Questo sito utilizza cookie personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito.
Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta l'Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie.


OK  INFORMATIVA  



Vai ai COMMENTI...

Ultimi commenti

intanto le elezioni si avvicinano, i toni...
.:lillo | @:.
.:24/05/2019 | 09:04:35:.

Ciao Lillo. Approfitto della risposta che...
.:Roberto Alajmo | @:.
.:21/05/2019 | 08:22:25:.

magari qualche burocrate zelante sarà intervenuto...
.:lillo | @:.
.:20/05/2019 | 18:05:10:.

Vorrei entrare a pensiero
da un'ala
in...

.:Rosi Lesto | @:.
.:20/04/2019 | 12:01:19:.

E' il tempo dei chiodi
infissi
e...

.:Rosi Lesto | @:.
.:18/04/2019 | 23:42:33:.

Vai ai COMMENTI...



Menu riservato:

il forum di Roberto Alajmo, scrittore





AUTOLAVAGGIO

“Leonardo martoriato in casa a 20 mesi”, dalla madre neanche una lacrima.
Il titolo del Corriere.it si riferisce all’uccisione di un bambino da parte della madre e del suo compagno.
Ma a leggerla così, le due parti del titolo sembrano pesare alla stessa maniera. Grave è che l’abbiano massacrato, e altrettanto grave che la madre poi non abbia pianto.
È un tipico retaggio italiano che trasuda cattolicesimo: l’idea che se adesso lei piangesse, il peccato di avere ucciso il figlio potrebbe esserle perdonato almeno in parte. Che col pentimento possa comunque arrivare una forma almeno parziale di assoluzione.
Mettendo sullo stesso piano di due fatti, l’infanticidio e il mancato pentimento, non solo si enfatizza il pentimento, ma soprattutto si ottiene il risultato di derubricare l’infanticidio.
Bello sarebbe vivere in un paese dove massacrare un bambino è un pubblico reato, e pentirsene o meno rimane una questione privata.

Condividi su:Condividi su: 
 Facebook  Twitter  Myspace  Google  Delicious  Digg  Linkedin  Reddit
Ok Notizie  Blinklist  Zic Zac  Technorati  Live  Yahoo  Segnalo  Up News

Roberto Alajmo | 26/05/2019

Letto [774] volte | permaLINK | PENULTIM'ORA  



  << IL PARADOSSO DEL LETTORE DI SALVINI

SCORDAMMOCE 'O PASSATO >>