BUON-ANNIVERSARIO

Una volta, grazie all’ospitalità della figlia Annamaria, sono stato nello studio che fu di Leonardo Sciascia. A Racalmuto, dove scriveva tutti i suoi libri.
Ho toccato il dorso dei volumi della biblioteca, ho osservato le stampe che aveva voluto tenere più vicine a sé.
Sul tavolo c’era ancora la sua Olivetti, col nastro ormai secco di inchiostro.
Grande emozione.
A un certo punto Annamaria doveva allontanarsi e io ho chiesto il permesso di sedermi alla sua scrivania. Lei ha sorriso.
Allora mi sono seduto, ho acceso il mio portatile e, sfiorando il sacrilegio, mi sono messo a scrivere queste inutili righe.



Roberto Alajmo | 08/01/2021 | Letto [3386] volte

Clicca per stampare Clicca per stampare
< TORNA AL FORUM