Questo sito utilizza cookie personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito.
Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta l'Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie.


OK  INFORMATIVA  



Vai ai COMMENTI...

Ultimi commenti

Hai lucidamente ragione...
.:Fara:.
.:23/09/2017 | 10:46:28:.

Bella descrizione, Antonia. Secondo me vale...
.:Roberto Alajmo | @:.
.:10/07/2017 | 16:49:31:.

Vite parallele
Ieri si è allagata la...

.:antonia:.
.:06/07/2017 | 09:32:59:.

Mi mordo la lingua, caro Salvatore......
.:Roberto Alajmo :.
.:30/06/2017 | 11:42:13:.

L'equivoco di fondo è: ma la Rai deve essere...
.:Salvatore Cusimano | @:.
.:29/06/2017 | 11:46:37:.

Vai ai COMMENTI...



Menu riservato:

il forum di Roberto Alajmo, scrittore





IL ROGO DELLE CERTEZZE

Prima di archiviare la morte sul rogo di Marcello Cimino, tre brevi di osservazioni.
La prima:
Scoprire che si trattava di un omicidio per motivi di gelosia ha rasserenato un po' le nostre coscienze, perché ci rassicura scoprire che il movente era riconducibile al vecchio genere di violenza, non a quello nuovo che, come tutte le cose nuove, ci fa più paura.
La seconda:
Viceversa, ci ha inquietato scoprire che si trattava di un omicidio fra italiani, e fra italiani qualsiasi. Le facce di entrambi ci somigliavano molto. Sarebbe stato più rassicurante scoprire che a concepire un delitto del genere fosse stato qualcuno di diverso, se non altro "diverso" nel senso di alterato da qualche fattore esterno. Se non un extracomunitario, almeno un giovane drogato o un neonazista sarebbero stati perfetti. Invece no: tutto molto ordinario, tanto da pensare che potrebbe capitare persino a noi di svolgere entrambi i ruoli, vittima e carnefice, indifferentemente.
La terza constatazione:
Le figlie adolescenti hanno scoperto solo così la vita da senzatetto di loro padre. Una vergogna postuma che finisce di seppellire Marcello Cimino. La scoperta, che apre un mondo per queste ragazze, lo dovrebbe aprire anche per noi. Il mondo della percezione che i figli hanno dei loro genitori.
E' vero che loro sono per noi un pianeta sconosciuto. Ma a quanto pare ancora di più noi lo siamo per loro.

Condividi su:Condividi su: 
 Facebook  Twitter  Myspace  Google  Delicious  Digg  Linkedin  Reddit
Ok Notizie  Blinklist  Zic Zac  Technorati  Live  Yahoo  Segnalo  Up News

Roberto Alajmo | 13/03/2017

Letto [1561] volte | permaLINK | PENULTIM'ORA  



  << SIAMO UOMINI

REMIX: IL DONO DEL POETA >>