Questo sito utilizza cookie personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito.
Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta l'Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie.


OK  INFORMATIVA  



Vai ai COMMENTI...

Ultimi commenti

Ricordo grandine sui basolati perlacei: brillava...
.:Rosi | @:.
.:10/12/2019 | 04:27:27:.

Infatti Rosi: qui non si chiedono pene esemplari....
.:roberto | @:.
.:06/11/2019 | 10:00:54:.

Non conosco l'uomo meraviglioso in gravi...
.:rosi | @:.
.:06/11/2019 | 09:10:23:.

intanto le elezioni si avvicinano, i toni...
.:lillo | @:.
.:24/05/2019 | 09:04:35:.

Ciao Lillo. Approfitto della risposta che...
.:Roberto Alajmo | @:.
.:21/05/2019 | 08:22:25:.

Vai ai COMMENTI...



Menu riservato:

il forum di Roberto Alajmo, scrittore





L'ANTICA SUPERSTIZIONE DEI PALI DI PALERMO

(Appunti per una prossima edizione di “Palermo è una Cipolla”).
Quando poi gli archeologi del futuro scaveranno nel sito dell'antica capitale di Sicilia, la civiltà degli anni duemila ai loro occhi apparirà enigmatica e indecifrabile come quella degli antichi etruschi o ittiti.
Si chiederanno, per esempio, per quale motivo i marciapiedi della capitale dell’Isola fossero così intensamente palificati. Dagli scavi risulterà che c’erano pali ovunque. Migliaia, milioni di pali. Nessun’altra antica città del mondo era così fittamente palificata. Addirittura si pensa che il nome stesso della città derivi da questa usanza di piantumare i marciapiedi con pertiche di metallo: Pali, Palermo.
Pali che probabilmente in origine servivano a sostenere segnaletica stradale o illuminazioni pubbliche, ma anche solo cartellonistica pubblicitaria. Secondo gli studi più avanzati molti di questi pali col passare dei secoli avevano perduto la loro funzione originaria, oppure della loro funzione si era persa la memoria.
Tuttavia la religione praticata dagli abitanti della Città attribuiva a questi pali una funzione sacrale. Difatti anche molti decenni dopo che avevano perso la loro funzione venivano lasciati sul posto e nessuno osava toccarli.
Solo per completezza si riporta qui la tesi scientificamente screditata secondo cui tutti i misteriosi pali servissero esclusivamente a incatenarci il motorino per non farselo fregare.

Condividi su:Condividi su: 
 Facebook  Twitter  Myspace  Google  Delicious  Digg  Linkedin  Reddit
Ok Notizie  Blinklist  Zic Zac  Technorati  Live  Yahoo  Segnalo  Up News

Roberto Alajmo | 09/08/2019

Letto [1070] volte | permaLINK | PENULTIM'ORA  



  << NON CE L'HO CON TE, MA CON QUELLO ACCANTO A TE

REMIX: LA SCISSIONE DELL'ATOMO PD >>