Vai ai COMMENTI...

Ultimi commenti

Grazie a te, grazie a Sandro Veronesi e grazie...
.:Roberto Alajmo | @:.
.:21/11/2018 | 11:39:01:.

Contenta che Milano ti abbia accolto con...
.:Manuela | @:.
.:18/11/2018 | 23:16:42:.

Grazie, Fernando. Ne approfitto per segnalare...
.:Roberto Alajmo | @:.
.:28/10/2018 | 18:35:46:.

Ciao Roberto,
primo di tutto dirti che...

.:Fernando | @:.
.:27/10/2018 | 14:29:59:.

..ci conto. Manuela...
.:Manuela | @:.
.:14/09/2018 | 23:08:28:.

Vai ai COMMENTI...



Menu riservato:

il forum di Roberto Alajmo, scrittore




il forum

INSERISCI COMMENTO
INDICE ARCHIVIO MESSAGGI

Messi (e non Pastore) male siamo caro Lello , mezzo Palermo al PSG e mezza squadra a mezza italia.

Quest'anno non ci salva nessuno, hai ragione tu il sindromo Samp mi fa paura.

Io mi consolo col PSG anche se non prendono subito Balzaretti e Amauri, ci sarà sempre un pezzo di Palermo.

Bien à vous

gippe | 31/08/2011 ore 23:15:16 | @

 

...non so se avete seguito lo spostamento lessicale da tassa di solidarietà (quando si doveva mettere) a supertassa(quando si doveva levare)!

rosita | 31/08/2011 ore 20:41:43

 

x Roberto Alajmo

concordo...e che teste dure che hanno ste gazzelle!:)mi autodenuncio pure io come "radical chic":)...

rosita | 31/08/2011 ore 20:39:52

 

Come disse quel tizio, quando sento parlare di "recupero dell'evasione" metto mano alla pistola....

Gianluca | 31/08/2011 ore 19:42:38

 

Le gazzelle hanno ufficialmente smesso di farmi pena.
Posso dirlo o spunta qualche censore ad accusarmi di radicalismo-chic?

roberto alajmo | 31/08/2011 ore 19:33:59

 

per forza Lello, se ancora non si è riusciti a far capire alle gazzelle che non devono votare per i leoni:)

rosita | 31/08/2011 ore 18:47:43

 

L' unica cosa che ho capito della manovra, è che a pagare sono sempre i soliti fissa, ma questa non è una novità.

Lello | 31/08/2011 ore 16:12:20

 

No Gippe, il Palermo " balla " anche senza il mitico Arbore.
E mi ricorda terribilmente la Samp dello scorso anno.

Lello | 31/08/2011 ore 13:46:49

 

Caro Don Diego, parafrasando Mercedes Souza, "Nada cambia" in quest'isola incantata

fara | 31/08/2011 ore 12:45:33

 

Assunzione "a contratto" della figlia di un dirigente generale, giornalisti e relative compagne (con curriculum che comprendono l'insegnamento dell'aquagym)inviati all'Ufficio di Bruxelles, entusiasmo per il progetto di costruire un tempio forse mai costruito e di vendere il "brand" della Valle dei Templi. Queste le pubbliche dichiarazioni.

Si dice in siciliano: "ma runni i pigghiano, ru saccu?"

Don Diego | 31/08/2011 ore 12:23:38

 

A Stoccolma un genitore italiano ha mollato due ceffoni al figlio: tre giorni di carcere, obbligo della firma fino al 5 settembre, giorno del procedimento dinanzi al giudice. Un fulmine a ciel sereno per il povero turista; oltre al disagio e all'umiliazione, spese enormi: di soggiorno forzato a Stoccolma di moglie e figlio, avvocato italiano e avvocato svedese, altri oneri processuali.
La Svezia è il primo paese che sanziona le punizioni corporali verso i figli. Noi a che posto siamo nella graduatoria? All'ultimo posto?, dopo i paesi arabi?
Senza dubbio in Svezia si esagera. In nome dell'umanità si eccede in disumanità. Però il principio è giusto. Siamo così esigenti da non permettere che un docente tocchi neanche con un dito il proprio allievo. A casa invece i genitori sono domini, sfogano a volte con violenze verso i figlioli le loro incazzature, depressioni, frustrazioni, eccetera. Non è giusto. In Italia c'è il reato di maltrattamenti, ma si tratta di violenze sistematiche e gravi, una fattispecie diversa. Ma uno schiaffo dato ad un fanciullo o a un adolescente può lasciare segni gravi, psicologicamente. Insomma il problema delle punizioni corporali verso i figli piccoli va posto nella nostra società e possibilmente risolto con una norma che non contempli, per carità, l'arresto del genitore manesco, ma preveda una graduazione di ordini, ingiunzioni e sanzioni che sì, non vadano a turbare gli equilibri delle famiglie, però costituiscano un efficace deterrente contro un costume residuato da una tradizione ottocentesca non proprio civile.

Antonio Carollo | 31/08/2011 ore 12:06:08

 

A quanto pare funziona come al gioco dell'oca: per arrivare primi bisogna fare il numero esatto. Quindi al penultimo giro devi essere almeno a due caselle dal traguardo: se ti fermi in quella immediatamente prima, con due dadi non puoi vincere.

roberto alajmo | 31/08/2011 ore 11:28:21

 

A proposito di mestieri usuranti se ne deduce che ad avere la meglio sono i "numeri tre".

fara | 31/08/2011 ore 10:14:06

 

Grande Arbore, che ne pensi Lello se gli facciamo allenare il Palermo ?
Bien à vous

[LINK]

gippe | 30/08/2011 ore 22:24:01 | @

 

Questa è meglio...

[LINK]

Lello | 30/08/2011 ore 16:06:30

 

Ci sta...

[LINK]

Lello | 30/08/2011 ore 16:02:51

 

AFFLUENZA Non so che dire: non è facile di per sé; per me così lontana da Palermo è ancora di più difficile. Ripeto: il paragone con Paolini è inopportuno per un sacco di varianti. Paolini con il suo spettacolo “uomini e cani” intendeva ricordare Jack London, cosa assai più leggera del ricordo di un uomo coraggioso fatto fuori dalla mafia. Qui "..un uomo, un cane e il grande Nord...il sentimento del passaggio della frontiera di un mondo, l'estraneità della natura circostante, il senso della propria solitudine..." A Palermo un uomo solo nella sua terra, nel suo stato, in mezzo alla sua gente…
C’è qualcosa tuttavia che tocca le persone e su questo è necessario riflettere, sia che la gente accorra per Gesù Cristo, per Mussolini o per Michael Jackson.
C’è da aggiungere che quella di Domenica sull’altopiano di Asiago era una manifestazione con lo scopo di finanziare un progetto della zona rivolto ai giovani. Paolini dava così il suo contributo. Con questo non voglio incensare Paolini (che non conosco in maniera approfondita) né togliere nulla agli oratori di Palermo, in particolare a Roberto. Ma se ciò ci fa riflettere è cosa buona.(Non aggiungo "e giusta" perchè pure questo è un termine... complesso) [LINK]

Gilda | 30/08/2011 ore 15:39:36

 

Penultim'ora
Ma chi è il n°1 ? Dopo la morte di Osama, non ne hanno eletto qualcuno? Non c'è più il terrorismo di una volta...

Lello | 30/08/2011 ore 15:26:37

 

è solo stanchezza e sfiducia come dar loro torto quando taluni persino dell'antimafia hanno fatto una holding?

lina | 30/08/2011 ore 12:26:13

 

Se permettete, per me la mancanza di una buona affluenza di pubblico a manifestazioni come le ricorrenze degli assassinii di Libero Grassi e di Paolo Borsellino è un preoccupante indizio di ricaduta dei palermitani nel solito fatalismo e nella solita cronica rassegnazione. Brutto segno.

Antonio Carollo | 30/08/2011 ore 11:53:34

 

Al quinto rigo c'è un la in più.

A.C. | 30/08/2011 ore 11:40:40

 

Quando si tratta di approfittarsi di una persona incapace di concepire reazioni più o meno 'violente' contro azioni ingiuste nei suoi confronti, e si tratta per giunta di una donna, vedi il caso Concita De Gregorio, ho la netta impressione che non ci sia né destra né sinistra. Può darsi che la nuova collocazione in Repubblica la soddisfi la De Gregorio dal punto di vista professionale ed economico. Solo lei può dirlo. Rimane lo strappo di stampo autoritario verso una donna, una professionista che aveva lavorato bene nel giornale che dirigeva. Vedere adesso una ex direttrice (o direttore) intruppata tra le milizie dell'ossessionante guerra al berlusconismo francamente mi lascia perplesso. Mi auguro di sbagliarmi e che alla brava Concita sia già riservata un'ambita stanza da editorialista a tutto campo; da quel che vedo però non sembra.

Antonio Carollo | 30/08/2011 ore 11:36:45

 

Cara Adriana, siccome non sono un teorico, mi spiego sempre meglio con gli esempi. Il fatto che miliardi e miliardi di mosche mangino cacca, non mi convince a farmi piacere la cacca.
All'opposto: il fatto che il fois gras sia considerata una leccordia per pochi privilegiati, non mi induce a farmi piacere il fois gras.

roberto alajmo | 30/08/2011 ore 11:17:29

 

Roberto,vorrei che mi spiegassi meglio il concetto della quantità che ti sembra
fuorviante...come fai a capire la partecipazione delle persone alle idee o alle emozioni...se non misurandola con parametri obiettivi come la "conta" visto che è difficile quantificare la buona fede e laconcretezza dell'adesione.
Se mi spieghi,ti ringrazio

adriana | 30/08/2011 ore 10:05:38

 

@ Adriana ciao: spero sia andata bene anche a tua nipote!
@Sì, in effetti è un rapporto complesso quello tra numero presenze ed evento. Ma una consistente e inattesa presenza (se ne aspettavano metà per Paolini) è pur sempre segno di partecipazione e un perché ci sarà pure. Paolini è bravo, ha indubbie doti di affabulatore, dal momento che se ne stavano buoni ad ascoltarlo persino bimbi piccoli e cani. Ma sicuramente non è tutto lì. Riesce a far pensare. E di questi tempi non è poco. Queste non sono che poche considerazioni e non certo esaurienti. Con questo non voglio certo fare paragoni con Palermo. Non si può proprio.

Gilda | 29/08/2011 ore 23:12:19

 

Mah... ho sempre diffidato dei ragionamenti basati sui numeri delle folle: non c'era nessuno, c'era un sacco di gente.
in generale le quantità, in un senso e nell'altro, mi sembrano fuorvianti.

roberto alajmo | 29/08/2011 ore 22:24:00

 

Ciao,Gilda...allo Steri,ebbene sì c'erano le poltrone ma non tremila persone...ahimé,i palermitani a volte hanno la memoria corta...

adriana | 29/08/2011 ore 19:03:24

 

Vi ho pensato ieri sera allo Steri. Io invece stavo ascoltando Paolini, sulla cima del monte Corno (1384m) nell'altipiano di Asiago. Arrivati tutti a piedi dal parcheggio, discreta salita di mezz'ora, un po' seduti e un po' sdraiati sul prato, facevamo tanto "figli dei fiori" Più di tremila. Qualche piede del vicino in bocca. Non ha parlato del PD ma di cani e di padroni più cani dei cani. Una metafora? Ha detto che si impazzisce insieme, ma poi si rinsavisce uno alla volta e ci vuole molto tempo. (Sempre che si rinsavisca)Vi ho invidiato: c'erano le poltrone allo Steri, vero?

Gilda | 29/08/2011 ore 17:52:34

 

Non ho avuto il tempo di leggere l'articolo di cdg, ma conoscendola non credo che accetterebbe compiti da bassa macelleria.
E poi ho una speranza: che almeno su Repubblica la qualità delle scrittura sia ancora un valore su cui si fonda il prestigio di un giornalista.

roberto alajmo | 29/08/2011 ore 17:41:44

 

Non so di quali colpe si sia macchiata Concita De Gregorio per essere estromessa dalla direzione de L'Unità dalla sera alla mattina. Lei zitta. Adesso la ritroviamo a Repubblica. Oggi mi ha fatto tenerezza: l'hanno impiegata a fare un chilometrico pastone di tutte le corruzioni galleggianti nel centrodestra per fare da contraltare alla pagina sulla corruttela dilagante di Sesto San Giovanni. Un lavoro quasi burocratico. Credo che Concita abbia le credenziali per meritare di più. Una che ha diretto con onore un quotidiano in posizione difficile come L'Unità in questi anni dovrebbe occupare un posto di editorialista tout court, non quello di addetta alla bassa macelleria dei meandri puzzolenti della politica.

Antonio Carollo | 29/08/2011 ore 16:37:59

 

Penati, il suo silenzio lo inchioda. Di fronte alle caterve di accuse dei Pm, ed ora di un giudice (Gip), in tanti mesi non ha cotrobattuto una virgola. Bersani dice che è una vicenda dolorosa non un'infamia ributtante da fare ingoiare ai responsabili. Spero che l'indagine interna non sia ipocrisia; qui non c'è da cacciare soltanto un indegno dal partito, c'è da rivoltare lo stesso partito come un calzino. Solo quando Bersani avrà dimostrato l'estraneità della dirigenza nazionale dai gravi fatti di concussione e corruzione in quel di Lombardia il Pd potrà recuperare la sua onorabilità. Quindi Bersanino si dia da fare giorno e notte per verificare come stanno veramente le cose, altrimenti per lui e per quelli che gli stanno vicino c'è la porta bene spalancata.

Antonio Carollo | 29/08/2011 ore 13:58:31

 

Ok Roberto. Grazie. Anch'io vi penserò stasera lì allo Steri. Anzi proverò a mandare un pensiero telepatico.

Gilda | 28/08/2011 ore 14:21:57

 

Bentornata, Gilda.
Il mio è un ragionamento paradossale, di quel genere che serve a differenziare una situazione grave da una seria.

roberto alajmo | 28/08/2011 ore 12:39:09

 

Voglio sperare che sia come tu dici, Roberto. Ma potrebbe anche essere che non ci si renda conto di quanto grave sia la crisi e ci si comporti di conseguenza. Vivo nel triangolo considerato il più ricco d’Italia e ogni giorno qualche azienda chiude. I suicidi aumentano. La gente non ha più soldi per pagare nemmeno cose necessarie per la propria salute. E tutto tace.

Gilda | 28/08/2011 ore 11:27:41 | @

 

Saro' con voi di tutto cuore domani allo Steri.

Bien à vous

gippe | 27/08/2011 ore 23:57:10 | @

 

Roberto scusa,posso aggiungere che alle 22.00sempre allo Steri si potrà vedere il documentario "Mettersi a posto"Il pizzo a Palermo prodotto da mia nipote Chiara? Grazie

adriana | 27/08/2011 ore 21:07:53

 

Si segnala agli amici di Palermo che domani attorno alle 19 darò il contributo di un piccolo reading alla manifestazione per il ventennale dell'uccisione di Libero Grassi.
Il tutto, allo Steri.

roberto alajmo | 27/08/2011 ore 18:51:10

 

Insomma, RA, questi ragazzi, che si divertono a giocare al pallone e sono per giunta pagati, fanno i furbi, spaccano il capello in quattro (tra loro anche gli stranieri hanno fatto presto a imparare questa abilità nostrana, per la quale noi italiani siamo celebri), dicono che se ci fosse stata una diminuzione delle tasse le società ne avrebbero beneficiato, quindi anche l'aumento deve far carico a loro. Stranieri o no, questi lavoratori (?) del pallone fanno finta di non sapere che nella storia una riduzione di tasse non si è mai verificata.
Il contributo di solidarietà non è un ordinario aumento fiscale ma un prelievo d'emergenza, temporaneo e non previsto.
Si parla di riduzione dei costi della politica e non si parla mai di quelli del calcio. Invece di proclamare un ridicolo sciopero da Italietta crispina e giolittiana dovrebbero dimezzarsi gli ingaggi per fare in modo che gli amanti di questo sport, deturpato da tanto affarismo, potessero accedere allo stadio senza prosciugare il loro portafoglio.

Antonio Carollo | 27/08/2011 ore 12:50:04

 

quando il tema è il lavoro in Italia (e non solo) c'è sempre qualcuno che fa il furbo...

federico | 27/08/2011 ore 09:57:58

 

Nella vicenda dello sciopero dei calciatori, le cose sono un po' meno semplici e demagociche di quanto vogliano farcele sembrare.
[LINK]
In sostanza, c'è qualcuno che fa il furbo.
Indovinate chi?

roberto alajmo | 27/08/2011 ore 04:06:20

 

Gli USA hanno l'uragano Irene noi il disastro dellla domenica senza il calcio di Serie A. Le autorità preposte stanno lavorando giorno e notte per cercare di fronteggiarlo. E' inaudito che quei poveracci di calciatori debbano pagare il contributo di solidarietà. Durante le trattative ad oltranza sembra che sia venuta fuori un'idea a sorpresa,formidabile, a cui nessuno prima aveva pensato: il contributo di slidarietà può essere pagato dai tifosi. Una partita val bene un sacrificio. Tutti felici. Ma la felicità è durata solo qualche minuto, fino al momento di incaricare una persona per comunicare la decisione ai tifosi.

Antonio Carollo | 26/08/2011 ore 23:46:52

 

RA, dopo il dimezzamento delle spese militari e la riscossione delle tasse pagate dalla Chiesa potrai continuare tranquillamente a dormire perchè dovrai attendere ancora l'arrivo dei sessanta miliardi di evasione fiscale, un po' tempo ci vorrà.
Sogni d'oro, cittadino giusto e fiducioso.

Antonio Carollo | 26/08/2011 ore 22:54:56

 

sogni d'oro...

federico | 26/08/2011 ore 22:44:07

 

Mi dicono che la situazione è quantomeno migliorata, a Napoli.

roberto alajmo | 26/08/2011 ore 18:04:08

 

Beato chi si rifiuta di credere ...A proposito, credete che i rifiuti di Napoli siano spariti? ... o che De Magistris sia un maestro di illusionismo? ... non si sa più nulla ...

Antonio Carollo | 26/08/2011 ore 17:33:20

 

...magari bastasse il nostro rifiuto...

federico | 26/08/2011 ore 13:06:01

 

Sto pensando alla mia ironia sulla scala mobile promessa per
il Castello di Carini...e mi accorgo che in realtà non è una
idea tanto balorda...in fondo chi verrebbe a vederlo con le difficoltà di adesso (il Castello,credetemi è davvero bello da visitare)ma ,sono d 'accordo,forse abbiamo la fortuna di partire da zero e di
inventare nuove "piccole" formule perché non rifletterci con mente un po' più libera. Che,poi,in Sicilia non si possa fare nulla se non si passa dalla mafia o dal parassitismo...mi
rifiuto di crederlo...



adriana | 26/08/2011 ore 10:59:07

 

Anno zero o sottozero, la domanda era, è e rimane sempre la stessa: come se ne esce?

federico | 26/08/2011 ore 10:10:50

 

Buon RA, ma lei mi tira proprio per il mantello con questi argomenti!
Poichè, come più volte ho detto, parlo solo di ciò che so e conosco, le riporto il segunte link,
[LINK] dove potrà trovare ogni informazione in merito. Il sito è assolutamente istituzionale e quindi incarna il verbo. Tanto lo incarna che le suggerisco di visitare la voce "e-ticket", argomento che stante la complessità ha richiesto specifiche convenzioni (con cifre, in euro, a cinque zeri) tra istituzioni, fondazioni e società partecipate tutti di Mamma Regione. Qualora riuscisse a fare un biglietto o una prenotazione mi avvisi.
Hasta la vista

Don Diego | 26/08/2011 ore 09:54:56

 

Quel che intendevo, Federico, è che l'anno zero per il turismo in Sicilia sarebbe un obiettivo desiderabile: prima bisogna annullare l'handicap di quel che è stato fatto finora su un piano edilizio e culturale.

roberto alajmo | 26/08/2011 ore 08:32:02

 

scriverò banalità ma fino a quando, a livello regionale e a livello nazionale , la sanità viene affidata a magistrati, l'istruzione viene affidata a cancellieri, l'economia viene affidata a fiscalisti , la difesa viene affidata ad assicuratori e il turismo all'ACI di Brambilla....
Che dire?

fara | 26/08/2011 ore 02:43:13

 

Federico, RA mi ha preceduto, magari fossimo all'anno zero. I paesaggi delle fasce costiere sin dai tardi anni Sessanta sono stati dati in pasto alla rapinosa speculazione edilizia. Ormai è tutto uno scempio. Ci restano i monumenti, ma anche quelli sono in grave pericolo; la Regione Sicilia i suoi soldi li spende per la spaventosa massa di dipendenti parassiti che si porta sul groppone.

Antonio Carollo | 25/08/2011 ore 21:08:47

 

...avevo detto nel settore del turismo, non in quello dell'edilizia abusiva, in quello non abbiamo proprio nulla da imparare

federico | 25/08/2011 ore 18:04:20

 

Magari, Federico. Le coste, per esempio, in massima parte, sono compromesse.
Inutilmente compromesse.

roberto alajmo | 25/08/2011 ore 17:25:49

 

Nel settore turistico, come in quasi tutti gli altri, in Sicilia abbiamo un grossissimo vantaggio. Siamo all'anno zero e quindi potremmo almeno evitare di fare gli errori che sono stati fatti altrove.

federico | 25/08/2011 ore 13:43:15

 

Sono io che non mi sono spiegata: non servono alberghi ad Aidone o in ogni piccolo centro che possiede un reperto archeologico o altro: basterebbe che ci fossero ad Enna, ad esempio, e da lì con , un buon servizio, potresti girare mezza Sicilia. Il problema è che ad Enna, o altrove, non ce ne sono.

fara | 25/08/2011 ore 12:36:38

 

No, fara, non sono d'accordo: non si pretende Casinò o 5 stelle, ma solo dei servizi che funzionino, degli alberghi comodi e con colazioni decenti a prezzi giusti, un po' di organizzazione.

antonia | 25/08/2011 ore 12:07:02

 

Secondo me di sbagliato c'è l'idea che il viaggiatore debba continuamente trovarsi circondato dai confort del villaggio turistico o dell'hotel 5 stelle. A questo punto tanto vale farsi un giro a Las Vegas. Ci trovi i rifacimenti di quanto serve conoscere , stai comodo e ti fai pure un tiro al casinò!

fara | 25/08/2011 ore 11:53:08

 

Bella, Alajmo...mi piacque

Paola | 25/08/2011 ore 11:34:57

 

Infatti, Roberto, il problema è il deserto, quell'inspiegabile deserto che si estende per tutta la Sicilia, là dove ci sarebbero tante cose da valorizzare, da fare conoscere. Dal mare, sia come luogo di divertimento che di ricerca, ai vulcani, alla storia, all'archeologia, all'arte, alla cucina, se la Sicilia venisse valorizzata come si deve, altro che California, Malibù e Coste Azzurra e Smeralda. Per i tedeschi, inspiegabile. Per molti italiani, pure

antonia | 25/08/2011 ore 11:15:43

 

non so cosa penserebbe un investitore straniero, so cosa pensa un investito italiano

federico | 24/08/2011 ore 16:16:55

 

La Camusso dice: "Manovra ingiusta e sbagliata". Quindi sciopero generale per il 6 settembre. Dico io: la Cgil ha lo sciopero facile? Qualcuno afferma che a furia di proclamare da solo scioperi generali il maggior sindacato italiano di fatto sta lavorando per declassarli a scioperi parziali, scarsamente influenti. E vabè, sarà una battuta, però non le si può negare un qualche fondamento di verità.
Sul decreto della manovra la Camusso ha ragione. Ma è un decreto da convertire in legge; probabilmente dal Parlamento uscirà tutt'altra roba. I giornali sono pieni di proposte di modifiche, provenienti sia dalla maggioranza che dall'opposizione. Siamo in piena confusione. La Lega addirittura anticipa la sinistra su pensioni e tagli agli enti locali. La Camusso li legge i giornali? Cosa vuol fare?, lo sciopero generale preventivo, puntando il dito sulle perverse intenzioni di governo e maggioranza? Oppure crede di influenzare il Parlamento dando man forte all'opposizione? Uno sciopero generale non è una bazzecola. Ha dei costi notevoli. Non lo si può proclamare senza basarsi su fatti e dati certi. E' probabile che entro il 6 settembre la manovra sia approvata in via definitiva. Cosa attende la Camusso che a quell'ora le si dica: brava. avevi ragione, c'hai azzeccato? Ma nel caso di manovra accettabilmente modificata chi pagherà lo sprego di denari per uno sciopero azzardato (ripeto la Lega sta lottando su un fronte concorrente con la sinistra, la legge quasi certamente sarà diversa dal decreto).

Antonio Carollo | 24/08/2011 ore 15:14:02

 

Federico, a scuola non si deve fare campagna elettorale. La politica la devi fare per forza

fara | 24/08/2011 ore 15:09:20

 

Ogni tanto sento tornare un vecchio adagio che recita che non si fa politica a scuola. Bene, in una città come Palermo, ammalata di una tremenda emergenza civica, sostituirei tutte le materie scolastiche con la sola politica: quella vera, quella che parla di senso civico (da civis città appunto), quella che parla di civiltà (sempre da civis), quella che parla di rispetto delle regole, di patto sociale, quella che trasforma un nomade in un cittadino.

federico | 24/08/2011 ore 12:53:32

 

Tossico, sì Antonia.
Certe volte le radici sono proprio quelle di una pianta tossica.

roberto alajmo | 24/08/2011 ore 11:48:51

 

A chi ha SKY CInema consiglio di vedere questo film davvero carino e fatto bene
[LINK]

Trasmettono la versione italiana

antonia | 24/08/2011 ore 11:02:41

 

I due barbieri (campani) del negozio dove va mio figlio, ieri raccontavano di essere appena tornati dalle vacanze in Italia nei paeselli natìi e giuravano di non volerci tornare più per "nun s'intussicà" vedendo la situazione in Italia.
Davvero il divario fra le due nazioni, quella dove sono nati e cresciuti e quella in cui vivono ormai da quasi vent'anni è diventato abissale. La cosa che mi colpisce è che mentre fino a pochi anni fa gli emigrati lavoravano all'estero per mettere i soldi da parte e tornare nel paese di origine, ora lavorano per potere fare crescere i figli in un modo diverso e di tornare non ne parlano più.

antonia | 24/08/2011 ore 10:50:46

 

Se posso,vorrei tornare alla Libia con un invito a riflettere...la vera cartina al tornasole di ogni rivoluzione sono e saranno sempre le donne.Vederne due o tre o non vederne indica il sicuro colore del reattivo: la
falsità dell'impegno alla democrazia... perchè quando la via è tracciata anche gli uomini si fanno da parte per farle passare,immagini della intelligenza del cuore!

Federico:trovo molto bella la tua immagine dei cittadini accampati come nomadi in un luogo chiamato città ...non si poteva esprimere meglio la cesura fra l'esserci e il paretecipare


adriana | 24/08/2011 ore 10:31:16

 

S'è visto di molto peggio, Antonio.

roberto alajmo | 24/08/2011 ore 06:13:40

 

Ritiro la battutaccia. La parola 'deportazione' evoca infinite tragedie, niente spiritosaggini.

Antonio Carollo | 24/08/2011 ore 00:00:28

 

la maggioranza dei cosiddetti "cittadini" attuali sono solo zingari...
con tutto il rispetto per gli zingari, intendo solo dire che sono più o meno nomadi accampati alla meno peggio in un luogo che chiamano città...

federico | 23/08/2011 ore 23:28:07

 

Proponiamo la deportazione dei cittadini attuali?

Antonio Carollo | 23/08/2011 ore 22:36:13

 

Palermo più che di un sindaco ha un disperato bisogno di cittadini...

federico | 23/08/2011 ore 22:31:48

 

Leoluca Orlando è il sindaco che ci vuole per Palermo. Ha energia e voglia di fare per la sua città.

Antonio Carollo | 23/08/2011 ore 22:21:31

 

Libia: sono moderatamente ottimista. Intanto è caduta una feroce dittatura. Quella che verrà non sarà una democrazia perfetta? Sicuramente sarà un passo avanti di un popolo arabo verso la modernità.

Antonio Carollo | 23/08/2011 ore 22:17:39

 

anche io non so che risultati avrà il cambiamento in Libia e non sono tanto ottimista per natura:), temo che per le donne cambierà poco ma ieri sera nelle immagini dei festeggiamenti ne ho viste... ben tre:), una più anziana e due giovani

rosita | 23/08/2011 ore 17:56:49

 

A costo di ripetermi: non c'è male che non contempli un meno peggio.

roberto alajmo | 23/08/2011 ore 16:55:38

 

eh sì, Lello, l'hai detto, siamo messi proprio male male...

federico | 23/08/2011 ore 16:24:42

 

A proposito, forse il Rais è fuggito ad Arcore. Dorme nella stanza di Mangano.

Lello | 23/08/2011 ore 15:39:05

 

Se parliamo ancora di Orlando Leoluca come Sindaco di Palermo, vuol dire che siamo messi proprio male male. Non per Orlando, per carità, ma per il fatto di dover ricorrere ancora a vecchi politici del passato. A che ci siamo, votiamo Andreotti prossimo Premier.

Lello | 23/08/2011 ore 15:23:51

 

sul sito di Repubblica di ieri: "Il Rais spara sui bambini"... magari ci aggiungiamo anche la malafede dei giornalisti...

federico | 23/08/2011 ore 12:45:34

 

Cara Adriana, a corredo di quel che dici aggiungo questo: ho guardato il più possibile delle immagini della gente in festa per le strade di Tripoli, e non sono riuscito a scorgere nemmeno una donna.
Magari non significa niente, ma non mi pare un segnale incoraggiante.

roberto alajmo | 23/08/2011 ore 12:40:02

 

Scusatemi,se vado fuori tema.
Vorrei dire che non ho mai creduto alla guerra di liberazione della Libia;guerra che di bandiera ne ha una sola:la malafede:degli interessi,del disprezzo degli innocenti mandati al massacro su di un mare ostile,delle idee che non si leggono o non si proclamano,perchè non ne esistono...rifletteteci,
Adesso,dopo aver taciuto su questo Occidente ,che io personalmente manderei sui banchi di un tribunale con l'accusa di crimini contro l'umanità dolente e povera,cominceranno a battere le grancasse dei successi...e dei cambiamenti,con l'ipocrisia di cui siamo capaci
Non ci credo e non ci crederò mai alla guerra piovuta e contrabbandata come manna!

adriana | 23/08/2011 ore 12:04:04

 

Per rimanere in metafora vegetale stiamo parlando di "conifere nane"



fara | 22/08/2011 ore 23:01:13

 

Cade a fagiolo sulla penultim'ora attuale quello che Libero Grassi disse a Samarcanda nel 1991 prima di essere ucciso.
"La prima cosa che controlla la mafia è il voto. A una cattiva raccolta di voti corrisponde una cattiva democrazia. I valori morali sono transeunti, sono contemporanei, non c'è una legge che vale per sempre, la legge la fanno i politici, buona o cattiva, relativamente al consenso. Se i politici hanno un cattivo consenso faranno delle cattive leggi. E allora noi dobbiamo curare la qualità del consenso. La mafia in Sicilia dispone dei voti, dispone dei soldi, perché ormai è diventata ceto dominante.
C'è ben poco da aggiungere...

federico | 22/08/2011 ore 21:48:25

 

Condivido.
Specialmente se gli altri non arrivano nemmeno ad altezza cespuglio.

roberto alajmo | 22/08/2011 ore 21:44:53

 

certamente non dico che Orlando sia il meglio che si possa immaginare, ma quando in un campo c'è un solo albero e fa molto caldo io mi metto all'ombra di quello, non posso certo aspettare che crescano gli altri...

federico | 22/08/2011 ore 21:34:49

 

Entro un anno, di sicuro, Gippe.

roberto alajmo | 22/08/2011 ore 21:26:56

 

Scusate ma a sentirvi parlare ci sono elezioni per il sindaco a Palermo ? Quando ?

Non vorrei perdere questa occasione per vincere una volta anche con Orlando.

gippe | 22/08/2011 ore 20:23:52 | @

 

Probabilmente non vuol dire nulla, ma... Ho guardato quasi tutte le immagini dell'esultanza della folla per le strade di Tripoli e: non ho visto nemmeno una donna.
Non mi pare un segnale felice.

roberto alajmo | 22/08/2011 ore 20:11:46

 

ora che ci penso: Orlando lo voto da più di 20 anni e a lamentarmi non ci tengo neanche un po'...

federico | 22/08/2011 ore 16:45:23

 

L'importante è ricordarsi che si vota il meno peggio, chiunque sia.
Altrimenti si perde il diritto a lamentarsi.

roberto alajmo | 22/08/2011 ore 16:23:11

 

vedrete che non ci rimarrà altro che Leoluca Orlando (che a me a tutt'oggi non dispiace affatto)...

federico | 22/08/2011 ore 14:01:33

 

Che nervi!!!!!
[LINK]

antonia | 22/08/2011 ore 11:51:49

 

E' vero, Fara: le clientele sono al portatore.
Esiste però la concreta possibilità che finiscano i soldi per alimentarle.

roberto alajmo | 22/08/2011 ore 10:49:27

 

Paola ha fatto la domanda cruciale "tra chi saranno chiamati a scegliere i palermitani?" . Quali nomi nuovi e quali alternative , per usare un termine ormai abusato ?

Smaltire le clientele sarebbe un primo passo ma le clientele, contrariamente a quanto avviene con i rifiuti solidi urbani, vengono opportunamente riciclate e passano di mano come pacchetti azionari

fara | 22/08/2011 ore 10:02:12

 

Tornerà la consapevolezza, o il senso di colpa per aver permesso molti scempi. Stavolta però dovremo disintossicarci anche dalla tv: è da vent'anni che propone le immagini di asini volanti e molti pensano che siano vere.

yorick | 22/08/2011 ore 08:52:56 | @

 

A Palermo, come ho scritto qualche giorno fa, la vedo un po' più dura, a meno che non si vada a votare dopo una svolta drastica nazionale che contibuisca a smaltire le clientele.

roberto alajmo | 22/08/2011 ore 08:51:09

 

Certo che, per rompere il circolo vizioso, un'alternativa la si deve proporre. Cosa che è stata fatta nel '93 ma anche quest'anno, ad esempio, a Milano, a Cagliari e a Napoli. Tra chi saranno chiamati a scegliere i palermitani alle prossime elezioni?

Paola | 22/08/2011 ore 08:32:31

 

Ecchevvuoi, Paola?!
Ti segnalo pure che ormai le testate nazionali mandano come inviati a Lampedusa i precari, che praticamente in trasferta ci rimettono.

roberto alajmo | 21/08/2011 ore 20:19:06

 

a proposito di giornalisno...c'era una volta una scritta che compariva nei servizi dei tg che raccontando un fatto utilizzavano video che si riferivano a episodi accaduti in passato. La scritta - discreta, utile e sincera - diceva: "immagini di repertorio".
Non c'è più.
E ad ogni sbarco a Lampedusa, i tg mandabo immagini dello scorso inverno, che mostrano una realtà che non è più.

Paola | 21/08/2011 ore 19:47:25

 

"Si contenga, lei è un dipendente", ha tuonato un potente contro un giornalista che attaccava il potere.

Questo, RA, non c'entra (o c'entra poco) col tuo caso, ma sempre questione di contenimento è, o no?

Antonio Carollo | 21/08/2011 ore 16:34:19

 

Antonio, non mi fare parlare: sennò fanno prima a cacciare me.

roberto alajmo | 21/08/2011 ore 16:03:56

 

Anche oggi tiene banco nelle cronache siciliane il caso dei ventuno giornalisti dell’ufficio stampa del Governatore che accettano supinamente di cassare le critiche negative dalla loro rassegna stampa quotidiana. Giornali di carta e online, blog e network stanno sceverando molti aspetti e conseguenze di quanto è accaduto. Mi faccio una domanda: è compatibile la posizione di questi signori con la carta dei doveri dei giornalisti? Far parte di un ufficio stampa significa eseguire gli ordini del proprio datore di lavoro. La cosa risalta ancor di più se questi è un esponente politico che detiene il massimo di potere nell’ambito territoriale di competenza. Dove è andata a finire l’immagine del giornalista sotto forma di cane che morde il potere? Nel calderone delle cose che non vanno metterei anche i casi di certi giornalisti adusi programmaticamente a travisare o a ignorare fatti e notizie, proni soltanto dinanzi al verbo della propria parte politica. Queste sono solo due delle questioni in campo. Ce ne sono altre, ad esempio lo sfruttamento dei precari, l’emergere di nuove figure di lavoratori nel settore della comunicazione (web), gli eccessi del corporativismo, le motivazione del persistere di uno sbarramento chiamato ordine dei giornalisti, eccetera. C’è tanta carne al fuoco, non è maturo il tempo per dare un’occhiata all’ordinamento di questa fondamentale professione?

Antonio Carollo | 21/08/2011 ore 15:34:27

 

La battuta è battuta, ha le sue urgenze e le sue giustificazioni; talvolta, pur di mettere in luce qualche simmetria, picchia dove non dovrebbe, ingiustamente, traducendosi in fuoco amico (senza l'alibi dell'errore). Questo per dire che mi sembra proprio il caso di distinguere nettamente le storie di Sabina e Corrado Guzzanti da quella di quel volpone del loro genitore Paolo.
Lo so che il battutista la pensa come me. Solo per la precisione, ho detto.

Antonio Carollo | 21/08/2011 ore 14:15:22

 

In un certo senso hai ragione, Lello.
Anche nella famiglia Letta sono coperti per ogni evenienza.

roberto alajmo | 21/08/2011 ore 13:23:01

 

Ma questa è l'Italia della famiglia Guzzanti: il padre si è arricchito sostenendo Berlusconi, i figli si sono arricchiti andando contro Berlusconi. Immagino che " lotta " nel fango faranno in questa famiglia ...

Lello | 21/08/2011 ore 11:51:04

 

Salvo sgambetti, Armando...

roberto alajmo | 21/08/2011 ore 09:28:00

 

Lo so che la battuta è facile ma la faccio lo stesso: La nostra non è lotta nel fango ma nella merda e in una vasca di profondità tale che bisogna solo augurarsi di essere più alti degli altri .... è la sola maniera di respirare senza ingoiarla!

armando | 21/08/2011 ore 07:06:56 | @

 

Lello: è ciò che penso pure io alla vigilia di ogni elezione. Peggio di così è impossibile. E sono stato sempre smentito.

roberto alajmo | 20/08/2011 ore 12:42:00

 

Io invece penso che un sindaco peggiore di Cammarata non ci sarà mai più. Certo, per fare ( o non fare... ) quello che ha fatto, avrà avuto dei complici, però resta sempre lui il colpevole numero uno. Dissento anche sul fatto che sappia stare in società, perché spesso, dopo una festa, non credo che sia molto sobrio....

Lello | 20/08/2011 ore 12:33:34

 

..un po' di pioggia con quest'afa nn guasterebbe.A volte mi soffermo dubbiosa sulla considerazione che il prototipo-Berlusconi rappresenti la radice primigenia del male un po' come accade con Cammarata.Sono sempre scettica nell' attribuire ad un singolo potenzialità sovrumane.Todos caballeros e i topi cominciano a grattare e a rumoreggiare.Alcuni lo fanno in sordina, altri brandiscono qualche tovagliolo con cui cingersi come novelli cavalieri e su cui far scivolare, cauti, qualche macchia.

lina | 20/08/2011 ore 12:22:49

 

In effetti ci sono alcuni cavi elettrici scoperti, ma non sono affatto addormentato, anzi! Su Luca non so niente, non dirmi che Zampa vuole portarlo in rosa.

Lello | 20/08/2011 ore 12:02:15

 


Mi piace il tuo PENULTIM'ORA e quindi non dico altro anzi si :

° apprezzo la conclusione 'cinematografica' e mi permetto di completare con qualche pezz d'antologia [LINK]

° per quelli che hanno conosciuto CAMMARATA quando frequentava un famoso liceo palermitano sanno che era 'nuddu miscatu cu nenti'.

Bien à vous

gippe | 20/08/2011 ore 11:52:33 | @

 

Lello ma le polemiche di questi ultimi giorni ti hanno addummisciuto ?

Rileggi il mio post, se avessi scritto 'toni' in maiuscolo avresti tiltato piu' rapidamente su Luca ...

Pallonaro sono e pallonaro resto, ma non noti da quealche giorno una certa 'elettricità'?

Si stava meglio quando si stava peggio.

Bien à toi

gippe | 20/08/2011 ore 11:40:28 | @

 

Gli utenti sono invitati a regolare le proprie questioni private in privato.
Grazie.

roberto alajmo | 20/08/2011 ore 11:16:08

 

Gippe, chi è Luca???

Lello | 20/08/2011 ore 10:55:52

 

Molto mazziniano, Roberto. Minoritari, "illuminati" e perdenti.

fara | 20/08/2011 ore 10:13:42

 

Antonio, sei seduto in pizzo. Mi rendo conto che pretendi che io parli bene di te, perché tu parli bene di me. In ogni caso, io non ti ho offeso. Ma penso che tu abbia offeso Daniela con una reiterata minzione al di fuori dei limiti consentiti dal vasino. E io giammai tollererò che una donzella venga vituperata a cagion mia! Affettuosamente.
Ps. Ti consiglio di ricercare su un vocabolario di cui sarai sicuramente fornito il termine "elucubrazioni".

Ro(m)P | 20/08/2011 ore 10:06:01 | @

 

Fara: noi abbiamo il dovere dell'ottimismo.
Pensa come sarà bello un giorno poter dire "Noi credevamo".

roberto alajmo | 20/08/2011 ore 08:26:26

 

Io temo addirittura una grandinata!

ps
bentornata Daniela

fara | 20/08/2011 ore 01:29:26

 

A quanto pare le vacanze sono finite...... e le mie non fanno che cominciare.

I toni di questi ultimi due giorni non mi piacciono.

Per Lello, non parlo di Luca.

Ciao a tutti

gippe | 19/08/2011 ore 23:20:51 | @

 

Romp, in un recente post ho parlato di te in termini positivi, tu, per una piccola obiezione, ricambi dicendo che i miei interventi in questo forum sono delle elucubrazioni, cioè offendendo. Ti rendi conto?
Ringrazio, Daniela, per la garbata risposta al mio rispettoso rilievo.

Antonio Carollo | 19/08/2011 ore 22:36:32

 

[LINK] Mi fa piacere che RA si innesti nella mia linea su Cammarata.

Ro(m)P | 19/08/2011 ore 20:49:48 | @

 

Gentile Antonio, poiché tu elucubri anche di cose tue, perché non possiamo farlo noi?
Ps. Pensa un po', Lello, tu a me non manchi neanche un po'.

Ro(m)P | 19/08/2011 ore 20:39:57 | @

 

Antonio, ti rispondo io. No, non ce n'era bisogno. Se leggi l'ultima parte del mio commento lo dico. Solo una cosa ha a che fare con l'indipendenza dei giornalisti, di quello che ho scritto: l'essere una brava persona. Perché chi vende la propria professionalità, come nel caso di cui parli tu, non è poi tanto brava persona.
A me però sembra che non sia neanche in discussione l'indipendenza ma la professionalità dei giornalisti nel suo complesso: se tutti cadono nelle trappole di raccontare inezie (vedi la storia del contributo di solidarietà) invece che fatti (vedi la sostanziale cancellazione da parte di Sacconi dello Statuto dei lavoratori, con l'avallo dei sindacati venduti) non mi pare che sia solo una questione di malafede, di parzialità, ma anche più banalmente di competenza.

Daniela | 19/08/2011 ore 17:21:15

 

Romp: Daniela è una splendida persona.

Daniela: Romp è bravo, un po'rompicoglioni e molto sentimental/emotivo.

Grazie, ne siamo lieti, s'aveva bisogno di queste pubbliche certificazioni?

Mi sembrava che l'argomento vero era l'indipendenza o meno del giornalista.
Avete letto dei giornalisti dell'ufficio stampa della Regione Sicilia incaricati di omettere nella rassegna stampa quotidiana le critiche negative al loro datore di lavoro?
Questi ventuno signori (attenzione, non ho sbagliato, sono veramente ventuno) sono sempre iscritti all'albo dei Giornalisti?

Antonio Carollo | 19/08/2011 ore 17:12:32

 

Sono tormata anche io dal lavoro inglese e dalla vacanza (sempre inglese). Mi sono presa anche qualche giorno in più per riprendere i contatti con la realtà italiana, perché temevo lo shock anafilattico. Dopo un mese e mezzo di civiltà, ho sempre bisogno di riappriopiarmi prima delle cose belle (la mia casa, la mia gatta, i miei amici) e poi di prendere contatto con la dura realtà (Maria, mentre ero all'estero non se lo sono portati gli alieni, ancora qua è, lui e tutti gli altri).
La sensazione che ho vedendo la tv e cercando di leggere le notizie su Internet (ancora non ho avuto il coraggio di comprare il giornale) è che tutta la politica italiana sia appunto incentrata sul vizio che Roberto sembra riscontrare qua e là certe volte sul forum e, a scanso di equivoci e di polemiche, non mi riferisco a nessuno in particolare: la politica italiana discute di se stessa e non discute quindi di niente. Il forte rumore di niente (purtoppo è di De Gregori e non mia) che proviene dalle bocche dei nostri politici è del resto l'eco della vacuità dei discorsi di noi italiani. Del resto, perché noi dovremmo essere i "buoni" e loro i "cattivi"? Chi li ha eletti?
Inoltre, mi preme sottolineare che Cassandra/Roberto aveva detto, in data 5 agosto (proprio qui) che a Ferragosto avrebbero dato il colpo di grazia all'economia italiana (pregasi vedere cosa sta facendo l'illuminato Sacconi, mentre tutti discutono dei giocatori di calcio che non vogliono pagare il contributo di solidarietà).
Infine confermo - avendone diretta testimonianza - che Romp è capace di cenare in compagnia senza urlare. Confermo inoltre che è bravo, un po'rompicoglioni e molto sentimental/emotivo, per questo qualche volta prende anche qualche cantonata. Ma è una gran brava persona e siccome ce ne sono poche lo lodo, lo imbrodo e lo ringrazio pure, macchiandomi anche io dell'orrido peccato di uso privato di pubblico forum. Ma lo faccio perché sennò qualcuno mi dice subito che ho accusato gli altri di essere vacui. E invece no: 20 anni di berlusconismo hanno svuotato pure me.

Daniela | 19/08/2011 ore 16:28:53

 

Romp, quanto mi manca litigare con te. Tanto per iniziare, vorrei dirti che quando si sfrega la lampada, di solito esce un genio, e tu di certo non lo sei.
P.S. Chi si loda si sbroda.

Lello | 19/08/2011 ore 16:02:05

 

Antonia, hanno un luogo fisso, i musicisti della tua street band preferita? E` quello che vedo nel video? Sono a Monaco again!
Un saluto!

Alessandra C. | 19/08/2011 ore 15:18:44

 

Antonia cara,grazie ,naturlich!
Io più che refrattario tenderei a cercare altri termini.
Anche se la musica non mi piace
contaminata,detta "rivisitata" l caso della cosidetta musica leggera,la tua Street Band la sa lunga.
Ho qualcosa da raccontarti ma "tremo"al pensiero dell'O.T
E devo raccontartelo in pubblico perché è un pezzo di storia di questo blog e lasciare che si parli della propria storia non può essere fuori tema,bensì una variazione sul tema!
Ciao,sorella bilancina...

adriana | 19/08/2011 ore 12:16:29

 

Adriana, hai la mia solidarietà bilancina: io ho capito perfettamente cosa intendevi dire. Dopo un tempo abbastanza lungo di frequentazione del forum, posso azzardare ad affermare che il padrone di casa è molto refrattario a che si parli di lui come persona. Allora, parliamo di cose.
Una cosa bella è l'avere ritrovato, al mio ritorno, la mia Street Band preferita
[LINK]

antonia | 19/08/2011 ore 10:28:35

 

Per Roberto:
teorizzazione? per la ritrovata
presenza qui?
Roberto,ma che dici...era allegro,orgoglioso affetto per te,ripeto...come te ne dimostrano altrettanto allegramente gli altri
Se fosse stata teorizzazione per ecc,ecc, avrei scritto di teorizzazione...non sai che
persona limpida sono?...le tue parole mi stanno davvero dando
dispiacere: come dici tu spesso
non ci voleva molto per capire!

adriana | 19/08/2011 ore 08:26:03

 

Gippe: qui si censura solo la maleducazione.
Poi: nessun avvertimento, solo una risposta alle teorizzazioni di Adriana sulla mia ritrovata presenza qui.
Infine, per spiegarti la differenza fra parlare di cose e parlare di parlare: se dici "stasera Sirigu e sopratutto Pastore hanno esaltato il Paris Saint Germain", parli di una cosa. Se dici: "mi pare di ritrovare le incomprensioni e le censure di qualche settimana fa", discuti del discutere in sé, abitudine narcisistica che ogni tanto prende certi frequentatori.
Detto questo, non vi abituate male, perché spiegare le cose che scrivo è noioso. O si segue il filo, o si passa oltre. Non è una tragedia da commentare a scuola: è solo un forum su internet.

roberto alajmo | 19/08/2011 ore 05:40:35

 

Basta una sfregatina alla lampada, ed eccomi qua. Ringrazio per gli attestati di stima. Semplicemente - secondo me - il lettore non ha sempre ragione. E non mi va di fare il cronista finto-superiore, quello che fulmina con un sorrisetto l'inferiore avversario. Io rispetto chi mi legge. Il modo migliore per dimostrarlo - se è il caso - è scendere le scale e dargli un cazzotto. E mi è capitato, a un convegno, di deporre il microfono per urlare a ugola pari. Mi piace litigare. Sono soprattutto gli amici che su Livesicilia hanno ricevuto da me ruvidità assortite. In parte perché le ritenevo utili. In parte ho calcato la mano per dimostrare a me stesso che non indulgevo per il rapporto personale. Nel mio universo professionale, sono considerato bravissimo e rompicoglioni. Ma se qualcuno mi invita a cena, scopre che posso stare ore intere senza urlare.
Ps. Io qui non volevo comandare. Quando ho voluto rompere, ho rotto. Penso che questo sia un dannato blog radical chic: ve la cantate e ve la suonate. Vi piace? Va benissimo così. RA è sicuramente persona a modo e scrittore di talento, per cui neanche ho l'alibi di considerarlo un mediocre: è veramente bravo, al netto di qualche chiacchiera. Ma qui ci sono troppi specchi. Secondo me. Saluto Daniela, splendida persona. Ave.

Ro(m)p | 18/08/2011 ore 23:37:56 | @

 

Per i pallonari tifosi del Palermo e per Lello in particolare, stasera Sirigu e sopratutto Pastore hanno esaltato il Paris Saint Germain.

Per quanto riguarda le ultime bloggate, sarà l'effetto del 15 agosto, sarà il fatto di sopportare sempre meno Bossi, Calderoli e il resto della banda, ma mi pare di ritrovare le incomprensioni e le censure di qualche settimana fa.

E dire che i tori e il diario Vitt mi avevano dato l'impressione che si potesse discutere con leggerezza di cose serie.

Non capisco i due post di stasera del padrone di casa ;

il primo (18h40) sembra un avvertimento (attenti adesso son qui) ; il secondo (19h13) é per me assolutamente incomprensibile e la nuance fra 'il parlare di cose...' e 'il parlare in se' franchement m'échappe.

Se parlare dei ricordi (il diario Vitt per intederci) rientra nella categorie del 'parlare in se' non posso che dissentire e essere d'accordo con Antonia.

Ma forse mi sbaglio, vado a fare un giro in via Pipitone.

Bien à vous

gippe | 18/08/2011 ore 23:29:49 | @

 

Per i pallonari tifosi del Palermo e per Lello in particolare, stasera Sirigu e sopratutto Pastore hanno esaltato il Paris Saint Germain.

Per quanto riguarda le ultime bloggate, sarà l'effetto del 15 agosto, sarà il fatto di sopportare sempre meno Bossi, Calderoli e il resto della banda, ma mi pare di ritrovare le incomprensioni e le censure di qualche settimana fa.

E dire che i tori e il diario Vitt mi avevano dato l'impressione che si potesse discutere con leggerezza di cose serie.

Non capisco i due post di stasera del padrone di casa ;

il primo (18h40) sembra un avvertimento (attenti adesso son qui) ; il secondo (19h13) é per me assolutamente incomprensibile e la nuance fra 'il parlare di cose...' e 'il parlare in se' franchement m'échappe.

Se parlare dei ricordi (il diario Vitt per intederci) rientra nella categorie del 'parlare in se' non posso che dissentire e essere d'accordo con Antonia.

Ma forse mi sbaglio, vado a fare un giro in via Pipitone.

Bien à vous

gippe | 18/08/2011 ore 23:29:47 | @

 

Ecco

roberto alajmo | 18/08/2011 ore 23:28:29

 

Roberto ed Antonio,giuro con il mio sangue per essere creduta,che ciò che ho scritto
sul blog non solo era affettuoso ma era anche espressione di ammirazione per
l'atto d'amore verso la sua creatura da parte diRoberto,dato che il lavoro per sostentarlo è veramente gravoso;conoscendomi non ci dovevano essere dubbi...
Il discorso si può chiudere qui
Come dice Federico,sarà il caldo!





adriana | 18/08/2011 ore 22:56:43

 

Adrianina adrianina sei una bella birichina.

Antonio Carollo | 18/08/2011 ore 21:43:54

 

I ricordi sono belle cose. Ci servono anche per tirare una boccata d'aria, distogliere un attimo la mente dall'orrore circostante. Il ricordo dell'odore delle matite alla Standa è segno che ancora un po' di memoria (soprattutto olfattiva e visiva)ce l'ho, anche se tra poco scoccherà il mezzo secolo+la mezza decina (oh, mon Dieu....)

antonia | 18/08/2011 ore 20:08:41

 

E comunque, a costo di ripetermi, vorrei che questo spazio servisse per parlare di cose, problemi, argomenti: non del parlare in sè.

roberto alajmo | 18/08/2011 ore 19:13:38

 


E' una cosa carina e piena di affetto quella che ti ho scritta,spero te ne sia accorto

adriana | 18/08/2011 ore 18:58:55

 

Oppure sono tornato dalle vacanze.

roberto alajmo | 18/08/2011 ore 18:40:46

 

Per Roberto

Forse pochi dei Rimasti nel ristagno di questi giorni di ferragosto,si sono accorti come questo blog cominciasse lentamente e tristemente a deperire...chi non c'era,chi (gli interventisti) non potevano per cause di forza maggiore,chi era in sonno letargico nelle menti e nelle dita...
Sembrava stesse entrando in coma quando è intervenuto Lui che ha risposto a tutti,ha scritto e si è risposto ,ha cercato di risvegliare le persone da languidi torpori, con pezzi di politica,costume ricordi per tutte le età ,lazzi e frizzi ...e tutto per la sua creatura!
Come mi disse il mio giardiniere,di indefinibile età,contadino e muratore di
antica professione: "Dottoressa,u mastru è mastru ma...u patruni è capomastru!"
Una lode al nostro Capomastro che ha dimostrato di tenerci davvero alla sua costruzione!
E' così Roberto?

adriana | 18/08/2011 ore 18:07:57

 

Ti capisco, Yorick. E' l'effetto che fa a molti di noi. Ognuno ha le sue perversioni. C'è chi si fa legare e picchiare dal partner e c'è che vive, o torna, in Sicilia.

roberto alajmo | 18/08/2011 ore 15:41:07

 

Assomiglio troppo al signor Giacomo, pure nella mania delle simmetrie. La cosa che non capisco è come mai mi dispiacerà lasciare il paesello, tra qualche giorno. Eppure qui non c'è rimasto più niente, tra due settimane al massimo si svuoteranno le strade. Ogni giorno però ho un piccolo anticipo del malumore il cui saldo mi prenderà il giorno della partenza.

yorick | 18/08/2011 ore 12:24:04 | @

 

Rosita: non vorrei scandalizzare qualche professore, ma certi di libri di Stephen King per me sono un modello di architettura della suspense.

roberto alajmo | 18/08/2011 ore 05:07:02

 

quattro

adriana | 18/08/2011 ore 00:00:43

 

13

antonia | 17/08/2011 ore 22:50:01

 

Un saluto a Gippe, a uno a Roberto.
Al prossimo film...

Alessandra C. | 17/08/2011 ore 22:43:34 | @

 

Gioco in cui non si vince niente

Per quelli nati ad ottobre, specificare il giorno.

Merci

gippe | 17/08/2011 ore 22:33:51 | @

 

Antonia,avere qualcosa in comune con te come il nostro
ottobre (mese diverso dagli altri e noi ottobrini siamo una setta)mi dice che avremo tante cose da raccontarci nel tempo e in amicizia.
Ma non c'è qualcun'altro ottobrino qui dentro?O ricordo male!

adriana | 17/08/2011 ore 19:46:48

 

aspettate....credo di aver fatto confusione per colpa di quel "ricordo di un'estate", forse non è quello..cmq è un pezzo dove dopo la fine dell'estate un giorno i ragazzi vanno nella cartoleria e vedono le matite, i quaderni e capiscono che è ottobre....:)

rosita | 17/08/2011 ore 18:43:03

 

Roberto & Antonia &:...l'odore di matite e quaderni,la pubblicità del Diariovitt...questo bellissimo pezzo ha richiamato commenti anche questi molto belli ma acc...quanta nostalgia!
Roberto, l'ho sempre pensato che hai qualcosa in comune con Stephen King(il migliore)...in questo caso la conclusione di Stand by me.

rosita | 17/08/2011 ore 18:21:59

 

Ben svegliato, Pierluigi: [LINK]

roberto alajmo | 17/08/2011 ore 17:27:16

 

Adriana, Adriana sono anch'io di ottobre ed anche a me l'estate non faceva un grande effetto. A parte la scuola che ricominciava e la cosa mi scocciava perchè detestavo alzarmi presto, aspettavo con ansia che arrivasse il primo giorno di pioggia, che la città si ripopolasse, che finisse quell'icubo-tiritera "andiamoammare". Ed infatti ora sto bene qui con tutte le piogge ed annessi e connessi e penso che mi piacerebbe vivere in Scozia o dinuovo in un paese dell'est.

antonia | 17/08/2011 ore 16:12:50

 

Secondo me in questi giorni di agosto sei ispiratissimo. Sfrutta il momento per scrivere un altro bel libro.

Lello | 17/08/2011 ore 15:48:08

 

Sono nata in ottobre e la scuola segnava per me il mio capo dell'anno di là da venire...e aspettavo quel momento perché si comprava il Diario Vitt,e i libri.Mio padre aveva scoperto,meraviglia delle meraviglie,un posto dove i quaderni si vendevano a peso..
E l'estate? l'ho sempre odiata
era un fastidioso intermezzo alla mia anima migliore,quella crepuscolare.
Roberto ora ti faccio una domanda,come fai ad avere ricordi di generazioni che vanno dai 18 ai 60 anni? Highlander forse...

adriana | 17/08/2011 ore 14:42:45

 

Troppo buono, Lello.

roberto alajmo | 17/08/2011 ore 14:22:48

 

Caro Roberto, dopo il pezzo sul sig. Giacomo, e quello di oggi sulle estati che si stanno accorciando, temo che tu mi legga nel pensiero!
Ho sempre pensato che l' estate custodisse contemporaneamente la gioa ed il divertimento da una parte, e la tristezza ed il rammarico dall' altra. Non so perchè, ma la mia mente ricorda sempre la tristezza della fine e mai la gioa dell' inizio. Sono contento di non essere il solo a pensarla così.

Lello | 17/08/2011 ore 13:41:09

 

c'erano pure gli eterni rimandati (io) che l'estate la passavano sempre a "ripetere"... alla fine mi sa che era meglio l'inverno, almeno si faceva l'ora e si andava a Mondello...

federico | 17/08/2011 ore 13:37:21

 

Penultim'ora: io trascorrevo gran parte delle vacanze in città ed il tuffo al cuore lo provavo quando improvvisamente, alla Standa, si cominciava a sentire quell'odore particolare di matite e di quaderni

antonia | 17/08/2011 ore 13:30:08

 

Codice stradale siciliano

Centro di San Nicola L’Arena. E’ mattina, il poco traffico scorre agevolmente. Una Smart precede l’auto di un attempato guidatore. All’improvviso questi è costretto ad una brusca frenata. La Smart davanti si ferma (senza alcuna segnalazione), s’apre l’ampio sportello, che invade mezza corsia opposta, esce dall’abitacolo una snella ed agile figura di donna, abbronzata, sulla trentina, una camicetta generosa e un gonnellino che copre un dieci per cento delle cosce impeccabilmente tornite (i due indumenti sono di colore blu chiaro), occhiali grandi alla moda, i capelli castani raccolti sobriamente all’indietro, un borsellino in mano, i sandali di cuoio mettono a nudo i piedi dal disegno scultoreo. Si muove con passo morbido e sicuro, dirigendosi verso il marciapiede opposto dove è appoggiato un cartello con la scritta ‘Covo di Briganti’. Il tutto senza degnare di un’occhiata la strada, sia a destra che a sinistra. L’attempato automobilista rimane fermo, assorto ed ammirato, davanti alle fattezze e alle movenze di quell’esemplare di moderna donna siciliana.

Antonio Carollo | 17/08/2011 ore 12:53:18

 

Lello, mi chiedi come mai parlo di Roberto Puglisi proprio adesso. Rispondo: l'occasione è data dal suo articolo "Se tocchi Francuzzo (o Totò) nella Sicilia dei cattivi lettori" apparso su Livesicilia del 15 agosto.

Antonio Carollo | 17/08/2011 ore 11:51:04

 

In che senso? Non capisco.

Lello | 17/08/2011 ore 11:19:03

 

Vi piace vedere scorrere il sangue, eh?

RA | 17/08/2011 ore 11:01:42

 

Antonio condivido quello che hai scritto su Romp, anche se non so perché ne stai parlando proprio adesso.
Ricordo che qui ha litigato con il 99% dei partecipanti, anche se spesso sbagliava la forma, non il contenuto. La rottura con RA era inevitabile: non si può comandare in casa altrui.

Lello | 17/08/2011 ore 09:18:32

 

Romp fino a qualche mese fa è stato un frequentatore autorevole di questo forum. Non le mandava a dire, se c’era da rompere rompeva. Con RA il rapporto era di aperto confronto, via la comoda patina di quella specie di conformismo che inevitabilmente a tratti si respira in un blog di un autore affermato. Ricordo che RA ad un certo punto gli disse: insomma questo blog lo dirigi tu o io. Romp = ro di Roberto + una m di congiunzione + p di Puglisi. Adesso Roberto Puglisi è cronista, editorialista e credo anche direttore del quotidiano online “Livesicilia”. Ha un proprio orientamento politico, ma la sua indipendenza appare evidente. Non di rado sono d’accordo con le sue analisi. Non disturba quel di più di passione e di sanguigno che immette nella sua prosa ispida e sincera (questi due ultimi aggettivi li traggo da una sua auto-definizione: una voce fallibile, ispida, sincera che non la racconta come altri vorrebbero). Prosa a volte venata da un certo lirismo, nei momenti di più forte coinvolgimento emotivo. Adesso in un suo articolo leggo, tra l’altro, espressioni che sfiorano l’insulto all’indirizzo di una parte dei suoi lettori che non hanno condiviso una sua battuta nei confronti di Franco Battiato. Li chiama cattivi lettori e costruisce il pezzo contestando molte loro opinioni, evidentemente percepite attraverso i commenti ai suoi articoli. Il mio unico padrone è il lettore, diceva Indro Montanelli. L’indipendenza di Puglisi va oltre. In tempi di sfrenato conformismo mediatico non è poco.

Antonio Carollo | 17/08/2011 ore 01:21:14

 

Romp fino a qualche mese fa è stato un frequentatore autorevole di questo forum. Non le mandava a dire, se c’era da rompere rompeva. Con RA il rapporto era di aperto confronto, via la comoda patina di quella specie di conformismo che inevitabilmente a tratti si respira in un blog di un autore affermato. Ricordo che RA ad un certo punto gli disse: insomma questo blog lo dirigi tu o io. Romp = ro di Roberto + una m di congiunzione + p di Puglisi. Adesso Roberto Puglisi è cronista, editorialista e credo anche direttore del quotidiano online “Livesicilia”. Ha un proprio orientamento politico, ma la sua indipendenza appare evidente. Non di rado sono d’accordo con le sue analisi. Non disturba quel di più di passione e di sanguigno che immette nella sua prosa ispida e sincera (questi due ultimi aggettivi li traggo da una sua auto-definizione: una voce fallibile, ispida, sincera che non la racconta come altri vorrebbero). Prosa a volte venata da un certo lirismo, nei momenti di più forte coinvolgimento emotivo. Adesso in un suo articolo leggo, tra l’altro, espressioni che sfiorano l’insulto all’indirizzo di una parte dei suoi lettori che non hanno condiviso una sua battuta nei confronti di Franco Battiato. Li chiama cattivi lettori e costruisce il pezzo contestando molte loro opinioni, evidentemente percepite attraverso i commenti ai suoi articoli. Il mio unico padrone è il lettore, diceva Indro Montanelli. L’indipendenza di Puglisi va oltre. In tempi di sfrenato conformismo mediatico non è poco.

Antonio Carollo | 17/08/2011 ore 01:21:13

 

Adriana sei sparita ?
Eccoti Cary Grant dopo Gregory Peck
[LINK]

gippe | 16/08/2011 ore 22:32:04 | @

 

Casciolici, sul cognome non ho dubbi. Per il nome o Antonesco o Francello. Di sicuro un mix terribile che genera il "politico" del futuro

Don Diego | 16/08/2011 ore 19:17:04

 

Il sospiro, Antonio, comprendeva pure la mancata apocalisse finanziaria che avevo previsto per il 15 agosto.

roberto alajmo | 16/08/2011 ore 15:47:43

 

A RA scappa un sospiro di sollievo: è passato Ferragosto e siamo ancora vivi. Credo alluda all’arrembaggio dell’esercito dei bagnanti alla spiaggia di Mondello. Qualche giorno fa il Nostro ha osservato uno di questi bagnanti e si è divertito a scriverne, ma migliaia di arrembanti no, gli avranno guastato un po’ il buonumore. Un’osservazione: se a Mondello in una giornata di fuoco come quella di Ferragosto si riesce a rimanere vivi significa che qualche brandello di norma di buona creanza ancora vi resiste.
Così non può dirsi per la spiaggia di Trabia. Per RA ci sarebbe stata un’unica alternativa: soccombere o scappare. Mezza Palermo in un chilometro di arenile. Baldoria selvaggia, con giganteschi roghi, abbuffate e vino a gogò, trionfali bagni di gruppo, fino alle due di notte. Prova a sopravvivere!! Però anch’io mi sono salvato: stando a debita distanza, nella mia casetta in collina, dove l’esplosione della gioia popolare è arrivata sotto forma di gradevoli figurazioni di improvvisati spettacoli pirotecnici.

Antonio Carollo | 16/08/2011 ore 15:14:27

 

Eh...

roberto alajmo | 16/08/2011 ore 13:21:33

 

A chi verrebbe in mente? E' venuto in mente ad un buon 30% degli italiani

fara | 16/08/2011 ore 09:43:31

 

Toh: è passato Ferragosto e siamo ancora vivi.

roberto alajmo | 16/08/2011 ore 07:00:28

 

Grazie anche a voi, Adriana e Lello.
Almeno a Palermo il tempo meteorologico si è adeguato alla malinconia letteraria, in questa giornata di ferragosto.

roberto alajmo | 15/08/2011 ore 19:58:33

 

Dopo quiz e ricette, leggere il pezzo sul sig. Giacomo ha reso il mio ferragosto più bello.

Lello | 15/08/2011 ore 19:36:05

 

Per reidratarsi bene, niente di meglio che un buon Lassi
[LINK]

Io lo faccio anche solo mettendo della frutta (lamponi o mango o fragole o melone) in un contenitore, poi la riduco in purè ed aggiungo lo yogurth e dell'acqua fredda, anche gasata e magari una fogliolina di menta. E' eccezionale.

antonia | 15/08/2011 ore 19:21:09

 

Federico,il caldo e non sono sicura che sia colpa solo del caldo, mi ha rincretinita,la tua precisazione l'ho capita soltanto adesso...mi ero infatti chiesta,come una ebete,il perché del nome Giacomo scelto dal padrone di casa.
A proposito bella la foto di Dirk Bogarde (dovrebbe essere lui)in Morte a Venezia.
Vado a reidratare le sinapsi

adriana | 15/08/2011 ore 18:13:00

 

quello che nessuno vede è che il signor Giacomo ha in mano un taccuino su cui scrive una bellissima poesia che forse mai nessuno leggerà...

federico | 15/08/2011 ore 14:22:16

 

Bentornata, Antonia. E grazie.

roberto alajmo | 15/08/2011 ore 13:30:11

 

Torno e trovo una penultim'ora proprio bella. Grazie Roberto

antonia | 15/08/2011 ore 13:27:07

 

Credo di notare bene dicendo che è il languore il motivo conduttore non solo del Sig;Giacomo con le caviglie ammollo...ma anche di chi scrive e di chi legge che si fa coinvolgere...in questi giorni di ferie forzate d'agosto.
Piccola notazione personale:il sabato con le aspettative e la domenica come giorno in cui contare la quantità di queste aspettative concluse...mi hanno accompagnato fino alla conclusione delle scuole...poi quando ho iniziato a lavorare,quando le festività,le ferie e le comuni domeniche sono diventate giorni come altri da coprire con le guardie,le mie aspettative sono diventate adulte...e piene di speranza di aver fatto qualcosa di utile
Scusate la prolissità,e...buon Ferragosto a tutti

adriana | 15/08/2011 ore 09:04:50

 

Grazie, Carmelo. "Il signor Giacomo" lo metto più tardi.

roberto alajmo | 14/08/2011 ore 17:46:26

 

Il sabato del villaggio ed il signor Giacomo su Repubblica di ieri sono davvero una pregiata metafora di vita. E debbo dire che anche il fondo di oggi e' molto interessante perche' restituisce forza argomentativa e valore democratico al tema dei privilegi della classe politica. Molti complimenti.

Carmelo Guarino | 14/08/2011 ore 17:42:25 | @

 

Sei troppo buona, Rosita.

roberto alajmo | 14/08/2011 ore 12:44:01

 

x Penultimora
non ci sono parole. E' un penultimora splendido. Tanto splendido quanto deprimente.
Sembra che non ci sia davvero rimedio, di fronte ai privilegi nessuno ha voglia di ragionare se questo ragionamento può condurli a ritenerli ingiusti e a privarsene.
Mi ritrovo tristemente a sognare un leader "vero" che arrivi e pronunci le fatidiche parole "la ricreazione è finita".

rosita | 14/08/2011 ore 11:27:47

 

Ciao Alessandra,

Non ci conosciamo ma la tua 'entrée en matière' cinematografica mi piace.

Non posso fra l'altro non cogliere una certa analogia antisimmetrica con un film di cui abbiamo parlato recentemente.

Il tuo é rimasto praticamente sconosciuto in Francia e personalmente é la prima volta che ne sento parlare ; l'altro punto é la traduzione dei titoli e come al solito quelli italiani sembrano molto piu' distanti ma spesso piu' idonei :

° Legends of the fall
° Légends d'automne
° Vento di passionI

Comunque grazie, il tuo spunto e quello che ho letto mi danno voglia di vedere questo film.

Bien à vous

gippe | 14/08/2011 ore 10:49:33 | @

 

Bentornato anche a te, Mario. Grazie.

roberto alajmo | 14/08/2011 ore 08:26:21

 

Mi piace tantissimo quando affermi "...la domanda più crudele non è come mai guadagnino tanto, ma piuttosto come sia possibile che guadagnino tanto in cambio di un così modesto contributo legislativo e amministrativo...". E su questo bisogna insistere perché il risultato dell'evidente mediocrità progettuale ed innovativa è sotto gli occhi di tutti. Mi preoccupano non solo i menopeggioristi, ma anche i loro migliori sostenitori pronti a rimetterli tutti in campo. Ed al peggio non c'è mai fine...

Mario Midulla | 14/08/2011 ore 07:24:11 | @

 

Bentornata, Alessandra...

roberto alajmo | 14/08/2011 ore 03:22:35

 

Roberto, sul tema che di questi tempi ti interessa particolarmente, quello della "bella morte":

Ormai Tristan, essendo ricercato, deve fuggire. Prima però chiede al fratello di prendersi cura dei suoi figli.
Tristan fu il più longevo dei fratelli, a differenza di quel che si pensava. Si credeva infatti che lui sarebbe stato il primo a lasciare questo mondo. Invece a morire furono proprio le persone che più lo avevano amato. L'ultima volta che lo videro fu nel 1963, al nord del paese. In una sera con la luna degli alberi che germogliano viene a trovarsi contro l'orso che aveva segnato tutta la sua esistenza. Il film si chiude con la scena del combattimento tra Tristan e l'orso, col vecchio Colpo di Pugnale che commenta: "Ebbe una buona morte".

(Dal film "Vento di passioni")
E poi oggi c'è pure la luna piena.

Alessandra C. | 13/08/2011 ore 23:56:54 | @

 

Ascolta Federico,a questo punto non riesco a capirti più.devo averti fatto qualcosa di veramente grave..per cui mi scuso senza sapere di cosa
Allego il mio indirizzo,sperando che senta il desiderio di spiegarmi senza parlare per metafore.
Te lo giuro...non so che pensare e mi dispiace.

adriana | 13/08/2011 ore 23:51:44 | @

 

@Rosita, effettivamente ti eri avvicinata alla soluzione, pero' non mi hai detto che impressione avevi di Harper Lee (uomo o donna) quando ne hai sentito parlare per la prima volta.

@Adriana, semplice curiosità di quale parco nazionale parlavi in uno dei tuoi post precedenti ?

gippe | 13/08/2011 ore 23:20:26 | @

 

Adriana, mai violare la sacralità della stupidità. Il massimo che puoi dire a uno stupido è: - Beato te che sei cretino!

federico | 13/08/2011 ore 22:51:17

 

A proposito di modello animale,non so quanti di voi ha mai letto sulle etichette dei cosmetici o dei saponi di ogni genere:"testato scientificamente".Sanno perfettamente che l'epidermide dell'uomo è diversa per ovvi motivi evolutivi,ma impiegano lo stesso animali per convincere la gente a comprare validissimi prodotti perché testati.Il resto lo lasciamo al silenzio!

adriana | 13/08/2011 ore 22:06:02

 

Rosita,io credo che sia animalista (termine che mi sembra riduttivo)chi invece difende la parte migliore dell'essere umano,quella istintiva,innocentemente affettiva,quella che fa degli altri animali dei fratelli minori da proteggereE' chiaro che non scendo nel particolare...Per le pubblicazioni scientifiche sono davvero poche quelle davvero valide (Fara te lo può confermare che cosa è il "mondo scientifico").Nessuno ha mai capito,poi,se il modello animale sia sovrapponibile a quello dell'uomo.Scientificamente non vi sono prove sufficienti. Io che ho sempre avuto cani,ho scoperto in quante cose si differisce,seppur mammiferi.
Per il placebo,di solito i pazienti conoscono già la possibilità di averlo somministrato;comunque per trial imporanti,salvavita,credo che il modello placebo sia stato abbandonato.
Rosita,la metafora su cui ti sei confrontata era chiara ma è stata una bella occasione per parlare.Grazie sempre

Federico,se solo dovessi fare parte di quella poca quantità di stupidità...ti prego di farmelo notare...come faccio a corregermi se no!

adriana | 13/08/2011 ore 21:57:27

 

Adriana, nulla m'infastidisce tranne la stupidità, e qui per fortuna ce n'è poca...

federico | 13/08/2011 ore 21:29:20

 

x Gippe:hai ragione, non ho reagito al tuo aiutino...perchè non sono riuscita a trovare altro dopo quello che avevo detto,cmq devi ammettere che mi sono avvicinata alla soluzione!:)
x Adriana, anche se l'argomento corrida è "passato", ti devo qualche considerazione sull'argomento degli animali e delle sofferenze che a volte l'uomo gli infligge. Io odio il fatto che si causi sofferenza a chiunque. In primo luogo all'uomo naturalmente. Ma agli animali si deve rispetto e nessuno dovrebbe permettersi di fare esperimenti inutili magari per avere una pubblicazione in più. Però non so se in alcuni casi questi esperimenti possono essere utili, gli scienziati si giustificano dicendo che devono farli sulle altre specie prima che sull'uomo. A questo proposito temo che i farmaci alla fine vengano sperimentati anche sull'uomo e senza il suo consenso, non ti è capitato di leggere che ad alcuni gruppi è stato dato un certo medicinale e ad altri un placebo?ovviamente a loro insaputa...e poi le percentuali di morte ad es. sono maggiori in chi ha preso quest'ultimo?insomma a volte gli animalisti si fermano alle battaglie per gli animali e rivolgono minore attenzione a quelle per l'uomo. Sulla corrida ho fatto una considerazione che "entrava" nella metafora proposta da R.A. nel penultimora , non perchè io approvi quelle crudeltà di cui parla anche Fara.

rosita | 13/08/2011 ore 21:06:30

 

Allera stasera tutti alla gelateria di via Pipitone , paga FB.

Bien à vous

gippe | 13/08/2011 ore 18:40:29 | @

 

Federico,lo sai che scherzavo vero?Non voglio vederti infastidito;ignorami caso mai!

adriana | 13/08/2011 ore 17:45:16

 

in via pipitone ha aperto un'ottima gelateria e battiato nella sua ostentata saggezza è parecchio ottuso...

federico | 13/08/2011 ore 17:19:27

 

Antonio...e il tuo primo libro importante?
Mi piacerebbe che ce lo dicessi

adriana | 13/08/2011 ore 17:17:49

 

Che stupido! Non ci avevo pensato: allora non sarei uno stupido? Meno male!
E chi va a dirglielo a Franco? Lui gira come una trottola per l'Italia. Ci vorrebbe una ispirata (da Manlio) canzone sulla trottola, sarebbe una cosa intelligente.

Antonio Carollo | 13/08/2011 ore 16:45:35

 


Si caro Antonio, una grinza la fa, il tuo sillogismo é formalmente mal posto anche se la conclusione non cambia.

Se fai ben attenzione le categorie che intervengono rispondono a regole inclusive ben precise.

Avresti dovuto scrivere :

° I partecipanti di FB frequentano un luogo di stupidi

° Io (anzi tu, ma anche io) sono un partecipante di FB

° Io frequento un luogo di stupidi

Il che non significa che né io né tu siamo stupidi ; spiegalo tu a Franco Battiato (FB) !!.

Per estensione si potrebbe anche dire che tutti quelli con iniziale FB sono stupidi
etc etc....

Adesso, il primo che parla di tesi, antitesi e sintesi lo spedisco direttamente in via Pipitone.

Bien à vous

gippe | 13/08/2011 ore 16:12:59 | @

 

Franco Battiato, intervistato in occasione del concerto al Castello al mare, tra le tante cose dette ha riservato tre parole ai network, come facebook, tweetter ed affini, definendoli spazi dove va avanti la stupidità.
In un baleno mi ha folgorato il sillogismo: io partecipo a facebook, facebook è un luogo di stupidi, quindi sono uno stupido. Non fa una grinza. Poi ho pensato: non è che anche i forum dei blog privati sono, nel loro piccolo, dei network (tra l'altro criminalizzati da David Cameron)? Stai a vedere che bene che vada mi ritrovo in possesso della patente di doppio stupido.
Figuratevi il mio stato d'animo. Per un colpo di fortuna, non so, mi cade l'occhio su un articolo del filosofo Maurizio Ferraris e su un'intervista a Wu Ming di Loredana Lipparini entrambi dedicati alla vivisezione di Facebook e Tweetter. Un sospiro di sollievo: i due fenomeni sono trattati con serietà direi scientifica, lontana mille miglia da qualsiasi sentore di stupidità.
Sono andato al blog di Battiato, battiato.it, ed ho visto che quello di Palermo è uno dei ventidue concerti
programmati per tutta l'Italia dal 15 luglio al 15 settembre.
Morale della favola: a me è rimasto un filino di sconcerto da presunta stupidità, a lui la rinforzata certezza di intelligenza intellettuale e pratica.

Antonio Carollo | 13/08/2011 ore 15:26:03

 

tornado alla penultima odierna non me la sento di dare tutta la responsabilità dell'attuale sfacelo italico a un uomo solo, sarebbe davvero un'inutile sopravvalutazione, diciamo che "lui" si è limitato a dare voce all'anima del nostro paese, perché, lo si creda o no, ogni paese come ogni uomo ha un'anima, anche se di difficilissima definizione e individuazione. L'Italia, purtroppo, è quella che l'attuale leader incarna e temo lo rimarrà ancora per un bel po' di tempo.... scusate la lungaggine e e il tono dimesso che mal si addice al clima vacanziero...

federico | 13/08/2011 ore 12:35:13

 

Cara Adriana, se dovessi avere motivi di gemellaggio con tutti i miei ex compagni di scuola vivrei in un paese felice... cmnq, temo che stiamo già abusando della cortesia del padrone di casa...

federico | 13/08/2011 ore 12:23:56

 

Ho avuto molto da fare negli ultimi mesi...io ero rimasta al "siamo fuori dalla crisi"...poi che è successo? mi ci vorrebe un rassegnato stampa...

Paola | 13/08/2011 ore 11:58:42

 

Federico,in realtà cercavo motivi di gemellaggio con te:abbiamo Saramago che io venero,la lavatrice,i sorrisi che profumano di verità...ora
la storiella (te l'ho detto che è retrò) ci manca solo di aver fatto le medie nella stessa scuola...(io al Verga)
A la prochaine...come direbbe qualcuno!

adriana | 13/08/2011 ore 11:36:33

 

Cara Adriana, tuo zio fiorentino doveva avere più o meno la mia età visto che io questa storiella la raccontavo quando andavo alla scuola media...
Buongiorno a tutti

federico | 13/08/2011 ore 10:23:59

 

Buongiorno a te da Abusiland...
il link è un gioiellino...una specie di pizzo in pratica...

Ah...Roberto,grazie!

adriana | 13/08/2011 ore 08:37:53

 

Buongiorno, vivacissimi amici miei.
Qui [LINK] trovate una finestra sul futuro del mercato occupazionale: quando sarà l'impiegato a dover pagare per lavorare.

roberto alajmo | 13/08/2011 ore 08:14:41

 

Prima che il gallo canti e che qualcuno se ne accorga, Harper Lee ha avuto il premio Pulitzer nel 61'.

Adriana, ma che ti dai alla scatolgia taurina ?

Bien à vous

gippe | 13/08/2011 ore 00:42:45 | @

 

Caro Federico,la penultim'ora è cambiata:i tori ed i toreri debbono uscire di scena.Ma l'ultima esibizione la dedico a te che odi la corrida e ami la bistecca alla fiorentina
Sappi che mio zio,fiorentino doc ,raccontava una storiella dall'umorismo retrò: siamo nell'arena e si affrontano fieri e maschi,il toro ed il torero.Quest'ultimo agile affronta il toro con sicurezza e con voce ferma gli grida..."haca,toro","haca toro" gli ripete fra gli applausi del
pubblico..."haca,toro"...ed è a questo punto che il toro si inferocisce , con la schiuma alla bocca lo punta ...e gli risponde "ho già hacato,lo
vuoi capire!"
Perfettamente in tema per concludere l'argomento...
Buonanotte

adriana | 12/08/2011 ore 23:35:42

 

Scusate vi dispiace se non parlo di Tori ?

@Rosita non hai per niente reagito al mio aiutino; va bene allora vi dico tutto a rischio di essere fuori tema.

°Sul titolo e sulla traduzione c'é poco da aggiungere a parte il fatto che il titolo italiano é distantissimo dal titolo originale.

°In Francia il romanzo non ha avuto lo stesso successo che ha avuto in Italia e le traduzioni del romanzo non erano il massimo :
1961 : Quand meurt le rossignol
1989 : Alouette je te plumerai
2005 : Ne tirez pas sur l'oiseau moqueur

Quando ne parlavo con amici francesi che pur amavano il cinema, film e romanzo erano praticamente sconosciuti.

E le mie traduzioni del titolo italiano in francese li facevano ridere : Le noir au delà du buisson ....

Harper Lee era poco conosciuto, anche perché per me era un uomo (Adriana il tuo intuito non toglie niente al fatto che almeno due terzi delle persone a cui ho posto questa domanda pensavano che Harper Lee fosse un uomo).

D'altro canto il nome non é per niente femminile e poi chi poteva immaginare che una donna nel 62' potesse vincere il premio Pulitzer.

Giustizia é stata fatta nel 2005, come é gia stato detto, nel film Capote, si scopre che Harper Lee é una donna, grande amica d'infanzia di TC.

In Francia é bastato questo film per lanciare con grande successo un'altra traduzione del romanzo e rimettere nel circuito il film di Mulligan.

Ho finito

Bien à vous

gippe | 12/08/2011 ore 23:09:49 | @

 

Paola,se la corrida non fosse una serie di rituali prevedibili e volutamente plateali,potrei capirti;in natura tu sai che c'è chi vince e chi perde nella lotta per la sopravvivenza...ma in natura nulla è scontato. Chi di solito vince può perdere e viceversa,dipende da tante cose.
Il torero bello che affrontava il pericolo sapeva di interpretare un ruolo,quello del bel torero che affrontava un pericolo;ti ripeto,gli uomini che si fanno incornare mi puzzano di voluttà della morte...il toro viene ammazzato lo stesso,non credere;non gli danno alternativa.
Non è un gioco alla pari:in questo qualcuno bara:chissà chi!
Il fatto che ti sia piaciuto è una tua esperienza nella quale non posso e non è giusto entrare.
Un abraccio

adriana | 12/08/2011 ore 19:50:26

 

Quel toro (che per quanto ferito ed infiacchito, fa veramente paura anche solo a vederlo dagli spalti). Ma quel toro che intenzione aveva di affrontare "un torero" ?
"Ferito e infiacchito" . Qualcuno si è preoccupato di ferire ed infiacchire il torero? NON credo,

fara | 12/08/2011 ore 18:30:25

 

In occasione della precedente penultim'ora di RA sulla corrida, avevo rinunciato a dire la mia. Non mi andava di affrontare l'arena (questo forum) nel ruolo del toro (pro corrida) circondata da toreri(animalisti).
Ma adesso mi va di dire la mia.
A me la corrida mi ha fatto impazzire. Dovrei dire "mi è piaciuta", ma sarebbe inesatto e - in un certo senso - riduttivo.
Non è facile da spiegare, ma vi faccio una domanda: qualcuno di voi lo affronterebbe quel toro? beh io ho trovato assolutamente folle e straordinario che un uomo avesse il coraggio di mettersi di fronte ad un animale enorme ed inferocito, (che per quanto ferito ed infiacchito, fa veramente paura anche solo a vederlo dagli spalti) e lo facesse
con un'eleganza ed una classe
incredibile.
Quando mi fu proposto di andare alla corrida avevo pregiudizi così radicati che accettai di assistere solo a condizione di trovare un posto a sedere vicinissimo all'uscità. Ero assolutamente certa che non avrei resistito neanche pochi minuti. Ed invece l'ho vista tutta. Ed ho provato sensazioni così forti da considerarla una esperienza davvero unica.
Ricorderò sempre quella che ho
visto (ben due toreri uscirono incornati, sconfitti e massacrati dal toro e dal
pubblico) e non dimenticherò mai la bellezza di un torero
che - faccia a faccia con quella montagna viva e pulsante - si accinge, con un sangue freddo incredibile, ad infliggere al toro il colpo di grazia.
Non credo che tornerei mai a vederne un'altra (ma non ne sono certissima), e non
consiglierei a chiunque di andarci.
Insomma: faverevoli o contrari alla corrida, penso (ed è solo la mia opinione) che non si possa parlarne senza prima averne vista una (o avere almeno provato a vederne una).

Paola | 12/08/2011 ore 17:30:19

 

Grazie Adriana ,Che dirti?... qui si sta bene. Ma per tutti!
Alajmo è una porta aperta ...per fotuna

fara | 12/08/2011 ore 17:29:18

 

Roberto,hai ragione sono irruente,ma mi hai già perdonato!
Avevo letto il tuo pezzo su Siviglia...come leggo tutto da un po' di tempo,con attenzione:Sai,a Siviglia ci sono stata anche io nel novembre scorso.Sono passata tante volte davanti alla Plaza de toros,lungo il Guadalquivir.
Anche io che amo le radici in cui affondano i nostri ed altrui miti,avrei potuto fare,è giusto,i tuoi stessi discorsi,magari farmi tentare anche solo dal pensiero della corrida; ho preferito invece andare in giro a scovare picole stamperie artigiane per sentirmi felice di riportare a casa un ricordo diverso di Siviglia.Un ricordo pieno di affetto e non di violenza!
Ma perché questi discorsi sulla "bella morte"che mi fai spaventare?
Ora mi fermo OK

adriana | 12/08/2011 ore 17:02:59

 

Cara Fara,grazie a te,sapevo di potere contare su di te,sul discorso della corrida,so che ami gli animali...
per il resto...Fara io non sono in grado di psicanalizzare nessuno...non ne ho i titoli.Ho soltanto buona cultura psichatrica (medica quindi) e tanto interesse umano per le persone.
Io posso solo con cortesia chiedere alle persone se hanno voglia di conoscermi e di farsi
conoscere.Tutto qui!Perché dovrei aprire un blog...quando qui ho degli amici con cui stare bene?

adriana | 12/08/2011 ore 16:45:51

 

Cara Adriana, temo che nella tua irruenza stia cercando di sfondare una porta aperta: [LINK]
Come vedi, a me la corrida piace quanto te, cioè per niente.
Io oggi mi sforzavo di fare solo (solo?) un discorso sulla "bella morte", tema che di questi tempi mi interessa particolarmente.

roberto alajmo | 12/08/2011 ore 16:01:08

 

Adriana, io non ho niente contro di te. Te lo volevo dire. Mi sembrava corretto. Semplicemente non mi va di raccontare i fatti miei. Per questo ti avevo invitato ad aprire un blog. Magari ci sono tantissime persone che vogliono parlare di se stessi e confrontarsi con altri. Tu sei un'ottima persona , semplicemente non devi pretendere che tutti parlino di se stessi con te. Non tutti ne hanno voglia ... questo dovresti capirlo visto che hai una buona esperienza in ambito psicoanalitico. Grazie e grazie per il tuo intervento sui tori e toreri

fara | 12/08/2011 ore 15:13:19

 

ma in una lotta fra il toro e l'uomo, dove il toro è l'uomo e l'uomo la morte ( lettura assai comoda) cosa c'entrano tutti gli altri "attori" che feriscono e indeboliscono il toro portandolo al confronto con la morte praticamente già morto?

fara | 12/08/2011 ore 14:50:52

 

Cara Rosita,innanzi tutto scusami la virulenza con la quale mi sono rivolta a te(innocente passione)altre volte
Io credo,senza voler fare psicologia da strapazzo,che tu abbia azzeccato un punto cruciale della faccenda:giocando con la morte
viene istintivo,suggestivo rovesciare le parti...io l'ho chiamata distrazione dei toreri;cosa può indurre una persona che rappresenta platealmente la vita ad andare oltre il limite,facendosi affascinare dalla morte se non la pura e semplice sfida.?
Ma il problema è un altro:è quellodell'essere umano che per
costruirsi,cementare i suoi sì ed i suoi no lo debba fare a scapito dei più deboli siano bambini in guerra,siano animali indifesi siano paesaggi da oltraggiare
A scapito sempre dell'Altro!
Aspetto le tue promesse parole

adriana | 12/08/2011 ore 14:22:05

 

detesto la corrida, ma non la bistecca alla fiorentina...

federico | 12/08/2011 ore 14:07:31

 

Di quale parco nazionale parli Adriana ?

Se é quello degli Abbruzzi, lo sai come si chiama il lupo ? E l'orso ? E la montagna piu'alta ?

Facilissimo.

Per quanto riguarda Harper,Lee, ritornero' sull'argomento piu' tardi.

gippe | 12/08/2011 ore 14:05:51 | @

 

onestamente pensai a un uomo...

federico | 12/08/2011 ore 14:03:54

 

E' una donna Gippe,è proprio facile...
Perché pensi che io debba farti la rappresaglia non posso pretendere che tutti vivano come la massima che dice:con tutti gli esseri e con tutte le cose noi saremo fratelli!Trovai questo proverbio indiano immortalato in un adesivo che comprai in un parco nazionale dove avrei dato chissacché per vedere un lupo (anche quello cattivo)

adriana | 12/08/2011 ore 13:31:34

 

@Rosita ,

Una prima risposta con una domanda che é anche estesa agli altri :

Onestamente, quando avete sentito parlare di Harper Lee, pensavate a una donna oppure a un uomo ?

Bien à vous

gippe | 12/08/2011 ore 13:22:05 | @

 

il discorso sull'animalismo e sulle crudeltà sugli animali è importante e certo da approfondire e mi ripropongo di farlo,...
Gippe, io sul libro di Harper Lee ho scoperto qualcosa ma non di buffo!cioè il rapporto della scrittrice con Truman Capote suo amico d'infanzia e l'aver partecipato all'inchiesta sugli assassinii avvenuti nel Kansas....Di altro non ho scoperto niente:)

rosita | 12/08/2011 ore 13:06:50

 

R.A: penultimora corrida

Già...il momento della verità...In quel caso tu dici il toro rappresenta l'uomo e il torero la morte, il destino. Forse allora per questo c'è quella sottile ambiguità nel pubblico tra il timore e il desiderio di un incidente, come se la morte del torero e la "vittoria" del toro potesse significare l'imprevisto, la ribellione e la vittoria dell'uomo sulla morte.

rosita | 12/08/2011 ore 13:01:07

 

Un'ultima domanda perchè giuro che non ti capisco;se abbiamo appurato cos'è l'animalismo di superficie...in cosa consiste l'animalismo di profondità?
Credo che tu che hai posto la questione me lo debba spiegare.
Ti saluto con tutto il mio affetto

adriana | 12/08/2011 ore 12:56:43

 

Roberto certo che ti ho capito ma non posso fare mia la tesi del conformismo e della comodità.E' conformismo preferire la vita alla morte,quando poi chi sicuramente muore viene crudelmente sfinito e poi finito in mezzo agli applausi?
La distrazione dei toreri che si fanno incornare ha ben altre
possibili spiegazioni.
La comodità dell'animalismo è concetto che non afferro...
Ti faccio un altro esempio do po quello dei cannibali,la vivsezione:bene si fa per la scienza si dice; bene ,ma tu l'hai mai visto un cane vivisezionato come per caso capitò a me entrando in un sotterraneo di una scadentissima clinica chirurgica dove si sacrificava quella povera creatura per un lavoretto "scientifico" da quattro soldi del raccomandato di turno?Io me lo sogno ancora di notte.
Tu dici si studia,si capisce e dopo si condanna.
<io ti ho portato un esempio razionalissimo,quello del cannibalismo,bene ti prego di rifletterci con tutta la stima che ho per la tua sensibilità
Allora caro Roberto,devo dirti che ho studiato a fondo,ho capito a fondo cosa c'è dietro ad un rito e...non posso che condannare.







adriana | 12/08/2011 ore 12:52:01

 

Sul soggetto (Animalismo di superfice)mi sono tenuto un po' alla larga perché é un argomento molto scottante e complesso.

In questo sono d'accordo con Roberto e aspetto le rappresaglie di Adriana.

Intendiamoci bene, non é che con questo giustifico la corrida, ma non si puo' liquidare con superficialità un 'rito' che ha radici profonde (esistono tracce antichissime della tauromachia)
nella nostra cultura mediterranea.

Questa superficialità ci porterebbe a approvare le posizioni di Brigitte Bardot sugli asini, che da buona fascista, detesta l'umanità.

E' ovvio che fra un toro di sinistra e Pinochet salverei il toro, ma ci sono anche tori di destra e allora come la mettiamo ?

Uccidere o non uccidere gli animali questo é il problema.

Problema che é sollevato anche dal titolo del romanzo di Harper Lee e nelle traduzioni che ne sono state fatte.

To kill a mockingbird
Ne tirez pas sur l'oiseau moqueur

Visto Adriana dove ci porti con Gregory Peck ?

Bien à vous

gippe | 12/08/2011 ore 12:21:09 | @

 

Animalismo d superficie è difendere gli animali con prese di posizione comode e conformiste.
Si studia, si capisce cosa c'è dietro un rito, e poi, nel caso, si condanna. Non mi pareva tanto difficile da capire.

roberto alajmo | 12/08/2011 ore 11:59:28

 

Penultim'ora

Buongiorno a tutti.Ieri ho scritto un post esemplare sull'argomento; peccato che nessuno abbia avuto voglia di continuare il mio commento;il tema mi sta talmente a cuore che
tornerò ancora a dire la mia finché non sarà tolto il pezzo!
Rinnovo la domanda sull'animalismo di superficie;maliziosamente faccio notare che non avendo data risposta,il padrone di casa forse applica anche sul tema la sua regola preferita:non dire niente quando niente si ha da dire!
Buongiorno anche a te,Roberto!

Parafrasando Antonia dico,infine: sto andando in Abusiland paese dove chissà un giorno gli archeologi del futuro scopriranno che anche la Valle dei Templi era stata edificata abusivamente!
A presto!

adriana | 12/08/2011 ore 07:11:27

 

Scusa Don Diego ma Tornado lo avete in comproprietà?...e i turni chi li stabilisce?

adriana | 11/08/2011 ore 22:23:17

 


Effettivamente Adriana, capisco meglio il tuo post adesso che ho letto l'ultimo Penultima.

Ma come si dice ancora 'fra moglie e marito non mettere il dito' mi pare che questo valga anche per le storie di tori e toreri.

Meglio starsene alla larga, senno' mogli, mariti, tori e toreri ti mettono in mezzo e quello quello che si fa incornare sei tu.

Bien à toi (et à vous tous)

gippe | 11/08/2011 ore 21:54:55 | @

 


Quella delle consulenze alla Regione Siciliana non é una novità purtroppo anzi se la mia memoria non mi tradisce, anche Leoluca Orlando le ha utilizzate al comune di Palermo.

Per quanto riguarda la Regione ho conosciuto un paio di sedicenti 'consulenti' che non valevano una cicca ma avevano gli agganci giusti.

E non ti dico gli onorari a rendere invidioso un onesto manager competente.

Consulenti che sicuramente al Nord o altrove che alla Regione avrebbero fatto un 'firriuni'.

@Lello ma che vuoi diventare censore pure tu ?

gippe | 11/08/2011 ore 19:07:16 | @

 

Il piccolo principe

Paola | 11/08/2011 ore 18:54:14

 

Don Diego, allora questo Armao è uno che se ne intende di consulenze. Non ci crederai, avevo concluso il post dubitando della buona fede dell'assessore, subodorando un specie di gioco delle parti tra lui e Lombardo. Poi l'ho cancellato, pensavo che poteva bastare come denuncia di una ambiguità piuttosto palese.

Antonio Carollo | 11/08/2011 ore 16:41:02

 

Gippe ma che vuoi fare il Mike del blog ? E basta !!

Lello | 11/08/2011 ore 16:25:01

 

Caro Antonio, aggiungo (con qualche giorno di ritardo, sono in paravacanza) qualcosa al tuo post sui consulenti della Regione e l'Assessore Armao. L'Avvocato Armao, prima di essere assessore, riusciva ad essere simultaneamente (altro che mia doppia personalità, qui si trattava di doppio portafoglio) consulente pro e contro il medesimo assessorato ("non ricordando" davanti ai giornalisti di quanti milioni di euro fosse la sua parcella per il caso "termovalizzatori"). L'Assessore Armao, in uno dei suoi diversi mandati, nominò una valanga di consulenti (donne, procaci e vip) sulla cui utilità ancora si vaneggia e vagheggia.
Faccio un fischio a Tornado e sparisco nella notte!

Don Diego | 11/08/2011 ore 16:15:26

 

Il post di Csilla dice più cose di qualche paludato articolo delle solite firme sui giornali. L'apparente scarsa attenzione del popolino verso i fatti gravi dell'economia, certo, non autorizza le autorità politiche ad approfittarne, non tenendo nel debito conto il suo stato di disagio. Ancora non è del tutto chiaro cosa intende fare effettivamente il Governo. Si guardi bene dal calcare la mano sulle fasce deboli. E' vero che la remissività spesso si paga con una iniezione di ulteriore dose di disagio. Però la risposta a volte non si fa attendere, potrebbe essere assai decisa, come è già successo in diverse altre realtà.

Antonio Carollo | 11/08/2011 ore 14:48:02

 

@rosita e per gli altri

Nulla di personale, quelle che sono state le mie interrogazioni potrebbero essere le stesse che ognuno di voi avrebbe potuto porsi.

Un aiutino ?
-traduzione del titolo
-autore
-un film 'chiarificatore' del 2005

Adesso é piu' chiaro ?

Bien à vous

Gippe | 11/08/2011 ore 14:40:12 | @

 

x Roberto Alaimo: :)..vero..mi era sfuggito!lo ha proprio fatto!:)

x Gippe e altri: io leggevo tantissimo anche da piccola, non ricordo il primo libro, ma posso citare tra i libri che mi hanno colpito molto Incompreso...quanto ci ho pianto con quel libro!, e alcune fiabe di Andersen, e poi Alice e Piccole Donne.
Per Gippe:, non ci hai dato nessun ...ehm.."aiutino":) per la domanda da risolvere...dai...questa cosa buffa che hai scoperto riguardava il libro o il film?ed è una cosa personale oppure anche noi leggendolo potremmo scoprirla?

rosita | 11/08/2011 ore 13:19:41

 

Un chiarimento innanzi tutto:che cos'è l'animalismo di superficie?

James Cook venne masticato e digerito dai cannibali a causa
di un Rituale Magico-Culturale secondo il quale mangiare gli altri uomini trasmetteva le doti di quell'essere umano!
Il discorso non fa una grinza...rituale la corrida,rituale il cannibalismo!
Allora perchè è deprecato mangiare gli Uomini mentre è mitico (nel senso dispregiativo)ammazzare delle povere bestie solo per trovarne
significati nobili!
I tori come tutti gli altri animali sentono la morte sia rapida che lenta come i condannati a morte...quindi permettetemi...
Viva il cannibalismo,almeno se
mi mangio il padrone di casa sarò una grande scrittrice se ammazzo un toro mi resta adosso la parola perché!
Buona giornata

adriana | 11/08/2011 ore 13:19:02

 

'Huckleberry Finn'

Cs. | 11/08/2011 ore 12:46:44

 

@Gippe,io non ricordo il primo libro letto, ricordo solo che leggevo tanto, libri sulle avventure degli indiani,Mary Poppins, Le avventure di Hucleberry Finn, I Ragazzi di via Pal.....ma mi piacevano tantissimo le enciclopedie per ragazzi!

Csilla | 11/08/2011 ore 12:45:44

 


E non dimentichiamo, per chi non lo ha ancora fatto, di indicare il primo libro che ci ha dato voglia di leggere, perché dopo il 15 agosto non sarà piu' possibile.

Bien à vous

Gippe | 11/08/2011 ore 11:34:11 | @

 

La situazione è più che grave,oramai in campo anche l'estero, e quando il FT scrive il suo articolo e fa la domanda, B. perchè non se ne va, parte la rappresaglia dei media estere.
Mentre il popolo dei 'normali' si preoccupa, il popolino se la gode,siamo a Ferragosto.Leggo articoli su come comportarsi negli uffici quando i colleghi sono in prevalenza donne, poi c'è Totti al mare, i miei vicini di casa sono all'oscuro di tutto,impiegati statali,se qualcosa, i loro stipendi saranno sicuramente toccati, sono li, toccabili, gli impiegati sono le prede più facili.Insomma, nonostante la minaccia per la loro sopravvivenza,la notizia che ritengono più importante è che il figlio è passato al Milan,da tifoso accanito per la Roma e questa causa un 'leggero' scompiglio familiare perchè i genitori sono divisi tra le 2 tifoserie.In effetti, è un discordo vitale, quello del pallone.
Ieri ero scioccata....per modo di dire, più che altro stranita, incredula.....segue OT...sull'Aurelia,una delle statali più importanti e trafficati d'Italia, le prostitute sono in mostra sedute sul guard rail, niente meno, sedute li,in attesa, a bordo strada.Evviva la sicurezza statale! Controlli, certamente zero, oltre i rilevatori di velocità nascosti, ovviamente.

Csilla | 11/08/2011 ore 08:57:13

 

Stato confusionale.
Il Governo convoca le parti sociali per annunciare loro soltanto che deciderà sulla nuova manovra tra il 16 e il 18 agosto. Grazie e arrivederci.
La Lega dice che non si toccano le pensioni e non si fa la patrimoniale: oltre che di lotta e di governo adesso è anche partito di sinistra e di destra.

Antonio Carollo | 11/08/2011 ore 00:30:16

 

...se si considera poi che in almeno due occasioni il presidente del consiglio in persona ha fatto l'elogio dell'evasione fiscale...

roberto alajmo | 10/08/2011 ore 21:40:56

 

Non me lo ricordo proprio! Ho letto parecchio in gioventù ma il primo primo, non so quale sia.

Lello | 10/08/2011 ore 21:06:12

 

Avete visto lo spot governativo per persuadere a pagare le tasse? Pagando le tasse saremo ripagati. In servizi. A me sembra una provocazione. L'azione del governo contro l'evasione fiscale consiste quindi in un tentativo di persuasione?ma persuadere chi?i grandi evasori ovviamente se ne fregano dei servizi che lo Stato può erogare, dato che con tutti i soldi risparmiati non pagando tasse e/o portati all'estero possono pagarsi quanto di meglio c'è in termini di salute, istruzione ecc. E perchè magari, che so, l'idraulico dovrebbe convincersi a fare la ricevuta in cambio di improbabili incrementi di servizi quando sa che i più ricchi non pagano?(e vengono pure premiati con gli scudi fiscali).Perchè piuttosto invece di contare su questi spot, simbolo quasi di resa, non perseguono gli evasori?

rosita | 10/08/2011 ore 19:23:37

 

Caro Alajmo, mi sa che hai perso la scommessa: a ferragosto non ci arriviamo

Paola | 10/08/2011 ore 19:01:50

 


E con le fesserie di Adriana si dimentica di rispondere al mio quesito.

Dato che é cosi stasera ne scrivo una delle mie e scateno un putiferio.

Sei pronto Lello ?
A proposito il tuo libro ?

Bien à vous

Gippe | 10/08/2011 ore 18:57:52 | @

 

Adriana il problema è che hai creato, senza volerlo, un arma micidiale per attaccare questo blog. Neppur un hacker esperto sarebbe riuscito a farlo. Consumati siamo....

Lello | 10/08/2011 ore 18:24:35

 

Ma niente si puo fare...per es.cancellarlo?
Sono pronta a sacrificare un argomento così serio che mi piaceva tanto!

adriana | 10/08/2011 ore 18:14:08

 

Mi ricorderò di voi quando mi travestirò da Sergente Garcia!
Siete dei mascalzoni...magari il padrone di casa sta ridendo
di me!
Mi vergogno da morire!

adriana | 10/08/2011 ore 17:02:39

 

Adriana, stai diventando poco seria !

Gippe | 10/08/2011 ore 16:41:34 | @

 

Troppo forte Adriana!... se fosse stato un pizzino di Provenzano non sarebbe bastato un rotolo di carta igienica....

federico | 10/08/2011 ore 16:32:03

 

Forte questo scherzo , Adriana! Per quanto tempo ancora saboterai questo blog?
Ha ragione Fara: apriti un blog tutto tuo !!
Hihihihi.....

Lello | 10/08/2011 ore 15:03:28

 

Ma può essere mai che combino sempre pasticci:Basta!
Aspettatevi i piccioni viaggiatori

adriana | 10/08/2011 ore 14:23:25

 

Caro Roberto,ho una richiesta da farti,scherzosamente ma non troppo:esistono le Penultim'ora a Demand?
Vedi parlando del primo libro della mia vita,ne ho parlato come si parla del primo amore!
Poco fa su Repubblica ho letto il pezzo di E.Stancanelli sulla TQ ed il suo manifesto.
La Stancanelli parla di cose concrete,della sua proposta di istituire i Piccoli Maestri (autori che andrebbero a fare quello che sanno fare meglio:comunicare l'amore per la lettura)So che vi è di mezzo la tua Casa Editrice...
Ho capito anche che,discutendo,si sono persi sulle definizioni e sul passaggio (mai niente di nuovo sotto il sole!),dalle idee ai fatti,ecc,ecc
Spero che,magari,conoscendo la
tua generosità, possa regalarci un pezzo su di questa generazione di Trenta-Quarantenni che ha deciso ancora non ho capito bene come
vuole agire.
La penultim'ora di oggi si commenta da sola (è di quelle da rilevamento di inquinamento politico-ambientale);non penso di dovermi sentire in colpa come tutte le volte che non si commentano i tuoi pezzi!
Ciao,a presto


























































































































































































La Penultim'ora di oggi si commenta da sola(è di quelle da
rilevazione di inquinamento politico ambientale); non penso di dovermi sentire in colpa come tutte le volte che nessuno commenta i tuoi pezzi!
Roberto,per carità di Dio,se non ne vuoi o non ti interessa scrivere,la mia mitezza non può che darti ragione
Buon seguito di giornata.

adriana | 10/08/2011 ore 14:21:18

 

Yulia Tymoshenko, l' eroina della rivoluzione arancione del 2004, ex primo ministro, acerrima nemica dell' attuale presidente filo-russo Viktor Yanukovich è stata messa sotto accusa per un atto di governo pretestuosamente definito contrario agli interessi dell'Ucraina. Successivamente è stata arrestata in aula per offese all'attuale primo ministro filo-russo. E' chiaro l'intento di neutralizzare una temibile concorrente alle prossime elezioni
presidenziali.
In Italia un fatto così clamoroso sta passando nel totale silenzio. Non una voce di condanna si è levata finora dall'opposizione (la maggioranza è con gli amici di Vladimir Putin, si sa), né dai tanti movimenti democratici italiani.
L'Ucraina sta lottando per conquistare una vera democrazia indipendente dalla pseudo-tutela del colosso russo. L'Italia democratica se ne stra-sbatte.

Antonio Carollo | 10/08/2011 ore 13:52:24

 

che so? magari hai scoperto che era il film preferito da Clark Kent...

federico | 10/08/2011 ore 11:27:14

 

@ Federico,

Cos'é che non ti piace nel mio premio ?

Vabbé allora ci metto il carico di 11, se trovi, e se sei da quelle parti dal 15 agosto ai primi di settembre un BBQ in Provenza.

Gippe | 10/08/2011 ore 10:40:27 | @

 

@gippe
se cambi premio ci provo...

federico | 10/08/2011 ore 09:56:29

 

il libro che per primo mi fece appassionare alla lettura lo comprai al mercatino che si teneva ogni anno nell'atrio della scuola media, era la storia di un cavallo e il titolo mi pare che fosse "Stella Bianca"... forse fui l'unico lettore, ma a me piacque moltissimo e magari era una mala traduzione del famoso "Black Beauty" di Anna Sewell...

federico | 10/08/2011 ore 09:54:00

 


E questo per Adriana
[LINK]
per augurarle una piacevole giornata

Gippe | 10/08/2011 ore 09:43:51 | @

 

Federico,anchio vorrei,sapere qual'è il tuo primo libro importante.
anche il Fato è con noi:antispam LIBRAIO!

adriana | 10/08/2011 ore 00:46:15

 

Bravo ma cosa ho scoperto io trentanni dopo ?

Comunque hai vinto, scegli il pull di Bertinotti o Marchionne ?

E poi non hai dato il tuo primo libro

Gippe | 10/08/2011 ore 00:08:50 | @

 

il film è "Il buio oltre la siepe" - il titolo originale "To Kill a Mockingbird" - dal romanzo di Harper Lee...

federico | 09/08/2011 ore 23:27:55

 

A proposito di Gregory Peck, mi viene in mente un film che avete senz'altro visto, un film di Robert Mulligan, tratto da un romanzo.

Dato che Gilda non c'é, chi si ricorda il titolo del film (o del romanzo) ?

Ancora una volta il titolo italiano é a mille miglia dal titolo originale.

Di questo libro, ho scoperto una cosa buffa circa 30 dopo averlo letto.

Quale ?

Chi trova vince un pull non usato di Marchionne o Bertinotti a scelta.

Bien à vous

Gippe | 09/08/2011 ore 22:55:30 | @

 

Lola,ma lo sai che prima di dare un'occhiata qui,ti pensavo?
Mi fa felice ritrovarti e vedere che parli di un tuo bel ricordo e magari...il merito è mio e di Anna Karenina!
Un abbraccio grande

adriana | 09/08/2011 ore 21:17:53

 

E avendolo letto giovanissimo mi sa che lo rileggero',riscoprendolo, questa estate.

A proposito di governanti, rampolli, polli, trote e affini, vi invito a guardare sul Repubblica di oggi la galleria foto del vertice Bossi-Tremonti.

La foto N° 2 mostra il rampollo che vuole imitare il pollo ma é tanto stupido che si sbaglia pure di dito.

Bien à vous

Gippe | 09/08/2011 ore 18:44:10 | @

 

Bello La valle dell'Eden,..."timshel, tu puoi"...Il primo libro che mi ha affascinato è stato Senza famiglia seguito da Il libro della Jungla, avevo 10 anni e mi sono fatta comprare tutti i libri della collana!Moby Dick è unico, però confesso che le pagine dove spiega tutti i procedimenti su come ottenere i prodotti dalle balene le ho saltate.

lola | 09/08/2011 ore 17:43:41

 

E siamo rimasti cosi pochi che si puo' quasi chattare ....

Dunque dicevamo, per il film preferisco il secondo titolo The house of Dr. Edwardes) che é anche il titolo del romanzo che é alla base del film.

Il titolo italiano fa pensare a un film con Amedeo Nazzari....che non é Gregory Peck.

Marchionne mi piace ... é l'unico dirigente (anzi il secondo)a non mettere quasi mai camicia e cravatta, ma solo pulls in cachemire, esattamente come Bertinotti.

In Provenza ci saro' a fine settimana, per il momento mi godo il cattivo tempo parigino.

Scoop : i soliti informati pretendono che l'ex coppia Segolene Royal& François Hollande potrebbe riappacificarsi.

Manovra elettorale contro i gemelli del Presidente ?

Vedremo

Bien à vous

Gippe | 09/08/2011 ore 17:16:44 | @

 

Scusa,Gippe,preferisci un titolo che pare l'atelier concorrente della Maison Dior o il titolo italiano che già solo a leggerlo scoppi a piangere prevedendo tragedie e tragediatori?

Piuttosto che te ne pare della fantaipotesi di Marchionne come
presidente del Consiglio...

adriana | 09/08/2011 ore 15:03:11

 

Il titolo del tuo post è invece "Bacchettata dalla Provenza "Sei già lì?
Il film è così Notorius che non mi è passato per la testa...
Perdonate ma mi è scappato il frivolo lazzo...come dice Federico, sarà il caldo!

adriana | 09/08/2011 ore 14:55:41

 

Adriana per favore la prossima volta metti anche il titolo originale ... senno' come faccio a dare la mia opinione.

Un gran bel film di Alfred H.

Ma brutto titolo in italiano.

Meglio il titolo francese

La maison du Dr. Edwards

che é anche simile al secondo titolo inglese.

Bien à vous


Gippe | 09/08/2011 ore 14:16:10 | @

 

Regione Sicilia. L'assessore Armao è entrato in Giunta con in borsa la proposta di ridurre in tre anni le consulenze dei singoli assessorati da ventuno ad uno o due. Ne è uscito con il taglio di ciascun budget del trenta per cento. Nessun tetto al numero dei consulenti. Non è la stessa cosa. Sulla decisione aleggia un'ombra ambigua.
Una volta gli assessori erano, almeno per una buona parte, delle personalità politiche quasi sempre fornite di esperienza amministrativa. Il presidente non si poteva sognare neanche di zittirli (o gelarli) con uno sguardo. Adesso sì,sono semplici collaboratori, sostituibili con un tratto di penna. Nella sala i deferenti "Signor Presidente" risuonano e si accavallano durante tutta la durata delle riunioni. Questa situazione diviene molto più evidente nei casi di giunte cosiddette tecniche. Governatore uguale dominus. E' un male, un bene? Ci sono pro e contro. Armao, a quanto pare, non ci ha provato nemmeno a replicare. Cosa può un nominato davanti ad un democristiano, esperto navigatore, investito dell'intero potere esecutivo? Mi verrebbe da dire: un debole cristo contro un grosso demo-cristiano.

Antonio Carollo | 09/08/2011 ore 12:09:46

 

Ricordo una intervista fatta a Marchionne molti mesi fa in cui diceva che non ci pensa nemmeno di entrare in politica.In caso diventasse presidente del consiglio(minuscole volute), in primis avremmo un'altro impaccato di soldi,per seconda cosa, un altro bugiardo già in partenza....ma se non erro, nell'intervista poi ha aggiunto," adesso sicuramente no"....ovvero più in là magari l'idea della politica poteva stuzzicarlo di più. Sarebbe uno un gradino meno bugiardo, sempre pessimo però, per governare un paese...gli mancano le basi, non per ultimo, la capacità di comprendere le necessità delle persone 'normali'. Quelli che pur fanno, vegetano.

Csilla | 09/08/2011 ore 09:04:16

 

Mi sono svegliata pensando a Marchionne presidente del Consiglio...in Parlamento che fa il suo discorso e che si interrompe come per cercare una parola,si volta in giro e chiede com accento americano " ma come dite voi in Italia Obama?"

Stamattina ho pensato anche a Moby Dick:non l'ho mai letto!
ora esco e lo vado a comprare.
Il film l'ho visto moltissime volte:Gregory Peck che bravo attore!...ve lo ricordate in "Io ti salverò?"
Storia di psichiatri ma qui non se ne può parlare...
Buona giornata a tutti

Adriana | 09/08/2011 ore 07:18:40

 

Marchionne prossimo presidente del consiglio? Mi sembra che Penultim'ora sotto sotto paventi questa eventualità, che, tra parentesi, preoccupa anche me. Un nuovo imprenditore, uomo del fare, gonfio di sè? Abbiamo già dato. Vent'anni di deleteria anomalia ci bastano.
L'Italia ha bisogno di essere governata da un uomo politico normale, appartenente alla nuova generazione, che si sia fatte le ossa come intelligente e lungimirante pubblico amministratore.

Antonio Carollo | 09/08/2011 ore 00:10:36

 

Una versione illustrata dell'ultimo capitolo di Moby Dick.

roberto alajmo | 08/08/2011 ore 23:11:16

 

Davanti a questa grande armonia ritrovata non si ha voglia di aggiungere altro ....

Ma non addormentiamoci .... il 15 agosto é alle porte e il peggio puo' ancora arrivare

Interessante la confidenza di Adriana sul suo primo libro, quello che le ha dato la voglia di leggere ...

Per me é stato La valle dell'Eden .... e voi ?

Gippe | 08/08/2011 ore 20:46:19 | @

 

Csilla è sincera ed altrettanto
devo esserlo io:la domanda citata è mia.

adriana | 08/08/2011 ore 20:10:08

 

Il "Sorrisone" di Roberto e la domanda che mi è stata fatta, "...ma davvero ti è piaciuto "tempo niente"?", mi provocano un pochino....dunque,se dovessi dare una risposta secca alla domanda,sarebbe un 'ni'. Qualche giorno fa,ho scritto che il libro era "ottimo", perchè lo penso. Non è certo "Notizia del disastro", "Cuore di madre" o "Palermo è una cipolla",ma è ottimo nel suo intento,ovvero, missione compiuta. Su richiesta, è stata raccontata la vita più che breve di Luca Crescente.PUNTO. Non è sicuramente il più bel libro di Roberto ma credo che mettere una cosa cosi 'semplice' insieme, richiede sempre una sorta di talento.......di fatti, oltre quella frase a cui mi sono riferita in precedenza,mi sono piaciute....non da morire...le inserzioni personali di Roberto. Questa è la mia opinione.......può piacere come può non piacere, ma questo è. Più sincera di cosi.....

Csilla | 08/08/2011 ore 19:16:31

 

infatti è da decenni che sto qui a chiedermi qual'è il tempo per alcune cose, che son cambiate sì, ma in peggio...

federico | 08/08/2011 ore 16:42:23

 

Sorrisone.

roberto alajmo | 08/08/2011 ore 15:18:59

 

"Per ogni cosa c'è un tempo.Bisogna accettare che le cose cambino." (Milena Marino su Luca Crescente nel libro di Roberto Alajmo)....per me, è la frase più bella del libro, la più saggia....comunica una grande verità, non sempre di facile accettazione/ comprensione.
Grazie, Roberto, di avermi fatto 'conoscere' Luca Crescente.

Csilla | 08/08/2011 ore 15:02:33

 

gran bel film....

federico | 08/08/2011 ore 12:37:55

 

Ci tengo a dirti,Roberto,che il primo libro(importante) della mia vita è stato "Anna Karenina".
Avevo 12 anni,per quello che ne capii,fui felice di averlo letto.
Dopo la suggestione da te proposta recentemente,l'ho ricomprato accorgendomi di non possederlo.
Prima o poi lo rileggerò...con la tenerezza con cui si riguarda una foto di noi adolescenti
Buona giornata a te e a tutti

adriana | 08/08/2011 ore 09:10:16

 

Ti ringrazio Adriana.
Quanto alle regole, non mi pare che tu abbia infranto nulla.

roberto alajmo | 08/08/2011 ore 01:30:53

 

Spero di non aver infranto alcuna regola parlando del tuo libro.Ma penso che un vero lettore che mi stia leggendo non ascolterebbe mai fino in fondo i commenti degli altri.
Buonanotte a tutti

adriana | 08/08/2011 ore 00:39:49

 

Caro Roberto,posso dirti qual'è in assoluto la cosa che mi è piaciuta di più del tuo libro?
Al di là di tutte le cose di buono che se ne possono dir...e ce ne sono tante...
Che la storia inizia dove finisce e viceversa!
Immagino la tua soddisfazione come narratore...credo che altre volte tale soluzione sia
stata adottata da altri scrittori ...ma a me che so leggere...le ultime frasi hanno
strappato un meravigliato..."Ma
guarda!...come se fosse il prima libro della mia vita
Buonanotte

adriana | 08/08/2011 ore 00:28:24

 

Grazie. Devo assolutamente rileggere il libro. Sono curiosa di vedere, a lavoro finito, come lo ha "letto" Ciprì.

fara | 07/08/2011 ore 23:57:00

 

Se vi può interessare [LINK] qui trovate il backstage di "E' stato il figlio"

roberto alajmo | 07/08/2011 ore 23:12:53

 

a proposito della penultim'ora...mi pare di avere già sentito il rutto di angelino. Processo digestivo completato.

Paola | 07/08/2011 ore 11:21:48

 

Però il PSG era senza Pastore. Tu i popcorn li devi vendere, mica li devi mangiare!

Lello | 07/08/2011 ore 11:09:35

 

Mai e poi mai caro Lello, odio le persone che mangiano popcorn al cinema, anche se il film é a lieto fine.

E se Palermo piange, PSG non ride, ha perso in casa la prima di campionato contro un anonimo Lorient.

Gippe | 07/08/2011 ore 10:58:17 | @

 

Mari tempo fa sei stata definita " Nostra Signora dei Fraintendimenti ", oggi potresti diventare " Nostra Signora dei Chiarimenti ". Anche perché il mio film ideale prevede un lieto fine.
P.S. Gippe 2 euro di popcorn per favore....

Lello | 07/08/2011 ore 10:53:04

 

Da amici mi è stata rilevata una certa esagerazione impetuosa e violenta nelle parole del mio passato post, ora io le mie opere prime non le conservo percio’ vado a memoria. Sui consigli e rimproveri: in questa sede ne ho somministrati a iosa sicché l’insinuazione nasce e muore qui, visto che lo scrittore detesta i tiri di giacchetta ed è stato sulla difensiva parecchie volte con me ma visto che sono ineducata ha fatto benissimo( maleducata no, i miei sono stati fin troppo corretti); sulla non conoscenza ( risolvibile peraltro spedendo una foto) o sull’eventuale e comune "lei non sa chi sono io" non rinuncio a dormirci; ho qualche autografo dentro il cassetto e ho avuto il piacere di conoscere ma non ne faccio uno stile di vita, né una medaglia. Sul rapporto tra scrittura ed eticità ricordo di aver esordito come mia nevrosi dunque già le mie parole dovevano esser lette sotto una luce diversa. Indifferentemente se il soggetto- scrittore potesse essere Alajmo o non Alajmo. Su apparentare il mio intervento agli schizzi di pipi lo trovo antipatico. Primo perché centro la tazza e non mi piace il tanfo di orina in giro, secondo: leggere il mio eventuale schizzo all’interno dell’Italia che va a rotoli..insomma..insomma. Poi sui generi di persone, io, che sono limitata, ne conosco solo un tipo:quello umano.Lello ha ragione pero’: ho esagerato con la merda magari fumante magari gratuita, ma la merda è concime. Tutto di conseguenza si sfalda in base all’interpretazione. In quanto allo sparire sono già sparita da un pezzo dunque nessun problema, per me il discorso è chiuso da tempo. Caro Federico in merito alla foto il discorso è complesso e affonda le radici sui miei vecchi studi psicanalitici da Otto Rank in poi, e non volevo di certo offendere … il discorso è complesso e lungo, mi spiace non poterne dialogare con te, ma cosi è la vita…Mi è stato suggerito di chiedere scusa. Chiedo scusa a tutti quelli che non mi conoscono, mentre quelli che mi conoscono, conoscendomi, mi auguro abbiano comprensione nei miei confronti…saluti e baci.Sparisco.

m. | 07/08/2011 ore 09:59:15

 

Grazie Federico,benvenuto nel mio mondo...c'è un posto d'onore per te!

adriana | 07/08/2011 ore 09:44:23

 

Cara Adriana, da sempre dove alberga un sorriso c'è profumo di verità....
sarà il caldo, ma stamattina mi svegliai così...

federico | 07/08/2011 ore 09:38:25

 

Si può essere comici senza saperlo. Come nel caso di Scaiola e Tremonti.
Io più modestamente di loro mi accontento di abbondare in vocali e far ballare una h: chance, no cianche, come la notte assassina mi ha consigliato.

Intanto provo a riflettere sui torti e le ragioni dell'Anomalia di via Archirafi.

Antonio Carollo | 07/08/2011 ore 09:01:48

 

@Antonio, da un pò che manca il dialogo,quello a parole, oggi si dialoga con la forza,è in atto la repressione di ogni cosa sana, la repressione dei più 'deboli'.Quando c'è da risolvere,qualsiasi cosa, spuntano le armi, si mena e basta.A Palermo,come altrove.

Csilla | 07/08/2011 ore 08:38:52

 

Centro sociale Studentato Anomalia di via Archirafi. Un grande edificio abbandonato e vandalizzato da trent'anni, di proprietà dell'Università, occupato dagli studenti, sgomberato dalla polizia e rioccupato. Le difficoltà di un dialogo tra rettore e studenti. Accuse e controaccuse tra il movimento Anomalia e i movimenti studenteschi di destra.

C'è da approfondire. Lo Stato che usa la forza contro i suoi cittadini desta sempre qualche preoccupazione; la linea della legalità può essere difesa con mezzi non violenti, senza rigidezze, idee preconcette, chiusure mentali. Il confronto costruttivo incrementa le cianche della democrazia, il rigore cieco ne restringono le potenzialità.

E' bene riparlarne.

Antonio Carollo | 07/08/2011 ore 00:50:45

 

@ Adriana, quando qualcosa si inceppa, vuol dire che si aprono altre vie. Non sempre,spesso, però.

Csilla | 07/08/2011 ore 00:30:54

 

Federico ma come devo fare con te?
Una è per i fatti suoi a resettarsi con fatica...arrivi
tu e si inceppa tutto... Non mi devi fare ridere!

adriana | 07/08/2011 ore 00:24:45

 

perdonatemi, ma da anni ormai lontano dagli schermi televisivi, allergico al cinema americano, pochissimo interessato al furore calcistico, speravo almeno di potermi godere in questo blog un po' di umano livore...
ps. quanto all'Italia che sta andando a sbattere non mi preoccuperei più di tanto; credetemi dopo cinquant'anni di sbattuna ormai qui è rimasto davvero ben poco...

federico | 06/08/2011 ore 22:30:40

 

Antonio,tu mi sopravvaluti! dico vero!
...e comunque se non ci scherziamo sopra che ci resta da fare?

Paola | 06/08/2011 ore 20:42:06

 

Ciao Gippe,sto resettandomi!
Sono molto stanca fisicamente e sai che non me lo posso permettere,comunque appena possibile (magari per commentare un bel post "padronale")rientro sperando di fare bene.

adriana | 06/08/2011 ore 19:49:39

 

Leggi:... "vedi, tra le altre, quelle de La Repubblica) ...

A.C. | 06/08/2011 ore 19:12:36

 

Ah ah ah, Paoletta, mi prendi dolcemente in giro? Accetto con piacere. Un po' di spirito ci vuole ogni tanto, però. Se no la sicilitudine ci frega.
A volte le migliori firme del giornalismo (vedi, tra gli altri, quelli de La Repubblica, sono involontariamente comici, in questo momento vedono commissariamenti dappertutto. La foga di dimostrare quel che gli frulla in testa li tradisce crudelmente. Dal campo opposto risponde la campana di Libero e de Il Giornale - Giulio commissariato da Silvio!!!
Altro che le gag di Totò.
Però la congiuntura è grave, non dovremmo scherzare, o no?

Antonio Carollo | 06/08/2011 ore 19:00:35

 

@Adriana, dove sei ?

Portaci un po di sole, tu che ne hai tanto in Sicilia.

Bien à toi

Gippe | 06/08/2011 ore 17:31:42 | @

 

@Antonio Carollo:
non è che potresti fare una rassegna stampa quotidiana? ho capito molto di più dal tuo post che da 5 telegiornali in tv.

Paola | 06/08/2011 ore 16:51:00

 

Per completezza riportiamo per intero la notizia sulla moda dei commissariamenti in Sicilia.

Giornale di Sicilia: interrotta una moda: al Consiglio dei ministri si alza un ministro siciliano e dichiara perentoriamente: Belmonte Mezzagno non si commissaria perché non c'è mafia; Maroni con la sua relazione diffama la Sicilia.
La dichiarazione è approvata all'unanimità.


A.C. | 06/08/2011 ore 14:37:49

 

Lettura mattutina dei giornali.

Wall Street Jiournal: Ben Bernanke commissaria Trichet.

La Repubblica: Trichet commissaria Silvio.

Il Giornale: Silvio commissaria Giulio.

Giornale di Sicilia: Belmonte Mezzagno non si commissaria perché lì la mafia non esiste; Maroni con la sua relazione diffama la Sicilia.

Antonio Carollo | 06/08/2011 ore 14:10:34

 

Con me puoi scherzare sempre Lello, anche in questi momenti difficili per i nostri cuori indomabili e rosaneri.

Tanto l'acqua mi vagna e u ventu m'asciuca.

Stasera comunque si tifa PSG

Bien à toi mon ami

Gippe | 06/08/2011 ore 12:03:45 | @

 

Mi hai tolto la parola @Antonia, certo l'Italia sta andando a sbattere e con i sottonani che ci governano non ci si sente rassicurati e l'opposizione nostrana fa prova di una anemia inquietante.

Non va meglio in Francia, anche se per il momento l'economia sembra essere leggermente piu' solida di quella italiana (e come non potrebbe ?)la situazione politica interna non é per niente rassicurante.

Mettici l'affaire DSK, mettici pure le rivalità evidenti dei 3 candidati potenziali del PS, mettici un candidato di una sinistra un po' piu' radicale, mettici pure il pancione di Carla e i due gemellini che arriverano al buon momento ... insomma tutto é quasi pronto per un ballottaggio
Nicolas-Marine ....

E per concludere mettici pure un cielo grigio e basso che completa la tristezza dell'ambiente.

E dire che per natura sono ottimista.

Bien à vous comunque

Gippe | 06/08/2011 ore 12:00:01 | @

 

Scusa Roberto ma a me non è sembrato uno schizzetto di pipì, ma un secchio colmo di merda fumante!

Lello | 06/08/2011 ore 11:59:21

 

Gippe mi sono permesso di scherzare con te perché mi sembri una persona di spirito. Volevo soltanto sdrammatizzare, il clima ieri sera si era fatto molto caldo.

Lello | 06/08/2011 ore 11:47:54

 

Concordo con Roberto. Brutto tornare dopo qualche giorno e leggere queste cose.
Fa fresco in Francia: l'ho trovata un po' più nervosa, questa nazione già non calmissima. Non sanno chi contrapporre a Sarko'. Hanno dei bei problemi pure qui.
Saluti da Agay

antonia | 06/08/2011 ore 11:31:09

 

Non sono tanto d'accordo, Federico. L'Italia sta andando a sbattere, e c'è gente che si diverte a fare schizzetti di pipì in casa d'altri. Vi prego di non dare esca a persone del genere.

roberto alajmo | 06/08/2011 ore 10:39:20

 

eppure da sempre il bello dei blog è quando i frequentatori cominciano a dare il peggio di sé... forza ragazzi che si va verso i 37°...

federico | 06/08/2011 ore 10:22:14

 


@Lello, nessun ruolo per me ti prego anzi se potessi ritornare indietro non parlerei piu' di via Pipitone.

Che ne pensi ? Ritorniamo indietro e rifacciamo pure la partita di ieri ?

Bien à vous

Gippe | 05/08/2011 ore 23:42:00 | @

 

Posso darvi la mia sincera buonanotte ed informare chi ha partecipato e chi si è voltato da un'altra parte che nonostante il gioco al massacro
sono ancora viva?
Visto il non molto tempo che resta,ne sono felice!

adriana | 05/08/2011 ore 23:34:50

 

Chi si aspettava un blog in ferie, è servito!
Mi sento in un film di azione:Mari che rientra dopo quasi un anno, e che sfodera fendenti micidiali; Adriana che verrà fatta Santa subito senza neppure diventare Beata, Csilla che fa la voce narrante, Fara che fa il buttafuori. Gippe non so che ruolo darti. Ti va di vendere i popcorn ?

Lello | 05/08/2011 ore 23:17:49

 

Mari, ma chi ti conosce?
L'unica cosa che so di te è che sei egocentrica, pretenziosa e insolente oltre il limite della maleducazione.
Perchè dovrei seguire i consigli di una persona del genere?
Chi ti autorizza a fare certe insinuazioni? Sparisci.

roberto alajmo | 05/08/2011 ore 23:16:52

 

non avevo mai riflettuto sulla fotogenicità come dote imprescindibile dello scrittore... finalmente ho capito perché non ho avuto fortuna in quel settore...

federico | 05/08/2011 ore 22:41:20

 

Siamo persone con sensibilità diverse, è cosi semplice.Non serve assolutamente commentare l'accaduto di questi giorni, è più che ovvio il motivo che ha generato questa specie di 'malessere', meglio dire, amarezza. Parlarne è inutile.

Roberto, oltre 'le battaglie',mi sembra che il tuo "Tempo niente", è stato più volte complimentato ma capisco che nella nebbia fitta non è facile districarsi.

Csilla | 05/08/2011 ore 22:35:35

 

Mari,io capisco la tua amarezza,mi fa male sentirla la tua amarezza...ma,ti prego non usare parole che hanno il brutto sapore del fiele per te...non è giusto; sei sicuramente una bella persona e questo tuo essere bella sicuramente splendida bella in quello che fai nella vita,non lo devi dimostrare a nessuno.
Roberto,per favore,non commentare...stavolta sono io a pregarti con tutta me stessa
La finiamo qui,dai

adriana | 05/08/2011 ore 20:58:17

 

@Adriana:visto che una sola parola a volte basta? ;))Verbosa sei verbosa e mi ricordi vagamente qualcuna..appena uscita dall'acqua di quest'abisso internauta, un tipo parecchio vitale.Non sei innocente:chi traffica con la merda e con il sangue non puo' esserlo, o meglio non puo' esserlo a lungo, e alcune donne sanno trafficare benissimo con questi elementi primari, mantenendo anche una componente fortemente infantile e immemore, vitalistica quasi.Vittimismo?Perdindirindina.Transeat. Anche se l'idea di un genuflesso scatena in me una serie di fantasie che è meglio contenere ahaahhahh pena rispolverare il completino di pelle nera che tengo nel guardaroba invernale.Condivido con te, Adri, meglio farlo stare in piedi e prescrivergli qualcosa per rintuzzare il senso delle cose buone e giuste.Ho fiducia in te, visto che sei un medico, sono certa che saprai come intervenire.Buona serata, cara vado a cenare...ho fame..e ho già dato abbastanza.

mari | 05/08/2011 ore 19:50:32

 

Cara mari,non mi aspettavo il tuo intervento...stavo a riflettere per capire cosa fare...ma sei arrivata tu con una sola parola,il futtitinni, e mi hai risolto il problema.Grazie di cuore.Se poi mi vuoi mandare la tua mail ti posso spiegare meglio la mia filosofia di vita,
Mari,ti posso assicurare che io sono quella che appaio e in queso bolg ci sono persone che te lo possono testimoniare, non conosco l'invidia,non conosco il cinismo e ho lavorato tanto per togliermi di dosso quella brutta bestia oscena che è l'aggressività! In questo mi ha aiutato il mio lavoro,che non è quello di psicoanalista,per carità di Dio, che mi ha insegnato tutto della vita.Non avevo riflettuto all'aspetto infantile della cosa e ti dirò:perché no mi piace il termine anche se io direi inocente che mi sembra più calzante; su verbosa sono d'accordo e questo post lo dimostra.
Roberto,non continuare a parlare di vittimismo,per favore, che qui c'è di tutto tranne che il vittimismo:
Non ti rovinare le ginocchia ed alzati,ordine del medico, che andiamo a parlare di colapasta e di mutande di titanio ...e basta con il resto,contento?

adriana | 05/08/2011 ore 19:17:29

 

Vi prego. In ginocchio, proprio: evitate il vittimismo.

roberto alajmo | 05/08/2011 ore 17:54:52

 

@Adriana,te lo dico con tutta l'estrema eleganza di cui son dotata:fottitene.Delle cerbere messe a guardia(hai la fortuna, rispetto a me, di non aver ricevuto i consigli dell'erborista di casa dal cuore grande e sensibilissima solo a parole..), delle lolitine liceali, delle principessine sul pisellos,delle finte maschere, dei donatori di cuore ancora in vita che pullulano qui.A me piaci molto, anche se esageri in verbosità, come fanno tutti del resto quando sono presi da una novità.Il tuo entusiasmo infantile nello sperare nell'altro è meraviglioso, dunque non abbandonarlo.In queste valli transito di rado, quel che ho letto ultimamente ripropone tempestucce già vissute,mi è capitato negli ultimi giorni di leggerti e non capisco se sei vittima di eccessiva felicità o sei miracolosamente sprovvista di cinismo.Non solo: io qui ho incontrato gente cui sono tuttora molto legata,con tutto quello che ci capita non mi pare sia proprio poca cosa.Usa il mezzo per un fine a cui attribuirai solo tu il valore necessario.Un caro abbraccio.
@Ho letto "Tempo niente",mi è parso discreto a tratti intenso, meno male che Alajmo quando fa lo scrittore sa impegnarsi di piu'.Baci zucchero filato.

mari | 05/08/2011 ore 17:44:09

 

Federico l'hai presente la differenza fra suicidarsi ed essere suicidata...bene,oggi sono stata sciarriata...
Tutto qui,ridiamoci sopra...

adriana | 05/08/2011 ore 17:20:45

 

ma avete visto il piano della ferrovia tav per la Sicilia?in pratica ci saranno due linee per Catania e invece la Palermo Messina resterà ancora senza il doppio binario. Che senso ha?

rosita | 05/08/2011 ore 17:14:31

 

x Penultimora:
difficile da commentare!non si può che essere d'accordo. Ma che amarezza seguire in diretta quel discorso, fatto in un momento tanto difficile, e così scontato, non convinto e non convincente ma sempre con sussiego,senza autocritica, senza idee. E quando poi ha detto:state parlando con un imprenditore ecc.ecc....beh avendo lo scolapasta, quasi quasi...:)

rosita | 05/08/2011 ore 17:12:12

 

la temperatura sale e, come diceva mia nonna, "u sciroccu è cap'i sciarra"...
ps. più che il colapasta conviene preparare un bel paio di mutande di titanio...

federico | 05/08/2011 ore 16:58:57

 

Grazie, Gippe.
Ho letto su Google qualcosa su Giuliana Saladino: comprerò senz'altro "Romanzo civile".

Antonio Carollo | 05/08/2011 ore 16:57:23

 

In una delle più frequentate e ambite osterie di un paese chiamato Monte delle Bisacce uno dei più assidui avventori, molto seguito per i suoi viscerali, faticati, coloriti e scoppiettanti racconti, rivolgendosi all'oste, che se ne sta soddisfatto al banco, col quartino di vino proteso, tra il silenzio calato all'improvviso nell'ambiente strapieno, saturo di alcol e fumo di tabacco, spara come una fucilata: "Ma tu, oste dei miei stivali, ci fai o ci sei?". Imprevedibile Pietra Serena (l'uomo è conosciuto con questo soprannome)!!! Molti dei clienti sono debitori verso l'oste, iscritti a libretto, si sa; si fanno piccoli piccoli in attesa dello scoppio d'ira dell'oste oltraggiato. Ma succede un fatto incredibile, a scoppiare non è l'oste ma Pietra Serena, non di rabbia ma di riso: una risata a trentadue denti, furbesca e ammiccante. L'oste, preso di contropiede, che fa?, scoppia anche lui in una fragorosa risata, batte vigorosamente le manni all'indirizzo di Pietra Serena, alza in alto una caraffa di vino, e con la sua voce tenorile ordina ai garzoni: "Vino per tutti!! Paga la cassa!! L'osterie di Monte delle Bisacce diviene una vera e propria bolgia, di battimani, di risa, di allegre battute e di manate sulle spalle.

Antonio Carollo | 05/08/2011 ore 16:31:05

 

Come al solito Antonio con qualche frase asciutta e piena di buon senso hai colto con acuità e molta sensibilità certi mutamenti che forse non piacciono ai fautori (fautrici ?) del confronto a colpi di padella come é stato già detto o peggio ancora a coltellate.

Meno male che adesso tolgono la maschera e vengono fuori con nome e cognome come Lucy Van Pelt.

Ci voleva questo coraggio.

A proposito Antonio, magari ti diro' una banalità ma dato che parli dei cantieri scuola e della sicilia del dopoguerra, hai letto ROMANZO CIVILE di Giuliana SALADINO ?

Se non lo hai ancora fatto ti consiglio di leggerlo.

Tu no invece, Lello, in questo libro non si parla per niente del Palermo.

Adriana, ci sei ? Sorridi hai tanti amici.

Bien à vous

Gippe | 05/08/2011 ore 16:24:48 | @

 

Vedi,Roberto,stavo per mandare un post a tutti voi ma iltuo intervento mi ha fatto ricredere!



adriana | 05/08/2011 ore 15:48:04

 

Il discorso di mrB. mi è sembrato il discorso di un folle... Un lucido folle. Come i dittatori che annunciano la vittoria alla radio, in barba alle bombe che cadono sulle teste dei cittadini inermi... Insomma, la preoccupazione aumenta ed il tracollo sembra più vicino che mai... La vignetta di ElleKappa su repubblica di oggi è molto bella: quando l'italia affonda, i topi vanno in ferie.

Eliana | 05/08/2011 ore 15:41:49

 

Mi pare che ci sia una dose eccessiva di vittimismo in circolazione.

roberto alajmo | 05/08/2011 ore 15:21:35

 

Qualcuno, per favore, sa dirmi che ci faceva un noto intrattenitore di navi da crociera a presiedere la tiunione governo-sindacati?
Sento odore di bruciato. Non è che gli armatori l'hanno mollato e lui è alla disperata ricerca di nuove platee per dimostrare ancora una volta le sue intramontabili doti di seducente prestigiatore?

Antonio Carollo | 05/08/2011 ore 15:14:27

 

Antonio,tu non sei spacciato,non lo sarai mai
Lo sai che la penso così;non mi fare intristire di più di quanto non lo stiano facendo tutte queste parole...

adriana | 05/08/2011 ore 15:00:42

 

Che ti avevo detto, Adriana? Se fossi così bravo anche ad indovinare i terni del lotto, sarei ricchissimo!
"Apriti un blog tutto tuo " è un gentile invito ad andartene da qui. Sapevo che qualcuna, prima o poi, te lo avrebbe detto.
@Gippe: come direbbero a Londra, " menza pa-lola ".....

Lello | 05/08/2011 ore 14:48:10

 

Il guidatore di questo blog-forum ha detto che siamo tutti spacciati, io sono più spacciato degli altri; mi ha investito una marea di parole gravide di tutto un po', chiarimenti, scuse a iosa, rintuzzamenti, sdoppiamenti e ricomposizioni di personalità, inviti a infilare la porta dell'uscita, precisazioni, riconoscimenti, eccetera. Forse molti dei nuovi frequentatori non sanno che questa sembra una di quelle tempestucole che periodicamente si abbattono nel nostro ambiente. Di solito in passato il guidatore è intervenuto con un severo invito a guardare oltre il proprio ombelico. Ma i tempi cambiano. Il linguaggio si evolve, si manifestano nuove originali risorse espressive attraverso nuovi protagonisti.
E a me che resta da fare?, più spacciato di così! Saggiamente credo rimarrò in questo angolino di mondo ad osservare questi operai-allievi dei cantieri-scuola modello 1948, che non asciugheranno certo la palude del sottosviluppo di madre Sicilia ma almeno un guardrail lo impiantano, per tenere in linea tanti ondeggianti viandanti.

Antonio Carollo | 05/08/2011 ore 14:38:06

 

Rifletterò su quello che mi dici,Lucy,grazie,ma grazie sul serio!

adriana | 05/08/2011 ore 14:34:55

 

Non so, ma ho come l'impressione che questo forum sia frequantato soltanto da tre o quattro persone che di volta in volta cambiano nome e mascherina.

Gippe | 05/08/2011 ore 13:54:11 | @

 

@Lucy, sbagli, qui dentro parecchia gente, nei mesi, anni passati,ha raccontato i fatti propri....e spesso ha avuto riscontri, positivi e amichevoli.

(antispam: Rasoio....in tema)

Csilla | 05/08/2011 ore 13:52:30

 

Adriana, sarai sicuramente in buona fede ma forse non ti sei accorta che in questo forum nessuno ha voglia di essere psicanalizzato o di raccontare i fatti propri. Ti consiglio di riflettere su ciò e, se proprio non puoi fare a meno mettere in analisi i tuoi interlocutori, segui il consiglio che ti è stato dato: apriti un blog.

Lucy Van Pelt | 05/08/2011 ore 13:25:36

 

Scusami Don Diego:ho dimenticato la conclusione...
ti giuro, preferisco sparire io..
Ciao

adriana | 05/08/2011 ore 13:06:46

 

Don Diego,solo per te e poi mi fermo a riflettere...
Credimi,se avessi saputo che ti saresti offeso così e che avresti risposto con tanta rabbia...mi sarei tagliata le mani.
Ti prego,soltanto di rileggere
il mio post...come non accorgerti che trasuda simpatia ed affetto e rispetto per la tua intelligenza?
Mi dispiace,davvero...non succederà più...non voglio che sparisci per causa mia...

adriana | 05/08/2011 ore 12:44:54

 

Don Diego,solo per te e poi mi fermo a riflettere...
Credimi,se avessi saputo che ti saresti offeso così e che avresti risposto con tanta rabbia...mi sarei tagliata le mani.
Ti prego,soltanto di rileggere
il mio post...come non accorgerti che trasuda simpatia ed affetto e rispetto per la tua intelligenza?
Mi dispiace,davvero...non succederà più...non voglio che sparisci per causa mia...

adriana | 05/08/2011 ore 12:44:51

 

Brava Lola,finirò per aprirlo con te e con la cara ed obiettiva Csilla il mio blog!

Scusate ma perchè tanta aggressività...io sono in buona fede...e la vostra amicizia la vorrei davvero

adriana | 05/08/2011 ore 12:35:23

 

ciao a tutti, grazie ad Adriana per la sua comprensione, a Gippe dico solo che notare che uno ha fatto magari una battuta stupida(sempre secondo me), non significa giudicarlo stupido. Non ho mai pensato questo di nessuno dei frequentatori del forum:), altrimenti perchè avrei cercato un confronto? Se frequentiamo questo forum invece di un altro un motivo ci sarà! In fondo anche io per impulsività ho fatto la stupidaggine di scrivere il post dando un'immagine di me in cui non mi riconosco:) Non sono una maestrina, io qui sono come tutti gli altri, voglio dire, non sono nessuno per poter dire che qualcosa si deve o non si deve fare, non voglio sottrarre allegria, non sono contraria allo scherzo, se guardate ciò che ho scritto sul mio secondo post senza pregiudizi, vedrete che intendevo dire di cercare di conciliare il relax e la leggerezza con un clima stimolante e di non abituarsi a cose banali che si possono fare in una chat "qualunque". Ma è ovvio che ognuno è libero di fare come vuole e come gli riesce più piacevole.Quello che ho detto era la mia opinione, magari poco diplomatica, ma che ha lo stesso valore delle opinioni degli altri, non volevo mortificare e se è successo me ne dispiace. Spero che ci saranno occasioni per capirci di più.

lola | 05/08/2011 ore 12:17:10

 

Scusate, ma non mi pare che Lola abbia detto niente di sconvolgente, o che abbia mortificato nessuno.
Cerchiamo di essere meno suscettibili, per favore, o qualcuno penserà che abbiamo il carbone bagnato.

roberto alajmo | 05/08/2011 ore 12:13:23

 

Infatti Gippe , c'è tanto spazio! Spazio per tutti. perché opprimere ? Perché obbligare ? Chi vuol partecipare partecipa chi non vuole non deve essere obbligato.

fara | 05/08/2011 ore 12:12:37

 

Questa è una piazza troppo strana per i miei gusti. Esseri umani che si identificano come personaggi virtuali,ogni tanto rimarcando questa loro visione, per non farcela dimenticare.

@ Don Diego, ero io ad essere curiosa di te ma dopo aver letto il tuo post di stamattina ho cambiato idea.Quando un apprezzamento viene ricambiato con una padellata in faccia,mi ritiro, a differenza di Adriana, non insisto, non vedo il perchè....è chiaro, abbiamo una sensibilità umana molto diversa.

@Adriana,ha ragione Fara, apriti un blog, sono certa che avrà un successo enorme. Li sicuramente non ti troverai in una stanza con le pareti di gomma, potrai dare il meglio di te.

@RA , "Tempo niente".......ottimo.........lodico perchè lo penso.

Csilla | 05/08/2011 ore 12:09:10

 

Mi fa sorridere sentire parlare di 'padroni di casa' e di protezione di 'spazi' siano essi 'personali o altrui'.

Ma scusate non siamo sul web ? La rete ? La toile ? dove appunto questi concetti mi sembrano ridicolmente restrittivi ?

E poi @fara non hai l'impressione di utilizzarla come una chat ?

Bien à vous

Gippe | 05/08/2011 ore 12:08:01 | @

 

ps
Non certo negli spazi altrui. Solo nei "miei" spazi

fara | 05/08/2011 ore 11:54:44

 

ps
Io ho i miei spazi Adriana e in questi spazi mi comporto da padrona di casa.

fara | 05/08/2011 ore 11:53:04

 

Adriana io non sono padre fondatore di niente e non mi permetto niente. Questo è il forum di Roberto Alajmo. Punto. Un forum , non una chat e neanche un blog, anche se la linea che divide un blog da un forum è molto sottile
ps
Io sono nessuno , specie negli spazi altrui

fara | 05/08/2011 ore 11:48:27

 

Fara, non parlare cosi! Non è imperativo,è una gentile richiesta, nata da una riflessione. Hai presente quando una giovane coppia va a fare visita in una casa di risposo? Portano la luce, la novità, la vita, quella novità a volte talmente potente che ci può far solo che bene....anche a chi non partecipa ma magari solo osserva dall'altra parte del vetro. Non blindiamo le porte sapendo dell'arrivo di un'ospite!
Buona giornata a tutti.

Csilla | 05/08/2011 ore 11:41:31

 

Marco il tuo ragionamento non fa una piega dal punto emozionale e ideativo.
L'unica cosa che ti voglio dire è che Lola ancora non ha risposto e giudicarla subito una Maestrina dalla Penna Rossa viene meno al mio personale senso dell'accoglienza,intesa come
ricerca della comprensione.
Fara tu sei d'accordo ed è giusto,sei fra i Padri Fondatori del blog e te lo puoi permettere!,ma pensa che anche tu hai messa me in difficoltà senza conoscermi...però ciò non vuol dire che non può esserti utile la mia amicizia,magari mi ritroverò a sbagliare ma in questo caso spero nelle tue parole e non nei tuoi silenzi!

adriana | 05/08/2011 ore 11:38:27

 

e poi, consentitemi, vi piace quel che scrivo? qualcuno ha detto che sarebbe orgoglioso di conoscermi? e perchè? ho mai chiesto che volto abbiate, come si dipanino le vostre giornate, ho mai indagato le vostre, se tali, doppie, triple, ennesime personalità? No, non mi interessa. Qui, a "casa" di Roberto, leggo delle idee: non i motivi che le generano

Don Diego | 05/08/2011 ore 11:38:27

 

Chi maluchiffari ca mi vinni...

Don Diego | 05/08/2011 ore 11:32:14

 

Adriana ma hai pensato di aprite un tuo blog? Fallo! Ti porteresti dietro molti "utenti" e potrebbe essere utile a molti la tua esperienza. Adriana, non è difficile aprire un blog e potresti "aiutare" tanti con i tuoi consigli, le tue battute , la tua esperienza. Fallo Adriana. Apri un tuo blog. Lo potrai gestire come vuoi. Qui siamo tutti "vecchi" utenti ormai "rassegnati"

fara | 05/08/2011 ore 11:28:58

 

Don Diego,devo dirti la verità,tutta la verità.Tu ti mostri orgoglioso della tua doppia vita che poi corrisponde ad apparire con doppia personalità...l'eroe,Zorro,che difende i deboli e dall'altra don Diego,figlio di papà che passa indifferente fra gli avvenimenti,un po'debole,che lascia che 'altro gli rubi anche la sua donna non solo i suoi pensieri!Non dimenticare che Don Diego appartiene all'establishment dei potenti...non è scusabile solo perché ha un altro che agisce per conto suo perchè non è lui che agisce.
Credo di essere stata chiara ma...se avessi ancora perplessità sulla mia interpretazione devo rivelare quella verità di cui ti parlavo all'inizio...in psico patologia la doppia personalità non è quel mito che ci ha insegnato Psycho,espressione paradossalmente nobile della Follia pura...in psicopatologia la doppia personalità é segno di caratteropatia isterica!
Ora che sai la nuda verità devi decidere o ti mostri come Don Diego ma dopo le mie spiegazioni professionali,difideranno di te o ti mostri come Zorro e ti eserciti a fare meglio la zeta.
Zorro con famiglia e lavoro come ti racconti tu.Ma a questo punto non avrai più bisogno nè di maschera ne di sciabole!Non saresti più presente come adesso se non avessi fiutato vento nuovo...
Vedi,Lola ti ha preso come esempio di persona che si maschera per essere visibile e
obiettivo (come,per me l'infido
Don Diego)...mentre ,chiamato in causa hai liberato Zorro,
costretto a mascherarsi per vergogna dell'Altro ma che è contento di raccontarsi alla fine...dal momento che nessuno tranne la sottoscritta lo ha pregato in tal senso.
Chiama Tornado e insegnagli la strada per giungere qui più spesso!
Con affettuosa allegria!

adriana | 05/08/2011 ore 11:24:07

 

Adriana tu sei una santa.

Non ti invito a Parigi, sarebbe troppo stretto per te.

Minimo minimo ci vuole Lourdes, oppure , per restare in temi di saudade, Fatima.

Bien à toi

Gippe | 05/08/2011 ore 11:16:16 | @

 

per @ Marco
:-)

fara | 05/08/2011 ore 11:14:03

 

di tanto in tanto sono apparse/i in questo spazio "maestrine/i dalla penna rossa" ma posso assicurarvi che durano lo spazio di qualche post.
Tra l'altro, faccio notare che, diversamente da altri siti web, non è presente in questo la possibilità di "commentare" specificamente il post del giorno ma è dato modo agli ospiti la possibilità di parlare liberamente, seguendo i propri fili/percorsi/ragionamenti.
Saluti a chi va in vacanza ed a chi no.

marco | 05/08/2011 ore 10:03:03

 

Vi ricordate la serie di Zorro degli anni '70? credo che nel riferirmi a questo personaggio abbia offerto più spunti di quanti pensassi. Il perseguire la giustizia, la difesa dei deboli contro l'arroganza del potere (Don Diego è pur sempre un De La Vega, come il ben noto vicerè di Sicilia "terrore di tutti i mali"), la "sottile mascherina" (che ci vuole a riconoscerlo, dai, i baffetti, i lineamenti, il portamento,ecc), ma anche il cavallo Tornado, che con un fischio arrivava pur da chilometri di distanza, e, infine (ma soprattutto, direi), Bernardo, il servo muto. Forse il personaggio più importante (e vai anche qui con allusioni e paragoni).
Ecco, io ogni giorno ho "i piedi per terra" (ho una famiglia aggregata e affettuosa, percorro la mia città da cima a fondo, tento di far funzionare una parte di un ente pubblico, cerco di dedicare un po' di tempo e qualche idee a chi ne ha bisogno, e infine mi piace, su questa tastiera, esprimere qualche pensiero, affidandolo al cavo telefonico anzichè alla bottiglia).

Don Diego | 05/08/2011 ore 09:58:34

 

Lello,Gippe effettivamente Lola più che offendere,ha mortificato un po' di persone qui dentro;onestamente non so se si sia resa conto di ciò.
Io non mi ritiro nei miei appartamenti nè le rispondo a tono (sacrosanto perché penso che neanche a lei piacerebbe essere presa per cretina o da bar-sport da una persona sconosciuta).
Io con le persone preferisco parlare per capire innanzitutto cosa le muove e poi capire come sono disposte a crescere con gli altri:
Lola è chiaro che tu mi stai leggendo,così ti voglio dire che mettere la propria faccia in pubblico non è facile,che invece fa bene a noi stessi offrire agli altri le nostre debolezze,le sciocchezze che diciamo,e sicuramente ne dirai anche tu,che ciò che gli esseri umani cercano con tutti i mezzi è lo stare insieme a cominciare dalla preistoria e se entri attivamente ti accorgerai che comunque si può stare bene con gli altri,che non si possono fare discorsi sempre intelligenti perché anche l'intelligenza ha dei limiti;che la libertà di esprimersi in questo blog va subordinata (così è stato creato)al rispetto e alla buona educazione...
C'è tanto spazio credimi,carissima Lola,che i nostri pensieri e le nostre parole,qualunque essi siano,belli o brutti,possono sentirsi ben comodi e liberi di muoversi.Soprattutto sentirsi a casa!
Una buonissima notte e a presto.ti aspetto...

adriana | 05/08/2011 ore 01:49:14

 

@LOLA

Se quello che hai scritto alle 17h55 non mi ha per niente offeso (in pratica mi dai del cretino), quello che dici dopo 47 minuti non mi lusinga per niente, anche se , nella tua grande signorilità ti permetti di dare qualche voto dicendo che 'Gippe ha scritto cose simpatiche e interessanti'.

Scusa mica abiti Via Pipitone a Palermo ?

Ceci pourrait expliquer cela

Bien à vous

Gippe | 04/08/2011 ore 22:16:12 | @

 

Fine del silenzio stampa

Con il risultato di questa sera il Palermo ha ancora mostrato la sua grande lungimiranza.

Inutile impegnarsi in tornei minori se l'obiettivo principale é quello, se non di vincere il campionato, di classificarsi almeno terzi.

Alla prossima occasione bisognerà farsi eliminare anche dalla Coppa Italia affinché i nostri gagliardi giocatori possano concentrarsi, anema e core, a questo grande obiettivo che nessuno uomo di provata fede rosanero puo' non considerare come l'unico che valga.

Gippe | 04/08/2011 ore 21:58:23 | @

 

Gippe non parliamo più di calcio, non vedi che già ci accusano di aver creato il bar dello sport?
Lola ti chiedo scusa, mi ritiro nuovamente nei miei appartamenti.

Lello | 04/08/2011 ore 19:58:17

 

Sì, anch'io chiedo scusa a R.A. per essermi permessa di fare gli onori di casa.Aveva ragione mia nonna:"uno ti dà il dito e tu gli prendi prima la mano poi il braccio"
Scappooo

Gilda | 04/08/2011 ore 19:12:37

 

@Ciao Adriana, goditi lo spettacolo! A presto, ma non troppo!
@Csilla: lo so è da pazzi avventurarsi per strada in qs gg... ma si fa quel che si può. Come ti capisco! Ciao!

Gilda | 04/08/2011 ore 19:08:56

 

Ultimo,ultimo commento e scappo...
Chiedo scusa al padrone di casa per l'invadenza e penso che non sia la prima volta!
Ma...sarà la deformazione professionale ...ma ascoltare gli altri è una passione incoercibile per me!
A stasera

adriana | 04/08/2011 ore 19:05:11

 

Anch'io sto scappando al Castello a Mare per uno spettacolo,ma ti posso chiedere,Lola "Sei dei nostri,vero?"
Scusami,se ho parlato di eventuale nome fittizio:sei entrata in scena quando si parlava di Cavalleria...
Ti aspetto ,personalmente,con gioia!

adriana | 04/08/2011 ore 19:00:28

 

Anche qui, sembrerebbe che ci si difende i diritti del consumatore. La domanda è, si possono mettere tutti i consumatori sotto un unico cappello? Quel che piace a me causerà allergia a molti altri....un giusto equilibrio, è quello che secondo me ci vuole, nè che questo blog diventi un circo, neppure un'agenzia funebre. Quando si parla, bisogna tenere conto della possibile diversità del nostro interlocutore,mi pare ovvio.Mi stanno ritornando i dubbi del passato.Ci sono regole precise in questa casa? E'permesso parlare d'altro che della la penultim'ora? Se dicessi che oggi ho rischiato 4 incidenti di cui 2 frontali a causa dei rincoglioniti che circolano in questi giorni? Può passare in questa sede?Sono convinta che alcuni tolgono le ragnatele la mattina stessa che partono per le vacanze! Oppure, vogliamo parlare di quelli che scambiano la macchina per un ufficio dove passano il tempo a digitare su una tastiera? Vi è mai capitato di vedere alla guida gente che 'scrive', impostando il navigatore satellitare? Il cellulare in mano è vietato, impostando i navigatori non crea problemi alla guida, a quanto pare....finchè non vedi la macchina accanto a te sbandare e venirti addosso. Non ci sono regole, quelle che ci sono fanno ridere,non c'è alcuna pena, tantomeno certezze.......evviva questo mondo, dove a quanto pare, scherzare non è 'ammesso'.Se non erro, una regola ferrea di questa casa è quella di tenere un modo di esprimersi educato, senza urtare e offendere nessuno.

Csilla | 04/08/2011 ore 18:55:27

 

@Lola Prima di dileguarmi per le ferie, chiedo scusa a te e a quanti io possa avere disturbato con la mia maldestra ironia. Nei miei intenti, la canzoncina del bassotto poliziotto, che chi è stato bambino o genitore credo conosca, voleva essere una metafora riferita al comportamento di Tremonti ,oggetto/soggetto della penultim’ora di quel giorno . Allora R.A.scriveva: “Notizia numero Uno: il ministro Tremonti mette in fuorigioco gli accusatori sostenendo di essere troppo ricco per rubare. Se ne ricava che il Codice Penale resta in vigore solo al disotto di una certa fascia di reddito (specificare quale, eventualmente)” . Mi sembrava infatti che il ministro negasse di aver rubato la marmellata, avendone ancora la bocca sporca. Ho anche premesso la mia motivazione. Ma evidentemente non mi sono spiegata bene.
Al pari di Adriana, anch’io sto cercando di capire come collocarmi. A volte mi è parso di essere inadeguata per “eccessivo sfoggio intellettuale”. Non è facile. Quando leggevo e basta ero sicuramente più protetta. Quando si viene allo scoperto si rischia anche di sbagliare, ma anche di trovare degli amici con cui piace sorridere un po’. Benvenuta, (o bentornata, non so)! Ti passo volentieri il testimone. Ciao a tutti
@Csilla grazie, mi riposerò sicuramente e tornerò.

Gilda | 04/08/2011 ore 18:45:58

 

cara Adriana non volevo offenderti cmq, ti spiego, da poco tempo che frequento questo blog ho letto anche interventi tuoi interessanti e che mostrano la tua sensibilità, proprio per questo alla fine sono intervenuta perchè dico: abbiamo l'occasione di discutere in un blog che dà degli spunti importanti e che attira persone interessate alla cultura e al confronto, allora perchè usarlo per fare commenti che possiamo fare in qualunque chat?lo stesso vale per Gippe, anche lui ha scritto cose simpatiche o interessanti,insomma il mio è un invito a conciliare un clima rilassante e amichevole con un livello stimolante.Dato che il forum offre l'opportunità di una mascherina per citare don Diego, io me la metto ma non avrò difficoltà a toglierla in quanto quando scriverò ho intenzione di essere diretta ma mai offensiva. Lola comunque è un diminutivo del mio nome con cui mi facevo chiamare al liceo!ciao

lola | 04/08/2011 ore 18:42:54

 

Lola mi chiamo Adriana e finalmente sento una voce diversa;leggendomi penserai che io ti voglia rintuzzare con il sarcasmo di chi viene offesa...invece ti rispondo con serietà e con curiosità nei tuoi confronti...convinta che hai fornito un termine esatto,al quale non pensavo,cazzeggio:effettivamente anche di cazzeggio si tratta.
Io personalmente,non avevo mai partecipato ad un blog e da quando sono qui,( te lo posso assicurare)sto cercando di capire cosa è un blog e come si debba esprimere.Non so se hai letto alcuni post già passati nei quali il problema se essere virtuali o reali o se metà e metà,si poneva;onestamente ancora non l'ho capito e il desiderio di esprimere la tua idea in merito,per me che non sono nessuno qua dentro,mi sembra la manna caduta dal cielo.
Per favore torna a spiegarmi le tue idee con una sola preghiera :usa il tuo nome se Lola non è fittizio,sicuramente sarà più bello:
Ciao e scusa la prolissità!

adriana | 04/08/2011 ore 18:15:12

 

ma, invece a me la storia della Cavalleria mi è sembrata cretinissima. Capisco che un po' di cazzeggio è rilassante però qualche volta leggendo ho avuto l'impressione del bar sport, cioè battute banali, il bassotto poliziotto,io penso che lo scopo di qualunque blog è uno scambio di idee e anche di battute d'accordo, però sempre in sintonia sugli argomenti che si discutono e non tanto per dire una spiritosaggine che spesso non fa ridere nessuno.

Lola | 04/08/2011 ore 17:55:31

 

Inventati, no inventate

A.C. | 04/08/2011 ore 17:48:34

 

Credo che i cantieri scuola li abbiano inventate negli anni '40. Da ragazzino vedevo questi operai lavorare per le strade del paese. Erano (i cantieri) il cavallo di battaglia della DC specie in imminenza di elezioni. Ne usufruiva sotto banco anche il PCI. Mi fa effetto rivederli adesso, dopo tanti decenni. La Sicilia è ferma al 1948?
Ad un chilometro da casa mia, sulla strada Salina-Costa Mendola, ce n'è uno. L'altro giorno ci sono passato. Le 7,30, una decina di operai erano seduti in cerchio sotto un pino su sedie sgangherate di plastica rimediate chissà dove. Chiacchieravano facendo colazione, con dei coltelli ben affilati che viaggiavano con destrezza dal cibo alla bocca. Ho tirato diritto. Lungo la strada ho visto il frutto del loro lavoro: alcuni guardrail nuovi di zecca, dei basamenti di cemento dove piantare dei paletti di ferro per la rete metallica di divisione della strada dalle proprietà private. Avevo letto di Catania dove gli operai allievi non fanno niente alla lettera. A Trabia si lavora. Credo dipenda anche dalla tradizione. Per le amministrazioni comunali trabiesi i cantieri di lavoro, oltre che un sollievo dalla disoccupazione, erano spesso l'unico mezzo per far vedere alla popolazione che qualcosa realizzavano. Al ritorno ho visto gli operai alacremente in azione. Come si vede Trabia non è Catania, qui non stampiamo banconote false.

Antonio Carollo | 04/08/2011 ore 17:44:56

 

Visto che quando parlo seriamente non si fa sentire nesuno tranne Csilla sulla cui amicizia posso contare...rispondo a Gippe,tornando ad uno dei miei temi preferiti la saudade:
Gippe,mi sono estressa malissimo stanotte.
Volevo dirti che mi ha incantata la tua rivisitazione della Cavalleria;una storia raccontata ai minimi termini di semplicità con toni da rimpianto da non si sa di che,intrisa di malinconica atmosfera che mi ha ricordato
con i lucciconi la Fortezza Bastiani (tu non sai ma con la saudade c'entra ma è un'altra storia perduta lungo la via),atmosfera da saudade per me ma forse potrei dire da spleen...
Scusatemi ma,per ritornare alle vecchie abitudini dell'OT che non va fatto:più fuori tema di così...si muore! (ma questa è un'altra storia:per carità che non si ricominci!!!)

adriana | 04/08/2011 ore 17:26:40

 

@ Gilda, buone vacanze! Riposati, riguardati, usa il tempo al meglio che puoi. Al tuo rientro probabilmente troverai questa stessa casa, le stesse persone.....salvo sgombero in stile centro
"Anomalia", a Palermo.

Csilla | 04/08/2011 ore 16:38:19

 

Gippe é in silenzio stampa ; parlerà a partita finita.

Bien à vous

Gippe | 04/08/2011 ore 16:05:04 | @

 

Chiedo perdono,ma volevo dire "l'ira dei mansueti",come riprende Fara (le parole sono tue,scusa...)

D'altra parte chi dovrebbe adirarsi se non una classe sociale come quella " borghese" non più ben autoidentificabile visto che nel suo novero ci si trovano dagli appena autosufficienti ad un pelino dalla miseria statistica ai una volta più abbienti che di agevolazioni non ne stringono in mano più molte?.
Possiamo parlare in positivo di ira elettorale o ancora meglio di autorivelazione
referendaria?

Csilla,il tuo pensiero rafforza il discorso:quando la gente si accorgerà di essere stata costretta a vivere in una "realtà" virtuale chiederà il risarcimento!

adriana | 04/08/2011 ore 15:04:22

 

Cari amici, che movimento! Gippe che racconta le storie, gioca con "papa" e non si arrende a crescere (fai bene). Sarai sicuramente un pezzo grosso francese, che ha iniziato con studi umanistici (liceo classico), ma che poi è passato alle scienze, anzi alla scienza/tecnica.
Don Diego dalle premesse mi par di capire che sia un giornalista di qualche testata importante o della madre RAI.
Insomma:nessuno che vuole fare un po' da cardinale per me?

@ Roberto: l'articolo è davvero stimolante. Credo che in molte sue parti possa essere tranquillamente esteso all'Italia intera. Ma poichè io sto andando in ferie e chiuderò con il mondo, mi piacerebbe che tu mi/ci dessi lumi sul film tratto dal "E' stato il figlio" Lo girano tutto a Bari o di quella città prendono soltanto il quartiere popolare, facendolo passare per Palermo?
@tutti: saluti a tutti. Grazie per la vostra virtuale e reale amicizia. Se potrò vi leggerò.
Un abbraccio dall'addetta ai quiz.Gippe fermati, che devo vincere io.

Gilda | 04/08/2011 ore 15:00:54

 

Ti ringrazio, Adriana.

roberto alajmo | 04/08/2011 ore 13:31:05

 

Secondo me, la gente da un bel pezzo che ha realizzato di pagare il caffè due volte......solo 2 ????...a prescindere dello scontrino. Ma affinchè è possibile prendere sto caffè, tutto passa. Quando mancherà,in caso diventasse un articolo introvabile, il caffè come altre cose di non primissima necessità, forse qualcosa potrà cambiare.Non parlo delle prime necessità perchè sembra che in Italia siano secondarie. Ricordiamo le parole di B.," gli italiani sono benestanti"......se lo dice lui! Ci sarà chi ci crede,devo pensare.

Csilla | 04/08/2011 ore 13:19:40

 

penultim'ora:

Ti ho già detto prima che il pezzo è,ai miei occhi,ottimo.
Non solo ma mi ha colpito(e non credo di essere sola) la considerazione finale dove proponi più che un'analisi conclusiva, una ipotesi risolutiva.
L'ira dei mansueti,dice giustamente Fara,per me la entrata in campo dei" mediocri"termine che per me non descrive uno stato di ignoranza impotente ma individua quei semplici di spirito che compongono la più parte della gente; quella gente che come dici bene tu quando si muoverà lo farà perchè avrà realizzato di pagare il caffè due volte,non chiedendo lo scontrino.
Si muoverà per sacrosanti diritti di vita reale non garantiti o peggio alienati.
O.K. pezzo bello su cui ragionare!

















adriana | 04/08/2011 ore 11:46:05

 

Articolo su Repubblica

Papa,nuove accuse agli atti indagata anche la moglie.
Ma che biricchino questo Benedetto XVI ancora non santo.

@Adriana, saudade non mi sembra la parola giusta, ritornero' sull'argomento.

Bien à vous

Gippe | 04/08/2011 ore 08:54:55 | @

 

A conclusione di questa penultim'ora esprimi la speranza, condivisibile, che l’ira dei mansueti possa generare un cambiamento. Ma non dimentichiamo che l'ira è uno dei sette vizi capitali e i siciliani sono "buoni cristiani" , assai devoti.


fara | 04/08/2011 ore 05:52:18

 

Gippe sai cos'è la tua bellissima storia...una storia di saudade!

adriana | 04/08/2011 ore 00:38:59

 

Serata calma si direbbe, e lo capisco non c'é da stare allegri, non se ne andrà mai e dire che se li merita davvero una bella dose di calci ....

Vabbé allora vi racconto una storiella piccola piccola che magari conoscete : quella dei due compari che abitano nello stesso palazzo in via Pipitone a Palermo.

Si tratta di Alfio e Turiddu, due bravi operai dei Cantieri Navali; Alfio un bonaccione gentile e innamoratissimo della sua giovane e bella moglie che si chiama Lola; Turiddu invece é un tipo sveglio, voglia di vivere, attivo, sindacalista e anche un po' sciupafemmene.

Come ogni sera alle 5 quando la sirena suona Turiddu salta sul suo motorino, propone, senza tanto insistere, a Alfio un passaggio ma stavolta Alfio gli dice :
- Stasera voglio fare una prova per vedere se ci arrivo prima di te a casa. Un mio amico mi ha detto che la terra gira, allora io mi fermo qui e quando Via Pipitone mi passa accanto ci salto su e sono arrivato.
- Fai come vuoi - gli disse Turiddu che si allontano' a tutto gas ridendo sotto i baffi malandrini.

E come fu e come non fu dopo soltanto 20 minuti di attesa la via Pipitone passo', compare Alfio ci sali' e contento corse fino a casa per abbracciare la sue Lola, che trovo' distesa e nuda nelle braccia virili di compare Turiddu.

Cosa successe ve lo lascio immaginare ; non si scherza con l'onore siciliano.

Prima morale : mai arrivare a casa prima del previsto

Seconda morale : quando cerchi qualcuno che non hai visto da tanto tempo, aspettalo sul web, tanto prima o poi passerà. [LINK]

Gippe | 03/08/2011 ore 23:06:02 | @

 

@LELLO

Thun e Thunnina ni manciamu ca Zamparina.

Questa é da -10°, molta strada ancora per arrivare a -273°.

Gippe | 03/08/2011 ore 19:32:17 | @

 

io a casa mia non fumo, ma se voi volete fumare a casa vostra potete farlo liberamente...

federico | 03/08/2011 ore 17:04:20

 

Allora mi fai una cortesia: la puoi inviare a Parigi a Gippe che mi sta tormentando per avere le sue" cure"
Yorick sei un amore a stare allo scherzo sottozero iniziato da me!

PS le spese contrassegno falle pagare a lui o a Sarko

adriana | 03/08/2011 ore 15:42:23

 

Per la Minetti infermiera dico no. Si potrebbe pure fare, non ho nulla in contrario al mercato dell'usato, però non mi fido del vecchio proprietario.

yorick | 03/08/2011 ore 15:35:04

 

MAGICA CSILLA: hai trovato il "titolo per il concorso a
premi!
"E' LUI L'EVENTO IN QUESTI GIORNI!"
Csilla,noi non abbiamo nemici;
siamo belle persone...

A che ci penso, sapete qual'è il più bel lapsus della sottoscritta da quando frequenta questo blog:
ANTISPASM al posti di antispam!

adriana | 03/08/2011 ore 14:53:16

 

Don Diego,ti ho chiamato tantissimo ed adesso sei qui!bene,lo sai che non avevo dubbi?Saresti arrivato prima o poi.
La mia soggezione per te si è,pouff!,volatilizzata davanti alle tue parole vivaci e da persona reale...non disvelarti ancora,forse sta per partire un concorso a premi...
Volevo sentirti per dirti che ti ho letto così piacevolmente
da non avere avuto il coraggio di far seguire i miei starnazzamenti alle tue belle parole,alcuni giorni fa.
Come vedi stiamo cercando di ricreare una nuova buona società filarmonica dove suonare affiatati,divertendoci,
c'è bisogno di solisti esperienti
Lo sponsor,in fondo,ci crede in noi...

Padrone di casa:ottimo l'articolo di Repubblica;andrà a fare compagnia agli altri...

adriana | 03/08/2011 ore 14:44:03

 

@Csilla: grazie! Ti contatterò.

Gilda | 03/08/2011 ore 14:29:41

 

Correggo il mio latino: paschali laudes

Gilda | 03/08/2011 ore 14:24:37

 

@Gilda, avevo capito.Ma opto per lasciar stare la morte, non mi piace parlarne, forse perchè non da molto mi ha toccato da vicino.Non ho mai amato il pensiero, e come diceva,credo Antonio,vivendo non in patria d'origine,molti valori personali subiscono un cambiamento, anche il pensiero sulla morte.
Per quanto a Budapest, quanto paghi????? Non preoccuparti, cerco di andare a pari passo con i tempi.Il primo pensiero è quanto si guadagna, o no? Nessuno fa più quasi nulla senza pensare al guadagno.....ti illumino, io non sono fatta cosi, tutto sommato me ne frego dei soldi,odio il materialismo, mi basta/basterebbe con che vivere. Ci sono, quando voi, per quella data potrei essere anche di nuovo residente nella mia città....fammi sapere e ci sarò, con piacere.

@ Gippe, ci sono altre due squadre, UTE e MTK, a Budapest. Ferencvaros lo paragonerei alla Lazio, brutta tifoseria, brutta gente,neonazisti, in prevalenza.
Ho cambiato idea.Dopo il tuo ultimo post,non credo che tu faccia il custode del campo di calcio...ma il direttore sanitario in un manicomio...e si sa che in quei luoghi il contagio è quasi garantito!(sorriso)
Tornando a Don Diego.....è lui l'evento in questi giorni'....a me, sinceramente, farebbe piacere, anzi,mi farebbe orgogliosa sapere di 'frequentare' XY, quello bravo che scrive per...., questa è una 'casa', gli ospiti più o meno si conoscono( oddio, manco per niente), è vero che potrebbe esserci entrato anche il nemico......ma ci credo poco.

Csilla | 03/08/2011 ore 14:24:25

 

Gippe, dato che mi provochi, eccoti una domanda da sottolivello ( o sottolavello ): secondo te, che nasce THUN può morire quadrato ?

Lello | 03/08/2011 ore 14:13:30

 

@Csilla: intendevo dire che tu non mi lasciassi sola a combattere pro indecenza della morte. E’ brutta, schifosa, assassina, perfida, traditrice, cinica; a volte prende nel fior fiore degli anni, a volte nella prima maturità e ti fa lasciare figli piccoli; a volte ti prende e poi ti restituisce alla vita massacrata/o nel corpo e nell’anima, lasciando il suo odore nelle pieghe della tua pelle. Certo, la morte è anche pace, è anche quiete eterna, è sollievo nel porre fine ad una insostenibile malattia (ma, appunto, era sempre lei l’attrice, in tempi più distesi, non sempre ti dà il colpo secco, a volte si diverte a torturare le sue vittime). E certo, non desidererei vivere oltre i 200 anni. In questo senso potrei un giorno implorarla di venire a prendermi … Perché la vita è anche morte, ma alla fine di un sensato ciclo. Si nasce, si vive, si crescono i figli, si invecchia e si muore e si viene sepolti in posti più o meno ameni.
E poi, Csilla, a maggio prox andrò per un convegno per la quarta volta a Budapest. Ho bisogno di te!

@Gippe: boh, forse ha ragione Csilla (per il tuo lavoro) O forse fai un lavoro così serio, tipo dirigente, responsabile, che poi quando chiudi con il lavoro devi assolutamente darti al bello e al faceto (cinema, arte, calcio) Se come cardinale mi canti il “victimae paschalis laude” con la forza della resurrezione che ci mettono i francesi , [LINK] mi può andare bene. Tanto, nel virtuale possiamo essere chiunque … Adesso ti hanno rilasciato per sempre (la gendarmerie e gli asiatici) o devi ritornare ancora sotto le loro grinfie?

Al quiz Don Diego, mi dedicherò più avanti… Ci sono anche cardinali tipo padre non so che (Ralph?) di “Uccelli di Rovo” E la faccenda mi piace!

Gilda | 03/08/2011 ore 12:25:22

 

@ csilla ,ma quante squadre ci sono a Budapest ? Honved , Ferncvaros , Vasas ?

E poi questa é troppo bella, la faccio io prima che Lello me la tolga

Amici del Blog , dopo
"Adriana abbracci abbraci" e
"Toto vasa vasa" vi presento
"Csilla Vasas Vasas"

Bien à vous

Gippe | 03/08/2011 ore 11:36:03 | @

 

@ Don Diego, in questa sede, credo, nessuno si dedica alla violenza, a volte ci sono dissaccordi ma non si è mai menato nessuno.....poi che succede sulle strade di Palermo, quello non posso saperlo.
Ora sono curiosa anch'io, sul chi sia Don Diego, la mia prima ipotesi è fallita.Don Diego scrive troppo bene e dice cose molto sensate.Ecco la seconda ipotesi...Don Diego= S.P. Ho già pronta anche la terza ipotesi....

@Gippe, secondo me fai il custode del campo di Paris St. Germain, è un lavoro serissimo! In Francia col Palermo nel cuore. Oggi la Roma gioca nella mia città e spero che perda.'Tifo' Napoli,mi piace il Palermo.....la Roma per le partite amichevoli sceglie sempre squadre contro cui, in teoria vince facilmente.Spero che oggi questa teoria risulti fallimentare.
Gippe, qual'è la partita del tuo cuore oggi? Mjondalen vs. Hodd, immagino!
Buona giornata a tutti....è tornato il caldo.

Csilla | 03/08/2011 ore 11:26:32

 

@Lello dove sei ? Chi la spara la prima oggi ? Tu ? va bene ti lascio fare. Domani due partite importanti non dimenticare per noi tifosi dei PA.

@Csilla, sono d'accordissimo con te sul tuo disaccordo con Antonio; con molti di voi non mi sento per niente in un mondo virtuale ma in un mondo vero che accorcia le distanze.
E per quello che mi riguarda mi sento verissimo con le mie battutte e i miei giochetti, esattamente come sono nella vita reale ; e se poi anche in Francia le persone che lavorano si informano del risultato del palermo per anticipare il mio umore del lunedi, magari alberando una camicetta rosa e un gonna nera, che colpa ne ho io ?
En ..... faccio un lavoro molto serio ...

@gilda, a proposito di lavoro, prima mi prendevi per storico, adesso per un 'coltivatore cinematogafico' ; se ti recito un po' di messa in latino magari mi prenderai per un cardinale ?

@adriana, ci pensi per la Minetti infermiera ?

Gippe | 03/08/2011 ore 10:45:09 | @

 

Caro Antono, tu scrivi che qui "Siamo in un ambiente che non ha nulla a che vedere con quello reale... Questa situazione si stiracchia ancor di più se gli interlocutori si celano dietro nomi fittizi. Si può uscire da queste rigidezze e insufficienze comunicative? Certamente sì, ma entriamo in una dimensione diversa, quella della realtà".
Nella "realtà" per tanto tempo ho scritto (e scrivo, per mestiere in un significativo ente pubblico), qui e in altri "luoghi virtuali" con nome e cognome, sin quando, qui e in altri luoghi, altri hanno ritenuto di dover scazzottare violentemente e dolosamente sulle opinioni altrui. E siccome io non lo faccio, non mi piace offrire i miei occhi alle tumefazioni pugilistiche. Quindi mi è venuta in soccorso la sottile mascherina che celava gli occhi del beneamato Zorro.

Don Diego | 03/08/2011 ore 10:32:33

 


Caro Roberto,a parte che il fumo passivo ti costringerebbe a fumare lo stesso senza la soddisfazione ansiolitica che dà la sigaretta...io non critico la tua scelta del non rispondere,
ho un rispetto per gli altri quasi patologico.
Quello che mi crea dispiacere è sapere che tutto si può dire con un pizzico di gentilezza e di attenzione...non ci vuole molto...basta farlo e basta soprattutto spiegarle le cose senza pretendere che gli altri le conoscano già,anche con poche parole,come ti è congeniale.Ci vuole poco!

Tutti lo sappiamo il proverbio che dice " chi non parla si chiama cucuzza"...e certe volte per non andare oltre le cinque righe finisci per diventare come una grande cucuzza,talentuosissima ma sempre cucuzza!
Ti voglio bene

Per il resto ,Csilla ha saputo
esprimersi meglio di me
Buona giornata

adriana | 03/08/2011 ore 10:15:56

 

Caro Don Diego, nell'articolo che pubblicherò anche qui oggi, parlo di una borghesia diversa, che non si sa nemmeno fare i calcoli. Per esempio non si rende conto che non chiedendo lo scontrino, paga due volte il caffè.
Cara Adriana, ti faccio un esempio. Se dico: "a casa mia non fumo, ma se voi volete fumate non mi da fastidio", significa che potete fumare liberamente. Quello che non potete fare è costringermi a fumare anch'io.

roberto alajmo | 03/08/2011 ore 08:29:40

 

(Gli asterischi sono il non riuscito tentativo di disegnare una Z)

Don Diego | 03/08/2011 ore 08:18:02

 

Caro RA, so che sei sicuramente d'accordo se, come spunto, adopero i tuoi scritti su Repubblica piuttosto che le "penultimora". "Borghesia a prima vista più disinteressata, assuefatta e mansueta" scrivi, cosiccome nel mio scritto sull'Oratorio delle Croci l'avevo definita "addurmisciuta". Ci ho riflettuto, e forse ci sbagliamo tutti e due: è complice, e all'ira arriverà solo "in punto di morte", prima dell'ultimo fiato (così mi riaggancio al tema di altri post).
*******
*
*
*
*
*******
(PS. qualcuno ha scritto che Don Diego è peggio di Don Silvio: ma io fui fan di Zorro, non di Cammarata...)

Don Diego | 03/08/2011 ore 08:15:43

 

@ Gilda, non ho capito in cosa ti posso venire d'aiuto.Illuminami....e contaci.

@ Antonio,il tuo post mi ha riportato in mente il passato, cercavi di 'consolare' anche me, sei stato l'unico che si è perso nel spiegare l'andamento di questa 'pagina'.......e come allora, non sono assolutamente d'accordo sul virtuale, siamo qui, ci siamo, esistiamo.I rapporti li creiamo noi, sta a noi ad uscire allo scoperto, di essere noi stessi......essere, non apparire!

Csilla | 03/08/2011 ore 00:01:34

 

Capisco le aspettative, le impazienze e le piccole affioranti delusioni dei neofiti del Forum. Il dialogo che si instaura qui è qualcosa che va oltre la quotidiana realtà delle tradizionali relazioni umane, qualcosa in più, di inventato, che si aggiunge alle normali possibilità di contatto tra persone. Siamo in campo virtuale. Si comunica praticamente con sconosciuti, salvo quel che si può ricavare su ciascuno degli scriventi dalle informazioni che più o meno volutamente possono trasparire nei loro scambi. Io sono uno di quelli che tendono a derogare questa regola non scritta. Alla prima occasione diffondo notizie e indizi su di me e la mia vita. Mi sembra così di scongiurare una specie di perdita dell'identità e di agevolare i rapporti di reciproca comprensione. Forse è un'anomalia, ma non sono solo. Questo non significa che la virtualità dei contatti si attenui. Il dialogo virtuale ha regole diverse da quello fisico/reale: ad esempio ti dà una certa maggiore libertà nelle interlocuzioni, puoi rispondere subito o rimandare o non rispondere affatto per tantissime ragioni: assenza dalla residenza, lavoro, impegni vari, mancanza di voglia, eccetera. Siamo insomma in un ambiente che non ha nulla a che vedere con quello reale, come, ad esempio, potrebbe essere il salotto di casa mia, con la contemporanea presenza degli attori del dialogo. Questa situazione si stiracchia ancor di più se gli interlocutori si celano dietro nomi fittizi. Si può uscire da queste rigidezze e insufficienze comunicative? Certamente sì, ma entriamo in una dimensione diversa, quella della realtà, con l'impatto, le difficoltà, le sorprese delle leggi della quotidianità.
Infine si può dire che il dalogo virtuale, un forum inscritto nel web, consente lo straordinario incontro, certo imperfetto, di persone che altrimenti non si sarebbero mai conosciute.

Antonio Carollo | 02/08/2011 ore 23:25:10

 

Veramente io credevo fosse chiaro che questo è un diario pubblico, non privato. Io, come persona, non c'entro.

RA | 02/08/2011 ore 22:48:06

 

Veramente io credevo fosse chiaro che questo è un diario pubblico, non privato. Io, come persona, non c'entro.

RA | 02/08/2011 ore 22:48:03

 

Scusate, sono rimasta piuttosto indietro con la lettura. Ho visto il link di @Marco (grazie!)
@Roberto, complimenti! Peccato che non sia ambientato a Palermo. La “lingua” dovrà essere cambiata. E non so se sarà la stessa cosa. Comunque rimane sempre una notizia straordinariamente bella. Tu sì che sai come sopravvivere alla tipa, la M (io sono rimasta ancora lì e ancora convinta che non sia il meglio della vita) soprattutto per chi rimane … @Csilla, dammi una mano, ti prego, insisti anche tu!

@Gippe: come ti è venuto in mente di vincere un concorso a quiz senza di me? Ma ora ho scoperto qual è la tua arma segreta. Se non hai parole, le fai dire a qualche divo del cinema (grazie per il rispolvero di Woody Allen). Ma hai fatto il DAMS? O hai una cultura cinematografica da regista o passi le notti a cercare come stupirci … Dì la verità.

@Lello: notevole il discorso della spazzatura. E poi dicono che gli italiani sono creativi… Quello sì che è ad un certo livello!

ULTIMA PENULTIM’ORA (OLTRE LA MORTE) Ha ragione Adriana: è un piccolo capolavoro, sotto cui si potrebbe scrivere “Senza parole” Oppure si potrebbe pensare alla RAI in cui pare che non tutti possano dire impunemente le loro parole. Così mi è parso.
Si potrebbe anche pensare ad una giovane psicologa che conosco che si fa in quattro per "mettere su un servizio" di consultazione familiare, mal retribuita, fa un sacco di incontri con la popolazione ,di sera dopo cena, in paesetti dispersi nelle prealpi. E poi, quando finalmente i capi, dopo essersi beati e vantati del servizio, fanno il concorso per coprire quel posto in cui lei ha lavorato come precaria, a parità di punteggio, le passa davanti la solita amica di amici di amici del ... boh? regime? No, regime no. Dell'amministrazione, diciamo così. Qualcuno sostiene che, per merenda, si portasse polpettine fatte con carne sospetta e perciò piuttosto pericolosa.

Gilda | 02/08/2011 ore 22:27:37

 

Caro Roberto,non è la stessa cosa.
Se tu accogli a casa tua un ospite come Gippe,persona piena di gentilezza,di grande discrezione,che chiede un minimo di contatto umano con te,ignorando le tue regole...forse perchè nessuno gliele ha spiegate...tu gli dici :"se tu ascolti me,io ascolto te!" Una sorta di legge del taglione,in pratica!
Le tue penultim'ora a volte sono così perfette da non dovere togliere nè aggiungere niente (come quest'ultima che è un gioiellino),a volte sono frutto di sacrosanta stanchezza,molte volte sono stimolanti da "morire" (appunto),ma...hanno un vizio di fondo: rappresentano la differita di te uomo non la diretta! Ci ha riflettuto mai in questi termini?

adriana | 02/08/2011 ore 19:26:20

 

Seccarmi io ? Ma scherzi ?

Era un semplice clin d'oeil che ti ha fatto reagire.

Quanto al tuo ultimo penultimo come non essere d'accordo con te?

Pensa che questo quesito é oggetto di grandissime discussioni negli ambienti franco italiani e immancabilmente la discussione viene sui 'regimi' e sulla pericolosità di chi li rappresenta.

Chi é piu' pericoloso per la democrazia Berlusconi o Sarkozy ?

Chi é piu' piccolo Sarkozy o Berlusconi ?

E immancabilmente i francesi sciovinisti danno la palma al loro pupillo.

E se poi ci metti qualche vignetta di SCHULZ non puoi che avere la mia piu' grande affezione.

Bien à TOI (e agli altri anche)

Gippe | 02/08/2011 ore 19:07:10 | @

 

Non seccarti, Gippe. Chi tace acconsente o non conosce la risposta. Non mi secco io quando nessuno commenta la penultim'ora, non vedo come possa seccarti tu.

RA | 02/08/2011 ore 18:13:12

 

@Roberto, vedo da qualche tuo commento che ci sai e ogni tanto rispondi.

Ti ringrazio anche per non avere risposto per ben due volte alle mie discretissime sollecitazioni ?

O forse erano troppo personali ?

Grazie lo stesso

Bien à vous

Gippe | 02/08/2011 ore 17:47:47 | @

 

Forza Lello continua , ci arriveremo al -273°

Adriana scusa e perché io non avrei diritto alla Minetti infermiera ?

Che amica sei ?

Bien à vous

Gippe | 02/08/2011 ore 17:45:00 | @

 

Ho qualche pudore nel conservare la prosa squisitamene poetica da Rosi indirizzata al nostro scrittore ospite.

Antonio Carollo | 02/08/2011 ore 17:12:07

 

Guardate questo video, è assurdo. Sembra di guardare un film di fantascienza , invece è tutto vero e avviene a pochi passi da noi.
[LINK]

Lello | 02/08/2011 ore 17:00:52

 

Un grande abbraccio, Rosi.

roberto alajmo | 02/08/2011 ore 16:12:25

 

Ottimo Adri. Adesso però, dopo il commento di Rosi, posso scrivere decine di stronzate per riabbassare il livello culturale del blog!

Lello | 02/08/2011 ore 15:56:04

 

Ultimo commento e poi sparisco:Rosi solamente un'anima poeta come la tua poteva centrare il segreto più sacrale della morte.
Ti sono grata perchè era ciò che rozzamente ho cercato di dire e di dimostrare...

adriana | 02/08/2011 ore 15:31:08

 

la morte ripulisce velocemente le briciole di vita rimaste all'uomo che persiste, sino all'estremo sforzo, nella famelica frenesia di sottrarre il proprio corpo e la propria anima ad essa, nulla resta d' esso se non una regolare basola di pietra addosso. La morte è ciò che avviene da sempre nella storia degli uomini, ma è il modo in cui la concepisce l'uomo moderno unitamente al rifiuto d'essa, che lo fa star male più di quanto faccia la morte stessa. Ma la consapevolezza del "passaggio" inteso come esso stesso parte del vivere dell'uomo dovrebbe bastare a renderlo attento al suo vivere con preziose emozioni. Caro scrittore, mi dispiace immensamente per quell'esperienza che hai vissuto, sì "vissuto", nonostante la crudezza del termine in rapporto a quel personale "passaggio" di quell'uomo che hai incontrato sul tuo percorso, ti leggo con empatia, so che sei attento al tuo vivere arricchendoti di esperienze ed apprezzando i momenti di benessere con assertività e ti esorto a continuare. Il mese scorso mi sono recata a Pisa, nella piazza dei miracoli oltre alla torre, al battistero ed al duomo c'è un luogo ugualmente bellissimo di pace e silenzio, il nome della bella area monumentale cha ricorda la forma di un chiostro realizzato in marmo chiaro circondato al suo interno da finestre bifore ampie ed altissime è Camposanto. contiene e racchiude un grande rettangolo di prato d'erba fresca, verdissima e curata, credo che sia ciò che attiri lo sguardo inizialmente, ma nei giorni di caldo estivo i turisti prediligono gli interni percorrendo il giro intorno nella zona coperta che attira la luce quelle grandi finestre eleganti dalle esili colonne dello stesso marmo chiaro del monumento, le lastre che rivestono il pavimento di Camposanto nel giorno di luglio caldissimo in cui l'ho visitato erano fresche, gli affreschi alle pareti sensibili, delicati, le tonalità tenui e gradevoli tendevano prevalentemente ai colori delle terre ma il mio occhio ricercava gli azzurri sparsi, tra gli affreschi ricordo quei toni azzurri realizzati con la polvere di lapislazzuli un tempo costosa, preziosissima per l' epoca di realizzazione, in quel luogo silenzioso, ho vissuto un bel momento di benessere, accolta da frescura e silenzio e seguendo il filo dei miei pensieri di benessere del momento dopo l'affannoso lungo e frenetico camminare per le vie di Pisa alla ricerca di angoli e luoghi da scoprire per me nuovi e belli, seguita dal sole caldo e intenso, mi sono sorprendentemente ritrovata a riposarmi al fresco di quel luogo ed a pensare per associazione di idee che dopotutto la morte non è altro che pace, è forse la parte migliore del nostro tempo e non dobbiamo temerla, piuttosto che è giusto e doveroso vivere sino all'ultimo istante circondandoci del bello e di ciò che amiamo maggiormente. Mi piace sperare che quell'uomo abbia vissuto con emozione sino al suo ultimo giorno e dopotutto, in quel suo personale momento, aveva voi intorno, credo che sia indecente il morire da soli, tutti quanti siamo viviamo da soli l'esperienza del passaggio, ma io con quel soli mi riferisco al pensare di non avere nessuno accanto che ci parla o fa qualcosa in quell'istante.

rosi | 02/08/2011 ore 15:21:55 | @

 

Yorick non è che stai prendendo la mezza scusa per avere Nicole Minetti vestita da infermiera?


Lello ti va bene così?:ho abbassato a sottozero....

adriana | 02/08/2011 ore 15:18:42

 


A proposito [LINK]

Non ho travato di meglio che questa bruttissima versione in lingua non originale .... ma cercando bene chissà quanti se ne pescano di aforismi sulla morte in vesione Woody Allen

Bien à vous

Gippe | 02/08/2011 ore 14:26:03 | @

 

Ottima occasione per rileggere l'Almanacco Siciliano.

yorick | 02/08/2011 ore 14:21:01

 

Adriana, finora stiamo 2 a 1. Un conato di donazione una decina di anni fa, culminato con una mia assenza temporanea: di pochi secondi, ha giurato il medico, di tre-quattro anni, avrei detto io. Ci ho riprovato con successo cinque anni dopo (forse la motivazione era più forte, allora) e infine in un ultimo tentativo, lo scorso settembre, ho perso per ko. Meglio di Pirandello, che sveniva se solo gli tastavano il polso, però spero di pareggiare la mia personalissima lotta all'ultimo sangue.

yorick | 02/08/2011 ore 14:18:27

 

Sono qui Gippe. Non molto tempo fa, un illuminato frequentatore di questo forum, mi rimproverò perché scrissi una delle mie solite minchiate, dicendomi che questo era il blog di uno scrittore ( in pratica mi accusò di abbassare il livello culturale ). Ecco perché i miei interventi sono diventati rari. Detto ciò,mi chiedevo che senso ha vendere il giovane Sirigu 4 milioni e spenderne 3 per il vecchio Sorrentino. Dove sta la convenienza?
P.S. Per favore, qualcuno scriva qualcosa di più colto per alzare il livello dopo questo mio intervento. Grazie.

Lello | 02/08/2011 ore 14:14:43

 


Ma bravi, uno si assenta poco piu' di una giornata (avevo vinto un concorso a quiz e il premio consisteva a passare due giorni in uno SPA asiatico, massaggi e massaggini che non vi dico, ritorna a casa, fa un giro sul suo blog per il momento favorito e cosa trova ? Che 80% dei post parlano di morte e affini.

Aiuto @Lello dove sei sparito ? Quand'é che vieni a parlare di filosofia teoretica e pallonara con me ?

@Antonio, d'accordissimo su quello che dici su Camus, nulla da aggiungere.

Ma su un altro argomento (non hai mai assistito alla morte di un parente o di un amico)la mia esperienza di emigrante é un po' differente della tua e mi é capitato spesso di essere presente ai funerali di un amico o di un parente, il che non ha dato alla mia 'maturità' una forza supplementare ma un sentimento di vuoto piu' profondo.

Bien à vous

Gippe | 02/08/2011 ore 13:57:23 | @

 

Federico è giusto rispondere anche a te...ci speravo fossi tu il famigerato don Diego..perchè mi piace leggerti (se scattano gelosie,affermo che sono sincera ed innocente!):sei seriamente divertente...compostamente divertente!
In quanto agli effetti collaterali della Succitata,penso che tutti noi abbiamo in mente soprattutto le controindicazioni
A presto

adriana | 02/08/2011 ore 13:29:44

 

Antonio meno male che non sei un censore,meno male che non fa per te e meno male che tu non debba fare paura!
Sono felice che tu sia un uomo con la tua storia e ,per la mia affettività,questo vale per tutti,padrone di casa compreso.
Piuttosto perchè non guardi se qualcuno ti cerca via mail?

adriana | 02/08/2011 ore 13:15:56

 

la morte è soltanto l'Assoluta Necessità, sono gli effetti collaterali quelli che danno parecchio fastidio...

ps... parola magica CAPEZZALE (ma guarda un po')

ppss... non sono don diego (non userei mai quel nome, peggiore solo di don silvio)

federico | 02/08/2011 ore 12:53:22

 

Adriana, sono d'accordo con te. Che idea avventurarmi nel mestiere di censore! E' chiaro che non fa per me, non faccio abbastanza paura.

"Ho visto morire un uomo." Forse non è giusto dire che invidio una simile esperienza. Sarebbe un po’ paradossale (ed anche un tantino cinico); come dire: qualcuno ( non potrebbe essere che uno vicino a me: faccio le corna) si sbrighi a morire. Però, questo sì, alla mia età, avverto una insufficienza: la mia mi sembra una maturità non proprio piena. Non ho mai assistito alla morte di un uomo o di una donna, parente o no. E’ un po’ il destino di molti emigranti. Scappi dal tuo paese, ti formi una famiglia, del tutto avulsa dal nuovo ambiente, a qualche migliaio di chilometri di distanza, ascolti al telefono, nell’angoscia più nera, la notizia della morte di papà; dopo qualche anno della mamma; dopo una decina d’anni quella del fratello. Nel frattempo hai appreso, sempre per telefono, la scomparsa di zii, zie, amici. Ogni volta ti precipiti per assistere almeno al funerale. Ti senti colpevole, senti doppiamente la disperazione di quel vuoto improvviso. All’emigrante la vita strappa alcuni dei momenti più intimi ed umani dell’esistenza.

Antonio Carollo | 02/08/2011 ore 12:27:47

 

Antonio,perchè impantanarsi?
Non lo sai che parlarne fa bene se è vero che alla luce del sole i fantasmi non possono fare paura?

adriana | 02/08/2011 ore 10:29:28

 

Eliana,stiamo andando sempre più in sintonia...non so se ti sei accorta del breve accenno fatto da me sull'indecenza della malattia( riletta secondo tutte le accezioni già citate),o se il tuo pensiero si è formato autonomamente fatto sta che è più indecente la malattia della morte indubbiamente

Yorick:a parte aver descritto benissimo (esperienza personale indiscutibile)la sensazione del collasso prova virtuale del morire,ti chiedo,per pura curiosità,hai continuato a donare sangue nonostante tutto o hai smesso lì?

Ridimensioniamo tutto citando Roberto e la sua citazione di Camus, dando un titolo (è la verità a non avere nessuna decenza) che completerei dicendo che anche la realtà non ha alcuna decenza
vedi l'allucinante storia che sta uscendo fuori sulla morte di quelle povere 25 creature morte per asfissia!

adriana | 02/08/2011 ore 10:23:03

 

Scusate se vado "fuori tema" ma giusto per riportare una Notizia: [LINK]
Complimenti, Roberto.

marco | 02/08/2011 ore 09:15:46

 

Ci siamo impantanati sulla signora M.. Se non la smettete sarò costretto a rifilarvi qualche decina di chili di letteratura su di lei. E poi vediamo se continuate ancora!

Antonio Carollo | 02/08/2011 ore 08:37:20

 

Trovo la malattia molto più indecente della morte.

Eliana | 02/08/2011 ore 08:34:33

 

Secondo Camus è la verità a non avere nessuna decenza.

roberto alajmo | 02/08/2011 ore 08:30:59

 

Svenendo mentre tentavo di donare il sangue, ho pensato che non dev'essere una cosa troppo orribile, andarsene. Chissà, in soggettiva non si vede più il contorno o sai che è solo un inutile contorno, sporco o pulito che sia.

yorick | 02/08/2011 ore 08:09:04

 

Rileggendo,mi sono accorta di una coda del post scappata in brutta copia,Veemenza o foga,è indubbio che l'argomento mi appassiona.

Siccome non mi riesce di trovare Don Diego della Palma,pardon,de la Vega,ho deciso,per rappresaglia,di attribuire quest'alter ego a Federico che sarà tartassato a dovere...

adriana | 02/08/2011 ore 00:43:06

 

Connotare la morte di sentimenti angoscianti, può voler rappresentare un tentativo di non negarla, non una volontà assurda di toglierla. La morte, in fondo, con il suo appartenere alla vita, contiene in sè una contraddizione. Per questo, forse, come ben dice Rosita "non decet".
@Csilla: hai mai pensato di scrivere i tuoi post in un documento e poi di fare un copia incolla nel blog?
Così, in ogni caso, ti rimane ciò che hai senza dover rifare. Notte

Gilda | 02/08/2011 ore 00:20:50

 

Adriana, voi medici avete un rapporto diverso con la morte, tutti i medici che conosco ne parlano come te. A me non piace assolutamente la scritta, come dici tu, "THE END", non mi piace per niente, in caso di morte. E preferirei che la morte non fosse parte della vita.......lo so,dovremo considerarlo come tale ma io non ci riesco e nemmeno voglio farlo....per me morte= dolore...e non penso chi muore sia felice di farlo, secondo me della morte se ne accorge e come, magari non dell'istante ma il fatto è presente, ne sono convinta.La morte fa paura.Molti dicono che sono preparati......per cosa? Per la morte? E' folle,secondo me.

Csilla | 02/08/2011 ore 00:18:47

 

Rosita,io credo che uno scrittore usi la "langue" per farsi capire ed il "language",quando lo usa,preferisca spiegarlo... se no l'espressione verbale finisce per essere un mezzo di incomunicazione.
Non è questo il tema del discorso.
Comunque ammettiamo la spiegazione"non si addice": non riesco a pensare che la morte non si addica alla vita, sarebbe una sciocchezza per noi affermarlo.
Come può essere un concetto non connaturato nella nostra psiche se siamo sommersi dagli esempi fin dalla nascita;Muoriamo a volte in mezzo al sangue, a volte sommersi dalle feci; fra gente estranea e con familiari a volte indifferenti.
Senza frasi famose da declamare ,non accorgendoci di niente,ma proprio di niente:
Rosita,io sono medico,tu lo sai immagino,ho un esperienza in questo campo non invidiabile e quando si parla di morte ne devo parlare in maniera cruda.La morte è indecorosa (preferisco questo termine) come la malattia ma è la morte e bisogna accettarla come viene.
Per questo torno a dire con forza che accettandola così com'è, serenamente si perde per strada l'indecoroso o il non si addice.
Resta,per fortuna, la commozione per la conclusione sia giusta o sbagliata di un essere vivente
Per quanto riguarda l'accettare l'inaccettabile:ricordati che il lutto si elabora in tempi naturali e quando non si elabora al di là di questi tempi diventa patologia (e questo non l'ho inventato io)
Quindi alla fine si accetta tutto, puoi starne certa.
Scusami la foga ma l'argomento per me è sempre attuale.
Ti auguro una buonissima notte







Scusa
Buonanotte e scusa la veemenza ma l'argomento mi tocca da vicino.




.

adriana | 01/08/2011 ore 23:53:36

 

penso all'ottimo Saramago quando in un suo romanzo ipotizzò che all'improvviso non morisse più nessuno... un vero immane disastro...

federico | 01/08/2011 ore 21:58:08

 

Adriana, secondo me Don Diego si chiama Giorgio.....non mi chiedere perchè, è una sensazione.Oggi pomeriggio ho scritto un post....al momento dell'inserimento è andata via la linea....l'ho riscritto....stessa fine. Riproverò dopo...ma che seccatura però! E' possibile che non ci sia un modo per non far andare tutto all'aria in caso di guasto alla linea? Una sorta di autosave.....è un chiodo che ribatto per l'ennesima volta ma nulla succede.....Marco non ci sarà.

Csilla | 01/08/2011 ore 21:57:51

 

ma forse quel vocabolo "indecente" non è usato qui nell'accezione che comunemente se ne dà, cioè, non è espresso in quello che de Saussure chiama "langue",ma attiene al "language" dello scrittore venendo caricato di altra valenza; non credo sia usato nel senso di "indecorosa" ma piuttosto che non decet, non si addice, non è "in linea" con il vissuto o la storia della persona, cosa che a volte succede....Nel caso del bagnante inutilmente soccorso, ci sono dei particolari inquietanti, la telecamera che gira, l'apprensione "morbosa" della gente attorno, tutti particolari che non possono "decere" all'involontario protagonista, sottraendogli il pudore non foss'altro della sua paura così consegnata all'indifferente curiosità di estranei...Poi R.A. conclude comunque che è la morte stessa ad essere indecente, sempre in un senso più ampio secondo me, perchè pur essendo un evento "naturale" è però profondamente non connaturato alla mente, alla psiche dell'uomo, almeno nella nostra società occidentale.E' il destino dell'uomo essere chiamato(l'espressione è di una mia cara amica che ha perso il marito) ad accettare l'inaccettabile.E' questo forse che porta all'affermazione "non decet".

rosita | 01/08/2011 ore 21:02:42

 

Sono perfettamente d'accordo con te,Lina....
Grazie ancora e Buone Vacanze a te.
A presto

E lascialo perdere Federico al quale finirò per chiedere se è lui Don Diego, della Valle o de la Vega?...non me lo ricordo mai!

adriana | 01/08/2011 ore 19:27:44

 

Grazie Adriana! Sei davvero uno spirito molto gentile e devo dire che il "guardarsi" dalle emorragie rappresentative è sempre un bene.Forse se fossimo solo esseri razionali lo capiremmo perfettamente.Non amo tanto le rappresentazioni ma so che sono utili, non amo l'usanza barbara di battere le mani alla vista del feretro ma intuisco che sia utile.Trovo del tutto inutile l'attività censoria di Federico;)Non siamo noi a decidere sulla decenza della vita altrui.Ho visto morire parecchie persone in maniera indecente nonostante esse avessero vissuto degnamente,di conseguenza non ritengo applicabile il concetto stesso di giustizia,o di bon ton, alla vita e alla morte, infine mi consolerebbe molto l'idea che i miei morti non si siano accorti del nulla, la reputo poca cosa al fatto che della loro sofferenza me ne sia accorta io.Oh quante parole oggi ho scritto, meglio rientrare nel mio canone!Buone vacanze.

lina | 01/08/2011 ore 19:06:16

 

Penultim'ora
Spero che tu mi possa leggere.
Quando scrivi di cose del genere,Roberto,io mi preoccupo per te e per le persone come te.
Vedi,il nostro incontro con la morte è come il richiamo di un vaccino che a volte provoca febbre momentanea e reazioni di difesa da parte dell'organismo.
La prima dose di vaccino si inocula automaticamente al primo Lutto importante ed inaffrontabile della vita,per molti avvenuto in giovane età,quando si crede alla pillola dell'immortalità. E ad ogni richiamo,ricordiamo una caratteristica della dose iniziale,spaventosa,assurda,scippata...indecente.
La morte non è indecente,è la morte e basta;e chi muore non si accorge di nulla,te lo posso garantire io.Siamo noi vivi che cerchiamo aggettivi che facciano da esorcismo per offenderla così da non accoglierla.
Il signore di 74 anni,probabilmente aveva avuto proibito di fare il bagno o perchè non sapeva nuotare bene o perchè aveva mangiato o perchè cardiopatico (la schiuma rosella uscita dai polmoni fa pensare all'edema polmonare) e facendo il bagno aveva nient'altro che risposto all'ultimo appello personale della sua vita.
Ho visto morire così tante persone da rendermi conto che,alla fine, non è alla sua indecenza che dobbiamo guardare o da cui farci toccare ma dalla serena commozione della scritta...
THE END

adriana | 01/08/2011 ore 17:29:38

 

indecente è anche la vita di tanti che sembra non debbano morire mai...

federico | 01/08/2011 ore 16:49:20

 

Ho conosciuto Nadia Fusini qualche hanno fa, invitata nella mia città nell’ambito di un convegno sul femminile. Condivido il tuo apprezzamento, Antonio. Il suo raccontare è avvincente come il suo scrivere. A tratti travolgente. Si diceva che la morte fa parte della vita. E, se la vita ha un senso, forse questo cambia se cambiamo vertici di osservazione, se cambiamo prospettive. Così, anche porre fine alla vita può avere un senso, magari liberatorio. “Verrà la morte e avrà i tuoi occhi, sarà come smettere un vizio …” recitava Pavese. Poi c’è chi la morte l’ha quasi sperimentata. E l’ha trovata indecente. Che poi, si dice che quando ti ha azzannato e mollato, ti lascia malconcio un bel po’. Ma ti fa apprezzare di più la vita con le sue cose serie, con quelle semiserie e anche con quelle futili. E ti viene voglia di non sprecare un solo istante. E quando senti tragedie come quelle che continuamente succedono, come a Lampedusa, in medio Oriente, in Afganistan … insomma … nel mondo intero, ti senti impotente e sconfitto. Da lei. Dalla morte indecente a cui la stupidità umana spesso offre una grossa mano.

Gilda | 01/08/2011 ore 16:22:33

 

Lina,sei un regalo inaspettato,lo sai?
Contavo,in seguito,di scriverti per smontare ridendoci sopra le parole che avevi usato su di me! Sei arrivata prima tu..che non mi conosci,che non sai che niente mi offende perché l'unica che riesce ad offendermi sono io stessa.In questo ,implacabile!
Se sapessi cosa mi ha turbato del tuo messaggio mi prenderesti per scema...ma te lo dico (chi mi conosce l'avrà capito già):è la non esattezza dei termini...Io avrei usato:
Verbosa e Plateale!
Ho voglia di abbracciare anche te perchè scrivendomi hai dimostrato di essere una grande donna!Non scomparire,per favore

adriana | 01/08/2011 ore 15:38:10

 

@Adriana:non vorrei che quel logorroico e scenografico, che ti ho affibbiato giorni fa, diventasse una etichetta. Forse ho sbagliato nell' usare quel tipo di terminologia per definirti, dimenticandomi che nell'etere usiamo a volte con estrema leggerezza le nostre parole.Non tener conto delle mie dunque, ciao.

La morte è solo uno specchio rovesciato della vita,non può che coglierne l'indecenza,l'assurdità, il non sense.

lina | 01/08/2011 ore 15:25:10

 

No,Paola ti chiedevo notizie sui bambini che arrivano e se ti consta quella notizia di cui parlo nel post precedente
Per il resto hai ragione.Penso chele morti rubate come quelle di queste 25 creature,sono più che indecenti sono oscene!

adriana | 01/08/2011 ore 14:55:13

 

La morte può essere indecente. Oggi ho visto la foto dell’auto su cui viaggiava Albert Camus distrutta dall’impatto con un albero. Incidente stradale, s’è detto finora. Adesso spunta il Kgb: sarebbe stato assassinato. Ma non è questo il punto. Mi domando: com’è stata la morte di Camus? Vengono in mente alcuni aggettivi: ingiusta, spietata, disumana, crudele. Uno scrittore geniale strappato alla vita a quarantasei anni! Una rapina: ci pensate a quanto ancora poteva dare a noi e alle prossime generazioni? Non solo un vuoto fisico, un vuoto nei sentimenti e nei pensieri di chi gli era vicino o semplicemente conosceva lui e la sua opera, ma anche un danno irreparabile.
Ho finito di leggere la biografia di Virginia Woolf scritta dalla grande Nadia Fusini. Più che una biografia è la storia di un’anima. Il titolo è: “Possiedo la mia anima”, tratto da un pensiero dell’inarrivabile Virginia. Da oggi inizio a rileggerla. Della morte per suicidio della scrittrice inglese Nadia dice che lei negli ultimi mesi di vita “costrinse i suoi cari all’ultimo passo: dovevano accettare che morisse. Perché ora lei era giunta a comprendere che quello era il bene. Era il suo giudizio, per lei la morte era la cura. Avrebbero capito”. Sorprendente: la morte può essere una cura, un bene; e quanto vero!

Antonio Carollo | 01/08/2011 ore 14:37:44

 

In poche ore la notizia di 25 ragazzi morti, su repubblica on line passa dal 3° al 6° posto. Stasera non ci sarà già più.
25 ragazzi morti.

Paola | 01/08/2011 ore 14:24:28

 

Adriana: vuoi sapere \che fine fanno i migranti che si salvano approdando a Lampedusa?
Ti consiglio qualche sito: [LINK]
http://www.meltingpot.org/articolo16820.html
http://corriereimmigrazione.blogspot.com/2011/07/libia-asilo-negato-migranti-di-paesi.html
La rete è piena di verità, basta cercarla

Paola | 01/08/2011 ore 14:03:47

 

@Adriana:La sfera mnesica l’ho in parte recuperata (non dimenticare che lavoro con bambini), quella che ogni tanto va in crisi è la sfera della letto-scrittura e ritorna la disortografia. Pazienza!
Di fronte alla morte, va benissimo così.
Di fronte alla morte per asfissia di 25 ragazzi, va bene da vergognarsi.
Di fronte agli anziani che muoiono soli o circondati da estranei più o meno curiosi, mi viene questa:

Vecchio
sul marciapiede
davanti a me silente cammini,
la spesa nella mano.

Vanno lentamente
le logore scarpe,
il fondo dei pantaloni sfilato,
la piega senza affetto.

Chissà per quale padre e quale figlio
batterà nel petto
il tuo ultimo sentire,
vecchio.

Considerazioni fatte anni fa.
La morte è indecente, certo. E non so, forse è ancora più indecente se si pensa che fa parte della vita stessa

Gilda | 01/08/2011 ore 12:12:15

 

Paola,è terribile,mentre scrivevo,hai mandata la notizia quindi non ti ho potuto leggere prima.
E i bambini come stanno?.Da tempo volevo chiederti che percorsi seguono dopo lo sbarco queste creature...questo perchè in uno dei momenti di acme lessi una notizia fugacissima della quale non trovai più traccia:ovvero che uno di questi bambini era stato adottato temporaneamente ed in tempo reale da una giornalista lì a Lampedusa dopo lo sbarco.
Ne ho cercato conferme,anche se la notizia con tanto di foto l'avevo trovata su Repubblica,al Malaussène,dove si organizzavano aiuti per i profughi.mi ero proposta per aiuto anch'io,ma neanche come medico ma anche per passare il mocio a terra,ma non mi hanno interpellata.Uno dei ragazzi con cui ero in contatto mi disse che si era informato per
me ma non si sapeva niente nella grande confusione.
Mi era sembrata una buona idea concreta da lanciare,questa dei bambini, per dare una mano.
Spero in una tua risposta;
Ciao

adriana | 01/08/2011 ore 11:39:06

 

Oh Gilda!ma la sai a memoria la canzoncina?...complimenti
la sfera mnesica ti funziona bene...io mi ricordo a mala pena l'Inno nazionale...a proposito,avrete notato la forzatura tragicomica dell'inno cantato dalla nostra nazionale..."stringiami a CORTE " Pare scritto da Machiavelli e non da Mameli.
Mi viene in mente che a maggio,credo,sono andata a vedere Cazzullo che parlava d'Unità d'Italia,lavoro che ha portato in giro per l'Italia.
Gratuito e poco pubblicizzato.
Forte del fatto che vi era poca gente,al Teatro Biondo,mi sono conquistata la seconda fila con prima fila vuota;
Spunta Cazzullo e si levano le note di Fratelli d'Italia e lì,con orrore, siamo costretti ad alzarci e cantare (mancava solo la mano su cuore).E' stato terribile...non perchè non ci senta italiani o perché,noi siciliani prima eravamo gattopardi snob (ed ora siamo in piena era di tristi sciacalli)ma perché credo che i sentimenti,tutti i tipi di sentimenti vadano vissuti senza costrizione nè di sorta nè di maniera.

Ma ero partita per parlare di "Der Spiegel"...come ci sono finita a Mameli?

adriana | 01/08/2011 ore 11:25:33

 

25 ragazzi trovati morti nella stiva di una carretta del mare. 25 ragazzi che fuggivano dalle bombe lanciate dall'occidente.
Buona estate a tutti, soprattutto a quelli che ce l'hanno fatta ad arrivare vivi (tra di loro anche 21 bambini).

Paola | 01/08/2011 ore 11:16:43

 

Correggo: canzoncina
Chi l'ha visto

Gilda | 01/08/2011 ore 10:04:22

 

Ciao a tutti. Grazie dei preziosi consigli per affrontare il caldo. Dato che ho smarrito il manuale delle giovani marmotte, serviranno anche a me per le mie prossime(se Dio vuole) ferie.
@ Csilla: ben tornata. A me le punture della zanzara tigre mi lasciano piccoli ematomi sparsi ovunque. Sembro una leucemica. Mi han detto di non preoccuparmi …
@Antonio: “modicum et videbitis me, modicum et non videbitis me »? Ti vogliamo vedere !!!
Penultim’ora: Tremonti è proprio … buffo! (diciamo così) Mi sembra … ricordate quelle canzoncina dello zecchino d’oro:
Chi ha rubato la marmellata? chi sarà???
ed un uovo di cioccolata?
Chi sarà?
e chi ha rotto la vetrata
con un colpo di pallon?
Chi ha scaldato la cassata con il fon?
Io non c'ero, non son stato, non son mai venuto qui
a quell'ora faccio sempre la pipì!
Ma il bassotto poliziotto scoprirà la verità,
il bassotto poliziotto scoprirà la verità.
Chi ha toccato il registratore?
Chi sarà?
Chi ha giocato in ascensore?
Chi sarà?
Chi ha legato al palloncino la cravatta di papà
che ora vola sopra tutta la città, eh?
Io davvero non son stata non mi interrogare più
a quell'ora guardo sempre la TV!
Ma il bassotto poliziotto scoprirà la verità,
il bassotto poliziotto scoprirà la verità….

Peccato che “Chi la visto” sia in vacanza. Si potrebbe lanciare un appello per trovare Jonny, il bassotto Poliziotto.

Gilda | 01/08/2011 ore 09:50:58

 

ecco l'articolo di Der Spiegel di cui parlava Antonia una decina di giorni fa [LINK]

Csilla | 01/08/2011 ore 00:19:10

 

visualizza commenti: 15 | 50 | 100 | 200


Archivio Messaggi 

:: Anno 2018 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 
:: Anno 2017 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 
:: Anno 2016 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 
:: Anno 2015 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 
:: Anno 2014 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 
:: Anno 2013 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 
:: Anno 2012 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 
:: Anno 2011 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 
:: Anno 2010 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 
:: Anno 2009 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 
:: Anno 2008 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 
:: Anno 2007 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 
:: Anno 2006 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 
:: Anno 2005 ::
Dicembre  Novembre  Ottobre  Settembre  Agosto  Luglio  Giugno  Maggio  Aprile  Marzo  Febbraio  Gennaio 

^ TORNA SU | TORNA INDIETRO | TORNA ALL'HOME


Inserisci messaggio


nome 
email 
messaggio 
antispam 
  digitare la seguente parola



^ TORNA SU | TORNA INDIETRO | TORNA ALL'HOME