Questo sito utilizza cookie personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito.
Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta l'Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie.


OK  INFORMATIVA  



Vai ai COMMENTI...

Ultimi commenti

Grazie Roberto. Ancora non ho capito se è...
.:Roberto Alajmo | @:.
.:06/04/2018 | 07:47:36:.

che coraggio. Libro profondissimo, ma bello...
.:Roberto | @:.
.:05/04/2018 | 09:37:42:.

Sorrido...
...

.:Roberto Alajmo | @:.
.:01/04/2018 | 17:38:22:.

La sensazione, arrivando all'ultima pagina,...
.:yorick | @:.
.:01/04/2018 | 10:38:06:.

Continua nei prossimi giorni...
...

.:Roberto Alajmo | @:.
.:19/03/2018 | 15:59:45:.

Vai ai COMMENTI...



Menu riservato:

il forum di Roberto Alajmo, scrittore





REMIX: E POI LE UOVA CHI ME LE FA?

Il mestiere di scrivere si nutre di rospi in gola. Ogni colpo di tosse è il sollievo di una creazione. Ma il carburante è pur sempre quello: l’infelicità.
Patricia Highsmith, che a quanto pare oggi nessuno legge più, parlava di “ferita emotiva” per indicare l’ingrediente misterioso che distingue una persona che scrive da un grande scrittore.
Anche quando la ferita si è trasformata in cicatrice continua a fare il suo lavoro di alimentazione delle storie. Tanto che chi si ritrova la cicatrice esita a sbarazzarsene.
Ecco il bivio: scriverne ed esorcizzare il dolore o tenerselo dentro e spremerlo ben bene, a costo di continuare a soffrire?
Il dilemma riecheggia la famosa storiella con cui Woody Allen chiude “Io e Annie”:
- Aiuto, mio fratello crede di essere una gallina!
- Lo faccio subito ricoverare!
- Bravo, e poi a me le uova chi me le fa?
Ecco: se sputassi il rospo, poi a me le uova chi me le farebbe?

Condividi su:Condividi su: 
 Facebook  Twitter  Myspace  Google  Delicious  Digg  Linkedin  Reddit
Ok Notizie  Blinklist  Zic Zac  Technorati  Live  Yahoo  Segnalo  Up News

Roberto Alajmo | 21/04/2017

Letto [3449] volte | permaLINK | PENULTIM'ORA  



  << REMIX: ESSERLO O NON ESSERLO

LA MUTA >>