Questo sito utilizza cookie personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito.
Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta l'Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie.


OK  INFORMATIVA  



Vai ai COMMENTI...

Ultimi commenti

Cos'era la Rinascenza?
La capacità di...

.:Rosi | @:.
.:17/01/2020 | 23:56:09:.

Ricordo grandine sui basolati perlacei: brillava...
.:Rosi | @:.
.:10/12/2019 | 04:27:27:.

Infatti Rosi: qui non si chiedono pene esemplari....
.:roberto | @:.
.:06/11/2019 | 10:00:54:.

Non conosco l'uomo meraviglioso in gravi...
.:rosi | @:.
.:06/11/2019 | 09:10:23:.

intanto le elezioni si avvicinano, i toni...
.:lillo | @:.
.:24/05/2019 | 09:04:35:.

Vai ai COMMENTI...



Menu riservato:

il forum di Roberto Alajmo, scrittore





MI RIFIUTO DI ESSERE UN TARGET

Ancora a proposito di snobismo plebeo: “Attraverso il target, l’azienda si propone di offrire ai consumatori non tanto ciò che essi desiderano, ma ciò che essi sono, e opera affinché la loro personalità non si sviluppi… Il target è alla radice della cristallizzazione sociale e ha allargato il suo ambito di applicazione ben oltre il marketing tradizionale… Nell’editoria i principali quotidiani si sono costruiti un pubblico su misura, che riconfermano continuamente nelle opinioni che già possiede… Il risultato finale è che la società non è più abitata da gruppi di opinione ma da gruppi di impressione, formati da individui suggestionabili, conservatori e privi tra loro di relazioni sostanziali…” Tratto da Contro il target di Remo Bassetti, pubblicato da Bollati Boringhieri. Lettura illuminante.

Condividi su:Condividi su: 
 Facebook  Twitter  Myspace  Google  Delicious  Digg  Linkedin  Reddit
Ok Notizie  Blinklist  Zic Zac  Technorati  Live  Yahoo  Segnalo  Up News

Roberto Alajmo | 21/04/2008

Letto [2905] volte | permaLINK | PENULTIM'ORA  



  << LA TESTA NEL SACCO

SE "CLASSE SOCIALE" PARE BRUTTO >>