Questo sito utilizza cookie personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito.
Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta l'Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie.


OK  INFORMATIVA  



Vai ai COMMENTI...

Ultimi commenti

Ricordo grandine sui basolati perlacei: brillava...
.:Rosi | @:.
.:10/12/2019 | 04:27:27:.

Infatti Rosi: qui non si chiedono pene esemplari....
.:roberto | @:.
.:06/11/2019 | 10:00:54:.

Non conosco l'uomo meraviglioso in gravi...
.:rosi | @:.
.:06/11/2019 | 09:10:23:.

intanto le elezioni si avvicinano, i toni...
.:lillo | @:.
.:24/05/2019 | 09:04:35:.

Ciao Lillo. Approfitto della risposta che...
.:Roberto Alajmo | @:.
.:21/05/2019 | 08:22:25:.

Vai ai COMMENTI...



Menu riservato:

il forum di Roberto Alajmo, scrittore





ELOGIO DELL'ACCETTAZIONE

Ovvio che si impara dai libri. Quel che fino a poco tempo fa non immaginavo è che si impara anche dai propri libri. Dai libri che scrivo personalmente.
“L’Estate del 78” mi ha insegnato che fra gli opposti estremismi di rassegnazione e rivolta esiste una terza via, quella dell’accettazione.
Non è questione di fare un compromesso. E quand’anche: ho passato da tempo l’età in cui era diserzione fare compromessi con la realtà. Accettare – il dolore, l’assenza, la sconfitta – è un modo per sopravvivere e se non altro migliorare la qualità della propria infelicità: il massimo, praticamente.
Il male di vivere fa parte di me, come una cellula cancerosa dormiente. Bisogna tenerla sotto controllo, certo. Ma si trova lì da talmente tanto tempo che ho imparato a conviverci, anche grazie alla terapia autoinflitta di scrivere quel libro lì.
Bach predica preghiera e rassegnazione. Beethoven istiga l’uomo alla rivolta. Io, sommessamente, preferisco Mozart, che sorridendo fra le lacrime prescrive una forma di accettazione. Non escludere di poter migliorare le cose, ma intanto accogliere il meno peggio che esiste in ogni situazione.
(Adesso per favore cliccate [LINK] e ascoltate l’aria della Contessa nelle “Nozze di Figaro”, per meglio capire quel che sto dicendo).

Condividi su:Condividi su: 
 Facebook  Twitter  Myspace  Google  Delicious  Digg  Linkedin  Reddit
Ok Notizie  Blinklist  Zic Zac  Technorati  Live  Yahoo  Segnalo  Up News

Roberto Alajmo | 11/11/2019

Letto [489] volte | permaLINK | PENULTIM'ORA  



  << FATTO L'INGANNO, TROVATA LA LEGGE

IL TALENTO DI CONFEZIONARE PROIETTILI >>