Questo sito utilizza cookie personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito.
Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta l'Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie.


OK  INFORMATIVA  



Vai ai COMMENTI...

Ultimi commenti

Mi fa piacere che tu lo abbia notato: certe...
.:Roberto Alajmo | @:.
.:18/10/2017 | 16:42:27:.

Interessante il punto di vista sulla turpe...
.:yorick:.
.:18/10/2017 | 08:39:56:.

"Il preambolo dell'odiatore" è una espressione...
.:Roberto Alajmo | @:.
.:09/10/2017 | 10:15:06:.

Triste quando sono persone a cui saresti...
.:yorick | @:.
.:08/10/2017 | 17:39:16:.

"Odio ergo sum"...
.:Roberto Alajmo | @:.
.:08/10/2017 | 09:28:15:.

Vai ai COMMENTI...



Menu riservato:

il forum di Roberto Alajmo, scrittore



REPERTORIO DEI PAZZI DELLA CITTA' DI PALERMO


REMIX: PARCHEGGIO A ORE

(Io questo l'avevo scritto nell'ottobre del 2012)
Forse per capire il fenomeno Cinque Stelle bisogna immaginare il Movimento come una specie di parcheggio gratuito. Un grande piazzale dove lasciare posteggiato il consenso nell’ora di punta, quando il traffico della politica sembra impazzito, aspettando di capire qualcosa di più.
Nel parcheggio gestito da Beppe Grillo c’è un settore riservato al voto d’opinione, ma è molto piccolo: specialmente in Sicilia il voto d’opinione è stato sterminato da anni. La maggior parte dei posti disponibili è riservata ai tanti che in passato avevano votato secondo l’interesse del momento, e che stavolta hanno deciso di prendersi un turno di riposo, in attesa di decidere cosa fare del proprio consenso, che era e resta estremamente volatile.
Rispetto a quello che fu Bossi, Grillo può contare, in più, su una diffusione che adesso ha conseguito proporzioni nazionali.
Ma i consensi che ha ottenuto e otterrà nel prossimo futuro sono scritti sulla sabbia. Basterà una piccola onda a cancellarli del tutto. Sono voti che hanno solo trovato una collocazione provvisoria e abbastanza comoda.
Come quei magazzini che si affittano per qualche mese allo scopo di metterci i mobili di casa e in attesa di completare il trasloco.
O come un parcheggio, appunto. Un parcheggio dove, almeno all’ingresso, non si paga la sosta.
All’uscita, si vedrà.

Condividi su:Condividi su: 
 Facebook  Twitter  Myspace  Google  Delicious  Digg  Linkedin  Reddit
Ok Notizie  Blinklist  Zic Zac  Technorati  Live  Yahoo  Segnalo  Up News

Roberto Alajmo | 04/07/2017

Letto [2862] volte | permaLINK | PENULTIM'ORA  



  << REMIX: COME RIDEVAMO

REMIX: FRONTE ANTI CAZZATE >>