Questo sito utilizza cookie personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito.
Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta l'Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie.


OK  INFORMATIVA  



Vai ai COMMENTI...

Ultimi commenti

Un caffč pagato per la signora!
...

.:Roberto Alajmo | @:.
.:25/11/2016 | 10:24:52:.

Ecco, ora l'ho letto, finito, "assimilato"...
.:Diamila | @:.
.:24/11/2016 | 15:56:43:.

Grazie Fara. Questo romanzo sta crescendo...
.:Roberto Alajmo | @:.
.:14/10/2016 | 12:32:15:.

E bravo! Ho letto carne mia. Sei tornato...
.:fara:.
.:14/10/2016 | 11:07:20:.

Hello!
...
.:cialis | @:.
.:13/10/2016 | 18:28:14:.

Vai ai COMMENTI...



Menu riservato:

il forum di Roberto Alajmo, scrittore





RICORSI STORICI

(Da L'arte di Annacarsi, editore Laterza)
La battaglia di Calatafimi si è combattuta in una specie di conca naturale, coi due eserciti che si scontravano a ondate. Gli schieramenti indietreggiavano, si ricompattavano e tornavano all’attacco reciproco. Avanti e indietro, avanti e indietro. Fino a quel momento l’avanzata dei Mille era stata fluida per mancanza di ostacoli militari e passività della popolazione locale. Le camicie rosse erano troppe per fare la fine che qualche anno prima avevano fatto in Campania i trecento di Carlo Pisacane, che per quanto giovani e forti erano inevitabilmente morti. E tuttavia, nella sua prima fase il tentativo garibaldino era circondato da un atteggiamento interlocutorio.
(...)
I giovani siciliani si erano disposti sulle alture circostanti con lo stesso atteggiamento di chi assisterebbe oggi a una sfida calcistica in campo neutro, giusto per godersi lo spettacolo fra due squadre entrambe ospiti. Man mano che lo scontro proseguiva, si andava palesando sempre più chiaramente la prevalenza dei garibaldini, e solo a quel punto, con la battaglia praticamente già decisa, i picciotti decisero di scendere in campo: naturalmente dalla parte del vincitore, distinguendosi nell’infierire sugli sconfitti con l’accanimento che sempre caratterizza i neofiti.

Condividi su:Condividi su: 
 Facebook  Twitter  Myspace  Google  Delicious  Digg  Linkedin  Reddit
Ok Notizie  Blinklist  Zic Zac  Technorati  Live  Yahoo  Segnalo  Up News

Roberto Alajmo | 22/07/2016

Letto [1504] volte | permaLINK | PENULTIM'ORA  



  << REMIX: BUFERA NELLA TEMPESTA: E’ GIALLO SULLA TRAGEDIA

LA CITTA' AMANTE >>