Vai ai COMMENTI...

Ultimi commenti

Grazie a te, grazie a Sandro Veronesi e grazie...
.:Roberto Alajmo | @:.
.:21/11/2018 | 11:39:01:.

Contenta che Milano ti abbia accolto con...
.:Manuela | @:.
.:18/11/2018 | 23:16:42:.

Grazie, Fernando. Ne approfitto per segnalare...
.:Roberto Alajmo | @:.
.:28/10/2018 | 18:35:46:.

Ciao Roberto,
primo di tutto dirti che...

.:Fernando | @:.
.:27/10/2018 | 14:29:59:.

..ci conto. Manuela...
.:Manuela | @:.
.:14/09/2018 | 23:08:28:.

Vai ai COMMENTI...



Menu riservato:

il forum di Roberto Alajmo, scrittore




il forum

INSERISCI COMMENTO
INDICE ARCHIVIO MESSAGGI


Avviso ai naviganti palermitani. Camela è una mia amica che ha deciso di licenziarsi dalla Sellerio di Mondello per aprire una libreria tutta sua, in via Villareale, a pochi metri dalle principali librerie cittadine.
Voi sapete quanto mi siano simpatici i matti: lei meriterebbe un numero monografico del Repertorio.
Va assolutamente aiutata.
 

RA | 31/12/2005 ore 12:39:00 | @

 

A me piace molto Roberto Alajmo (e questo credo sia noto) ma mi piace anche e per motivi diversi Santo Piazzese, in particolare il primo romanzo I delitti di via Medina Sidonia. E' un giallo, e come tale ha un'ottima struttura narrativa, a me pare. E poi mi piace molto lo stile, ironico e molto "palermitano". Ho riconosciuto tanti modi di dire e di comportarsi dei palermitani di una certa fascia sociale, mi sono divertita parecchio. Piazzese, sia detto per inciso, non piace solo ai palermitani: ho parecchi amici milanesi e veneti (robusti lettori, vi garantisco) che lo apprezzano e mi è capitato che acquistino i suoi libri prima di me... Alajmo e Piazzese sono diversi, non mi sembra il caso di fare il tifo da stadio a favore dell'uno o dell'altro...
 

gabriella | 30/12/2005 ore 16:11:00 | @

 

Ovvio che non c'è solo Alajmo in fondo, ci mancherebbe. Ma PER FORTUNA non c'è solo Piazzese, PER FORTUNA! Anche se di pappe omogeneizzate ce ne vengono propinate parecchie in giro...
 

greg | 30/12/2005 ore 14:26:00 | @

 

Continuo a dire che non sono d'accordo. Viva gli scrittori palermitani :Piazzese, Di Cara,Cacciatore, Conoscenti, Palazzotto, Gebbia, Ambrosecchio...scusate se non ho scritto qualcuno!!!!
 

Cz | 30/12/2005 ore 12:27:00 | @

 

Infatti, non si può contestare che anche il buon Piazzese ha un suo stile: quello della pappa omogeneizzata, appunto. Mica è colpa sua. De gustibus...
 

greg | 30/12/2005 ore 12:13:00 | @

 

Caro Greg, premetto che Roberto Alajmo, é uno dei miei scrittori preferiti, insieme ad Erri De Luca, Veronesi, Carlotto, Murakami, Bartlett e Carofiglio... Certo Piazzese non é tra i miei scrittori preferiti ma non sono d'accordo con te, non é vero che la sua scrittura è pappa omogeneizzata!!! E poi vedi che anche Santo Piazzese é molto amato dai palermitani, la sua srittura é dignitosissima, precisa e attenta, soprattutto con il suo primo libro, i delitti di Via Medina Sidonia e tante persone aspettano l'uscita del suo prossimo libro. Anche lui scrive di Palermo e poi ogni scrittore ha il suo stile!!!! Quindi Viva Alajmo ma anche Piazzese.


               











 

cz | 30/12/2005 ore 10:12:00 | @

 

Quanto mi mancate, nell'ennese, cari amici. Però, allo stesso tempo, è un'esperienza interessantissima vivere un po' fuori dal mondo dal lunedì al venerdì (non ho collegamento ad Internet, vado ala lavoro in treno, ascolto la musica dal mio lettore MP3 a vlume basso, cosa che a Palermo non posso proprio fare, cammino per le strade del paesino dove lavoro e sento solo il rumore dei miei passi) e poi ributtarmi nel caos palermitano il venerdì. Mi fanno compagnia i libri, e per adesso sto leggendo il romanzo di Veronesi, che è molto bello, affatto omogeneizzato. Non c'è solo Alajmo, in fondo...
 

Daniela V. | 29/12/2005 ore 16:14:00 | @

 

Caro Roberto,
come ho già avuto modo di riferirti trovo il primo capitolo del tuo nuovo romanzo davvero intrigante. L’ironia, talvolta tragica, che traspare un po’ da tutte le tue opere pare esplodere in queste prime pagine. Ho l’impressione, peraltro, che stavolta (ma ho ancora troppo pochi elementi per stabilirlo) tu stia proponendo qualcosa di diverso rispetto ai due precedenti romanzi (mi riferisco a “Cuore di madre” e “È stato il figlio”) dove emergevano personaggi tragici, paradossali, che finivano con il diventare loro stessi vittime della propria inettitudine. Qui, invece, non so perché, mi si prefigura in mente un personaggio meno vittima degli altri, più - come dire - sornione. Ma è solo una (forse prematura) impressione.
Per quanto concerne la scrittura non ho alcun appunto da farti. Il tratto è tuo, si vede. Ancora una volta sei andato a caccia di aggettivi, avverbi ed espressioni auliche.
Per il resto… che dirti? Parti in quarta e riesci a catturare subito il lettore. E anche la scelta di utilizzare come io narrante la seconda persona singolare esalta il tono ironico e tragicomico dell’incipit.
Una sola domanda? Hai utilizzato, o pensi di utilizzare, la seconda persona singolare per tutto il corso della narrazione?
P.S. Grazie ancora per avermi concesso il pezzo per il mio blog
 
 

Massimo Maugeri | 29/12/2005 ore 15:20:00 | @

 

Scusa Roberto sto cercando di fare il download
per capire il gioco.
Credo che non ci sono riuscita o forse stasera la connessione fa le bizze.
 
 

Marzia | 28/12/2005 ore 06:53:00 | @

 

Ciao Roberto.
Sono capitata per caso( tramite un conoscente) nel sito e ora nel tuo blog.
Ho un blog sulla piattaforma Splinder ma funziona diversamente e devo capire qua come districarmi.
Mi è piaciuto quanto hai scritto su
http://letteratitudine.blog.kataweb.it/letteratitudine/ 2006/10/pubblicare_su_r_1.html
e ti ho lasciato un breve commento.
Mi sono imbattuta la settimana scorsa in Diego De Silva ( credo conoscerai..) e l'ho contestato.
Ti scrivo questo perchè tu capisca che so essere una rompiscatole quindi ciò che ti lascerò sarà onesto.
Mi chiedevo se conoscessi o meno un giornalista amico di Riccardo Orioles. Si chiama Sebastiano Guslisano.
Scusami la logorrea, ma è la prima volta che incrocio uno scrittore senza boria.
Grazie anche per questo :)
Marzia
da Salerno
 
 

Marzia | 27/12/2005 ore 23:56:00 | @

 

Ho letto con piacere "Palermo è una cipolla". Non faccio lo scrittore di professione, ma mi permetto il lusso di dire ciò che penso e di scrivere ciò che dico sul mio blog ... sperando che serva a qualcosa. Cordialmente DD
 

Donato Didonna | 27/12/2005 ore 22:39:00 | @

 

Cara GJ,
da palermitano a Palermo manco io riesco ad avere una copia del primissimo Repertorio (che comunque è stato inglobato nelle edizioni successive). Se vuoi l'oggetto-libro, non posso accontentarti. Ma dell'Almanacco sì, ne ho ancora qualche copia. Quando sarai a Palermo fatti viva e organizziamo uno scambio libro-caffè.
 

RA | 27/12/2005 ore 21:01:00 | @

 

Sono d'accordo. FORZA ITALIA. Bisogna cominciare ad avere il coraggio di riappropriarsi di una formula che per troppo tempo ci è stata scippata. E' ora di darsi una mossa semantica. Forza Italia.
 

Gabriella | 26/12/2005 ore 19:57:00 | @

 

Attenzione! va bene "Forza Italia!" il giorno della finale... vinta. Ma poi non vi lamentate se Totò ringrazia.
 

alfio F. | 24/12/2005 ore 03:48:00 | @

 

Forza Italia
 

Roberto Puglisi | 23/12/2005 ore 15:37:00 | @

 

bello essere realisti.. ma si rischia anche di esserlo troppo. Non vorremo mica aspettare l'apparizione in commercio del "cofanetto Alajmo" alla memoria? Guardate che gli editori - soprattutto quelli italiani - sono molto più distratti di quello che si pensa. Perché non proviamo semplicemente a fare pressione? Basta inviare una lettera, un'e-mail, ogni tanto, ma farlo in gruppo è meglio. Anche se siamo quattrogatti potremmo dare un segno sufficiente almeno a far nascere l'ipotesi di un piano delle ristampe. Ovviamente i quattrogatti di questo blog dovrebbero anche segnalare il loro scontento ad altri quattrogatti... tipo quelli di Vigata.org e poi continuando raccogliere una piccola mandria di lettori randagi... niente di straordinario in fondo.
 

Alfio f. | 23/12/2005 ore 14:54:00 | @

 

Caro Gregorio, purtroppo Roberto Alajmo non é nè Coelho, néDan Brown! Ai grossi editori importano soltanto i numeri: Lo sai quante cose belle vanno fuori catalogo o non vengono mai pubblicate per questa ragione? Non importa il nostro scrittore preferito ha già vinto la sua partita.Credo che prima o poi li ripubblicheranno, é solo questione di tempo.
 

Cz | 22/12/2005 ore 17:13:00 | @

 

cara CZ, non ci resta che fare una petizione o manifestare davanti le sedi di Garzanti e Feltrinelli...forse a furor di popolo riediteranno anche le altre due opere...
 

greg | 21/12/2005 ore 16:35:00 | @

 

Caro Roberto buone vacanze!


               











 

Cz | 19/12/2005 ore 08:50:00 | @

 

Caro Gregorio, anch'io amo molto la scrittura di Roberto. Peccato che " le scarpe di Polifemo" e " notizia del disastro" sono fuori catalogo: avevi ancora altre due cose belle da leggere.
 

Cz | 19/12/2005 ore 02:24:00 | @

 

Se volete anche leggere di una Palermo di "mezzo", leggera e un po' irreale come lo era la città degli anni Sessanta (prima di ripiombare sotto una pesantissima cappa grigia), provate a leggere "Yesterday" di Giammauro Costa (Sellerio anche lui come Piazzese, e giornalista Rai come Alajmo). Niente contrapposizioni, solo punti di vista e di approdo letterario diversi per un 'unica realtà che si può sfogliare come una cipolla.
 

raffaella C. | 18/12/2005 ore 11:28:00 | @

 

A parte la vecchia e la nuovissima bibliografia su Palermo, vi segnalerei un testo, scritto da un oriundo Palermitano, ossia figlio di palermitani emigrati in Umbria, di qualche anno fa.
Il libro si chiama 'Progetto kalhesa, il presunto autore, sotto pseudonimo, sarebbe Ismé Gimdalcha, ossia, Giancarlo De Carlo, Arch. umbro di origini siciliane, che venne interpellato insieme ad altri presunti 5 saggi (c'erano Benevolo e Di Cristina, non ricordo gli altri), nel famoso piano .programma per il centro storico di Palermo, negli anni '70.
Un testo illuminante sulla strumentalizzazione politica di certi professionisti impegnati, sualla denuncia di un sistema sostanzialmente fatto di apparenze, sulla coscienza, dell'inutilità del proprio fare e della consapevolezza di essere stato solo uno strumento passivo, nonché, con bei tocchi ironici, su un certo mondo accademico locale, molto interessato ad altro, che non a quello che succede realmente.
l'Ho letto, e ve lo consiglio.
 
 

Uma | 17/12/2005 ore 17:39:00 | @

 

Ottima l'idea di lavare in piazza il primo capitolo. Vado a insaponare.
Ho letto tutto con piena condivisione, impuntandomi su dio (passo la mia sensazione, del tutto personale, ovviamente: potrebbe davvero esistere ma potrebbe essere fortemente malato, forse moribondo, forse depresso perfino dall'idea di non poter sperare in una serena morte o in uno spettacolare suicidio...).
La seconda impuntatura l'ho avuta nel finale. Borges è banaluccio. Come il Mulino Bianco e i Baci Perugina. Se viene usato come provocazione va bene (per la serie: vi cito la nutella e non conoscete nemmeno quella, bastardi!) altrimenti potrebbero esserci almeno due soluzioni. Verso l'alto, cercare una analoga citazione nei testi indiani orientali o nortamericanos ante frontiera. Verso il basso citando qualcosa di simile alla vecchina che chiede dove deve scendere per la mondezza, cioé citare un pezzetto di popolo che di certo sa esprimere il medesimo abusato concetto di Borges. Tertium, Prodi. "La mia personale esperienza di vita, ecc, ecc, ecc..."
Non so se sono stato di aiuto. Ma la buona volontà c'era. Buon lavoro e molti, molti complimenti.


               











 

mariano guzzini | 17/12/2005 ore 11:27:00 | @

 

Vi ringrazio tutti, molto. In ordine sparso:
- Non conosco personalmente Gulisano, ma solo di firma.
- La seconda persona rimarrà per tutto il romanzo. Mi interesserebbe sapere se risulta faticosa alla lettura.
- Il protagonista è un "vinto" che diventa tale dopo essere stato a lungo vincitore, e vincitore dei più odiosi. Mi interessa la tecnica della caduta.
Infine: il testo ha già subito delle trasformazioni sulla base delle vostre segnalazioni. Penso di lasciare il primo capitolo per ancora una settimana e poi passare al secondo, se ne varrà la pena. Buona lettura, intanto.
 

RA | 16/12/2005 ore 18:54:00 | @

 


Può darsi, MG.
Il fatto è che non sono io a citare Borges, ma l'alter ego del protagonista, quello che gli dà del tu. Non sono io che faccio sfoggio della mia cultura, ma lui che fa sfoggio della sua. Però ci penso su, e forse...
 
 

RA | 16/12/2005 ore 15:47:00 | @

 

Carisoprodol... carisoprodol.
 

carisoprodol | 15/12/2005 ore 00:59:00 | @

 

visualizza commenti: 15 | 50 | 100 | 200


Archivio Messaggi 

:: Anno 2018 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 
:: Anno 2017 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 
:: Anno 2016 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 
:: Anno 2015 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 
:: Anno 2014 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 
:: Anno 2013 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 
:: Anno 2012 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 
:: Anno 2011 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 
:: Anno 2010 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 
:: Anno 2009 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 
:: Anno 2008 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 
:: Anno 2007 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 
:: Anno 2006 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 
:: Anno 2005 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 

^ TORNA SU | TORNA INDIETRO | TORNA ALL'HOME


Inserisci messaggio


nome 
email 
messaggio 
antispam 
  digitare la seguente parola



^ TORNA SU | TORNA INDIETRO | TORNA ALL'HOME