Questo sito utilizza cookie personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito.
Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta l'Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie.


OK  INFORMATIVA  



Vai ai COMMENTI...

Ultimi commenti

Certo che sì, Paola. Il mio posto non vuole...
.:Roberto Alajmo | @:.
.:08/07/2018 | 07:18:48:.

Vabbè, ma una maglietta rossa, in silenzio,...
.:Paola:.
.:07/07/2018 | 13:06:09:.

Ti ringrazio molto. Ecco il link:
...

.:Roberto Alajmo | @:.
.:21/06/2018 | 13:01:31:.

Buongiorno, io sono di Trieste, dall'altra...
.:Massimiliano | @:.
.:21/06/2018 | 09:41:04:.

Ti ringrazio, Antonino.
...

.:Roberto Alajmo | @:.
.:02/06/2018 | 00:02:23:.

Vai ai COMMENTI...



Menu riservato:

il forum di Roberto Alajmo, scrittore



Cuore di madre


ALTRE VITE CHE SONO LA MIA

(L'estate del '78 esce oggi, finalmente. Ancora un frammento della premessa che è stata tagliata all'ultimo momento)

Io, allora. Io.
Odiato pronome, per quanto sa di autobiografismo a buon mercato, vita e sogni personali spacciati per universali. La prima persona dice di chi vomita la propria esistenza sul foglio e pretende che, per il fatto stesso di venir messa nero su bianco, assuma valore erga omnes. Ecco allora una notizia: il mondo se ne frega. Di me, di te, di lui, di chiunque. Se ne frega nello specifico dei fatti miei/tuoi/suoi. Soprattutto se ne frega della veste letteraria che ciascuno decide di dare ai tranci di vita da mettere di volta in volta sul banco del mercato.
Per quanto possa travisarli e ammantarli, sempre vita vissuta è. Vita vissuta altrui: un genere letterario a cui nessuno è veramente interessato. Esistono già troppa gioia, troppi dolori, troppe vicissitudini nella vita di ciascuno, per appassionarsi pure a quelli nudi e crudi che riguardano il nostro prossimo, specie a quelli che hanno l'impudenza di adoperare il pronome di prima persona. Uno come Emmanuel Carrére, magari, può riuscire a mescolare se stesso alle storie che racconta. Ma è quasi l'unica, miracolosa eccezione. In tutti gli altri casi bisogna dare ai lettori qualcosa di più, un valore aggiunto per cui valga la pena di condividere sogni, o fare incubi, che non li riguardino personalmente.

Condividi su:Condividi su: 
 Facebook  Twitter  Myspace  Google  Delicious  Digg  Linkedin  Reddit
Ok Notizie  Blinklist  Zic Zac  Technorati  Live  Yahoo  Segnalo  Up News

Roberto Alajmo | 22/03/2018

Letto [2075] volte | permaLINK | PENULTIM'ORA  



  << IL CAPITOLO MANCANTE

SPORCARSI I PIEDI DI SABBIA >>