Questo sito utilizza cookie personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito.
Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta l'Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie.


OK  INFORMATIVA  



Vai ai COMMENTI...

Ultimi commenti

...come l'errore che volutamente i grandi...
.:Roberto Alajmo | @:.
.:14/11/2017 | 08:38:47:.

I E io che pensavo che fosse per non suscitare...
.:Paola:.
.:13/11/2017 | 09:21:01:.

Be', anche cercare un indirizzo a Venezia...
.:Roberto Alajmo | @:.
.:06/11/2017 | 08:14:44:.

Il Costa Rica, paese in pieno sviluppo, non...
.:antonia:.
.:05/11/2017 | 15:52:37:.

Purché non valga come attenuante....
.:Roberto Alajmo | @:.
.:04/11/2017 | 09:58:47:.

Vai ai COMMENTI...



Menu riservato:

il forum di Roberto Alajmo, scrittore





GLI EFFETTI DI GOMORRA SU DI ME

A me piace Gomorra, la serie televisiva. A parte la fastidiosa controindicazione di parlare una specie di dialetto napoletano nelle due ore successive alla visione di ogni puntata, le vicissitudini di Ciru' e Genna' mi sembrano fra le cose più appassionanti che la televisione italiana abbia mai prodotto.
Detto questo, ogni volta che mi lascio prendere da qualche puntata, scatta una specie di senso di colpa perché questa rappresentazione del Male assoluto (in pratica non c'è nemmeno un personaggio positivo) nel cervello di una persona eticamente poco attrezzata potrebbe esercitare una fascinazione.
Una vecchia questione - il Don Giovanni di Mozart è un elogio della dissolutezza? - che nel mio foro personale ho disinnescato con una constatazione che discende da Nietzsche: bisogna avere il coraggio di guardare dentro l'abisso, per essere sicuri di saper resistere alla vertigine.

Condividi su:Condividi su: 
 Facebook  Twitter  Myspace  Google  Delicious  Digg  Linkedin  Reddit
Ok Notizie  Blinklist  Zic Zac  Technorati  Live  Yahoo  Segnalo  Up News

Roberto Alajmo | 13/12/2017

Letto [1253] volte | permaLINK | PENULTIM'ORA  



  << CHE CI FACEVO IO LI'?

OGNUNO HA LA PROSPETTIVA CHE SI MERITA >>