Questo sito utilizza cookie personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito.
Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta l'Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie.


OK  INFORMATIVA  



Vai ai COMMENTI...

Ultimi commenti

...come l'errore che volutamente i grandi...
.:Roberto Alajmo | @:.
.:14/11/2017 | 08:38:47:.

I E io che pensavo che fosse per non suscitare...
.:Paola:.
.:13/11/2017 | 09:21:01:.

Be', anche cercare un indirizzo a Venezia...
.:Roberto Alajmo | @:.
.:06/11/2017 | 08:14:44:.

Il Costa Rica, paese in pieno sviluppo, non...
.:antonia:.
.:05/11/2017 | 15:52:37:.

Purché non valga come attenuante....
.:Roberto Alajmo | @:.
.:04/11/2017 | 09:58:47:.

Vai ai COMMENTI...



Menu riservato:

il forum di Roberto Alajmo, scrittore





I TRE PRESUPPOSTI DELLA PERFETTA FELICITA'

Quella ricerca della felicità che gli americani hanno piazzato persino nella loro carta costituzionale rappresenta in effetti il tema centrale, quello a cui riconducono tutti gli affanni dell'esistenza.
Per conseguire una perfetta felicità, secondo Flaubert servono tre presupposti: essere imbecilli, essere egoisti e godere di buona salute.
Se mi metto una mano sul cuore e una sul cervello mi trasformo in una slot machine dove nel corso del tempo sono sempre venuti fuori due requisiti su tre, a rotazione, senza che mai sia riuscito a tenerne fermo almeno uno. In questo modo le combinazioni possibili sono sempre troppe, oppure si vede che sono sfortunato: sta di fatto che la concomitanza delle tre ruote è difficilissima da ottenere.
Per dire: oggi che ho mal di schiena è una delle volte che in vita mia mi sono avvicinato di più a una condizione di perfetta felicità.

Condividi su:Condividi su: 
 Facebook  Twitter  Myspace  Google  Delicious  Digg  Linkedin  Reddit
Ok Notizie  Blinklist  Zic Zac  Technorati  Live  Yahoo  Segnalo  Up News

Roberto Alajmo | 03/02/2018

Letto [1707] volte | permaLINK | PENULTIM'ORA  



  << CULTURA VS TUTTO IL RESTO

REMIX: NON FOTOGRAFO, QUINDI SONO >>