Questo sito utilizza cookie personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito.
Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta l'Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie.


OK  INFORMATIVA  



Vai ai COMMENTI...

Ultimi commenti

Non v'e' colore più bello della morbidezza...
.:Rosi Lesto | @:.
.:30/03/2020 | 11:58:10:.

Un ponte è un tentativo di mettere insieme...
.:Rosi | @:.
.:06/03/2020 | 10:11:21:.

Cos'era la Rinascenza?
La capacità di...

.:Rosi | @:.
.:17/01/2020 | 23:56:09:.

Ricordo grandine sui basolati perlacei: brillava...
.:Rosi | @:.
.:10/12/2019 | 04:27:27:.

Infatti Rosi: qui non si chiedono pene esemplari....
.:roberto | @:.
.:06/11/2019 | 10:00:54:.

Vai ai COMMENTI...



Menu riservato:

il forum di Roberto Alajmo, scrittore





AL LUPO, AL LUPO

Ormai s'è capito che il coronavirus è stato declassato a influenza limited edition.
Così come è successo con almeno altre cinque malattie nell'arco degli ultimi quindici anni.
Ma quante volte si può dire "pandemia", senza che questa parola perda il suo senso?
Dieci? Cento? Mille volte?
Le parole sono lame che perdono il filo facilmente, se non si adoperano con le giuste cautele.
Le parole non vanno sprecate se si vuole che tornino utili alla bisogna.
L'usura le consuma.
Come succede nella storiella di "Al lupo, al lupo", quando veramente scoppierà la peste, noi reagiremo con uno sbadiglio.

Condividi su:Condividi su: 
 Facebook  Twitter  Myspace  Google  Delicious  Digg  Linkedin  Reddit
Ok Notizie  Blinklist  Zic Zac  Technorati  Live  Yahoo  Segnalo  Up News

Roberto Alajmo | 28/02/2020

Letto [808] volte | permaLINK | PENULTIM'ORA  



  << EFFETTO EMULAZIONE

REMIX: PICCOLE APOCALISSI SENZA IMPORTANZA >>