Questo sito utilizza cookie personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito.
Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta l'Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie.


OK  INFORMATIVA  



Vai ai COMMENTI...

Ultimi commenti

Salve, mi domando come si sarebbe andato...
.:Jean-Marc | @:.
.:05/06/2023 | 09:46:02:.

Grazie Barbara. Vengo poco su questo sito,...
.:Roberto Alajmo | @:.
.:25/08/2021 | 19:27:29:.

È così:
“prima o poi ci si addormenta...

.:Barbara | @:.
.:22/08/2021 | 21:45:51:.

Immaginando fortemente
ho chiesto e...

.:Rosi | @:.
.:22/12/2020 | 11:27:18:.

La paura si inerpica tra di noi, sotto le...
.:Guglielmo | @:.
.:27/10/2020 | 12:20:26:.

Vai ai COMMENTI...



Menu riservato:

il forum di Roberto Alajmo, scrittore



COPERTINA MATTO AFFOGATO


DEBOLI COI FORTI E FORTI COI MORTI

L’accanimento nei confronti del cadavere di Erich Priebke ha qualcosa di fortemente sospetto, se non proprio vile. Non è solo la ubrys di impedire la sepoltura di un nemico, che dopo Antigone pareva una barbarie solo ancestrale.
È curioso che ci si accanisca sui corpi – come avvenne per quello di Mussolini e Claretta Petacci – dopo che in vita le persone sono state tollerate, se non adorate.
Erich Priebke ha vissuto per lunghi anni in Italia, il paese dove aveva commesso le sue atrocità. E non risulta che in passato, quando era vivo, avesse subito aggressioni o soprassalti di violenza. Ora che è morto, invece, c’è chi vorrebbe fare a pezzi il cadavere.
Una casa sì, poteva averla, una tomba no.
Strano paese, questo.

Condividi su:Condividi su: 
 Facebook  Twitter  Myspace  Google  Delicious  Digg  Linkedin  Reddit
Ok Notizie  Blinklist  Zic Zac  Technorati  Live  Yahoo  Segnalo  Up News

Roberto Alajmo | 17/10/2013

Letto [2148] volte | permaLINK | PENULTIM'ORA  



  << LA SECONDA CHE HO DETTO

QUANDO HANNO RAGIONE, HANNO RAGIONE >>