Questo sito utilizza cookie personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito.
Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta l'Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie.


OK  INFORMATIVA  



Vai ai COMMENTI...

Ultimi commenti

intanto le elezioni si avvicinano, i toni...
.:lillo | @:.
.:24/05/2019 | 09:04:35:.

Ciao Lillo. Approfitto della risposta che...
.:Roberto Alajmo | @:.
.:21/05/2019 | 08:22:25:.

magari qualche burocrate zelante sarà intervenuto...
.:lillo | @:.
.:20/05/2019 | 18:05:10:.

Vorrei entrare a pensiero
da un'ala
in...

.:Rosi Lesto | @:.
.:20/04/2019 | 12:01:19:.

E' il tempo dei chiodi
infissi
e...

.:Rosi Lesto | @:.
.:18/04/2019 | 23:42:33:.

Vai ai COMMENTI...



Menu riservato:

il forum di Roberto Alajmo, scrittore





NON TUTTI I MALI NON VENGONO PER NUOCERE

(Dall'Unità)
È passata la stagione classica, e niente occupazioni scolastiche. Nessuno sembra essersene accorto, ma è un unicum: quest’anno è saltata la protesta studentesca. Il mondo della scuola viene tuttora animato da fermenti continui, ma è come se tutto si muovesse sotto traccia, dopo che il movimento dell’Onda è andato a infrangersi su un muro di indifferenza. Da quel momento la scuola sembra essere uscita dall’agenda politica nazionale.
Secondo i sedicenti esperti di comunicazione ciò che succede nel triangolo compreso fra insegnanti, studenti e genitori è un problema che ha stufato il grande pubblico. E in assenza di proteste eclatanti, non c’è motivo di occuparsene. Resta da spiegare perché allora Riccardo Iacona sbanca l’auditel proprio quando dedica una trasmissione alla scuola, rivelando per esempio che in Sicilia l’85 % degli edifici scolastici non è in regola con le norme di abitabilità e agibilità.
E però qualcosa significa se proprio l’anno scolastico 2009/10 sarà ricordato come il primo da tempo immemorabile senza quel rito anche un po’ stracco che era la protesta studentesca d’autunno, pronta a rientrare in vista delle vacanze di Natale e poi degli scrutini. Dopo la sconfitta subita con la riforma Gelmini, il dissenso stenta a prendere corpo. La massa degli indifferenti prevale, almeno fino a quando i nodi verranno al pettine e i tagli toccheranno il portafoglio di insegnanti e genitori.
A voler essere ottimisti, però, non è detto che quest’anomala assenza di proteste studentesche non rappresenti un fatto positivo. In fondo l’occupazione d’istituto in novembre era solo un tafferuglio, e qui servirebbe la rivoluzione. Era la valvola di sfogo momentanea che consentiva di rimettere la pentola a pressione sul fuoco senza il pericolo che scoppiasse.
Adesso qualcuno ha pure tappato la valvola: vediamo che succede.

Condividi su:Condividi su: 
 Facebook  Twitter  Myspace  Google  Delicious  Digg  Linkedin  Reddit
Ok Notizie  Blinklist  Zic Zac  Technorati  Live  Yahoo  Segnalo  Up News

Roberto Alajmo | 23/02/2010

Letto [2960] volte | permaLINK | PENULTIM'ORA  



  << MI SI NOTA DI PIU' SE MI DIMETTO O...

ECCO COS'ERA >>