Questo sito utilizza cookie personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito.
Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta l'Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie.


OK  INFORMATIVA  



Vai ai COMMENTI...

Ultimi commenti

Grazie Barbara. Vengo poco su questo sito,...
.:Roberto Alajmo | @:.
.:25/08/2021 | 19:27:29:.

È così:
“prima o poi ci si addormenta...

.:Barbara | @:.
.:22/08/2021 | 21:45:51:.

Immaginando fortemente
ho chiesto e...

.:Rosi | @:.
.:22/12/2020 | 11:27:18:.

La paura si inerpica tra di noi, sotto le...
.:Guglielmo | @:.
.:27/10/2020 | 12:20:26:.

Si', oggi il mondo è pieno di poeti che scrivono....
.:Rosi | @:.
.:27/09/2020 | 18:52:51:.

Vai ai COMMENTI...



Menu riservato:

il forum di Roberto Alajmo, scrittore





La Gelmini non sa.

La Gelmini fa tristezza comunque. Anzi rabbia. Rabbia perché è mai possibile che continuiamo ad accettare che ci governino personaggi così inadeguati? La Gelmini non sa niente di storia della scuola e dell’educazione. Basti pensare che sostiene di aver inventato lei per prima l’educazione motoria nelle scuole. Passi che non conosca l’epoca fascista (è piccolina, poverella…”) ma non è arrivata a leggersi nemmeno i famosissimi programmi del 1985, dove erano previste due ore settimanali di educazione motoria , disciplinate da finalità generali, obiettivi specifici e attività da svolgere nell’arco dei cinque anni. E’ vero che non era richiesta una preparazione universitaria, ma in quegli anni erano stati istituiti dei corsi di aggiornamento obbligatori straordinari per 4 anni (oltre a quelli ordinari)tenuti da personale qualificato, in modo da adeguare gli insegnanti alle nuove programmazioni. Si può essere d’accordo (ma anche no)sul fatto che tale insegnamento vada affidato a laureati in scienze motorie… Ma allora dobbiamo essere coerenti: o va bene l’insegnante unico o non va bene… Per inciso, ho visto classi terze, nelle fatidiche quanto ritenute inutili ore di compresenza, fare veri e propri lavori di ricerca storica sul campo, portando a scuola pagelle di padri, nonni, bisnonni e mettere a confronto con tanto di grafici e diagrammi le varie discipline/strutture… Attività trasversali, in classi suddivise per piccoli gruppi, dove ogni e sottolineo ogni bambino trovava il modo per portare il suo contributo…
Rabbia, perché non solo non sa di organizzazione e di storia dell’istituzioni scolastica, ma non ha nemmeno quella cultura di base che si richiede ad un maturando. E non si tratta di memoria, ma di disorientamento.
Ora, io porto rispetto per tutto il genere umano e quello in difficoltà mi suscita simpatia ed empatia, ma non ammetto che persone con seri limiti mi governino.

Gilda

Condividi su:Condividi su: 
 Facebook  Twitter  Myspace  Google  Delicious  Digg  Linkedin  Reddit
Ok Notizie  Blinklist  Zic Zac  Technorati  Live  Yahoo  Segnalo  Up News

Daniela Vaccaro | 30/06/2011

Letto [4002] volte | permaLINK | CHI LEGGE, CHI SCRIVE  



  << Repertorio dei pazzi della città di Monaco

Ma ci saranno anche i Baci (della baronessa di) Carini? >>