfm!...

Eliana | 01/12/2009 ore 20:44:48

 

chiedilo ad una ragazza di 15 anni di eta chi erano mai questi beatles

Tanus | 01/12/2009 ore 20:36:47

 

Beh, anche gli Stadio. Ma chi erano mai questi Beatles?

maramaus | 01/12/2009 ore 17:39:56

 

PFM ?!?!

Tanus | 01/12/2009 ore 17:24:41

 

[LINK]

quello che fini pensa di berlusconi

vitalba | 01/12/2009 ore 17:19:26

 

U2.
Ma italiani... pooh...? ;)

Eliana | 01/12/2009 ore 17:05:10

 

DE GREGORI!!! E' vero! E sono sicura che se ci penso un altro po' qualche altro salta fuori.
Altri gruppi contemporanei che mi incuriosiscono: marta sui tubi e i subsonica. Io di musica non capisco nulla e mi fermo al gusto dell'ascolto, ma è vero che questi gruppi hanno un pubblico ristretto e le loro canzoni non sono esattamente "canticchiabili"... Intanto sto provando a pensare a complessi che facciano musica piacevole e che arrivi a tutti(o quantomeno ai più), ma non mi vengono in mente...

Eliana | 01/12/2009 ore 17:02:49

 

Il brutto non è il partire, si deve cercare sempre il meglio.
Il brutto è essere costretti a farlo, perchè fuggi dal vuoto assoluto.

Tanus | 01/12/2009 ore 16:04:08

 

C'è un corto circuito nella frase in cui spero che mio figlio possa fare bene: infilo brutalmente un "malincuore", che si riferisce in realtà al fatto quasi ineluttabile di una sua partenza da Palermo. Da qui, far bene: e ci mancherebbe altro!
Chiedo venia.

maramaus | 01/12/2009 ore 15:36:30

 

Andare o restare? To be or not to be? Credo dipenda anche dalla tempra. Dalle peculiarità di ciascuno. Faccio un esempio. Conosco due ragazzi, entrambi sopra i trenta che hanno lasciato Palermo per andare a vivere e lavorare a Barcellona. Entrambi fumettisti. Barcellona non è esattamente l'eldorado del comicdom, ma offre spunti e possibilità interessanti. Si consideri che tuttavia chi vuol disegnare o scrivere o fare musica può farlo pure a Palermo. La geografia non è più un grosso limite. Piuttosto è il clima mefitico che rappresenta un handicap per l'olfatto. Quello in senso stretto e quello metaforico. Io da genitore spero (molto a malincuore) che mio figlio possa fare bene se non benissimo. E onestamente da queste parti (si legga Italia) mi pare che con una buona bussola e una lente d'ingrandimento gigantesca, forse, un corso di studi dignitoso e buono come trampolino lo trovi. Ma poi? Consumato il viatico degli studi in Italia, dove andrà a lavorare con soddisfazione? la domanda è molto retorica.
Musica: Sono molto seccato, avete saltato a piedi uniti e colpevolmente un grande che non risente del tempo, ma che come certi vini, migliora. Francesco De gregori. Grande da ragazzo, ragazzo da grande! Mi convince molto l'analisi sulla musica attuale da parte di Antonia.

maramaus | 01/12/2009 ore 15:04:22

 

Io non so come commentare la penultim'ora... Senza dubbio l'analisi di Celi e' precisa e dettagliata, forse perche' pure lui ha fatto parte di quel sistema che oggi invita a boicottare. Ha ragione sotto molti fronti. Il nocciolo della questione e' quello che tutti noi conosciamo bene: meglio andare o meglio restare?
Io non lo so, davvero. Oggi sono qui, presa da mille attivita' appassionanti ma non retribuite, ed un solo vero lavoro precario. Il futuro non so neppure immaginarmelo.

Eliana | 01/12/2009 ore 14:08:07

 

[LINK]

ritornando sul penultimora... questa l'avete letta??

marina | 01/12/2009 ore 13:36:41

 

Scusate se posto un altro video, ma mi sembra che sia adatto sia alla penultim'ora che al quesito sollevato da Fara
Giorgio Gaber: Io non mi sento italiano
[LINK]

antonia | 01/12/2009 ore 13:10:49

 

Per esempio, i REM sono un esempio di canzone non banale ma che tutti possono cantare e che dà buonumore
[LINK]

antonia | 01/12/2009 ore 11:54:24

 

Per esempio, non vedo un nuovo Gaber. O uno stralunato-geniale come Jannacci. O un potenziale evegreen come Battisti.
Luci della Centrale Elettrica, Baustelle, Teatro degli orrori, sono fenomeni di nicchia. Personalmente non li trovo musicalmente notevoli. Manca qualcuno che faccia musica bella e nello stesso tempo canticchiabile. Che quindi arrivi a tanta gente

antonia | 01/12/2009 ore 11:46:13

 

Fara, procedo col copia, modifica e incolla direttamente dalla tua bacheca...
Alcuni cantanti sono delle care vecchie buone abitudini. Di De Andrè ascoltavamo la cassetta lato a e lato b mille volte durante il viaggio per arrivare al mare. Di De Andrè e di molti altri. E se prima canticchiavo il motivo per il puro piacere trovato nella musica, all'età della coscienza è arrivata pure la comprensione dei testi. Musica e testi, dunque. Che non passano. Perchè girotondo, cantico dei drogati, inverno, l'antologia di spoon river, storia di un impiegato sono tutte canzoni che si calano benissimo nel nostro tempo, che tristemente continuano a rispecchiarlo e a rappresentarlo. E non cito quelle d'amore perchè si sa che quelle d'amore sono più semplici da scrivere... E che l'amore non passa mai di moda, quindi come potrebbe una canzone che parla di questo folle sentimento che...?! ;)
Il discorso fatto su De Andrè, che poi è quello che amo maggiormente, nonostante non mi piaccia fare classfiche di amori, è applicabile pure a Gaber, Rino Gaetano, Battiato, Guccini, Mina, Patty Pravo, Gino Paoli, Vecchioni... Volgo lo sguardo al passato, è vero, ma lo faccio inconsapevolmente. Sì, so che molti dei miei cantautori preferiti sono gli stessi che piacciono ai miei genitori, ma che importa? Io li amo QUI ed ORA, e tanto basta per renderli attuali!
Ciò non toglie però che ami molto anche alcuni contemporanei... Sbavo per Lorenzo Cherubini da quando avevo 5 anni(conservo una testimonianza scritta in un italiano approssimativo!), ho vissuto ed elaborato tutta la sua evoluzione da cantante del cazzeggio a cantautore impegnato, adoro michele salvemini/caparezza, mi piacciono molto daniele silvestri e vinicio capossela... Ed alcuni gruppi "nuovi" come le luci della centrale elettrica e i baustelle... Insomma, anche le nuove generazioni hanno il mio consenso...

Eliana | 01/12/2009 ore 11:29:01

 

Jalisse..

Tanus | 01/12/2009 ore 11:28:10

 

Ah, si...i Jalisse.

antonia | 01/12/2009 ore 11:27:53

 

Vi ricordate di quel duo che vinse a Sanremo con gran clamore e poi sparì totalmente dalla circolazione? Non mi ricordo neanche il loro nome....

antonia | 01/12/2009 ore 11:24:50

 

Fara, la musica odierna fornisc un quadro un pò desolante. Salvo sporadici casi, c'è un livello bassissimo, copie di copie di copie.
La responsabilità è secondo me soprattutto delle Majors musicali e del fatto che ai loro vertici non ci sono più dei talent scouts ma dei "direttori finanziari" che quindi pensano più ai profitti che all'arte. Se hai notato, ci sono sempre più musicisti-meteora, messi su con un'accurata campagna di marketing, spremuti all'inverosimile finchè possono dare e poi gettati via nel dimenticatoio. Fra l'altro molte di queste meteore di artistico non hanno un bel niente e non posseggono alcuna preparazione o talento. Vengono creati ad hoc per lanciare un look, una moda e poi via. Di giovani talentuosi ce ne sono, eccome, ma rimangono episodi di nicchia

antonia | 01/12/2009 ore 11:22:46

 

Roberto, se me lo permetti vorrei riportare in questo forum, che amo moltissimo, un pensiero che ho espresso anche in FB: Quando io era ragazzina avevo i Beatles, i Rolling stones, i Beegees, avevo De Andrè, Gaber, Battiato (si anche allora) , avevo Rino Gaetano e Sergio Endrigo ....e tanti, tanti altri. Quello che non avevo era il bisogno di guardare indietro nel tempo per trovare una canzone per me. Una canzone che mi rappresentasse. Avevano la mia età, o poco più, quelli che cantavano e scrivevano musica e parole che mi piacevano.

Non è inquietante che tanti giovani ascoltino una musica passata. Una musica "mia" (nostra per chi ci si riconosce)di un'epoca (la sessantottina) che è stata condannata. Dai nostri media e da storici compiacenti

fara | 01/12/2009 ore 11:15:52

 

Però Celli, rispetto a me, a te Roberto, a Giuseppe e a tutti quanti frequentano questo forum, qualche colpa in più ce l'ha! Lui avrebbe potuto fare qualcosa e non l'ha fatto

fara | 01/12/2009 ore 10:21:46

 

La lettera di Celli mi ha fatto l'effetto Mike Bongiorno al contrario. Per lui si pensava: se ce l'ha fatta l'incarnazione dell'italiano mediobasso io vado tranquillo. Celli è (o è stato) uno di quelli che avevano il potere tra le mani: per questo la sua resa toglie ogni speranza residua. Però non faccio testo: mi abbatto con estrema facilità.

yorick | 01/12/2009 ore 10:21:23 | @

 

Io la decisione l'ho presa tanti anni fa. Anzi, l'abbiamo presa io e mio marito insieme, anche per nostro figlio. Il prossimo anno lui finirà il liceo ma non ha preso nenche in considerazione la possibilità di tornare in Italia per fare l'Università. Programmi troppo "vecchi" per quello che vuole fare lui.
Si è scatenato il dibattito ovunque, dopo la lettera di Celli. Andare via comporta dei sacrifici, il ricominciare ogni volta da zero, la capacità di fare affidamento solo su se stessi. C'è chi resiste poco tempo e chi poi non riesce più a tornare. Dalla mia esperienza personale posso dirvi che tutti quelli che ho conosciuto all'estero e che sono tornati per loro decisione se ne sono amaramente pentiti e ora farebbero di tutto per ripartire. Gli amici che ho lasciato in Italia, i parenti che sono nati e vissuti nello stesso posto li vedo molto più tristi, più delusi di noi.
Io già da piccola ho lasciato la cittadella natia del Piemonte per andare a Palermo che purtroppo non ho mai sentito come la mia città. Forse questa mancanza di radici profonde mi ha agevolato, ma mio marito, paleritano da generazioni non si sogna neanche di tornare.
Alcune persone, su FB, hanno definito questa mia vita nomade "triste". Io non la vedo così e non so come facciano loro a definirla tale in modo preventivo.

antonia | 01/12/2009 ore 10:17:42

 

La lettera di Celli è purtroppo l'ammissione di un fallimento e non basta chiedere scusa ai nostri figli per aver reso questo paese solo un paese per vecchi. Un paese senza futuro e senza idee.

fara | 01/12/2009 ore 09:14:30

 

Due figli, due università estere da ricercare, due passaporti da timbrare...

Giuseppe | 01/12/2009 ore 08:18:49

 

"I tuoi figli non sono figli tuoi, Sono i figli e le figlie della vita stessa.Tu li metti al mondo, ma non li crei. Sono vicini a te, ma non sono cosa tua. Puoi dar loro tutto il tuo amore, non le tue idee. Perché essi hanno le loro idee.Tu puoi dare dimora al loro corpo,non alla loro anima. Perché la loro anima abita nella casa dell’avvenire dove a te non è dato di entrare, neppure col sogno. Puoi cercare di somigliare loro,ma non volere che somiglino a te. Perché la vita non ritorna indietro e non si ferma a ieri.Tu sei l’arco che lancia i figli verso il domani." Kahilil Gibran

armando | 01/12/2009 ore 08:15:17 | @

 

La lettera è bella e provocatoria.....io e mia moglie che abbiamo i figli da più di dieci anni a Milano (le considerazioni allora si facevano soprattutto tra nord e sud)non possiamo che essere d'accordo.....solo che la decisione l'hanno presa i ns. figli.....noi abbiamo solo preparato l'humus favorevole assecondando le loro inclinazioni ed è questo, a mio parere, il dovere dei genitori.....è stata cosa buona e giusta? mah!.....certo è triste che la questione invece di essere risolta....si è estesa a tutta l'Italia!!!!!

armando | 01/12/2009 ore 08:05:27 | @

 

Venghino siori, venghino. Nessuna paura, non mordo nessuno!
[LINK]
Naturalmente il forum di Roberto non si libererà di me: questo lo do per scontato. Continuerò a scrivere a firma maramaus in esclusiva per questo forum. Poi vedrete che ci sarà più satira qui che nel mio piccolo spazio solenuvoloso. Baci a tutti per l'affetto.

maramaus | 01/12/2009 ore 07:23:46

 

Strano, eppure non pensavo di godere di raccomandazioni... io ho commentato, e giuro non ho fatto nulla di strano... :-)

teresa de masi | 01/12/2009 ore 00:03:57

 

visualizza commenti: 15 | 50 | 100 | 200


Archivio Messaggi 

:: Anno 2018 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 
:: Anno 2017 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 
:: Anno 2016 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 
:: Anno 2015 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 
:: Anno 2014 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 
:: Anno 2013 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 
:: Anno 2012 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 
:: Anno 2011 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 
:: Anno 2010 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 
:: Anno 2009 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 
:: Anno 2008 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 
:: Anno 2007 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 
:: Anno 2006 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 
:: Anno 2005 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 

^ TORNA SU | TORNA INDIETRO | TORNA ALL'HOME


Inserisci messaggio


nome 
email 
messaggio 
antispam 
  digitare la seguente parola



^ TORNA SU | TORNA INDIETRO | TORNA ALL'HOME