Questo sito utilizza cookie personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito.
Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta l'Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie.


OK  INFORMATIVA  



Vai ai COMMENTI...

Ultimi commenti

Cos'era la Rinascenza?
La capacità di...

.:Rosi | @:.
.:17/01/2020 | 23:56:09:.

Ricordo grandine sui basolati perlacei: brillava...
.:Rosi | @:.
.:10/12/2019 | 04:27:27:.

Infatti Rosi: qui non si chiedono pene esemplari....
.:roberto | @:.
.:06/11/2019 | 10:00:54:.

Non conosco l'uomo meraviglioso in gravi...
.:rosi | @:.
.:06/11/2019 | 09:10:23:.

intanto le elezioni si avvicinano, i toni...
.:lillo | @:.
.:24/05/2019 | 09:04:35:.

Vai ai COMMENTI...



Menu riservato:

il forum di Roberto Alajmo, scrittore





FENOMENOLOGIA DELLA VERGOGNA PER CONTO TERZI

Esiste un sentimento complicato da spiegare, e prima ancora da ammettere. In italiano non esiste la parola per definirlo e invece, coi tempi che corrono, bisognerebbe trovarla. Chiamiamolo vergogna per conto terzi. Nella lingua tedesca, così bella per come sa sintetizzare quattro parole in una, la parola esiste: fremdschämen. In pratica, quando ti accolli la vergogna che a stretto rigor di logica non spetterebbe a te, ma tu sai che in fondo in fondo sì: un po’ è anche colpa tua.
Succede, per esempio, quando tuo figlio fa una cazzata che tracima dalla cerchia familiare, fino alla dimensione pubblica, e in quanto genitore ti senti responsabile.
Oppure quando ti innamori di una persona che dimostra di non essere all’altezza, e stenti ad ammetterlo, e intanto che elabori una exit strategy ti fai carico di fronte agli amici della vergogna che quella persona non è in condizioni di provare.
Oppure ancora: quando hai votato e sostenuto un candidato politico in cui credevi, e che sul lungo periodo si dimostra un cialtrone. E non puoi ammetterlo, quindi preferisci addossarti una percentuale del pudore che lui non è in condizioni di provare. Ti vergogni per lui, ma in fondo è di te che dovresti vergognarti.

Condividi su:Condividi su: 
 Facebook  Twitter  Myspace  Google  Delicious  Digg  Linkedin  Reddit
Ok Notizie  Blinklist  Zic Zac  Technorati  Live  Yahoo  Segnalo  Up News

Roberto Alajmo | 27/04/2019

Letto [2460] volte | permaLINK | PENULTIM'ORA  



  << VIENI FUORI, GIOVANNI

GLI ZELANTI >>