Questo sito utilizza cookie personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito.
Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta l'Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie.


OK  INFORMATIVA  



Vai ai COMMENTI...

Ultimi commenti

Ciao Gippe. Mi farą piacere vederti....
.:Roberto Alajmo | @:.
.:09/06/2017 | 22:37:34:.

Ciao Roberto,

Ho visto che la prossima...

.:gippe | @:.
.:09/06/2017 | 10:14:19:.

Questo dico: in Italia a ribellarsi contro...
.:Roberto Alajmo | @:.
.:07/06/2017 | 11:55:19:.

Per evitare che Antigone possa essere considerata...
.:Maria D'Asaro | @:.
.:06/06/2017 | 19:43:26:.

Grazie Maria. Ogni tanto dubito che ci sia...
.:RA:.
.:17/05/2017 | 12:06:03:.

Vai ai COMMENTI...



Menu riservato:

il forum di Roberto Alajmo, scrittore





MEGLIO POCHI MA BUONI

Mica č detto che la bassa affluenza alle urne sia un sintomo di crisi democratica. La disaffezione senz’altro č crescente, ma forse ha motivazioni diverse da quelle che a prima vista possiamo immaginare.
Un'ipotesi č che la massa delle astensioni sia frutto di una scarsa motivazione non tanto ideologica, quanto piuttosto legata al tornaconto personale. Il voto di scambio, nelle sue diverse gradazioni, č stato messo in crisi dalla carestia di risorse, magari anche dall’inverosimiglianza delle promesse gratuite fatte in campagna elettorale.
In parole povere: non puoi pagarmi? E io non ti voto.
La flessione del numero dei votanti potrebbe essere frutto di questo tipo di disaffezione: e viva.
Saremmo di fronte a un sistema di autoregolazione della democrazia, capace di fare emergere il voto d’opinione a scapito di quello legato alla convenienza personale.

Condividi su:Condividi su: 
 Facebook  Twitter  Myspace  Google  Delicious  Digg  Linkedin  Reddit
Ok Notizie  Blinklist  Zic Zac  Technorati  Live  Yahoo  Segnalo  Up News

Roberto Alajmo | 14/06/2017

Letto [1569] volte | permaLINK | PENULTIM'ORA  



  << REMIX: LA RIVOLUZIONE MIOPE

REMIX: I MORSI DELLA GUERRA >>