Questo sito utilizza cookie personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito.
Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta l'Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie.


OK  INFORMATIVA  



Vai ai COMMENTI...

Ultimi commenti

Infatti Rosi: qui non si chiedono pene esemplari....
.:roberto | @:.
.:06/11/2019 | 10:00:54:.

Non conosco l'uomo meraviglioso in gravi...
.:rosi | @:.
.:06/11/2019 | 09:10:23:.

intanto le elezioni si avvicinano, i toni...
.:lillo | @:.
.:24/05/2019 | 09:04:35:.

Ciao Lillo. Approfitto della risposta che...
.:Roberto Alajmo | @:.
.:21/05/2019 | 08:22:25:.

magari qualche burocrate zelante sarà intervenuto...
.:lillo | @:.
.:20/05/2019 | 18:05:10:.

Vai ai COMMENTI...



Menu riservato:

il forum di Roberto Alajmo, scrittore





LA TEORIA DEL COMPLOTTO

(Da Giudizio Universale, febbraio 2007) Ogni anno, da qualche anno, Guanda pubblica un suo Almanacco. L’ultimo, curato da Ranieri Polese, è dedicato alle teorie del complotto, e raccoglie contributi sul tema di autori vari, da Karl Popper a Umberto Eco, passando da molti altri nemmeno minori. Citando i protocolli dei savi di Sion e le varie tesi che ruotano attorno all’11 settembre, la tesi di fondo, volendo semplificare, è che i complotti quasi sempre non esistono, ma anche quando non esistono, producono complotti. Uno di quei volumi che cominci a leggere pensando: ne pilucco un po’, tralasciando quel che non mi interessa; e poi invece leggi quasi tutto. Man mano che leggevo, però, mi sono venuti dei pensieri. Una domanda, sopra tutte: come mai nel volume non ci sono contributi di scrittori palermitani? Non che lo dica pro domo mea, visto che io vivo a Palermo. Solo che Palermo è la sede sociale di Cosa Nostra, e attorno ai legami fra lo Stato e Cosa Nostra ruotano alcuni dei massimi misteri della storia italiana. Eppure, niente palermitani, se si eccettua Riotta, che però vive altrove e si occupa d'altro. C'è Cappellani, è vero, ma è catanese e quindi non conta. Mi chiedo: come mai questa omissione? Riflettendoci su, una spiegazione mi pare di averla trovata. Ranieri Polese lavora al Corriere della Sera, e si sa chi c'è dietro l'editore di quel quotidiano. Non è difficile immaginare che gli interessi della grande industria del nord si siano saldati con quelli di un editore emiliano, quindi dichiaratamente comunista, come Guanda, e in questo porto delle nebbie sia finita la verità su un tema scottante come gli intrecci fra mafia e politica. Inoltre, io non conosco personalmente Ranieri Polese, ma probabilmente è ebreo. O musulmano. O entrambe le cose. Non me ne meraviglierei, e questo sarebbe la conferma definitiva di tutti i miei sospetti. Insomma, mi pare chiaro che ci troviamo di fronte a un... Ok, ok, lasciamo perdere.

Condividi su:Condividi su: 
 Facebook  Twitter  Myspace  Google  Delicious  Digg  Linkedin  Reddit
Ok Notizie  Blinklist  Zic Zac  Technorati  Live  Yahoo  Segnalo  Up News

Roberto Alajmo | 12/03/2008

Letto [7288] volte | permaLINK | RECENSIONI  



  << LAVORATORI DI TUTTO IL MONDO, RIDETE

DA  >>