Questo sito utilizza cookie personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito.
Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta l'Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie.


OK  INFORMATIVA  



Vai ai COMMENTI...

Ultimi commenti

...come l'errore che volutamente i grandi...
.:Roberto Alajmo | @:.
.:14/11/2017 | 08:38:47:.

I E io che pensavo che fosse per non suscitare...
.:Paola:.
.:13/11/2017 | 09:21:01:.

Be', anche cercare un indirizzo a Venezia...
.:Roberto Alajmo | @:.
.:06/11/2017 | 08:14:44:.

Il Costa Rica, paese in pieno sviluppo, non...
.:antonia:.
.:05/11/2017 | 15:52:37:.

Purché non valga come attenuante....
.:Roberto Alajmo | @:.
.:04/11/2017 | 09:58:47:.

Vai ai COMMENTI...



Menu riservato:

il forum di Roberto Alajmo, scrittore



LE CENERI DI PIRANDELLO


CULTURA VS TUTTO IL RESTO

In un certo senso ogni città è paragonabile a un corpo umano. Un corpo in perpetua trasformazione. Un corpo adolescente, in un certo senso. Nell’età della crescita è importante che ogni parte del corpo e della mente si sviluppi in maniera armonica, senza strappi traumatici. Immaginate se tutta la crescita a un certo punto si concentrasse sugli arti inferiori, o solo sul cervello: ne verrebbe fuori una creatura mostruosa.
Fuor di metafora, ha molto poco senso condizionare la vita culturale di un territorio a parametri diversi rispetto a quelli strettamente culturali.
Per chiarire: se non passa l’autobus, non è colpa dei fondi destinati alle biblioteche. Se una famiglia rimane senza casa, non è collegato al fatto che a cento passi da lì si svolge un concerto sinfonico. E in generale: il fatto che Palermo sia capitale italiana della cultura per il 2018 non ha niente a che vedere con i mille problemi che ogni giorno la città si trova ad affrontare.
Potrei dire che uno sviluppo culturale serve sul lungo periodo per risolvere molti di questi problemi - il fatto che la città sia sporca, per esempio, è un fatto spiccatamente culturale, e sviluppando la consapevolezza culturale il livello di sporcizia è destinato a diminuire. Ma capisco che un ragionamento di lungo periodo possa sembrare utopistico, se si tiene il naso appiccicato alle emergenze quotidiane.
Allora mettiamola così: per lo sviluppo armonico di Palermo servono le case popolari, servono gli asili nido, serve un servizio di trasporto pubblico efficiente, serve una capillare pulizia delle strade. Ma altrettanto serve un’offerta culturale di livello. Io non vorrei mai vivere in una città dove i poveri sono abbandonati a sé stessi. Ma nemmeno in una città in balia dell’ignoranza.

Condividi su:Condividi su: 
 Facebook  Twitter  Myspace  Google  Delicious  Digg  Linkedin  Reddit
Ok Notizie  Blinklist  Zic Zac  Technorati  Live  Yahoo  Segnalo  Up News

Roberto Alajmo | 29/01/2018

Letto [2748] volte | permaLINK | PENULTIM'ORA  



  << REMIX: ELOGIO DEI PROFESSIONISTI DELLA POLITICA

I TRE PRESUPPOSTI DELLA PERFETTA FELICITA' >>