Questo sito utilizza cookie personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito.
Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta l'Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie.


OK  INFORMATIVA  



Vai ai COMMENTI...

Ultimi commenti

Grazie a te, grazie a Sandro Veronesi e grazie...
.:Roberto Alajmo | @:.
.:21/11/2018 | 11:39:01:.

Contenta che Milano ti abbia accolto con...
.:Manuela | @:.
.:18/11/2018 | 23:16:42:.

Grazie, Fernando. Ne approfitto per segnalare...
.:Roberto Alajmo | @:.
.:28/10/2018 | 18:35:46:.

Ciao Roberto,
primo di tutto dirti che...

.:Fernando | @:.
.:27/10/2018 | 14:29:59:.

..ci conto. Manuela...
.:Manuela | @:.
.:14/09/2018 | 23:08:28:.

Vai ai COMMENTI...



Menu riservato:

il forum di Roberto Alajmo, scrittore





LA TEORIA DEL COMPLOTTO

(Da Giudizio Universale, febbraio 2007) Ogni anno, da qualche anno, Guanda pubblica un suo Almanacco. Lultimo, curato da Ranieri Polese, dedicato alle teorie del complotto, e raccoglie contributi sul tema di autori vari, da Karl Popper a Umberto Eco, passando da molti altri nemmeno minori. Citando i protocolli dei savi di Sion e le varie tesi che ruotano attorno all11 settembre, la tesi di fondo, volendo semplificare, che i complotti quasi sempre non esistono, ma anche quando non esistono, producono complotti. Uno di quei volumi che cominci a leggere pensando: ne pilucco un po, tralasciando quel che non mi interessa; e poi invece leggi quasi tutto. Man mano che leggevo, per, mi sono venuti dei pensieri. Una domanda, sopra tutte: come mai nel volume non ci sono contributi di scrittori palermitani? Non che lo dica pro domo mea, visto che io vivo a Palermo. Solo che Palermo la sede sociale di Cosa Nostra, e attorno ai legami fra lo Stato e Cosa Nostra ruotano alcuni dei massimi misteri della storia italiana. Eppure, niente palermitani, se si eccettua Riotta, che per vive altrove e si occupa d'altro. C' Cappellani, vero, ma catanese e quindi non conta. Mi chiedo: come mai questa omissione? Riflettendoci su, una spiegazione mi pare di averla trovata. Ranieri Polese lavora al Corriere della Sera, e si sa chi c' dietro l'editore di quel quotidiano. Non difficile immaginare che gli interessi della grande industria del nord si siano saldati con quelli di un editore emiliano, quindi dichiaratamente comunista, come Guanda, e in questo porto delle nebbie sia finita la verit su un tema scottante come gli intrecci fra mafia e politica. Inoltre, io non conosco personalmente Ranieri Polese, ma probabilmente ebreo. O musulmano. O entrambe le cose. Non me ne meraviglierei, e questo sarebbe la conferma definitiva di tutti i miei sospetti. Insomma, mi pare chiaro che ci troviamo di fronte a un... Ok, ok, lasciamo perdere.

Condividi su:Condividi su: 
 Facebook  Twitter  Myspace  Google  Delicious  Digg  Linkedin  Reddit
Ok Notizie  Blinklist  Zic Zac  Technorati  Live  Yahoo  Segnalo  Up News

Roberto Alajmo | 12/03/2008

Letto [7060] volte | permaLINK | RECENSIONI  



  << LAVORATORI DI TUTTO IL MONDO, RIDETE

DA  >>