Questo sito utilizza cookie personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito.
Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta l'Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie.


OK  INFORMATIVA  



Vai ai COMMENTI...

Ultimi commenti

Vorrei entrare a pensiero
da un'ala
in...

.:Rosi Lesto | @:.
.:20/04/2019 | 12:01:19:.

E' il tempo dei chiodi
infissi
e...

.:Rosi Lesto | @:.
.:18/04/2019 | 23:42:33:.

"La tela di Penelope"
ovvero:
Una...

.:agostella | @:.
.:16/04/2019 | 14:13:16:.

Non si può pensare di vederla Parigi, senza...
.:Rosi Lesto | @:.
.:15/04/2019 | 22:09:59:.

Il mondo puo' essersi sospeso
l'occhio...

.:Rosi Lesto | @:.
.:14/04/2019 | 10:52:34:.

Vai ai COMMENTI...



Menu riservato:

il forum di Roberto Alajmo, scrittore





TI ODIO PERCHE' MI SOMIGLI

Una domanda ricorrente: come hanno potuto gli italiani, che sono stati da sempre e in parte ancora sono un popolo di migranti, dimenticare quel che hanno passato i loro nonni e comportarsi in questa maniera con i migranti di oggi?
Forse la risposta è semplice: il nostro odio per i migranti di oggi è spiegabile proprio con il fatto che noi eravamo i migranti di ieri. Non benché, ma proprio perché.
È un meccanismo psicologico ricorrente: chi ha subito violenza da bambino, da adulto tenderà a diventare a sua volta un violentatore.
Sembrerebbe un riflesso condizionato. E non vale solo per i singoli individui. Il popolo ebraico, dopo aver subito ieri la shoah, oggi infligge sofferenza al popolo palestinese.
Non vale come assoluzione e nemmeno come attenuante. Ma forse capire è il primo passo per provare a contrastare.

Condividi su:Condividi su: 
 Facebook  Twitter  Myspace  Google  Delicious  Digg  Linkedin  Reddit
Ok Notizie  Blinklist  Zic Zac  Technorati  Live  Yahoo  Segnalo  Up News

Roberto Alajmo | 26/08/2018

Letto [3002] volte | permaLINK | PENULTIM'ORA  



  << TUTTO E IL CONTRARIO DI OTTUT

IN EFFETTI: E IL PD? >>