Questo sito utilizza cookie personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito.
Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta l'Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie.


OK  INFORMATIVA  



Vai ai COMMENTI...

Ultimi commenti

Caro Diego, il pessimismo della ragione è...
.:Roberto Alajmo | @:.
.:03/03/2017 | 07:56:40:.

Perfetta analisi e, come sai, sogno che in...
.:Diego | @:.
.:02/03/2017 | 06:30:38:.

Grazie della stima, cara Marina. Ci tornerò...
.:Roberto Alajmo | @:.
.:02/02/2017 | 23:23:32:.

Lo sai cosa penso a volte?
Penso che...

.:Marina:.
.:02/02/2017 | 14:02:19:.

I neo-cafoni sono di più che una categoria....
.:Roberto Alajmo | @:.
.:15/12/2016 | 14:25:50:.

Vai ai COMMENTI...



Menu riservato:

il forum di Roberto Alajmo, scrittore





IL CONTRARIO DI CORTESEMENTE

Capita di ascoltare sempre più di frequente espressioni del tipo:
- Puoi cortesemente chiudere la finestra?
- Può cortesemente indicarmi la strada per...?
- Cortesemente, un caffè.
Riflettendoci bene, preso alla lettera, ciascun esempio significa:
- Chiudi la finestra senza sbatterla.
- Mi indichi senza inveire la strada per...
- Mi serva un caffè senza sbatterlo sul bancone.
L'avverbio cortesemente, come anche gentilmente, ha insomma subito uno smottamento radicale di senso. Lo si adopera per edulcorare l'enunziato di chi parla e non, come sarebbe logico, per indicare una modalità di gentilezza da parte dell'interlocutore.
Cortesemente, ha soppiantato il per favore.
Ma adoperato così, è come se si presupponesse una villania della persona a cui ci stiamo rivolgendo. E quindi poco cortese è innanzi tutto chi si azzarda anche solo a pronunciare, sia pure con le migliori intenzioni, la parola cortesemente.

Condividi su:Condividi su: 
 Facebook  Twitter  Myspace  Google  Delicious  Digg  Linkedin  Reddit
Ok Notizie  Blinklist  Zic Zac  Technorati  Live  Yahoo  Segnalo  Up News

Roberto Alajmo | 13/04/2017

Letto [2581] volte | permaLINK | PENULTIM'ORA  



  << LA SCUOLA ADOTTA UNO SCRITTORE, TORINO 2017

REMIX: ESSERLO O NON ESSERLO >>