Questo sito utilizza cookie personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito.
Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta l'Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie.


OK  INFORMATIVA  



Vai ai COMMENTI...

Ultimi commenti

Una dolcezza, ci tenne puri tra i respiri
Un...

.:Rosi Lesto | @:.
.:25/03/2019 | 05:06:38:.

È un miracolo, un albedo
Spezza l'infinito...

.:Rosi Lesto | @:.
.:14/03/2019 | 15:54:02:.

Non un giorno
e' accaduto, un dolore.
Eppure,...

.:Rosi Lesto | @:.
.:13/03/2019 | 18:11:05:.

Conversando un attimo con un carissimo amico...
.:Rosi Lesto | @:.
.:12/03/2019 | 18:10:44:.

Caro Roberto, che la città fosse enigmatica...
.:Riccardo | @:.
.:11/03/2019 | 11:00:37:.

Vai ai COMMENTI...



Menu riservato:

il forum di Roberto Alajmo, scrittore





REMIX: UNA SCARICA DI PIRANDELLATE

Domani, martedì 22 ottobre, prendo servizio al teatro Stabile di Palermo. Un'avventura che comincia, e vorrei avere attorno gli amici. L'appuntamento è per le nove del mattino in via Roma, davanti al teatro. Entriamo tutti assieme, artisti, spettatori, cittadini, e parliamo del futuro di questo teatro. Quel che segue l'ho scritto alcuni anni fa, e c'entra con la mia idea del teatro).
Più che sull’attualità di Pirandello, bisognerebbe interrogarsi sulla miracolosa sopravvivenza di Pirandello all’attualità. Cioè: su come ha fatto un autore, seppure grande, a sopravvivere all’uso che ne è stato fatto nei teatri italiani.
Esiste un termine – pirandellata, coniato forse da Proietti per un suo spettacolo - che rende bene l’idea del genere di operazioni contundenti che coi suoi testi teatrali sono state perpetrate dal teatro nazionale. E questo da almeno sessant’anni a questa parte, vale a dire da sempre.
Dicesi pi-randellata la messinscena declamatoria di un testo che risulti gratificante per la vanità di regista e attori e punitiva per la totalità del pubblico. Pubblico che si sente in dovere di andare a teatro e ci va per forza di inerzia, convinto più o meno consapevolmente di poter così espiare la colpa di essere borghese, colto e contemporaneo. Si va in teatro a vedere una pirandellata al solo scopo - o comunque: col solo effetto - di riceverla in testa e uscirne tramortiti ma felici per aver fatto il proprio dovere.
A questo punto delle cose, solo una moratoria dei testi teatrali pirandelliani potrebbe salvare gli stessi dal progressivo svilimento. Svilimento per consunzione. Eppure, paradossalmente, rimane intatta la carica potenziale delle sue opere.
E dunque, come se ne esce? Forse riprendendo a fare i conti con il Pirandello più trascurato, quello che la borghesia colta italiana ha voluto dimenticare per relegare le celebrazioni pirandelliane alla sola sfera teatrale. Alle pirandellate, appunto.
A forza di pirandellate sono stati dimenticati i romanzi e i racconti, le opere in cui l’intelligenza dello scrittore agrigentino si misura con quella del lettore senza mediazioni, senza ricatti pubblici o mondani. Nelle opere narrative, Pirandello è nudo di fronte all’occhio del lettore, se ne fa scrutare senza intermediazioni registiche o attoriali, senza lenti deformanti.
È qui che ciascuno potrà trovare - o non trovare, alla fin fine: ma dopo averlo cercato personalmente – il genio dell’autore che, almeno in Italia, ha saputo ragionare più implacabilmente sui rovelli dell’uomo contemporaneo.

Condividi su:Condividi su: 
 Facebook  Twitter  Myspace  Google  Delicious  Digg  Linkedin  Reddit
Ok Notizie  Blinklist  Zic Zac  Technorati  Live  Yahoo  Segnalo  Up News

Roberto Alajmo | 21/10/2013

Letto [3362] volte | permaLINK | PENULTIM'ORA  



  << QUANDO HANNO RAGIONE, HANNO RAGIONE

INVIDIOSI & ROSICONI UTD >>