Questo sito utilizza cookie personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito.
Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta l'Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie.


OK  INFORMATIVA  



Vai ai COMMENTI...

Ultimi commenti

Caro Diego, il pessimismo della ragione è...
.:Roberto Alajmo | @:.
.:03/03/2017 | 07:56:40:.

Perfetta analisi e, come sai, sogno che in...
.:Diego | @:.
.:02/03/2017 | 06:30:38:.

Grazie della stima, cara Marina. Ci tornerò...
.:Roberto Alajmo | @:.
.:02/02/2017 | 23:23:32:.

Lo sai cosa penso a volte?
Penso che...

.:Marina:.
.:02/02/2017 | 14:02:19:.

I neo-cafoni sono di più che una categoria....
.:Roberto Alajmo | @:.
.:15/12/2016 | 14:25:50:.

Vai ai COMMENTI...



Menu riservato:

il forum di Roberto Alajmo, scrittore



REPERTORIO DEI PAZZI DELLA CITTA' DI PALERMO


UNICA DIFESA, IL BAGAGLIO A MANO

"Esistono due tipi di bagaglio. Il bagaglio a mano e il bagaglio perso" (cit.)
Un piccolo segnale della fine di un mondo si trova nelle statistiche dei bagagli smarriti. Pare che nel 2006 le valigie che non arrivavano a destinazione - in Europa, ogni anno - fossero 36 milioni. Oggi sono più che raddoppiate.
Gli aeroporti sono sempre più grandi, i dipendenti sempre di meno, e non riescono a gestire una mole di bagagli crescente. Un sacco di addetti che potrebbero occuparsi dello smistamento a monte, vengono invece adoperati a valle per monitorare lo stato dei singoli smarrimenti e recapitare le valigie fino al domicilio del passeggero. Anche senza quantificare i rimborsi, si tratta di uno spreco di risorse pazzesco da parte delle compagnie aeree. Non è una magnifica metafora della modernità?
Siamo cresciuti troppo, non riusciamo a crescere più.
Anzi: dopo essere molto migliorata, la nostra vita sta peggiorando drasticamente.
L’unica difesa del passeggero è il bagaglio a mano. Ossia: limitarsi allo stretto necessario e portarselo dietro senza delegarlo a nessuno.
Il bagaglio a mano rappresenta una piccola metafora.
Indica la strada per uscire vivi dalla fine del mondo: farsi bastare meno roba.

Condividi su:Condividi su: 
 Facebook  Twitter  Myspace  Google  Delicious  Digg  Linkedin  Reddit
Ok Notizie  Blinklist  Zic Zac  Technorati  Live  Yahoo  Segnalo  Up News

Roberto Alajmo | 08/03/2017

Letto [888] volte | permaLINK | PENULTIM'ORA  



  << REMIX: NON POSSO CONTINUARE. CONTINUERO'

IL DILEMMA SICILIANO >>