Questo sito utilizza cookie personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito.
Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta l'Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie.


OK  INFORMATIVA  



Vai ai COMMENTI...

Ultimi commenti

Caro Paolo, prendilo come un invito a tornare...
.:Roberto:.
.:18/05/2018 | 12:09:18:.

Sono stato nella Sicilia sud-orientale nella...
.:Paolo Ciappi | @:.
.:16/05/2018 | 12:10:43:.

Grazie Vincenzo. Era tante, in quegli anni....
.:Roberto:.
.:04/05/2018 | 05:13:05:.

Ciao Roberto, ho finito ieri di leggere il...
.:Vincenzo | @:.
.:02/05/2018 | 20:36:17:.

Nadia, non ti dico niente. Ma idealmente...
.:Roberto Alajmo | @:.
.:28/04/2018 | 23:20:54:.

Vai ai COMMENTI...



Menu riservato:

il forum di Roberto Alajmo, scrittore





L'ULTIMO VALZER

Badate che Gianfranco Micciché, dal suo punto di vista, non sbaglia a togliere il tetto agli stipendi dei privilegiati regionali.
Sottolineo: dal suo punto vista. Si chiama Customer Care e consiste nel fornire alla propria clientela la migliore assistenza possibile, col risultato di fidelizzarla al massimo.
Pensateci bene: a Micciché chi l’ha votato? Gli anticasta? I fautori del livellamento sociale? Per niente. Non è il voto d’opinione, quello a cui punta Miccichè con la sua prima uscita da presidente dell’Assemblea regionale siciliana, perché non è un voto d’opinione, quello che lo ha fatto eleggere.
Parla alle sue truppe, in una lingua che i suoi capiscono. Gli sta dicendo: continuate a suonare, facciamoci quest’ultimo giro di valzer. Poi affonderemo, ma almeno ce la saremo goduta.

Condividi su:Condividi su: 
 Facebook  Twitter  Myspace  Google  Delicious  Digg  Linkedin  Reddit
Ok Notizie  Blinklist  Zic Zac  Technorati  Live  Yahoo  Segnalo  Up News

Roberto Alajmo | 28/12/2017

Letto [2066] volte | permaLINK | PENULTIM'ORA  



  << SI SALVI CHI PUO'

REMIX: MI MANCA MOLTO >>