Questo sito utilizza cookie personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito.
Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta l'Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie.


OK  INFORMATIVA  



Vai ai COMMENTI...

Ultimi commenti

Grazie Barbara. Vengo poco su questo sito,...
.:Roberto Alajmo | @:.
.:25/08/2021 | 19:27:29:.

È così:
“prima o poi ci si addormenta...

.:Barbara | @:.
.:22/08/2021 | 21:45:51:.

Immaginando fortemente
ho chiesto e...

.:Rosi | @:.
.:22/12/2020 | 11:27:18:.

La paura si inerpica tra di noi, sotto le...
.:Guglielmo | @:.
.:27/10/2020 | 12:20:26:.

Si', oggi il mondo è pieno di poeti che scrivono....
.:Rosi | @:.
.:27/09/2020 | 18:52:51:.

Vai ai COMMENTI...



Menu riservato:

il forum di Roberto Alajmo, scrittore





OLTRETUTTO IL TALENTO NON E' PER NIENTE DEMOCRATICO

(Un frammento del testo che ho scritto per un convegno francese sulla follia letteraria)

Siccome prevedo che questo testo sarà letto da parecchi giovani, io vorrei essere drastico: la follia non agisce in alcun modo nel processo creativo. Lo dico chiaro e tondo perché circolano ancora molti stereotipi sull’accoppiata “genio e sregolatezza”. Si da per scontato che la sregolatezza sia il carburante del genio. Ebbene: non è così. Io non conosco scrittori che alimentino il lavoro con la follia. Semmai, al contrario, si giovano del sistema, dell’ordine con cui riescono a tenere imbrigliato il loro genio, ammesso che ce l’abbiano. Il resto è un alibi: per molti artisti, il fatto di avere un anche minimo talento creativo rappresenta a posteriori la scusa per comportamenti eccentrici o asociali. Ma non c’entra. La follia, quando si parla di creatività, nella maggior parte dei casi è come le spezie in certi ristoranti mediorientali: serve a coprire la cattiva qualità delle pietanze.
Certo, ci sono delle eccezioni: Bukowski, per esempio. Ma era lui stesso il primo ad ammettere che i suoi versi, scritti mentre era ubriaco, venivano riveduti e abbondantemente corretti dopo che era tornato apposta a essere sobrio.
E comunque, qualsiasi eccezione non vale la pena. Io arrivo a prendere le distanze persino dalla cosiddetta ispirazione, così tanto sopravvalutata e oggetto di parecchi fraintendimenti artistici. Vale sempre la percentuale fissata, credo, da Hemingway: il genio è al dieci per cento ispirazione e al novanta per cento traspirazione. Ossia sudore, disciplina, applicazione quotidiana.

Condividi su:Condividi su: 
 Facebook  Twitter  Myspace  Google  Delicious  Digg  Linkedin  Reddit
Ok Notizie  Blinklist  Zic Zac  Technorati  Live  Yahoo  Segnalo  Up News

Roberto Alajmo | 06/02/2010

Letto [1864] volte | permaLINK | PENULTIM'ORA  



  << NON BACIAMOCI PIU' PER ALMENO ALTRI DIECI ANNI

ALMENO IL RAGAZZO ORA SA DOVE GLI TOCCA VIVERE >>