Questo sito utilizza cookie personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito.
Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta l'Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie.


OK  INFORMATIVA  



Vai ai COMMENTI...

Ultimi commenti

intanto le elezioni si avvicinano, i toni...
.:lillo | @:.
.:24/05/2019 | 09:04:35:.

Ciao Lillo. Approfitto della risposta che...
.:Roberto Alajmo | @:.
.:21/05/2019 | 08:22:25:.

magari qualche burocrate zelante sarà intervenuto...
.:lillo | @:.
.:20/05/2019 | 18:05:10:.

Vorrei entrare a pensiero
da un'ala
in...

.:Rosi Lesto | @:.
.:20/04/2019 | 12:01:19:.

E' il tempo dei chiodi
infissi
e...

.:Rosi Lesto | @:.
.:18/04/2019 | 23:42:33:.

Vai ai COMMENTI...



Menu riservato:

il forum di Roberto Alajmo, scrittore





FORSE IL COLLASSO E' QUESTO

Ora che sta saltando pezzo dopo pezzo, appare molto più chiaro quel che le potenze Occidentali avevano allestito, avallato, tutelato nel Nord Africa: una diga.
Glissando sul rispetto dei diritti civili - oltretutto chissenefrega: in casa d’altri - si appaltava la costruzione di una trincea che tenesse distanti le grandi migrazioni che in altre epoche del mondo sarebbero avvenute da un pezzo.
Adesso il timore è che arrivi un’ondata di profughi da Tunisia, Egitto e Libia. Domani magari anche da Algeria e Marocco. E già questo mette in allarme l’Europa, che trema al pensiero di quelle popolazioni.
Ma il disastro di una diga non consiste nelle macerie della diga stessa. Consiste nell’acqua che la diga aveva contenuto fino ad allora.
L’inondazione vera si chiama Africa.

Condividi su:Condividi su: 
 Facebook  Twitter  Myspace  Google  Delicious  Digg  Linkedin  Reddit
Ok Notizie  Blinklist  Zic Zac  Technorati  Live  Yahoo  Segnalo  Up News

Roberto Alajmo | 27/02/2011

Letto [3003] volte | permaLINK | PENULTIM'ORA  



  << 'UN SI PIGGHIA C'UN S'ASSUMIGGHIA

CHI DISPREZZA COMPRA >>