Vai ai COMMENTI...

Ultimi commenti

Grazie a te, grazie a Sandro Veronesi e grazie...
.:Roberto Alajmo | @:.
.:21/11/2018 | 11:39:01:.

Contenta che Milano ti abbia accolto con...
.:Manuela | @:.
.:18/11/2018 | 23:16:42:.

Grazie, Fernando. Ne approfitto per segnalare...
.:Roberto Alajmo | @:.
.:28/10/2018 | 18:35:46:.

Ciao Roberto,
primo di tutto dirti che...

.:Fernando | @:.
.:27/10/2018 | 14:29:59:.

..ci conto. Manuela...
.:Manuela | @:.
.:14/09/2018 | 23:08:28:.

Vai ai COMMENTI...



Menu riservato:

il forum di Roberto Alajmo, scrittore




il forum

INSERISCI COMMENTO
INDICE ARCHIVIO MESSAGGI

La comunicazione è un diritto del cittadino? E' tutelata dalla Costituzione? Allora che ci sta a fare il fortilizio corporativo dell'Ordine dei giornalisti? Non basta la selezione che fa il libero mercato della domanda (aspirante giornalista, conduttore, speaker) e dell'offerta (editori)? Se non conosco la grammatica, l'ortografia, eccetera, o scrivo o dico fesserie l'editore, o il direttore o il capo redattore o il capo servizio o il capo struttura, mi può sempre dare un calcio sul sedere e mandarmi via. Qui non si tratta di fare il medico o l'avvocato ma di acquisire e comunicare notizie e opinioni. Ci rendiamo conto che siamo nel medioevo? A Firenze nel XIII secolo era così. Comandavano le corporazioni. Sì, le regole vanno rispettate ma chi rispetta i diritti dei singoli cittadini? Sono tante le leggi cretine che non vengono né osservate né applicate.
Nel caso di Pino Maniaci siamo alla farsa: per lo stesso fatto è stato già giudicato e assolto. Si fa il gioco dei suoi nemici? Un pochino di sale in zucca ci vorrebbe, no?

ntoni (antonio) | 31/03/2009 ore 20:48:56

 

E' Vero Antigone è il Diritto, Creonte è la Legge, sofoclamente parlando. come ne usciamo? E si, stiamo dalla parte di Antigone.
I diritti non hanno bisogno di essere riconosciuti per legge. Quelli da riconoscere , sono i doveri, eventualmente.

fara | 31/03/2009 ore 19:49:21

 

Caro Filippo
oggi non si muore più. Chiedi l'intruglio a Scapagnini e alla farmacia di sua fiducia. Pare che si trovi a Catania

fara | 31/03/2009 ore 16:53:31

 

@ Uma
sono tre giorni che me la tengo ma ora non ce la faccio più.
Il giornale di Sicilia nasce nel 1860, ben prima dell'Ora.

Non stiamo a stabilire quale del due abbia avuto più importanza.

Lo so che ti sto antipatica ed è per questo che ho avuto qualche remora a rispondere, ma visto che nessuno lo ha fatto mi sono sentita in dovere di rispondere.
Il giornale di Sicilia è stato fondato da Girolamo Ardizzone in tempi non ancora sospetti nel lontanissimo 1860

fara | 31/03/2009 ore 16:48:59

 

Caro Roberto, a proposito dei nostri politici e delle loro conversioni. Dopo Fini che fa i discorsi di sinistra, adesso Bossi che saluta con il pugno chiuso. Nel frattempo, Realacci e Speziale si congratulano con Fini. Comincio ad avere delle vertigini. Una volta si moriva democristiani. Ed oggi?

filippo d'arpa | 31/03/2009 ore 16:41:06

 

E' evidente che ho sbagliato tutto nella vita

pps
mi resta solo rifugiarmi nel "Porticciolo" di Marco, in attesa che passi la bufera. Sempre che lamia aspettativa di vita sia pari a quella del premier

ppps
Marco, secondo me hai un futuro. Quasi una mago Otelma

ps | 31/03/2009 ore 14:58:02

 

Il premier, d'accordo con il ministro Gelmini, ha deciso di ospitare a villa Gernetto, in Brianza, proprietà privata mediaset e sede dell'ateneo che dovrà scardinare il «monopolio culturale della sinistra», uno dei vertici del G8 (ma a spese nostre) . Quello su Scienza e Tecnologia. Che dire ? l'unica cosa che c’è da dire è che più della metà degli Italiani non è informata, non legge, non scrive (semianalfabeti o analfabeti di ritorno), non naviga su internet ma lo usa solo per giocare o scrivere minchiate su facebook e simili, ma vota basandosi su quello che dicono le televisioni di Berlusconi. Un antico proverbio dice: non chiedere mai all'oste se il vino è buono. L'ignoranza impera indisturbata ed è giusto così.

Io ancora credevo che in democrazia la politica si dovesse fare nelle sedi istituzionali, non nei salotti di casa di qualcuno che vuol far credere di essere lui l'intera nazione

fara | 31/03/2009 ore 14:49:27

 

Certamente, e fanne buon uso. Ma non è una intuizione è una triste constatazione

fara | 31/03/2009 ore 13:22:21

 

Bellissima intuizione, Fara. Posso rubartela?

roberto alajmo | 31/03/2009 ore 13:05:51

 

A proposito di figli.

Stamattina, in macchina, sentivo la rassegna stampa di radioradicale. Parlavano tra le altre cose del rimpatrio di un bambino afgano (12 anni) perché clandestino. Un figlio.

Non so che fine farà questo povero "figlio" e a questo proposito proporrei che quando si parla di figli si sostituisca alla parola figlio la parola composta "miofiglio". Credo che in questo paese ma non solo in questo, i soli "figli" che contano sono i propri. Gli altri bambini sono solo oggetto di disturbo o, nella migliore delle ipotesi, figli di qualcun altro.

fara | 31/03/2009 ore 12:54:19

 

Giusto, il rispetto delle regole è sacrosanto. Ma lo era anche il rispetto che delle regole aveva il giudice Carnevale? credo che il titolo-conclusione sia perfetto

MA NIENTE DI MEGLIO AVEVANO DA FARE?

Intendendo chi o coloro che hanno denunciato Maniace costrigendo il PM ( o chi per lui)ad intervenire


...e gira la Giostra (di Marco) gira...





fara | 31/03/2009 ore 12:40:35

 

...Ho visto, fra l'altro, Gery, che anche sul tuo blog http://www.gerypalazzotto.it oggi si parla dello stesso argomento.
Più tardi penso di tornarci allargando il discorso. Ma intanto mi preme sottolineare che la "follia" di Maniaci mi pare inevitabile, visto il contesto in cui si muove, ci muoviamo.

roberto alajmo | 31/03/2009 ore 12:17:09

 

Caro Roberto, non dimentichiamo che - è storia relativamente recente - l'uso prevalente dei cavilli è stato proprio quello improprio. Per demolire verità, ad esempio. Non conoscno Maniaci, mi dicono che è un tipo bizzarro (il che, per mia indole, potrebbe anche rendermelo simpatico), ma l'idea del vigile urbano che dirige il traffico delle idee mi dà un certo fastidio.
Ps. Facci caso quando dai un'occhiata in giro. I commenti più intransigenti sul "peso" del tesserino sono quelli di pischelli dell'informazione e di professionisti del sindacato...

gery palazzotto | 31/03/2009 ore 10:39:54 | @

 

Quanti amici! Ho delle risposte da dare. @maramaus: confermo le tue indicazioni culinarie, e rilancio. (in effetti io sono la vergogna della mia città in questo senso perchè, non mangiando pesce e carne, non credo di poter ambire al ruolo di cicerone/lucullo). Io amo il "Sedano allegro" in ortigia dove preparano delle geniali insalate talmente articolate che non hanno nulla da invidiare a pietanze di superiore dignità. Poi c'è il "Blu" con i suoi formaggi da tutto il mondo. Insomma roba per vegetariani, mi rendo conto. Byblos cafè è ancora viva, anche se non so per quanto ancora. Almeno, lo era fino all'ultima volta che ci sono passato. La proprietaria, Luisa cuor di leone, mi aveva in effetti confidato la sua intenzione di abbandonare la meritoria attività, ma non credo l'abbia ancora fatto. Vi farò sapere molto presto, ad ogni buon conto. Quel posticino ha acquisito granitici meriti sul campo. Il nostro scrittore preferito ha presentato un suo libro qualche tempo fa nel corso di un affollato pomeriggio che ricordo ancora con molto piacere. Io stesso ho avuto l'opportunità di presentare lì recentemente un saggio di Tito Boeri e Roberto Galasso, e qualche anno fa uno dei libri di MArco Travaglio la cui presenza indusse Luisa a dirottare la presentazione a Palazzo Impellizzeri, visto l'afflusso di intervenuti. Capite bene, quindi, che se Byblos dovesse chiudere (o dovesse aver chiuso) un pezzettino di me scivolerebbe via, ma soprattutto sarebbe l'ennesimo sgarbo a questa città dove i centri commerciali proliferano, ma le librerie e i centri culturali sono ignorati dall'inadeguato stato maggiore politico che tiene in ostaggio la mia città.

@Gianluca: molto lieto di ritrovarti, forse ci conosciamo personalmente? Io vivo e lavoro ancora qui, mi occupo da diversi anni della gestione degli spazi espositivi della Provincia regionale, dove talvolta (!) organizziamo qualcosa di veramente interessante, e dove, con la collaborazione di coraggiosi personaggi come Luisa, ospitiamo anche presentazioni di interessanti libri, ma anche concerti, dibattiti, e soprattutto mostre artistiche. Non ho perso la passione per la scrittura. Proprio domani dovrebbe uscire su "La Sicilia" un pezzo sugli 80 anni di Milan Kundera, se hai voglia di leggerlo. Mi sono reso conto di aver invaso troppo spazio. Roberto mi perdonerà.

Bruno Formosa | 31/03/2009 ore 07:50:22

 

fuori contesto.

sto ancora rosicando per aver perso il puntatone di fazio di venerdì scorso.

immagino che molti di voi lo abbiamo ascoltato già. Io no, lo faccio stasera per la prima volta, grazie alla sollecitazione di un'amica, grande fan dell'artista in questione.

si tratta dell'ultimo album di gianna nannini. mi sento di condividerlo anche col padrone di casa, nonché con voi tutti, perché ce l'ho sparato sulle cuffie in questo momento, ed è davvero molto emozionante.

http://www.youtube.com/watch?v=KgbKTESYspY

la parolina è camicia. ecco, appunto: mi sbottono ancora un po' e vado verso la mia notte.

Ale S. | 30/03/2009 ore 22:09:49

 

Ma perché, Byblos Café ha chiuso? nel mio piccolissimo ci ho fatto pure io qualcosina...

Gianluca | 30/03/2009 ore 19:23:10

 

Capperi! da buon sarausano all'estero mi inserisco a ragione di questi "riconoscimenti" o "agnizioni" che sono assolutamente aderenti al blog di uno scrittore. Bruno Formosa, mi dicevo da qualche giorno, mi ricorda il nome di un giornalista mio concittadino e infatti ecco, sei proprio tu. Non ci conosciamo personalmente, ma da lettore di quotidiani e ascoltatore di tv private ti ricordo bene.

@RA. Torno solo ora a casa e ho letto la notizia di cronaca nera. E purtroppo non si capisce mai quanto sia la letteratura a cibarsi della realtà e quanto il viceversa. Ah, sbaglio proprio, la letteratura è realtà.

Gianluca | 30/03/2009 ore 19:22:14

 

@Maramaus, quella gita rimane impressa a fuoco nella mia, se pur debole, memoria: Ortigia, lo sai, mi è cara quasi quanto lo è a te. E quella libreria, che peccato che abbia chiuso! Ma ne avevo avuto sentore, quando un amico lì residente mi ha detto che sono rimaste solo due librerie. Me ne sono talmente rattristata che non ho osato chiedere il nome delle sopravvissute!

lasirenetta | 30/03/2009 ore 18:24:11

 

@Sirenetta: ma ti ricordi quella gita a Ortigia (gennaio, di che anno?) con rispettive fam? La mostra si intitolava "Tu adesso mi vedi così" da Biblos Cafè: a quanto pare ha chiuso lo scorso anno, che peccato.

maramaus | 30/03/2009 ore 18:04:19

 

@Ehila, Bruno! Grazie per queste affettuosissime pacche. Vivi e lavori a Siracusa? Io adoro Ortigia: tutte le volte è un tuffo al cuore. La scorsa estate ho scoperto la trattoria "da Mariano". Che consiglio a tutti i buongustai che passassero da quelle parti: i primi a base di pomodorini secchi sono poesia. Per la pizza invece suggerisco "Il cenacolo" (che conosco da molti anni) e "Il giardino di Epicuro" scoperto anch'esso la scorsa estate. Bruno, confermi, o hai altre dritte?
@Roberto: Rilancia e fai fare il film, diobbuono!!!

maramaus | 30/03/2009 ore 18:00:56

 

@maramaus. Porca miseria, Gianni Allegra!! E' un privilegio conoscerti, sono un tuo convinto sostenitore. Mi sono cibato di "Cuore" finchè ce n'è stato. Poi ho continuato a seguirti anche altrove. Devo avere anche un paio di numeri de "I siciliani" conservati da qualche parte. Lieto di essere entrato in contatto con te.

Bruno Formosa | 30/03/2009 ore 17:45:11

 

sembra un vecchio guallo di quelli in cui ognuno accusa se stesso per scagionare l'altro... e sempre alla letteratura si fa ricorso: o viceversa?

lasirenetta | 30/03/2009 ore 17:44:16

 

A quanto pare è stato il padre. Il figlio ha confessato per difenderlo.

Romp | 30/03/2009 ore 17:26:42 | @

 

E considera che a mia volta mi ero ispirato a un fatto di cronaca.

roberto alajmo | 30/03/2009 ore 17:18:23

 

ehi stavo proprio per segnalartelo... come si dice, il maestro è maestro anche in termini di rapidità di pensiero e di espressione!
In effetti nel leggere la notizia mi sono sentita trascinata in un turbinio di dejàvu all'incontrario!

lasirenetta | 30/03/2009 ore 16:55:07

 

Soltanto voi, lettori carissimi, potete capirmi quando dico che è la realtà che copia la letteratura. Oltre che viceversa.
http://www.livesicilia.it/2009/03/30/catania-ammazza-la-moglie-a-coltellate/

roberto alajmo | 30/03/2009 ore 16:21:15

 

Non c'è niente da fare, noi siamo i più scaltri e intelligenti. I pulintuna? Na poc'i babbi. Non c'è crisi nella grande fabbrica della furbizia; in Sicilia è un boom inarrestabile.
Risultati? Facciamo una passeggiata allo Zen, alla Kalsa, in zona Strasburgo, al centro storico. Emblema: 61 su 61.

ntoni (antonio) | 30/03/2009 ore 11:48:40

 

@Bruno: Io mi firmavo con uno pseudonimo: Gianni Allegra, e disegnavo le vignette. Dall'aprile del 1984 all'ultimo numero in edicola, quello del maggio del 1992. Furono stampate anche delle magliette "commemorative".

maramaus | 30/03/2009 ore 08:17:12

 

@maramaus. Corrispondenze da Siracusa, prevalentemente sport e spettacolo. Con il buon Gaetano Sconzo che dettava i tempi. Gli ultimi anni di agonia del quotidiano. Tu?

Bruno Formosa | 30/03/2009 ore 08:12:53

 

Questa settimana è veramente dura. Voto per Renato Schifani e mi permetto di aggiungere che la notizia poteva fermarsi alla penultima parola: "In Forza Italia non c'è mai stato un pensiero." Augh!
Detto questo, vorrei attribuire un premio speciale a Schiraldi. In fondo ha ragione: gli esperimenti funzionano sui topi. Su tutti.

Daniela | 29/03/2009 ore 18:07:58

 

@diana
per quanto riguarda la posizione della chiesa cattolica sul testamento biologico, come su tante altre questioni morali, bisogna riflettere sul fatto che alla base della dottrina cristiana c'è sempre stato il libero arbitrio, tolto il quale viene persino a cadere il concetto stesso di peccato, ma ancora una volta la chiesa vuole appropriarsi della libertà dell'individuo di scegliere autonomamente il proprio percorso esistenziale e finisce inevitabilmente col negare se stessa.

federico | 29/03/2009 ore 11:57:17

 

alla fine sappiamo bene che il berlustro sbaraglia tutti col suo: "sono stato frainteso"...

federico | 29/03/2009 ore 11:47:01

 

Bruno, scusa, non ricordo: quando hai scritto (scrivesti) su L'Ora? Il mio periodo di collaborazione fu dal 1984 al 1992... Di cosa ti occupavi soprattutto?

maramaus | 29/03/2009 ore 09:44:47

 

ma non avevamo anche un "contro la crisi gli italiani lavorino di più"? sempre del berlustro... con lui non c'è storia...

federico | 28/03/2009 ore 23:33:18

 

Formosa, mi fa piacere conoscere uno che scriveva sull'ora, che fra l'altro é il giornale che fu fondato praticamente dai Florio, ed é molto più antico del Giornale di Sicilia, anche se poi cambiò completamente indirizzo politico.
Mio padre lo comprava sempre, insieme al Sicilia, io leggevo le contrapposte opinioni sempre. Moderate, tenui, quelle del GDS, esagerate, esasperate, in contrapposizione assoluta, quelle dell'ora. nel confronto fra le due versioni, riuscivi ad intravedere i tratti comuni, che erano le certezze reciproche, e nelle differenze, avvertivi, la diversità di approccio alle notizie.
Serviva anche questo.

Uma | 28/03/2009 ore 21:49:03 | @

 

Vorrei fare una considerazione sulla la legge sul testamento biologico. Posso capire la posizione della Chiesa che considera peccato il suicidio e considera la vita un dono di Dio da salvaguardare in ogni condizione ; posso capire anche che non si voglia tener conto delle volntà espresse in modo non ufficiale su cui non ci può essere certezza assoluta; ma non capisco perchè si debba impedire a una persona di decidere sulla propria vita e sulla propria morte. I cittadini appartengono allo Stato?veramente il concetto di contratto sociale prevede tutt'altra cosa che questa concezione. A me la cosiddetta non disponibilità fa pensare alla condizione di schiavitù,quando la vita dello schiavo apparteneva al padrone.Ora, una legge che dia la possibilità di rifiutare il trattamento terapeutico a chi non vuole, non lede i diritti di nessuno, perchè (ricordiamo i casi dell'aborto, del divorzio) non obbliga nessuno a farlo; questa legge invece si sostituisce alla libera volontà di molti cittadini e di fatto li obbliga a recepire qualcosa che non vogliono, quindi lede i loro diritti. In nome di che cosa un governo laico lede questa libertà?mi piacerebbe che questa domanda venisse rivolta più spesso e con più determinazione ai nostri rappresentanti al governo!

Diana | 28/03/2009 ore 20:21:26

 

voto per la covergirl con la pelle a buccia d'arancia...che soddisfazione!:)

Diana | 28/03/2009 ore 19:53:17

 

Voto la covergirl. Ho inviato a chi so io la foto che avevo trovato sul sito del corriere.it pre e post photoshop. Così si reca un po' di giustizia alla normalità.

Gianluca | 28/03/2009 ore 17:47:44 | @

 

La parte pitigrillista che ognuno di noi fatica a tenere a bada, oggi emerge prepotente in me e mi impone di formulare un pensiero la cui eco d'origine lontana si perde nelle desolate campagne siciliane dell'800, quando i ruoli sessuali erano definiti in altro modo: l'uomo era uomo, e la donna era donna. Nel mezzo, una terra di nessuno in cui era difficile costruire qualcosa di solido. La faccio breve: che la donna abbia il seno rifatto o che sia integralmente naturale è affare secondario rispetto al privilegio di giacervi accanto. Tom Waits lo chiama "to take the place of her" con licenza poetica. Anche se personalmente preferisco la donna con i componenti originali pur se non in ottimo arnese(c'ho il pitigrillismo oggi, vi chiedo scusa) sono convinto che sarà sempre meno importante che le ghiandole umane più desiderate provengano dalla casa madre. Tutto questo inutile manicomio per votare la notizia del seno.

Bruno Formosa | 28/03/2009 ore 15:47:01 | @

 

voto schifani

vitalba | 28/03/2009 ore 14:15:20

 

Salve Roberto,
Ho fatto la recenzione del tuo ultimo (ed ottimo) libro publicatto in Francia : "Les fous de Palerme"
http://tf1.lci.fr/infos/culture/livres/0,,4319613,00-un-petit-repertoire-des-fous-de-palerme-.html
Ciao,
Matthieu

Matthieu | 28/03/2009 ore 13:51:47 | @

 

a schifani andrebbe l'oscar categoria "negare l'evidenza".
Mr. B. dovrebbe essere messo fuori concorso d'ufficio e la notizia dei 120 anni del premier andrebbe messa nella sceneggiatura di un film di dario argento.
voto la tetta naturale che soccombe su quella rifatta. per mantenere fede alla mia nomea di erotomane incallito.

[un altro]roberto | 28/03/2009 ore 13:25:20

 

voto il rapporto USA

Cetti Lipari | 28/03/2009 ore 13:14:19

 

in qualità di cittadina italiana, ho il dovere civico di votare schifani.

Ale S. | 28/03/2009 ore 12:29:47

 

è troppo scontato votare il nano....non fanno più notizia le sue esternazioni....invece voto Schifani perchè ammette che l'unico a non avere pensieri unici nè tanto meno suoi, quando era portavoce del Berlusca, è stato proprio lui (e non solo).....se no perchè l'avrebbero eletto PdS?

armando | 28/03/2009 ore 12:29:33 | @

 

Un saluto a tutto il blog, ho deciso di non scrivere più nulla.
Mi limiterò alla semplice lettura delle vostre considerazioni ( e, soprattutto, delle tue, Roberto ).
P.S.
Grazie per aver ospitato le mie riflessioni...

Lello | 28/03/2009 ore 11:15:00

 

Wow, ho letto dell'ORA di Palermo. Ho scritto per quel quotidiano per un po' prima che chiudesse e mi è venuta la malinconia. Sulla splendida metafora del gatto spiaccicato, ho recentemente visto un video che mi hanno inviato su facebook. E' Pietro Ricca che aggredisce verbalmente Bruno Vespa circa il suo modo di fare "giornalismo". Vespa, rispondendo che sarebbe felicissimo di occuparsi solo di libri, musica e cultura, si asciuga un galeotto rivolo di bava affacciatosi dall'angolo della bocca all'atto di pronunciare il nome "Cogne". Non credo che se ne uscirà più. Il segreto sta, forse, nell'ignorare il gatto anche quando, in apparente spendida forma, è lungi dall'essere spiaccicato.

Bruno Formosa | 28/03/2009 ore 10:49:56 | @

 

@Maramaus: a me le mail arrivano, e anche gli allegati. Ma dat te non ho ricevuto niente...
Se puoi riprova

roberto alajmo | 28/03/2009 ore 10:27:17

 

romp naturalmente la stessa cosa vale anche per "S"

vitalba | 28/03/2009 ore 08:59:24

 

Grazie Vitalba e grazie a tutti. Facciamo una fatica bestiale, ma questa è una bellissima ricompensa

Romp | 28/03/2009 ore 07:36:37 | @

 

Roberto, la casella mail è ok? Sono due giorni che restituisce non letti i messaggi.

maramaus | 28/03/2009 ore 07:36:32

 

...Sparte...

roberto alajmo | 28/03/2009 ore 00:06:44

 

romp mi capita spesso di leggerti

vitalba | 27/03/2009 ore 20:05:27

 

Un euro e dieci, RA, un euro e dieci... Ciao Vitalba, Romp è il diminuitivo di Roberto Puglisi

Romp | 27/03/2009 ore 19:29:21 | @

 

romp non so chi sei ma anche io leggo livesicilia anche quello in carta (i love sicilia) ed è in alto nella mia barra dei favoriti

vitalba | 27/03/2009 ore 18:31:23

 

Romp, anche io ti leggo.
ps
Ho apprezzato molto la testa di sarda!

fara | 27/03/2009 ore 18:00:12

 

Livesicilia è in alto nella mia barra dei favoriti. Ho preso l'abitudine di leggere anche Epolis on line, e non mi pare né particolarmente malfatto né particolarmente destrorso. Certo, il raffronto è con la testata dirimpettaia, che non si vergogna di chiedere un euro a ogni lettore.

roberto alajmo | 27/03/2009 ore 17:54:09

 

Me lo ricordo bene Franco Foresta. Frequentavamo via Archirafi nello stesso periodo, anche se in Corsi di Laurea diversi. Ma allora eravamo relativamente pochi e ci conoscevamo tutti. Bravo ragazzo. L'ho rivisto sei o sette anni fa. Lo avevamo invitato in dipartimento a fare un seminario sull'ambiente e lui, da gran signore, non ha voluto una lira!

fara | 27/03/2009 ore 17:46:58

 

Non sarà elegante, ma io difendo il mio livesicilia.it. Stiamo pubblicando un'inchiesta a puntate sulle carceri "disumane" e non mi pare che sia trendy. Abbiamo pubblicato la storia di Nino Marano, in carcere da 42 anni, che non può regalare i disegni che fa in cella alla nipotina perché potrebbero contenere - dice il regolamento - messaggi cifrati. Abbiamo pubblicato l'intervista ad Alessandro Bronzini, il detenuto che insegnò a dipingere a Luciano Liggio. Chi non mi conosce potrebbe pensare che io faccia pubblicità. E in effetti la faccio, ma solo perché credo nel mio mestiere e nel mio (nostro) prodotto. E non sono il solo.

Romp | 27/03/2009 ore 17:30:57 | @

 

L'Ora fu una fucina di talenti. Antonio Calabrò, Gianni Riotta, Marcello Sorgi, Enzo D'Antona, Franco Foresta Martin, Vincino, Beppe Madaudo, Bruno Caruso, Sandra Rizza, Bianca Stancanelli e altri ancora. Mi piace ricordare che mi sono fatto le ossa proprio lì.

maramaus nostalgico | 27/03/2009 ore 17:24:44

 

Franco non Francesco (Foresta Martin)

maramaus corrige | 27/03/2009 ore 17:18:57

 

Visto che si parla e bene de "L'Ora", eccomi. Otto anni, gli ultimi (dall'84 al '92) del glorioso quotidiano comunista del pomeriggio vissuti pericolosamente, con una vignetta al giorno e un inserto satirico (La paginazza) che ha fatto epoca... A dire il vero la mia prima volta fu nel dicembre del '74, a diciotto anni, anmcora liceale. Chiesi il permesso di uscire (durante l'ora di lezione) alla prof di disegno: e andai a consegnare la mia prima strip a Francesco Foresta Martin, grazie ai buoni uffici di un certo Tano Gullo... Che tempi!

maramaus | 27/03/2009 ore 17:17:46

 

"L'Ora" dicono che era un gran giornale che ha fatto la storia del settore, in Città e fuori.
Se escludiamo altri quotidiani, non si sa quanto degni di nota, come "Epolis", "Sicilia Informazioni" e "Quotidiano di Sicilia", penso proprio di sapere a quale giornale ti riferisci per il pre e post-defecatio.

Approfitto del gatto spiaccicato in strada per chiedere se qualcuno può spiegarmi una volta per tutte cosa significa "non dire gatto se non l'hai nel sacco"?

Greg | 27/03/2009 ore 17:10:53 | @

 

mi sa che oggigiorno chi vede un gatto spiaccicato per strada comincia a pensare che, in fondo in fondo, se si mangiano i conigli le lepri i fagiani i canguri....

macs | 27/03/2009 ore 16:08:01

 

Bentornato, Greg: io lo conosco, un giornale palermitano che si presta sia per il prima che per il dopo...

roberto alajmo | 27/03/2009 ore 10:17:30

 

Luciano Violante fa coming out e confessa che nel '93 (anno sciagurato della discesa in campo del signore di Arcore) la sinistra di allora non capì nulla. In che mani eravamo e in che mani siamo? Faccio outing anch'io: sapevo (a pelle, e facendo piccoli ragionamenti da autore satirico di sinistra incazzata, lettore accanito di giornali e spettatore compunlsivo di innumerevoli telegiornali) che il sovrano di villa Certosa era uno pericolosissimo fin dai primissimi anni ottanta. Baastava fare due più due: gelli, Craxi, le amicizie palermitane e le 347 televisioni... Molte vignette del tempo lo testimoniano: forse qualcuno di noi avrebbe dovuto fare politica e certi politici avrebbero viceversa dovuto fare altro. Su google trovate Debora Serracchiani, che è l'unica novità vera e bella di questi giorni. Sosteniamola.

maramaus | 27/03/2009 ore 09:23:02

 

..evidentemente il giornale non è proprio tuo..appartiene anche ad altri che possono scrivere tutte le ..de-minchiate che vogliono,visto che siamo in bel paese dei Dardanelli.......

Nicoletta | 26/03/2009 ore 21:48:34 | @

 

Purtroppo quello che accade su internet mi pare accada anche nell'edizione cartacea di Repubblica.Si inseguono trasversalmente i lettori mettendo nel giornale tutto e il contrario di tutto, dal GF all'Isola dei famosi, spesso per gossip e acriticamente. E questa deriva mi sembra iniziata da tempo. Mi sono chiesto anch'io a quanto corrisponde il danno medio culturale inferto ma mi chiedo se un giornale, pur di qualità come Repubblica, può permettersi di non essere anche un contenitore? Come dice l'altro Rob (non so perchè ma mi sa di Robocop) i giornali "concorrenti" (Il Giornale,Libero,etc.etc.) forse hanno meno bisogno di soldi.

Mingo | 26/03/2009 ore 20:31:47

 

il problema è puramente economico. i siti web guadagnano sulle inserzioni pubblicitarie che vengono valutate "a clic". quini più clic ci sono DENTRO il sito di repubblica o del corriere, più il sito stesso è appetibile per gli inserzionisti. domanda da mille mila milioni: quale notizia attira mediamente il mouse del navigatore medio? le gambe da 123 centimetri della modella o l'ultimo saggio sull'ermeneutica cosmologica introspettiva vietnamita? per la serie tira più un.... di una coppia di buoi.
la logica conseguenza è che "ilgiornale.it" ha meno bisogno di soldi degli altri... chissà perchè.

[un altro]roberto | 26/03/2009 ore 19:06:31

 

Propongo qualche quesito: qual'è il quotidiano migliore per stimolare la Defecatio matutina, bona tam quam medicina?
E per il post-defecatio?
Io un'idea ce l'avrei...

Greg | 26/03/2009 ore 18:51:42 | @

 

Pure il "curtigghiu" di sinistra :-(
Roberto, connfessa: lo fai di proposito a rovinarci i sogni!!!

Cetti Lipari | 26/03/2009 ore 18:49:36

 

Sono convinto che Franceschini stia facendo un buon lavoro. Sono altrettanto convinto che non si farà scappare la Serracchiani. La valorizzerà, e se è un buon politico (qualcosa mi dice che lo è) non la neutralizzerà. E poi l'abbiamo vista tutti: è una forza della natura. Sono persone come questa giovane udinese che nel breve potranno dare nuova linfa ed energia alla politica del centrosinistra. E un senso ai giovani, che viceversa tenderebbero a riunciare, a defilarsi. Sono anche dell'avviso che ritrovare l'entusiasmo significa anche derogare un po' il disincanto di ciascuno di noi che mediamente non siamo più giovani almeno anagraficamente: ci siamo nutriti per troppo tempo di scetticismo amaro e autistico.

maramaus | 26/03/2009 ore 18:23:33

 

Ho visto il video. Credo che ci siano molte molte molte persone come lei nel Pd e questo deve fare rincuorare. Pensare che certi dirigenti se ne vadano da soli però è utopia. Nuovi quadri come la Debora devono spingere per sostituirsi a loro, li devono mettere alle strette. Qualcosa mi sembra che Franceschini l'abbia azzeccata, ma deve andare avanti.
Non mi interessa del fatto che tizio e caio provengono dai Ds o dalla Margherita mi interessa quali posizioni politiche rappresentino. E giustamente il partito deve avere una sua posizione sulle questioni senza paura. Quelle minoritarie devono abbozzarla. Leggo che un deputato o senatore lascia il Pd perché Franceschini è troppo sinistrorso. Intanto l'Udc gli propone la candidatura come presidente della provincia di Milano: buon viaggio, si accomodi.

Gianluca | 26/03/2009 ore 18:15:57

 

@Mingo e Maramaus
Considerando l'aspettativa di vita del cavaliere e la passione per i treni in orario e le porte aperte degli italiani, tra 25-30 anche la Serracchiani sarà ormai demotivata.

Si è vero, Virzì ha fatto dei film carini, ma Clint Eastwood riesce a rendere epica ogni sua interpetrazione.

fara | 26/03/2009 ore 17:57:35

 

Mi piacerebbe che facessi qualche esempio, Sabah.

roberto alajmo | 26/03/2009 ore 17:35:52

 

Dovremmo cominciare con un allegro tam-tam che giunga alle orecchie dei vegliardi per comunicare che abbiamo visto, sentito e capito: Debora è uscita allo scoperto e ci piace. Che si facciano avanti anche gli altri e le altre. Perché, ne sono convinto, ci sono.

maramaus | 26/03/2009 ore 17:22:07

 

sono a Amman
strano le informazioni iracheni e quelli palestinesi sono diversi di quelli che si sentono in Italia .Vi lascio ad indovinare , mi piage il cuore .

Sabah | 26/03/2009 ore 17:18:02

 

@Gianni.Tra l'altro Debora, nonostante ne dimostri 22,ha 38 anni ed è in piena età da leadership, o quantomeno alle prossime elezioni potrebbe essere in media-europea.
Certo in Italia a 38 si comincia a far politica per i consigli di quartiere...

Mingo | 26/03/2009 ore 17:17:36

 

sono a Amman
strano le informazioni iracheni e quelli palestinesi sono diversi di quelli che si sentono in Italia .Vi lascio ad indovinare , mi piage il cuore .

Sabah | 26/03/2009 ore 17:16:55

 

Clint è un Maestro, un Genio. Ed è Umile.

maramaus | 26/03/2009 ore 17:15:27

 

In questi giorni abbiamo spesso vituperato il cinema italiano.Però l'altro ieri ho visto "Tutta una vita davanti" di Virzì che un pò mi ha riconciliato, come mi capita sempre del resto con i film di Virzì.Da Caterina va in città al delizioso Ferie d'Agosto.
Certo, sono film un pò "provinciali", nel senso buono del termine, perchè trattano storie italiane (ma spesso universali), senza il fascino del Midwest o dell'Alaska di Sean Penn.Ma colpiscono ugualmente al cuore senza mai toccare le vette, sono i primi che mi vengono in testa, di un "Brutti sporchi e cattivi" di Scola o "Cristo si è fermato ad Eboli" di Rosi (grande film da grande libro).
E' chiaro però che quando vedi un'interpretazione come quella di Clint stramazzi al suolo tanto è folgorante.

Mingo | 26/03/2009 ore 17:11:18

 

@Mingo: Sono contento che condividi le mie (ottime) impressioni ricavate osservando il video che immortala Debora Serracchiani. Non mi pare una improvvisata e sprovveduta: anzi, è dotata di un bagaglio comunicativo solido e lucido. Parla sorridendo e guardando il segretario negli occhi. Io non avrei dubbi. E su gente come Debora che bisogna puntare. Subito, visto che siamo in grave ritardo. Anche perché i nostri ragazzi stanno studiando e tra meno di dieci anni avranno bisogno di una nuova classe dirigente, fresca, pulita, razionale, emozionante. Sì, emozionante.

maramaus | 26/03/2009 ore 17:09:18

 

Ho visto il video della Serracchiani.Gianni hai ragione, potrebbe essere lei l'Obama italiana.Chiara, semplice, comunicativa e di sostanza.E in anticipo sul previsto ma noi non possiamo più aspettare. E poi è donna e questo, come sai, per me è una pregiudiziale.Questo Paese non ne puo più di gerontocrazia, ma neanche di maschiocrazia. Mi ha quasi fatto venire voglia di iscrivermi al PD, vuol dire che funziona. La cosa che più mi ha entusiasmato però sono le facce dei notabili PD vicini a Franceschini, D'Antoni tra questi.Dapprima distratti come quei professori universitari che all'esame non ti ascoltano nemmeno, tanto non sanno nulla di te e nessuno "ti ha presentato" e hanno già deciso che, bene che vada ti daranno un 22. Poi, seconda fase, incuriositi. "Però" - pensano - "mica scema la ragazzina !"
Terza fase, comincia la preoccupazione: "Questa ne sa più di noi e ci ha scoperti con le mani nella marmellata, non è che toglie la poltrona da sotto il culo?"
Vedremo se Franceschini la valorizzerà subito o la metterà nel dimenticatoio.Anche questa è una prova.
Caro Gianni, complimenti e non vedo l'ora che sia il 15 Maggio!

Mingo | 26/03/2009 ore 16:55:50

 

@Fara: E' sempre un piacere (bello e sottile) consigliare un film che poi viene apprezzato così: "Gran Torino", lì per lì, ti stordisce. Poi dopo un paio di giorni cominci a metabolizzarlo e una settimana dopo, vorresti rivederlo. Che grande, Eastwood!
Hanno tolto, a quanto pare, "The wrestler". Se lo ridanno, non fatevelo scappare. E' molto bello, e Mickey Rourke è grandioso. Lo vedrei bene in un prossimo film di Clint.

maramaus | 26/03/2009 ore 16:42:57

 

@Maramaus.
Ho visto Gran Torino. Avevi ragione. Il vecchio Clint è un grande!

fara | 26/03/2009 ore 16:15:32

 

C'è un video che non so linkare che si trova sulla home page del corriere on line. E' lì che trovate la Serracchiani.

maramaus | 26/03/2009 ore 13:00:12

 

Occhio a Debora Serracchiani: pelle bianca e donna, di Udine adirittura, ma sembrs la nostra Obama. Le parole dette chiaramente e con semplicità.

maramaus | 26/03/2009 ore 12:56:46

 

Caro RA, in merito al tuo penultimora di oggi, penso che la pace si fa quando gli assassini, da una parte e dall'altra, si stancano di [fare] ammazzare, innocenti e non, e decidono di fare la pace. E così diventano benefattori dell'umanità. Non a caso molti premi Nobel per la pace hanno un passato poco pacifico (Kissinger, Arafat, Rabin).
Così non è un problema di indole pacifica o meno, vendicativa o meno, ma di stanchezza o di motivi economici; quando la guerra non conviene più o quando non ne puoi più di avere le mani sporche di sangue.

dario | 26/03/2009 ore 12:35:21

 

Dimenticavo
Chi ne ha voglia può leggere l'articolo in questo sito

http://www.speciale.quitouring.it/index.asp?section=000001&key=185&back_key=42

fara | 26/03/2009 ore 09:16:27

 


Su un "Qui Touring speciale" c'è un articolo che riguarda Federico II definendolo

"Bello e tollerante, colto e magnanimo, affascinante e moderno"
e il commento di un albergatore di Lucera:
“Ci vorrebbe Federico II. Solo uno come lui può far funzionare questo posto”, o un ristoratore di Troia “La Puglia, tutto il Sud risorgerebbero se ci fosse uno colto e deciso come Federico II a governarci”.

Conoscendo i fatti e misfatti di Federico II ora capisco bene perché anche la Puglia adora Berlusconi: Vedono in lui un Federico II redivivo. E' anche lui bello (e basso), colto (parla almeno tre lingue:lumbard, inglese e francese da manuale di conversazione), Magnanimo (con gli amici e caritatevole con i moribondi che non lascia mirire in pace), affascinante ( come il pifferaio magico) e moderno ( anche lui ha una corte itinerante con tutti i conforti che si trascina dietro e i poeti di corte, Sandro Bondi e Licio Gelli)

fara | 26/03/2009 ore 09:14:17

 

Mi sa che per l'Hot Water Discovery Award questa settimana non c'è partita...

roberto alajmo | 26/03/2009 ore 08:09:51

 

Berlusconi invita al lavoro nero: Trovino qualcosa da fare. Ecco il vero ammortizzatore sociale per chi perde il lavoro. Non disse la stessa cosa ai lavoratori Fiat in cassa integrazione di Termini Imerese? Evviva la legalità, l'ottimismo, la fiducia, la concretezza! buona giornata.

Gianluca | 26/03/2009 ore 07:54:36

 

@Maramaus: come assessore alla cultura del forum non potrò mancare all'inaugurazione. Ricordati di farmi sapere tutti i dettagli.

Daniela | 25/03/2009 ore 21:24:58

 

Fara, un mio amico ha messo quella foto su Facebook con la didascalia: " Se lui è il capotreno, voglio scendere."

Daniela | 25/03/2009 ore 21:07:27

 

Concordo assolutamente con Nino che la questione ferrovie per la Sicilia sia fondamentale. Alla luce della Freccia rossa, peraltro, risalta molto più la freccia 'rotta' nostrana. Io sono una che difende all'estremo il trasporto ferrato contro quello su ruote, per tanti motivi (é più sicuro, se fatto in un certo modo é più veloce, e mettere merci su ferrato é decisamente più sicuro di tanti camionisti, che fanno turni folli, e diventano un pericolo per loro e per gli altri).

Uma | 25/03/2009 ore 20:03:27 | @

 

Scusate se intervengo ancora m LEGGO CHE Il Senato boccia gli emendamenti che avrebbero voluto cancellare il divieto
di nutrizione e idratazione artificiale.

Mi chiedo a questo punto e sempre in difesa della vita ad oltranza perché non si propone anche il divieto di espianto d'organi.
Gli espianti vengono effettuati " a cuore battente" in persone cioè che se idratate e nutrite artificialmente potrebbero vivere in eterno

fara | 25/03/2009 ore 17:38:01

 

il più bel titolo di giornale oggi l'ho letto su Il Riformista.
Accanto ad una bella foto del cavaliere col cappello da ferroviere che inaugurava la freccia rossa c'era scritto:

CON LUI I TRENI ARRIVANO IN ANTICIPO

fara | 25/03/2009 ore 17:19:42

 

Il ponte di Messina ha uno scopo ben preciso: serve per viverci sotto.
Visto l' andamento dell'economia sicula, tra poco in molti andranno a vivere sotto un ponte: questo si che è un piano - casa!
Avete letto il GDS di oggi?
Il Comune di Palermo ha soltanto i soldi per pagare gli stipendi.
Cammarata chiede soldi a ERREMOSCIA ma a mio avviso dovrebbe chiedere ad un vero esperto di finanza, il nostro Frattini, colui che campa come un re dichiarando zero euro .
Se non è un genio lui...

Lello | 25/03/2009 ore 17:06:03

 

condivido il tuo timore sul ponte, fara; a proposito, io comincerei a chiamarlo ponte "su" Messina, visto che la campata sovrasterà la città e oscurerà il sole.
Magari se nel frattempo si approverà il piano casa - essendo finiti i piccioli, ovvio - la campata potrebbe essere riconvertita a condomimio, ovviamente sempre in fieri.

dario | 25/03/2009 ore 16:30:39

 

@rob: il fatto che l'episodio viene percepito con la formula "potrebbe essere vero" è già molto significativo.

roberto alajmo | 25/03/2009 ore 14:51:59

 

@Altro Rob.
A prescindere dalla veridicità dell'episodio,
lo stato di questo paese è proprio questo: intollerante, ottuso, misogeno, xenofobo, ipocrita, "benpensante", ecc.

fara | 25/03/2009 ore 14:42:49

 

Grazie Nino.

A chi è interessato segnalo inoltre l'articolo di Mazzeo su Micromega on line con i link all'inchiesta di report

http://temi.repubblica.it/micromega-online/i-signori-del-ponte/

La mia paura è che comincino i lavori, distruggendo le due sponde e poi abbandonino tutto così. Oltre alle macerie del terremoto, Messina avrà così da mostrare le macerie del ponte

fara | 25/03/2009 ore 14:35:29

 

A proposito di discussioni su pareri e direttive morali, intolleranza e ottusaggine...
Vi segnalo un link che riporta una notizia direi agghiacciante.
L'ho vista commentata su molti blog abbastanza autoreboli, fra i quali quello di massimo mantellini e "sembrerebbe" una notizia vera.
Se davvero lo fosse lo stato di questo paese sarebbe davvero preoccupante.

http://metilparaben.blogspot.com/2009/03/obiettori-del-pelo.html

[un altro]roberto | 25/03/2009 ore 14:07:38

 

Benvenuto, Nino. E benemerito

roberto alajmo | 25/03/2009 ore 13:32:53

 

Tutte le persone che se ne intendono un po' sanno che le prime infrastrutture di cui ha bisogno la Sicilia per cambiare volto sono le strade ma, principalmente, i collegamenti con treni ad alta velocità tra Palermo e Catania e Palermo e Messina. Pensate che bello poter decidere di andare a fare shopping ad Etnapolis in mezz'ora.
Adesso si riaffaccia cupa l'idea di costruire l'inutile ponte maledetto. Come sapete non c' è un progetto serio. Io vi rimando alla trasmissione Report del 2002, alla quale collaborai, quando ben fu spiegato che il ponte non si può fare. Detta trasmissione che tende ad essere nascosta anche nelle teche RAI io l'ho registrata e sono pronto a passarla a chi me ne fa richiesta.
Nino

Nino Cefalù | 25/03/2009 ore 13:22:23 | @

 

Grazie Roberto, per me sarà un grande onore e un piacere incommensurabile!

maramaus | 25/03/2009 ore 11:38:49

 

Sarà presente una delegazione del presente forum...

roberto alajmo | 25/03/2009 ore 11:28:10

 

Caro Roberto, allora colgo al balzo lo spazio-arte e rivelo il luogo e la data: Banca Etica, che ha sede in via Catania, 24. Inaugurazione venerdì 15 maggio, orario da concordare. Sarà una mostra piccola, ma spero soddisfacente. Intendo esporre pezzi ancora inediti e qualcosa di reperorio: filo rosso: l'amore. Ma che romanticone!

maramaus | 25/03/2009 ore 11:25:42

 

Caro Maramaus, immagino chi sia l'impresario teatrale di cui parli. Ho io la risposta alla tua domanda: ti ha chiesto la disponibilità, e poi non ne ha fatto niente perchè cerca sempre di comprare le persone. Gli basta sapere che il suo potere d'acquisto rimane intatto, malgrado gli anni che passano.

roberto alajmo | 25/03/2009 ore 11:10:17

 

Cari amici, ieri il nostro premier ci ha dato una notizia bellissima ( che segnalo anche per l' hot water di questa settimana): egli ha dichiarato che non è immortale.
In tempi così cupi, sapere una cosa del genere fa sempre piacere, anche perchè non dimentichiamoci che sua mamma si è prematuramente spenta alla tenera età di 95 anni.
P.S. Guarda caso l' antispam è CAPEZZALE !!

Lello | 25/03/2009 ore 10:46:04

 

@ maramaus
In latino potresti dire "ad méntula canis"

fara | 25/03/2009 ore 08:58:44

 

Post scriptum: Un giorno (mi pare di due anni fa) mi giunse da un signore distante da me (culturalmente e politicamente) gentile offerta di mostrare i miei dipinti in un teatro cittadino. Perplesso come non mai, vinsi faticosamente le mie legittime resistenze, e accettai. Erano tre anni che non mostravo a Palermo e una botta di vita, in un teatro addirittura, mi pareva una cosa bella. Ovviamente, non se ne fece nulla. Era complicato organizzarla e custodirla eccetera (queste le conclusioni dell'entourage). Dunque, perché propormela? Verba volant. Minchiate (scusate, ma in latino non saprei) manent.

maramaus | 25/03/2009 ore 08:42:38

 

non ho neanche la forza di commentare.......ci sarebbe da scendere in piazza e gridare al genocidio (voluto dal magistero della Chiesa) in difesa di valori (voluti dal magistero della Chiesa)!....che dire? di solito rispetto le convinzioni degli altri e non ho ovviamente nulla contro la libera scelta di castità del singolo ma a fronte dei disastri che l'"ubbidienza" al valore castità comporta......mi sento corresponsabile....per essere quì a protestare solo a parole e non........ma calma armando.........!fai finta di niente se vedi in TV i bambini che muoiono di AIDS o che muoiono di fame sappi che anche il papa li vede (forse) e allora........ AAAAAAHHHHHHHHH!!!!

armando | 25/03/2009 ore 08:24:26 | @

 

Grazie per l'attenzione affettuosa, cari tutti! No, per "prosaico" intendo un luogo che non ha la "poeticità" di una libreria (dove peraltro ho già esposto, A Palermo e in altre città, con enorme soddisfazione: ce ne fossero librerie con spazi adeguati! Per me sarebbero il luogo giusto per coniugare al meglio le parole e le immagini)e neppure i pub polivalenti (dove ho mostrato i miei quadri con regolarità nel passato). Restano: supermercati, ristoranti in senso stretto, barber shop e... Ancora uno sforzo di fantasia!

maramaus | 25/03/2009 ore 08:21:47

 

Maramaus: Hurrà! (presso una libreria o più probabilmente presso un locale/pub che organizza eventi musicali e non?)
Luigi: sì, ci manchi, ma ... doppio hurrà dal momento che questa cosa rischia di renderti una persona più realizzata!
P.s.: valzer con Bashir l'ho visto solo perchè mi ci hanno portata, mi ha sorpresa favorevolmente, delicato nonostante l'argomento, profondo nonostante la delicatezza: delizioso! E grazie a qualcuno di questo forum avrò il piacere di rivederlo tutte le volte che mi pare... grazie mister M.!

lasirenetta | 24/03/2009 ore 22:10:45

 

@maramaus:un ristorante?:)

qualcuno ha letto su Repubblica l'articolo su democrazia e televoto?
certo è triste quest'ultimo avamposto -più che altro un succedaneo-della democrazia. Non poter scegliere come gestire il proprio corpo e il proprio rapporto con la sofferenza e la morte ma in compenso poter decidere chi uscirà dal Grande Fratello & company.

Diana | 24/03/2009 ore 22:10:19

 

Appena ho letto sul televideo "gli italiani devono lavorare di più" ho pensato che era da segnalare!essendo arrivata in ritardo,cmq la voto immediatamente

Diana | 24/03/2009 ore 21:57:36

 

@Roberto: grazie per l'affetto!
@Gianluca: Acqua, purtroppo. Il foyer di un cinema sarebbe un sogno. Direi qualcosa di più, come dire?, prosaico.

maramaus | 24/03/2009 ore 20:33:19

 

Gianni: sono molto contento. Tienici aggiornati.
Luigi: ci sei mancato, ma se è per una buona causa...
Ale: Approvato, ma in accoppiata con la prima parte: "Berlusconi: contro la crisi gli italiani devono lavorare di più"

roberto alajmo | 24/03/2009 ore 20:24:08

 

Luigi, bello sapere che tutto va bene e che anzi stai facendo qualcosa di bello.
Io non credo che la comunicazione mediatica allontani le persone: serve per tenere il contatto con chi è lontano, serve per allargare i propri orizzonti. Tramite FB ho conosciuto persone che come me sostengono Medecins sans frontières, Reporters sans frontières, amici di amici che la pensano come me e con cui è bellissimo scambiare opinioni, idee. Gente che forse non potrò mai incontrare personalmente: in fondo, io dei frequentatori di questo forum conosco personalmente solo maramaus. Eppure con alcuni si è creato un bel rapporto di amicizia, anche senza esserci mai visti. Io che sono sempre un pò qui ed un pò là, se non avessi internet come farei?
Comunque chi può, chi se la sente, è giusto che dia una mano concreta agli altri. Aiutare chi è in difficoltà, chi attraversa un momento difficile è un'esperienza che restituisce molto più di quello che si dà. Un superinvestimento

antonia | 24/03/2009 ore 20:15:42

 

@Maramaus. Il foyer di un cinema.

Gianluca | 24/03/2009 ore 19:42:30

 

@Fara: grazie, sempre affettuosa. Presto svelerò l'arcano. Non è una galleria: ma allora cosa sarà mai? Chi lo indovina?
@Luigi: ci manchi.
Per quanto, anch'io, non è che mi faccia vivo spessissimo.

maramaus | 24/03/2009 ore 19:34:40

 

proposta per l'hot water discovery. CRISI ECONOMICA: FRANCESCHINI, ITALIANI? E' IL GOVERNO CHE DEVE LAVORARE DI PIU'

Ale S. | 24/03/2009 ore 19:18:31

 

Luigi, non ti conosco, ma mi sei sempre piaciuto per la tua onesta e poca faziosità, ed anche per la difesa della 'propria' differenza.
Non conosco la tua e-mail, fammi sapere, potrei essere interessata.
Anche io trovo che a volte l'esperienza di comunicazione mediatica allontani, invece di avvicinare le persone, e che gli strumenti di reale comunicazione siano altri.
un abbraccio.

Uma | 24/03/2009 ore 19:15:25 | @

 

Congratulazioni e facci sapere dove Maramaus!

Ho visto Valzer con Bashir. Lo consiglio vivamente. si tratta di un'originale rielaborazione documentaristica della strage di Shabra e Shatila tramite la ricerca di memorie rimosse di alcuni militari-spettatori- conniventi israeliani della strage effettuata dai cristiani falangisti.
Mi è piaciuto.

fara | 24/03/2009 ore 19:09:22

 

Ciao,
qualche frequentatore di questo forum (che mi vuole bene, come io gliene voglio), mi ha chiesto della mia assenza prolungata da queste pagine e da facebook.

Il motivo c’è ed ha casa nella mia decisione di lasciare più spazio all’idea di dare (che a quella di dire).

Personalmente ho fatto, nell’ultimo anno, una discreta indigestione di parole ed ho trovato, in questo cammino – ossia nell’abuso del dire - un gusto che paga senza saziare, un’incompletezza del mio essere per mancanza di quello che ogni persona "irrequieta", a modo suo, prova a decifrare ed a raggiungere.

Sto seguendo un corso per fare il volontario in uno dei tantissimi centri che si trovano a Palermo e che offrono questa opportunità. E’ complicato arrivare a capire come ci si può rendere utili in città, ma con un po’ di ostinazione ci si riesce. Tra i frequentatori del corso sono il più vecchio e una buona parte dei giovani che incontro si adoperano nell’ambito del c.d. “servizio civile”. Questo non mi ha scoraggiato nonostante gli sguardi pregni di interrogativi sulla mia presenza.

Ieri il docente era il Dottor Michele Inguglia (Dirigente Medico Psichiatra A.U.S.L. N° 6 di Palermo), che ci ha intrattenuto con una fantastica lezione sul rapporto tra le malattie somatiche, psicosomatiche ed il suicidio.

Ho avuto conferma di quanto sia importante ciò che desidero fare. Grazie per avermi cercato. Per chi volesse sapere come si fa ad avvicinarsi al volontariato in città mi contatti per e-mail che sarò felice di raccontare la mia esperienza.

Ecco perché sono e sarò meno presente. Un bacio a tutti.

Luigi | 24/03/2009 ore 18:54:22

 

La notizia che segue ha dell'incredibile (infatti stento a crederci): a metà maggio il mio ineffabile alter ego che si cela dietro al nickname "gianni allegra", allestirà una mostra a Palermo (di pittura). Miracolo, miracolo! Tranquili, non in una galleria, ci mancherebbe altro.

maramaus | 24/03/2009 ore 18:24:24

 

è triste pensare che l'unico anticorpo del regime sia l'inefficienza...ma se c'é rimasta solo quella che ben venga se ha generato anche , come scrivi, il mancato accorpamento delle scuole, da parte delle regioni...

maria guagliardito | 24/03/2009 ore 17:54:42 | @

 

Manca un forza di contrapposizione. Il regime è tale perchè nessuno lo contrasta.
Tra poco Alfy interverrà anche sul web ( che è rimasto l' unico baluardo alla circolazione delle libere idee )e allora capiremo veramente cosa sia un regime.

Lello | 24/03/2009 ore 16:38:52

 

In effetti, ora che mi ci fai pensare, Cetti, l'inefficienza era preesistente al regime. Questo potrebbe essere solo una copertura di quella...

roberto alajmo | 24/03/2009 ore 16:36:31

 

E se fosse inefficienza compensato dal regime?

Cetti Lipari | 24/03/2009 ore 16:25:21

 

Ma Lello, scusa: ancora ti aspetti che la realtà coincida con se stessa?

roberto alajmo | 24/03/2009 ore 16:02:30

 

Egregi amici, siccome sono molto ignorante vorrei porvi un quesito al quale non riesco a darmi risposta.
Perchè durante le convention del PDL campeggia una enorme scritta che recita " contro ogni regime " ?
Sarò ottuso, ma non riesco davvero a capire il senso di " quella " frase in " quel" luogo.
E' come se durante un raduno fascista, gli organizzatori scrivessero " contro uno nuovo Hitler "...

Lello | 24/03/2009 ore 15:43:05

 

Consiglio del cavaliere-premier agli italiani: «Dovete lavorare di più».

Suona male detto da uno che è a capo di un parlamento che lavora 3 giorni a settimana, 3 settimane al mese e 6 mesi all'anno! con la benedizione di Brunetta

fara | 24/03/2009 ore 14:03:54

 

io direi un regime a statuto speciale

macs | 24/03/2009 ore 14:02:39 | @

 

Roberto, io lo definirei, anche in base alla vignetta di maramaus,
un "regime di tolleranza"

fara | 24/03/2009 ore 13:33:26

 

Prima ho inserito un " fatto " di troppo...

Lello | 24/03/2009 ore 09:16:41

 

Essere ripetitivi è l'unica risorsa che ci rimane, quando gli altri si ripetono.

roberto alajmo | 24/03/2009 ore 09:05:45

 

Scusate se sono ripetitivo, ma ieri sera al Tg 1 delle ore 20 hanno fatto trasmesso il solito servizio omertoso.
Hanno elencato i redditi dei politici dall' alto verso l' alto ( non ho sbagliato, è stato proprio dall' alto verso l' alto ! )omettendo l' evasore Frattini che non è un nullatenente di beni mobili o immobili, ma di dignità.
E lo chiamano servizio pubblico...

Lello | 24/03/2009 ore 08:46:06

 

Io sono agnostica, lo dico da sempre. Lo diventai grazie a molti anni passate nelle scuole cattoliche, dove vedevi i principi propangadati continuamente contraddetti.
La mia personale opinione, anche verso chi dirige scuole cattoliche?
trovare gente che riesce a coniugare principi e fatti, se no, si é perdenti immediatamente.
L'agnosticismo può essere pensata come una posizione di comodo, o quasi di forma superstiziosa.
Così non é. L'agnosticismo é la posizione del dubbio. del dilemma etico. Di chi non può scegliere.
perché scegliendo l'ateismo sceglierebbe di dire che non esiste esistenza sovrannaturale che ci governi( e di fatto sarei su questa posizione quasi, ma nel senso buddista, ci governiamo come persone); di contro non si può scegliere di credere se non lo si sente interiormente, quasi come vocazione e chiamata, senza per questo diventare o sacerdoti o suore.
Credo in una civiltà del reciproco rispetto fra le differenti persone, che non é religione, ma credo sia solo mero principio di civile convivenza, fra prossimi, vicinissime perspone, meno che prossime e distanti.

Uma | 24/03/2009 ore 00:57:42 | @

 

Non commento e commento insieme la punta di report sulla liceità delle frequenze televisive.
La vicenda mi ricorda molto una frase pronunciata da Martinazzoli: 'noi facciamo le leggi e possiamo disfarle'.
Ecco, l'intero report , ha assunto questo senso.
La sinistra poteva fare e non ha mai fatto. Si é sempre accordata ed ha trovato escmotage al conflitto di interessi per opportunismo politico.
Poi mi vengano a fare i puri ed i duri.

Uma | 24/03/2009 ore 00:46:12 | @

 

sabato davanti alle questure d' italia ci saranno manifestazione di protesta contro la sospensione di gioacchino genchi dalla polizia

vitalba | 24/03/2009 ore 00:15:00

 

una cosa è certa, che se ci abbandona anche Santa Rosalia siamo davvero fottuti...

federico | 23/03/2009 ore 23:07:30

 

sul fatto che frattini ci prenda per i fondelli siamo tutti d'accordo.

vitalba | 23/03/2009 ore 20:23:53

 

Sul reddito annuo del sig.B non ci si capisce nulla perchè si tratta sempre di cifre da superenalotto, ma lo ZERO di Frattini secondo me è inquitante.
Zero equivale a dire: " Signori io evado e me ne fotto ".
Fino a prova contraria infatti un ministro è stipendiato con tanto di busta paga, quindi è impossibile che dichiari zero.
Io la considero una provocazione perchè non dimentico che l' estate scorsa il Frat. era alle Maldive.
Vi rendete conto che lui e un VERO nullatenente sono uguali davanti al fisco?

Lello | 23/03/2009 ore 19:48:12

 

Benvenuta Miss K,
temo che le cose siano andate al contrario, in effetti...

roberto alajmo | 23/03/2009 ore 18:37:58

 

lello la colletta si deve fare anche per silvio dato che " Nel 2007 il reddito del premier Silvio Berlusconi è quasi 10 volte di meno di quello del 2006. E' quanto risulta dalla sua dichiarazione dei redditi per il 2007 che vede il suo patrimonio imponibile a quota 14.532.538 euro, mentre nell'anno precedente aveva dichiarato un reddito imponibile di 139.245.570 euro. Nel 2005, invece, il reddito imponibile del Cavaliere era stato di poco oltre 28 milioni di euro.
anno" (http://temporeale.libero.it/libero/fdg/2703945.html)

vitalba | 23/03/2009 ore 18:12:26

 

Notizia incredibile, verificabile sulla home page del sito msn.it: il ministro Frattini ha dichiarato 0,00 ( ZERO ) euro.
Propongo una colletta, una social card , una busta spesa della caritas.
Prenderci per il culo va bene, però questo è davvero troppo.

Lello | 23/03/2009 ore 16:35:08

 

Credo che sia lo stesso sistema clientelare adottato ormai da tanto tempo per ottenere favori.....applicabile perciò sia in politica, negli studi, nel lavoro e, visto il gran successo, perchè non provarlo anche con la religione....o è andata al contrario?

MissK | 23/03/2009 ore 16:26:56 | @

 

Un Rave-party a San Giovanni Rotondo?

ntoni (antonio) | 23/03/2009 ore 15:31:00

 

A furia di dire che il cinema italiano è in coma, per poco non perdevamo MIMMO DEI CESARONI...

Lello | 23/03/2009 ore 15:28:03

 

Ah, ecco!

fara | 23/03/2009 ore 15:19:37

 

Ero ad un RAVE - PARTY insieme al pusher di Romp.

Lello | 23/03/2009 ore 15:14:38

 

Lello

Ma tu che ci stavi a fare a S.Giovanni rotondo?

fara | 23/03/2009 ore 15:12:02

 

R.A. : La tua riflessione è verissima. Non posso dimenticare di quando a S. Giovanni Rotondo, una signora mi disse: " U Signuri è grande, ma Padre Pio...... ".

Lello | 23/03/2009 ore 15:01:25

 

Sentite non toccatemi gli 80 anni: oggi in a quell'età si diventa qulcuno, si entra nel mondo del lavoro e si inizia a pensare al futuro.
Guardate Mike, è diventato disoccupato ma non ha gettato la spugna perchè sa che il futuro gli appartiene.
Io da buon precario del 2009 non non potrò mai andare in pensione, quindi a 80 anni sarò nel pieno della mia carriera.

Lello | 23/03/2009 ore 14:53:36

 

@antonia e fara, prima di dirlo aspettate che arrivino gli 85 anni! Siete così giovani che sicuramente, visto il tasso di crescita delle aspettative di vita, arriverete a 120 anni.
Una curiosità: a 13 anni io dicevo (non ricordo se lo pensavo veramente) che l'età ideale per morire era 45 anni, limite entro il quale l'uomo ha dato tutto. Certo, c'é da fare la tara in proporzione alle aspettative di quei tempi, ahimé, così preistorici per me. Comunque c'é da pensare che avevo forse qualche rotellina in meno....del resto anche oggi...

ntoni (antonio) | 23/03/2009 ore 14:35:48

 

Ma un unico pensiero...

fara | 23/03/2009 ore 14:20:23

 

Proposta per il prossimo Hot Water:
Renato Schifani: "In Forza Italia non vi è mai stato un pensiero unico". (Corriere della Sera).
Da che pulpito....

ntoni (antonio) | 23/03/2009 ore 14:03:49

 

Al momento, mi limito a pregare Moratti di trattenere Ibrahimovic.

roberto alajmo | 23/03/2009 ore 12:33:07

 

Per me anche 85 sono troppi. Siamo circondati da 85enni in carriera!
Ma Berlusconi si ispira alle Scritture e Matusalemme è uno dei suoi preferiti. Non è un caso che stia sempre in sintonia col tipo in maxigonna, anche lui ultraottantenne. Lui crede nelle raccomandazioni.

fara | 23/03/2009 ore 12:26:23

 

Sono curiosa di sapere, ma tu Roberto cosa preghi?

Sabah | 23/03/2009 ore 12:19:05

 

Ma voi ci vorreste arrivare a 120 anni? Io no. Mi basterebbe fino a 80-85 e poi basta.

antonia | 23/03/2009 ore 12:05:26

 

a quell'ora io di solito leggo, però mi ci state facendo venire voglia di farci un pensierino ad accendere la radio, perchè no?
E riguardo alla penultim'ora, direi che non è solo per un retaggio del politeismo che avvengono fenomeni del genere: in epoca moderna è proprio una trasposizione della vita comune, con la burocrazia, le raccomandazioni, la corruzione e la concussione... pensateci bene e vedrete che non ho tutti i torti!

lasirenetta | 23/03/2009 ore 09:12:06 | @

 

A quell'ora siamo svegli in tanti, ma solo pochi fortunati riescono a cogliere certe perle di saggezza.
E' un culto della personalità in stile sudamerica-anni cinquanta che affiora a macchia di leopardo, nei momenti più impensati. L'unica difesa disponibile è il sarcasmo, finchè ne resta.

roberto alajmo | 23/03/2009 ore 08:44:06

 

Alle cinqueunquarto del mattino su Radiouno (RAI) vanno in onda tre-quattro minuti di conversazione di Vittorio Schiraldi più o meno riferiti ad un "tema del giorno". Stamattina (si, a quell'ora generalmente sono sveglio) il tema era l'aumento della durata della vita umana, che secondo certi studi potrebbe arrivare a centoventi anni. E lo Schiraldi (che ha un sito internet a suo nome, potete saperne di più) ha detto che "ne è una dimostrazione il nostro premier, e d'altronde se gli esperimenti hanno funzionato sui topi non c'è motivo di dubitare che funzionino anche su di lui."
Certo, erano le cinqueunquarto del mattino, a sentire Schiraldi saremo tre o quattro...

Giuseppe | 23/03/2009 ore 08:30:48

 

.....questo (il pregare i santi e avallare riti pagani - pensate a S.Gennaro come esempio) è il prezzo che la Chiesa , per potersi espandere nel mondo romano (ma anche in epoca moderna lo ha fatto e lo fa con le missioni), ha dovuto pagare al Paganesimo o meglio alle esigenze pagane della gente.
E oggi si rifiuta di prendere in considerazione l'evidenza di problematiche etiche e sociali di una Umanità che non ha più niente da spartire con quella di 2000 anni fa!!!.....è troppo.....è troppo!!!!

armando | 23/03/2009 ore 07:57:53 | @

 

questo volevo sapere

vitalba | 22/03/2009 ore 16:31:26

 

Mica posso mettermi a spiegare le barzellette, Vitalba...

roberto alajmo | 22/03/2009 ore 16:23:43

 

roberto posso sapere che idea ti sei fatto? mi riferico alla penultim'ora

vitalba | 22/03/2009 ore 13:54:48

 

Sì, Maramaus, stavo proprio per scrivere che eccezioni ci sono e che Gomorra e Il Divo della scorsa stagione sono film d'alto rango. Gomorra in più rappresenta anche un cortocircuito letterario-culturale-mediatico-sociale che va oltre sé stesso, ma non maschera nulla della sua diciamo letterarietà, perché il linguaggio filmico di Gomorra è pura eccellenza.

Gianluca | 22/03/2009 ore 13:22:31

 

Bah, Lello, parecchie eccezioni, non direi... E sono "Ex" e "Italians"? Un po' pochino. Se li metti accanto alla media (non parliamo dei capolavori che circolano liberamente) produzione estera, spariscono nel nulal assoluto. No, il cinema italiano , fatte salve le rarissime eccezioni, è al palo. L'ultimo che possiamo ricordare, recente, senza vergognarci è "Gonmorra".

maramaus | 22/03/2009 ore 13:11:19

 

@Uma Bel servizio, anche se la risposta dei due preti alla fitidica domanda sull' uso del profilattico, mi è sembrata tirata con le tenaglie ( non è facile andare contro il " capo " ... ).
Io però ho gradito maggiormente la risposta della Francia, che ha inviato in Africa 1 milione di condom.

Lello | 22/03/2009 ore 12:53:04

 

a proposito delle tante cose che si leggono sui blog ricordo una frase di mia nonna durante la storica notte dello sbarco americano sulla luna: "e tu fissa ci criri!"...
altri tempi....

federico | 22/03/2009 ore 12:46:48

 

Il cinema italiano non è tutto provinciale, ci sono parecchie eccezioni.
Quest' anno per esempio ho visto due film comici davvero ben fatti ed intelligenti, "Ex" e "Italians" ( con attori molto bravi come Castellitto e Silvio Orlando ).
Picone & Ficarra sono diventati ormai idoli locali ed il loro successo in campo nazionale è dovuto anche ai tanti siciliani sparsi per l' Italia che hanno nostalgia del loro dialetto e dei loro posti natii.



Lello | 22/03/2009 ore 12:44:44

 

La pioggia starà ulteriormente aumentando la "portata" dell'Oreto (lo conosco bene e non riesco a chiamarlo fiume). Giovedì mattina è stato un momento molto bello, con alcune centinaia di bambini, una bandiera issata su una canna di sei metri (non equivocate, non fumo alcunchè), e un tentativo riuscito a metà di far volare un fiume di carta.

Giuseppe | 22/03/2009 ore 11:42:13

 

Se la strategia mediatica di Cosa Nostra cambia è la stessa Cosa Nostra che cambia, non solo la strategia.Credo che perda quei connotati che ne hanno fatto un fenomeno "regionale".Capacità di intimadazione e omertà in primis.Col tempo, molto tempo, questo significa che si trasformerà in criminalità organizzata globalizzata e sprovincializzata, perdendo anche quel consenso sociale che l'ha caratterizzata. Come diceva Falcone, più o meno, tutti i fenomeni umani hanno un principio e una fine.Finirà la Cosa Nostra, resterà la Criminalità organizzata.
Va pero detto (e qui mi riallaccio a Gran Torino) che la capacità di intimidazione e l'omertà non è solo un fenomeno nostrano.Avete visto il comportamento della comunità Hmong di fronte alle coschette locali? Silenzio e omertà.Tutto ha pensato Eastwood, credo, mentre girava il film, fuorchè di far fare a Walt Kowalsky la parte dell'eroe antimafia.
Non dico altro per non rovinare il film a chi non l'ha visto.
Su Ficarra e Picone Palermo e la Sicilia sono provincia della provincia.Forse è il desiderio di ridere di sè stessi.O di vedere luoghi e facci familiari, un pò come il filmino del matrimonio di un parente.
Io vedrò la Matassa, ma, come direbbe Prodi, con caaaalma..

Mingo | 22/03/2009 ore 11:28:21

 

Buona domenica.
Gianluca, hai sintetizzato mirabilmente lo stato del cinema italiano: provinciale. Per me inguardabile. A Palermo ben undici sale danno il film di Ficarra e Picone. Però ce n'è una intera (miracolo), sempre a Palermo city, che sta offrendo un eccellente servizio: l'ultima bellissima fatica di Clint Eastwood. Perderlo sarebbe da italiani di provincia.

maramaus | 22/03/2009 ore 09:17:35

 

@Gery: L'opinione del papa in sé non sarebbe dannosa, come le opinioni di tutti. Il danno sopravviene dal momento che i media ne amplificano la portata. Se venisse liquidata come la superstizione del capo di una setta solo più strutturata di altre, verrebbe automaticamente disinnescata.
La stupidità non può essere debellata, ma neutralizzata sì.

roberto alajmo | 22/03/2009 ore 06:40:17

 

Sulla questione preservativo, più intelligenti sono state le Iene nella puntata di ieri sera.
Sono andate in una comunità di recupero per persone con AIDS a chiedere anche al sacerdote responsabile il senso di non usare il preservativo.
E' la cosa é stata più chiara, anche nella risposta del sacerdote.
La risposta diceva, il problema può non essere mettersi il preservativo, se hai contratto la malattia, ma chiederti cosa significa e cosa questo comporti verso gli altri. Lo stesso sacerdote diceva, se serve a salvare le altrui vite, meglio consigliare a chi ha contratto l'AIDS, di usare il preservativo per rispetto dll'altrui vita. Il discorso é diverso. Ed io sono agnostica. Ma ho capito il senso delle cose dette, in questo intervento delle iene.

Uma | 22/03/2009 ore 00:26:17 | @

 

Temporaneamente a Catania sono stato stasera a vedere Ficarra e Picone. Seguono la loro via: Pieraccioni si occupa di Firenze, Salemme di Napoli, loro della Sicilia. Tra i tre comunque preferisco Salemme, se proprio devo esprimermi. I palermitani mi sono simpatici sia chiaro.
Tra qualche giorno a Firenze andrò a vedere Gran Torino di Eastwood che, come si dice, mi fa sangue...

Gianluca | 21/03/2009 ore 23:35:11

 

proposta per l'hot water discovery della prossima settimana:

"Stupro di capodanno, svolta delle inchieste: forse il rapporto fu consensuale"


Ale S. | 21/03/2009 ore 20:23:01

 

Caro Roberto, credo che il Papa avrebbe potuto esercitare il suo diritto all'ovvietà su un tema meno delicato. Le non-notizie sono quelle che, nello spirito della tua rubrica, non cambiano il destino del mondo. In questo caso, a mio parere, siamo davanti a una scemenza che qualche danno potrebbe farlo.

gery palazzotto | 21/03/2009 ore 18:20:36 | @

 

@Fara: Profumo l'ho letto e mi è piaciuto abbastanza.Però mi ha colpito molto al punto che mi capita spesso di pensare al protagonista e a come avrebbe vissuto male in una città e in un'epoca (sparita la Conca d'oro) prevalentemente maleodorante come la nostra. Ma anche la Parigi del XVII secolo (credo) non scherzava.
Non ricordo di avere visto film migliori della loro versione libraria. Penso da ultimo ai Vicerè, ma anche a "Qualcuno con cui correre".

Mingo | 21/03/2009 ore 17:08:59

 

Dici bene, Roberto, quella del papa che scoraggia l'uso del profilattico è una non notizia. Dici bene: la vera notizia sarebbe quella contraria. L'inammissibile è che Ratzinger, appena piombato in Africa, non trovi niente di meglio da dire! Oppure che non abbia ritenuto opportuno tacere sull'argomento, viste le drammatiche condizioni sanitarie del continente che lo ospitava. Questo mi rende rosso di rabbia.

Bruno Formosa | 21/03/2009 ore 16:49:02 | @

 

Metterei Berlusconi:la politica mi fa schifo!!
Figurarsi quanto fa schifo a noi, lui!!!!!!!

eufrasia58 | 21/03/2009 ore 15:29:27

 

Come al solito...fortissimo imbarazzo nella scelta...
ma alla fine voto una notizia che è davvero scottante ...altro che semplice acqua calda!!!...
non si può accettare che una personalità così determinante sull'opinione pubblica, si assuma con tale leggerezza una responsabilità così grande...: “contro l’Aids non servono i preservativi, ma un rinnovo spirituale e umano della sessualità”. (La Repubblica)... ma qualcuno glielo vuole spiegare!??

maria guagliardito | 21/03/2009 ore 15:27:07 | @

 

gasparri gasparri gasparri gasparri. Solo lui.
Se acqua calda ha da essere che acqua calda sia.
Le altre sono docce fredde, specie il Papa e B.

alfamag | 21/03/2009 ore 15:07:04

 

Il cinema non sta muorendo, è il pubblico che è intellettualmente in coma.
I film belli ed interessanti ci sono, mancano le platee in grado di apprezzarli.
Ricordo di aver visto dei capolavori ( oggettivamnete riconosciuti tali da Oscar o altri prestigiosi premi )insieme ad altre 20-30 persone.
A me personalmente piacciono molti generi, dal comico al drammatico, ma se vi descrivo il pubblico in sala durante " La matassa " vi faccio piangere.

Lello | 21/03/2009 ore 12:50:09

 

Drak, si parlava di odori che non piacciono a B., non di mettere l'aglio nella pasta col broccolo arriminato. E di Bob Dylan, ma il discorso diventa complicato da sintetizzare e un po' sgradevole.
Fara, purtroppo la pasta di cui sopra o sotto era già promessa e quindi un'altra volta con vero piacere.
Poi sui film tratti da libri, non sempre i libri sono meglio dei film, anche se spesso è così, almeno penso; secondo me Jules et Jim di Truffaut è splendido, meno il libro.

dario | 21/03/2009 ore 12:40:53

 

Obama lasciamo che appartenga ancora un po' alla casta degli intoccabili. Non impediamogli di iniettare morfina in un corpo morente: la disillusione potrebbe metterci definitivamente k.o.
Chiambretti se lo può permettere.
Il Papa meriterebbe di vincere ogni settimana, quindi proporrei di istituire un premio ad honorem per sua Santità.
Berlusconi ibidem
Dylan mi sembra che possa essere un valido candidato, anche se non mi convince.
Napolitano suscita in fondo tenerezza, è in una sorta di limbo ovattato in cui si dischiude la bontà di un vecchio presidente, come una sorta di pre-pensionamente emotivo dalla carica istituzionale.
L'alpinismo ha una sua dignità anche quando la trasgressione diventa facilmente un cliché.
Gasparri è decisamente simpatico!
La coppia Tantangelo-D'alessio ha già troppi palcoscenici in cui esibirsi, perché dargliene uno in più?

In sintesi, candido Gasparri.

Ale S. | 21/03/2009 ore 12:33:19

 

I palermitani impazziscono per la matassa: contenti loro. Il cinema sta morendo. Palermo è già imbalsamata.

il sole e le nuvole | 21/03/2009 ore 12:29:06

 

La matassa dopo aver visto i capolavori dei giorni scorsi, o prima?

il vampiro | 21/03/2009 ore 12:25:01

 

Voto D'Alessio

antonia | 21/03/2009 ore 12:22:24

 

Cosa c'entra l'aglio col broccolo arriminato?

dracula | 21/03/2009 ore 12:21:01

 

Buon giorno amici.
Ieri sera per vedere " La matassa " ho rischiato di essere travolto da una onda umana di notevoli dimensioni.
Mentre facevo il biglietto, ho letto che molti cinema hanno aggiunto uno spettacolo in più ( che inizia alle 00.30 !! )per smaltire tutto il flusso di spettatori.
Mi rendo perfettamente conto che, in periodi di crisi, la gente abbia voglia di distrarsi, ma ho anche capito che l' oscuro lavoro di chi ha reso negli anni il popolo sempre più ignorante, è riuscito a far uscire di casa le masse soltanto per assistere a questi " filmetti ".
Anche io ero lì, però ho la voglia di andare a vedere altri generi, altri film.
R.A.
Ricodi? Stiamo diventando una setta, e ci riconosciamo tra noi dal modo di vestirsi, di porci ( non in senso offensivo ! ) di rilazionarci...

Lello | 21/03/2009 ore 11:59:26

 

Il mio 'voto' a Papa Ratzinger :-D

Tamara Bianchi | 21/03/2009 ore 11:53:25

 

il mio voto va senza ombra di dubbio a paparazzi perché tra la fame e il sesso ancora una volta si preoccupa solo del secondo...

federico | 21/03/2009 ore 11:29:02

 

@Marina
i film sono film, e a volte sono bellissimi ma i libri sono un'altra cosa

fara | 21/03/2009 ore 11:26:21

 

perfetto Dario, mi invito alla tua tavola

la parolina magica è "persiana"

fara | 21/03/2009 ore 11:22:26

 

Fara, l'aglio (et similia, broccolo compreso) è stato bandito da B..
Quindi io oggi cucinando pasta col broccolo arriminato faccio resistenza democratica e do solidarietà a Bob Dylan.
Insomma, una versione aggiornata del motto sessantottino "vogliamo il pane e le rose", che dici ?
P.s.: la parola è highlands, non si addice alla cucina ma al tempo sì.

dario | 21/03/2009 ore 11:19:42

 

@fara: ho letto il libro, visto il film, riletto il libro, che tengo sulla mensola dei libri "buoni" in camera da letto. Mai e poi mai un film può farti "vedere" ciò che devi "odorare". Questo può accadere soltanto in un modo: la magia della lettura.

marina | 21/03/2009 ore 11:15:14

 

Ho letto il libro di Suskind qualche anno fa: mi ha sorpreso molto, tuttora mi torna in mente qualche immagine senza che io faccia nulla per ricordarla. Però non ho visto il film, e non ho più riletto il libro.

yorick | 21/03/2009 ore 11:02:52 | @

 

a proposito, qualcuno di voi ha letto "Il profumo" di Suskind? O visto il film?
Il film non mi è piaciuto ma il libro si

fara | 21/03/2009 ore 10:55:12

 

Davanti all'amaro sfogo di Berlusconi mi sono commossa. Anzi vi propongo di condividere con me un minuto di silenzio.

marina | 21/03/2009 ore 10:50:52

 

bravo Dario. Ma chi ha deciso che il broccolo puzza o che l'aglio è disdicevole?

fara | 21/03/2009 ore 10:49:47

 

Grazie, Dario: mi hai rivelato una lettura inedita di "Blowing in the wind". E' sempre così con i grandi classici: passano gli anni e ti rivelano sempre qualcosa di nuovo.

roberto alajmo | 21/03/2009 ore 10:35:53

 

Caro RA, sulla "notizia" della lite fra Dylan e i suoi vicini perchè D. ha messo in giardino un gabinetto chimico maleodorante, non può mancare il sottotitolo del Corriere; visto che i vicini avrebbero messo giganteschi ventilatori per dirottare la puzza, il giornale sottotitola "Blowing in the wind".
Io per solidarietà con Dylan oggi cucino un bel broccolo.

dario | 21/03/2009 ore 10:33:19

 

o per dirla come mia nonna : MISCHINEDDU!

fara | 21/03/2009 ore 10:29:17

 

poverino! anzi MISCHINU!

fara | 21/03/2009 ore 10:27:37

 

Io stesso sono così assuefatto al sistema geriatrico italiano che stamattina leggendo il giornale ho provato solidarietà nei confronti di Mike Bongiorno, precario Mediaset rimasto senza contratto a soli 85 anni.

roberto alajmo | 21/03/2009 ore 10:22:23

 

sciare nudi sulla neve è il non plusultra delle imbecillità. Spiega tutto il resto

non voto per la scoperta dell'acqua calda ma per l'imbecillità

fara | 21/03/2009 ore 09:20:09

 

RA, certo che puoi!
Per l'HWA voto Napolitano.Con tutta la stima e il rispetto per la pesona e per il Presidente questa volta anche lui mostra il famoso distacco tra politica e paese reale.

Mingo | 21/03/2009 ore 09:18:59

 

Nonostante i guai, qualcuno deve ricordare a chi ci rappresenta(?) di restare serio: a Camere riunite voto per Napolitano.

yorick | 21/03/2009 ore 07:31:37 | @

 

è lo specchio di come e cosa vendono i giornali.....sono tutte notizie meritevoli ma non posso resistere a votare ex equo Ratzinger e Berlusconi, il primo mi fa pensare al famoso detto di Maria Antonietta alla notizia che il suo popolo non aveva pane per sfamarsi......il secondo perchè è l'ennesima prova di quanto ( a ragione!?)il premier consideri fessi gli italiani.

armando | 21/03/2009 ore 07:14:45 | @

 

Mingo: geniale, te la posso rubare?

roberto alajmo | 21/03/2009 ore 02:13:16

 

..quindi ,la consapevolezza che ridiamo allora di noi stessi,costretti per forza a stare sotto un sistema che non ci piace affatto??e si.anche tu come in molti credo..compresa io,prendiamo alla gratis ceffoni tutti i santi giorni.ci rintontiranno..chiossai???..dilemma.....

Nicoletta | 20/03/2009 ore 23:16:03 | @

 

Noi Italiani non siamo Pasquale quando prendiamo gli schiaffi, ma non siamo Pasquale neanche quando li diamo (sempre a noi stessi).Tutti a parlare male di Berlusconi e di Cammarata. Poi quando gli dici "ma qualcuno ci avrà pur votato" ti guardano con un espressione del tipo, appunto, "e che sò Pasquale io?"
Credo che lo sport nazionale più che il calcio sia lo schiaffo del soldato.

Mingo | 20/03/2009 ore 22:45:24

 

Certo che puoi, Diana.

roberto alajmo | 20/03/2009 ore 20:34:40

 

Anche a me leggere questo rapporto sulla violazione dei diritti ha dato un senso di tristezza e anche di angoscia.La criminalizzazione di interi popoli ed etnie è assurda e ingiusta.Ieri si applicava questa etichetta agli Albanesi, oggi tocca ai Romeni,come se anche questo popolo non esprimesse scrittori,artisti,musicisti oltre a persone normali che chiedono solo di poter lavorare e di poter avere una vita migliore.
@Roberto..eheh..Sta storia di Tolstoi:)Ma se ricordi bene,nella mia recensione su E' stato il figlio, applicavo a te il giudizio di Tolstoi su Maupassant,,quel "don d'attention" che permette di scoprire ciò che è invisibile ad altri, e la penso ancora così!:)A questo proposito, posso mettere nella mia pagina web con la recensione una tua foto?Grazie
P.S. dato che ci sono voglio anche dire che i vostri giudizi entusiastici su The Millionaire erano assolutamente giustificati!l'ho visto la settimana scorsa,è un film straordinario.

Diana | 20/03/2009 ore 20:29:46

 

ah, dimenticavo, Noi non siamo Pasquale! Chi mai sarà Pasquale?

fara | 20/03/2009 ore 17:48:40

 

come vedi e come riproponi è una storia antica: "e che so Pasquale io?"
La colpa è sempre di qualcunaltro ( con o senza apostrofo).
Pronti comunque a scontare le colpe di Pasquale

fara | 20/03/2009 ore 17:33:39

 

per chi non ha capito: Maramaus e Sirenetta sono riconducibili a persone reali e accettati da tutti.

fara | 20/03/2009 ore 16:06:59

 

forse sto prevaricando il gestore del forum. Ma mi chiedo perchè qualcuno sente il bisogno di nascondersi dietro dei nickmane non riconducibili a persone conosciute, come Maramaus o Sirenetta, per esprimere la propria opinione.
Chiedo troppo se mi piacerebbe sapere con chi parlo prima di rispondere? Un nome di persona è già sufficiente, come Armando o Lello. Non chiedo di più

fara | 20/03/2009 ore 15:58:48

 

@Fara: "Tolstoi" non è veramente Tolstoi: è uno scherzo maligno che ti spiegherò quando ci vediamo...

roberto alajmo | 20/03/2009 ore 15:48:57

 

@ Federico
Tolstoi aveva lettori con inverni lunghissimi da passare , il nostro invece ha lettori con brevi primavere. Poca pazienza dunque e mi pare si sia ben adattato per farsi leggere. Darwinianamente.
Solo che i lettori di Tolstoi avevano il tempo per pensare quelli del nostro non l'hanno più. Devono correre, correre sempre

fara | 20/03/2009 ore 15:22:08

 

Posso dire che chi non si accorge - anche se veramente non se ne accorge - di una cosa del genere è comunque "mostruoso"? Mi sembra come uno dei personaggio (un soldato israeliano) di Valzer con Bashir, visto ieri sera. A chi gli chiedeva se non si fosse reso conto di quello che stavano facendo i palestinesi a Sabra e shatila rispondeva con uno sguardo imbarazzato e mobile, superficialmente inconsapevole, che no no, non si era reso conto fino a quando...
Roberto ha descritto benissimo questa sorta di inconsapevolezza in Cuore di madre.
Quanto allo scambio di battute tra Lello e Romp sul pusher, merita di essere ricordato e me lo salvo in Chi legge, chi scrive. Ci sarà sicuramente un'occasione, prima o poi, per pubblicarlo.

Daniela | 20/03/2009 ore 15:12:10

 

Lello, dici vero "A mio modestissimo parere ( anche il mio pusher la pensa come me )si dovrebbe premiare un libro proprio come si premiano i dischi, ovvero in base al numero di copie vendute." ?
Quindi Federico Moccia e Vespa dovrebbero vincere di tutto ?

I premi letterari sono - credo - come un qualsiasi concorso: spesso vincono i raccomandati, a volte il caso ci si mette e vince il migliore.

Aneddoto: Proust vinse da sconosciuto il Goncourt su uno scrittore importante per l'epoca e fu scandalo. Oggi di quello scrittore non si ricorda nulla, Proust è un gigante. Un libro va metabolizzato per superare la moda del momento, io penso.

dario | 20/03/2009 ore 15:02:51

 

tolstoi lo trovai discreto, ma un po' pesantuccio, speriamo che chi si è piazzato al secondo posto lo sia un po' meno...

federico | 20/03/2009 ore 15:00:19

 

@ Antonio
siamo caduti e come! e abbiamo preso pure una bella botta. Il film dice che possiamo risorgere. E su questo io, ci spero, ma ho qualche dubbio almeno nel futuro prossimo

fara | 20/03/2009 ore 14:52:28

 

@fara, tu credi che ancora non siamo caduti? Io sì, ma mi guardo intorno e non vedo risorgere nulla. Mi sono seduto, ammaccato come sono, sulla vecchia panchina disastrata e aspetto.

ntoni (antonio) | 20/03/2009 ore 14:48:21

 

la vignetta di Staino di oggi è bellissima :
per chi non l'ha letta riporto la conversazione tra due passeggeri di autobus o metropolitana:
primo viaggiatore: "Mi scusi per la poca compagnia ma sono di sinistra ...e di questi tempi sono un po' giu'"
secondo viaggiatore: "Lo dica a me! che in più sono cattolico!"

fara | 20/03/2009 ore 14:32:00

 

avere ADSL e PC non significa usare internet

fara ps | 20/03/2009 ore 14:20:04

 

@ Antonio
Ti rispondo citando il titolo di un film mitico : solo chi cade può risorgere"!

ps
E' ancora una illusione che internet soppianti la TV. L'uso di internet e ancor più l'uso "consapevole" di internet è appannaggio di pochi

fara | 20/03/2009 ore 14:18:21

 

@fara, allora scivoleremo sempre più in basso? Io una piccola speranza ce l'ho: Internet sta soppiantando la televisione. E' un'apertura inaspettata e affascinante. A patto che il Web si usi in modo sensato. Lo strumento c'é ed esercita una grande attrazione. Può servire per un'inversione di tendenza? Ci auguriamo di sì. Oggi abbiamo ricevuto una notizia meravigliosa: Barack Obama (dovrei chiamarlo il mio presidente perché idealmente l'ho già adottato; vista l'età, ho potuto farlo), per la prima volta per un capo di stato, ha parlato a mezzo della Rete di pace e di collaborazione al suo collega iraniano. Sono così contento che faccio gli auguri anche a Papa Giuseppe, dimenticando la questione dei preservativi.
@yorick, al posto tuo andrei da un buon truccatore e mi farei invecchiare il viso e ingrigire i capelli.

ntoni (antonio) | 20/03/2009 ore 14:09:40

 

tu la descrivi ( grazie per saperlo fare) altri come me le "sentono " (anche se non sanno scriverla) ma è vero, non ci rassegnamo, altrimenti non saremmo qui a discuterne.
Ci ostiniamo a negare l'evidenza. I "mostri" siamo noi

fara | 20/03/2009 ore 13:54:39

 

La descrivo e me ne meraviglio ogni volta: non mi rassegno, cioè.

roberto alajmo | 20/03/2009 ore 13:38:22

 

@ Antonia e Roberto
Io lo trovo più che normale. Non siamo animali sociali e il capitalismo liberista che vince, anche quando sembra che perda, ne è la prova.
E poi, scusa Roberto, ma tu sei campione nel descrivere questo tipo di realtà, perché te ne meravigli?

fara | 20/03/2009 ore 13:34:50

 

@Antonia: e ti pare normale? Questo volevo dire nel pezzo di oggi.

roberto alajmo | 20/03/2009 ore 13:22:45

 

Ciao collega yorick!
Per chi si è perso le puntate precedenti, sappiate che io e yorick siamo colleghi precari a tempo indeterminato, con alle spalle il welfare familiare e la gastrite incorporata( se sbaglio correggimi collega ).

Lello | 20/03/2009 ore 13:12:29

 

Certo, ntoni, i quarantenni subentreranno: diamogli al massimo quarant'anni di tempo e poi...
Ma vuoi vedere che poco prima che toccherà alla mia generazione si troverà il modo per sbarazzarsi della gerontocrazia?

PS. Concordo sull'ordine: prima E' stato il figlio, subito dopo Cuore di madre

yorick | 20/03/2009 ore 12:52:07

 

Il guaio è, Antonio, che i trentenni e i quarantenni sono cresciuti tra le braccia della TV, che è quella che è, come unica mater vitae.
Per questo ho poche speranze nel famoso ventenne ( o meglio, generazione di ventenni) di cui si è spesso parlato. Chi la sta allevando questa generazione "salvifica"??

ps
va bè Marco sarà potabile ma è amara!

fara | 20/03/2009 ore 12:44:01

 

Sempre fuori tema. Posso dirla?, anche se è ovvia e forse abusata?: " C'è da vergognarsi di vivere in un Paese dove i parlamentari, anziché essere scelti dall'elettorato, sono sostanzialmente nominati dai capi dei partiti, in dispregio ai principi più elementari della democrazia. Con la conseguenza che il capo del governo si ritrova ad avere non un parlamento veramente sovrano ma una specie di parco buoi manovrabile a bacchetta. In questa orgia di potere, quasi assoluto od oligarchico, accade che persone ignare e incompetenti vadano ad occupare posti di grande responsabilità, mentre il Paese pullula di grandi personalità che potrebbero aiutarlo a venir fuori dal pantano in cui è stato cacciato.
La speranza è che i trentenni e i quarantenni, che prima o poi subentreranno ai cinquantenni e ai sessantenni di oggi, ribaltino queste situazioni di eccessi e di scompenzi e facciano funzionare meglio tutti i meccanismi della democrazia".

ntoni (antonio) | 20/03/2009 ore 12:37:28

 

La forza di un bel libro sta nel passaparola: libri come " Il cacciatore di aquiloni " o " Mal di pietre " sono emblematici in tal senso.
A mio modestissimo parere ( anche il mio pusher la pensa come me )si dovrebbe premiare un libro proprio come si premiano i dischi, ovvero in base al numero di copie vendute.

Lello | 20/03/2009 ore 12:19:19

 

Roberto, non dimenticare, o meglio, non sottovalutare il fatto che stiamo parlando di austriaci. Io ho visto coppie di "quelle parti" fare vite assolutamente separate in tutto e per tutto pur vivendo sotto lo stesso tetto, senza mostrare alcun interesse o curiosità verso la vita dell'altro.

antonia | 20/03/2009 ore 12:13:37

 

Ai salemesi (o salemini o salemiani o salemani, non so): avete impiantato un bel teatro (speriamo che non sia del nulla, come uno dei vostri assessori; però, a pensarci, anche il nulla è qualcosa), buon divertimento!

ntoni (antonio) | 20/03/2009 ore 12:09:53

 

@ Federico
E allora non perdere tempo. E prima ancora di "Cuore di madre" leggi "E' stato il figlio". E' illuminante.

fara | 20/03/2009 ore 11:55:14

 

(Scusate se quasi sempre tralascio di ringraziare chi mi fa un complimento. E' un misto di pudore e desiderio di non trasformare questo sito in un tempio consacrato al culto della personalità. Cinonostante: ogni complimento è una spinta ad andare avanti. Detto questo,)
Grazie, Antonio.

roberto alajmo | 20/03/2009 ore 11:43:40

 

@Roberto. L'articolo su "L'Unità". Enigma, bestialità (mi perdonino le bestie), orrore, insondabilità dell'animo umano, sfiorati con la leggerezza e profondità dello stile di un sovrano della scrittura. Cappello in mano, inchino alla D'Artagan: onorato di essere ospitato (o sopportato) alla tua corte in forma di blog.

P.S.
Attenzione: non penso affatto che i frequentatori di questo bellissimo luogo d'incontro siano dei cortigiani. Al contrario: fraterni amici, rari da incontrare.
Passatemi la maldestra licenza.

ntoni (antonio) | 20/03/2009 ore 11:30:04

 

Uno migliore del tuo

Romp | 20/03/2009 ore 11:19:48 | @

 

@Romp. Chi è il tuo pusher??

Lello | 20/03/2009 ore 11:09:48

 

Un giorno feci questo esperimento.

Provai a mettere un’anatra di fronte

alle azioni compiute dalla lepre,

e poi la tenni ferma.

Fu come inserire un chiodo nella presa:

una vampata, e se ne andò la luce.

Negava. Tentai ancora. Sempre uguale.

C’è un relais, in quei disegni,

che non consente loro alcun passaggio

da un lato all’altro della prospettiva.

Per questo certe lepri sono in grado

di fare paralumi in pelle umana,

mentre l’inconsapevole anatra

volge il viso.
(Valerio Magrelli)

Romp | 20/03/2009 ore 11:05:02 | @

 

Mah, caro GM... Non ne farei una regola, ma in effetti... che facevano in televisione?

roberto alajmo | 20/03/2009 ore 08:39:23

 

caro roberto avrei piacere mi aiutassi a decifrare la totale assenza di under 50 allo spettacolo di travaglio al metropolitan.considerato il fatto che vi erano biglietti anche al costo di 10 o 15 euro (credo il costo di ingresso piu drink in una media discoteca)come leggi questo evento? chi è nato dopo il 1960 non è interessato a sentire una voce diversa? la cosa mi ha lasciato molto perplesso .un abbraccio. p.s.ma il martedi c'è la fattoria on air ? se si scusa per il disturbo.

a roberto | 20/03/2009 ore 07:53:17 | @

 

non ho commenti da fare......bravo Roberto!!!!!!

armando | 20/03/2009 ore 06:46:09 | @

 

Secondo dopo Tolstoi, bada bene...

roberto alajmo | 20/03/2009 ore 02:21:35

 

arrivasti secondo al premio strega??? allora mi toccherà leggerlo quel libro prima o poi! ehehehe....

federico | 19/03/2009 ore 22:49:00

 

Ma c'è già, Maramaus: http://www.robertoalajmo.it/index.asp?act=viewtxt&sez=5&id=57

roberto alajmo | 19/03/2009 ore 21:35:45

 

Anch'io. mentre leggevo "la solitudine dei numeri..." provavo la stessa sensazione postuma, avendolo acquistato a Strega vinto, di Alfamag. Mi piaceva ma con diffidenza verso me stesso.Forse l'ideale è arrivare terzi...
P.S. Se un giorno dovessi istituire un premio nazionale "I quattrofissa" per il presidente di giuria potrò attingere a piene mani in questo Forum.

Mingo | 19/03/2009 ore 21:23:54

 

Roberto, qualche tempo fa lessi su Repubblica nazionale un tuo reportage sulla tua partecipazione al premio (non ricordo quale) da scompisciarsi fino alle lacrime, fino a star male: perché non lo ri-pubblichi da queste parti?

maramaus | 19/03/2009 ore 20:25:03

 

Un benvenuto particolarmente sentito a Gery e ad Anonimo Veneziano, che nomino seduta stante nostro corrispondente segreto dal premio Campiello. Prima o poi devo scrivere della mia esperienza a quel premio...

roberto alajmo | 19/03/2009 ore 20:17:51

 

Caro Roberto, Soria ha solo intrapreso una nuova carriera. Tra qualche mese lo vedremo in costume (o in mutande) in qualche reality.

gery palazzotto | 19/03/2009 ore 19:45:47 | @

 

a proposito di premi: mi hanno inserito nella giuria popolare del Campiello, dovrò mantenere il segreto assoluto e leggere cinque libri fra luglio e settembre (se sono come quelli dell'anno scorso, fatemi le condoglianze anticipate).
p.s.: devo pure scrivere qualcosa su ogni libro, così provo che li ho letti, pensa un po'.
magari poi vi racconto, to whom it may concern.

anonimo veneziano | 19/03/2009 ore 19:24:18

 

il miglior premio è il lettore!......quando c'è.....il problema è che il lettore spesso si lascia influenzare dai premi e allora.......il miglior premio è vincere un premio....o no!?.... che casino!

armando | 19/03/2009 ore 18:57:28 | @

 

Inde: Indegno di essere fesso.
Vincere i premi è bellissimo, salutare.

Sicularia | 19/03/2009 ore 18:49:49

 

Io sono indefesso. Ma non ho mai capito cosa significhi "inde".

maramaus | 19/03/2009 ore 18:08:25

 

sentita in giro: Sei così fesso che se partecipi all'olimpiade dei fessi arrivi secondo? Perchè proprio secondo? Perchè sei fesso!!!

alfamag | 19/03/2009 ore 18:04:50

 

Per principio non acquisto libri che vincono premi. A meno che non li abbia letti prima. E' successo così con Maggiani, ineccepibile e Veronesi, poco più di un libro da spiaggia. Non avendo preso Ammaniti mi sono guardato bene dallo sceglierlo perchè vincitore. Di Paolo Giordano ho addirittura la prima edizione. Mi prese da subito e il fatto che poi gli abbiano dato lo Strega mi ha solo indotto a pensare che forse avevo sbagliato la valutazione: si dice che ci sia molto di merchandising in queste, per me, estranee vicende. Sono curioso di sapere cos'altro scriverà. Andrò in libreria, sfoglierò il libro, l'incipit, qualche pagina in mezzo e se mi garba lo acquisterò. Se lo trovo cellophanato parte male, la mia copia resterà sullo scaffale.

alfamag | 19/03/2009 ore 18:02:26

 

io direi dell'influenza che i premi possono avere sui potenziali lettori

fara | 19/03/2009 ore 17:58:25

 

interessante il "pre-giudizio" sulla solitudine dei numeri primi... la dice lunga dell'influenza che la critica può avere sui potenziali lettori...
ps. secondo me non è un brutto libro, ma una certa angoscia dentro la lascia....

federico | 19/03/2009 ore 17:55:45

 

Sono meno categorico di voi, Fara e Gianni: i premi dovrebbero essere una sedia su cui salire per assicurarsi di essere visti da un maggior numero di persone. Poi, certo: una volta saliti sulla sedia bisognerebbe avere qualcosa di dire.

roberto alajmo | 19/03/2009 ore 17:05:40

 

I premi in genere fanno incazzare: se non li vinci. Poi ti accorgi che li vince sovente chi non li merita (e dal tuo punto di vista, opinabile, e oggettivamente), allora ti accorgi che è meglio rimanere illibati (eufemismo di fessi). Non ho una passione per gli oscar hollywoodiani, per esempio. Ma gli otto premi a Slumdog Millionaire mi hanno fatto fare pace per un attimo con lo showbiz elargente. Tanto che previdi anche un oscar per Sean Penn e costui ha vinto. Ma poi ho visto The Wrestler e mi accorgo dell'enorme ingiustizia subita dal monumentale Mickey Rourke (Penn è grande ma questa volta un po' meno dell'ex signor nove settimane e mezza). E via dicendo. Punti di vista, i miei, opinabilissimi. Poi c'è anche l'esperienza personale. Nel 1989 i giornalisti dell'estrema sinistra (do you remember?) mi accreditavano come sicuro vincitore del Premio Satira politica di Forte dei Marmi (un must, allora). Fu l'unico anno in cui un italiano non vinse (qualcuno disse che non si poteva assegnare a nessuno se non a me, allora nisba): roba da Iri Italstat e craxiani vari. Persi anche ogni speranza in quel senso e non me ne fregò più nulla. Dieci anni dopo, agosto 1999, mi arriva una chiamata da Forte dei Marmi: avevo vinto il premio (dieci anni dopo) senza desiderarlo minimamente anche perché non ci pensavo più da circa dieci anni (giuro!!!). Ma era più utile da ragazzo quando disegnavo cose cazzutissime e riconosciute tali dai critici più smaliziati. Pazienza. Hicthcock e Kubrick non hanno mai avuto un oscar: grottesco. I premi sono inutili e fanno incazzare: lo so.

maramaus | 19/03/2009 ore 16:55:58

 

Roberto, per molti lettori i premi letterari lasciano il tempo che trovano. Sappiamo bene che ormai sono appannaggio di poche case editrici e di molti politici e che serveno a poter elargire e maneggiare con una certa leggerezza grosse cifre di denaro.

Certo per un autore avere la ribalta mediatica è una bella cosa, un trampolino di lancio per il grosso pubblico ed è anche una soddisfazione economica ma non è il premio che gli farà guadagnare la stima e l'affezione dei lettori.

Vorrei sapere quanti di coloro che hanno comprato "la solitudine dei numeri primi" compreranno anche il secondo libro di questo autore.

Ho fatto un esempio a caso. Tra l'altro non ho letto e non intendo leggere questo libro ( non mi attrae)

fara | 19/03/2009 ore 16:15:51

 

Grazie della solidarietà alla fessaggine.
Federico: anzi, ne sono il traino.

roberto alajmo | 19/03/2009 ore 15:46:00

 

perché mai la letteratura e l'arte in generale dovrebbero essere estranee all'attuale trionfo della mediocrità?

federico | 19/03/2009 ore 15:01:50

 

roberto concordo con maria.

vitalba | 19/03/2009 ore 14:46:12

 

Se leggete repubblica, sulla prima pagina dell'inserto R2 di oggi, troverete un bel trafiletto di Paolo D'Agostini che dice meglio di me quello che ho detto ieri io su Eastwood.

maramaus | 19/03/2009 ore 13:15:43

 

RA. Parafrasando la madre dei gracchi, i tuoi premi siamo noi!

Lello | 19/03/2009 ore 11:02:31

 

Goditi pure i piaceri della fessaggine...io penso sinceramente che premi come questo costituirebbero piuttosto un'offesa per te e per i tuoi libri...la tua scrittura merita ben altri premi!

maria guagliardito | 19/03/2009 ore 10:36:55 | @

 

@yorick: Ti sono " Fidel "!
@R.A.: Grazie per la solidarietà. L' allegoria del medico è la battuta finale del film " C'era un cinese in coma ".

Lello | 19/03/2009 ore 10:04:50

 

Marina: e siamo punto e a capo...

roberto alajmo | 19/03/2009 ore 10:02:02

 

Avevo incupito la pagina dei commenti e alla fine l'ho buttata su comico perché mi ero sentito in colpa: il mio è proprio un vizo.

yorick | 19/03/2009 ore 09:59:36

 

@Lello: già due potenziali rivoluzionari sono qualcosa. Più che sentirmi castrato, Castro. "Che" ne pensi?
@RA: Allegoria tanto tragica (e tanto vera) da fare ridere... Ti ricordi Flaiano? La situazione è grave, ma non è seria.
@Marina: il tuo ragionamento non fa una Grinza!

yorick | 19/03/2009 ore 09:54:32

 

@Roberto: allora meriti un premio per non avere mai vinto il premio!!!!

marina | 19/03/2009 ore 09:49:11

 

Più che pari casta, siamo pari castrati.

Lello | 19/03/2009 ore 09:35:13

 

Grazie Romp, ma non è una sensazione rivolta soltanto soltanto a chi mi precede: è soprattutto nei confronti dei miei pari casta. Potrei essere sulla barricata, e invece eccomi in un angolino, con le mutande di latta, lo scolapasta d'ordinanza e la speranza balorda che non faccia troppo male.

yorick | 19/03/2009 ore 09:19:26

 

Yorick, Lello, Romp: i vostri commenti mi stringono il cuore.
Posso solo aggiungere una piccola allegoria che si presta: il medico che si china sul capezzale del malato in crisi respiratoria è anche colui che tiene il piede sul tubo dell'ossigeno.

roberto alajmo | 19/03/2009 ore 09:17:06

 

@yorik: Caro amico, sono un tuo " collega " di sventura.
Mi trovo nella tua identica situazione: precario a tempo indeterminato.
So bene come ci si sente quando, a 40 anni, devi chiedere un assegno a tuo padre per pagare il condominio o la luce.
So bene come ci si sente quando gli amici " sistemati "che valgono un decimo di te si vantano della nuova auto.
So bene come ci si sente quando il tuo misero contratto sta per scadere e non sai se verrà rinnovato.
So bene come ci si sente quando ascolti i politici in tv dichiarano che la crisi c'è ma non è così tragica.
Potrei continuare all' infinito, ma mi fermo qui.
So bene come ci sente quando fai pena agli altri...

Lello | 19/03/2009 ore 09:05:21

 

Tutto giusto Yorick. Ma lascia il senso di colpa. Non c'entri tu.

Romp | 19/03/2009 ore 08:19:36 | @

 

E' che due settimane fa sono passato per l'ottava-decima volta in vita mia dalla condizione di lavoratore a tempo determinato a quella di disoccupato a tempo indeterminato. E' che rientro in pieno nella categoria degli annaspatori cronici, quelli che devono per forza considerarsi giovani (e quindi sfruttabili, e dunque appetibili) a 41 anni. E' che mi sento in colpa perché i miei devono aiutarmi e perché le loro aspettative aspettano ancora. E dunque ho la pancia piena. E dunque ho il cranio svalvolato. Due condizioni poco consone alla rivoluzione.

P.S.: password "camicia". A esserci nati!

yorick (o Amleto?) | 19/03/2009 ore 07:27:15

 

Hanno condannato gli assassini di Graziella Campagna. Una storia assurda. Se vi va, leggetela,
http://www.livesicilia.it/2009/03/19/la-tragica-storia-di-graziellae-delle-sue-ali-spezzate/

Romp | 19/03/2009 ore 06:16:42 | @

 

Cara Daniela mi fai venire in mente due cose, anzi due anni: il 1989 e il mio 1982 (per citare lo scrittore nostro ospite), che però è il 1996.

1989: Liceo Scientifico a Sr, un'ora scoperta, noi da soli a fare casino. Arriva il preside e invece di rampognarci sordamente, come era suo costume, si lascia andare a un invito: Su, ragazzi, calmatevi, tenete a mente che dovete assumere un altro atteggiamento, voi siete la classe dirigente del futuro.
Nessuno, compreso me, lo prese sul serio. Eravamo già una classe scombinata, figurarsi se a 17 anni ci pensavamo come classe dirigente del futuro.

Quante cose sono cambiate da quegli anni? non dico che la nostra generazione e quella dopo la nostra abbia diritto ad avere una vita più confortevole di quella dei nostri genitori, ma almeno, porca miseria, quanto meno dignitosa e con la possibilità di fare progetti per il futuro.

1996: scopro dopo un silenzio di 4 anni (leggasi quattro) di aver superato una prova scritta di un concorso pubblico di cui quasi mi ero dimenticato. Sono convocato all'orale, lo supero e il posto è mio. Mi trasferisco dalla bedda Trinacria. Finita la bella vita dello studente fuori sede. I miei amici in coro: Ma che fai, che mediocrità, io dietro una scrivania mai. Anch'io mi sentivo abbastanza male: studiando lettere non avevo, figurarsi, l'idea di insegnare, tanto meno quella di fare l'impiegato statale. Fu come, parafrasando Alajmo, andare a fare il militare.

Mi è andata bene, mi è andata di extralusso. Vedo i miei amici e li vedo impantanati, cercano di sbarcare il lunario. Una minoranza è partita, la maggioranza è rimasta e in molti casi vive ancora del welfare familiare. Sarà per questo che c'é chi vuole una pensione più elevata per sé? perchè deve pagare quasi tutto al figlio che ha 36 anni come te e me? perché il figlio ha raccolto contributi 0?

Gianluca | 18/03/2009 ore 20:47:13

 

Io un paio di meis fa ho trasformato la mia iscrizione alla CISL in iscrizione alla CGIL. Anche per solidarietà al sindacato tradito e lasciato da solo.
Ho 36 anni come te, Gianluca. Ho cominciato a versare contributi nel 2002 più o meno, prima in maniera discontinua, poi sempre più stabilmente. Dal 2006 sono di ruolo. Lavorerò sicuramente fino a 65 anni, ma questo non mi spaventa. Mi spaventa di più pensare che mi devo fare i conti per passare un fine settimana non ai Caraibi, ma nella mia città di origine, Caltanissetta, senza sentirmi in colpa perché ho speso troppi soldi. Mi spaventa ancora di più che molti miei amici sono combinati peggio di me, semidisoccupati o in attesa di disoccupazione, come molti amici insegnanti precari. mi spaventa una vita vissuta al di sotto delle mie possibilità intellettuali.
La maggior parte dei miei colleghi di una certa erà oggi non ha scioperato, i giovani sì. Ti deice niente, questo?

Daniela | 18/03/2009 ore 20:21:43

 

L'altro giorno una mia collega d'ufficio con cui non ho mai parlato di sindacato ha chiesto la tessera della Cgil. Ha detto: Non mi sono mai iscritta, ma ho visto che l'intenzione è quella di dargli una bella bastonata e ho deciso di iscrivermi. Ci può essere una motivazione più chiara, limpida, aliena da tornaconti strettamente personali? Mi sono sentito gratificato di tutta la fatica.

Finalmente, mi sembra, nella scena politica si parla di cose veramente importanti e qualcosina ina ina si muove: qualche pezza di ammortizzatore sociale per i cocopro, anche parte della destra si rivolta contro l'obbligo dei medici di denuncia del clandestino assistito, viene votato un emendamento del Franceschini per allentare un tantino il patto di stabilità dei comuni: non mi sembra poco, vorrei essere un tantino speranzoso.

Ho letto, RA, il tuo pezzo sull'Unità e condivido. Mi viene il brivido quando mi ferma qualche lavoratore sui sessanta che mi dice: ma non si possono alzare le pensioni per noi? io penso a me che ho 36 anni e mi dico: ma queste persone che andranno in pensione tra qualche tempo con l'85% dell'ultimo stipendio non ci pensano a cosa sta succedendo intorno? non ci pensano che a me dopo 40 anni di lavoro mi tocca (e sono fortunato...) una pensione che vale il 60% della mia ultima retribuzione? Come si chiama tutto questo? schizofrenia? individualismo? egoismo?

Gianluca, anche sindacalista Cgil | 18/03/2009 ore 19:10:00

 

Io non c'entro, sono presenteassente giustificata, non so scrivere ma so leggere, anche tra le righe.

gigliola | 18/03/2009 ore 18:57:07

 

Infatti Sirenetta. Tu e il tuo presunto consorte. Presunto perché o scrivi tu o scrive lui, a seconda dei periodi. Tanto che mi sono convinto che siete la stessa persona, come Anthony Perkins in Psyco: con la parrucca o senza.
Ma non manca(va)te solo voi due all'appello...

roberto alajmo | 18/03/2009 ore 18:43:46

 

RA, mi sento chiamata in causa (sarà carbone bagnato?), ma CI HO la GGGiustificazione: sono stata sotto il mar rosso, tra coralli e pesci leone...e tanti altri... e ora ho da recuperare tutte le cose pratiche e virtuali lasciate in sospeso!
splash!

lasirenetta | 18/03/2009 ore 18:34:35 | @

 

Per la prima volta, su queste pagine, Lello. Nella sezione Chi legge, chi scrive.

Daniela | 18/03/2009 ore 17:49:30

 

Non perdetevi "The Wrestler" con Mickey Rourke: che risorge grandioso dopo essere stato di persona all'inferno. Un fim imperdibile, un attore spettacolare.

maramaus | 18/03/2009 ore 17:49:29

 

A proposito di film, io ho visto L'onda. Dovrebbe essere proiettato nelle scuole, ma in presenza dei genitori, per capire come nascono le dittature. L'esperimento cui si ispira il film fu condotto nel 1967 in un liceo californiano e riuscì alla perfezione. Dopo una settimana o due i ragazzi si erano trasformati in perfetti fascisti.
Il film invece è ambientato in Germania. Chissà perché?

fara | 18/03/2009 ore 17:45:36

 

Mi dispiace, sorry: Clint non meritava tutti questi (miei) refusi.

maramaus | 18/03/2009 ore 17:42:36

 

"Honky Tonky Man", "Bird", "Un mondo perfetto", "I pontidi Madison County", "Mystic River", "Million Dollar Baby", "Lettere da Ivo Jima", "Changeling" e ora "Gran Torino". Il prossimo si chiamerà "The Human Factor" protagonista Morgan Freeman, nella parte di Nelson Mandela). Il mio voto all'opera (pressochè omnia) del Grande Clint è DIECI.
Non credo che Eastwood abbia mai avuto interesse per il teatro: ma non lo escluderei, vista la vitalità. Più che l'attore (che amavo quando era uno strumento inimitabile nelle preziose mani di Leone, quando era un fascista spaccatutto che rispondeva al nome di Callaghan, quando era il bel fuggiasco di Fuga da Alcatraz e non ultimo quando dirigeva se stesso e penso all'incantevole I ponti di madison County, penso allo struggente e implacabile Un mondo perfetto, penso al crepuscolare allenatore di Million Dolar Baby e ora al vecchio scorbutico dal cuore d'oro di Gran Torino) amo follemente il suo cinema, la sua idea di cinema. Le sue idee talvolta blaterate dal medesimo o travisate dal giornalista di turno: Eastwood è un repubblicano probabilmente pentito: perchè credo sia un anarchico individualista vecchio stampo (una sorta di De André americano), uno che racconta storie che più liberal non si può. Amo il suo modo di girare, asciutto, essenziale e al tempo stesso ricco e generoso. Non c'è fil di Clint che non ti commuova: ma è una commozione spesso asciutta, lucida, maiu ricattatoria: così è la vita. Ha raccontato finanche un melodramma il vecchio cow-boy del cavaliere pallido e degli Spietati. Ha raccontato I ponti di Madison County senza mai scadere neanche un attimo nel sentimentalismo ricattatorio hollywoodiano (dirigendo una strepitosa meryl Streep che fino ad allora non aveva mai espresso quelal infinità varietà di sfu,mature da donna splendida e matura e ha diretto se stesso, virile e fragile). Le sue storie non sono mai banali, restano impresse nella memoria e ti colpiscono allo stomanco, ti toccano il cuore, ti accarezzano la mente.

maramaus | 18/03/2009 ore 17:40:11

 

Avete notato che i cani killer, così come gli stupratori rumeni, si passano parola prima di agire? Ce n'è un altro, a Parma. Devono avere ululato il messaggio ad lata voce, a Modica, per farsi sentire fin lassù.

Daniela | 18/03/2009 ore 17:28:30

 

Malta, Gozo e Comino:
area 316 km2
abitanti 400.000 circa

Sicilia: area 25.710 km2 abitanti 5.000.000 circa

fara | 18/03/2009 ore 17:23:38

 

Grazie Roberto, avevo bisogno di un pò di pausa...

Mingo | 18/03/2009 ore 16:58:58

 

Gran Torino mi sono sembrati due film. Il primo tempo da sei e mezzo, il secondo da nove. La media è sette e mezzo, ma funziona sempre così quando ci si aspetta troppo.
Ne approfitto per dare un benvenuto ai nuovi lettori e un bentornato a Mingo. Mi sei mancato, come mi manca qualche altro commentatore che latita da un po'.

roberto alajmo | 18/03/2009 ore 16:55:42

 

Ciao a tutti. Rientro dal mio @-letargo informatico.
Non sono un sociologo e non posso addentrarmi in analisi che non mi competono.Ma credo che i vecchi, perso ormai da tempo quel ruolo di "saggi", di memoria storica, della società, abbiano capito che l'unico modo per sopravvivere al declino sia quello di restare eternamente giovani, con tutte le distorsioni che ne conseguono. Che alternative avrebbero del resto? Non più Nonni ma solo badanti (a buon mercato) dei loro nipoti e... figli. Restare giovani a tutti i costi è anche un imperativo imposto dal sistema (brutta parola ma calzante)che ha sempre più bisogno di consumatori.E quindi...largo ai vecchi, e se proprio volete cominciare ad invecchiare a tutti i costi sappiate che i vostri modelli di riferimento saranno, come minimo, Richard Gere o George Clooney.Ve lo immaginate B-rizzolato?
A proposito, invece, di grandi vecchi. Ho visto GranTorino.Una grande emozione.Non c'è una frase, uno sguardo,un passo, un movimento superfluo.L'impressione è che ogni cosa sia al suo posto. L'essenzialità della recitazione e dell'arte.Il film l'ho visto sul PC (ma lo rivedrò al cinema) e in lingua originale (ma sottotitolato in Italiano) Clint si apprezza ancora meglio per la sua recitazione sussurrata ma tagliente. Paradossalmente la recitazione è talmente strabiliante che sovrasta il film, pur bellissimo.
@ Giuseppe:
Giovedì alle 11.00...Venerdì alle 10.30....ma che orari sono? Questa è discrimanazione culturale!

Mingo | 18/03/2009 ore 16:48:31

 

Il migliore non so, un grande sicuramente lo è, il coriaceo Clint. Soprattutto come regista. Da attore, al pari tutti gli interpreti dotati di forte personalità e carisma, ha qualche deficit, a mio avviso, in fatto di capacità istrioniche. Porta sempre in dote, più o meno appannate, la sua grinta e la sua maschera. In America è un gran pregio per il cinema. Non so configurarmelo come attore di teatro, dove la sua legnosità credo non funzionerebbe. Posso sbagliarmi perché il vecchio Clint ha infinite risorse; lo ha dimostrato più volte (dopo i western all'italiana, meglio alla Leone) e dopo l'ispettore Callaghan. "Gran Torino" non possiamo dirlo un capolavoro ma è un ottimo film e mi è piaciuto molto. Spero torneremo a parlarne.
@maramaus, come non detto.

ntoni (antonio) | 18/03/2009 ore 16:22:55

 

C'è un libro (perdonatemi, gli anni passano e la memoria si offusca anche per me) che più o meno s'intitola: "Come fu che Malta divenne inglese". Perchè sino ai primi decenni del XIX secolo sempre sicula iera!

Giuseppe | 18/03/2009 ore 15:56:07

 

Per me il grande Clint è il migliore regista al mondo.
Indimenticabile ne: " I ponti di Medison Country ".
E' un film che ho visto e rivisto, e ogni volta mi commuovo.
Per fortuna la vita ci ha donato anche lui e non soltanto gente come Calderoli e Brunetta.

Lello | 18/03/2009 ore 15:40:08

 

@Ntoni: niente di personale, ci mancherebbe altro: ragionavo ad alta voce solo su come far uscire di scena quelli che hanno lavorato (e anche male) più di trent'anni e non hanno più niente da dire (visto che quello che hanno detto era pessimo).
@Dario: l'addio al cinema, ma solo metaforico, perché il Maestro Clint (il più grande regista viviente) è vivo, vegeto e più in forma che mai, nonostante i suoi quasi 80 anni.

maramaus | 18/03/2009 ore 15:29:21

 

@Sicularia: Concordo con te. Malta è uno Stato intelligente e ricco che fonda tutta la sua economia sul turismo e sui casinò.
La Sicilia è molto, ma molto più bella di Malta ma noi siamo fessi, loro no.
P.S
Ricordate quel TOCO che lanciò le scarpe a W.Bush ?
Dovrà stare in galera tre anni.
Peccato che Bush non sconterà alcuna pena nonostante abbia lanciato bombe ( e non scarpe ) a tutto il mondo.

Lello | 18/03/2009 ore 15:15:46

 

proposta per l'hot water prossimo venturo, dal corriere on line di oggi:
"Bob Dylan e il wc chimico in giardino.
I vicini: «Odori insopportabili»
Presentato un esposto alla polizia. E c'è chi si difende installando cinque enormi ventilatori".
Maramaus, Gran Torino grande film, concordo. Ci ho letto l'addio al cinema (e alla vita) di Clint, vedi penultima scena; e mi ha intristito.

dario | 18/03/2009 ore 14:56:58

 

Si può fare uno scambio Malta-Sicilia? Sicilia indipendente e Malta all’Italia? Entrambe le isole sono geograficamente italiane, solo che l’isola più grossa pesa sul contribuente e quella piccola no. In entrambe si parla l’italiano allo stesso modo (male), la differenza è che una ci ha mandato Andrea Camilleri e l’altra Corto Maltese. In Sicilia i cani mangiano i bambini (gli indigeni inerti non sanno più nemmeno maneggiare la lupara), mentre i cagnetti di razza maltese non sarebbero capaci di fare del male a un budino. I siciliani, schiavi di un fatalismo asiatico e incivile, si lasciano invadere dai clandestini. I maltesi, uomini responsabili e quindi liberi, respingono gli africani al mittente, il ricchissimo colonnello Gheddafi, Malta è un’isola d’onore: lo scambio non si può fare, gli italiani si meritano la Sicilia.

Sicularia | 18/03/2009 ore 14:15:26

 

@maramaus, mi hai preso alla lettera! Comunque grazie per l'attenzione. Mi farai l'ambita grazia di cassare la parola 'reazionario' e di lasciare almeno 'di destra', anche se non lo sono e non lo sono mai stato di destra? Un secondo grazie se accoglierai graziosamente questa mia domanda di grazia.

ntoni (Antonio) | 18/03/2009 ore 14:09:28

 

Appena possibile, mi piacerebbe parlare di "Gran Torino" e di "The Wrestler". Hanno in comune solo una cosa: sono due bellissimi film.

maramaus | 18/03/2009 ore 13:50:16

 

@Fara: questa cosa che riguarda la bioetica mi pare interessante. Parliamone.
@Gianni: però l'aano prossimo vorrei organizzare qualcosa in cui disegni, senza parlare, va bene?
Per quanto riguarda Berlusconi, è la prima volta che sono d'accordo con lui. La (sua) politica mi fa schifo.
Infine, carriera per gli insegnanti. Una capra che insegna da 30 anni ormai va mandata dignitosamente in pensione, sono d'accordo con Gianni. Ma per il resto, 'Ntoni, in un paese normale le capre non dovrebbero essere assunte, mai. Ma in questi giorni si parla di chiamata diretta da parte dei dirigenti scolastici: prova ad immaginare cosa possa significare, IN ITALIA, una cosa del genere. La nipote del preside lavora, il figlio di nessuno bravissimo a casa.
La parolina è giostra e vi assicuro che non gira mai nel verso giusto.

Daniela | 18/03/2009 ore 13:02:30

 

"Fare il premier mi fa schifo", parola di Berlusconi.

Mi riallaccio al tuo discorso Maramaus, perché non lo facciamo uscire di scena decorosamente? E' un'idea civile e non c'è nemmeno bisogno di dargli un minimo di sostentamento

fara | 18/03/2009 ore 11:43:35

 

Cacciare uno che lavora (bene o male) da oltre trent'anni è un'idea di destra reazionaria. Farlo uscire di scena decorosamente (con un minimo di sostentamento) è un'idea civile.

maramaus | 18/03/2009 ore 11:18:33

 

Daniela, invece, io sono un pessimo oratore che quando fa una mostra, una presentazione un'uscita pubblica, ci impiega una settimana a rimettersi in carreggiata.

maramaus | 18/03/2009 ore 11:15:15

 

Si dice che la scuola insegna (quando insegna) ma non educa. Il tuo insegnante novantenne (senza offesa per i novantenni, penso a Mario Monicelli che dirige un film nel deserto infuocato, che conosco di persona perché viareggino)) travestito da cinquantenne non insegna, non educa, infligge dei danni irreparabili ai giovani e alla classe dirigente di domani. Come lui ce ne sono tanti.
Perché un insegnante non può essere valutato ed, eventualmente, cacciato via?
Chi insegna ed educa gli insegnanti?
E' un'idea di destra?

ntoni (Antonio) | 18/03/2009 ore 11:13:15

 

Daniela io ho qualche competenza per sostenere un incontro sulla bioetica.
Quando e come vuoi sono a tua disposizione

fara | 18/03/2009 ore 11:08:17

 

@Fara: pochi, cara Fara. Molti insegnanti si sono arresi, anche alcuni di quelli con le migliori intenzioni. Io quest'anno ho scioperato tre volte e se ne sono andati in fumo più di 200 euro...con il mio stipendio non è uno scherzo. Quanto a cos'è il lavoro dell'insegnante - per chi lo fa bene, ovviamente, ma questo vale per tutti i lavori - mi sono già espressa. Io ho sostenuto dei ritmi assolutamente disumani quest'anno, dal momento che seguo il progetto legalità, retribuitomi con ben 7 ore extra a 17.50 lordi l'ora e che mi è costato perlomeno 70 ore di lavoro extra, tra progettazione, letture di preparazione agli incontri, rientri a scuola oltre l'orario e via dicendo. Però è stata la cosa che mi ha dato più soddisfazione quest'anno e il nostro Roberto ne sa qualcosa, dal momento che lo scorso sabato ha avuto un incontro entusiasmante - per loro, spero piacevole per lui - con alcuni ragazzi della mia scuola. E poi gli incontri con Libera, con l'avv. Galasso e la prof.ssa Dino, un programmato incontro con Romp e uno con Giuseppe indignato Scuderi, mi paicerebbe fare qualcsoa con Gianni e perché no, anche con te Fara. Tutto rigorosamente gratis, per me e per voi, perché soldi non ce ne sono neanche per comprare un pc nuovo per gli insegnanti.
Se tutte queste cose non me le dettasse l'entusiasmo, per cosa dovrei farle?
A Gianni dico che questo lavoro dovrebbe essere precluso a chi non sente il fuoco sacro dentro, perché non è un lavoro, è una scelta di vita (ché la parola missione mi provoca fastidio).
La scuola invece, come tutto in Italia, premia la vecchiaia. Un professore di 54 anni, per il "solo" merito anagrafico, ha più punti, più stipendio, più possibilità di diventare dirigente.
La parola è rasoio. Bah!

Daniela | 18/03/2009 ore 10:52:17

 

Cara Daniela, penso (a briglia sciolta) anche ad un vecchio professore (ha solo 54 anni ma dal punto di vista professionale ne mostra almeno il doppio, per noin parlare di quello umano: Matusalemme è un giovanotto in confronto) a cui non interessa un emerito coso di continuare ad insegnare: ma continua stancamente a farlo perché non ha altre cose da che gli garantiscono un reddito. Tutti i giorni porta in classe il suo malumore di insegnante di lungo corso invecchiato precocemente, il suo disamore assoluto per un lavoro che non ha mai amato, tutto il suo autentico menefreghismo che certamente reca nocumento ai poveri disgraziati discenti. Non ha mai bocciato o rimandato alcuno. Ma non pefrché filantropo: è un vecchio acido misantropo da prendere a calci in culo se lo vedi nei pressi. Non intende rompersi i cosi in estate, il vecchio professore. Cosa cavolo se ne fa la società di un depresso trombone che sta diseducando (meglio gli eufemismi che gli insulti selvaggi) intere porzioni di generazioni? Non sarebbe il caso di mandarlo in pensione? D'altra parte sono trent'anni che "insegna". Perché spremere amncora ciò che è rinsecchito da lustri? Una decorosa pensioncina a questo vecchio bacucco forse lascerebbe spazio ad un paio di giovani precari che insegnerebbro volentieri. Forse. Qui sotto dice "Capezzale": appunto.

maramaus | 18/03/2009 ore 10:25:29

 

Daniela, tu hai ragione ma quanti, docenti e soprattutto non docenti, la pensano come te ( o meglio come noi)? Da sempre il "posto" d'insegnante è stato per l'immaginario collettivo un "posto" di tutto riposo con due o tre mesi di "vacanze" l'anno e quattro ore di lavoro al mattino. Un "posto" semplicemente neanche un "lavoro"

fara | 18/03/2009 ore 10:12:08

 

Io "tutelat" questa mattina ho scioperato. Cercando di essere meno miope di molti colleghi che credono che, in fondo in fondo, i tagli riguarderanno solo i precari. E poi, se anche fosse? Io non riesco a non pensare che la mia collega supplente, preparata e "carina" si troverà a spasso, e che invece alcune vecchie cornacchie che conosco continueranno ad insegnare, danneggiando studenti e colleghi.Non riesco a non considerare un'enorme perdita per la scuola e l'università italiane l'entusiasmo di tutti coloro che hanno cominciato (relativamente) da poco. Insegnare stanca, dico parafrasando Pavese. E' un lavoro bellissimo, dal potere salvifico. Ma è veramente difficile mantenere la stessa forza dei primi anni. Per questo ci vogliono quelli più giovani, entusiasti di te. Peché specchiandoti puoi trovare di nuovo l'entusiasmo.
Non sono d'accordo con te, Roberto, solo su una cosa: non è vero che i giovani non pensano ai contributi e al futuro. Non possono pensarci. Ma forse è proprio quello che volevi dire.

Daniela | 18/03/2009 ore 09:57:52

 

Secondo me la molla sociale è l'egoismo, Armando. Il motto di questa società è "ognuno per se e dio è con me"

fara | 18/03/2009 ore 09:48:37

 

Gianluca: gli elettori di Casini sanno benissimo che in privato si può fare tutto ciò che pubblicamente viene stigmatizzato.
E' la grande trovata del cattolicesimo.

roberto alajmo | 18/03/2009 ore 08:55:50

 

Pierfurby ieri a Otto e Mezzo su domanda di Gruber non ha voluto dire se parla di profilattici con le sue figlie giovani donne. Comunque in questo paese è un falso problema: tutti se ne fregano comunque di questa parte della morale cattolica. Il vero problema è cosa succede in Africa on in altri posti e quali danni fanno certe previsioni morali.

Chiaro e trasparente Casini nella sua dichiarazione: Noi adesso vediamo come andrà a finire questa legislatura, tanto sappiamo poi che noi saremo decivisi per la vittoria o con uno o con l'altro polo.
Grande Casini su questo dose di ipocrisia uguale a zero. Buona giornata.

Gianluca | 18/03/2009 ore 08:08:29

 

Grazie, Nicoletta. E buona fortuna.
Grazie anche a te, Armando: la mia è una prima scintilla di ragionamento. Allargo un po' il discorso oggi sull'Unità, con argomenti che voi lettori di questo forum già conoscete.
Mi piacerebbe sentire cosa ne pensano gli altri amici.

roberto alajmo | 18/03/2009 ore 07:17:07

 

ottima cosiderazione che dà una lettura interessante di una realtà complessa.....resta da approfondire quali sono le molle (e quindi le ragioni) sociali che vogliono negare la vecchiaia ai vecchi e la gioventù ai giovani.......

armando | 18/03/2009 ore 07:10:25 | @

 

ti leggo e ti ritrovo come una Lampadina.che si accende da sola..!.niente da aggiungere....PS...COME ANTISPAM mi è spuntato .."Insalatiera."..perfettamente adatto da cliccare ......un paese d'insalata mista.!!!

Nicoletta | 18/03/2009 ore 00:32:25 | @

 

@Giuseppe: la poetessa irish la conosco e cercherò di catapultarmi, in un modo o nell'altro.

Daniela | 17/03/2009 ore 20:02:39

 

@Lello: SGRUNT, mi hai battuto sul tempo...la dichiarazione completa (da libero.it) è: Papa: in Africa per l'AIDS no all'uso dei profilattici "Così si aumentano solo i problemi." Mi sfugge come.

Daniela | 17/03/2009 ore 19:31:15

 

@Lello: SGRUNT, mi hai battuto sul tempo...la dichiarazione completa (da libero.it) è: Papa: in Africa per l'AIDS no all'uso dei profilattici "Così si aumentano solo i problemi." Mi sfugge come.

Daniela | 17/03/2009 ore 19:31:06

 

Una vecchia canzone di Alamia e Sperandeo era intitolata proprio " Attenti e cani ":
sarà la colonna sonora del prossimo film dell' orrore di Dario Argento: "I cani di Modica ".
Un cameo sarà riservato a Venticinque, l' uomo che rivoluzionò la matematica ( perchè, grazie a lui, venticinque vale zero ).

Lello | 17/03/2009 ore 15:56:25

 

Approvato. Grazie Lello.

roberto alajmo | 17/03/2009 ore 15:50:00

 

Per l' hot water di questa settimana segnalo la dichiarazione del Papa: " L' AIDS non si cura con i profilattici ".

Lello | 17/03/2009 ore 15:47:21

 

Un bimbo di 10 anni sbranato da un branco di cani randagi, un altro bimbo di 9 anni semisbranato e in fin di vita, un fiore di ragazza ventiquattrenne, turista tedesca, anch'essa straziata in tutto il corpo. Mah, è questa la provincia di Ragusa, orgoglio della Sicilia, esente da mafia, sede di monumenti patrimonio dell'umanità, culla del Barocco siciliano? E Modica?, per me città favolosa?
Adesso i modicani si rivoltano contro i cani: dichiarano il lutto cittadino. E prima? Quando per mesi le mute di cani feroci scorrazzavano indisturbati?
I carabinieri, dopo i morti e i quasi morti, fanno scattare l'allarme: stare in casa, uscire solo in caso di necessità e meglio non da soli. Altroché coprifuoco! Il sindaco di Scicli Giovanni Venticinque (perché interviene sempre alla venticinquesima ora, cioé mai) dice che non ha colpe: ha appaltato il servizio di accalappiacani e del canile ad una ditta (fantasma). La procura aveva affidato i cani morsicatori ad un poveraccio; dopo l'atroce morte del ragazzino si è messa ad indagare. Ma chi indaga su di lei?
Informo che Ragusa, Modica e Scicli sono città situate nell'Europa occidentale e che lo scrivente non è né razzista né antimeridionale, ma siciliano sino al midollo.

ntoni | 17/03/2009 ore 15:11:26

 

Gianni, non fare scenate di gelosia. Questo Leonardo è un giovane di talento, vedrai che ne sentiremo parlare. Mica vuoi passare pure tu per un vecchio abbarbicato alla poltrona!?
A proposito invece delle aggressioni dei cani a Scicli, ho ripescato un raccontino che risale a una dozzina di anni fa. Lo trovate cliccando su http://www.robertoalajmo.it/index.asp?act=viewtxt&sez=5
Non dico che c'era già tutto lo scenario di questi giorni, ma...

roberto alajmo | 17/03/2009 ore 14:11:31

 

Roberto, scusa, ma questo Leonardo da Vinci, disegna così o copia?

maramaus | 17/03/2009 ore 14:08:45

 

@Roberto, grazie per giovedì.
Quanto alla penultimora sai che al riguardo mi cucio la bocca

Giuseppe | 17/03/2009 ore 13:51:58

 

@Roberto: non conosco il successore ma mi onoro di avere conosciuto la lucidità e la giovinezza mentale del grande maestro Scimè.

marina | 17/03/2009 ore 13:38:04

 

Giuseppe, verrò alla conferenza stampa di giovedì alle 11 alla foce dell'Oreto.
Lello: c'è un equivoco che forse nasce in noi dalla sovrapposizioni di senso della parola padri: "Maggiori" o "Genitori"...
Ntoni: ora pubblico una penultim'ora esemplificativa di come si fanno le rivoluzioni in Italia...

roberto alajmo | 17/03/2009 ore 13:26:08

 

Venerdì 20 marzo alle ore 10:30 (forse 11:00) presso la facoltà di architettura (non so ancora in quale aula) Viale delle Scienze, edificio 14, si terrà un incontro con la poetessa Eilean Nì Chuillenain della School of english - Trinity College, Dublin Irlanda. L'incontro è stato organizzato dalla Fondazione Antonio Presti - Fiumara d´Arte nell´ambito della manifestazione culturale dal titolo LO SBARCO DEI POETI - la poesia approda a Palermo per la rinascita del fiume Oreto.
Non chiedetemi di essere più preciso, che se avessi potuto lo avrei fatto. Ma ad oggi non ne so di più

Giuseppe | 17/03/2009 ore 12:56:34 | @

 

@Roberto.
E' verissimo, la mia generazione campa grazie alle pensioni ed ai risparmi dei genitori.
Forse la rivoluzione inizierà proprio quando i nostri " supporters " non ci saranno più ( speriamo il più tardi possibile ). Forse...

Lello | 17/03/2009 ore 11:58:25

 

Una rivoluzione all'incontrario è la normalità, ad esempio, per Catania. Palermo non è da meno.

ntoni | 17/03/2009 ore 11:18:23

 

Oggi ho effettuato un versamento alla Banca del Seme: è l' unico conto in cui non sono in rosso !!!
P.S.
Vuoi vedere che il sig. B mi fotte l' idea e destina 100 milioni per aiutare anche le banche del seme?

Lello | 16/03/2009 ore 19:19:32

 

Ma poi perché si ostina a chiamarla "Mercegaglia"? O è stato frainteso?

macs | 16/03/2009 ore 18:48:44 | @

 

Il sig. B. ha precisato alla Mercegaglia che lui non ha dato soldi verissimi, ma ha dato soldi a Verissimo ( il programma in onda su canale 5 ogni sabato).
Che avevate capito?

Lello | 16/03/2009 ore 18:33:04

 

Posso dire qualcosa che non c'entra nulla con la coversazione in corso?
Ecco:
""“Report” di Milena Gabanelli su Rai3 ieri sera ha puntato le telecamere su Catania. “I Viceré”, il servizio di Sigfrido Ranucci, ci ha aperto gli occhi su un Comune che ha sprecato montagne di denaro pubblico e che è alle prese con un disavanzo di bilancio prossimo al miliardo di euro. Nel 2002 il governo ha elargito a Catania 850 milioni di euro, nel 2008 altri 140 milioni. Ma il deficit continua a viaggiare a velocità supersonica. Sono sotto indagine una quarantina di persone. Sarà fatta giustizia? Anche se si arriverà a qualche rara condanna, cambierà qualcosa nel modo di amministrare la città? Umberto Scapagnini, sindaco dal 2000 al 2008, per gli alti meriti acquisiti nel buon governo della città di Catania, è stato premiato con un seggio in Parlamento. Da uomo della strada potrei anche disinteressarmi di una così sciagurata gestione della cosa pubblica, ma, cari catanesi, direi, li avete voluti questi campioni di amministratori, li avete poi rivotati con una maggioranza bulgara, ma perché dovrei essere io (insieme a tutti gli altri contribuenti, s’intende) a dover colmare i paurosi buchi finanziari provocati dai vostri beniamini? Già avete avuto un grazioso regalo di oltre un miliardo di euro ( fonti autorevoli parlano di oltre 2,5 miliardi), vi dobbiamo ripianare anche l’attuale deficit?"""

ntoni | 16/03/2009 ore 17:50:20

 

Ma guarda un po' cosa vado a leggere del buon sindaco Mauro Favilla? Buono, ma non buono buono, esperto e freddo navigatore tra i flutti della rovente politica lucchese, onesto, solido e rassicurante amministratore. E' stato sindaco di Lucca per 13 anni in piena prima repubblica. Ripescato nel 2007. Meglio, autoripescato, con un capolavoro di strategia politica (se l'è messi tutti in tasca). Niente di più lontano dal suo omologo palermitano (come carattere ed età, s'intende). Non pensate che sia tanto ingenuo: con la sua uscita ha fatto parlare di sé e di Lucca in tutta Italia.
Infine posso dirlo? Posso dire che è un mio quasi amico?

ntoni | 16/03/2009 ore 17:36:16

 

ave .. me l'hanno appena detto e l'ho da poco divulgato..fa piacere che vi sia piaciuto. è molto "mio" ma anche un pò vostro..!ringrazio infinitamente Roberto per la presentazione tutta sua ..e rispondo a Gianni.. Il sito me lo ha fatto (con pesantissime mie intromissioni!) un gruppo torinese.In particolare Federica Grelli di" Nogravity 99".federica è stata qui quest'estate(la scorsa cioè!).. e ha respirato molte Eolie lei pure ! forse ne è nata una collaborazione "artistico -commerciale!" ma è presto per dirlo.. vi informerò in corso d'opera.


intanto ogni volta che scrivo un commento io chissà perchè la parola da digitare è "pannolini"..poi dicono che!?

| 16/03/2009 ore 15:28:51 | @

 

Ho ricevuto dalla nostra Lò, la pittrice dei vulcani, il link del suo sito nuovo di zecca. E' molto bello, visitatelo tutti: www.loredanasalzano.com. Glielo invidio! Lò, chi lo ha costruito?

maramaus | 16/03/2009 ore 14:50:33

 

Federico: mai come questa volta ho desiderio di venire smentito dai fatti.

roberto alajmo | 16/03/2009 ore 14:09:22

 

Giuseppe, domani ti chiamo da scuola. Mi sono appena ripresa dalla preparazione di un appuntamento di cui vi farò il resoconto a breve.

Daniela | 16/03/2009 ore 13:24:32

 

Oggi a Palermo ho inaugurato il mio abbonamento al car sharing e faccio il mio bravo rapporto. Che dire? Tutto sommato tutto bene, a parte un chewing gum appiccicato sul cruscotto, uno scorcione al paraurti subito segnalato... ho scorazzato allegramente sulle corsie preferenziali come un Papa (o meglio come un consiglere comunale davanti cui il Papa si pò ghiri a' ammucciari), e soprattutto, sono rientrato alla base ed ho trovato il parcheggio libero, cosa che in verità paventavo di più...

federico | 16/03/2009 ore 13:17:11

 

@Daniela, approfitto del pubblico dominio per chiederti a che punto siamo con gli appuntamenti parascolastici

Giuseppe | 16/03/2009 ore 12:12:22

 

Lello, nell'attesa che il tuo post venga inviato da Roberto ai vertici del centro sinistra, io lo salvo nella sezione Chi legge, chi scrive, così è anche più facile recuperarlo.
Vorrei segnalare una notizia che ho letto su Repubblica...non per l'Hot Water Discovery Award, ma perché mi sembra un segnale - anche questo - di un puzzolentissimo mare di m**** che ci sommergerà tutti.
Da domani X Factor e Amici andranno in onda nella stessa serata. Programmi di grande successo, con target simili si dice, ma in realtà diversissimi (ad Amici, se anche il talento c'è, viene sommerso dalle urla di tutti che si aggaddano con tutti, a X Factor c'è vero telento e solo qualche scenetta per animare la serata, nonostante la nefasta presenza della Ventura). Pare che la De Filippi, dopo aver partecipato a Sanremo, voglia aprire un collegamento tra le due trasmissioni, in diretta. Ora voi direte: ma con tante cose serie, proprio a questo devi pensare? Eppure...eppure a me questo sembra un altro segnale del fatto che stiamo andando verso il nulla indistinto, verso le reti unificate, verso un magma che non differenzia niente e inquina tutto.

Daniela | 16/03/2009 ore 11:50:36

 

Esatto, sono compatti proprio come quel fiume di m. da poco citato da Roberto.
A sinistra invece ci sono i singoli stronzi che galleggiano e soccombono sopra quel fiume.

Lello | 16/03/2009 ore 10:48:04

 

@Lello: appunto. Loro compatti e noi no, a vita. Ma, si sa, noi siamo meglio di loro, sulla carta.

lìaritmetica siamo noi | 16/03/2009 ore 10:43:41

 

Non sono litigi, sono opinioni personali, condivisibili o meno.
E poi ricordo che anche a destra litigano, solo che podo dopo fanno pace e fanno finta di niente.

Lello | 16/03/2009 ore 10:20:23

 

E' perfetto: stiamo litigando. No, Fara, non dire che non è così: stiamo litigando. In punta di penna, sottilmente, intellettualmente, come si conviene a sinistra. Fara: non tu contro di me o viceversa. Lello vs Fara vs Me vs Robero vs Versus: purché si litighi, ma con intelligenza. Quella che piace tanto al premier. Non siamo utili idioti. Siamo intelligenti ma inutili.

l'aritemetica siamo noi | 16/03/2009 ore 09:57:45

 

Lello, non mi pare che io inviti a non esprimere opinioni, anzi...sono io per prima ad esprimere la mia

fara | 16/03/2009 ore 09:49:37

 

@Fara. Se smettiamo pure di esprimere opinioni solo perchè abbiamo paura di rafforzare il sig.b, allora smettiamola pure di vivere in Italia.
La sinistra è allo sbando sia quando è al potere, sia quando non lo è.

Lello | 16/03/2009 ore 09:44:29

 

@Fara: post ineccepibile il tuo. Anch'io credo che il fascista medio italiota sia uno che digerisce tutto. Siamo noi, sinistrorsi, molto schifiltosi, con la puzza al naso, che non abbiamo un buon metabolismo. Temo non ci cia nei pressi un buon gatroenterologo in grado di curarci.

l'aritmetica siamo noi | 16/03/2009 ore 09:15:44

 

@Lello
Beppe Grillo ha messo insieme un discorsetto di quelli che piacciono molto ai siciliani. Un discorsetto alla Goethe, con la Sicilia vista come ombelico del mondo da una frase estrapolata dalla intera descrizione del viaggio che proprio positiva non è. In fondo buona parte del resoconto della visita a Palermo si incentra sulla visita fatta alla famiglia di Cagliostro.

Ma non è questo quello che volevo dire. Volevo dire che l'intera campagna elettorale di Grillo come quella di Travaglio e altri sono riuscite alla fine a togliere voti solo al centro sinistra e hanno rafforzato Berlusconi.
Perché l'elettore di centro sinistra propva disgusto, l'elettore berlusconiano no.

fara | 16/03/2009 ore 09:00:31

 

Caro Lello, mi verrebbe voglia di copiare il tuo post e mandarlo ai vertici del centrosinistra, che immaginano di poter vincere, prima o poi, lasciando la Sicilia alla deriva.

roberto alajmo | 16/03/2009 ore 08:27:21

 

Leggete, leggete, leggete...

La Sicilia è la regione italiana più povera. Ha la disoccupazione più alta. La Sicilia è il nostro Far West Oscuro. In Sicilia ci sono i fichi d'india, i cannoli e i morti ammazzati. Gli eroi italiani sono spesso siciliani. I mafiosi non sempre sono siciliani. L'elenco degli eroi siciliani del dopoguerra è sterminato. Una mattanza. Mi domando talvolta se Borsellino (siciliano) e Falcone (sicilano) sarebbero ancora vivi se la Sicilia fosse una nazione indipendente. Il tritolo per Borsellino arrivò dal continente. Gli spostamenti di Falcone furono tracciati da Roma. La Sicilia in povertà, soggetta alla criminalità, è un serbatoio di elettori. Chi controlla il pacchetto di voti controlla la politica nazionale. E' successo con Andreotti e il suo referente Lima. Più tardi vi furono 61 seggi su 61 assegnati a Forza Italia. Una percentuale imbarazzante persino per Ceaucescu. La Sicilia è il banco del Parlamento italiano. Una strana condizione. Gli equilibri della politica nazionale sono influenzati dalla regione ultima per reddito pro capite. Il valore del siciliano è nell'urna. La Sicilia ha più abitanti di Irlanda e Norvegia. Mussolini inviò il prefetto Mori in Sicilia. La trattò come una colonia. Qualche risultato lo ottenne, ma si fermò di fronte ai notabili. Stabilì con loro un patto di non belligeranza. La seconda guerra mondiale in Sicilia la vinsero in due: gli Stati Uniti e la mafia americana. L'esercito alleato fece una passeggiata in Sicilia. Una gita in confronto alla resistenza che incontrò dopo. Qualcuno gli consegno le chiavi dell'isola ed ebbe molto in cambio. Ammistrazioni locali, posti in Parlamento. La Sicilia ha avuto l'intelligenza di Majorana e la profondità di Pirandello, la ferocia di Riina e la gestione del potere di Provenzano. La Sicilia è eterna. E' crudele. E' indefinibile. E' ovunque ci sia un siciliano. Per chi vi è nato Palermo è il centro del mondo. La Sicilia ha tutto. Sole, mare, paesaggi, arte, storia, agricoltura. La Sicilia non ha niente. Inceneritori, emigrazione, criminalità. E' una chimera nata con l'Unità d'Italia. Una Nazione? Stato? Regione? in crisi di identità o, forse, con identità multiple. In Sicilia si dice ancora cattivo come un piemontese. I libri di Storia raccontano la favola di mille camicie rosse che liberano un'isola di milioni di persone. Quell'isola è in catene. E' autonoma, ma senza autonomia. Ricca, ma povera. Ha il maggior numero di patrimoni dell'umanità dell'UNESCO in Italia. Catania e Palermo sono sommerse dai debiti. L'Italia non ha fatto bene alla Sicilia. Forse, da sola, la Sicilia può risorgere. Con l'Italia, questa Italia, può solo affondare. U pisci feti da testa. E la testa è a Roma.

Lello | 16/03/2009 ore 08:08:55

 

Mi viene il sospetto che il "piano casa" berlusconiano abbia un secondo fine: poter costruire ad Arcore una Sala della Pallacorda dove poter effettuare in pompa magna e a reti unificate, Vespa officiante, un Contro- Giuramento

fara | 15/03/2009 ore 23:33:42

 

Tanto per chiudere la giornata in bellezza leggo che sul piano casa il premier dichiara "ho il provvedimento ormai pronto, ne parlero' con il capo dello Stato martedi' o mercoledi' e venerdi' pensiamo di portarlo in Consiglio dei Ministri".

Mi punge vaghezza di allargare il mio appartamento in condominio con una bella stanza pensile sul tipo delle "ritirate" esterne che ornavano le facciate delle case fino ai primi anni del secolo scorso.

Altro provvedimento urgentissimo per arginare la crisi sarà l'istituzione del ministero del Turismo.
A quanto pare la signora Brambilla (attuale sottosegretario al ministero del Turismo ndr) ne sente la necessità. Forse pensa di attirare i turisti mostrando le giarrettiere di pizzo.

Per finire ritorna ad insistere sul voto ai soli capigruppo. Quando c'è urgenza non si può perdere tempo appresso ai capricci dei parlamentaari. Ed ha pure ragione. In fondo questi non sono stati "democraticamente eletti" come lui, ma nominati personalmente da lui e da Veltroni.

Sogni d'oro

fara | 15/03/2009 ore 23:15:48

 

Sabah vota:
Attrazione gay: a rischio l’anatra blu. (Repubblica)
mà che cosa!!!!anzi ma cose!!!!

Sabah | 15/03/2009 ore 22:18:28

 

La mezzanotte è vicina e non ho ancora deciso come votare. Ma credo che il premio "acquacalda" possa andare solo al sindaco di Lucca, le altre notizie sono di diverso stampo.

Torno adesso a rivestire i miei usuali panni di "indomito": giovedì mattina alle 11 alla foce del Fiume Oreto incontro con la stampa per la presentazione della petizione degli studenti per l'istituzione del Parco dell'Oreto, nel contesto del progetto Io sono il fiume Oreto dell'Umanità promosso dalla Fondazione Antonio Presti Fiumara d'Arte (manderò in giro un po' di mail, continuate a diffondere, grazie). Sabato sera al Montevergini (atelier) altra iniziativa legata al tema "fluviale": lo sbarco dei poeti (il 21 marzo è la giornata mondiale della poesia), sempre mail in arrivo.
E infine l'area Quaroni, dove purtroppo ho già visto ruspe e camion. La consigliera comunale Nadia Spallitta ha avviato una raccolta di firme per cercare di intervenire: trovate notizie anche su www.nadiaspallitta.it

Giuseppe | 15/03/2009 ore 21:51:42 | @

 

Voto la Parietti. Augurandole che Mourinho la noti e se la porti in trasferta appena possibile e lì la lasci.

Daniela | 15/03/2009 ore 21:14:46

 

la Porcagna. Se non altro per campanilismo. Stamattina ho visto carabinieri strapparsi i capelli "allora è vero che siamo carabinieri. Pure lei vuole essere dei nostri". A Salerno, sua città natale, il candidato presidente alla Provincia è un AN ex carabiniere e membro dei servizi segreti. Altro che chiacchiere. La "pivella" sa come cercare voti.

sconfortato | 15/03/2009 ore 16:01:47

 

Anch'io, dopo questa dichiarazione, sto a posto fino a Natale quando, come tutti gli anni, aspetterò con ansia l'uscita del cinepanettone, grazie De Laurentis, grazie Belen, grazie di esistere!

marina | 15/03/2009 ore 13:30:37

 

Invece di lamentarvi, segnalatemele, queste perle...
Effettivamente anche Cammarata e l'asse Palermo-Berlino erano da podio. Ma Tokio vogliamo lasciarla fuori dall'asse?

roberto alajmo | 15/03/2009 ore 13:25:30

 

questa settimana voto la carfagna. se non altro lo merita. :-)

Ale S. | 15/03/2009 ore 12:40:55

 

L'elevato uso del viagra al nord spiega il "celodurismo" della lega. Finto come i capelli del premier

fara | 15/03/2009 ore 12:34:31

 

Prodi che si fa la tessera.
saluti

m.ang | 15/03/2009 ore 11:43:32

 

Prodi che si fa la tessera.
saluti

m.ang | 15/03/2009 ore 11:34:45

 

Guardate che l'attenzione di mr. B. verso la scienza non è casuale, è che la notizia è parziale: si riferisce a una particolare branca, la tricologia, e il suo è un atto di gratitudine. Cmq voto Parietti, anche solo per solidarietà indiretta a Roberto.

dario | 15/03/2009 ore 11:15:02

 

mi dispiace ma nessuna è all'altezza di quella di cammarata alla raitv: "Il ponte sullo stretto è un'opera indispensabile per completare l'asse Palermo-Berlino"... dovendosi accontentare direi Carfagna...

federico | 15/03/2009 ore 11:11:20

 

Che peccato, RA! proprio di oggi due straordinarie notizie: Berlusconi che risponde alla Marcegaglia sulla crisi: Abbiamo dato soldi verissimi, o il deputato leghista che denuncia l'uso del Viagra elevatissimo soprattutto al nord: colpa delle troppe tasse e del troppo lavoro.

Comunque voto l'ottimo Di Pietro che a proposito dell'uso delle parole molto dibattuto ultimamente in questo forum, si lascia scappare un parallelismo, una similitudine, un'immagine, una metafora. Ah, no, intendevo una cazzata. Buona domenica a tutti dall'Arno (non proprio dentro, eh).

Infatti la parola è POTABILE. Non.

Gianluca | 15/03/2009 ore 10:52:49

 

Armando, il nostro governatore già ha rivoluzionato la scienza e la letteratura: il popolo di Striscia, il popolo di Fede, il popolo di Liguori e il popolo di RAIset sa, ad esempio, che una donna in coma vegetativo irreversibile da 17 anni è in grado di procreare e sa che Califano è un "maestro".

fara | 15/03/2009 ore 10:15:24

 

Un voto per l'amareggiato sindaco di Lucca.

gigliola | 15/03/2009 ore 09:21:54 | @

 

In effetti, Armando, il tesseramento di Prodi si prestava. Potremmo dargli un premio speciale, alla carriera.

roberto alajmo | 15/03/2009 ore 07:56:32

 

voto comunque berlusconi.....ci mancava solo che inquinasse pure la scienza!!!!!

armando | 15/03/2009 ore 07:13:26 | @

 

certo..... è una settimana piatta come ciò che viene tenuto in mano nella tua foto.....e questo non promette niente di buono.....io comunque avrei aggiunto Prodi che rinnova la tessera del PD....unico spunto da usare per promuovere il tesseramento!!!!!

armando | 15/03/2009 ore 07:11:17 | @

 

Non sei in ritardo, Fara: si intende la mezzanotte di oggi, domenica.

roberto alajmo | 15/03/2009 ore 06:43:34

 

anche se in ritardo, voto per il sindaco di Lucca

fara | 15/03/2009 ore 02:48:52

 

Ma se certi post sul mio forum non li capisco io stesso, secondo voi è grave?

roberto alajmo | 14/03/2009 ore 23:40:09

 

UN CENNO DI LUCE.

luce | 14/03/2009 ore 23:20:23

 

Vergogna, vergogna, vergogna..
Ma di cosa hanno paura i palermitani? Vergognatevi !!!!
Ho atteso una intera giornata per complimentarmi, nel blog, con le forze dell' ordine, per la brillante operazione di polizia, culminata nell' arresto del mafioso Lo Nigro, cui auguro con tutto il cuore, di marcire nelle patrie galere.
Ancora una volta rimango delusa dei miei concittadini che, invece di esporsi pubblicamente con i dovuti apprezzamenti per i Carabinieri, tacciono vigliaccamente, come se la cosa non li riguardasse personalmente.
Vergognatevi... se avete ancora un minimo di dignità.

eufrasia58 | 14/03/2009 ore 19:40:33 | @

 

"Ma, signor Ministro, c'è l'utonomia, l'autonomia della Banca centrale e di tutto il sistema. Sa, sono secoli di studi e di esperienze, in democrazia ci sono i pesi e i contrappesi, Lei non crede?". "Macché, l'autorità dello Stato....". "Sì, l'autorità, la legalità... mi scusi, la Banca d'Italia non è Stato? Non è un organo dello Stato dotato di prerogative esclusive e di personale di indiscusso valore e fedeltà?". "Caro signore, qui c'è una crisi mondiale, occorre agire con tempestività e nel rispetto della legalità, cioé, guardiamoci negli occhi, gli ordini vanno eseguiti e subito". "Ho capito, la preminenza del governo è un dogma. La Banca d'Italia è un intralcio. Molti maligni dicono che anche il Parlamento sarebbe un ostacolo per la rapida esecuzioni delle decisioni del governo. Non parliamo, poi, della magistratura.....che pretende di essere indipendente e di non guardare in faccia nessuno". "Non generalizziamo, io tiro per la mia strada, sono arcisicuro di essere nel giusto".


ntoni | 14/03/2009 ore 18:34:00

 

Giancarlo: non una parola uscirà dalla mia bocca a proposito del tgr regionale.

roberto alajmo | 14/03/2009 ore 16:00:23

 

Tradito dal suo carattere! Tremontino preso dalla tramontana! Draghi? Ma che ci sta a fare, che vuole! Dopo "La paura e la speranza" che lo aveva proiettato nella stratosfera dei grandi dell'economia e della politica e dopo le formidabili strategie messe in atto da ministro, il nostro navigava nei cieli dei sapienti del Pianeta. Inopinatamente quel demonietto che si chiama inconscio o psiche, chi lo sa?, fa le bizze e gli fa prendere di petto, nientedimeno che quella impettita e sentenziosa statua del Governatore di turno. I miei prefetti vanno dappertutto! Essi sono il governo, avete capito?, il governo, cioé sono io!

ntoni | 14/03/2009 ore 14:03:21

 

Michelino, Michelino, come sei birichino!

ntoni | 14/03/2009 ore 13:01:19

 

non c'entra niente lo so, ma sto leggendo la satira preventiva di Michele Serra sull'Espresso. C'è un capitoletto sul Ponte sullo stretto che merita di essere diffuso anche tra chi non legge l'Espresso

Riporto:
Ponte sullo stretto.
Ospiterà anche una pista ciclabile, un tram a cavalli, un percorso-vita per i pedoni e un autogrill con specialità di pesce. Sul modello di ponte vecchio a Firenze, sono previste aree commerciali con botteghe di lusso e vie di fuga per gli abusivi inseguiti dai commercianti.
A causa del pittoresco affollamento di turisti e di curiosi, le automobili potranno evitare di ingorgarsi sul ponte ricorrendo al pratico sistema di traghetti già in uso.

fara | 14/03/2009 ore 11:42:51

 

La matematica forse sarà un'opinione, ma i numeri servono, servono, servono. Un Benigni non fa primavera e neanche due.
Senza i numeri si fanno discussioni (non dibattiti televisivi) oziosi: interessantissimi e inutili.

l'aritmetica siamo noi | 14/03/2009 ore 09:11:58

 

@FARA:
Non confondiamo le cose.
E' vero che in questi ultimi anni Benigni è stato spesso criticato per essersi fissato con la lettura della Divina Commedia (risultando a volte noioso) , ma affermare che sa fare solo quello non è oggettivamente giusto.
Avercene di Benigni...

Lello | 14/03/2009 ore 09:02:49

 

sono molto stupido.giorni or sono ero esterrefatto dalla totale assenza di notizie sulle vicende di palazzo delle aquile sul tg3 regione.avevo sbagliato .che stupido.ma su che canale è il tg3 comunale?

giancarlo migliore | 14/03/2009 ore 08:02:46 | @

 

se permettete io......mi do alla musica e alla lettura.....quando qualcuno mi dice, convincendomi, di poter fare qualcosa per.......allora.......e per cortesia lasciatemi in pace!.....ho un'età e il dottore mi ha detto.......

armando | 14/03/2009 ore 07:17:23 | @

 

e Sbarbi.."in ta sta varca sfunnata",disse a Benigni, tu !!che hai preso 6milioni di euro per recitare in 4 serate la Divina Commedia.!.sei ricco.!.molto ricco.!.e allora aiuta L Unità.!..tu che puoi.....................

Nicoletta | 14/03/2009 ore 01:02:55 | @

 

seguito amarcord beppe grillo

...e a palermo il sindaco salvo lima e l'assessore ciancimino davano spazio ad abilissimi mastri operaia per sostituire le tantissime ville liberty, antiquati retaggi di un'epoca lasciva, di cui la città era infestata, con meravigliosi condomìni dotati di tutti i comforts costruiti in economia con molta sabbia e poco cemento; la mafia non esisteva, la città era piena di gioia (nel senso dei numerosi componenti di una nota famiglia), la polizia sparava in piazza uccidendo qualche operaio facinoroso e anche qualche massaia che chiudeva le imposte, ma la legge e l'ordine regnavano sovrani...

federico | 13/03/2009 ore 21:55:17

 

Non c'è da meravigliarsi del golf viola di Matteo Renzi: a Firenze il viola non porta male, anzi è il colore del cuore, vedi Fiorentina.

ntoni | 13/03/2009 ore 15:45:10

 

@ aritmetica

ti sbagli se ti riferisci al forum. Noi non litighiamo. Discutiamo e non dibattiamo.
Non è una dimensione televisiva la nostra.

fara | 13/03/2009 ore 15:41:19

 

@Roberto, fai bene a non fidarti. Almeno ti risparmi un'ulteriore ansia, quella della mancanza di un'auto al momento del bisogno. Però mi meraviglio: oggi tutto s'appalta e questo servizio a Palermo no. Strano....

ntoni | 13/03/2009 ore 15:31:49

 

Siamo inguaribili. Litigheremmo anche sul nulla. Anzi, lo facciamo già.

l'aritmetica siamo noi | 13/03/2009 ore 15:18:25

 

@lello
Vuoi dire che se io leggo 13.000 volte il canto V dell'inferno dantesco con molta passione e vengo applaudita divento una intellettuale?

fara | 13/03/2009 ore 15:10:05

 

Roberto, con il tuo permesso ho riportato questa splendida lettera di Beppe Grillo che ho letto sul suo blog.

"Caro ragazzo, cara ragazza del 2009,
sono un ex ragazzo degli anni ’60, mi chiamo Beppe Grillo, ho sessant’anni. Faccio parte della generazione che ti ha fottuto. Il tuo futuro è senza pensione, senza TFR, senza lavoro. Il tuo presente è nelle mani di vecchi incartapecoriti, imbellettati, finti giovani. Quando ero bambino l’aria e l’acqua erano pulite, il traffico era limitato, la mia famiglia non faceva debiti e tornavo a scuola da solo a piedi. Non c’erano scorte padane e neppure criminali stranieri in libertà. I condannati per mafia non diventavano senatori.
Le stragi di Stato non erano iniziate, Piazza Fontana a Milano era solo un posto in cui passavano i tram. Le imprese erano gestite da imprenditori. E’ strano dirlo ora, ma c’erano persone che investivano il loro denaro per sviluppare le aziende. E manager che vedevano lontano. Enrico Mattei dell’ENI, ucciso in un attentato, Adriano Olivetti, Mondadori, Ferrari, Borghi e cento altri che non ricordo. Intorno alle città c’erano i prati e non i cimiteri di cemento che chiamano unità residenziali. La bottiglia di latte la riportavo al lattaio e non costruivano inceneritori. La televisione era un servizio pubblico in cui lavoravano anche veri giornalisti come Enzo Biagi, e con solo un quarto d’ora di pubblicità al giorno. Quando si parlava si usava il tempo futuro. Il presente e soprattutto il passato erano verbi di complemento. I giardini pubblici erano puliti e sui marciapiedi si camminava senza doversi destreggiare tra le macchine parcheggiate. Le persone erano più gentili, spesso sorridevano. Sul Corriere della Sera scrivevano Montanelli, Buzzati e Pasolini.
I genitori sapevano che i loro figli avrebbero avuto un futuro migliore. Solo dal punto di vista economico, ma questo non potevano prevederlo. I fiumi erano puliti e si poteva fare il bagno nel fine settimana che non si chiamava ancora week end. L’unico problema era rappresentato dagli imprendibili tafani. Le spiagge erano libere e il mare quasi sempre verde azzurro. La P2 era una variabile al quadrato e non ancora l’antistato progettato da Cefis. Gelli non aveva arruolato il novizio Berlusconi con la tessera 1816. L’Italia era una e indivisibile e Bossi studiava alla scuola per corrispondenza Radio Elettra. Si lavorava duro, ma si poteva risparmiare e la pensione era un approdo sicuro. Era un piccolo Eden, ora perduto. Non sapevamo di averlo. Molti lo disprezzavano. Negli ultimi sessant’anni abbiamo avuto uno sviluppo senza progresso. E ora non ci resta neppure lo sviluppo.
Le generazioni che ti hanno preceduto meriterebbero un processo da parte tua, caro ragazzo e cara ragazza. Sono colpevoli di averti rubato il futuro. Loro vivono nel presente con la seconda casa, le pensioni senza base contributiva. Loro ti governano. L’Italia ha la coppia di cariche dello Stato Presidente/Primo ministro più vecchia del mondo. Loro usano la Polizia contro gli studenti e i precari. Loro hanno ucciso la democrazia e le aziende come Tronchetti e Geronzi, i brizzolati di successo.
Caro ragazzo e cara ragazza, non potete più stare a guardare, la vita vi scivola tra le mani. Voi, invece di lasciarla scivolare, trattenetela. Io non sono in grado di dare lezioni a nessuno. Ho fatto troppi sbagli e sono troppo vecchio (anche se non dimostro i miei anni, belin). Ma ho vissuto un tempo più bello, più vero, più colorato, più umano. E so che è possibile anche per voi.

Lello | 13/03/2009 ore 14:53:39

 

@Fara. Mi riferivo a gente come Benigni, noto impiegato della pro loco e di una agenzia di viaggio...

Lello | 13/03/2009 ore 14:50:53

 

@Lello
Firenze una città di intellettuali? Strano, ho sempre creduto che fosse una città per turisti, governata da agenzie di viaggi e da pro loco.

fara | 13/03/2009 ore 14:44:15

 

@Dario: è vero, il maglioncino viola di Renzi era un pugno nell' occhio ( così come quel suo orribile ciuffo alla little Tony )ma mi è comunque sembrata una ventata di aria fresca, nuova. Di contro, in studio c'era anche Bassolino che invece mi dava l' idea della vecchia, sporca e corrotta politica.
@aritmetica: Non credo che Galli vincerà a redini basse.
Firenze è una città di intellettuali i quali non salteranno dalla gioa al pensiero di essere rappresentati da un ex portiere di calcio.

lello | 13/03/2009 ore 14:31:35

 

@Giuseppe
Ti riferisci alla pianta dei cabbasisi per caso? Una pianta deliziosa che mi hanno regalato tanti anni fa a Favignana. Fa dei frutti bilobati e pelosetti molto carini. Immangiabili però

fara | 13/03/2009 ore 13:55:37

 

@aritmetica
Non credo che possa aver successo far capire alla gente che berlusconi è fascista.
L’Italia è quel paese che ha voluto "quel" Mussolini che convinse gli industriali e gli agrari padani che occorreva il ritorno alla legge e all’ordine. Order & Law.
La marcia su Roma Mussolini la fece in vagone-letto. Berlusconi & Bossi l’hanno fatta in aereo presidenziale.

All’italiano, del fascismo, piacevano l’autoritarismo, il decisionismo, il «me ne frego», il machismo. Le stesse cose che oggi propone Berlusconi.
Aveva ragione Herbert Matthews, un famoso giornalista, a sostenere, già nel ’45 all’indomani della “Liberazione”, che il fascismo non era morto, ma che avrebbe continuato a vivere dentro gli Italiani nel modo di pensare e d’agire.
L’ideologia fascista non è mai morta e infatti Berlusconi, che ha molto di Mussolini nel tratto e nei comportamenti, è sopravissuto al suo “amico George”, di cui ha pure puntualmente condiviso scelte e decisioni.

fara | 13/03/2009 ore 13:51:18

 

Galli o chiunque altro vincerà perchè contro di loro non c'è una alternativa credibile.

dario | 13/03/2009 ore 13:32:22

 

Non c'è problema, vince Galli o chi per lui. Siamo inguaribili.

l'aritmetica siamo noi | 13/03/2009 ore 13:25:25

 

ragazzi, ma come si fa a votare uno che va in tv con un maglioncino viola metallizzato ?
A parte gli scherzi, Renzi continua a non convincermi (sulla bioetica per esempio è molto vago e nasconde una vena rutelliana).
Insomma per me l'anagrafe non è il problema nè la soluzione.

dario | 13/03/2009 ore 13:22:27

 

Inutile dibattere se è bene o male il giovane Renzi: tanto vince Galli, l'ex portiere viola e rossonero. Lo vuole il premier fascista.

l'aritmetica siamo noi | 13/03/2009 ore 13:14:58

 

tutto avrei potuto immaginare nella mia tormentata gioventù, ma mai e poi mai che gianfranco fini sarebbe diventato un giorno il mio politico di riferimento...

federico | 13/03/2009 ore 13:04:45

 

Se tutti i blog democratici che hanno a cuore le sorti di questo paese irrimediabilmente disastrato dicessero in coro, tutti e contemporaneamente, che il premier è FASCISTA, a poco a poco anche i più ottusi comincerebbero a capire. Dillo oggi, dillo domani, dillo per tre mesi di fila: il premier si incazza e perde le staffe. E' fascista, è fascista, è fascista...

l'aritmetica siamo noi | 13/03/2009 ore 12:57:59

 

Il caso Renzi, Lello, è il fenomeno politico più illuminante dell'ultimo periodo.
Rivela che il problema del Pd è post o pre politico: è anagrafico.

roberto alajmo | 13/03/2009 ore 12:48:44

 

La puntata di Annozero di ieri sera ha confermato quello che sostengo da anni: i partiti sono morti.
Infatti, il candidato sindaco di Firenze, tale Renzi, è il serio favorito alle elezioni ( il suo rivale è l' ex portiere del Milan, Galli ... ) non perchè sia del Pd ( partito sfigato nel suo essere ) ma perchè piace alle gente come uomo politico.
Magari Renzi sarà il classico " fuoco di paglia ", ma è sempre meglio delle ceneri spente del PD.

Lello | 13/03/2009 ore 12:43:18

 

Federico, ti nomino corrispondente dal servizio di car sharing. Tienimi aggiornato: mi interessa.

roberto alajmo | 13/03/2009 ore 11:36:38

 

I numeri contano, eccome se contano! Qui, trenta e due ventotto.

l'aritmetica siamo noi | 13/03/2009 ore 11:09:38

 

al servizio di car sharing io per sì e per no mi abbonai e la prossima settimana lo proverò (per 50 euro si può anche fare), poi si vedrà... almeno avrò l'illusione di vivere in una città "normale"...
sul fatto dei numeri non mi trovi d'accordo, i numeri contano eccome, io aspetto ancora che ci si ritrovi almeno in quel famoso manipolo di "mille" che sono sempre stati la speranza di questa città...

federico | 13/03/2009 ore 11:00:41

 

Evvabbè, hai pure il parcheggio del car sharing sotto casa? e allora ditelo; ma bisogna avere il visto sul passaporto per venirti a trovare?

marina | 13/03/2009 ore 10:58:33

 

Benvenuta Eufrasia, benvenuta anche Aritmetica.
Per quanto riguarda lo stato del sistema Italia, sappiate che in questo forum i lettori e gli scrittori da qualche mese indossano uno scolapasta di metallo a mo' di elmetto.
Per quanto invece riguarda l'ammiccamento nei confronti del signor B, mi chiedo spesso: ma se lo incontrassi, gli stringerei la mano? E voi, che fareste?

roberto alajmo | 13/03/2009 ore 10:27:19

 

Un cronista spagnolo ha raccontato ai suoi lettori che siamo un paese in letargo. Quasi in coma. Non riversi sul talamo ma sul letame.

l'aritmetica siamo noi | 13/03/2009 ore 10:22:14

 

Il Riformista, quel giornaletto letto da tre o quattro nullafacenti, ha premiato come uomo dell'anno il premier. Il quale tra battute grevi e minchiate orbe ha scrutato una ragazza col cannocchiale ricevuto come trofeo dal direttore del giornalino di quartiere. La notizia è riportata dal principale quotidiano italiano. Siamo nella merda, irreversibilmente.

l'aritmetica siamo noi | 13/03/2009 ore 10:16:18

 

Le iniziali G.C. appartengono ad uno dei 2 assessori della giunta Cammarata ( l'altro è M.T.) che ho definito fannulloni e nullafacenti, in quanto prima di essere assessori tali erano, perchè hanno campato sempre con la politica. Povera Palermo in che mani siamo finiti. A presto

Eufrasia | 13/03/2009 ore 10:11:20

 

Quando si dice Freud: articolo di Francesco Bei a pagina 10 di Repubblica di oggi "Dal Cavaliere a Riccardo Muti gran raduno di vip a casa Vespa". "Arriva anche la deputata forzista Laura Ravetto, trentenne d'assolto della squadra berlusconiana"

Giuseppe | 13/03/2009 ore 09:01:44

 

@fara, credo che la C del cognome dell'assessore indichi un'altra spezia oltre quelle da te citate.

Giuseppe | 13/03/2009 ore 08:04:33

 

Federico, coraggio: non sono i numeri che contano, in questo momento. Almeno spero.

roberto alajmo | 13/03/2009 ore 01:15:05

 

torno adesso dall'assemblea cittadina a palazzo delle aquile sulla situazione dell'amia... doveroso partecipare dicevi, ma eravamo davvero in pochi (un centinaio), eppure lì mi si diceva che non si era mai vista tanta gente al consiglio comunale di palermo... se qualcuno volesse sapere dove nasce il male oscuro di questa città, qui la risposta....

federico | 12/03/2009 ore 20:29:02

 

Calma assessore D.V. non c'è bisogno di dissociarti, Roberto ha letto male. Non si tratta di assessore alla "cultura" ma alla "coltura". Di basilico, prezzemolo, mentuccia...per fare l'ammogghio.

fara | 12/03/2009 ore 18:07:13

 

Mi dissocio nella maniera più assoluta da questo mio presunto collega.
L'assessore alla cultura di questo forum.

D.V. | 12/03/2009 ore 17:46:36

 

G.C.? non lo so, compro una vocale

macs | 12/03/2009 ore 15:52:36 | @

 

La verità, Antonio, è che i mascalzoni non sono più quelli di una volta...

roberto alajmo | 12/03/2009 ore 13:15:02

 

Nixon/Frost mi sembra un buon film. Costruito all'americana, da grandi professionisti, con la ricerca a tutti i costi del thrilling. Sequenze un po' troppo veloci e affastellate per i gusti italiani. La prima parte della sceneggiatura mi è parsa tirata via, anche se funzionale alla preparazione del finale con botto (un po' stonato perché già strombazzato ai quattro venti dalla pubblicità). Frank Langella (non somigliante a Nixon) se l'è cavata abbastanza, inferiore Michael Sheen.
Concordo in pieno con ciò che ha scritto Roberto, con la finezza di sempre. Aggiungo che la distrazione del pubblico americano nei confronti di questo film ritengo derivi da quanto è successo con Bush, il quale ha propinato all'America una bugia ben più grande e soprattutto devastante (conseguenze: una guerra inutile, oltre 100.000 morti iracheni, 4.500 americani, economia americana al disastro, il più rovinoso della storia). Almeno Nixon, cinico e ambizioso quanto volete, era un politico, Bush cos'è stato?

ntoni | 12/03/2009 ore 12:35:51

 

Davide è un talento, un amico e un lettore di questo forum.
Ne approfitto per dire che il 17 aprile a Palermo presentiamo assieme proprio "I capitoli dell'infanzia" pubblicato da Fandango.

roberto alajmo | 12/03/2009 ore 05:52:23

 

Stasera sono stato in provincia di Arezzo a vedere Davide Enia nei capitoli dell'infanzia. Lo spettacolo mi è piaciuto, ma soprattutto sono stato molto contento che i cinque amici che ci ho portato e che non lo conoscevano hanno apprezzato pure loro Davide. C'era pure tra il pubblico il cantante della Bandabardò.

Gianluca | 12/03/2009 ore 00:53:32

 

Di fioretto e di spada i duellanti Frost e Nixon hanno caratterizzato un pagina importante della storia contemporanea. Nixon aveva affrontato Mao. Breznev, "provato" a dichiarare guerra alla Russia. Frost era abituato a "nani e ballerine". L'impari lotta ebbe come vincitrice la democrazia. Il film più che un duello sembra un incontro di pugliato, anzi viene narrato come un incontro di pugilato, è avvincente e convincente. Non ha avuto successo di pubblico. La risacca della partecipazione politica ha lasciato asciutti i botteghini. Peccato perchè merita di essere visto.

alfamag | 11/03/2009 ore 20:35:29

 

per correttezza di informazione mi sembra opportuno dire che il certificato penale di mister b. è oggi del tutto pulito... altra cosa, ovviamente, è dire che così non dovrebbe essere...

federico | 11/03/2009 ore 19:49:07

 

Se non ricordo male Nixon ha subito l' impeachement per avere mentito alla nazione. Figuriamoci da noi: il grado di interesse per la politica, da parte degli italiani e dei siciliani in particolare, è tanto inesistente da avere permesso a Berlusconi di diventare Presidente del Consiglio, malgrado il suo corposo certificato penale
(un vero e proprio dossier).

Gianfranco Tinervia | 11/03/2009 ore 19:36:12 | @

 

Qui invece, a Roma caput mundi, le strade provinciali, le uscite/entrate sul raccordo anulare ecc sono "piacevolmente adornate ai lati" da: calcinacci vari, vecchie cucine e vecchi frigoriferi, materassi in stati pietosi, serbatoi in eternit......
In città invece c'è un gioco molto in voga: mettere tutto in cassonetti sbagliati. E allora, carta e cartone dove ci andrebbe la plastica, la plastica nel cassonetto normale, l'immondizia normale nei contenitori per la carta.....

antonia | 11/03/2009 ore 18:51:06

 

Più che "inviato", "corrispondente". E quando dico "si riversano", intendo "traboccano e inondano e tracimano ed esondano e smerdazzano"

maramaus | 11/03/2009 ore 18:40:53

 

Dal nostro inviato di via Tripoli, Palermo city. Quantità di munnizza proveniente dall'utenza di via Tripoli (che sarebbe legittimata a conferire la propria netturbe nei pressi immediati) e da quella popolosissima di via Carini (che scambia via Tripoli per una comoda discarica a cielo aperto: si sono avvistati, di recente, due materassi strausati e macchiati di piscia e merda, un frigorifero anteguerra, un armadio non meglio identificato color fòrmica e alcuni assi di metallo arrugginito) si riversa copiosissima in due poveri ed esausti cassonetti che giacciono a due millimentri dall'ammezzato abitato da quattro studenti non palermitani. Chi querelo?

maramaus | 11/03/2009 ore 18:34:50

 

nixon e molto altro. oggi per esempio ce l'ho (faccio parte della schiera dei rompiscatole, purtroppo) con quello che qui chiamano "illegal dumping", ovvero scaricare illegalmente (come se si potesse anche scegliere di farlo legalmente... vabbè, rompiscatole, lo so...) la propria spazzatura dove capita, e preferibilmente davanti all'ingresso di casa di qualcuno (in questo caso la mia). qui - miami beach, florida, usa (!) - è normale e nessuno se ne indigna. insomma, credo che ci capiamo: anche palermo in questi giorni, e non solo in questi giorni, ha a che fare con "cose sporche" di questo tipo, mi sembra...

simona | 11/03/2009 ore 18:24:06 | @

 

Anche a me è piaciuto Fort/Nixon. C'era una cosa in quel film che per un italiano è inconcepibile. Un'"americanata" appunto: le scuse che Nixon ha avuto il coraggio di fare al popolo americano.
Ve lo immaginate uno qualsiasi dei nostri "governanti" che chiede scusa per le sue malefatte?

fara | 11/03/2009 ore 18:14:54

 

Bentrovata, Simona.
Se ti riferisci al penultimora su Nixon, è proprio quel che intendevo dire, credo.

roberto alajmo | 11/03/2009 ore 18:08:03

 

scusate, ma - al contrario - a me sembra che le "cose sporche" oggi, e non solo oggi, vengano fatte in maniera tanto evidente, e non strisciante, da essere considerate normali dai più (ai quali tra l'altro risulta anche comodo rifugiarsi nel "tanto fa tutto schifo, inutile opporsi, io non potrei farci niente"), mentre i pochi che ci si dannano sopra vengono presi per rompiscatole.

simona | 11/03/2009 ore 18:05:24 | @

 

Proprio così, Antonia. Capisco sempre di più imbarazzo di tua nonna.
Federico, l'appuntamento di domani mi pare di quelli doverosi.

roberto alajmo | 11/03/2009 ore 14:51:08

 

Roberto, la tua penultim'ora mi ha fatto ricordare quando, da bambina, mi facevo raccontare da mia nonna della guerra, degli amici ebrei che aveva nascosto e da un amico tedesco di mio nonno della notte dei cristalli, della germania nazista. E la mia domanda era sempre quella, alla fine. Perchè nessuno ha fatto niente? Perchè tutta la gente che non era d'accordo ha avuto così paura a mostrare il suo dissenso, a farsi sentire?
Certe volte ci penso ancora, in questo periodo: le "cose sporche" oggi vengono fatte in modo così strisciante, così subdolo che la maggioranza delle persone non se ne accorgerà nemmeno. Un giorno poi si sveglierà e niente sarà come prima. E sarà troppo tardi. E mio nipote (o mia nipote) mi farà la stessa domanda.
= Pessimismo storico

antonia | 11/03/2009 ore 14:39:43

 

domani 12 marzo alle ore 17 assemblea cittadina a palazzo delle aquile per parlare dei problemi dell'amia e della città di palermo, io per motivi di lavoro non potrò esserci, ma chiunque dovesse avere la possibilità ci vada, penso sia un modo per alleggerire la responsabilità...

federico | 11/03/2009 ore 14:11:36

 

Roberto, ma noi scriviamo battute perchè siamo ottimisti, tu non comprendi: "Stop ai catastrofismi (...) ne usciremo (...) questa crisi non è un dramma (...) non è il Medioevo (...) serve ottimismo".
Non è che puoi essere contento solo tu e tutto il cantone svizzero di via Pindaro, lascia sognare anche noi...Egoiste (comme le perfum)!!!

marina | 11/03/2009 ore 12:52:43

 

Danza – proviamo a mettere i piedi uno davanti e l’alto di dietro, in un superficie levigata. Si scivola piano piano, alla fine si ritrova giù, con il culo per terra. LA SPACCATA, nella danza è un movimento aggraziato, ma nella politica bè mà , sono fiera di non aver votato PD. il centro mi fa nausea.

Sabah Benziadi | 11/03/2009 ore 12:40:33

 

Allora sono quello sinistro.

maramaus | 11/03/2009 ore 12:26:26

 

...ragazzi, badate che vi segnalo Gino e Michele.

roberto alajmo | 11/03/2009 ore 11:52:16

 

@Gianni, al liceo girava la battuta: "Mio padre mi dice sempre che sono un coglione, ma si sbaglia: sono l'altro"

Giuseppe | 11/03/2009 ore 11:31:03

 

"Se i partiti non rappresentano più gli elettori, cambiamoli questi benedetti elettori".
Corrado Guzzanti

marina | 11/03/2009 ore 11:26:52

 

Si, e per di più chimicamente castrati

fara | 11/03/2009 ore 10:50:16

 

Capita anche a voi di sentirvi coglioni come me?

maramaus | 11/03/2009 ore 10:46:31

 

Almeno Francescini, beato lui, è indeciso se ridere o piangere

fara | 11/03/2009 ore 10:42:48

 

anche Franceschini ha dichiarato che non sa se ridere o piangere. Siamo messi bene.

marina | 11/03/2009 ore 10:40:37

 

Ti accontento Roberto con una ventata di ottimismo: le Borse sono in rialzo. Ne gode ovviamente non il precario o il dipendente ma chi oggi vende in borsa a molto dopo aver comprato ieri a quasi niente.

qualcuno un tempo cantava: Ma cos'è questa crisi, paparappappa !

fara | 11/03/2009 ore 10:40:32

 

altra notizia senza commento:

La prossima legge sulla caccia prevede, tra le altre amenità' , la possibilità di armare i sedicenni.

fara | 11/03/2009 ore 10:35:49

 

Non essere pessimista, Fara: questi sono lanciati a cento all'ora verso un muro, e presto si schianteranno.
Ooops... dimenticavo di essere anch'io a bordo.

roberto alajmo | 11/03/2009 ore 10:32:19

 

Fra i derisi Giuseppe: prima ci lasciano parlare, ci ascoltano, e poi ci ridono in faccia

fara | 11/03/2009 ore 10:25:47

 

Riporto senza commentare:
Il G8 della scienza si terrà nella villa PRIVATA di Berlusconi "Il Gernetto" (ex Somaglia), in Brianza.

fara | 11/03/2009 ore 10:23:32

 

Fara, mi colloco tra gli inascoltati e/o i derisi?

Giuseppe | 11/03/2009 ore 10:20:45

 

Sei ottimista, Roberto, a credere che i nostri figli ci chiederanno ragione della catastrofe. Essi sono partecipi della catastrofe e saranno abilissimi nello scaricare le proprie responsabilità.
Dopo la guerra i figli non chiesero ai loro padri perché avevano permesso il fascismo ma si affrettarono a giustificarlo e a colpevolizzare solo i tedeschi e i "comunisti", chissà poi perché questi ultimi! E nel '48, Giorgio Almirante, squadrista, fascista e repubblichino siedeva già al parlamento.

ps @ Armando
hai dimenticato che c'è anche "l'impotenza" di chi avrebbe voluto opporsi ma non ha potuto perché inascoltato e spesso deriso

fara | 11/03/2009 ore 10:11:51

 

Volevo scrivere un penultim'ora sul signor B. e il voto dei capigruppo. Poi ho ridotto la notizia all'osso ed è risultato che sapete già tutto, amici e lettori miei:
- Berlusconi dice cazzate.
- Fini fa la persona seria.
I due poliziotti. Un piccolo mattone delle difese immunitarie del paese smantellato.

roberto alajmo | 11/03/2009 ore 09:53:18

 

Non ho l'ascensore, purtroppo e per fortuna.

maramaus | 11/03/2009 ore 08:52:07

 

Giuseppe, di sicuro sei come me fra quelli che almeno una volta in ascensore hanno immaginato di precipitare, e di riuscire a salvarsi facendo un saltello un attimo prima dello schianto.
Be', a parte il problema tecnico di saltare al momento giusto: ho letto da qualche parte che comunque non funzionerebbe.

roberto alajmo | 11/03/2009 ore 08:27:48

 

@Roberto, c'è una canzone di Bennato simile al tuo paragone, con un pullman con i freni rotti il cui autista è l'unico che si salva saltando fuori prima del baratro.
Io ogni giorno, da venticinque anni, vado in ufficio, e ogni giorno, da venticinque anni, cerco di farlo con ogni possibile onestà e correttezza, e ogni giorno, da venticinque anni, torno a casa pensando invece di essere stato correo di chissà quanti altri.
E quasi ogni anno, da trent'anni, voto in ogni occasione democratica (elezioni politiche, amministrative, referendum consultivi e abrogativi, rappresentanze sindacali, consigli di classe e di istituto, riunioni di condominio ecc).
Dove ho sbagliato (domanda ironica e ci scappa da ridere..., direbbe Lucio Battisti)?

Giuseppe | 11/03/2009 ore 08:03:33

 

C'era una pubblicità per l'ambiente, qualche anno fa: una donna buttava via carte, lattine, vecchi pannolini: e tutto finiva nella culla del figlio neonato.
Bella, non so quanto efficace.

roberto alajmo | 11/03/2009 ore 08:03:25

 

Roberto, come la metti la metti, nessuno può scaricarsi del tutto della responsabilità di ciò che sta succedendo!....complicità?....interesse?....superficialità?....sottovalutazione?......inerzia?......ignavia?......fiducia mal riposta in chi avrebbe potuto e dovuto opporsi?.....ma?!...ciò che potremo raccontare ai nostri figli o nipoti è solo come saremo usciti da questa palude perchè avremo il pudore di tacere su come ci siamo entrati.....la Storia lo farà per noi!

armando | 11/03/2009 ore 07:37:44 | @

 

L'uomo è quello che abbiamo tristemente imparato a conoscere negli ultimi vent'anni. Chi gli ha dato credito come se possa essere un uomo politico normale, con i suoi pregi e i suoi difetti, ha sempre sbagliato. E non sono stati pochi, ahimé. L'unico pregio di Di Pietro è questo. Non è poco. Non è sufficiente.

Gianluca | 10/03/2009 ore 20:22:04

 

Vero è!

Daniela | 10/03/2009 ore 19:38:43

 

Danilù, lui si salva in ogni caso. Lui galleggia, anzi ci cammina sopra

fara | 10/03/2009 ore 19:24:34

 

Non per salvare lui...ma sono alta 1,62, facciamo che la risacca marrone si ferma un po' più in basso? Giusto per farmi tenere fuori la testa...

Daniela | 10/03/2009 ore 19:13:25

 

Leggo che il premier propone che a votare siano solo i Capigruppo. Al momento la proposta è rigettata. Ma la defenestrazione del Parlamento e l'istituzione di un conclave ministeriale si avvicinano a grandi passi.

ps
noi stiamo a guardare dalla "Terrazza", suggerisce la parolina magica

fara | 10/03/2009 ore 19:07:20

 

Non è che avevi fatto un volo anche tu?

ntoni | 10/03/2009 ore 16:16:40 | @

 

A proposito, Update igiene ambientale in via Pindaro: oggi nemmeno la raccolta ordinaria della spazzatura.
Mi ero abituato male...

roberto alajmo | 10/03/2009 ore 13:31:02

 

Sì ma proprio oggi li eviterei questi discorsi di m...., il nostro ospite si è appena abituato al profumo di Lysoform della via Pindaro e noi gli insozziamo il blog?!

mizz, la parola è "chitarra" : una persiguitata, ma questo lo capisco solo io!!

marina | 10/03/2009 ore 13:11:27

 

Bellissima immagine, Lello: la risacca marrone

roberto alajmo | 10/03/2009 ore 13:09:52

 

@Roberto.
Non dimenticare che per prenderci meglio per culo, si utilizzano parole in inglese ( vedi social card ecc. )
Detto questo, we are in THE SCHIT RIVER.

Lello | 10/03/2009 ore 13:09:23

 

E' proprio vero che la merda porta fortuna: il mio intervento ha suscitato una risposta!
GRAZIE MARINA...
P.S.
Io sono uno di quei tanti precari che " scade "di anno in anno. Vivo ( in senso mataforico )nelle sponde del fiume di merda e,a ogni scadenza del mio contratto, il fiume di merda si avvicina ai miei piedi sempre di più, per poi ritirarsi a rinnovo firmato.

Lello | 10/03/2009 ore 12:53:33

 

Purtroppo!

fara | 10/03/2009 ore 12:16:27

 

Il fiume di merda ci seppellirà è assodato. Ma gli stronzi e la merda di cui sono fatti continueranno a galleggiare. E' una legge fisica.

fara | 10/03/2009 ore 12:15:49

 

@Cetti: prova con le zeppe!

marina | 10/03/2009 ore 11:56:54

 

I si che si voglion godere l'annetto di benessere son quelli che quando arriverà il fiume di merda ssaranno già morti, e da bravi egoisti pensano a loro...
@Marina: mi separano 4 cm da mister 1,58...non voglio esser sommersa con lui !!!!!

Cetti Lipari | 10/03/2009 ore 11:29:48

 

Bravissima Marina. La nostra soddisfazione sarà quando la merda avrà superato l'1,58 per arrivare alla nostra altezza. Io conto su quei venti centimetri.

roberto alajmo | 10/03/2009 ore 10:58:29

 

@Lello: di buono c'è che chi è alto un metro e 58 dovrebbe essere sommerso prima.

marina | 10/03/2009 ore 09:54:21

 

Ieri una persona alta 1.58 cm, con i capelli finti e tinti, ha dichiarato che in Italia non ci sarà miseria. Ha ragione, non ci sarà miseria: c'è già la miseria!
Proprio nella " sua " Milano molti pensionati vanno nei mercatini a raccogliere gli scarti di frutta e verdura per poter mangiare. Non sono nè zingari, nè barbone nè extracomunitari: sono anziani italiani che hanno lavorato e pagato le tasse ricevendo in cambio il seguente kit del pensionato italiano:una pensione di 400 euro al mese, una social card caricata UNA SOLA VOLTA da ottobre a marzo, ed un bel calcio nel culo.
Il fiume di merda ha iniziato a investire proprio i deboli, ma sta arrivando anche in alto.

Lello | 10/03/2009 ore 08:49:28

 

.....passerà!.....passerà!....ma quanto possiamo aspettare prima che il fiume di merda ci seppellisca? pensiamo piuttosto a cambiare il presente che è condizionato dal passato ma che determina il futuro.....ma "come si fa a non vendersi l'anima"?.....aiutoooooooooo!?!?

armando | 10/03/2009 ore 07:09:25 | @

 

RA spero che hai inviato la tua penultim'ora a enrico letta, dato che cammarata ha fatto quello che gli hai chiesto potresti provare anche con lui magari segue i tuoi consigli

vitalba | 09/03/2009 ore 23:46:55

 

Attenzione. Non voglio fare l'apologia del meno peggio, eh? ma voglio coltivare una speranza.

Poi voglio condividere con voi una cosa. Nonostante una carriera ormai ventennale di forte lettore. Nonostante un percorso universitario che mi ha licenziato come intenditore di lettere non avevo mai letto una pagina di Proust. Ho iniziato da una settimana la sua saga. Bé, quel primo capitolo di Dalla parte di Swann mi ha fatto comprendere che ora, solo ora, molte delle cose che avevo letto e studiato in precedenza, hanno più valore.

Gianluca | 09/03/2009 ore 21:46:56

 

Siccome abbiamo bandito il vocabolo "provocazione", posso manifestare senza ombre che voterò assolutamente Pd.

Perchè? perché almeno formalmente ci sono dentro. E da dentro voglio fare la mia piccola battaglia. Voglio togliermi questo sfizio. Perché se il Pd con tutti i suoi limiti viene stra-battuto, allora vuol dire che non avrò speranze fino al 2018: duemiladiciotto. E nel frattempo? cosa succederà?

Ecco infatti la magic word: PARALUME

Gianluca | 09/03/2009 ore 21:40:20

 

io mi sono rotto della politica che si riduce soltanto a una diatriba su chi votare...

federico | 09/03/2009 ore 20:48:56

 

Daniela, Di Pietro non mi convince del tutto. Cmq se restano le preferenze (così pare) potremo votare le persone, ed è già qualcosa.

dario | 09/03/2009 ore 18:56:02

 

Sono d'accordo, Dario. Anzi, votiamo direttamente il berlusca, senza cincischiare troppo!
I non voti al Pd diventano tre e devo dire che il mio era già diventato non voto a prescindere, come direbbe Totò. Già da tempo avevo deciso di votare per Di Pietro alle europee. Meglio populisti che alleati di Cuffaro è la conclusione lapidaria che mi sento di fare, se le intenzioni di Letta dovessero tramutarsi in realtà.
@Roberto. dici che se scrivo una letterina al sindaco, gli spazzini passano anche da Ballarò?

Daniela | 09/03/2009 ore 17:40:09

 

sarebbe un grave errore votare pd alleato con udc; a questo punto sarebbe più utile proporre il proprio voto direttamente all'udc, con la speranza di avere in cambio qualcosa (you konw what i mean ?).

dario | 09/03/2009 ore 16:39:59

 

due voti....

federico | 09/03/2009 ore 14:50:24

 

@Maramaus, Fara: pochi giorni or sono è stato presentato alla città un ritratto di Tomasi di Lampedusa regalato da una associazione culturale alla Biblioteca Comunale di Palermo, la città è piena di locali "... del gattopardo" (circoli, ristoranti, ceramisti), Donna Franca Florio è ancora il mito della palermobonton che scrive e compra libri sull'epopea liberty. Sul Giornale di Sicilia di domenica (lo leggo solo la domenica, dai miei genitori...) c'è anche un "raccontino" di una marchesa, con relativo disegno.
E allora: sin quando si darà spazio (e denaro) pubblico a queste cose, il futuro dei nostri figli lo vediamo col cannocchiale usato al contrario

Giuseppe | 09/03/2009 ore 13:30:10 | @

 

Scusate l'0T ma non resisto: Fonte La Repubblica.it: "Studio Usa rivela un legame tra stato d'animo, tumori e malattie cardiache. Chi vede il bicchiere mezzo pieno si ammala del 30% in meno".
Acc..Ancora una volta Berlusconi ha capito tutto!!!!!!!

Marina | 09/03/2009 ore 13:11:27

 

Appunto, Fara. Una favola pienamente anticonformista e irrispettosa delle tradizioni gattopardesche. Litri, anzi ettolitri di adrenalina, capaci di far storcere il muso a intellettualini e tromboni, fino a provocare loro serie emiparesi. Una botta di vita, un ribaltamento della solita realtà. Ho saputo di bambini irrecuperabili: che a dispetto della consolatoria e rassegnata realtà immutabile, sono stati recuperati alla vita, alla felicità addirittura. Ho saputo di ragazzi che vogliono parlare e pronunciare le loro parole senza il comodo abbrivio della zavorra dialettale e ho saputo di ragazzi che vogliono studiare per creare un nuovo giornalismo capace di raggiungere anche chi non ha mai letto. Sembrano favole. E sono il futuro dei nostri figli.

maramaus | 09/03/2009 ore 13:09:19

 

Il punto è questo, Maramaus. Fino a quando ci sarà qualcuno che va cercando "radici" , "identità" e le trova nei dialetti, nei neorealismi, in tradizioni immutabili sia sacre che profane, ma in entrambi i casi devianti da una visione futura e diversa e continua a riproporre sempre questi schemi in una sorta di stagnazione autorappresentativa anche se apparentemente critica non ci può essere alcun miglioramento.

fara | 09/03/2009 ore 12:57:12

 

Uno mi chiede: ma tu lo faresti un The Millionaire in chiave palermitana? Gli scanazzati che corrono tra i vicoli dei mercati e nei sobborghi suburbani e uno di loro si salva e trova l'amore e altre cose favolistiche? E io: certo che sì. Li farei parlare in italiano con buona dizione. Ritmo musical spiazzante: niente dialetto, niente neorealismo ricattatorio. Una storia pretesto per raccontare una favola per incantare e stupire e per fare incazzare chi crede che è tutto già visto e già scritto su una pietra tombale.

maramaus | 09/03/2009 ore 12:40:03

 

@maramaus: troppa curiosità e sono andata a leggermi il manifesto programmatico di questa "sedicente" organizzazione. Beh, altro che prurito...
Queste sono le metastasi di un male inguaribile: la morte di una sinistra che non ci rappresenta più.

La parola è "giostra": un altro giro?

marina | 09/03/2009 ore 12:27:06

 

Bah! Non litigate.
La soluzione ci sarà presto.
E come sempre calerà dall'alto. In considerazione dell'avvicinamento delle alte sfere governative alle alte sfere vaticane e considerata la tendenza alla teocrazia, molto diffusa a livello popolare, prevedo, nel futuro prossimo, una modifica costituzionale che trasformerà la repubblica in uno stato vaticano-simile (il governo perfetto, voluto direttamente da dio): un conclave di ministri e viceministri, opportunamente "ordinati" dal premier eleggerà, in tutta libertà di coscienza, il capo spirituale e materiale dello stato che rimarrà in carica vita natural durante ("naturale" si fa per dire perché con la legge sul fine vita questa dovrà essere prolungata ad oltranza).
Alla sua morte, se questa dovesse malauguratamente verificarsi ad onta delle cure ippocratee, un nuovo conclave eleggerà il futuro leader fra il folto numero di "ministri del premier"

fara | 09/03/2009 ore 11:24:20

 

@Marina, purtroppo ho le idee chiare anch'io. Corto Maltese poi non mi pare una scelta di secondo ordine: anarchico e ribelle. Bello e non sempre perdente. Ieri sera alcuni ragazzi, alcuni cresciutelli, di Socialismo rivouzionario (una denominazione che fa girare a elicottero le palle) mi hanno sbolognato una copia de La Comune. C'era anche la figlia di una mia amica carissima e non ho saputo dire no grazie. Dire che sono la quintessenza dell'astrattezza finto-ingenua sarebbe esageratamente eufemistico. Ho fatto qualche domanda a denti stretti: mi hanno risposto facendomi delle domande irritanti e pretenziose a loro volta. Il prurito della mano destra era pari a quello che agitava la mano sinistra: ma sono civile, eduicato e rispettoso. E per puro caso non sono volati due scappellotti. Per fortuna l'adrenalina negativa si è poi rilassata ed è diventata buona durante lo splendido concerto della Mannoia. Ecco, se non voterò il personaggio di Hugo Pratt, opterò per Fiorella Mannoia, che almeno è di carne, ossa e bella rossa.

maramaus | 09/03/2009 ore 11:14:17

 

A questo punto.....Di Pietro?

antonia | 09/03/2009 ore 11:05:37

 

@maramaus: no, io ho le idee chiare ma sarei impopolare a riferirtele. Temo l'astensionismo per i motivi che ha spiegato fara. Tutto qui.

marina | 09/03/2009 ore 11:04:42

 

Sono antipatico su tutta la linea: ma tra il 19 e il 21 non sarò libero, Giuseppe, sorry.

maramaus | 09/03/2009 ore 11:03:12

 

Qualche minuto davanti al pc, dico la mia su qualche argomento:
1. votare sempre, ha ragione Fara. Chi votare ognuno scelga chi gli pare meno peggio.
2. Lucio Forte ha cambiato mondo, era un mio punto di riferimento, secondo l'anagrafe poteva essermi anche padre. Era una persona bella, sincera, coerente. Un paio d'anni fa si era inventato anche lui il suo blog, www.ilrosaeilnero.blogspot.com (il palermo non c'entra nulla). E' pieno di sue fotografie, guardatele, e se volete continuiamo ad aggiornarlo.
3. Tenetevi liberi per il 19 ed il 21 marzo, tra un po' vi aggiorno

Giuseppe | 09/03/2009 ore 11:00:29

 

@Marina, dunque, propendi per un voto di fantasia o psichedelico? Non saremmo orribili e manco miserrimi: solo fantastici o nel peggiore dei casi, strafatti.
Tra Topolino e Stanislao Moulinsky preferisco Corto Maltese.

maramaus | 09/03/2009 ore 10:57:34

 

Lo so: ma ricordi la distinzione in Manhattan?La vita può essere orribile o miserrima.
"Orribile" è quando sei storpio o cieco. "Miserrimo" tutti gli altri casi. Per cui devi contento di essere solo miserrimo.

roberto alajmo | 09/03/2009 ore 10:47:56

 

L'analisi di fara sull'astensionismo è, purtroppo, lo scenario più verosimile in cui potremmo ritrovarci.
Vi prego votate, per Topolino o Stanislao Moulinsky, purchè votiate!

marina | 09/03/2009 ore 10:46:19

 

@Roberto: votiamo così, alla meno peggio, da anni.

maramaus | 09/03/2009 ore 10:43:16

 

Il mio non-voto per il Pd non va inteso come astensione. Voterò quel che mi pare il meno peggio. E questi vertici del Pd nella mia personale classifica sono al terzo o quarto posto.
Igiene ambientale in via Pindaro, update: proseguono i lavori. Avvistati oggi quattro netturbini intenti alla rimozione delle erbacce.

roberto alajmo | 09/03/2009 ore 10:33:57

 

Come mi è già capitato di scrivere, io non so per chi votare non sentendomi rappresentata da nessuno. E' quindi probabile che io non vada a votare a meno di sconvolgimenti tellurici del 9° grado Richter.
Temo comunque che un massiccio astensionismo porterà semplicemente ad un 75-80% di preferenze, tra i rimanenti votanti, alle casse berlusconiane, mentre una frammentazione del voto senza astensione, manterrà i berlusconiani attorno al 45% e renderà ininfluenti tutti gli altri.

Almeno per un futuro prossimo non vedo via d'uscita e in ogni caso il risultato che la destra si prefiggeva è stato già ottenuto: il Socialismo (l'ho scritto maiuscolo perché non intendo il socialismo di Craxi) non esiste più e in futuro gli schieramenti saranno simili a quelli americani: un destra per un capitalismo selvaggio e una destra per un capitalismo moderato "dal volto umano".

ps
Marco, per Camicia si intende Camicia di forza?

fara | 09/03/2009 ore 10:20:56

 

Roberto, meriterei un premio (ma temo che mi finirebbe come canta Guccini ad un certo punto dell'avvelenata): sono stato il primo a pronunciarmi perl'astensione. Anche in presenza di una piccola ma robusta levata di scudi. Poi qualcuno ha "solidarizzato" pur non avendo chiesto alcuna complicità: solo che non si parlasse minimamente di qualunquismo. Ero già pronto a sbanndierare il mio curriculum vitae.

maramaus | 09/03/2009 ore 09:04:13

 

Facendo i conti... io e Armando siamo già due. Ci sono altre dichiarazioni di non-voto?

roberto alajmo | 09/03/2009 ore 08:36:15

 

mancherà anche il mio di voto!.....che sciagura sarebbe (o sarà?!?!) e ...si ricomincia.....siamo in una palude e........quelli come noi....farebbero bene a tirarsi fuori finchè sono alla cintola....ma chi ci dà una corda.....????????

armando | 09/03/2009 ore 08:06:42 | @

 

Poi è carina questa idea del vivere tutti insieme appassionatamente....si vede che Berlusconi non ha mai avuto 35 anni e non si è trovato costretto a vivere ancora con i suoi, rischiando ogni giorno di buttarli o buttarsi dalla finestra per i nervi.
Fara, Berlusconi passeggia perché è peripatetico...ma non nel senso aristoteliano.
Paola, prometto che oggi firmo.
PS Roberto, ho messo il tuo articolo sulla mia pagina di Facebook e lo sto facendo leggere a chiunque...

Daniela | 09/03/2009 ore 08:04:02

 

Io sta cosa dell'ampliamento delle case non l'ho capita. Io che la casa non ce l'ho che cosa mi amplio? Forse mi ampliano la casa che abito e mi aumentano la pigione? E la tarsu a quanto mi arriva? A 1000 euro? Mi sa che mi aspettano tempi duri...

federico | 08/03/2009 ore 16:52:55

 

Presto Palermo riconquisterà il rango di capitale. Nelle alte sfere la cosa è data per scontata perché ha dato i natali a Schifani, campione e sacerdote del pensiero unico (del capo). La visionarietà è prerogativa solo dei grandi uomini, i quali sanno intra o stra vedere oltre la gabbia d'oro dei pensieri d'ordinanza.

ntoni (antonio) | 08/03/2009 ore 15:46:56 | @

 

Un modo alternativo per partecipare all'Otto Marzo: firmare tutti gli appelli della campagna di Amnesty International: http://www.amnesty.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/497/P/100

alfamag | 08/03/2009 ore 10:17:29

 

ricordando le 129 operaie, in gran parte italiane e di origini ebriche, morte nell'incendio della Cotton di New York,voto eva mendes

vitalba | 08/03/2009 ore 00:18:17

 

Non ho potuto fare a meno di comunicarvi che ho letto (repubblica) che il nostro premier passeggiando per Roma ha spiegato il piano casa (si passeggiando , come Pericle ad Atene) ed entrando nel dettaglio sul contenuto del provvedimento, Berlusconi ha spiegato che il piano consentirà "a chi ha una casa e che, nel frattempo ha ampliato la famiglia perché i figli si sono sposati e hanno dei nipoti, di aggiungere una stanza, due stanze o due bagni con servizi annessi alla villa esistente".

Effettivamente i precari, i disocuppati, i cassintegrati sentivano come esigenza primaria proprio quella di aggiungere uno o due bagni alla villa di famiglia

fara | 07/03/2009 ore 23:24:48

 

paola anche io ho firmato

vitalba | 07/03/2009 ore 23:00:00

 

voto Alessandra Mussolini..E complimenti a Roberto ...a parte la pulizia di Via Pindaro,leggendo il Repubblica di oggi si nota che un certo rumore lo hai fatto!:)
Per quanto riguarda il ponte sullo Stretto, mi sono sempre chiesta:dato che tra le opere finanziate non c'è niente che riguardi la viabilità dell'isola,e ancora andare da Palermo a Ragusa è un'avventura(circa un mese fa su Repubblica Viaggi,le due comiche di Zelig Katiana e Valeriana, interrogate su quale fosse il viaggio più "estremo" che avevano fatto, risposero"Cefalù-Ragusa:un incubo")una volta attraversato l'avveniristico ponte i turisti che faranno?dovranno visitare le zone interne sempre percorrendo le regie trazzere?se penso che con tutti quei soldi si sarebbero potuti sistemare strade,autostrade e forse pure ferrovie...!:)

Diana | 07/03/2009 ore 20:46:18

 

@paola
io firmai...

federico | 07/03/2009 ore 19:52:23

 

(il presente messaggio va letto con la voce di una bambina ziccusa antipatica "pillicusa" e spiuna, che accusa allo zio i cuginetti che non la prendono in considerazione)
Robertoooo! guarda che non ti ha dato conto nessuno! non ho ricevuto neanche un'adesione al mio appello!

paola | 07/03/2009 ore 19:23:35

 

non solo giuro che l'ha detto, ma giuro anche che in un'ora e mezza di trasmissione ha aperto la bocca per dire solo questo... a mezzanotte e un quarto non ne potei più e cercai di svagarmi per qualche minuto con ficarra e picone su matrix...

federico | 07/03/2009 ore 18:02:29

 

a marina, basta scrivere le richieste a cammarata e firmarla direttamente Roberto Alajmo si fa prima

vitalba | 07/03/2009 ore 17:36:50

 

date conto a Paola, per piacere.
Federico: Giura che l'ha detto!

roberto alajmo | 07/03/2009 ore 17:33:02

 

fortemente "tentato" da eva mendes e da chantal/concetta, voto per la mussolini; già di suo una spanna sopra a chiunque altro. questione di dna?

piervi | 07/03/2009 ore 17:27:18

 

Scusate i refusi...anzi le lettere mancanti. Appena posso questa tastiera la "iecco".
A proposito di "ieccare". Una cosa che mi ha fatto molto ridere: avevo scritto una frase piena di lettere mancanti ad un amico su FB e lui mi ha risposto "ieccala sta tastiera". Ho replicato "ora la iecco". E' intervenuta una sua amica "non-sicula" ed ha domandato "ma che è questa cosa di leccare la tastiera?"

antonia | 07/03/2009 ore 17:20:35

 

Premio non-tizia: voto per la Mussolini
Premio non-notizia (nel senso di notizia inesistente): Schifani
Io da qui non mi sono accort ch il Sud si è ribellato. Voi?

Antonia | 07/03/2009 ore 17:16:34

 

io per la Chantal, coraggiosa nell'esprimere la sua delusione sul Franco,ma vogliamo i particolari piu salienti della delusione!ahaa./ A parimerito voto anche la Mussolini, che dovrebbe stare piu a casa a farsi i piatti...

Nicoletta | 07/03/2009 ore 16:27:15 | @

 

Voto per Schifani e faccio un mix xon un'altra delle notizie dell'Hot Water: certe dichiarazioni possono provocare disgusto.
PS Io sostengo che il fatto che gli spazzini siano passati da via Pindaro sia una coincidenza. Cammarata non può aver capito la lettera di Roberto..il riferimento a Stanislao Moulinsky è troppo colto e difficile, per lui.
E l'ultimo, per favore, chiuda questa benedetta porta!

Daniela | 07/03/2009 ore 15:56:54

 

Alessandra Mussolini for H.W.D.Award XIII

gigliola | 07/03/2009 ore 14:52:16

 

Cmnq non è male neanche quella di cammarata ieri alla tv che ha detto che "il ponte sullo stretto è un'opera fondamentale per completare l'asse palermo-berlino"...

federico | 07/03/2009 ore 14:48:36

 

Se qualcuno (Ro berto, tu lo hai già fatto!) vuole sostenere
l'impegno dei lampedusani contro la costruzione di un centro di
identificazione ed espulsione sulla loro isola, può andare su
www.askavusa.blogspot.com e firmare l'appello "Io questa estate
voglio andare in vacanza a Lampedusa" inviando una mail a Lampedusa.
hurra@gmail.com
Grazie
P.S.: "Hurra" in arabo vuol dire "libera">

paola | 07/03/2009 ore 14:38:37 | @

 

Voto la Mussolini, ma il mio cuore va alla stupenda e "sindacalizzata" Eva Mendes.

Complimenti RA per aver dimostrato che la rassegna stampa funziona.

Gianluca | 07/03/2009 ore 14:30:37

 

Dario: io mi aspetto che siate voi a segnalare prelibatezze del genere.

roberto alajmo | 07/03/2009 ore 14:13:54

 

di stomaco voto chantal sciuto.

Ale S. | 07/03/2009 ore 14:02:31

 

ieri sera ho visto in via marchese di roccaforte un vigile urbano in carne e ossa (giuro!) che multava un'auto sulle strisce pedonali, mentre da dietro si avvicinava il proprietario urlante: "Ma chi un si pò posteggiari cchiù?" e ieri sera ho visto il nostro beneamato sindaco su raidue a malpensa italia che parlò per circa trenta secondi del ponte sullo stretto... ma chi fui pazzo? non ho chiuso occhio tutta la notte... marzo pazzo!

federico | 07/03/2009 ore 13:36:03

 

senza ombra di dubbio vince schifani, se non altro perché è molto ferrato nella materia...

federico | 07/03/2009 ore 13:30:52

 

@Dario: sai che novità...anche Berlusconi spende la stessa cifra per la messa in piega!

marina | 07/03/2009 ore 13:22:00

 

Scriviamo tutti a Repubblica: Spettabile Sindaco, mi manda Roberto Alajmo....

marina | 07/03/2009 ore 13:20:22

 

Caro RA, segnalo grave dimenticanza al Hot Water di questa settimana; pare che Jennifer Aniston abbia speso 50mila usd per la messa in piega. A pensarci bene però potrebbe avere seguito i consigli dei nostri governanti: investire nell'economia reale e basta con questo clima di sfiducia.

dario | 07/03/2009 ore 13:18:56

 

voto alla pari Mussolini e Schifani, le loro dichiarazioni si possono commentare allo stesso modo: "???"

Cetti Lipari | 07/03/2009 ore 13:13:14

 

Oggi tutti in via Pindaro a buttare l' immondizia!

Lello | 07/03/2009 ore 13:01:21

 

@Roberto.Secondo me il vero successo non è stato quello di vedere gli spazzini in via Pindaro, ma che Cammarata abbia capito la tua lettera!
Non posso che farti i miei personalissimi complimenti per il doppio traguardo da te raggiunto.
P.S. Posso venire a buttare la spazzatura nella tua via?
Sai, io non ho scritto su Repubblica e la mia via è piena di munnezza!

Lello | 07/03/2009 ore 12:51:53

 

Rob, si dice sia stata avvistata in via la malfa una colonna di lucidatrici diretta in via pindaro.
il piano prevede che dopo aver passato la cera sino a potercisi specchiare, in via pindaro, verranno distribuite anche le "pattine" per tutti i residenti!
sai che ti dico, domani scrivo anche io a repubblica e glielo dico bello chiaro e tondo che sotto casa mia i rifiuti sono ormai allo stato fossile!!

grande rob!

stefania petyx | 07/03/2009 ore 12:12:44 | @

 

@roberto, miracolo della parola scritta? Oppure mira-culo come mi diverto a dire con Thomas? Anche Mister D.C. pensa di aver compiuto un miracolo: quello di averti chiuso la bocca. Tosto, questo cow boy!
A proposito, altro ritrovamento durante la mia personalissima attività archeologica: "genti nutuli".

ntoni | 07/03/2009 ore 11:45:00 | @

 

roberto la risposta di cammarata è :" così caro Alajmo la TARSU puoi continuarla a pagare tre volte"


fara prima devono trovare i soldi per il ponte perchè quelli stanziati dal Governo servono solo a coprire le spese di progettazione preventiva, cioè pagare qualche consulenza

vitalba | 07/03/2009 ore 11:44:12

 

L'avevo capito, Vitalba.
Update: La strada è stata spazzata per la prima volta da almeno un anno a questa parte. La discarica è stata contemplata a lungo dagli addetti. Al momento gli addetti sono andati via e la discarica è rimasta.

roberto alajmo | 07/03/2009 ore 11:24:49

 

RA gli spazzini sono la risposta di cammarata alla tua lettera così non gli rompi le scatole mentre lui fa tutte le attività di questo mondo tranne l' attività di sindaco.

vitalba | 07/03/2009 ore 11:19:28

 

apprendo che il vaticano ritiene giusta la scomunica dei medici che hanno fatto abortire la bimba nove anni (NOVE)stuprata. Giusta la scomunica per la madre. Assolto e non scomunicato lo stupratore.

@Macs
Puoi sempre organizzare un servizio di traghetti low cost per quando i lavori saranno interrotti per mancanza di fondi.

fara | 07/03/2009 ore 11:17:28

 

Riservati di ripararlo appena comincia a crollare...

roberto alajmo | 07/03/2009 ore 10:01:55

 

Sono favorevole alla realizzazione del Ponte sullo Stretto. Come posso riparare?

macs | 07/03/2009 ore 09:54:20

 

Amici, compagni, concittadini: Miracolo! Stamattina ci sono quattro spazzini, in via Pindaro. Uno toglie le erbacce dal marciapiedi, uno spazza e poco fa due stavano riflettendo su come debellare la discarica. Viviamo nel migliore dei mondi possibili. Voi chiamate Repubblica in modo che predispongano l'edizione straordinaria. Io vado in piazza a fare caroselli.

roberto alajmo | 07/03/2009 ore 08:15:24

 

Presidente......ma glielo ha detto il Sud o la Mafia?...... perchè quì da Palermo ho una visuale distorta......................voto Schifani!

armando | 07/03/2009 ore 08:02:21 | @

 

non credo proprio nemmeno io che in nostro sindaco color indaco,possa querelare l AMIA..figuriamoci,per adesso si sta facendo sistemare il marciapiede davanti casa sua ...tutto bello sistemato..ci mancano ancora le piantine.Io che vado da 30 anni a trovare mia madre ,non posso piu posteggiare la macchina,no!!mezza via del Carabiniere..giusto appunto, è tutta sua,e le vigilesse mi invitano puntualmente a togliermi immmediatamente dalla zona..privata.devo fare un esposto ,mi hanno detto,al comune .se voglio posteggiare come prima!!..e ogni volta adesso per andare dai miei...al PIAZZALE DEL FANTE.. è un delirio...devo fare l'esposto.....infatti.. spesso mi metto giu e a mia madre la chiamo col telefonino....posso querelare io il Sindaco?.se mia madre ha bisogno di me ??..io la macchina gliela posteggio in portineria direttamente.e poi nè parliamo??? che dici ????però non ci sono cassonetti..vicino da lui...come mai????

Nicoletta | 06/03/2009 ore 22:27:23 | @

 

@roberto alajmo: secondo me cammarata ti querela

macs | 06/03/2009 ore 21:52:19 | @

 

@Roberto: mai come adesso torna utile una frase tanta di moda "tolleranza zero"!!

Cetti Lipari | 06/03/2009 ore 17:22:52

 

se a qualcuno può interessare...
http://blog.civicum.it/

federico | 06/03/2009 ore 17:08:42

 

@Cetti: è probabile che dietro ci sia qualcosa. Il problema è che prima le persone erano disposte a tollerare un po' di corruzione in cambio di un servizio passabile. Qui siamo al pessimo servizio e all'inefficienza finanziaria.

roberto alajmo | 06/03/2009 ore 17:04:20

 

Il rendiconto 2007 del Comune, a cui vanno allegati i bilanci di tutte le partecipate è stato approvato dal Consiglio Comunale senza il bilancio dell'AMIA: sarà un caso?
Parlando dell'AMIA ho scritto a dicembre 2008 "spende 83.000.000 di stipendi con 1.800 dipendenti (di cui 1.500 operai), sostiene spese di noleggio automezzi per 5.000.000. Inoltre compie alcune operazioni finanziarie particolari: nel 2006 cede crediti del Comune per 130.000.000 alla Deutsche Bank, alla quale in 5 anni dovrà pagare 7.000.000 di interessi; nel 2007 AMIA cede i contratti stipulati con PLATANI ENERGIA AMBIENTE e con PALERMO ENERGIA AMBIENTE S.p.A. per un totale di 44.000.000 a AMIA srl."
Per inciso, PLATANI ENERGIA AMBIENTE e PALERMO ENERGIA AMBIENTE S.p.A. sono aziende di cui ha quote l'AMIA e AMIA srl è un'azienda creata dalla stessa AMIA.
Che non si faccia chiarezza perchè alla tirata dei conti il Comune è complice?

Cetti Lipari | 06/03/2009 ore 16:56:52

 

Roberto: grazie anche da parte mia.

Luigi | 06/03/2009 ore 16:34:31

 

Grazie Roberto! a nome dei palermitani che sentono incombere sempre più minacciosa una situazione uguale se non peggiore a quella di Napoli...non ci facciamo mai mancare nulla...

maria guagliardito | 06/03/2009 ore 16:00:30 | @

 

Se è per questo, Mario, manca pure l'indiziato di maggior rilievo: i comunisti.

roberto alajmo | 06/03/2009 ore 14:07:00

 

Tra le cause, hai tralasciato Bin Laden e la Banda Bassotti!

mario | 06/03/2009 ore 13:50:36

 

Davvero però mi riesce difficile pensare che l'indagine dei magistrati sulle presunte irregolarità di bilancio dell'Amia si possa fermare soltanto al falso in bilancio; deve per forza esserci dell'altro e ben più consistente. Altra cosa incomprensibile: il nostro ottimo sindaco attende il parere dei legali del comune. Bene, i legali del Comune non sono i "suoi" legali, ma i nostri legali e devono lavorare per il bene della comunità e non per quella del Sindaco

federico | 06/03/2009 ore 13:42:05

 

Mi chiedo:
il sindaco lo sa chi è Stanislao Moulinsky?
Non vorrei aprissero, dopo il dossier Mitrokhin, un dossier Muolinsky

fara | 06/03/2009 ore 13:29:21

 

Grazie amici miei,
io ci provo, confidando che poi ciascuno risponde alla propria coscienza.
Più tardi la metto in penultim'ora, così la possono leggere pure i lettori del Giornale di Sicilia.

roberto alajmo | 06/03/2009 ore 12:37:55

 

Stupenda la lettera al Sindaco.
Se resterà lettera morta lo sapremo presto ma questo è comunque un esempio del "facciamo" e non del "bisogna fare" di cui parlavi ieri.
E "queste" parole, sì, sono importanti.

marina | 06/03/2009 ore 11:50:19

 

Ho letto il tuo pezzo su Repubblica di oggi. Credi davvero che il nostro ineffabile Diego presenterà querela contro l'AMIA?
Personalmente sono certo di no.E penso anche che nonostante l'indignazione che provocherà l'omissione di questo atto dovuto, tutto continuerà esattamente come prima, sicuri dell'immuntità per le loro incapacità.
Grazie comunque di averci provato.
n

@nicola | 06/03/2009 ore 11:41:57 | @

 

In Cina i soldati sono armati di estintori.
In Italia ci stanno bruciando lentamente. Hanno dato fuoco alla cultura, alla democrazia, al futuro.

Lello | 06/03/2009 ore 10:35:01

 

Grazie per la segnalazione, Roberto. Mi piacciono i libri che informano, che svelano gli intrecci di intrighi, trame oscure, che forniscono la chiave di lettura di eventi insospettabili. Mi inducono alla riflessione. Mi annoiano i romanzi di puro intrattenimento. È lo stesso con i comici. Mi fanno ridere quelli di satira (ho un debole per Daniele Luttazzi, Sabina Guzzanti, Ascanio Celestini). Mi addormento con Benigni: il bacteratzinger ha convertito il rosso Chianti in aceto stinto ;-)

tamara bianchi | 06/03/2009 ore 09:52:00

 

Prendo spunto da un po' dei post precedenti.
Anche le pietre sono parole, e ho invaso le vostre caselle di posta elettronica con una mail relativa all'area Quaroni. Perdonatemi l'invasione, ma sono sicuro che mi darete una mano. Se poi fate girare il tutto sono ancor più contento.

A Roberto dico grazie per il testo su Repubblica di oggi: io ho peregrinato tre anni per la riduzione della superfice di casa mia, con errore dovuto all'impiegato della delegazione municipale quando feci il cambio di residenza.

Giuseppe | 06/03/2009 ore 08:31:35

 

Le parole sono pietre in un contesto inb cui ssi valutno tali. In Altri contesti le parole sono forma e sono vuote.

UMA | 06/03/2009 ore 03:27:10 | @

 

Profondo Nero,ogni luogo ha i suoi pozzi..e il Rosso Cina dove lo mettiamo ..nel dimenticatoio??.mi sconvolgono sempre piu,che ci posso fare??

Nicoletta | 06/03/2009 ore 00:29:21 | @

 

@Daniela.
Qui andiamo tra Montale e Ungaretti.

Gianluca | 06/03/2009 ore 00:10:22

 

a milano è nato il comitato delle sedie...

federico | 05/03/2009 ore 22:23:55

 

Roberto, sono talmente d'accordo sul fatto che le parole siano pietre che per ora non ne scrivo molto, come avrai notato, come avrete notato.Parafrasando Ligabue, le ho perse le parole e taccio, in attesa di trovarne qualcuna non più logora.

Daniela | 05/03/2009 ore 22:10:36

 

per l'idea mi son fatto del regime fascista mi sa che allora buona parte della nostra classe politica sarebbe già stata messa al muro....

federico | 05/03/2009 ore 22:08:19

 

Parafrasando il grande Boskov: "regime" è quando opposizione non esiste. Quando opposizione esiste "regime" non è più.

Gianluca | 05/03/2009 ore 21:42:33

 

anche a me non piace questo "al regime, al regime"...Tempo addietro c'era la miania di definire fascista ogni atteggiamento auroritario o anche degli atti violenti in cui però il fascismo non c'entrava proprio.Usare le parole a sproposito non porta niente di buono, tra l'altro se ci si abitua a collegare la parola regime con la situazione politica di oggi, si rischia anche di sdoganarne la forza semantica,qualcuno potrebbe anche pensare:c'è un regime , mah, credevo che dovesse essere peggio,un regime!
poi vorrei dire anche qualcosa sull'articolo-intervista di Franco Maresco che Roberto segnalava, sul Lubitsch. Anche oggi c'è un boxino che parla di questa esperienza,ma c'è qualcosa che non mi convince. Anche se le intenzioni sono ottime, credo però che il Lubitsch non si sia inserito nel contesto di Bonagia ma ne sia rimasto estraneo. Gli eventi con la presenza anche di politici noti non incidono sul progetto di far raggiungere alle persone di quel quartiere un rapporto diverso con la cultura migliorandone la qualità della vita. Qui c'è un problema delicatissimo secondo me, cioè come riuscire a conciliare un buon livello culturale, un discorso di sperimentazione e modernità con la possibilità di attrarre le persone che si vogliono raggiungere.Il discorso forse doveva essere più indirizzato agli abitanti di Bonagia e non a chi è già in possesso di certi strumenti culturali e proviene da altre zone di Palermo.Allora il cinema sarebbe stato sentito come proprio,non come qualcosa di astratto e si sarebbe realizzato davvero il progetto sociale che si dice di aver voluto ottenere.

Diana | 05/03/2009 ore 21:06:19

 

da parecchio tempo faccio l'amore con la parola "efficace"....

federico | 05/03/2009 ore 18:13:45

 

@roberto alajmo, hai ragione, il signor B., anzi, a pensarci, ha sorpassato Putin di mezzo centimetro in altezza. Però in altri campi sta dietro al suo amico, vedi i 32 di Nassiria contro i 300.000 di Cecenia. Ma diamo tempo al tempo.
Intanto io cerco di difendermi dai coninui attacchi delle sue truppe corazzate di parole. Ho un bunker blindato: il mio studio. Ultima trincea.

ntoni (antonio) | 05/03/2009 ore 16:16:38 | @

 

@Roberto.

Notizia fondamentale su repubblica.it


Diventare una geisha costa 25 euro

Il corso ispirato alle lezioni rapide per turiste in Giappone: l'antica arte dell'intrattenimento, il kimono, la cerimonia del tè, sotto la guida di vere "maiko" di BENEDETTA PERILLI

Gianluca | 05/03/2009 ore 16:13:15

 

@marina, sei ammiratrice di Raymond Queneau (Esercizi di stile)? Divino. Grazie.
Sì, "fare" può prendere quota. L'opposizione chiacchiera o parla a vanvera o fa teoria, il governo fa. Sono uomo del fare. Dal dire al fare. Però questi politici! Un sospetto: avranno scoperto che l'essenza della poesia è "fare"? Sono diventati tutti poeti!

ntoni (antonio) | 05/03/2009 ore 15:50:49 | @

 

@ntoni: in Italia a Putin secondo me già ci siamo. E' in direzione di Videla che mi aspetto sviluppi.
Alle tue parole aggiungo di mio il cognome del presidente del consiglio, usuratissimo ovunque.

roberto alajmo | 05/03/2009 ore 15:34:46

 

Costruire un arsenale di parole utilizzabili da qui all'avvento di un Videla italiano o di un Putin? Impresa difficile ma non impossibile.Proviamo? Ne butto ua manciata sul tavolo: populista, sinceramente, canzonettista, partecipato, bisogni,incontro, deriva.

ntoni (antonio) | 05/03/2009 ore 15:19:57 | @

 

@La parola "fare" era ben piazzata, se ti può consolare.

roberto alajmo | 05/03/2009 ore 15:14:19

 

Resto in attesa del turno della parola "facciamo"...

Cetti Lipari | 05/03/2009 ore 14:59:35

 

Non è che "bisogna" vorrebbe significare "alla bisogna"? ciao

Gianluca | 05/03/2009 ore 14:47:47

 

Grazie. è bello saperlo. purtroppo devo dire che ANCHE a me mancano I MIEI vulcani..!
è un momento di implosione..credo.silenzioso .riflessivo.freddo.
ma sta arrivando. sotterraneo ..in ascesa.. lavico.. un flusso di corrente magmatica.
ormai lo so. lo riconosco.a pelle.
quando sarà ,sarete i primi ad esserne investiti.!
bacio.pre primavera ardente.

| 05/03/2009 ore 14:42:51 | @

 

@ntoni: è vero, NIENTE ha un valore più FONDANTE di un discorso CHIARAMENTE espresso. In questo, il nostro VIRTUOSO ospite del blog ha ASSOLUTAMENTE ragione.

marina | 05/03/2009 ore 12:19:04

 

Mi viene il sospetto che qualcuno non abbia letto il mio post di oggi fino all'ultima riga.

roberto alajmo | 05/03/2009 ore 12:16:20

 

Sentite antipatia per "assolutamente"? Per me è una puntura di vespa. Vi ricordate "chiaramente", "niente"? Adesso sta prendendo quota "fondante". "Virtuoso" mi fa venire la nausea.

ntoni | 05/03/2009 ore 12:04:04 | @

 

Marina sappi che non sei la sola a pensarla così.
Certi intellettuali dovrebbero essere sommersi dalle pernacchie.
Senza offesa per nessuno naturalmente, serenamente, pacatamente.

Berry | 05/03/2009 ore 11:55:01

 

Sacconi è un ministro modello ( non viceversa ).Egli, come il suo grande capo, prima getta una grossa pietra (sulla riforma delle pensioni) e, dopo che l' opinione pubblica si indigna, nasconde la mano smentendo quanto detto il giorno prima.
L' idea è geniale: serve infatti a liberare posti di lavoro in tempi brevi in favore dei giovani.
A 65 anni si è giovani, vi immaginate un carabiniere 60enne che insegue a piedi un 20enne?
Gli sparerà o gli tirerà la dentiera?
W l' Italia!

Lello | 05/03/2009 ore 11:46:38

 

Su questo blog ho incontrato una vecchia conoscenza, la parola 'pillicusu'. Me n'ero quasi dimenticato. Di colpo mi ha fatto piombare nel mio vecchio mondo scomparso da decenni (parecchi). Sono un homesick, che ci volete fare?

ntoni | 05/03/2009 ore 11:40:44 | @

 

Ti ricordo, Marina, che le parole sono pietre. E il senso del mio post non è altro che questo: tenere da parte qualche pietra che possa tornare utile.

roberto alajmo | 05/03/2009 ore 11:33:21

 

Leggo che si continua a fare attenzione alla "forma" piuttosto che ai "contenuti" ed alle eventuali "azioni" in questo scenario politico da film dell'orrore. Evidentemente si preferisce il tombale silenzio, purché espresso correttamente, in merito alla condanna per corruzione dell’avvocato Mills o peggio la sparizione di qualsiasi punto di vista critico,divergente dal pensiero unico in vigore ma lessicalmente esatto, sulla vicenda delle centrali nucleari, e tanto, tanto altro ancora.
Mi pare di aver studiato, da qualche parte, ma anch'io sono moooooolto ignorante, che le rivoluzioni della storia non le hanno mai fatte gli intellettuali ma gli operai, gli agrari con la quinta elementare.
La prossima volta che qualcuno finalmente penserà di agire anziché polemizzare sterilmente gli metteremo in mano un Devoto Oli anziché un sampietrino. Pazienza!

marina | 05/03/2009 ore 10:34:07

 

Vi ringrazio anche per il semplice fatto di avermi risposto ( è già qualcosa ).

Lello | 05/03/2009 ore 10:19:11

 

L'occhio fotografico di Gigliola è il più acuto e raffinato che mi sia capitato di incontrare da qualche tempo. Che brava!

maramaus | 05/03/2009 ore 10:03:26

 

Grazie Lò e grazie Roberto perchè le tue "parole allineate" con i concetti che esprimono,fanno sembrare 4 volte (anzi 10) più significative le mie foto

gigliola | 05/03/2009 ore 09:53:22 | @

 

RA, non sono timida, io rispetto le parole e cerco di non abusarne ;)

lasirenetta | 05/03/2009 ore 09:38:17

 

@Roberto
In effetti anche se il potere lo presero con un colpo di stato militare e la repressione degli oppositori fu feroce, Videla & soci ebbero l'appoggio delle gerarchie ecclesiastiche e di tutte le loro pecorelle.
Esemplare è il comportamento di monsignor Pio Laghi che benediceva i torturatori e cacciava via dalle chiese le madri di Plaza de Mayo.
Monsignor Laghi non ha avuto alcuna ripercussione del suo operato. E' stato accolto a braccia aperte dal vaticano e celebrato come "anticomunista"

fara | 05/03/2009 ore 09:35:48

 

@Fara: temo che anche nell'argentina di Videla il consenso fosse generalizzato.
@Giuseppe: ora provo a farmi un'idea e vediamo.

roberto alajmo | 05/03/2009 ore 09:11:23

 

A proposito della libertà e della varietà espressiva di questo blog (sono tra quelli che scrivono poco), penso abbiate letto delle novità a proposito dell'area Quaroni (articoli su Repubblica nei giorni scorsi, la Curia, avendone il diritto, vuol costruire in proprio). Poichè sapete che sono tra i tre o quattro "strenui oppositori" alla edificazione, confortato dalla compagnia ad esempio di Nadia Spallita o di Teresa Cannarozzo, vi chiedo: qualcuno vuol aggiungere (sulle pagine pubbliche, oltre che su questo blog-forum-muro...) il suo parere?
Grazie a tutti, Giuseppe

Giuseppe | 05/03/2009 ore 08:19:19 | @

 

@Armando: hai ragione, ma non mi potete chiedere sempre di votare il meno peggio.
@Sirenetta: pure tu, sei troppo timida.
@Lo: ci mancano i tuoi vulcani

roberto alajmo | 05/03/2009 ore 08:00:24

 

bella bella la foto Giglio !

| 05/03/2009 ore 07:45:37 | @

 

certo non è la voce dell'opposizione che avrei voluto sentire.......ma dove sono le altre?.....non ci resta che attendere ma intanto.....qualcuno che "faccia da contrappeso" (cito la barzelletta famosa!)!!!!ci vuole!

armando | 05/03/2009 ore 07:12:24 | @

 

quello di cui parli, RA, io l'ho sempre definito il "far west delle parole". E' profondamente vero quello che dici: le parole troppo usate si consumano, perdono la loro essenza, l'"anima". Le parole di moda dopo un po' stufano e stentano a venire riconosciute. Le parole abusate, (specialmente quelle che riguardano i sentimenti) si spersonalizzano e si sciupano come pagine di un libro troppo spesso sfogliato e mai letto davvero (i libri sciupati dall'uso consapevole si sciupano in maniera diversa, ci avete fatto caso?). Le parole sparate come proiettili esplodono e non danno frutti. Una delle cose che mi affascinava quando ero "religiosa" era proprio questo: l'uomo è custode della parola. Quando manca a questo compito perde la sua essenza di uomo.
p.s.: lattuga, concordo con RA. E poi sei buona da mangiare.
splash!

lasirenetta | 05/03/2009 ore 07:01:51

 

L’Italia del 2009 non è l’Argentina del 1978.

E' molto peggio.
E' consenziente

fara | 05/03/2009 ore 00:17:46

 

A me non sembri tanto asina, Lattughina.

roberto alajmo | 04/03/2009 ore 22:50:36

 

sono entrata per caso in questo forum qualche settimana fa, come a suo tempo ho scritto, piroettando qua e là per esplorare e curiosare.
Non mi ritengo all'altezza delle vostre competenze,quindi non sono più intervenuta, ma sono rimasta affascinata dal modo e dalle persone che giornalmente intervengono e da allora apro il vostro forum ogni giorno per leggerlo. Perchè? Vabbè forse qualcuno penserà "macchisenefrega !...
non importa lo dico lo stesso,sono testarda e abituata a dire sempre ciò che penso senza pensare ai corollari, aloni, nebbioline o altro.
Allora leggo questo forum perchè lo trovo diverso dagli altri( considerazione banalina, ma vera)..
Leggo questo forum perchè spesso trovo riflessioni che pure io sento, approvo e che vorrei scrivere,ma ahimè mi manca la
forma, il modo, la preparazione e tante conoscenze..
Leggo questo forum perchè non ci sono litigi , scontri irrispettosi nel portare avanti il proprio pensiero.
Leggo questo forum perchè mi arricchisce e non avverto quell'aria da superiori intellettuali progressisti che dall'alto della loro sapienza giudicano chi occupa i gradini più bassi degli irrecuperabili "bischeri" (espressione puramente fiorentina )...
Grazie a voi tutti , mi piacete un casino !

Lattuga

( vivo nell'orto,difficilmente ingiallisco,non ho bisogno di molta cura, sono decisasmente verde verde come la speranza e la lotta che non mi abbandona mai, per avere un futuro migliore)..

LATTUGA | 04/03/2009 ore 22:12:12 | @

 

Federico che vuoifarci? io il siciliano l'ho imparato per trasmissione orale e non so come si scrive esattamente.

fara | 04/03/2009 ore 19:55:05

 

@Lello
Già qualcuno ti ha già risposto sullo stile del blog, o meglio del Forum ma ci tengo a sottolineare che i dibattiti a tema sanno troppo di televisione dove c'è chi è d'accordo e chi contro con conseguente rissa da audience.
Qui , come in un Forum appunto, si parla del più e del meno e ci si scambiano notizie. Si discute, si chiacchera, non si dibatte.

fara | 04/03/2009 ore 19:51:26

 

@fara
Pillicusu e non pillichiusu, mi raccomando, se proprio pillicusa sei...

federico | 04/03/2009 ore 19:47:24

 

Maramaus, ho visto The reader; hai ragione, è bellissimo! e lo sarebbe anche senza il ricorso al fondoschiena della Winslet. Non ci trovo nessuna distonia, le fasi del film sono molto ben amalgamate e la recitazione è di alto livello. E poi mi piace molto il distacco con cui vengono trattati i fatti. Il giudizio sulle persone è lasciato allo spettatore e non è influenzato dalla regia. Non è didascalico e non ci sono sermoncini finali.
Solo una cosa mi ha disturbato. Mi sembra improbabile che a Berlino nel '58 adoperassero nelle scuole o nella biblioteca delle carceri L'Odissea o La signora col cagnolino in versione inglese. Un piccolo sforzo, magari con un sottotitolo e usare per i primi piani una edizione tedesca non si poteva fare?
Niente di importante nell'insieme ma io sono un pochino pillichiusa.

fara | 04/03/2009 ore 19:20:55

 

Sempre bravo Bucchi, ottimo l'Altan di oggi sulla Repubblica.
Il dottorino Franceschini mostra un tantinello di grinta di più di Walter. Sulla questione degli ammortizzatori sociali finalmente è riuscito a interrompere il monologo governativo.
Ah, ci tengo a dire Forza l'Unità. Mi ci sono affezionato, spero di non perderla troppo presto.

Gianluca | 04/03/2009 ore 19:14:10

 

Sul regime conto di tornare col prossimo post.
@Lello: in realtà mi diverto molto ad ascoltarvi, e aspetto da voi quel che voi aspettate da me (credo). Come per esempio la notizia di Paola.
è questa lettura delle notizie che manca in questi anni. Fra le maglie di giornali e telegiornali e già molto se passano i numeri. I colori, mai.

roberto alajmo | 04/03/2009 ore 18:10:24

 

il vero problema è: come si aggira il regime?

federico | 04/03/2009 ore 17:44:45 | @

 

Questa volte più che dibattere e controbattere...
bisogna constatare che quanto scrive Roberto è drammatico e indiscutibile...
sottoscrivo la sua analisi circa la modernità dell'attuale dittatura...basata sulla scellerata cessione dei diritti da parte dei cittadini ormai narcotizzati da un benessere fittizio,figlio anch'esso di un potere mediatico che controlla tutto e tutti...
Orwell ci aveva avvertiti!

maria guagliardito | 04/03/2009 ore 17:44:30 | @

 

Viceversa io ho notato che i blog a tema (unico) su cui dibattere sono alquanto noiosi.
Credo che la bellezza e la ricchezza di questo forum consistano nell'anarchica laicità degli argomenti non telecomandati. In tutta sincerità.

maramaus | 04/03/2009 ore 17:18:30

 

Scusate la mia sincerità, ma questo più che un blog mi sembra un " muro ".
In teoria ogni giorno il " padrone di casa " scrive su qualcuno o qualcosa al fine di aprire un dibattito tra i blogger. In pratica però ognuno scrive la sua e quel pensiero ( a parte qualche " uccellesca " eccezione!)resta li senza che ci sia un seguito.
Vorrei insomma che ci fosse più dinamismo, più confronto tra noi.
Invece ho natato che il blog è animato sempre dai soliti 4-5 amici ( non di Maria de Filippi )e resta " chiuso " tra loro.

Lello | 04/03/2009 ore 16:50:02

 

Ieri, 120 migranti vengono soccorsi a 54 miglia da Lampedusa da una
nave militare. Di questi 120, solo 86 (TUTTI MAGREBINI) vengono
trasferiti a Lampedusa, mentre gli altri 34 (provenienti dal corno
d'africa E POTENZIALI RICHIEDENTI ASILO) vengono invece spediti a
Porto Empedocle.
Ciò vuol dire che sulla nave militare è stata effettuata una
"selezione" (verosimilmente effettuata sulla base del colore della
pelle) per decidere chi inviare qui sull'isola e chi spedire in Sicilia.
Così domani il governo potrà ("dati alla mano") dire che il 100% dei migranti che "sbarcano" a
Lampedusa sono IMMIGRATI CLANDESTINI! (nel 2008 su un totale di circa
31.000 migranti giunti sull'isola, il 75% hanno chiesto il
riconoscimento dello status di rifugiati; e di questi oltre il 50% lo
ha ottenuto).
Stamattina 171 migranti (sbarcati da soli a Lampedusa), invece, SONO ARRIVATI da soli
SULL'ISOLA PRIMA CHE QUALCUNO LI AVVISTASSE, SFUGGENDO COSì ALLA EVENTUALE
"SELEZIONE"!
Chiaramente non abbiamo nessuna prova che tutto ciò (in particolare, la "selezione")sia realmente accaduto, ma in molti qui riteniamo che
le cose non possano che essere andate così.
Noi isolani, intanto, continuiamo a lottare per impedire l'istituzione del
centro di espulsione. Nel silenzio assoluto dei mezzi di informazione.
Se non è regime questo...!
La parolina è highlands: un invito ad emigrare verso isole più democratiche?

paola da Lampedusa | 04/03/2009 ore 16:21:03 | @

 

@alfamag: il film mi ha solo messo di malumore, ma non mi è piaciuto particolarmente.

maramaus | 04/03/2009 ore 15:32:35

 

Confesso. Ho letto il romanzo prima di andare a vedere Revolutionary Road. Il film è realizzato molto bene ma non riesce a descrive la complessità dei personaggi. Nei si comprende la profondità di Yates
@ninacinema: "e quando il sipario calò, parve un atto di misericordia"
@maramaus: l'America è solo lo scenario temporale di un vuoto disperato che solo John, il matto, riesce a percepire subendone le conseguenze
@roberto: lo dico? sei bravo e sensibile

alfamag | 04/03/2009 ore 15:17:48

 

Baricco su Repubblica: quando cerchiamo di abbozzare idee formate, schizzare modelli alternativi, immaginare soluzioni inedite, stiamo facendo un gesto lungo, sporto nel futuro: stiamo cercando di arrivare puntuali a un appuntamento che avremo tra anni: non domani, non alla prossima riunione sindacale, non alla prossima seduta della Commissione parlamentare, non alle prossime elezioni.

alfamag | 04/03/2009 ore 15:03:24

 

resto in argomento cinefilo e dico che finalmente la Golino mi ha convinto come attrice e "Giulia non esce la sera" è buono.

dario | 04/03/2009 ore 12:08:39

 

Due segnalazioni, da Repubblica di oggi.
- L'articolo di Baricco oggi su Repubblica. Un distillato di intelligenza che purtroppo è destinato a finire nella fognatura italiana.
- L'intervista di Maresco a Greco, gestore del cinema Lubitsch. Una storiella esemplare che purtroppo è destianata a finire nella fognatura cittadina.

roberto alajmo | 04/03/2009 ore 11:07:21

 

@maramaus: a me si contorcono e strizzano le budella se ascolto il telegiornale...

marina | 04/03/2009 ore 09:36:09

 

Vero Roberto, proprio così.

Nina | 04/03/2009 ore 08:50:47

 

Lo dico? Lo dico: in nessun momento di Revolutionary Road non ho immaginato già cosa sarebbe successo alla scena successiva.

roberto alajmo | 04/03/2009 ore 08:30:18

 

@Nina: "Revolutionary road" forse ti ha deluso perché il finale contorto, depresso e tragico non era imprevedibile. La faccina di Di Caprio è quella che è: lui è bravo, ha fatto passi da gigante dagli esordi, ma resta involontariamente levigato e somaticamente poco credibile. Kate Winslet è superba e il marito la dirige al meglio, ma è il film dramma-pastello (che vira verso il tragico un po' scolorato) che resta al palo per quel filo borghese che non si sfilaccia mai. E' vero, gli anni cinquanta della provincia americana saranno stati anni di grandi speranze (rock'n'roll) ma sono stati anche quelli del KKK. Kennedy era solo un adolescente e Sinatra un mafiso con una voce inarrivabile. L'altra volta, al cinema, ho incontrato un carissimo amico che mi guardava perplesso circa il mio estremo gradimento riguardo a The Millionaire: anche lui a dire che era discontinuo e bla-bla dlirante. Invece incantato da Revolutionary road. Gli era piaciuto perché gli si erano contorte e strizzate le budella. Vuole soffrire lui, al cinema. Vedevamo The Reader: alla fine del primo tempo, io ero tendente all'entusiasta. Lui un pochino perplesso. E pensare che si soffre e ci si contorce anche in questo film. Ma forse non c'erano i pastelli borghesi a farlo soffrire in maniera rassicurante.

maramaus | 04/03/2009 ore 08:25:14

 

Io: delusa da Revolutionary road. Di Caprio non cresce, la sua faccia da ragazzino non aiuta. La Winslet brava, si, ma ho passato il tempo a chiedermi chi altra avrebbe potuto sostenere quel ruolo. Strane sensazioni.
"la verità non si dimentica e col tempo si impara solo a mentire meglio" (o qualcosa del genere) questa la frase che mi è rimasta impressa.

Ninacinema | 04/03/2009 ore 08:09:10

 

In effetti, Maria, io ho sempre empiricamente capito perchè Briatore, per dire, voti a destra. Non ho mai capito perché voti a destra anche il suo cameriere.

roberto alajmo | 04/03/2009 ore 07:47:23

 

Leggi John Stuart Hall quando analizzava il consenso del popolo britannico alla Thatcher,all'epoca.Sta avvenendo la stessa cosa qui,la working class sposa gli ideali delle classi superiori,il regime si basa sul consenso,sempre dimostrato e mostrato dai sondaggi.

maria rossi | 04/03/2009 ore 06:33:15 | @

 

dimenticavo
I gialli erano ambientati a Milano e sono ottimi per la descrizione di certi ambienti dell'epoca

fara | 04/03/2009 ore 00:20:26

 

La penultim'ora sul regime soffice mi ha fatto pensare a Augusto De Angelis e al suo commissario De Vincenzi. De Angelis visse e morì durante il fascismo ed ebbe la possibillità di scrivere i suoi gialli. Con una clausola, non detta ad alta voce probabilmente ma sempre rispettata: gli assassini, i ladri, i truffatori dovevano essere tutti rigorosamente stranieri e gli italiani tutti buoni o al massimo trascinati nel vizio e nella turpitudine (adeguo il linguaggio all'epoca) dai "cattivi" stranieri.

ps
De Angelis morì nel '44, dopo essere stato in carcere per antifascismo, pestato a morte da un giovane fascista ma il clima non era più molto tollerante in quell'anno.

fara | 04/03/2009 ore 00:18:40

 

Io ho visto Il curioso caso di Benjamin Button.
Film fatto molto bene, e con ottimi effetti digitali (l'invecchiamento dei protagonisti).
Però è deludente. Non c'è niente del cinismo di Fincher.
Ne viene fuori un polpettone ben curato ma un po' lento e all'insegna del buonismo.

Ho in programma di vedere The reader. Ti saprò dire


fara | 03/03/2009 ore 23:46:52

 

Giusto, Fara: una favola è una favola, anche ai giorni nostri. Il volo pindarico, il salto ellittico, la sana contraddizione, la bella incongruenza: sono questi i crismi narrativi della favola, per Dio! Altrimenti facciamo il neo-neo-neorealismo (di cui io non sento nessun bisogno). The Reader è un film che non dovete perdere: qui nessuna favola, nessun lieto fine. Nessuna adrenalina vitalistica. Tormento e vittime e colpevoli e ragazzi che non furono coraggiosi. Con una Kate Winslet che avrà quel bel fondoschiena di cui giustamente si vanta, ma che recita divinamente. E il film, come The Millionaire, ha due momenti: un primo tempo di un certo tipo e una seconda parte di altro tenore. La critica più ricorrente e conformista da parte di pigri intelletttuali è che i due film soffrono di questa distonia, di questa dualità , di questa discontinuità: ma quando mai! e Dio buono, anche Full metal Jacket (con le dovute proporzioni) era due film in uno: l'irrangiugibile Kubrick ha segnato il solco: si può cambiare registro. E se i due registi dei due film non sono certamente grandi come Kubrick hanno però capito benissimo la sua lezione magistrale.

maramaus | 03/03/2009 ore 19:40:31

 

Maramaus neanche io ho letto i Versetti satanici. Ho il vago sospetto che la sua fama sia dovuta interamente alla Fatwa.

fara | 03/03/2009 ore 19:12:36

 

E si vede che a Rushdie non piacciono le favole. Penso che contesterebbe anche Pollicino (è assai improbabile che in una foresta una scia di mollichine di pane resista intatta per più di 30 secondi).


fara | 03/03/2009 ore 19:07:38

 

Ah, guarda: avevo giurato di leggere I versetti satanici, visto che giacciono (con miei sensi di colpa notevoli) in uno scaffale da una ventina d'anni. Beh, spergiuro!

maramaus | 03/03/2009 ore 18:58:46

 

@Roberto: giuro, io non porto attasso. Lo possono testimoniare i numerosi amici ai quali ho suggerito cosa fare se dotati artisticamente: quasi tutti riuscitissimi. Non sono il miglior portafortuna di me medesimo. Accidentaccio! (Cerco di mettere una toppa al turpiloquio di poco fa...).

maramaus | 03/03/2009 ore 18:56:31

 

Pare male doverlo dire, ma... su Rushdie io qualche perplessità l'ho avuta sempre.

roberto alajmo | 03/03/2009 ore 18:55:26

 

Roberto,a ma perché non inauguri una nuova rubrica? "Gli invidiosi (biliosi)", così la intitolerei.
Ieri Salman Rushdie sparava minchiate incommensurabili su The Millionaire (argomentazioni da bar dello sport dopo due bicchierini di troppo) e su The reader (a proposito, vi consiglio anche questo bel film con la sublime Winslet) e oggi leggo che quel filantropo di Bill Gates impedisce ai suoi bimbi di possedere e usare un I'pod o un mp3 perché apple. Ma dove è finita la sana ipocrisia cattolica?, diceva ieri o l'altroieri l'ottimo Michele Serra.
Si stanno sciarriando per il sindaco prossimo venturo di palermo city: o un cuffariano o uno di micciché. Sarebbe cosa buona e giusta pensarne uno di sinistra anche ultramoderata, ma figurati: col cazzo! Anzi, col cavolo (per rientrare nella sana ipocrisia eufemistica).

maramaus | 03/03/2009 ore 18:48:48

 

Antonia: bisognerà abituarsi a fare bricolage, con l'informazione.
Ora pure l'Unità barcolla: bastò che io e Gianni trovassimo una casa ospitale...

roberto alajmo | 03/03/2009 ore 18:47:11

 

Ho controllato...
Corriere online, repubblica online, Messaggero, la Stampa....niente di niente....

antonia | 03/03/2009 ore 18:42:46

 

Com'è che non ho trovato alcun cenno sui 100 milioni di € per Gaza sui giornali? Ho letto male?
Ma come, non abbiamo i soldi per gli assegni di disoccupazione per i precari...com'è che Tremonti non ha ancora smentito?

antonia | 03/03/2009 ore 18:39:08

 

Sapevate di Ovopedia?
http://www.ilbenecomune.net/2008/ovopedia-la-prima-enciclopedia-storica-in-videoclip-secondo-verso-berlusconiano/

antonia | 03/03/2009 ore 18:35:01

 

La generosità del nostro premier nei confronti degli egiziani non ha limiti: 100 milioni di euro per Gaza.
Per detassare le tredicesime o aumentare l' elemosina della social - card i soldi non ci sono, però per Gaza, l'Alitalia e le banche, si che ci sono!
Ci rassegneremo anche a questo.
Vi ricordate il" Tesoretto di Padoa - Schioppa ": sembrava il nome di uno di quei giochi di società in cui i partecipanti ( noi italiani ) pagavano più tasse per avere benefici fiscali in fururo ( ovviamente mai ricevuti ).

Lello | 03/03/2009 ore 09:58:58

 

Ma poi come ho potuto dimenticare il sindaco Cammarata, ospite credo di Ambiente Italia, con tanto di flechisi (rischiando, dice Cetta, una carriera da tennista)e con sorriso largo da La Torre al Lauria che sega la cancellata?
Per fortuna me ne sono accorto da solo sollevandovi dal triste incarico di avvisarmi.Immagino un giro di mail "glielodicitu?" "noiononmelasento"

Mingo | 03/03/2009 ore 07:59:02

 

caro roberto non dobbiamo mai dimenticare che sull'onda dell'emergenza vengono cavalcate le più odiose barbarie . e sul business energetico la cronaca siciliana ci ha già frantumato il sogno eolico...bisogna fare la rete...e se tanto mi da tanto un paese a vocazione turistico-rurale (facciamo tesoro di essere rimasti all'eta della pietra e diventiamo un museo antropologico a cielo aperto )non necessita di tali quantitativi energetici..se la sera si guardano le stelle le luci possono rimanere spente......un saluto a tutti i tuoi lettori.

giancarlo migliore | 03/03/2009 ore 07:44:42 | @

 

In effetti, Mingo, noi non te lo volevamo dire, ma...

roberto alajmo | 03/03/2009 ore 07:36:13

 

Come vedete, la cancellata davanti al mare di Mondello ha lasciato nella mia memoria un ricordo talmente indelebile che quando guardo il mare lo vedo, ancora oggi, a scacchi.Mi è rimasta la vista vintage..e quindi quel post è come se lo avessi scritto nel 2002!
Sono venti minuti che rido da solo!

Mingo | 03/03/2009 ore 07:34:07

 

mingo grazie del messaggio di servizio

vitalba | 03/03/2009 ore 02:55:05

 

Credo che la battaglia per la cancellata di Mondello sia come quelle eterne guerre che duravano decenni o secoli e (I^ guerra punica,II^ guerra punica...etc.etc.) e, almeno a scuola, non si capiva mai chi vinceva o perdeva.
Roberto ha invece perfettamente spiegato il senso di queste guerre palermitane.Sono guerre di posizione.Al di là delle grate ci sta il tuo diritto di fruire almeno della vista del mare.Non dico del mare stesso che sarebbe troppo. Insomma ricordati che sei un cittadino a sovranità limitata, molto limitata.Un apartheid dei diritti.(cfr. Gaber "Le elezioni"). A proposito, faccio più di un passo indietro, da quando qui si è parlato di Gaber non riesco più a staccarmi dalle sue opere.
Roberto tu chiedi chi se la sente di continuare una battaglia minima.Sinceramente non lo so. Non saprei cosa rispondere, avverto una certa stanchezza ma so che non bisogna mai rassegnarsi, almeno per dare un esempio ai nostri figli.L'altro giorno si parlava di lettura,o meglio letteratura e senso di colpa,e io ho scritto che proprio quando leggo non avverto alcun senso di colpa.Ho omesso però di dire che il senso di colpa lo avverto per tutto il restante tempo in cui non leggo...
La parolina è shampoo.Gaber,shampoo.

Mingo | 02/03/2009 ore 22:43:45

 

Comunicazione di servizio per chi fosse interessato:
UN ALTRO PAESE - 3 marzo 2009 Incontro/Aperitivo con Rita Borsellino e Carlo Lucarelli alle 18.30 al Blow up in Piazza Sant'Anna

Mingo | 02/03/2009 ore 21:55:56

 

-9 giorni allo spettacolo di Davide Enia a Terranuova in provincia di Arezzo. Cercherò di portarmi 6-7 non siciliani.

Gianluca | 02/03/2009 ore 20:38:17

 

@Antonia e Daniela
grazie ma il merito è tutto della Gelmini. Questa donna ti strappa le "battute" dalle dita

fara | 02/03/2009 ore 19:21:09

 

Ho sempre odiato Mondello d'estate, l'ho sempre amata in inverno.
Detestavo gli sbarramenti, i blocchi, i tickets, le moto e le macchine ovunque...ma era bellissimo il colore del cielo e del mare nelle giornate limpide d'inverno. Ma anche nei giorni di tempesta Mondello era splendida.
L'ultima volta che ci sono stata, mi sono "coccolata" prendendo una stanza alla Torre con vista mare...e Mondello. Splendido

antonia | 02/03/2009 ore 18:30:28

 

Non ho resistito. La battuta di Fara è andata subito in Chi legge, chi scrive. Con una bella immaginetta a corredo.

Daniela | 02/03/2009 ore 17:21:36

 

Io invece ricordo uno dei cavalli di battaglia del primo Panella: "Mai per più di una legislatura!!!"

federico | 02/03/2009 ore 16:44:33 | @

 

Il mio primo voto da diciottenne-non-consapevole andò al carisma di Pannella... avevo la giacca di renna e gli zoccoli ai piedi, al cinema uscivano E.T. e Blade Runner, l'Italia vinceva il mondiale in Spagna, era il lontano 1982 e tutto mi sembrava possibile.

marina | 02/03/2009 ore 16:33:58

 

@Roberto: la penultimora ha riaperto un vecchio ricordo. Bologna, portici di Piazza Maggiore, estate 1978 (viaggio in giro per l'italia subito dopo il diploma); il parere più diffuso sugli esponenti del partito radicale era "esponenti della CIA infiltrati a sinistra per sabotarla". Lungimiranza?

Giuseppe | 02/03/2009 ore 14:06:47

 

Apro una parentesi: Il TASCIO A MONDELLO.
Dal punto di vista sociale, Mondello è un ottimo laboratorio. Il borgo marinaro è infatti frequentato ( turisti stranieri a parte) da tutti gli strati sociali della popolazione palermitana, dal tascio al ricco imprenditore, dall' impiegato all' intellettuale.
Mi sofformo sul TASCIO.
Di solito egli si aggira in branco, a petto nudo, con l' infradito pieno di sabbia e la sigaretta appoggiata sul labro.
Lo vedi in giro per il paese con lo stereo della macchina a tutto volume ( musica napoletana o house, ovviamente ).
Di solito 3, 4 famiglie occupano una cabina che diventa così la casa di villeggiatura per i 3 mesi estivi.
La cabina serve per tutto:ripostiglio, cucina e, soprattutto, garsoniere.
Mi fermo qui.
Questo è solo un piccolo racconto del mio libro: " Volevo nascere TASCIO".

Lello | 02/03/2009 ore 13:20:50

 

@Roberto.
Devi sapere che io a frequento Mondello soltanto durante i mesi invernali, cioè quando la mia vista non è offesa da quelle orrende cabine che rovinano una dei lidi più belli del mondo.
Vorrei proporre una raccolta di firme per abolire cancellata e cabine. Capisco che il popolino insorgerà perchè non saprà più dove cucinare " a paista a u fuinno ", però forse avremo quelche turista in più che tornerà al suo paese parlando bene di Palermo e del suo mare.

Lello | 02/03/2009 ore 13:08:20

 

Bella, fara

antonia | 02/03/2009 ore 11:56:50

 

Sono preoccupata.
Leggo (L'Unità) che i genitori bocciano la Gelmini.
Significa che dovrà ripetere il ministero?

fara | 02/03/2009 ore 11:40:28

 

Lo so Vitalba se ne era già parlato qualche giorno fa

fara | 02/03/2009 ore 11:30:14

 

è trieste non treviso

vitalba | 02/03/2009 ore 11:13:46

 

a fara

a treviso una ronda è stata intitolata allo squadruista ettore muti. stanno ritornando i tempi bui delle squadraccie fasciste nell' indifferenza di molti per non dire di tutti.


vitalba | 02/03/2009 ore 11:07:05

 

Ministro dici? Ma Campanile era intelligente! L'assurdo e il surreale lui si limitava a descriverlo non a praticarlo

fara | 02/03/2009 ore 10:35:23

 

Achille Campanile (che nell'Italia di oggi dovrebbe essere perlomeno ministro) si sarebbe preoccupato del problema concentrico: chi proteggerà i protettori dei protettori?

roberto alajmo | 02/03/2009 ore 10:20:29

 

Certo che è divertente! Carabinieri e polizia da oggi in avanti saranno impegnati a proteggere le ronde governative dall'ira dei cittadini "civili" sotto gli occhi degli immigrati non clandestini. A Padova ci sono state le prove generali. E non è escluso che mentre le forze dell'ordine erano impegnate a difendere i rondaioli dai "civili" nei vicoli vicini si consumavano impunemente scippi, furti e stupri

fara | 02/03/2009 ore 10:13:54

 

No, Diana, adesso è tutto chiaro: una cosa è un rosario fatto in Romania, a migliaia di chilometri dal Vaticano, e una cosa in Italia, dove il Vaticano è vicinissimo. L'efficacia di un rosario italiano è molto superiore. Con uno rumeno tu preghi, preghi, e il miracolo non avviene mai.

roberto alajmo | 02/03/2009 ore 06:22:52

 

@Roberto:Le prime notizie che hanno dato dicevano:maxisequestro di rosari contraffatti,con l'immagine del papa..,e anche io allora mi sono chiesta:ma che vuol dire?come si contraffà un rosario?, poi invece hanno chiarito che c'era scritto Made in Italy mentre venivano dalla Romania..Mah!cmq secondo me può quasi aspirare alla...rosa,appunto, degli award:)

Diana | 02/03/2009 ore 02:27:02

 

E' nato www.livesicilia.it. C'è una bella intervista al padrone di casa di questo blog

Romp | 02/03/2009 ore 00:13:18 | @

 

C'erano una volta, nel basso medioevo, la Langobardia e la Romania. La Langobardia comprendeva i territori conquistati dai barbari (sia nel nord che nel sud dell'Italia) la Romania era ciò che rimaneva dell'impero romano. Nella penisola italiana corrispondeva grosso modo all'odierna Emilia-Romagna in Europa alla Romania.

C'è da meditare

fara | 01/03/2009 ore 09:35:43

 

roberto, è sempre colpa dei soliti rumeni bugiardi e traditori :P
ma come si permettono a scrivere "made in italy"???

lasirenetta | 01/03/2009 ore 07:55:25

 

Rosari contraffatti? in che cosa consiste la contraffaccenda?

roberto alajmo | 01/03/2009 ore 06:29:05

 

visualizza commenti: 15 | 50 | 100 | 200


Archivio Messaggi 

:: Anno 2018 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 
:: Anno 2017 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 
:: Anno 2016 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 
:: Anno 2015 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 
:: Anno 2014 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 
:: Anno 2013 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 
:: Anno 2012 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 
:: Anno 2011 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 
:: Anno 2010 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 
:: Anno 2009 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 
:: Anno 2008 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 
:: Anno 2007 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 
:: Anno 2006 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 
:: Anno 2005 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 

^ TORNA SU | TORNA INDIETRO | TORNA ALL'HOME


Inserisci messaggio


nome 
email 
messaggio 
antispam 
  digitare la seguente parola



^ TORNA SU | TORNA INDIETRO | TORNA ALL'HOME