Questo sito utilizza cookie personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito.
Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta l'Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie.


OK  INFORMATIVA  



Vai ai COMMENTI...

Ultimi commenti

Mi fa piacere che tu lo abbia notato: certe...
.:Roberto Alajmo | @:.
.:18/10/2017 | 16:42:27:.

Interessante il punto di vista sulla turpe...
.:yorick:.
.:18/10/2017 | 08:39:56:.

"Il preambolo dell'odiatore" č una espressione...
.:Roberto Alajmo | @:.
.:09/10/2017 | 10:15:06:.

Triste quando sono persone a cui saresti...
.:yorick | @:.
.:08/10/2017 | 17:39:16:.

"Odio ergo sum"...
.:Roberto Alajmo | @:.
.:08/10/2017 | 09:28:15:.

Vai ai COMMENTI...



Menu riservato:

il forum di Roberto Alajmo, scrittore



REPERTORIO DEI PAZZI DELLA CITTA' DI PALERMO


EPIFANIA DI EVTUŠENKO

Verso la fine degli anni Settanta, assieme ad alcuni amici andavamo sempre alla serata di gala del premio Mondello. Vorrei poter dire che eravamo diciassettenni affamati di cultura, ma la veritŕ č che eravamo diciassettenni affamati e basta: puntavamo direttamente al buffet. Giagiŕ, il figlio del giudice Lentini, fondatore del premio, ci procurava gli inviti forse proprio per sabotare la serata paterna.
Un anno lo davano a Evtušenko. Io lo sapevo perché sentivo il dovere di prepararmi un minimo, nel caso all'ingresso ci avessero fatto domande.
Proprio davanti all'hotel Palace, ci si parň di fronte lui, Evgenij Evtušenko in persona. Giŕ dalla camminata euforica si capiva che era ubriaco. Trovandomelo davanti, mi sembrň spiritoso apostrofarlo:
- Lei č il grande poeta!
E sottintendevo:
- (Guarda come si riducono certe volte, i grandi poeti).
Lui rilanciň sul piano dell'entusiasmo, addirittura abbracciandomi, parlando in un italiano almeno efficace:
- Io non sono un poeta! Tu sei un poeta!
Molti anni dopo - cominciando a scrivere libri, se non poesie, e vincendo a mia volta il Premio Mondello - mi sono cullato all'idea che quell'abbraccio si configurasse come una specie di strampalata investitura.
Era, piů probabilmente, una semplice stronzata.
Ma in ogni caso, adesso che Evtušenko č morto, un po' mi dispiace.

Condividi su:Condividi su: 
 Facebook  Twitter  Myspace  Google  Delicious  Digg  Linkedin  Reddit
Ok Notizie  Blinklist  Zic Zac  Technorati  Live  Yahoo  Segnalo  Up News

Roberto Alajmo | 03/04/2017

Letto [1615] volte | permaLINK | PENULTIM'ORA  



  << LE BRUTTE STORIE SONO BELLISSIME

REMIX: L'ARTE DI RIMANERE INDIETRO >>