Questo sito utilizza cookie personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito.
Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta l'Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie.


OK  INFORMATIVA  



Vai ai COMMENTI...

Ultimi commenti

Ricordo grandine sui basolati perlacei: brillava...
.:Rosi | @:.
.:10/12/2019 | 04:27:27:.

Infatti Rosi: qui non si chiedono pene esemplari....
.:roberto | @:.
.:06/11/2019 | 10:00:54:.

Non conosco l'uomo meraviglioso in gravi...
.:rosi | @:.
.:06/11/2019 | 09:10:23:.

intanto le elezioni si avvicinano, i toni...
.:lillo | @:.
.:24/05/2019 | 09:04:35:.

Ciao Lillo. Approfitto della risposta che...
.:Roberto Alajmo | @:.
.:21/05/2019 | 08:22:25:.

Vai ai COMMENTI...



Menu riservato:

il forum di Roberto Alajmo, scrittore



CUORE DI MADRE


IL SABATO DEL VILLAGGIO INTERISTA

Oggi si chiude la stagione più bella, per noi tifosi dell’Inter. Con la prima di campionato finisce quella specie di sabato del villaggio calcistico che va da giugno alla fine di agosto, quando la disillusione del precedente campionato lascia il posto a un rinnovamento smemorato e integrale delle speranze. L’estate è, per noi, una regressione all’infanzia, l’età in cui tutti i sogni sono ancora intatti.
Malgrado il disgusto con cui si è chiusa l’annata precedente, nei mesi estivi immaginiamo grandi traguardi, riversando sui nuovi giocatori un nuovo carico di aspettative.
Sappiamo tutti, ed è la malinconia di questi giorni, che a ogni sabato del villaggio fa seguito una domenica, e poi addirittura una domenica pomeriggio, il momento in cui sempre le illusioni lasciano il posto alla rassegnazione.
In questa sisifea coazione a ripetere consiste l’essenza dell’interismo.
Forse è una leggenda metropolitana, ma raccontano che qualche anno fa - alla prima di campionato, prima ancora che cominciasse il primo incontro, quando le speranze erano ancora intatte - un tifoso interista si presentò allo stadio di San Siro con un suo personalissimo striscione.
E sullo striscione c’era scritto: “ANDRÀ MEGLIO L’ANNO PROSSIMO”.

Condividi su:Condividi su: 
 Facebook  Twitter  Myspace  Google  Delicious  Digg  Linkedin  Reddit
Ok Notizie  Blinklist  Zic Zac  Technorati  Live  Yahoo  Segnalo  Up News

Roberto Alajmo | 25/08/2019

Letto [686] volte | permaLINK | PENULTIM'ORA  



  << L'INVIDIA DELLO SPECCHIO

QUEL TAVOLINO SOMIGLIA AL MONDO COME LO ABBIAMO CONOSCIUTO FINORA >>