Questo sito utilizza cookie personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito.
Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta l'Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie.


OK  INFORMATIVA  



Vai ai COMMENTI...

Ultimi commenti

Grazie a te, grazie a Sandro Veronesi e grazie...
.:Roberto Alajmo | @:.
.:21/11/2018 | 11:39:01:.

Contenta che Milano ti abbia accolto con...
.:Manuela | @:.
.:18/11/2018 | 23:16:42:.

Grazie, Fernando. Ne approfitto per segnalare...
.:Roberto Alajmo | @:.
.:28/10/2018 | 18:35:46:.

Ciao Roberto,
primo di tutto dirti che...

.:Fernando | @:.
.:27/10/2018 | 14:29:59:.

..ci conto. Manuela...
.:Manuela | @:.
.:14/09/2018 | 23:08:28:.

Vai ai COMMENTI...



Menu riservato:

il forum di Roberto Alajmo, scrittore



Cuore di madre


PIANGIAMO NOI STESSI

Č normale l’ondata di commozione che accompagna la morte di Rita Borsellino? In vita sua non aveva mai ricoperto ruoli istituzionali, men che meno di potere. Anzi: quando ha provato a candidarsi il voto popolare l’ha sempre voluta castigare, persino all’interno dello schieramento di sinistra, quando si presentň alle primarie comunali.
Eppure in queste ore la sua morte sta sollevando uno tsunami di lacrime che difficilmente in futuro verrŕ tributato a chiunque dei suoi competitori.
Era una persona buona. Di piů: era una persona tenace che non rinunciava ad essere buona dolce e sorridente, capace di nascondere il suo carisma dietro la mitezza. Ma neanche questo basta a spiegare tanta commozione.
Forse, ecco: con la sua morte alcuni siciliani – magari non la maggioranza, ma nemmeno tanto pochi - riconoscono come definitivamente perduta l’occasione migliore che quest’Isola ha avuto per riscattarsi almeno un po’.
Erano le elezioni regionali del 2006, la lista di Rita Borsellino si chiamava “Un’Altra Storia”, e in effetti sě: poteva essere un’altra storia. Era il bivio decisivo, e abbiamo sbagliato strada. Le sliding doors ci hanno detto male.
Piangendo lei, piangiamo noi stessi.

Condividi su:Condividi su: 
 Facebook  Twitter  Myspace  Google  Delicious  Digg  Linkedin  Reddit
Ok Notizie  Blinklist  Zic Zac  Technorati  Live  Yahoo  Segnalo  Up News

Roberto Alajmo | 16/08/2018

Letto [6036] volte | permaLINK | PENULTIM'ORA  



  << IL CORAGGIO UNO SE LO PUO' DARE, SE.

SI SCHIUDE UNA PORTA TI APRE UN PORCONE 2.0 >>