Questo sito utilizza cookie personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito.
Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta l'Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie.


OK  INFORMATIVA  



Vai ai COMMENTI...

Ultimi commenti

Hai lucidamente ragione...
.:Fara:.
.:23/09/2017 | 10:46:28:.

Bella descrizione, Antonia. Secondo me vale...
.:Roberto Alajmo | @:.
.:10/07/2017 | 16:49:31:.

Vite parallele
Ieri si è allagata la...

.:antonia:.
.:06/07/2017 | 09:32:59:.

Mi mordo la lingua, caro Salvatore......
.:Roberto Alajmo :.
.:30/06/2017 | 11:42:13:.

L'equivoco di fondo è: ma la Rai deve essere...
.:Salvatore Cusimano | @:.
.:29/06/2017 | 11:46:37:.

Vai ai COMMENTI...



Menu riservato:

il forum di Roberto Alajmo, scrittore





REMIX: LA RIVOLUZIONE MIOPE

I fuochi dell’indignazione popolare divampano in fretta e certe volte in maniera violenta, ma bruciano solo ciò che trovano a portata di sé.
È come se l’opinione pubblica italiana avesse contratto una grave forma di miopia. Ossia, tecnicamente parlando, il disturbo visivo che consiste nella difficoltà di mettere a fuoco le immagini lontane. Ecco: è come se l’indignazione popolare riuscisse a focalizzare solo gli oggetti più vicini, e su quelli sfogasse la propria rabbia.
Succede anche per i governi. Di ogni nefandezza il colpevole è sempre l'ultimo, non chi ha governato negli ultimi trent’anni.
Quando nelle periferie parigine o londinesi negli anni scorsi sono scoppiate alcune sommosse, gli abitanti dei quartieri più poveri hanno rovesciato e incendiato non le automobili dei ricchi, ma quelle dei loro vicini di casa. Allo stesso modo in Italia, quando c’è da sfogarsi è troppo complicato spingere la rivolta nei quartieri del centro; molto più semplice dare l’assalto a un campo nomadi.
L’odio si sviluppa alla perfezione quando trova sfogo appena oltre una lastra di vetro: allo sportello di un ufficio, dietro lo schermo di un computer, di là dal finestrino dell’automobile. È contro chi si trova oltre il vetro che si scatenano i peggiori istinti. Nel migliore di casi, stilando furibondi “stati” di Facebook o insultando gli altri automobilisti.
Non è una rivoluzione, questa che serpeggia da un capo all’altro del Paese. È la rabbia semplicistica di un’opinione pubblica dalla memoria labile e dalla vista troppo corta.

Condividi su:Condividi su: 
 Facebook  Twitter  Myspace  Google  Delicious  Digg  Linkedin  Reddit
Ok Notizie  Blinklist  Zic Zac  Technorati  Live  Yahoo  Segnalo  Up News

Roberto Alajmo | 12/06/2017

Letto [1201] volte | permaLINK | PENULTIM'ORA  



  << PAURA DELLA PAURA

REMIX: I MORSI DELLA GUERRA >>