Questo sito utilizza cookie personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito.
Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta l'Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie.


OK  INFORMATIVA  



Vai ai COMMENTI...

Ultimi commenti

...come l'errore che volutamente i grandi...
.:Roberto Alajmo | @:.
.:14/11/2017 | 08:38:47:.

I E io che pensavo che fosse per non suscitare...
.:Paola:.
.:13/11/2017 | 09:21:01:.

Be', anche cercare un indirizzo a Venezia...
.:Roberto Alajmo | @:.
.:06/11/2017 | 08:14:44:.

Il Costa Rica, paese in pieno sviluppo, non...
.:antonia:.
.:05/11/2017 | 15:52:37:.

Purché non valga come attenuante....
.:Roberto Alajmo | @:.
.:04/11/2017 | 09:58:47:.

Vai ai COMMENTI...



Menu riservato:

il forum di Roberto Alajmo, scrittore



REPERTORIO DEI PAZZI DELLA CITTA' DI PALERMO


REMIX: LASCIATEMI FINIRE

Non so se qualcun altro lo ha notato: in una conversazione che coinvolga più di sei persone quasi nessuno chiude mai una frase di senso compiuto.
Non chiude nel senso che non gli è dato di chiudere. Non si possono infilare tre parole di seguito senza essere interrotti da qualcuno che vuole fare una battuta, che ha già capito, che non è interessato, che conosce già la storia, che la conosce meglio, che ne conosce una migliore, che pensa di saperla raccontare meglio. Fateci caso: è raro che a tavola o in salotto a qualcuno sia consentito di raccontare una storia filata, senza che qualcuno non intervenga a spezzargli il ritmo.
Un po’ è l’impazienza dei tempi, un po’ maleducazione. Ed è un vizio tipicamente italiano: nessuno sa più rispettare i tempi di un racconto. Ogni conversazione in Italia è un quartetto d’archi dove gli esecutori si rubano lo spartito a vicenda.
Siamo un popolo di besserwisser, parola che in italiano si può tradurre più o meno “quello che crede di saperla più lunga”. Paradossalmente in Germania esiste la parola per dirlo, ma il fenomeno è meno diffuso, forse per una questione sintattica: nella lingua tedesca il verbo è piazzato alla fine della frase, e per sapere di cosa sta parlando il proprio interlocutore bisogna avere almeno la pazienza di lasciarlo finire.

Condividi su:Condividi su: 
 Facebook  Twitter  Myspace  Google  Delicious  Digg  Linkedin  Reddit
Ok Notizie  Blinklist  Zic Zac  Technorati  Live  Yahoo  Segnalo  Up News

Roberto Alajmo | 13/01/2018

Letto [1382] volte | permaLINK | PENULTIM'ORA  



  << L'EVOLUZIONE DEL CRETINO

REMIX: L'ANIMA, O ALTRO ORGANO SENSIBILE >>