Questo sito utilizza cookie personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito.
Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta l'Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie.


OK  INFORMATIVA  



Vai ai COMMENTI...

Ultimi commenti

Vorrei entrare a pensiero
da un'ala
in...

.:Rosi Lesto | @:.
.:20/04/2019 | 12:01:19:.

E' il tempo dei chiodi
infissi
e...

.:Rosi Lesto | @:.
.:18/04/2019 | 23:42:33:.

"La tela di Penelope"
ovvero:
Una...

.:agostella | @:.
.:16/04/2019 | 14:13:16:.

Non si può pensare di vederla Parigi, senza...
.:Rosi Lesto | @:.
.:15/04/2019 | 22:09:59:.

Il mondo puo' essersi sospeso
l'occhio...

.:Rosi Lesto | @:.
.:14/04/2019 | 10:52:34:.

Vai ai COMMENTI...



Menu riservato:

il forum di Roberto Alajmo, scrittore





L'ECCEZIONE TRAPANESE

In tempi di carestia, la speranza è una pianta grassa, capace di alimentarsi con pochissimo. Un cactus che vegeta anche in assenza d'acqua.
Nell'ultima tornata elettorale la speranza alligna a Trapani, dove il candidato del centrosinistra vince con oltre il 70 per cento.
Cosa può essere successo?
Tranchida magari è un fuoriclasse. Oppure i concorrenti erano davvero scrausi.
Oppure, oppure.
Oppure, per una serie di circostanze fortuite, la sinistra si è presentata con un candidato unitario, l'unità ha funzionato da moltiplicatore dei consensi, e Tranchida ha vinto in una consolidata roccaforte del centrodestra.
A Siracusa, per dire, i candidati di sinistra erano tre, l'un contro l'altro armati.
Uniti si può vincere. Una constatazione forse troppo semplicistica, per gli scienziati del centrosinistra.

Condividi su:Condividi su: 
 Facebook  Twitter  Myspace  Google  Delicious  Digg  Linkedin  Reddit
Ok Notizie  Blinklist  Zic Zac  Technorati  Live  Yahoo  Segnalo  Up News

Roberto Alajmo | 12/06/2018

Letto [2270] volte | permaLINK | PENULTIM'ORA  



  << REMIX: LE ALTRE VITE CHE HO TRALASCIATO

LE PERSONE SONO PIETRE >>