Questo sito utilizza cookie personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito.
Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta l'Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie.


OK  INFORMATIVA  



Vai ai COMMENTI...

Ultimi commenti

Si', oggi il mondo è pieno di poeti che scrivono....
.:Rosi | @:.
.:27/09/2020 | 18:52:51:.

Un sorriso e un grazie per te, Rosi....
.:Roberto Alajmo | @:.
.:15/08/2020 | 10:46:47:.

"L’orizzonte marino è un orizzonte liquido...
.:Rosi | @:.
.:06/08/2020 | 14:26:24:.

Non v'e' colore più bello della morbidezza...
.:Rosi Lesto | @:.
.:30/03/2020 | 11:58:10:.

Un ponte è un tentativo di mettere insieme...
.:Rosi | @:.
.:06/03/2020 | 10:11:21:.

Vai ai COMMENTI...



Menu riservato:

il forum di Roberto Alajmo, scrittore



E' stato il figlio


CREDEVAMO DI ESSERE UNICI

Ad Agrigento annunciano di voler mettere in piedi un telamone frammentario.
A Gela proclamano il ritrovamento di un capitello ionico stortignaccolo, della cui autenticità alcuni esperti dubitano fortemente.
A Palermo qualcuno propone di ricostruire Villa Deliella così com'era, e intanto si inaugura una copia dello Spasimo di Raffaello conservato al Prado. E siamo alla coppia di copie, se ci mettiamo pure il rimpiazzo del Caravaggio rubato all’oratorio di San Lorenzo.
Al netto delle buone intenzioni di alcune di queste iniziative, la Cronaca rinfaccia a noi siciliani i doveri che avevamo nei confronti della Storia.
Credevamo di essere unici, e siamo diventati la copia di noi stessi.

Condividi su:Condividi su: 
 Facebook  Twitter  Myspace  Google  Delicious  Digg  Linkedin  Reddit
Ok Notizie  Blinklist  Zic Zac  Technorati  Live  Yahoo  Segnalo  Up News

Roberto Alajmo | 13/07/2020

Letto [2422] volte | permaLINK | PENULTIM'ORA  



  << L'EVOLUZIONE INVERSA

GLI ECCESSI DEL POLITICAMENTE CORRETTO >>