Questo sito utilizza cookie personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito.
Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta l'Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie.


OK  INFORMATIVA  



Vai ai COMMENTI...

Ultimi commenti

Grazie Barbara. Vengo poco su questo sito,...
.:Roberto Alajmo | @:.
.:25/08/2021 | 19:27:29:.

È così:
“prima o poi ci si addormenta...

.:Barbara | @:.
.:22/08/2021 | 21:45:51:.

Immaginando fortemente
ho chiesto e...

.:Rosi | @:.
.:22/12/2020 | 11:27:18:.

La paura si inerpica tra di noi, sotto le...
.:Guglielmo | @:.
.:27/10/2020 | 12:20:26:.

Si', oggi il mondo è pieno di poeti che scrivono....
.:Rosi | @:.
.:27/09/2020 | 18:52:51:.

Vai ai COMMENTI...



Menu riservato:

il forum di Roberto Alajmo, scrittore





INNOCENTI EVASIONI

La Guardia di Finanza lancia l'allarme: 3,3 miliardi di tasse evase nel giro di pochi mesi. E per una frazione di secondo l’opinione pubblica è portata a indignarsi.
Ma è solo un attimo, perché riflettendoci sopra: dov’è lo scandalo? Dov’è la novità?
Da molti anni, e in crescendo, tutto il carattere nazionale si è identificato con l’arte d’arrangiarsi, e massimamente in campo fiscale, dove da sempre l’evasione è stato un rischio calcolato, sanabile, di sicuro compatibile col prestigio sociale, come dimostra il recente caso del tesoretto di casa Agnelli.
Lo stesso Presidente del Consiglio non molto tempo fa si era incaricato di sdoganare la frode fiscale: “quando le tasse sono troppo alte…”.
Detto da lui suona come precetto, più che consiglio.

Condividi su:Condividi su: 
 Facebook  Twitter  Myspace  Google  Delicious  Digg  Linkedin  Reddit
Ok Notizie  Blinklist  Zic Zac  Technorati  Live  Yahoo  Segnalo  Up News

Roberto Alajmo | 19/08/2009

Letto [3029] volte | permaLINK | PENULTIM'ORA  



  << A PENSAR MALE SI FA PECCATO, MA...

HONNI SOIT QUI MAL Y PENSE >>