IL-PORTENTOSO-CULO-DI-PAOLO-ROSSI

(Da "1982 - Memorie di un giovane vecchio", editore Laterza)
(…) Graziani, detto il Generoso Graziani, fa coppia fissa in attacco con Paolo Rossi, detto il Volenteroso Paolo Rossi. È difficile stilare classifiche in proposito, ma non è azzardato affermare che mai una coppia d’attacco è risultata meno entusiasmante, almeno a priori. Il Volenteroso, in particolare, nel corso delle prime tre partite, si aggira in prossimità delle aree avversarie con le movenze e i risultati di un’anima in pena. L’Italia intera ne rivendica l’esilio, oltre che l’immediata sostituzione al centro dell’attacco.
(…)
Il Brasile è una squadra formata da undici architetti, ciascuno in grado di costruire un tempio di Diana a Efeso, e l’Italia da altrettanti Erostrati, capaci di passare alla storia solo in virtù della loro capacità distruttiva.
(…)
Il più Erostrato di tutti risulta essere proprio il Volenteroso Paolo Rossi, che dopo aver giocato quattro partite in forma di cataplasma, inaugura proprio contro il Brasile uno stato di grazia che ha tutte le sembianze dell’evento miracoloso. Non che giochi meglio di prima. Assolutamente no. Ma a partire da quel momento, improvvisamente si trova a dispiegare un culo portentoso, come mai altri se ne sono visti sui campi di pallone. Rossi vaga all’apparenza senza costrutto in area di rigore, e i palloni vanno a sbattergli addosso a casaccio, su tutte le parti del corpo. E finiscono in rete.
(…)



Roberto Alajmo | 10/12/2020 | Letto [2045] volte

Clicca per stampare Clicca per stampare
< TORNA AL FORUM