Questo sito utilizza cookie personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito.
Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta l'Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie.


OK  INFORMATIVA  



Vai ai COMMENTI...

Ultimi commenti

Caro Paolo, prendilo come un invito a tornare...
.:Roberto:.
.:18/05/2018 | 12:09:18:.

Sono stato nella Sicilia sud-orientale nella...
.:Paolo Ciappi | @:.
.:16/05/2018 | 12:10:43:.

Grazie Vincenzo. Era tante, in quegli anni....
.:Roberto:.
.:04/05/2018 | 05:13:05:.

Ciao Roberto, ho finito ieri di leggere il...
.:Vincenzo | @:.
.:02/05/2018 | 20:36:17:.

Nadia, non ti dico niente. Ma idealmente...
.:Roberto Alajmo | @:.
.:28/04/2018 | 23:20:54:.

Vai ai COMMENTI...



Menu riservato:

il forum di Roberto Alajmo, scrittore





REMIX: L'APOSTOLATO DELLA SCEMENZA

Venti turisti italiani al ristorante, in Spagna.
Prendiamo una paella? Paella, sì, paella!
Arriva la paella e uno dei turisti, un signore sui sessanta che viaggia insieme alla moglie, storce il muso: Ci prendono in giro, questa non è vera paella.
Lo dice molto convinto, e spiega: Io la paella l’ho mangiata e non è così, questo è riso.
La guida spagnola fa notare che la paella è proprio questo: riso, eccetera eccetera.
Ma il signore non si fa fregare e spiega con molta competenza che in realtà la paella è diversa, ha i chicchi molto più piccoli.
La guida prova a indovinare: Forse quello era cuscus. Erano chicchi minuscoli, così e così?
Sì, risponde il signore esperto, e il fatto stesso che la guida abbia capito di cosa parlava diventa la prova della connivenza fra spagnoli in chiave anti-italiana. Ma a lui non la si fa.
La discussione dura un quarto d’ora, ma niente: il signore è molto sicuro, parla con la competenza di chi nella vita ha viaggiato molto. Gli altri commensali, con due sole eccezioni, si lasciano convincere dal suo convincimento.
La paella viene disprezzata e lasciata quasi per intero, con vivaci contestazioni al proprietario del ristorante. Non c’è verso di convincerli: gli italiani se ne vanno indignati. La guida, mortificata, si scusa col proprietario.
Morale della favola: un solo cretino, purché sia molto presuntuoso, basta a trascinarsi dietro la maggioranza delle persone.
Esercizio per casa: trovare le applicazioni della parabola nella politica italiana di questi anni.

Condividi su:Condividi su: 
 Facebook  Twitter  Myspace  Google  Delicious  Digg  Linkedin  Reddit
Ok Notizie  Blinklist  Zic Zac  Technorati  Live  Yahoo  Segnalo  Up News

Roberto Alajmo | 20/12/2017

Letto [3767] volte | permaLINK | PENULTIM'ORA  



  << OGNUNO HA LA PROSPETTIVA CHE SI MERITA

LA RIVOLTA DEI SOUVENIR >>