Questo sito utilizza cookie personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito.
Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta l'Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie.


OK  INFORMATIVA  



Vai ai COMMENTI...

Ultimi commenti

Non v'e' colore più bello della morbidezza...
.:Rosi Lesto | @:.
.:30/03/2020 | 11:58:10:.

Un ponte è un tentativo di mettere insieme...
.:Rosi | @:.
.:06/03/2020 | 10:11:21:.

Cos'era la Rinascenza?
La capacità di...

.:Rosi | @:.
.:17/01/2020 | 23:56:09:.

Ricordo grandine sui basolati perlacei: brillava...
.:Rosi | @:.
.:10/12/2019 | 04:27:27:.

Infatti Rosi: qui non si chiedono pene esemplari....
.:roberto | @:.
.:06/11/2019 | 10:00:54:.

Vai ai COMMENTI...



Menu riservato:

il forum di Roberto Alajmo, scrittore





I LUOGHI OSCURI MIEI

C’è una storia che aspetta di essere raccontata. LA storia. Quella attorno a cui giro da quando ho deciso di fare il mestiere di scrivere. Una storia che equivale a quella raccontata da James Ellroy, ne “I miei luoghi oscuri”, attorno alla quale aveva circumnavigato per anni e anni, raccontando altre storie spesso collaterali. Ma mai quella storia.
Tanto che poi, sputato il rospo, non è mai tornato ai livelli di prima.
Certe volte penso che un po’ è per questo timore che ancora non l’ho scritta: per timore di perdere il pungiglione lasciandolo in quella carne viva, e non saper pungere più.
È una riserva di carburante che non vorrei bruciare, ma so di dover adoperare, prima o poi.
Anche perché mi rendo conto che scriverla sarebbe una liberazione.
La scriverò, questa storia.
Ma non adesso.

Condividi su:Condividi su: 
 Facebook  Twitter  Myspace  Google  Delicious  Digg  Linkedin  Reddit
Ok Notizie  Blinklist  Zic Zac  Technorati  Live  Yahoo  Segnalo  Up News

Roberto Alajmo | 26/04/2012

Letto [2381] volte | permaLINK | PENULTIM'ORA  



  << QUESTIONARIO DEMOCRATICO

TUTTA QUESTIONE DI PUNTI DI VISTA >>