Questo sito utilizza cookie personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito.
Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta l'Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie.


OK  INFORMATIVA  



Vai ai COMMENTI...

Ultimi commenti

Grazie Roberto. Ancora non ho capito se č...
.:Roberto Alajmo | @:.
.:06/04/2018 | 07:47:36:.

che coraggio. Libro profondissimo, ma bello...
.:Roberto | @:.
.:05/04/2018 | 09:37:42:.

Sorrido...
...

.:Roberto Alajmo | @:.
.:01/04/2018 | 17:38:22:.

La sensazione, arrivando all'ultima pagina,...
.:yorick | @:.
.:01/04/2018 | 10:38:06:.

Continua nei prossimi giorni...
...

.:Roberto Alajmo | @:.
.:19/03/2018 | 15:59:45:.

Vai ai COMMENTI...



Menu riservato:

il forum di Roberto Alajmo, scrittore





ANDASSE FACESSE DICESSE

L’ultimo in ordine di tempo, pubblicamente, č stato Tosi, che č Tosi, e va bene: “Balotelli provocasse meno”.
Ma una volta l’ho sentito dire anche a Michele Santoro, che č un giornalista e quindi, specie essendosi nominato Servizio Pubblico, avrebbe il dovere di tutelare la grammatica: “I miei collaboratori si tenessero pronti”. Forse “tengano” gli sarŕ sembrato troppo blando.
L’esortativo “andasse”, “facesse” eccetera č invalso nell’uso comune forse provenendo dal romanesco, e ha attecchito in maniera infestante, come rucola e pomodorini nelle insalate.
L’espressione non viene neppure sentita come gergale, al pari del reiterato “piuttosto che”, ormai impossibile da estirpare.
Non per essere pedante, ma alla progressiva scomparsa dalla lingua italiana del congiuntivo, bisogna aggiungere pure questo: l’utilizzo a capocchia del poco congiuntivo che rimane.

Condividi su:Condividi su: 
 Facebook  Twitter  Myspace  Google  Delicious  Digg  Linkedin  Reddit
Ok Notizie  Blinklist  Zic Zac  Technorati  Live  Yahoo  Segnalo  Up News

Roberto Alajmo | 15/03/2018

Letto [3184] volte | permaLINK | PENULTIM'ORA  



  << REMIX: L’UNICA RIVOLUZIONE CHE ABBIAMO SAPUTO FARE

IL CAPITOLO MANCANTE >>